Notte incredibile

87Report
Notte incredibile

Notte incredibile

Qual è stata la tua notte o il tuo giorno di sesso più incredibile? Cosa lo ha reso così fantastico? Questo è mio, quattro anni fa.

Quando ho comprato il mio duplex nei sobborghi di Minneapolis, significava che sarei rimasto qui per un po' e ne ero davvero felice. Una giovane coppia sposata poco più che ventenne stava affittando l'altra parte del duplex.

Avevo appena compiuto trentadue anni e mi sentivo già una generazione avanti a loro. Ho organizzato una piccola festa per conoscere i vicini e si sono presentate una ventina di persone. La maggior parte aveva figli, e sembrava che tutti fossero dalla parte dei giovani, per lo più dai venti ai quaranta. Ho trovato la coppia sposata; vivere accanto a me aveva già problemi coniugali. La "ragazza" nella loro collaborazione era una stronza totale. Si chiamava Teresa, una bella rossa con le gambe lunghe e un bel culo. Suo marito, Albert o "Big Al", come lo chiamavano i vicini, era un ragazzo davvero simpatico e piacevole da guardare. Era alto circa un metro e ottanta, aveva i capelli ondulati color corvino e una bella corporatura. Non appena Al si è complimentato con me per il mio aspetto, Teresa gli è stata addosso e si è comportata come se fossi un pericolo per il loro felice matrimonio. Presto avrei scoperto perché Teresa era una tale stronza.

Le pareti di questo duplex erano piuttosto sottili perché potevo sentire debolmente quei due urlarsi addosso nelle notti brutte, o fare l'amore con quelle buone. Sapevo che le nostre camere da letto erano l'una accanto all'altra. Teresa ha lavorato in un ospedale locale come assistente dell'amministratore dalle nove alle cinque, e indossava le mode più alla moda. Al ha lavorato su turni in un impianto di produzione. Dopo un mese di vita lì, mi sono accorto dell'infedeltà di Teresa. Ogni volta che Al faceva il turno al cimitero il sabato sera, sentivo che Teresa aveva compagnia. E la cosiddetta compagnia la stava fottendo a morte. O era molto bravo o molto dotato, o forse entrambe le cose. Era decisamente più rumorosa con questo ragazzo misterioso che con suo marito, Al.

Ho lasciato che andasse avanti per un paio di mesi finché Al non mi ha chiesto se stava succedendo qualcosa quando stava facendo il turno al cimitero. Sapevo che aveva paura di sentire la verità, ma avevo un'idea.

Ho suggerito al prossimo turno di sabato sera al cimitero, che Al si prendesse un giorno di vacanza, senza dirlo a Teresa e nascondendosi a casa mia. Allora avrebbe potuto testimoniarlo di persona. Dopo alcune settimane, il piano prese forma e fui moderatamente eccitato da ciò che la notte riservava.

Al è andato al lavoro verso le dieci in questa calda notte d'estate, mentre una luna piena illuminava il cielo notturno. C'era un silenzio mortale, solo qualche grillo cinguettava e ogni tanto si sentiva il clacson. Alle undici e mezzo circa, la compagnia di Teresa si presentò. Era un ragazzo dall'aspetto medio, sulla trentina. Bussò una volta e lei lo fece entrare molto velocemente. Dieci minuti dopo, un taxi ha lasciato Al, alla fine del viale, e lui si è intrufolato rapidamente a casa mia. Gli ho detto di entrare. Mi ha chiesto se qualcuno si fosse già presentato. Ho descritto il ragazzo come meglio potevo, e non ha suonato un campanello per Al. Siamo andati nella mia camera da letto e ci siamo seduti al buio sul bordo del mio letto aspettando che lo spettacolo iniziasse.

Abbiamo fatto qualche chiacchiera per un po', poi abbiamo sentito un gemito udibile da Teresa, seguito rapidamente da un forte, "Gesù Cristo!" Avevo la luce del bagno accesa e potevo vedere il viso di Al diventare completamente vuoto. Poi l'abbiamo sentita piagnucolare, gemere e grugnire. Tutti i segni di una donna che viene "scopata". Ho fatto suoni così quando sono uscita con questo ragazzo che ne aveva uno grosso. Tutto quello che ha fatto è stato "scopare", non molto divertente per la donna. Tanto dolore e poco piacere. E la figa di Teresa veniva sbattuta forte. Forse lei preferiva così, pensai. Poi Al si è rivolto a me: "Questo spiega perché a volte è così sciolta e sciatta", mentre guardavo Al, ero triste per lui e ho sentito questo bisogno di baciarlo e l'ho fatto.

Sapevo che voleva dare una bella martellata alla moglie traditrice e al suo amante. L'ho supplicato di restare con me e ho continuato a baciarlo. Mi ha baciato con una passione cruda. Premendo leggermente le sue labbra contro le mie, mentre la sua mano esplorava dolcemente la mia felpa. La sua lingua vivace sfiorò i denti e trovò il modo di ballare con la mia. Mi distesi lentamente sul letto tirandolo sopra, sentendo il suo sedere provocatorio e strofinando il mio inguine contro il suo cazzo duro come la roccia. Non potevo credere a quanto fossi eccitato.

Ci stavamo dando piacere a vicenda con uno scopo sensuale mentre sua moglie si faceva distruggere la figa in fretta e furia come un cane. Ci siamo fermati brevemente quando abbiamo sentito la compagnia di Teresa sgattaiolare fuori dalla porta principale, andandosene. "Oh Dio, sei bellissima", sussurrò e si inginocchiò sopra di me, tirandomi giù lentamente i pantaloni della tuta.

Ho tirato la sua maglietta sopra la sua testa e l'ho lanciata attraverso la camera da letto e ho iniziato a respirare pesantemente quando il suo viso ha trovato la mia figa umida. Era chiaro che non aveva fretta e ha iniziato a torturarmi con la sua lingua dotata. Tutto il mio corpo tremava e la coperta sotto il mio sedere si stava strizzando per la sua attenzione mentre lo spingevo a malincuore via e gli slacciavo i jeans mentre si inginocchiava davanti a me. Li ho tolti e gli ho strappato i pantaloncini da fantino liberando il suo cazzo solido come una roccia. In quel momento, non ho mai voluto il cazzo di un uomo più di quanto volevo il suo. Di taglia molto media, ma sapevo che voleva darmi il miglior sesso che abbia mai fatto.

Non ero stato posato per un po', quindi ero più che pronto per questo.. Ho raggiunto il suo cazzo mentre mi teneva il viso tra le mani. Le sue gambe tremavano mentre lo accarezzavo lentamente e gli prendevo a coppa le palle mentre guardavo nei suoi occhi verdi; Ho cominciato a leccare la testa. La mia figa aveva bisogno di essere farcita; Avevo bisogno del suo cazzo, ma ho deciso che sarebbe stato lui a occuparsi di quell'episodio mentre ero insieme per la corsa della mia vita.

Ho leccato e succhiato la testa mentre accarezzavo la sua bella asta e gli stringevo il culo. Ho assaggiato un po' di sperma e ho iniziato a rallentare, "No, non fermarti", ha supplicato, "Posso venire più di una volta". E ha proceduto ad andare di faccia nella mia figa e si è girato in modo che potessi succhiarlo dal basso. Mi aveva sull'orlo dell'orgasmo; la sua lingua ha seguito i contorni della mia figa bagnata, ancora e ancora. Poi ha sfiorato leggermente il mio clitoride duro con la parte inferiore morbida della sua lingua talentuosa. È bastato questo e me ne sono andato. Il cazzo nella mia bocca ha attutito le mie urla di estasi, ma ero decisamente abbastanza forte da far sentire la sua piccola Teresa.

Immagino che il mio climax sia stato sufficiente per Al, dato che ero in preda a un orgasmo irreale, il suo cazzo ha iniziato a contrarsi e ha rilasciato un torrente caldo di sperma denso che mi ha colpito la parte posteriore della gola. Deglutii il più velocemente possibile, ma il suo volume era troppo per me. Ho continuato a succhiare e accarezzare il suo cazzo mentre si riversava nella mia bocca e iniziava a colarmi dal mento sul collo. Ho sentito più del suo seme caldo mentre scorreva verso il mio orecchio. Salato e un po' amaro, ho continuato a mungere il suo cazzo ed è rimasto molto increspato. Il mio nuovo amante si voltò sopra di me e si preparò ad entrare in me.

Stavo già venendo mentre lui strofinava il suo cazzo su e giù per la mia figa liscia, avvolgendo le mie braccia e le mie gambe intorno a lui, ha mandato qualche centimetro dentro. Ho cercato di stare zitto ma era inutile, era tutto troppo erotico per me. Ho avuto un orgasmo straziante dopo l'altro e non aveva ancora nemmeno iniziato ad accarezzarmi la figa. Il suo organo sembrava una misura perfetta e la mia voce lo ha confermato a sua moglie. Sapevo che stava ascoltando contro il muro. Ricordo di aver urlato: "Oh Dio!" ancora e ancora mentre pompava lentamente quei pochi centimetri magici dentro e fuori. Non ha mai lasciato andare la mia faccia mentre mi pompava nel paradiso dell'orgasmo, baciandomi intorno al collo, al seno, alle orecchie e alle labbra.

Ha fatto l'amore con me per due ore di fila. Ero quasi esausto per aver avuto così tanti orgasmi violenti. Non ho idea di quanti ne ho avuti quando alla fine ha inondato la mia figa con più sperma che abbia mai avuto. Mi ritrovai in ginocchio davanti a lui con la testa su un cuscino. Mi stava pompando da dietro ora e con più intensità. Ho guardato la mia figa gocciolante, le sue palle che rimbalzavano sul mio clitoride. Aveva una presa salda sui miei fianchi mentre grugniva e gemeva mandando il suo cazzo in profondità per l'ultima volta. Ansimai venendo di nuovo e lo sentii riversarsi dentro di me. Continuava a pompare sperma, sempre di più. Ho guardato mentre iniziava ad accarezzare lentamente il suo cazzo dentro e fuori. Lunghe gocce di sperma iniziarono a cadere dalla mia figa sulla mia coperta. Alla fine crollò su di me, sudando e ansimando. Ci siamo abbracciati a lungo, carezzandoci e baciandoci. Sapevamo entrambi che sarebbe stata una notte incredibile e che sarebbe stata l'unica che avremmo condiviso.

In una nota, sua moglie Teresa aveva chiamato dove lavorava quella notte in cui era con me e il capo le aveva detto che aveva usato un giorno di vacanza. Teresa non ha più riavuto indietro il suo ragazzo misterioso. Forse potrebbe annusare la mia figa su tutto il suo fantastico cazzo, quando è tornato a casa. Dopotutto è diventata una vicina molto carina.

Storie simili

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

62 I più visti

Likes 0

Il Ristorante_(3)

Il ristorante il mio nome segna e questi sono alcuni dei miei exploit sul lavoro. Im nero 5-7 un pò paffuto ma muscoloso allo stesso tempo. ho muscoli duri sotto un piccolo strato di grasso anche se lavoro sempre sul mio stomaco che è solo leggermente ingabbiato dalla birra. era sabato mattina ed ero di nuovo in ritardo 2 di lavoro, sono entrato nel parcheggio e sono entrato al lavoro. Non che a nessuno importi mai quando mi presento, purché mi presenti. A destra del pipistrello mi sono imbattuto in jeans awwh merda questo fa schifo Jenal è indiana e ha...

29 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.