Yvonne dopo Steve:"L'idraulico e la squadra di rugby

682Report
Yvonne dopo Steve:

Abbiamo interrotto la prima storia di Steve e Yvonne dopo che Yvonne ha parlato con i bambini e ha detto a suo marito, Rob, che sarebbe stata schiava del sesso per cinque mesi interi. Yvonne e Steve tornarono in cucina per una tazza di tè e Steve disse "Cinque mesi? Sei davvero pronto a vivere qui con me per cinque mesi?"

Yvonne ha risposto "Se mi avrai così a lungo." Steve sorrise e disse: "Torniamo a letto con te prima che tu cambi idea". La sua risposta fu irriverente: "Cosa c'è che non va nel tavolo della cucina?" Si alzò, poi si sedette sul tavolo e si appoggiò sui gomiti permettendo alla camicia di Steve di aprirsi esponendo il suo seno. Steve si alzò, le afferrò la vita delle mutandine e le tolse. Proprio mentre stava per immergere il suo cazzo nella sua figa bagnata e in attesa, disse

"Ti dispiace se ti faccio una domanda?" Yvonne rispose

"Chiedimi qualunque cosa." Steve poi disse

"Hai mai pubblicato storie pornografiche su Internet?"

Potresti voler leggere la storia completa, "Yvonne" di Steve Briton prima di leggere la quarta puntata successiva. Le puntate due e tre ("Yvonne e Steve vanno in Messico (Hidden Beach)" e "Yvonne e Steve in Florida (Haulover e Trapeze)" non sono ancora state pubblicate. Se le recensioni di quanto segue sono favorevoli, le pubblicherò.

I cinque mesi sono volati. Yvonne manteneva il suo lavoro in ufficio e vedeva i suoi figli ogni sabato pomeriggio e ogni mercoledì sera, tranne quando lei e Steve erano in viaggio. Vedeva Rob raramente e parlava con lui il meno possibile. Quando ha parlato con Rob, lo ha tormentato con taglienti frecciate e commenti sul fatto che l'avesse scommessa e che fosse stato venduto come schiavo del sesso in pagamento dei suoi debiti di gioco. "Sì, mi scopa tutti i giorni." "Sì, il suo cazzo è un po' più grande del tuo, ma non così grande da farmi male."

Steve trattava Yvonne come una regina. Giocavano regolarmente a tennis e si allenavano insieme in palestra. Yvonne perse ogni grammo in più che avesse mai guadagnato e presto ebbe il corpo di una donna che aveva la metà dei suoi anni. Steve le ha dato i soldi per farsi fare i capelli e le unghie. Steve ha comprato un sacco di bei vestiti per Yvonne. Completi attillati e sexy da palestra, abiti professionali da indossare al lavoro, una donnola malvagia per la spiaggia e un monokini quasi trasparente per le loro vacanze al mare. Facevano l'amore spesso e Yvonne aveva quasi sempre almeno tre (o più) orgasmi. Mentre i cinque mesi si avvicinavano alla fine, Yvonne lottava con cosa fare. Con Rob e i bambini che pensavano che fosse stata venduta come schiava del sesso per cinque mesi, non sapeva come "veralizzare" la sua storia. Come poteva spiegare ai ragazzi che viveva volontariamente con un uomo che amava? Un uomo che aveva pagato 200.000 sterline per avere il diritto di averla come schiava sessuale per un giorno e poi liberarla senza alcun obbligo? Che era rimasta con Steve perché era quello che voleva fare. Yvonne era preoccupata per i suoi figli e i suoi sensi di colpa crescevano di giorno in giorno, di ora in ora. Rob l'ha implorata di perdonarlo, l'ha implorata di provare a rimettere insieme il loro matrimonio.

Alla fine, il giorno in cui la sua finta servitù sarebbe finita, Yvonne disse a Steve: "Dobbiamo parlare. Steve. Devo dirti una cosa, per cercare di spiegarti cosa devo fare. Oh, Steve, lo sai che ti amo. Tu "Mi hai trattato meglio di chiunque altro in tutta la mia vita. Forse sono stupida, forse è perché mi hai fottuto il cervello così meravigliosamente bene", ha detto con una mezza risata. "Oh, Steve! Se non fosse stato per i bambini... dannazione. Mi sento in colpa per aver abbandonato il mio matrimonio, in colpa se ti abbandono, in colpa se non torno alla mia vecchia vita di moglie e madre. Sono infelice."

Steve ascoltò a lungo mentre Yvonne continuava a parlare. Alla fine disse "Yvonne, fai quello che ritieni sia meglio, qualunque cosa tu debba fare". Alla fine Yvonne gli disse che doveva tornare alla sua vecchia vita, che non aveva scelta, che era obbligata. Steve la rassicurò "Yvonne, ti amo. Ti amo abbastanza da stare con te per sempre e ti amo abbastanza da lasciarti andare. Ma devi capire che non posso vivere come uno yo-yo. Se mi lasci, "Se torni da Rob, è definitivo. Non posso sopportare di aspettare di scoprire se funzionerà per te e tuo marito o no, aspettare di sapere se tornerai da me. Se te ne vai, è finita" ."

Yvonne piangeva e piangeva. Steve la tenne dolcemente tra le braccia, poi la baciò sulla fronte e Yvonne andò alla macchina, senza mai voltarsi indietro mentre Steve la guardava andare. Steve si sentiva più vuoto di quanto non lo fosse mai stato da quando Nancy era morta più di un anno e mezzo prima. Yvonne pianse per tutto il viaggio verso casa. Parcheggiò a un isolato di distanza da casa sua, si asciugò gli occhi e cercò di ricomporsi. Alla fine percorse lentamente l'ultimo isolato, parcheggiò ed entrò in casa. Rob era al tavolo della cucina.

"Ciao" disse Yvonne.

Rob rispose "Ciao, Yvonne. Come stai?" Si impegnarono in chiacchiere per un po', ma era come se si conoscessero a malapena. Non c'era alcuna connessione emotiva. I bambini erano fuori con gli amici. Dopo un po' accesero la televisione e guardarono in silenzio una vecchia replica. I ragazzi sono tornati a casa e hanno trascorso qualche minuto con Yvonne prima di andare nelle loro stanze per parlare con gli amici e navigare in rete. Yvonne fece finta di niente sentendosi vuota e sola anche quando Rob e i bambini erano nella stanza. Giorno dopo giorno, settimana dopo settimana Yvonne ha vissuto ogni giorno proprio come il giorno in cui è tornata a casa. Poi un venerdì sera il lavello della cucina si è intasato.

"Rob, l'acqua non scende nel lavandino. È intasato."

"Yvonne, sai che non sono bravo nelle riparazioni domestiche, soprattutto idrauliche. Chiama semplicemente un idraulico", ha risposto Rob. Yvonne chiamò sei idraulici prima di trovarne uno che potesse venire il giorno successivo. Quando arrivò l'indomani, Rob era fuori alla riunione anonima dei suoi giocatori d'azzardo e i bambini erano fuori con gli amici. Suonò il campanello e Yvonne aprì e trovò un uomo grasso, con la barba lunga, in una tuta unta, con un bel giovane in pantaloncini al suo fianco.

"Hai chiamato un idraulico, mamma?"

"Sì" rispose Yvonne. "È il lavello della cucina, qui." Li condusse attraverso la casa fino alla cucina. L'uomo più giovane aveva con sé una cassetta degli attrezzi. L'uomo più anziano guardò sotto il lavandino e grugnì.

"Dai, ragazzo. Sarò nel camion a fumare." disse l'uomo più anziano mentre tornava alla porta d'ingresso. L'uomo più giovane posò la cassetta degli attrezzi e si sedette sul pavimento. Non era molto più vecchio del figlio di Yvonne, ed era carino quanto poteva essere. Aveva un sorriso da ragazzino e una fossetta sulla guancia. Si sdraiò sulla schiena e si dimenò sotto il lavandino.

"Hai un secchio o una padella a portata di mano, mamma?" Disse il giovane. "Potrei andare al camion e prenderne uno."

Yvonne ha detto "No. Voglio dire, sì, ho un secchio, non è necessario che tu vada al camion." Yvonne andò a prendere un secchio e lo passò al giovane. I suoi pantaloncini erano corti e mentre si dimenava si avvicinavano e le sue palle si rovesciavano fuori. Sembrava non accorgersene, quindi Yvonne non disse nulla. Dannazione. Aveva le palle grosse. Yvonne e Rob avevano provato a fare l'amore qualche volta. Era superficiale e insoddisfacente per Yvonne. Non si era resa conto di quanto fosse arrapata finché non ha visto quelle bellissime palle giovani che pendevano dalle gambe dei pantaloncini del giovane idraulico. Yvonne era senza parole. Lei semplicemente guardò e si leccò le labbra.

L'idraulico cominciò a parlare. "Sono solo un apprendista. Il signor Smith, è il maestro idraulico. Gli pagherai il prezzo del libro per questo lavoro. Ispezionerà il mio lavoro dopo che avrò finito e poi ti scriverà una fattura. Ho altri due anni prima di ottenere la certificazione." Yvonne si limitò a fissare le giovani palle che uscivano dai pantaloncini del giovane e cercò di smettere di tremare. Alla fine si scusò e andò in camera sua a cambiarsi d'abito.

Nella sua camera da letto Yvonne si passò una spazzola tra i capelli e applicò velocemente un po' di rossetto. Poi si tolse i jeans larghi e la maglietta e indossò il suo completo da palestra sexy. I pantaloncini attillati accentuavano il suo sedere ed erano abbastanza corti da mostrare un po' di chiappe. Indossò una canottiera sottile, senza reggiseno e si guardò allo specchio. I suoi capezzoli erano duri e la parte superiore sottile lasciava le sue cavità ben visibili. Tornò in fretta in cucina, un po' senza fiato e arrossata. "Sono tornata" annunciò.

Il giovane uscì da sotto il lavandino, la guardò e un'espressione sorpresa balenò sul suo volto. I suoi occhi andarono dritti alle sue tette e la sua bocca si spalancò. Balbettò: "Bene, signora, è finito. Temo che il prezzo del libro sia di un'ora e mezza, ed è quello che ti fatturerà il signor Smith, anche se mi ci sono voluti solo venti minuti per sistemarlo."

"Venti minuti?" Yvonne ha detto. "Il signor Smith probabilmente non ha nemmeno finito la sigaretta. Vuoi del tè prima di andare?" Il giovane sorrise e scosse la testa. Yvonne si mise a preparare il tè. Il giovane era seduto al tavolo della cucina.

"Mi chiamo Collin, mamma. È molto carino da parte tua offrirmi il tè. Come apprendista faccio tutto il lavoro, il signor Smith prende tutti i soldi. Mi tiene piuttosto occupato tutto il giorno."

"Non devi chiamarmi 'Mamma, mi chiamo Yvonne." Lei gli sorrise, poi versò l'acqua calda nel bollitore del tè. Prese due tazze e due piattini dall'armadietto e camminò dietro Collin, poi si allungò sopra di lui per mettergli la tazza davanti, sfiorandogli la spalla destra con la tetta sinistra. L'elettricità correva dal capezzolo direttamente al clitoride. Riusciva a malapena a credere a quello che stava facendo. Portò il bollitore del tè sul tavolo e di nuovo, mentre passava dietro a Collin, si appoggiò alla sua schiena e gli trascinò le tette sulla spalla. La sua canotta aveva spalline piuttosto sottili e buchi per le braccia molto grandi. Mentre Yvonne girava intorno al tavolo e si chinava per versare il tè nella sua tazza, si trovava un po' di traverso rispetto a Collin. Aveva una visione laterale della sua tetta sinistra attraverso il buco della manica della sua canottiera. Collin pensava che fosse la MILF più sexy che avesse mai visto.

Yvonne si sedette di fronte a Collin e iniziarono a chiacchierare. Gli chiese del suo lavoro e di cosa facesse oltre al lavoro e se avesse o meno una ragazza. "No, non adesso. Ne avevo una, ma lei è andata all'università e si è fidanzata con un ragazzo lì." Lui ha spiegato. Collin ha poi iniziato a parlare di Rugby.

"Ti piace guardare il rugby?" chiese Yvonne.

"No, mamma, intendo Yvonne. Mi piace GIOCARE a rugby.

"Oh, fai parte di una squadra?" lei chiese.

"No, "ma...Yvonne. Non esattamente. Voglio dire, abbiamo una squadra, ma non è formale. Sono solo alcuni dei miei compagni. Ci chiamiamo la "T" per i Commercianti e giochiamo contro un'altra squadra informale chiamata "P's" perché hanno frequentato tutti la scuola pubblica e l'università. Io e i miei compagni siamo tutti commercianti e apprendisti, ragazzi che lavorano. Le "T" sono per lo più professionisti, avvocati, architetti, insomma, ragazzi che non sudano né si sporcano sul lavoro. Ci incontriamo la domenica al parco, a meno che non piova. Perché non vieni a fare il tifo per noi qualche volta? E dopo la partita andiamo tutti al pub dove la squadra perdente offre un giro alla squadra vincente. Ti piacerebbe questo?"

Yvonne disse "Sì. Penso che mi farebbe piacere. Puoi darmi il tuo numero così posso chiamarti in anticipo per assicurarmi di avere l'orario e il posto giusto?" Lei si alzò, prese carta e matita e, ancora una volta, si sporse sopra la sua spalla da dietro premendogli le tette contro la schiena, posò il foglio davanti a lui sul tavolo mentre gli parlava dolcemente all'orecchio. "Ehi, scrivimelo lì. OK.?"

Collin allungò la mano dietro di sé e fece scorrere la mano lungo l'esterno della gamba di Yvonne, poi di nuovo su, spostando lentamente e gradualmente la sua mano dall'esterno della gamba all'interno della coscia. Yvonne tremò appena un po', poi sussultò quasi impercettibilmente quando la mano di Collin raggiunse il suo inguine caldo e bagnato. Poi sussurrò all'orecchio di Collin in tono umido: "Anche il tuo indirizzo". mentre gli leccava l'orecchio e poi lo mordeva delicatamente. A questo punto Yvonne era quasi completamente fuori controllo. Allontanò la sedia di Collin dal tavolo, si mosse per guardarlo di fronte, poi gli si mise a cavalcioni e si sedette sulle sue ginocchia di fronte a lui. Lo baciò, a bocca aperta, e iniziò a strofinare la figa contro il suo cazzo duro come la roccia. Lei si abbassò e sbottonò l'unico bottone in cima ai pantaloncini di Collin, abbassò la cerniera e tirò fuori il suo cazzo. La figa di Yvonne pulsava mentre si toglieva i pantaloncini e afferrava il cazzo di Collins e si infilava in se stessa. Si stava muovendo su e giù sul cazzo di Collin mentre Collin le tirava su la canottiera sopra la testa. Lo lanciò attraverso la cucina e iniziò a succhiarle la tetta sinistra. Erano entrambi in delirio.

Collin si alzò con Yvonne impalata sul suo cazzo, poi la fece sedere sul tavolo della cucina, la fece sdraiare sulla schiena e allargò le gambe, per tutto il tempo senza mai toglierle il cazzo né perdere un colpo. Mentre Collin si metteva a scopare rapidamente Yvonne, sdraiata sul tavolo della cucina, con le gambe divaricate, lei urlava "Oh, Steve, fottimi!" Yvonne, inorridita, si rende conto di quello che ha detto. Aveva chiamato Collin Steve. Aveva sentito? Gli importava? Collin continuava a battere come un martello pneumatico. Yvonne riprese il ritmo e sentì il suo orgasmo crescere. Collin aveva di nuovo la bocca sulla sua e lei tirò fuori la lingua. Collin poi diede a Yvonne la sua lingua che lei succhiò in bocca. Il passo di Collin accelerò. Yvonne sapeva che era vicino, poi urlò e lei sentì getto dopo getto del suo sperma caldo esplodere dentro di lei. Lei gemette e piagnucolò mentre tornava dal suo primo buon orgasmo da quando aveva lasciato Steve. Il passo di Collin rallentò. Erano entrambi senza fiato. Collin tirò fuori lentamente, facendo gocciolare l'ultimo sperma sul pavimento dove si mescolò con i succhi che fuoriuscivano dalla sua fica completamente scopata. I pantaloncini di Collin erano attorno alle sue caviglie. Li tirò su, infilando via il cazzo. Yvonne rimase semplicemente sdraiata sul tavolo della cucina, sorridendo maliziosamente.

"Bene, mamma. Penso di essermi occupato del tuo problema idraulico, almeno per il momento. Sarà meglio che vada a chiamare il signor Smith così potrà firmarlo." Ha detto Collin. "Hai il mio numero, quindi puoi chiamarmi se hai ancora bisogno di qualcosa." Lui sorrise, prese la sua cassetta degli attrezzi e se ne andò. Yvonne tornò di corsa nella sua camera da letto e si rimise rapidamente i vestiti che aveva indossato prima dell'arrivo dell'idraulico. Smith rientrò senza Collin e guardò sotto il lavello della cucina, poi le porse un conto che Yvonne pagò in contanti. Circa un'ora dopo Rob tornò a casa.

"L'idraulico è arrivato qui?" chiese Rob.

"SÌ." rispose Yvonne. "Si è preso cura di tutto."

Domenica dopo colazione Yvonne disse a Rob e ai bambini "È una bella giornata. Andiamo tutti a fare qualcosa all'aperto". Rob gemette con un'espressione addolorata sul viso. I bambini le hanno semplicemente rivolto "Lo sguardo" che i bambini danno ogni volta che i loro genitori suggeriscono qualcosa che li allontana dai loro amici. Yvonne allora disse;

"Beh, è ​​una giornata troppo bella per restare a casa a guardare la televisione. Io esco." Lavò i piatti e fece una doccia, indossando con cura il suo completo da palestra più sexy, quindi indossando la tuta ampia sopra la tuta da ginnastica. Mentre usciva di casa disse abbastanza forte perché tutti potessero sentirla

"Io vado, sicuro che non vuoi unirti a me per una giornata al parco o da qualche altra parte?"

Una volta in macchina Yvonne guardò il pezzo di carta su cui Collin aveva scarabocchiato il suo indirizzo e i suoi numeri di telefono. Pensò di chiamare, poi decise di presentarsi al parco. Dopo aver parcheggiato si è tolta la tuta larga ed è scesa dall'auto indossando il suo completo da palestra più sexy, ma con un reggiseno sportivo sotto la canotta. Ha trovato la strada per la zona dove i dilettanti giocano a rugby. In campo c'erano due gruppi di giovani. Un gruppo indossava uniformi, almeno camicie abbinate, oro e blu e decorate con una grande "P" ricamata professionalmente sul retro. L'altro gruppo di giovani indossava un miscuglio di jeans logori, pantaloncini, stivali da lavoro, scarpe da ginnastica malconce, felpe e magliette. Ognuno aveva una grande "T" sul retro della maglietta, dipinta o forse scarabocchiata con un pennarello magico. Le "P" avevano tutte tagli di capelli costosi ed erano ben rasate o avevano baffi ben curati. Le "T" avevano barbe ispide o escrescenze di 3 giorni, capelli piuttosto lunghi e un aspetto piuttosto straccione. Yvonne si sedette e ascoltò le battute.

"Ehi, stronzo, hai preso in prestito quegli stivali da lavoro da tua madre?" urlò uno dei P.

"Fock you, ricco, viziato coglione" ha risposto un T. Le battute andavano avanti e indietro mentre calciavano la palla. Dopo un po' divenne evidente che le T non erano veramente amare o piene di odio, ma semplicemente giocose. I P, d'altra parte, a volte erano davvero cattivi, dispettosi e sembravano davvero stronzi viziati. Alla fine si presentò un uomo più anziano che indossava una maglietta spogliata. Le squadre si squadrarono e la partita iniziò sul serio. I P si passavano la palla avanti e indietro, calciandola rapidamente in modo coordinato ed esperto. I T erano più come una folla, che urlava e caricava. I P avevano la finezza, i T la forza bruta e la determinazione, caricavano come una folla di maniaci. Su e giù per il campo la palla veniva calciata. Ogni tanto una squadra o l'altra segnava un gol. Era incredibile come la forza bruta dei T e l'abilità e la tecnica dei P si bilanciassero. Erano quasi uguali. Alla fine, alla fine, i T's avevano vinto con un gol.

Collin si avvicinò a Yvonne e le disse: "Sono così felice che tu sia potuta venire, mamma... Yvonne. Vieni al pub con noi?"

"Non me lo perderei per nulla al mondo" ha risposto Yvonne. Collin presentò il resto della sua squadra a Yvonne mentre si dirigevano al pub. C'erano John l'elettricista, William che gestiva una zappa, Syd, il saldatore, Oliver, Ellis, Joey e Jackson. Le mancava esattamente quello che facevano alcuni di loro. Erano tutti giovani di bell'aspetto, trasandati ma mascolini e di una bellezza rude. Andarono insieme al pub mentre Yvonne ebbe modo di conoscere un po' tutti i ragazzi. Sussurrò a Collin "Lo sanno tutti?" Collin scosse la testa. Yvonne pensava che avrebbe dovuto sentirsi in imbarazzo, ma non lo era. Voleva solo riavere il cazzo di Collin dentro di sé e non le importava davvero cosa ci voleva per farlo. Una volta al pub i P hanno comprato un giro. Dopodiché i P si spostarono tutti in fondo al pub e rimasero per conto loro. Erano scontrosi e risentiti. I T erano allegri, chiassosi e divertenti. Furono comprate altre bevande e tutti si ubriacarono un po'. Yvonne non era ubriaca come fingeva, ma poteva percepirne il bagliore.

Uno dei ragazzi disse: "OK ragazzi. Andiamo tutti da Kevin. Ha una bottiglia di scotch e abbiamo speso abbastanza al pub. Yvonne! Vieni con noi?"

"Scommetti!" rispose Yvonne.

"John disse:" Ragazzi, sapete che non posso andare. Ci vediamo la prossima settimana."

Alcuni degli altri ragazzi lo deridevano e lo chiamavano "PW'd".

Collin ha spiegato a Yvonne "John è sposato e sua moglie aspetta un bambino. Sta cercando di essere un buon marito".

Pochi isolati dopo entrarono in un edificio più vecchio e salirono quattro rampe di scale fino all'appartamento di Kevin. Era un appartamento piccolo, per niente lussuoso. L'arredamento comprendeva un bersaglio per le freccette, arco e frecce e un grande trofeo con il nome di Kevin e il nome della scuola che aveva frequentato insieme all'anno del premio. Un po' di aritmetica nella sua testa disse a Yvonne che Kevin non poteva avere più di due o tre anni più di suo figlio. Collin trascinò Yvonne da parte e le sussurrò all'orecchio.

"Yvonne, posso essere molto diretto con te? Voglio dire, senza giri di parole, posso semplicemente dire quello che voglio senza che tu ti faccia arrabbiare?"

"Certo, Collin." Lei sussurrò in risposta.

Collin avvicinò la bocca all'orecchio di Yvonne e sussurrò "Mi piacerebbe davvero infilarti di nuovo il mio cazzo." Mentre sussurrava, le leccò leggermente l'orecchio e le mordicchiò il lobo. Le ginocchia di Yvonne si indebolirono e lei si aggrappò a Collin per stabilizzarsi mentre gli sussurrava in risposta;

"Fallo! Fallo adesso, proprio qui, proprio adesso".

Collin, ora parlando ad alta voce, ha detto: "E i miei amici? Possono guardare? Possono anche loro entrare in azione? Pensano tutti che tu sia una MILF sexy."

Yvonne stava rapidamente perdendo ogni controllo, e Collin non l'aveva nemmeno toccata se non per un piccolo morso sull'orecchio. Si guardò intorno. Tutti gli occhi erano puntati su di lei. Lei sorrise e disse: "Voi ragazzi non mi farete del male, vero?"

Collin ha parlato per il gruppo; "Dacci solo il colore del tuo semaforo. Se dici 'semaforo rosso' fermeremo qualunque cosa stiamo facendo, te lo prometto. Se dici semaforo giallo, lo rallenteremo e ce la prenderemo con calma. OK?"

Yvonne, guardandosi intorno per la stanza faccia a faccia, disse piuttosto ad alta voce "LUCE VERDE!" I giovani si stringono intorno a lei e cominciano a spogliarla, tastandola. disse Syd

"Ho intenzione di scopare questa troia nel culo!"

Collin disse: "Syd, non puoi parlare così alla signora. Non ci ha dato il permesso di parlarle sporco. Yvonne?"

"Parlate sporco. Sono una donna sposata, abbastanza grande per essere la madre di ognuno di voi, e voglio che tutti voi mi scopiate. Fanculo a me. Questo mi rende una troia, quindi chiamatemi " troia."

Syd ha detto "Posso incularti, troia?"

Yvonne scosse la testa e disse;

"DP?" I ragazzi l'hanno spogliata. Le loro mani erano dappertutto mentre le succhiavano le tette, le toccavano la figa e il culo, la baciavano, la baciavano alla francese. Qualcuno ha piantato un cazzo in faccia a Yvonne. Lo afferrò e cominciò a succhiarlo con tutte le sue forze. Joey la prese in braccio e la portò su una poltrona e si sedette con Yvonne in grembo di fronte a lui e spinse il suo cazzo nella sua fica bavosa spalancata mentre si appoggiava allo schienale e reclinava la sedia. Questo ha dato a Syd l'occasione perfetta per scoparla nel culo, ma non è riuscito a infilare il suo cazzo nel suo buco del culo stretto.

"Hai del grasso?" chiese Syd. Kevin andò al frigorifero e prese mezzo panetto di burro. Syd ha infilato il burro nel culo di Yvonne e ne ha preso circa la metà per riempirle il canale anale. Le spalmò il resto sul sedere e poi si asciugò la mano sulla maglietta. Syd ha infilato il cazzo a metà e Yvonne ha borbottato qualcosa.

"Giallo. Luce gialla!"

Syd rimase immobile, poi lentamente tirò fuori il suo cazzo di un centimetro, poi lo riportò alla stessa profondità di prima. Fuori di nuovo lentamente, poi dentro appena un po' più di prima.

"OK?" Chiese. Yvonne grugnì in senso affermativo. A poco a poco Syd si fece strada fino a quando non ebbe il suo cazzo fino al buco del culo di Yvonne, fino alle palle. Joey iniziò a spingerle nella fica e Syd si tuffò dentro e fuori dal suo sedere. Ellis aveva il cazzo in faccia a Yvonne dalla sua sinistra. Egli ha detto;

"Succhialo, piccolo succhiacazzi." Succhiò e bevve finché non si rese conto che c'era un cazzo alla sua destra. Era Oliver. Oliver ha detto;

"Voglio scoparti la faccia. Va bene, stronza?" Yvonne mormorò di nuovo affermativamente. Teneva il cazzo di Ellis nella mano sinistra e lo scuoteva mentre succhiava il cazzo di Ellis con tutta la sua forza. Sentì Syd esploderle nel sedere riempiendole la cavità anale con il suo sperma caldo e appiccicoso. Quando ebbe finito si tirò fuori. Joey è venuta nella sua fica e Yvonne è venuta con lui. Era il suo primo orgasmo della giornata e, anche se non travolgente, era abbastanza buono e non vedeva l'ora di raggiungere diversi orgasmi più potenti mentre i giovani si incontravano scopando in ogni modo. Quando Joey ebbe finito si sentì sollevata da lui. Kevin e Oliver la fanno piegare sul divano e Jackson la entra da dietro, spingendo il suo cazzo nella sua figa da cane. Il cazzo di Jackson era molto più grande di quello degli altri. Yvonne era contenta che non fosse stato lui a scoparla nel sedere.

Il grosso cazzo di Jackson era semplicemente meraviglioso. Ben presto Yvonne sentì crescere un altro orgasmo. È venuta a lungo e duramente questa volta. Mentre lei scendeva Jackson la tirò fuori, la fece girare e le infilò il cazzo in bocca e immediatamente si liberò con un enorme schizzo di sperma, poi un altro mentre urlava;

"Ingoia, stronza, ingoia ogni goccia". Yvonne deglutì due volte e si sentì spostata attraverso la stanza e spinta all'indietro. Lei quasi cadde mentre si sedeva sulla sedia in grembo a Oliver. La fica di Yvonne era aperta e sbavava e Oliver le infilò il cazzo dentro la fica velocemente e facilmente, poi si appoggiò allo schienale e tirò indietro Yvonne con sé. Collin si avvicinò e iniziò a cercare di infilare il suo cazzo nella fica di Yvonne nello stesso momento in cui Oliver aveva il suo cazzo dentro di lei. Era un attacco stretto, ma Yvonne gemette "Luce verde" e Collin spinse il suo cazzo fino in fondo. Aveva due cazzi nella figa allo stesso tempo e gemeva di gioia.

Yvonne ha perso la cognizione del tempo, ha perso il conto di quante volte è stata scopata, di quante quantità di sperma le erano esplose nel sedere, in bocca e nella fica. Diventò una macchia confusa di bellissimi cazzi giovani che la scopavano come se non fosse mai stata scopata prima. Alla fine i ragazzi erano tutti esausti e Yvonne era ben più che completamente esausta. Sentì scorrere l'acqua e si sentì sollevata. Socchiuse gli occhi e vide che la stavano portando in bagno. L'acqua scorreva nella vasca e si formava una grande quantità di schiuma e bolle. Profumava di lillà mentre veniva dolcemente immersa nella vasca di acqua calda, circondata da bolle di bagno dall'odore dolce.

"Yvonne, ho avuto una ragazza che viveva con me da un po' e quando ci siamo lasciati ha lasciato il suo bagnoschiuma. Abbiamo pensato che avresti potuto goderti un bel bagnoschiuma prima di andare a casa." Kevin ha spiegato. Collin, Kevin e Jackson si sono alternati nel spugnarla e nel massaggiarle i piedi e le spalle. Erano gentili e attenti e avevano smesso di insultarla. Alla fine l'asciugarono e l'aiutarono a vestirsi, poi ciascuno la salutò con un bacio. Collin la accompagnò giù per le scale e tornò alla macchina.

Quella sera, tornata a casa, Yvonne si comportò normalmente, anche se era difficile camminare normalmente, dolorante com'era per tutta l'eccellente scopata che aveva ricevuto. Poi il telefono squillò. rispose Yvonne.

"Yvonne, sono Collin. Mi dispiace chiamarti a casa, ma ho un problema serio. Il Bobby ci ha pizzicato. Sono nel vagone. Siamo tutti nel vagone. Puoi venire? Abbiamo più bisogno di te di quanto tu possa immaginare."

"Arrivo subito, Sarah", disse Yvonne. Poi spiegò a Rob che la sua amica Sarah aveva un'emergenza e aveva bisogno di un amico, e corse fuori dalla porta e alla sua macchina. Arrivò alla stazione di polizia e si avvicinò alla reception.

"Sono qui per salvare Collin Bradbury." lei disse. Rispose il sergente di turno;

"Niente cauzione per quel ragazzo e per i suoi compagni. Non per quello che hanno fatto. Sei sua madre?"

"No" disse Yvonne. "Sono un suo amico, e gli altri ragazzi della sua squadra di rugby. Quanti di loro avete qui?"

"Spetta al Pubblico Ministero decidere se vederli o no. La sua assistente è in fondo al corridoio a sinistra. Vada a trovarla." - affermò il Sergente. Yvonne seguì le indicazioni del Sargent e bussò esitante alla porta contrassegnata come quella da lui menzionata.

"Avanti" sentì Yvonne ed entrò. Dietro una vecchia scrivania di metallo sedeva una donna dall'aspetto severo con i capelli corti pettinati in modo mascolino. Indossava abiti semplici e poco lusinghieri e senza trucco.

"Che cos'è?" chiese all'improvviso la donna. Yvonne spiegò di aver ricevuto una telefonata da Collin Bradbury che apparentemente era stato arrestato e che era venuta per scoprire cosa stava succedendo. Lo ha detto il pubblico ministero

"Il signor Bradbury e i suoi amici hanno picchiato e stuprato in gruppo una giovane donna questo pomeriggio, apparentemente dopo averle versato addosso del liquore in un pub locale. È in ospedale molto malconcia. Stiamo cercando la pena massima per questi criminali brutali. Non potete vederli e non ci sarà alcuna cauzione."

Yvonne rimase sbalordita. Come potevano i ragazzi essere così gentili con lei e poi picchiare e violentare qualcun altro? In effetti, come avrebbero potuto violentare un'altra donna dopo essere stati così completamente esausti dal scoparsela? Venivano tutti più volte ciascuno. Yvonne allora chiese;

"A che ora è avvenuto il presunto delitto?"

"Oggi tra le 14 e le 17" ha detto la donna.

Yvonne ha detto "Ma erano con me in quel periodo. Non avrebbero potuto violentare nessuno. Erano con me."

"Dove?" chiese la donna.

"A casa di Kevin. Non conosco il cognome di Kevin, ma eravamo lì, tutti, dalle due circa fino alle cinque circa."

"E cosa stavi facendo?" chiese la donna.

Yvonne esitò, poi balbettò: "Stavamo scopando. E non era stupro. Mi hanno scopato tutti e non mi hanno fatto male. Erano gentili e premurosi, e non hanno fatto nulla senza il mio consenso. Nessuno di quei giovani gli uomini sono capaci di imporsi su qualsiasi donna."

La bocca del pubblico ministero rimase aperta. Guardò Yvonne con sdegno, poi quasi non riuscì a controllare una risatina che cercò di uscire. "Sei sicuro che non te lo stai inventando? Sei disposto a testimoniare in tribunale?"

"Sono una donna sposata, con figli. Se dovessi testimoniare in tribunale... beh, mi rovinerebbe. Se c'è un modo per evitarlo preferirei di no." ha dichiarato Yvonne.

Il pubblico ministero ha ribattuto duramente: "Sei disposto a testimoniare in tribunale?"

"Sì" rispose Yvonne. Se è quello che serve, lo farò. Non posso lasciare che quei bravi ragazzi vadano giù per qualcosa che so che non hanno fatto."

"E la vittima in ospedale?" ha detto il pubblico ministero. "Dice di aver guardato una partita di rugby, di essere andata al pub con la squadra, di aver bevuto con loro, di essere stata attirata nell'appartamento di uno di loro e brutalmente violentata da tutti loro. Come puoi confutare la sua testimonianza?"

"Squadra diversa", ha detto Yvonne. "Chiedile della lettera che hanno sulle spalle. I miei ragazzi che hai rinchiuso avevano tutti una "T" sulla schiena. Chiamala. Scommetto che ti dirà che portavano tutti una "P".

Il pubblico ministero ha preso il telefono e ha chiesto di essere messo in contatto con Bobby che apparentemente si trovava in ospedale fuori dalla stanza della vittima.

"La donna è cosciente e può parlare con te?" Yvonne ha sentito. "Chiedile se gli autori del reato avevano una lettera sulle spalle." Ci fu una pausa di tre o quattro minuti poi "Uh eh, uh eh, uh eh". Il pubblico ministero riattaccò il telefono, guardò Yvonne e disse;

"Hai mai pensato di diventare un detective della polizia? Hai appena risolto il nostro caso. Farò rilasciare i tuoi amici entro un'ora. Mi spiace per l'inconveniente." Bussarono alla porta ed entrò il Sargent. "Fate radunare quell'altra squadra e fatela entrare il più presto possibile."

"Ma, signora, vengono tutti da famiglie rispettabili, giovani professionisti. Non potrebbero essere implicati, vero?"

Il pubblico ministero guardò severamente il Sargent e disse: "Fallo. ORA!"

Circa quarantacinque minuti dopo Yvonne era seduta nell'atrio quando tutti i ragazzi uscirono in fila da una porta laterale. Corsero verso Yvonne e la circondarono, abbracciandola e ringraziandola.

"Oh, Yvonne, grazie mille per averci fatto uscire, per aver fatto cadere le accuse. Se c'è qualcosa che qualcuno di noi potrà mai fare per te."

"Bene" disse Yvonne. "Potresti invitarmi alla prossima partita, se trovi una squadra contro cui giocare. Non credo che le "P" resteranno in campo per molto, molto tempo. Oppure, se non riesci a trovare una squadra contro cui giocare, potresti semplicemente invitarmi di nuovo da Kevin".

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

365 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.