Volare alto_(0)

596Report
Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui si chinò per spostare la borsa di qualche centimetro. I pantaloni si strinsero ancora di più. “Hmmmm” pensò Rosa già un po' arrapata perché stava leggendo un romanzo erotico giunto a buona parte.

Era passato molto tempo dall'ultima volta che Rosa aveva volato all'estero. Non vedeva l'ora. Rosa stava volando per incontrare i suoi amici in Nuova Zelanda con i quali chattava online da alcuni mesi. La coda avanzava e lei si chinò per prendere la borsa e avanzò solo per scontrarsi con l'uomo davanti.

"Mi dispiace" sbottò.

Si voltò lentamente.

"Va tutto bene, signorina", disse con una voce adorabile e profonda guardandola direttamente negli occhi. Rosa rimase stupita mentre i suoi occhi si abbassavano pigramente osservando chiaramente il suo corpo. Poteva sentire arrossire quando i suoi occhi si fermarono e poteva vedere che stava guardando direttamente la sua scollatura. I suoi occhi continuarono poi verso i fianchi e le gambe e poi risalirono, fermandosi di nuovo al suo seno.

"Oh mio Dio" pensò Rosa quando sentì i suoi capezzoli diventare duri e divenne ancora più imbarazzata perché non indossava il reggiseno.

Rosa è stata salvata mentre la coda avanzava e si divideva in due per mostrare le carte d'imbarco e i passaporti.

Rosa passò rapidamente e iniziò a camminare lungo il ponte e notò lo stesso uomo davanti a lei. Non riusciva a distogliere lo sguardo dal suo sedere che si muoveva stretto davanti a lei.

Quando arrivò alla porta dell'aereo Rosa rimase un po' delusa nel vedere che il “culo” girava a sinistra in business class mentre lei era diretta a destra in economy. “Benvenuta Signora” disse allegramente la hostess guardando il passo “Dritto fino alla fine, a sinistra”. Rosa controllò la sua carta d'imbarco "53E" e tornò indietro e fu trattenuta da un coupé che metteva le valigie negli armadietti sopraelevati. Si guardò intorno e cercò di evitare gli sguardi degli uomini che evidentemente le stavano guardando il seno. Sapeva, senza dubbio, che i suoi capezzoli erano chiaramente delineati attraverso il vestito. “Muovetevi” pensò alle persone davanti a lei. Ben presto la strada si aprì e lei proseguì. Il suo posto era nella cabina sul retro, tre file più in là. Nella cabina c'erano alcune persone sui sedili anteriori e lei fu contenta di vedere che era l'unica a sedere dietro. Trovò il suo posto e si sedette velocemente.

"Uff" pensò mentre sistemava la borsa sotto il sedile davanti e si sistemava. Il suo cuore batteva forte e cercava di rilassarsi. I passeggeri continuarono a salire a bordo ma pochissimi entrarono nella cabina posteriore e tutti si sedettero nei sedili anteriori. Forse sarebbe stata fortunata e avrebbe avuto una lite tutta per sé. Ha tirato fuori il suo iPad ma ha deciso di non aprirlo. Basta eccitazione per ora, pensò. Dopo un po’ il citofono suonò “benvenuti signore e signori”, ecc. ecc. Ben presto la TV si accese e iniziò la presentazione della sicurezza. Beh, sembrava che fosse da sola.

Il volo decollò e poco dopo fu servita la cena. Rosa ha deciso di bere del vino. Una volta terminato il pasto, si sentiva sempre più ubriaca e un po' stanca. Scartò una coperta e se la avvolse attorno. Premette il pulsante della poltrona reclinabile e il sedile si inclinò all'indietro. Chiuse gli occhi... e sentì un po' di umidità accumularsi tra le sue gambe mentre fantasticava sul "ragazzo della coda" nella storia che stava leggendo. Infilò una mano sotto la coperta e si toccò le mutandine. "Hmmmm" gemette dolcemente mentre lasciava che le sue dita giocassero con il clitoride attraverso il materiale sottile delle mutandine e fantasticava su come fosse il suo cazzo. Spostò l'altra mano sotto il vestito, verso uno dei seni e iniziò a giocare con il capezzolo. Ben presto arrivò un lieve orgasmo. Tirò la coperta più in alto e si accoccolò.

Rosa non sapeva cosa l'aveva svegliata. La cabina era buia. All'improvviso le tende sul davanti si aprirono e ne uscì la sagoma di un uomo alto.

"Mio Dio, è lui".

Le tende si chiusero e lui si diresse verso il retro. Rosa poteva vedere che guardava di fila in fila controllando gli occupanti. Strizzò gli occhi, inclinò la testa da un lato e fece finta di dormire. Poteva vedere una forma scura muoversi silenziosamente lungo la sua fila. Il suo profilo era chiaro e la sua presenza era opprimente. Sembrava che fosse rimasto lì per anni a guardarla. Rosa rimase più immobile che poteva tentando di respirare in modo uniforme, dentro e fuori. L'ombra si allontanò dalla sua vista camminando verso il fondo. Dove era lui? Cosa stava facendo? Lei rimase immobile continuando a fingere di dormire. Sembrava che fossero passati secoli mentre strizzava disperatamente gli occhi cercando di cogliere il minimo movimento. Anche se era terrorizzata poteva sentire l'eccitazione crescere. Nella sua mente si stava formando un'immagine del suo volto mentre osservava il suo corpo in coda al check-in. Il suo viso era ruvido ma bello e Rosa si ritrovò a fantasticare sulle sue natiche e a chiedersi come fosse il davanti dei suoi pantaloni.

All'improvviso sentì un movimento mentre qualcuno si sedeva sul sedile accanto a lei, sul lato lontano da dove l'aveva visto l'ultima volta. Si bloccò, ancora di più... sembrava da secoli. Poi sentì la coperta calarle sul seno. Uno sbuffo d'aria fredda la informò che la sua scollatura era esposta. Ogni movimento inviava segnali attraverso il suo cervello "cosa sto facendo"? Lei non si è mossa. Poi sentì i colletti del vestito sollevarsi leggermente e sentì che i bottoni del vestito si slacciavano. Prima quello in alto, poi un altro e un altro ancora. "Oh Dio, oh Dio, oh Dio" pensò disperatamente mentre sentiva l'umidità accumularsi tra le sue gambe. Sentì che il suo vestito si apriva e sapeva che i suoi seni erano ora aperti ed esposti alla sua vista. I suoi bottoni si stavano aprendo e sentì un dito sfiorarle lo stomaco. All'improvviso sentì un'altra sensazione di umidità mentre una lingua le sfiorava il capezzolo destro. Non poté fare a meno di rabbrividire e un lieve gemito uscì dal profondo della sua gola. Si mosse leggermente come se il suo sonno fosse disturbato, ma continuò comunque a fingere. "Deve sapere che sono sveglia" pensò. Rosa era ormai totalmente eccitata e il pensiero di fermarlo era l'ultima cosa nella sua mente; la sua energia sessuale aveva preso il sopravvento.

Ebbe presto la sua risposta poiché l'ultimo bottone del suo vestito era slacciato e ogni lato veniva spostato da parte. Ora poteva vedere le sue mutandine; allo stesso tempo sentì la sua bocca chiudersi sul suo seno e i suoi denti mordere la base del capezzolo mentre la sua lingua ne faceva scorrere la punta. La sensazione era straziante, il piacere stava inondando il suo corpo e non poteva impedire alla testa di muoversi. L'altra mano si abbassò con molta delicatezza, molto lentamente, sul piatto del suo stomaco. Molto gradualmente sentì aumentare il peso della sua mano. "Forse pensava che stessi dormendo", pensò. Poi le dita iniziarono ad accarezzare la morbidezza della sua pelle. Rosa non sapeva su cosa concentrarsi. Le incredibili sensazioni che provenivano dal suo capezzolo erano travolgenti, ma l'anticipazione accumulata sui movimenti della sua mano stava distogliendo la sua attenzione. Rosa era inebriata quando la mano iniziò a muoversi verso il basso e presto sentì la tensione dell'elastico delle mutandine lasciare la sua pelle mentre le dita di lui scivolavano più in basso. Le sue dita raggiunsero il pube e il loro movimento cambiò da un movimento laterale a un movimento di solletico della danza della luna. La pressione sull'elastico delle mutandine aumentò sulla sua schiena dicendole che la sua mano adesso era dentro le sue mutandine... in qualsiasi momento... si preparò per quello che stava per succedere.

All'improvviso le sue dita trovarono il suo clitoride. Rosa non poteva farne a meno. Involontariamente sollevò e aprì le ginocchia e un gemito le sfuggì dal profondo della gola. Le sue dita continuavano a suonare ma avanzavano sempre più in basso finché non le sentì giocare con le sue labbra. Sapeva di essere bagnata e sembrava eccitarlo poiché la cosa successiva che sentì furono le sue dita nella sua figa. Le dita iniziarono a muoversi avanti e indietro, aprendosi e chiudendosi mentre lui la scopava. Le sue mutandine si stavano allungando fino a rompersi e all'improvviso lo fecero. Poi le lasciò il capezzolo e con entrambe le mani le strappò le mutandine. "Sono nuda su un aereo accanto a un perfetto sconosciuto" pensò mentre le dita ricominciavano a scoparla. Un dito premeva contro il suo ano provocandole ancora più piacere. Rosa poteva sentire il suo orgasmo aumentare. Le sue dita continuavano a muoversi ritmicamente dentro e fuori e lei poteva sentire lo schiaffo mentre lui. Rosa non ce la faceva più. Il suo bacino si sollevò dal sedile e con un grido soffocato tutto il suo corpo tremò mentre l'orgasmo la faceva a pezzi. "Oh, oh, sì, sì, oh sì", pensò mentre cadeva sul sedile. Ma le dita non si fermarono. Si abbassarono e lei ne sentì uno scivolarle nell'ano.

I suoi gemiti erano quasi continui mentre sentiva la sua bocca lasciare il capezzolo. Poi sentì le sue labbra sulle sue mentre la baciava forte spingendole la lingua in bocca.

"Ciao" le sussurrò all'orecchio "mi chiamo Bram". Lui le aprì ancora di più le ginocchia, le mise la testa tra le gambe e iniziò a leccarle i succhi lasciando che la lingua vagasse intorno alla parte superiore delle cosce e di nuovo alle labbra e poi dentro, in mezzo e in profondità.

Poi afferrò la testa di Rosa e se la tirò giù in grembo. Rosa aprì gli occhi e vide il suo cazzo ritto, lungo e grosso, con una bella testa pulita e grande. La pressione sulla parte posteriore della sua testa aumentò costringendo la sua bocca più vicina al suo cazzo finché le sue labbra non toccarono la punta che era viscida con una bava di precum. La pressione continuò a separarle le labbra mentre il suo cazzo le scivolava in bocca. Era enorme. Rosa aprì la bocca ancora di più, e ancora di più, e prese il suo cazzo in profondità finché non poté sentirlo toccare la parte posteriore della gola. Non poteva credere quanto fosse grande. Ma non si è fermato né ha allentato la pressione. Rosa sentì venire il bavaglio e gli diede una spinta. Bram allentò la pressione e Rosa si tirò indietro, ansimando per respirare e vide una scia di salvia dalla testa del suo cazzo alla sua bocca. Prima che Rosa potesse pensare, lui gli sbatté la bocca sul cazzo. Lo stesso continuò ancora e ancora fino a quando la bocca di Rosa e il suo cazzo furono coperti dalla sua saliva e lei rimase senza fiato.

All'improvviso si fermò. Spinse indietro Rosa sul sedile, afferrò la coperta, la tirò sul suo corpo e appoggiò la testa contro la sua.

"Stai fermo" ordinò.

Rosa rimase totalmente immobile chiedendosi cosa stesse accadendo. Poi sentì dei passi mentre qualcuno camminava oltre la loro fila verso il retro dell'aereo. Rimasero immobili per qualche tempo. Bram poi le tirò su la testa e la baciò intensamente sulle labbra. Fu un bacio lungo e appassionato.

Quando alla fine le sue labbra si staccarono, inclinò la testa verso il suo orecchio.

“Sei una signora davvero adorabile. Era ora che fossi fottuto", ha detto.

"Ma che dire della persona che è andata sul retro"? Ha detto Rosa.

"Un mio amico. È uno steward sull'aereo. Verrai scopata da almeno due uomini stasera. Qualcuno erotico come te ha bisogno di essere molto, molto, ben scopato. Alzati sul sedile e dammi la posizione a pecorina”.

Rosa obbedì. Non aveva idea di cosa stesse succedendo, ma sapeva qualunque cosa fosse, lo voleva. Quest'uomo aveva il controllo totale su di lei.

Bram si alzò dietro Rosa, la sciolse, la sbottonò e la vestì scoprendo le sue adorabili natiche rotonde e voluttuose. I resti delle sue mutandine strappate penzolavano su una delle sue gambe. Bram le aprì le natiche, esponendo entrambi i buchi d'amore di Rosa. Si sporse in avanti e la leccò forte cominciando dal clitoride, oltre le labbra e fino all'ano... ancora e ancora. Rosa stava perdendo il controllo. Non le importava cosa fosse successo. Quest'uomo poteva farle quello che voleva.

Le leccate cessarono. Rosa attese pazientemente. Sentì qualcosa premere contro la sua vagina. La pressione divenne più forte e lei sentì le labbra aprirsi e un oggetto duro farsi strada nella sua vagina. Era enorme. Allargò la sua vagina fino al limite e sembrò penetrarla sempre di più. Era più piena di quanto non fosse mai stata e tuttavia si muoveva più in profondità. Voleva questo cazzo. Poi ha cominciato a ritirarsi e i sentimenti sono aumentati. Poteva sentirlo uscire dal suo ingresso e poi rientrare di nuovo, questa volta più forte e poi avanti e indietro, aprendo e chiudendo il suo buco dell'amore. Le sensazioni che inondavano il suo corpo erano fantastiche. Che cazzo! Gli orgasmi di Rosa erano continui e crescevano di intensità. Alcune mani le hanno afferrato la testa e le hanno infilato un cazzo in bocca. Rosa lottò, ma una pacca sul sedere di Bram la fermò. Alzò lo sguardo e vide lo steward con il cazzo duro che sporgeva dalle patte dei pantaloni. Bram le sussurrò all'orecchio "Succhiamelo, stronza".

Rosa obbedì. Aprì la bocca e il cazzo davanti a lei le venne forzato in bocca mentre Bram continuava a ficcarle il suo cazzo mostruoso nella figa. Sembrava continuare all'infinito mentre gli orgasmi di Rosa inondavano il suo corpo ancora e ancora, ma le sue grida erano attutite dal cazzo nella sua bocca.

Rosa diventava sempre più debole ad ogni orgasmo. Si sentiva sospesa nello spazio da due cazzi. Poi ha sentito il cazzo di Bram diventare più grande e all'improvviso la sua figa si è riempita del suo sperma. Sembrava riempirla completamente mentre il suo cazzo diventava più scivoloso mentre si muoveva dentro e fuori da lei. Prima che si rendesse conto di cosa fosse successo, la sua bocca era piena dello sperma dell'amministratore, che la soffocava e le fuoriusciva dai lati della bocca. Bram tirò fuori il cazzo e Rosa sentì lo sperma gocciolare fuori dalla sua vagina e giù all'interno delle sue cosce.

Lei crollò, ansimando, sul sedile mentre i cazzi lasciavano il suo corpo.

"Alzati" ordinò Bram. “Abbottonati il ​​vestito e seguici”.

Rosa si sforzò di obbedire ma le sue gambe le crollavano sotto. Gli uomini l'hanno aiutata ad alzarsi. Rosa cominciò ad abbottonarsi il vestito. Gli uomini si stavano aggiustando i vestiti rimettendo dentro i loro cazzi. Lo Steward le afferrò la testa e costrinse Rosa a guardarlo in faccia.

“Seguimi” ringhiò.

Rosa obbedì.

Lo steward fece strada e Bram lo seguì con le mani sui fianchi di Rosa mentre lei lottava per allacciarsi i bottoni del vestito. Rosa non aveva scarpe, né mutandine e poteva sentire lo sperma gocciolarle lungo le cosce. Si asciugò lo sperma intorno alla bocca con il dorso della mano e inciampò dietro allo steward. Passarono attraverso le tre cabine economiche buie. Sembrava che tutti dormissero. Entrarono e oltrepassarono la cabina della business class finché lo steward si fermò davanti a una porta. Lo steward premette un pulsante, poi si voltò e baciò Rosa sulla bocca. Rosa cercò di allontanarsi.

"Prendilo" le disse Bram con forza nel suo orecchio mentre le infilava le dita nella vagina.

Fece come le era stato ordinato mentre l'amministratore la baciava e le stringeva il seno.

Si udì un debole ronzio e poi un "ping". Lo steward aprì la porta e spinse dentro Rosa. I due uomini poi si infilarono in quello che apparentemente era un ascensore. Lo steward chiuse la porta e premette un pulsante. L'ascensore sussultò e cominciò a scendere molto lentamente con un forte ronzio.

Bram afferrò Rosa per le spalle e la fece voltare per guardarlo. Le mani dell'amministratore le scivolarono sotto le braccia e cominciarono a sbottonarle il vestito. Bram guardò con calma mentre il suo vestito si apriva e i suoi seni apparivano. Afferrò entrambi i capezzoli, li strinse forte e li fece rotolare tra le dita. Rosa gemette di piacere. Il suo vestito adesso era sul pavimento. Bram la fece voltare in modo che si trovasse di fronte alla porta dell'ascensore che si aprì all'improvviso.

Rosa rimase inorridita nel vedere davanti a lei tre persone nude nella piccola stanza. Due donne e un uomo. Erano tutti nudi. Il cazzo dell'uomo era rigido e una delle donne lo stava accarezzando. Stavano tutti guardando la porta.

Prima che Rosa avesse il tempo di pensarci, Bram e lo steward le misero le mani sotto le cosce e la sollevarono. Rosa gli mise le braccia al collo. Le gambe di Rosa furono allargate esponendo la sua figa agli occupanti della piccola stanza. Una delle donne si avvicinò a loro, si inginocchiò proprio davanti alla figa di Rosa e iniziò a leccarla. Rosa era sbalordita ma non era in grado di fermarlo. La donna guardò direttamente Rosa e disse "Hmmm, sento il sapore dello sperma" e poi continuò a leccare. Rosa sentì un dito scivolarle nell'ano. Non aveva idea di chi lo stesse facendo. Rosa stava guardando la testa della donna tra le sue gambe che dondolava su e giù. La combinazione della leccata e del dito che scivolava dentro e fuori dal suo ano funzionava con la loro magia mentre la testa di Rosa cadeva all'indietro mentre urlava e un altro orgasmo le tormentava il corpo. Gli uomini le abbassarono le gambe sul pavimento e lei si alzò instabile. Bram l'afferrò nuovamente per le spalle e la fece voltare per guardarlo in faccia.

“Spogliami” disse con voce dura.

Rosa rabbrividì ma portò le mani al primo bottone della camicia. Slacciò il bottone in alto e proseguì verso il basso. Mentre lo faceva sentì delle mani che le brancolavano tra le gambe e le stringevano i seni. Quando i bottoni si aprirono, Rosa vide che il suo petto era coperto di peli scuri che continuavano sul ventre sodo e scendevano fino a scomparire sotto i pantaloni. Lei aprì completamente la maglietta e allungò una mano per farla scivolare via dalle sue ampie spalle. Una delle donne se lo mise sulle braccia, lasciando Rosa a guardare il corpo più sexy che avesse mai visto. Era l'uomo della sua fantasia.

Rosa fece un respiro profondo e iniziò a slacciare la cintura di Bram e poi il primo bottone dei suoi jeans. La cerniera si aprì mostrando il pube. Il suo cazzo era piegato con la testa sepolta nei pantaloni ma era chiaramente grosso e stava diventando sempre più duro. Rosa si inginocchiò e gli abbassò i jeans. Non indossava mutande. Il suo cazzo si liberò e le schiaffeggiò la guancia. Bram uscì dalla pila di jeans sul pavimento e si spostò direttamente di fronte a Rosa. Ora poteva vedere chiaramente il suo cazzo. Rosa era paralizzata. Era ancora più grande di quanto lo avesse immaginato quando era nella sua bocca e cresceva a scatti mentre il sangue veniva pompato dentro. La sua testa pulita si allargava ad ogni battito. Lo spettacolo era bellissimo. Sentì un dolore tra le gambe. Il cazzo di Brams non era del tutto rigido ma Rosa ricordava come si sentiva nella sua figa e lo voleva di nuovo.
“Ora togli i vestiti a Peter” disse Bram indicando lo Steward. Rosa si avvicinò a Peter e cominciò a sbottonargli l'uniforme. Ben presto anche lui fu nudo.

Le braccia di Rosa erano tenute dalle due donne che ora erano inginocchiate ai suoi lati. Gli altri due uomini erano in piedi ai lati di Bram. Entrambi erano ora nudi e i loro cazzi sporgevano rigidamente. Le mani delle donne che non tenevano Rosa stavano palpando Rosa tra le sue gambe. Bram mosse il suo cazzo in modo che puntasse verso una delle bocche delle donne. Rosa provò una fitta di delusione mentre guardava avidamente la donna spalancare la bocca e il cazzo di Bram scivolare stretto tra le sue labbra. Bram afferrò la testa della donna e iniziò a scoparla forte con la bocca. Le gag della donna erano rumorose quando la punta del suo cazzo le colpiva la parte posteriore della gola e Rosa poteva vedere la sua gola espandersi e contrarsi ad ogni colpo di quel cazzo mostruoso. Bram tirò fuori il suo cazzo dalla bocca lasciando dietro di sé un denso flusso di saliva che si spezzò e cadde sul seno della donna. Rosa non riusciva a staccare gli occhi dal cazzo mentre lentamente si avvicinava alla sua bocca. Si avvicinò sempre di più finché la sua punta non le sfiorò le labbra. Rosa reclinava la testa all'indietro, chiudeva gli occhi, spalancava la bocca e aspettava che la sua bocca venisse violentata.

Bram si chinò e la baciò sulle labbra rivolte all'insù. "Aspetta il tuo turno" disse.

Rosa guardò di nuovo in basso e vide che il cazzo di Bram si era ora spostato verso la donna dall'altra parte e stava lentamente scivolando e scomparendo nella sua bocca. Ancora una volta la scopò con forza con la bocca e rumori simili fuoriuscirono dagli angoli della bocca insieme a qualche sputo che gli copriva parte della lunghezza. Rosa provò una fitta di gelosia mentre guardava il cazzo dei suoi sogni scopare con un'altra donna. Alzò lo sguardo e vide Bram che la guardava direttamente.

“Ti avevo detto di aspettare. Sta arrivando il tuo turno”. Rosa si sentì arrossire. Distolse lo sguardo ma tutto ciò che poteva vedere ovunque guardasse erano altri cazzi duri. Abbassò lo sguardo e attese. Ben presto i conati di vomito e il risucchio cessarono e si calmarono. Rosa rabbrividì.

Sentì una mano sotto il mento che le tirava la testa all'indietro facendole perdere l'equilibrio mentre iniziava a cadere all'indietro. Un'altra mano le afferrò la nuca e la abbassò. Rosa lottò per togliere le gambe mentre veniva abbassata ancora di più. Sentì un cuscino dietro le spalle che non si estendeva fino alla testa che ora era abbassata in modo che la sommità della testa toccasse il pavimento. Gli occhi di Rosa si aprirono per vedere Bram inginocchiato con le ginocchia ai lati della testa e il suo cazzo mostruoso che sporgeva direttamente sopra il suo naso. Bram le tenne il mento con il pollice sulla parte superiore e le aprì la bocca. Puntò il suo cazzo e fece scivolare la testa nella bocca di Rosa. Rosa ingoiò quanta più aria poteva e sentì un sibilo mentre l'aria scorreva attraverso gli spazi rimasti tra il suo cazzo e la sua bocca. Il cazzo continuò ad avanzare mentre Bram spingeva la testa di Rosa più indietro per aprire la gola ancora di più e più dritta. Poteva sentire la grandezza della testa mentre scivolava contro la sua lingua. Il gusto era delizioso e la dimensione la eccitava. Avvolse le braccia attorno alle gambe di Bram e sentì i muscoli delle sue gambe contrarsi mentre sentiva il suo cazzo sbattere dentro e fuori dalla sua bocca.
Rosa sentì Bram dire “Cosa state aspettando ragazzi. Fanculo"!!!

Sentì che le sue gambe si aprivano e si sollevavano e qualcosa di grosso veniva spinto nella sua vagina. Entrambi i suoi capezzoli furono improvvisamente bagnati e caldi mentre li sentiva succhiare. Il suo viso era coperto dalla saliva che il cazzo di Bram le tirava fuori dalla gola ad ogni spinta.

Ancora una volta Rosa sentì l'energia sessuale aumentare mentre si ricordava di essere stata violentata su un aereo. Il suo orgasmo fu impetuoso e fece sì che il suo corpo si sollevasse dal pavimento. Entrambi gli uomini si tirarono fuori lasciandola senza fiato. La cosa successiva che sentì fu di essere sollevata. Aprì gli occhi.

Una delle donne giaceva ora dove prima era stata Rosa.

“Ora leccatela” ordinò Bram indicando una delle donne. Bram spinse la testa di Rosa tra le gambe della donna. Rosa ha iniziato a leccare e ben presto si è persa nella fica di questa donna il cui sapore e odore erano pieni di sesso. Rosa sentì un cazzo che si insinuava nella sua vagina che era alta ed esposta. Rosa vide Bram con la coda dell'occhio. Era seduto sul bordo del letto con il suo bellissimo cazzo e guardava la sua nuova schiava del sesso leccare la fica di un'altra donna mentre veniva scopata da un altro uomo. Ovviamente questo stava eccitando Bram mentre il suo cazzo diventava sempre più grande, più lungo e più largo. L’energia sessuale di Rosa stava aumentando per corrispondere alla sua taglia. Bram si sdraiò sul pavimento e spinse il suo cazzo in modo che fosse verticale. Era ENORME.

"SIEDITI SU DI ME" disse Bram ad alta voce.

Rosa si alzò e si mise a cavalcioni delle gambe su entrambi i lati di quelle di Bram. Rosa abbassò il corpo finché non sentì la punta del cazzo di Bram toccarle la vagina. Fece un respiro profondo, si lasciò cadere e sentì il cazzo di Bram farsi strada nella sua vagina. Si mosse su e giù sentendo la lunghezza del suo membro penetrare nel suo sesso, la sua enorme dimensione scivolare dentro e fuori allargandole le labbra. Rosa aveva il controllo di questo adorabile cazzo... o almeno così pensava. Prima che lei potesse obiettare, Peter la avvolse tra le braccia e la attirò contro il suo petto e iniziò a muovere i fianchi forzando il suo cazzo dentro e fuori dalla sua vagina. Rosa era intrappolata dalle sue braccia e dal suo cazzo. Lei giaceva immobile, accettando questo adorabile cazzo che si faceva strada nel suo corpo. Bram si fermò improvvisamente. Rosa sentì un altro cazzo contro il suo ano... spingendolo sempre più in profondità. Cercò di divincolarsi.

"Prendilo, puttana mia", disse Bram. Rosa sentì il cazzo penetrare la resistenza dell'anello del suo ano e scivolare in profondità nel suo retto. Ben presto fu riempita da due cazzi che la violentarono. Rosa alzò lo sguardo e vide l'altro uomo e due donne che la guardavano mentre veniva violentata. L'altro uomo si alzò e spinse il suo cazzo nella bocca di Rosa. Tre cazzi, ogni buco riempito.

Bram le sussurrò all'orecchio…. "Godere. Tu sei la mia donna adesso”. L'orgasmo di Rosa andava e veniva, ancora e ancora.

Gli uomini si fermarono e ciascuno tirò fuori dai suoi buchi. È stata presa e adagiata sulla schiena. I tre uomini si inginocchiarono attorno a lei masturbandosi con i loro cazzi eretti e rigidi. Bram le prese la mano e la mise sul suo cazzo. Le sue dita riuscivano appena a raggiungere la sua circonferenza. Mosse la mano avanti e indietro. Peter fu il primo ad arrivare e, con un forte gemito, un flusso di sperma volò fuori dalla punta del suo cazzo e si arricciò nell'aria finché non atterrò sui suoi seni. Sentì il calore dello sperma e il freddo mentre iniziava a colare lungo le curve del suo corpo. Un altro getto le schizzò sul viso e sullo stomaco. Rosa stava guardando il cazzo di Bram mentre le sue mani lo accarezzavano e lo sentì irrigidirsi e sussultare. Se lo puntò alla bocca. All'improvviso Bram gemette e un enorme filo di sperma le volò nella bocca, sul mento e sul seno. Si sentiva la bocca piena, costringendola a respirare attraverso la bocca. Un altro sussulto e un'altra spruzzata di calore le schizzarono sul seno e sullo stomaco. Rosa prese il suo cazzo in bocca e lo succhiò assaporando il sapore salato dello sperma mentre un'altra spruzzata di calore le schizzava sul corpo. Bram sussultò e la sua bocca si riempì di nuovo. Ha ingoiato tutto il suo sperma.

Alzò lo sguardo oltre il cazzo di Bram e vide che gli altri stavano guardando il suo corpo coperto di sperma mentre continuava a succhiare il cazzo di Bram. Si sentiva appiccicosa, bella e totalmente soddisfatta.

Bram si sporse in avanti e la baciò sulla bocca, spingendo la lingua in profondità, muovendola in ogni angolo.

"Molto gustoso" ha detto "Sei una bella scopata". "Come ti chiami"

“Rosa”.

“Va bene Rosa. Ti chiamerò presto e ti darò le istruzioni. Mi aspetto che tu obbedisca”.
Rosa svenne.

Si svegliò al suo posto mentre l'aereo stava atterrando.

Quello che è successo?

Era un sogno?

Si rese conto che non indossava mutandine e quando si mosse il vestito le si appiccicava al corpo. Anche la sua vagina era un po' dolorante.

"Oh Dio" pensò mentre sentiva la sua figa bagnarsi.

Storie simili

La riluttante lap dance di Alison

Alison è entrata nella mia vita come parte di una cosa a tre con un'altra ragazza. Il trio è stato divertente, ma presto ci siamo separati. Abbiamo ricominciato a parlare qualche mese dopo, quando l'ho vista in uno strip-club in cui aveva appena iniziato a lavorare. Poco dopo, abbiamo avuto il nostro primo vero appuntamento. Un paio di drink veloci in un bar per immersioni e un pompino nel parcheggio è stato il massimo del romanticismo. Quando ha iniziato a venire a casa mia, sono stato il primo a farla squirtare quando raggiungeva l'orgasmo. Sono stato anche il primo a trattarla...

910 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

698 I più visti

Likes 0

Eventi che portano alla nostra fase di

Come la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori, eravamo in tanti a frequentarci spesso. Scherzavamo, ci davamo del filo da torcere, ci prendevamo in giro, cose normali da ragazzi. E come la maggior parte dei gruppi di ragazzi di quell'età, alcuni di noi avevano l'auto, e alcuni di noi dovevano prendere in prestito quella dei nostri genitori di tanto in tanto... Era il fine settimana e avevamo deciso di andare in un luogo di ritrovo popolare, un lago a circa un'ora di macchina, che aveva scivoli e piattaforme da cui saltare, probabilmente meglio descritto come l'equivalente anni '80 di un...

563 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

951 I più visti

Likes 0

Caldissimo giocatore di basket

Sono un allenatore di basket in un piccolo collage nel sud. Alleno una ragazza, ne ho venti, cinque per classe. sono di tutte le taglie, alti e bassi, ma non troppo bassi. Tutti sono ben costruiti. Petto delle dimensioni di un gragefruit. Alcuni dei culi più belli che tu abbia mai visto. Quindi un giorno sono nel mio ufficio e Annie entra nel mio ufficio. Indossa uno di quei top corti che le arrivano appena sopra il seno. È obesa che non indossava un reggiseno. Indossa un paio di pantaloncini che sono di cotone e sono così attillati che puoi vedere...

860 I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

868 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

670 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

645 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

621 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

727 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.