Curioso Giorgio

551Report
Curioso Giorgio

Quando ero ragazzo, forse intorno ai 14 o 15 anni, mentre curiosavo trovai un libro sotto il letto dei miei genitori. Il libro conteneva tutti i tipi di storie erotiche e mi sono ritrovato ad amarlo. Mi sono masturbato spesso, come fa ogni giovane, e anche questo libro è diventato una delle cose che preferisco masturbarmi. Potevo usare il libro solo mentre i miei genitori non erano a casa, dato che dovevo andare nella loro stanza per prenderlo, e temevo di essere trovata a cercare il libro sotto il loro letto. Dopo alcune settimane, avevo finito tutte le storie e le avevo lette tutte un paio di volte. Quando i miei genitori erano fuori per la giornata, mia madre a fare la spesa e mio padre al lavoro, entravo nella loro stanza e mi inginocchiavo accanto al letto. Ho trovato il libro e ho spostato alcune cose per vedere se potevo trovarne un altro. Ho trovato una scatola da scarpe, anonima, semplicemente lì, quindi l'ho tirata fuori. Ho aperto il coperchio e ho trovato, con mia sorpresa, 2 falli, uno sottile e verde e uno bianco con molta più circonferenza. Insieme ai dildo ho trovato del lubrificante, dell'olio da massaggio e un piccolo vibratore rosa attaccato a un lungo cordone. Non avevo mai visto un vibratore dal vivo prima, li avevo visti su internet o nei video porno, ma mai di persona. Presi quello verde dalla scatola e lo tenni con entrambe le mani. Era lungo circa 7 pollici e grosso quanto un manico di scopa. Non avevo mai avuto fantasie gay prima, o pensieri gay, ma quando ho tenuto questo vibratore in mano, la mia mente ha cominciato a correre. Ho pensato a come mi sarei sentito nel sedere e se mi avrebbe fatto male. Mi chiedevo se mi sarebbe piaciuto, e se piacermi mi avrebbe reso gay. Ho messo da parte i miei dubbi e ho deciso di tentare la fortuna con il dildo. Ho portato il vibratore e il lubrificante in bagno, dove ho chiuso a chiave la porta. Ho sbirciato fuori dalla finestra che dava sul nostro vialetto per assicurarmi che non ci fosse nessuno in casa, poi mi sono seduto sul water.

Essendo giovane e nuovo al gioco anale, non sapevo come iniziare. Mi sono costretta ad andare in bagno, per paura di fare un disastro sul pavimento del bagno. Quando ebbi finito, ripulii e mi sdraiai sul pavimento. Ho tirato fuori il lubrificante e ne ho spruzzato una goccia sulla punta del dildo, poi ho strofinato il lubrificante su tutta la lunghezza del giocattolo. Mi sono chinato, in ginocchio, con una mano sul pavimento e con l'altra mano che guidava il vibratore sul mio sedere. Ho spinto il vibratore contro tutto il mio corpo e ho spinto, ma ho avuto difficoltà a farlo penetrare. Il dildo semplicemente non scivolava attraverso il mio buco vergine. Mi sono raddrizzato e ho preso di nuovo il lubrificante, questa volta strofinandolo sul mio dito indice. Mi sono piegato all'indietro e questa volta ho guidato solo la mano sul sedere, permettendo al dito di strofinarmi all'esterno del mio corpo. Ho sentito il lubrificante fresco spalmare il mio buco, e poi una strana sensazione quando ho inserito il mio dito indice nel mio buco. Era strano, sia sentire le mie viscere con il dito, sia sentire qualcosa che si muoveva nel mio ano. Non faceva male, era solo strano. Ho toccato delicatamente il mio buco ancora per un po', prima di riprendere in mano il vibratore.

Ho posizionato di nuovo il dildo contro il mio buco e, questa volta, ho sentito la strana sensazione che il mio buco del culo venisse aperto mentre il giocattolo scivolava dentro più facilmente di prima. Il lubrificante attorno al mio buco ha fatto entrare facilmente il dildo e il mio culo ha accettato volentieri l'intruso. È stato fantastico, questo cazzo simulato che mi scivolava nel culo, riempiendomi le viscere. Il dildo era sottile, quindi non faceva affatto male, era scomodo, un po', ma nessun dolore. Ho iniziato a muovere lentamente il vibratore avanti e indietro nel mio culo, sentendolo scivolare lungo le mie viscere, e a tirare il bordo del mio buco del culo ogni volta che scivolava dentro. Mi sono ritrovata a desiderarne di più dopo un po', mi sono ritrovata a desiderare qualcosa di più grande dentro di me. Non appena il pensiero mi è entrato in testa, mi sono ritrovato a tornare nella stanza dei miei genitori e, subito dopo, il grosso vibratore bianco era nelle mie mani.

Mi sono inginocchiato di nuovo e ho lubrificato il vibratore bianco. In ginocchio, ho strofinato il giocattolo contro tutto il mio corpo, prima di spingerlo dentro. Questa sensazione era un po' più intensa della sensazione del vibratore verde nel mio sedere. Questo faceva male, faceva molto male. Ho sentito spasmi di dolore attraversarmi il corpo dal retto. Ho tirato fuori il dildo e ho iniziato a respirare pesantemente, il sedere mi faceva ancora male. Determinato, ho riprovato, questa volta, il dolore un po' meno, ma comunque abbastanza da farmi tirare fuori il dildo. La cosa è andata avanti per alcuni minuti, spingendo dentro il vibratore, sentendo il dolore, poi tirandolo fuori, finché alla fine ho potuto sopportare il dolore e ho lasciato il vibratore dentro. Dopo un po', è stato meraviglioso, il vibratore mi penetrava più profondo di prima. Ho spinto dentro più che potevo, fino a quando sembrava che avrei perso il vibratore, poi l'ho tirato fuori, a volte lasciandolo uscire completamente solo per poterlo sentire tuffarsi nel mio culo fresco. Ho guardato il mio cazzo e l'ho visto gocciolare pre-sborra. Non potevo davvero strofinarmi il cazzo con la mano lavorando sul culo, quindi mi sono alzato, tenendo stretto il dildo con una mano. Ho abbassato la tavoletta del water e mi sono seduta sopra, con il dildo ancora dentro di me.

Mi sono alzato leggermente e mi sono seduto di nuovo, scopandomi con il vibratore ma lasciando le mani libere. "Ecco com'era farsi scopare da un ragazzo", ho pensato tra me e me. Era così bello, il dildo mi dava piacere in modi che non sapevo possibili. Ho accelerato il ritmo, scopando davvero il dildo mentre iniziavo a strofinarmi il cazzo. Era così bello, la combinazione del mio culo che veniva penetrato e della mia mano che mi massaggiava il cazzo. Ho sentito il mio orgasmo arrivare pochi secondi dopo aver iniziato a massaggiarmi il cazzo. Sono arrivato in grandi globi bianchi, direttamente nella mia mano libera in attesa. La mia mano si è riempita rapidamente, un po' è gocciolata ed è atterrata sui miei piedi e sul tappeto. Ho guardato lo sperma, sentendomi molto avventuroso (dopotutto mi sono appena scopato il culo) e ho deciso, perché diavolo no. Mi sono portata la mano in faccia e ho succhiato, prendendo tutto lo sperma in bocca. Ho tossito una volta, facendo uscire parte dello sperma e scendendo lungo il mento. Aveva un sapore salato, un sapore molto strano, ma non del tutto cattivo. Ho provato a deglutire ma avevo la sensazione che lo sperma mi fosse rimasto bloccato in gola. Ho continuato a deglutire finché non ho avuto solo una persistente sensazione di sperma. Mi alzai, quasi dimenticandomi del vibratore nel culo. Cadde con un rumore di risucchio e colpì il pavimento. Mi sono ripulito e sono andato nella mia stanza. I postumi di tutto ciò mi lasciavano un po' dolorante e la gola un po' appiccicosa, ma potevo dire che questo era solo l'inizio di un mondo di sesso completamente nuovo per me.

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

878 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

673 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

648 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

624 I più visti

Likes 0

Come lo sognavo parte 2 capitolo 26

NON POSSIEDO Naruto Leggi e DIVERTITI E ora la storia Scritto da Drago degli Inferi Rivisto da Evildart17/Darkcloud75 xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx Come lo sognavo Parte 2 Capitolo 26 “Naruto. . .NAruto . . . NARUTO” Naruto aprì rapidamente gli occhi dopo aver sentito chiamare il suo nome. Fece il gesto di sedersi ma avvertì dolore attorno al fianco e proprio sotto il petto. Naruto si guardò intorno senza sapere dove fosse. Sembra che tu sia sveglio, ha detto una persona. Naruto notò che la voce apparteneva ad una donna seduta all'altro capo della stanza. Quello che è successo? chiese Naruto mentre si sdraiava...

364 I più visti

Likes 0

...

394 I più visti

Likes 0

Viaggio a Washington

Mi sono alzato dal letto per andare in bagno. quando sono tornato e ho tirato indietro il lenzuolo, lei era sdraiata su un fianco con le gambe aperte... e ho visto le spesse labbra pelose pendere tra le sue cosce sottili. non era la prima volta che la vedevo fare sesso, ma questo era più di quanto potessi sopportare quel giorno. sembrava che mi avesse preso in giro per tutta la sera, andando alla doccia dopo essersi spogliata davanti a me. sedeva e guardava la tv nel motel con la vestaglia abbastanza aperta da poter vedere tutte le sue tette e...

355 I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

963 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

731 I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

365 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.