Curioso Giorgio

885Report
Curioso Giorgio

Quando ero ragazzo, forse intorno ai 14 o 15 anni, mentre curiosavo trovai un libro sotto il letto dei miei genitori. Il libro conteneva tutti i tipi di storie erotiche e mi sono ritrovato ad amarlo. Mi sono masturbato spesso, come fa ogni giovane, e anche questo libro è diventato una delle cose che preferisco masturbarmi. Potevo usare il libro solo mentre i miei genitori non erano a casa, dato che dovevo andare nella loro stanza per prenderlo, e temevo di essere trovata a cercare il libro sotto il loro letto. Dopo alcune settimane, avevo finito tutte le storie e le avevo lette tutte un paio di volte. Quando i miei genitori erano fuori per la giornata, mia madre a fare la spesa e mio padre al lavoro, entravo nella loro stanza e mi inginocchiavo accanto al letto. Ho trovato il libro e ho spostato alcune cose per vedere se potevo trovarne un altro. Ho trovato una scatola da scarpe, anonima, semplicemente lì, quindi l'ho tirata fuori. Ho aperto il coperchio e ho trovato, con mia sorpresa, 2 falli, uno sottile e verde e uno bianco con molta più circonferenza. Insieme ai dildo ho trovato del lubrificante, dell'olio da massaggio e un piccolo vibratore rosa attaccato a un lungo cordone. Non avevo mai visto un vibratore dal vivo prima, li avevo visti su internet o nei video porno, ma mai di persona. Presi quello verde dalla scatola e lo tenni con entrambe le mani. Era lungo circa 7 pollici e grosso quanto un manico di scopa. Non avevo mai avuto fantasie gay prima, o pensieri gay, ma quando ho tenuto questo vibratore in mano, la mia mente ha cominciato a correre. Ho pensato a come mi sarei sentito nel sedere e se mi avrebbe fatto male. Mi chiedevo se mi sarebbe piaciuto, e se piacermi mi avrebbe reso gay. Ho messo da parte i miei dubbi e ho deciso di tentare la fortuna con il dildo. Ho portato il vibratore e il lubrificante in bagno, dove ho chiuso a chiave la porta. Ho sbirciato fuori dalla finestra che dava sul nostro vialetto per assicurarmi che non ci fosse nessuno in casa, poi mi sono seduto sul water.

Essendo giovane e nuovo al gioco anale, non sapevo come iniziare. Mi sono costretta ad andare in bagno, per paura di fare un disastro sul pavimento del bagno. Quando ebbi finito, ripulii e mi sdraiai sul pavimento. Ho tirato fuori il lubrificante e ne ho spruzzato una goccia sulla punta del dildo, poi ho strofinato il lubrificante su tutta la lunghezza del giocattolo. Mi sono chinato, in ginocchio, con una mano sul pavimento e con l'altra mano che guidava il vibratore sul mio sedere. Ho spinto il vibratore contro tutto il mio corpo e ho spinto, ma ho avuto difficoltà a farlo penetrare. Il dildo semplicemente non scivolava attraverso il mio buco vergine. Mi sono raddrizzato e ho preso di nuovo il lubrificante, questa volta strofinandolo sul mio dito indice. Mi sono piegato all'indietro e questa volta ho guidato solo la mano sul sedere, permettendo al dito di strofinarmi all'esterno del mio corpo. Ho sentito il lubrificante fresco spalmare il mio buco, e poi una strana sensazione quando ho inserito il mio dito indice nel mio buco. Era strano, sia sentire le mie viscere con il dito, sia sentire qualcosa che si muoveva nel mio ano. Non faceva male, era solo strano. Ho toccato delicatamente il mio buco ancora per un po', prima di riprendere in mano il vibratore.

Ho posizionato di nuovo il dildo contro il mio buco e, questa volta, ho sentito la strana sensazione che il mio buco del culo venisse aperto mentre il giocattolo scivolava dentro più facilmente di prima. Il lubrificante attorno al mio buco ha fatto entrare facilmente il dildo e il mio culo ha accettato volentieri l'intruso. È stato fantastico, questo cazzo simulato che mi scivolava nel culo, riempiendomi le viscere. Il dildo era sottile, quindi non faceva affatto male, era scomodo, un po', ma nessun dolore. Ho iniziato a muovere lentamente il vibratore avanti e indietro nel mio culo, sentendolo scivolare lungo le mie viscere, e a tirare il bordo del mio buco del culo ogni volta che scivolava dentro. Mi sono ritrovata a desiderarne di più dopo un po', mi sono ritrovata a desiderare qualcosa di più grande dentro di me. Non appena il pensiero mi è entrato in testa, mi sono ritrovato a tornare nella stanza dei miei genitori e, subito dopo, il grosso vibratore bianco era nelle mie mani.

Mi sono inginocchiato di nuovo e ho lubrificato il vibratore bianco. In ginocchio, ho strofinato il giocattolo contro tutto il mio corpo, prima di spingerlo dentro. Questa sensazione era un po' più intensa della sensazione del vibratore verde nel mio sedere. Questo faceva male, faceva molto male. Ho sentito spasmi di dolore attraversarmi il corpo dal retto. Ho tirato fuori il dildo e ho iniziato a respirare pesantemente, il sedere mi faceva ancora male. Determinato, ho riprovato, questa volta, il dolore un po' meno, ma comunque abbastanza da farmi tirare fuori il dildo. La cosa è andata avanti per alcuni minuti, spingendo dentro il vibratore, sentendo il dolore, poi tirandolo fuori, finché alla fine ho potuto sopportare il dolore e ho lasciato il vibratore dentro. Dopo un po', è stato meraviglioso, il vibratore mi penetrava più profondo di prima. Ho spinto dentro più che potevo, fino a quando sembrava che avrei perso il vibratore, poi l'ho tirato fuori, a volte lasciandolo uscire completamente solo per poterlo sentire tuffarsi nel mio culo fresco. Ho guardato il mio cazzo e l'ho visto gocciolare pre-sborra. Non potevo davvero strofinarmi il cazzo con la mano lavorando sul culo, quindi mi sono alzato, tenendo stretto il dildo con una mano. Ho abbassato la tavoletta del water e mi sono seduta sopra, con il dildo ancora dentro di me.

Mi sono alzato leggermente e mi sono seduto di nuovo, scopandomi con il vibratore ma lasciando le mani libere. "Ecco com'era farsi scopare da un ragazzo", ho pensato tra me e me. Era così bello, il dildo mi dava piacere in modi che non sapevo possibili. Ho accelerato il ritmo, scopando davvero il dildo mentre iniziavo a strofinarmi il cazzo. Era così bello, la combinazione del mio culo che veniva penetrato e della mia mano che mi massaggiava il cazzo. Ho sentito il mio orgasmo arrivare pochi secondi dopo aver iniziato a massaggiarmi il cazzo. Sono arrivato in grandi globi bianchi, direttamente nella mia mano libera in attesa. La mia mano si è riempita rapidamente, un po' è gocciolata ed è atterrata sui miei piedi e sul tappeto. Ho guardato lo sperma, sentendomi molto avventuroso (dopotutto mi sono appena scopato il culo) e ho deciso, perché diavolo no. Mi sono portata la mano in faccia e ho succhiato, prendendo tutto lo sperma in bocca. Ho tossito una volta, facendo uscire parte dello sperma e scendendo lungo il mento. Aveva un sapore salato, un sapore molto strano, ma non del tutto cattivo. Ho provato a deglutire ma avevo la sensazione che lo sperma mi fosse rimasto bloccato in gola. Ho continuato a deglutire finché non ho avuto solo una persistente sensazione di sperma. Mi alzai, quasi dimenticandomi del vibratore nel culo. Cadde con un rumore di risucchio e colpì il pavimento. Mi sono ripulito e sono andato nella mia stanza. I postumi di tutto ciò mi lasciavano un po' dolorante e la gola un po' appiccicosa, ma potevo dire che questo era solo l'inizio di un mondo di sesso completamente nuovo per me.

Storie simili

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

In un batter d'occhio

. In un batter d'occhio. Mi siedo sulla panchina aspettando l'autobus sentendomi solo come al solito. Sono quasi sempre circondato da persone, inclusi amici e familiari, e provo la profonda e infinita sensazione di essere solo su questo pezzo di roccia che chiamiamo casa. Ho ascoltato molte conversazioni sulla possibile esistenza degli extraterrestri, e lascia che te lo dica, esistono, solo forse non nella forma e nella forma che pensi. Quando completerai questa voce, crederai che non sono umano, molti mi chiamano animale o disumano, ma credo davvero di essere una forma di vita aliena, intrappolata su questo pianeta, alla ricerca...

622 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

578 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

*c'è una prima parte in questo e ancora una volta la grammatica non è perfetta* Il pensiero della torcia del capezzolo mi ha fatto eccitare, ma non oso dirlo a Mr.B. Mi ha afferrato il braccio e mi ha detto di sbottonarmi la parte superiore e di togliermelo insieme al reggiseno e di mettermi la mano sopra la testa, quando ci ho messo troppo tempo ha sospirato scuotendo la testa e mi ha dato altri schiaffi sul culo. Ho accelerato per non turbarlo più. Ha preso la mia tripla D e i miei grandi capezzoli sorridendo tra sé come se avesse...

1.1K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

1.1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

936 I più visti

Likes 0

Appuntato...

Il mio ultimo anno abbiamo viaggiato per circa 2 ore per un ENORME torneo di wrestling nella speranza di acquisire molta esperienza e forse un trofeo. Questo era diverso dalla fine del primo periodo della mia prima partita. Bene, abbiamo attraversato il primo senza che accadesse nulla di importante e ho toccato il fondo nel secondo periodo. Immagino che questo lo abbia reso un po' eccitato trovandosi in quella posizione di fronte a lui. Ho fatto un tiro e l'ho messo sulla schiena proprio al fischio. Suppongo che sia stato preso alla sprovvista e subito dopo si è reso conto di...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.