Mia nipote Mary Jane -Parte 3 domenica pomeriggio

1.3KReport
Mia nipote Mary Jane -Parte 3 domenica pomeriggio

Quando abbiamo raggiunto l'auto, a Mary Jane è stato detto di sbottonarsi ancora una volta la camicetta e di prendere posto sul sedile posteriore. Mia moglie ha suggerito che, poiché le nostre pance erano piene e il pomeriggio così piacevole, dovremmo fare una lunga passeggiata da qualche parte per consentire al nostro corpo di digerire le attività di mezzogiorno. Confidavo che mia moglie non mi avrebbe chiesto di andare lontano, con Mary Jane seduta sul sedile posteriore, la camicetta spalancata. Tutto quello che potevo vedere nello specchietto retrovisore era pura carne non adulterata, due belle tette, due capezzoli rosa allungati, che mi fissavano. Intendiamoci, non ha aiutato il fatto di aver risistemato lo specchio una volta che ho sentito mia moglie dire a Mary Jane di slacciarsi la camicetta, una cosa assolutamente impensabile da fare per uno zio buono.

Mia moglie è stata comunque gentile, dicendomi che il posto in cui avevamo suonato tanto tempo fa non era troppo lontano e che molto probabilmente avremmo potuto arrivarci in venti o trenta minuti se il traffico lo avesse permesso. Sì, ho pensato, mi sono ricordato di quel posto, molto bene in realtà. Era passato molto tempo da quando eravamo lì, avevamo trovato il posto quando avevamo iniziato a frequentarci. È stato lì che mia moglie ha perso la verginità mentre le ho infilato il mio giovane cazzo virale mentre giaceva distesa su un tavolo da picnic. Era stata una buona cosa che avessimo trovato il posto nel tardo pomeriggio, e ancora meglio che quando ci siamo spostati per fare la cosa, non c'erano molti picnic in giro. Non avevo mai sentito una ragazza urlare così forte; aveva spaventato le luci viventi del giorno fuori di me. Tanto che le ho tirato fuori il mio cazzo, lasciando che fosse ricoperto di sangue di saltare verso l'alto e sparare la mia roba su tutta la sua pancia, fino al collo, coprendo la maggior parte dei suoi adorabili seni ansimante.

Non avevo mai avuto una vergine prima, e non credo che si aspettasse che le cose accadessero in quel modo, quindi eravamo entrambi più che sbalorditi dalle nostre buffonate. Una volta che il dolore si è dissipato, mia moglie ha smesso di piangere, dicendomi che le dispiaceva così tanto per essersi comportata in quel modo. Voleva assicurarsi di non avermi spento, che avrei continuato a provare dei sentimenti per lei e non l'avrei scaricata per le sue mancanze. Fu quel pomeriggio in particolare che decisi che era stata la mia ragazza abbastanza a lungo, e sarebbe stato molto meglio se fosse stata mia moglie ed è esattamente quello che le ho detto. Con il suo doloroso balbettio continuò quel giorno offrendo di eseguire i miei ordini, di fare qualsiasi cosa desiderassi, qualunque cosa volessi, qualunque cosa accada. Non voleva perdermi, mi amava senza fine e sarei stato suo a comandare se fossi rimasto con lei.

Ebbene, quel giorno fu forse l'inizio di molte cose buone che sarebbero avvenute. Ho pulito il mio cazzo e la sua fica, tenendola stretta a me per molto tempo mentre sedevamo nudi nudi su quella panchina da picnic. Prima di partire, abbiamo fatto l'amore tre volte, beh, l'ho scopata tre volte, ogni volta, essendo migliore della volta prima. Sfortunatamente abbiamo dovuto rimanere fidanzata e fidanzato per diversi anni in più poiché entrambi frequentavamo college diversi. Ogni opportunità che si presentava ci faceva scopare più forte che potevamo, e diverse volte eravamo stati in grado di tornare su quella panchina da picnic, ma gli anni avevano preso il loro pedaggio e ci siamo ritrovati occupati con altre cose. Con mia moglie che ha suggerito di fermarci in questo punto particolare, il mio cazzo si è gonfiato nei suoi confini, tanto che ho dovuto riorganizzare la mia posizione seduta e così facendo ha attirato l'attenzione di mia moglie. Ero sicuro che sapesse che avevo riacceso quei ricordi di tanto tempo fa.

Quando abbiamo lasciato la strada principale, per percorrere i pochi chilometri su per la strada secondaria che ci portava sul posto, mia moglie ha iniziato a giocherellare con la propria camicetta. L'ho osservata nella mia visione periferica mentre si sbottonava e apriva la camicetta, slacciandosi il reggiseno, lo sfilava dal corpo e lo posava sulla consolle dell'auto in un luogo semplice, sia di Mary Jane che di me. Non c'era dubbio, stava o aveva pianificato qualche piccola cosa malvagia, non vedevo l'ora di parcheggiare l'auto. Ho iniziato a spingere la macchina in un punto vicino al sentiero, quando mia moglie mi ha dato un colpetto per il braccio e ha indicato una fessura aperta molto più lontana.

Ancora una volta bei ricordi inondarono i miei pensieri, quella notte avevo ricordato a mia moglie la sua affermazione sul soddisfare i miei desideri. Era stato dopo una buona serata d'amore in cui mia moglie aveva raggiunto l'orgasmo diverse volte, era di umore dolce. Quel giorno in particolare eravamo arrivati ​​un po' tardi e abbiamo scoperto che l'unico parcheggio era quasi all'ingresso del parcheggio, lontano dall'inizio del sentiero tortuoso. ho chiesto, ben informato, forse ho insistito perché mia moglie tornasse alla macchina senza i vestiti per coprire il suo corpo squisito e scintillante. All'inizio ha cercato di chiedere l'elemosina, ma alla fine mi ha reso orgoglioso e ha marciato indietro forse un po' più velocemente di quanto avrei voluto, ma ha preso le cose con calma attraversando direttamente il parcheggio e ha rispettato la mia richiesta. C'erano solo tre macchine rimaste nel parcheggio, quindi la prospettiva di essere scoperti non era eccezionale, ma ci ha fornito una carica, e abbiamo pomiciato ancora una volta in macchina prima di partire quella sera.

Una volta parcheggiato, mia moglie ha detto a Mary Jane di scendere, andare davanti all'auto, togliersi i bermuda e metterli sul cofano dell'auto e affrontare il parabrezza. Ho visto Mary Jane obbedire senza esitazione. Era semplicemente bellissima in piedi lì con la camicetta senza maniche aperta, le mutandine rosa che coprivano molto poco, il sole che splendeva sul suo corpo. Mia moglie è scesa dicendomi di stare fermo, poi ha recuperato una piccola borsa dal sedile posteriore e si è trasferita dietro Mary Jane. Ho dovuto riprendere fiato mentre guardavo mia moglie andare al lavoro. Prima ha messo una benda sugli occhi di Mary Jane, poi ha messo una specie di colletto intorno al collo di Mary Jane. Guardandosi intorno immagino per vedere se c'erano dei guardoni o altre persone ostinate, mia moglie ha poi spogliato la camicetta di Mary Jane, esponendola nella sua forma nuda. Il racconto indica che tutto questo stava avendo un effetto positivo, era evidente quando i capezzoli di Mary Jane erano spuntati fuori dalle sue areole.

Mia moglie sembrava non avere fretta, sembrava divertirsi immensamente, so che mi stavo sicuramente godendo lo spettacolo, ho dovuto sistemare la mia asta gonfia lungo la gamba dei pantaloni per ridurre il dolore della pressione che stava esercitando contro il materiale dei miei pantaloni. Ho continuato a guardare mentre mia moglie tirava le braccia di Mary Jane dietro la schiena e le legava come ho scoperto in seguito con una corda di seta che aveva preso per la piccola borsa di oggetti che aveva portato. Una volta fissato saldamente, mia moglie ha raggiunto i capezzoli di Mary Jane e uno alla volta ha fissato una nappa a questa parte allungata del corpo. Facendomi segno di seguirlo, sono sceso dall'auto e mi è stato detto di mettere i pantaloncini e la camicetta sul cruscotto anteriore interno in modo che fossero ben visibili a chiunque passasse. Mia moglie ha quindi attaccato un guinzaglio al colletto di Mary Jane e lo ha tirato bruscamente dicendo a Mary Jane di camminare con attenzione.

Mentre camminavamo molto vicino a diverse coppie, c'era abbastanza fogliame da ostacolare la visuale diretta di mia moglie che sfoggiava la sua carica quasi nuda sul sentiero tortuoso verso il punto in cui ci stava conducendo. Dato che abbiamo potuto ascoltare le loro conversazioni, beh un guazzabuglio di parole, niente di chiaro e tagliente, era certo che erano in grado di dire che altri stavano camminando lungo il sentiero vicino. Se qualcuno di loro avesse deciso di essere amichevole, spostati verso i suoni e salta fuori da qualche parte sarebbe stato sicuramente trattato da una scena bizzarra. Mary Jane sapendo che il suo corpo era esposto, ma non essere in grado di vedere che gli altri non potevano davvero vederla era molto, molto a disagio come abbiamo scoperto quando siamo arrivati ​​nel luogo che mia moglie aveva scelto. Era il luogo in cui aveva perso la verginità tanti anni prima.

Mia moglie guidò Mary Jane fino alla fine del tavolo da picnic che era stato preparato per i visitatori del parco e le disse di restare. Ha poi camminato per la piccola area in cui ci aveva indirizzato, ispezionando ciò che madre natura aveva scelto di lasciare circondare l'area. Non sapevo se fosse interessata a come eravamo coperti oa come noi, beh, Mary Jane fosse esposta. Non l'ho chiesto perché ero impegnato a chiedermi cosa fosse pianificato per Mary Jane. Del resto questa era forse la zona più esclusa di tutte, c'era una buona copertura di cespugli più fitti sui lati e sul retro tranne il piccolo ingresso tortuoso. In quella che potrebbe essere chiamata la parte anteriore c'erano cespugli di un'altezza inferiore che offrivano una buona visuale sul lato della montagna, si potevano persino riconoscere figure sedute o in piedi in alcune delle altre aree picnic, intendiamoci, non si poteva davvero dire molto su di loro, ma se fossero nudi credo che sarebbe discernibile. Quanto a loro che ci guardavano, beh, se uno era in piedi sul tavolo da picnic forse potevano essere notati, dubitavo che qualcuno sarebbe stato in grado di dire se eri vestito o meno.

Mia moglie dopo aver finito il suo giro è tornata a pensare ad aiutare Mary Jane a portare il suo corpo sul piano del tavolo, quando all'improvviso mia moglie ha gridato chiamando Mary Jane una cagna sfrenata, dicendole che non poteva credere a quello che aveva fatto a mia moglie l'ho chiamato disgustoso, poi l'ho sentita dire a Mary Jane che avrebbe pagato a caro prezzo per la sua mancanza di controllo. Con tutto quello che ho detto ho guardato con stupore mentre Mary Jane veniva girata e spinta con la faccia in avanti sul tavolo da picnic. Stava gridando dicendo a mia moglie che era dispiaciuta, così dispiaciuta ma non poteva farne a meno, non voleva essere punita, sarebbe stata una brava ragazza, avrebbe fatto tutto il necessario per modificare la situazione, ma lo ha fatto non cosa punire.


Mia moglie afferrò le sue braccia ancora legate con una mano, la spinse con forza sul tavolo, schiacciandole quelle belle tette morbide. Poi con l'altra mano strappò le mutandine rosa di Mary Jane dal suo corpo, scoprendo il suo piccolo sedere vivace. Gettando il materiale da parte, mia moglie iniziò a rimproverare Mary Jane dicendole che sarebbe stata sculacciata e sculacciata duramente per aver fatto pipì nelle sue mutandine. Diavolo, pensavo che tutto ciò fosse dovuto al fatto che l'eccitazione di Mary Jane l'aveva presa e aveva sborrato mentre veniva condotta su un sentiero tortuoso senza sapere se fosse stata vista. Non mi è mai venuto in mente che la paura avesse avuto la meglio su di lei e si fosse bagnata. Solo quel pensiero ha fatto indurire il mio cazzo per spingere contro i miei pantaloni creando un enorme rigonfiamento scomodo. Mi sono preso a calci per essermi perso di vederla pisciare, sarebbe stato fantastico.

La mia mente era impegnata a cercare di guardare mia moglie, mentre cercavo di visualizzare Mary Jane che lasciava che un flusso di piscio giallo caldo scorresse dalle sue viscere, attraverso le sue mutandine e lungo le sue gambe, mi stava causando difficoltà. Alla fine ho deciso di concentrarmi su mia moglie e su cosa stava facendo passare Mary Jane in quel momento. Stava abbassando con forza il palmo della mano sul culo rotondo e rotondo di Mary Jane, il suono al contatto delle due parti del corpo era acuto e forte, era come se riecheggiasse nella piccola area appartata in cui ci trovavamo. Mary Jane pianse fuori ogni volta che la mano di mia moglie entrava in contatto facendo sussultare anche me. La mia curiosità però ha avuto la meglio su di me, quindi mi sono avvicinato all'azione, dove è diventato evidente che mia moglie non stava gentilmente con le sue sculacciate. Il piccolo sedere di Mary Jane sussultava ogni volta che la sua mano entrava in contatto, si potevano vedere i segni rossi della sua mano, le sue dita mentre erano distese sulle due guance nude.

Anche se non stavo davvero contando il numero di schiaffi che Mary Jane aveva preso, ho perso il conto a venticinque e mia moglie continuava a farlo. Ho notato, pensando che fosse molto strano che i suoni che Mary Jane stava emettendo non fossero più urla di dolore, ma piuttosto gemiti e gemiti a me più familiari come suoni di intrighi sessuali. Non riuscivo a credere che Mary Jane ora stesse scappando dall'essere sculacciata qui nell'area picnic all'aperto che stava davvero miagolando o grugnindo. Mi sembrava che stesse muovendo la parte inferiore del corpo, quasi come se stesse sballottando il tavolo da picnic. Anche mia moglie ha notato questo cambiamento nel suo comportamento, quindi ha smesso di sculacciare, ha tirato Mary Jane giù dal tavolo in posizione eretta e le ha detto che avrebbe fatto meglio a non venire o se ne sarebbe dispiaciuta.

Lasciando Mary Jane, mia moglie si è avvicinata a me esaminando il mio problema e commentando il fatto che forse si dovrebbe fare qualcosa per la mia situazione apparentemente scomoda. Adesso avevo diverse idee su come farlo e su chi sarebbe stato più adatto a risolvere il problema, ma non dissi nulla, non volendo turbare mia moglie, se la mia scelta non era proprio quella che aveva in mente. Non mi importava davvero chi o come sarebbe stato risolto il mio problema, a patto che qualcuno se ne occupasse. Dopotutto ero stato stimolato a tal punto da quando eravamo arrivati ​​al ristorante, e da allora non avevo più avuto modo di fare nulla al riguardo, ogni soluzione era gradita per quanto mi riguardava.

Con mia gioia mia moglie tornò da Mary Jane e le slegò le braccia, pensai che mia moglie mi avesse letto nel pensiero soprattutto quando le aveva ordinato di andare a spogliare suo zio. Mentre Mary Jane camminava ho guardato le nappe attaccate ai suoi adorabili capezzoli oscillare da una parte all'altra, era sicuramente molto erotico, non avevo mai visto niente del genere prima, nemmeno mia moglie aveva indossato nappe per eccitarmi. Mary Jane mi ha sbottonato la camicia, lasciando che le sue mani viaggiassero sul mio petto, sui miei capezzoli ora duri e eretti mentre spingeva la mia camicia. Si avvicinò, premette i capezzoli con le nappe contro il mio petto mentre mi sollevava la maglietta e le toglieva le spalle. Il pomeriggio ancora abbastanza caldo, potevo sentire il suo respiro fresco mentre lo soffiava sulla mia pelle ora nuda. Dopo aver appoggiato la mia maglietta sulla panca del tavolo da picnic, si è accovacciata di fronte a me e si è dedicata al compito di disfare e sfilarmi le scarpe e i calzini dal corpo. Era abbastanza evidente che sapeva che avrebbe dovuto mettere in scena uno spettacolo, mentre sistemava il suo corpo in modo che potessi guardare in basso, in basso, oltre i suoi seni sodi, oltre i capezzoli con nappe, in basso oltre il suo grazioso ombelico, in basso tra di lei gambe che mi danno solo il minimo assaggio dell'inizio della sua adorabile fessura.

Tutto sembrava andare in crescendo, so che stavo avendo difficoltà a controllare i miei stessi ormoni, il mio cazzo stava per scoppiare, non solo sulla scena all'aperto, ma anche il suo seme. Mary Jane forse sapendo questo fin troppo bene, si è mossa dietro di me, poi si è allungata davanti e ha iniziato a slacciarmi la cintura e ad aprire i miei pantaloni. Con cautela, lentamente, sessualmente, ha fatto scivolare il tessuto dei miei pantaloni sui fianchi, oltre il sedere e giù per le gambe. Spingendomi a sollevare una gamba alla volta, Mary Jane mi ha lasciato lì in piedi in mutande, il mio cazzo che tendeva il materiale fuori dal mio corpo come se stesse per perforare da un momento all'altro. La pressione sulla testa del mio cazzo a dir poco era irritante.

Proprio mentre Mary Jane stava per esaudire il mio desiderio e tirarmi giù i pantaloncini, rilasciando il mio strumento, mia moglie l'ha fermata. Le fu detto, con mio grande disappunto, di venire a spogliare la sua padrona. Ho bisogno di raccontare quanto dolore ho provato, stando lì pronto ad esplodere al minimo tocco, guardando Mary Jane sensualmente. con attenzione, amore e lentamente spoglia mia moglie per quanto era nuda. C'erano due adorabili ragazze nude in piedi a meno di un metro e mezzo da me, che pomiciavano nondimeno, si baciavano appassionatamente, si abbracciavano, si sentivano aggrappate l'una all'altra. I loro suoni che fanno l'amore alla fine mi hanno fatto piangere chiedendomi del mio sollievo. Mia moglie ha interrotto le cose, ha portato Mary Jane da me, immediatamente ha iniziato a raccontarmi come dopo che Mary Jane ci aveva guardato fuori sul portico, aveva chiesto che le insegnassero come succhiare il cazzo di un uomo correttamente. Mia moglie ha continuato dicendomi che mentre Mary Jane aveva partecipato a un po' di sesso orale con molti dei suoi fidanzati, non aveva sentito di aver avuto un buon senso di come doveva essere fatto.

Mia moglie ha detto che ora era il momento di mostrare a Mary Jane come doveva essere fatto. Detto questo, ha detto a Mary Jane di inginocchiarsi davanti a me mentre prendeva posizione dietro di me. Mia moglie mi ha sussurrato all'orecchio dicendomi che dovevo essere passivo nelle mie azioni, che avrei lasciato le mie braccia lungo i fianchi e lei si sarebbe occupata del resto, indicando che avrei fatto meglio come lei se avessi voluto raccogliere tutto il benefici. Ehi, cosa stavo per fare, volevo scendere, succhiare, scopare o masturbarmi, non mi importava a quel punto, volevo sparare le mie cose ovunque, la mia sacca per le palle era stretta come sempre , il mio cazzo pulsa come mai prima d'ora.

Mia moglie ha quindi incaricato Mary Jane di infilare le dita nell'elastico dei miei pantaloncini e di allentarle, non di tirarle verso il basso. Per precauzione affinché la testa del mio cazzo non rimanesse impigliata nella stoffa, Mary Jane doveva portare le mani intorno e appiattirle contro il lato del mio cazzo con i pollici rivolti verso l'alto, quindi doveva muovere l'elastico con i suoi pollici, permettendo ai palmi della sua mano di strofinare lungo l'asta del mio cazzo, finché non ha permesso alla testa del mio cazzo di essere scoperta. Una volta che Mary Jane ha messo i palmi delle sue mani sul mio cazzo ho pensato che l'avrei sciolto, ma in quel preciso momento mia moglie si è allungata e mi ha pizzicato entrambi i capezzoli, creando un dolore così acuto che mi sono dimenticato del mio cazzo per un momento.

Quando Mary Jane ha indossato il materiale dei pantaloncini sul mio cazzo, è diventato molto sciolto ed è stato facilmente deluso dalle mie gambe e dai miei piedi. Ora eccoci lì, tre persone nude e nude che spiccano in questo spazio pubblico, il calore dei raggi del sole che ci avvolge ancora in un solido calore. Volevo sporgermi in avanti e mettere il mio cazzo nella bocca di Mary Jane, ma qualsiasi movimento che ho tentato è stato immediatamente interrotto da mia moglie, dicendomi di essere paziente.

Poi iniziò la lezione, mia moglie istruì, non del tutto mostrando, Mary Jane su come procedere. Forse è stato molto più eccitante in questo modo, perché potevo sentire esattamente cosa sarebbe stato fatto, quindi sono stato in grado di sentirlo fare. Mary Jane aveva una bella lingua lunga e snella. Per prima cosa le è stato detto di tenere il mio cazzo saldamente, ma delicatamente, e di allungare la lingua fino al piccolo buco della pipì davanti. Per facilitare la punta della sua lingua in quell'apertura e farla scorrere. Poi le fu detto di leccare la testa sporgente del piccone, come un ghiacciolo, di leccare tutto intorno, concentrandosi sul lato inferiore. In seguito ha preso la testa in bocca stringendole le labbra attorno e strofinandole avanti e indietro sulla morbida pelle tesa.

Amico, volevo spingere in avanti quando la testa le ha superato le labbra, volevo spingere fino alla parte posteriore della sua testa. Ero più che pronto a soffiare, ma ogni volta che dimenticavo il mio posto e iniziavo a muovermi da solo, mia moglie mi pizzicava i capezzoli. Mary Jane ha proceduto a leccare tutto il mio cazzo, per allungare la mano e prendere la mia sacca per le palle, inserendo una palla e una volta nella sua bocca e dimenandola. Ha prestato particolare attenzione alla parte inferiore del mio cazzo, ai peli virili della mia zona pubica, accarezzandoli delicatamente con le sue piccole dita. Mia moglie poi le ha fatto prendere il mio cazzo in bocca, un po' alla volta, ogni volta allentando ulteriormente la sua bocca per tutta la sua lunghezza. Ora non sono attrezzato come alcuni di voi lettori, ma sono dotato di una bella canna dal taglio netto, lunga forse sei o sei pollici e mezzo. Un pezzo funzionante che può essere inghiottito senza troppe difficoltà, ma la prima volta richiede un po' di pratica. Questo ovviamente era ciò che Mary Jane stava imparando, praticando, e stava andando molto bene, devo dire che mi aveva molto vicino a liberarmi molte volte, e molto probabilmente l'avrei fatto, se mia moglie non avesse aggirato la sensazione con i suoi pizzichi i miei capezzoli.

Per quanto tempo sia durata questa pratica, non ricordo, ma è stato sicuramente un periodo piacevole che è stato speso. Mentre Mary Jane sembrava prendere il controllo delle cose, ho visto mia moglie allungarsi e mettere le mani sulla testa di Mary Jane. L'avevo vista fare questo prima, mi stava usando di nuovo come un fallo. Ha urtato e messo a terra la sua fica nella mia schiena mentre tirava la testa di Mary Jane lungo il mio cazzo con un ritmo più veloce, proprio come farebbe qualsiasi uomo se gli fosse stata data l'opportunità, Mia moglie era impegnata a scopare la bocca di Mary Jane con il mio cazzo ignaro di i miei bisogni o il mio piacere. Era lei e Mary Jane completamente avvolte nel loro piccolo programma, entrambe grugnivano e gemevano, dondolandosi al proprio ritmo. Improvvisamente ho sentito mia moglie gridare dicendo a Mary Jane di infilarmi un dito nel culo e spingerlo il più lontano possibile. Bene, l'ha fatto. gocce e gocce del mio seme uscirono dalla mia verga e scesero nella gola di Mary Jane, riempiendole la bocca. Un rilascio che aspettavo da un po', un rilascio di cui avevo bisogno ormai da un po' di tempo, un rilascio come nessun altro che avevo da molto tempo. Era il mio turno di scuotere, scuotere e rotolare, e l'ho fatto, mia moglie mi ha concesso tutta la libertà di aggrapparmi alla bella testa di riccioli di Mary Jane e pompare il seme dal mio corpo.

Una volta che ho smesso di tremare, a Mary Jane è stato detto di tenere il mio cazzo in bocca, di continuare a succhiarlo e massaggiarlo con la lingua, finché non si è ridotto a una dimensione in cui sarebbe semplicemente scivolato dalla sua bocca. Fatto ciò le fu detto di bagnarlo con la lingua assicurandosi che non rimanesse alcun residuo. Non so ancora oggi se mia moglie si è resa conto della situazione in cui stava mettendo Mary Jane quando le ha chiesto di completare questo compito. Avere Mary Jane che continua a lavorare il mio cazzo, le sue dita delicate che lo spostano su, giù tutt'intorno, leccandolo con la sua lingua meravigliosa, ha causato un'enorme pressione nella mia vescica. Ho cominciato a parlare, volevo dire qualcosa, avvertire di un potenziale problema, ma mia moglie mi ha detto di stare zitta, di concedere a Mary Jane il privilegio di imparare le lezioni che doveva sapere. Ho cominciato a chiedermi se davvero mia moglie sapesse di cosa stavo parlando, così ho ricominciato a protestare, ho anche provato a spostare Mary Jane da parte. Quando mia moglie lo ha visto, mi ha dato un pugno sul braccio dicendomi di comportarmi bene e di lasciare che il flusso naturale delle cose si risolvesse da solo. Mary Jane è rimasta sorpresa quando il mio cazzo si è gonfiato nelle sue mani, crescendo fino alla lunghezza che aveva preso in bocca per la prima volta. Quando ha iniziato a indietreggiare un po', mia moglie le ha detto di sedersi per terra di fronte a me, allargare le gambe e appoggiarsi all'indietro sostenendo il suo corpo con le braccia.

Non appena Mary Jane ebbe appoggiato le sue due mani a terra per sostenere la parte superiore del corpo, e mi guardò di nuovo, mi scatenai con un getto di piscio dorato caldo. Mary Jane di certo non sapeva cosa l'avesse colpita, aprì la bocca per urlare come avrei immaginato e me la fece riempire di piscio. Le ho coperto il corpo inzuppando le nappe, colpendole i seni, il ventre, la fica che era spalancata. Mary Jane si bloccò come un cervo catturato dalla luce della testa di un'auto che avanzava a capofitto non in grado di allontanarsi dal diluvio.

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

947 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

838 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

1.3K I più visti

Likes 0

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

957 I più visti

Likes 1

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

516 I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1K I più visti

Likes 0

Game Over

Game Over. Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento. La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore...

854 I più visti

Likes 0

Un piccolo servizio

Yorkshire, Inghilterra, qualche anno fa. Un piccolo servizio. Stavo lavorando in ufficio a capo pozzo quella mattina, il sole splendeva d'oro sul fumo del locale caldaia, gli uccelli tossivano, non pioveva da due giorni, e questa è ufficialmente una siccità nello Yorkshire. Qualsiasi strada intorno a cui mi stavo occupando della cera d'api quando arriva il capo. Blagthorpe. Sommat si sbagliava. Non era tutto audace come al solito. Era quasi nervoso. Ah giovane Allen, dice, tutto amichevole come quando vuole che i conti vengano manipolati. Chissà se potresti rendermi un servizio? Lo farò se posso gaffer, dico, Cosa sta succedendo? Ora...

1.3K I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

1.3K I più visti

Likes 0

La fantasia di uno psichiatra

Essendo uno psichiatra, dovrei rispettare la massima riservatezza con i miei pazienti. Tuttavia, dovevo togliermi di dosso questa storia, ed è una storia che non potevo confidare nei miei college, quindi cambio i nomi per proteggere gli innocenti. Il mio soggetto è una ragazza che chiamerò Candy. Sono specializzato nel lavoro con i giovani, in particolare nei casi relativi al sesso. Essendo un uomo, di solito lavoravo con i ragazzi, ma trovavo alcune ragazze che si sentivano più a loro agio a parlare di sesso con un uomo per un motivo o per l'altro. Era un po' insolito, ma certamente non...

998 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.