La sottomissione della madre - Capitolo 2

2.6KReport
La sottomissione della madre - Capitolo 2

Alex guardò scioccato sua madre inginocchiata davanti a lui, vestita con la lingerie sexy che aveva bramato. "Cosa, come, voglio dire", balbettò Alex, incapace di formulare una frase coerente.

Alicia, dopo essersi ripresa dallo shock di aver visto suo figlio entrare dalla porta, ha rapidamente afferrato la coperta dal letto dell'hotel e si è coperta. "Sei Frustrated_Dom", chiese, credendoci a malapena.

"Ovviamente", disse Alex mentre sprofondava su una sedia. "Come è successo?" "Beh, entrambi ovviamente ci manca qualcosa nelle nostre vite e un programma per computer pensa che ci abbiniamo", ha detto Alicia. "Ma è pazzesco, vero?"

Alex rimase seduto lì, sbalordito, ma non riuscì a impedire che i ricordi si riversassero dentro. Ricordi delle ultime settimane, del parlare con la donna misteriosa che si rivelò essere sua madre. Si ricordò di come lei gli avesse dato un'enorme spinta di fiducia e poi lo avesse acceso.

"Forse", disse esitante Alex, "Forse il computer non era sbagliato." "Non puoi essere seria", disse Alicia, scioccata nel sentire quelle parole uscire dalla bocca di suo figlio. Anche se, se era onesta con se stessa, una piccola parte di lei si chiedeva la stessa cosa.

"Non lo so", disse Alex. "Ma quello che so è che non sono mai stato più felice di quanto non lo sia stato in queste ultime settimane. Esplorare il lato dominante della mia personalità e non vergognarmi del mio cazzo è stato fottutamente fantastico." Non riusciva a credere di usare un linguaggio del genere con sua madre, una donna che aveva sempre percepito come riservata e pudica. Ma ovviamente si era sbagliato di grosso, a giudicare dagli abiti succinti che indossava.

"E c'è il fatto che sei diventato il fulcro di tutte le mie fantasie e ora voglio che diventino realtà", ha continuato Alex. "Puoi onestamente dire che non ti senti allo stesso modo?"

Alicia non poté rispondere per un momento. Mentre ascoltava Alex parlare, tutto ciò a cui riusciva a pensare era quanto fosse stata felice di trovare qualcuno che la capisse, qualcuno che non le facesse sentire come se dovesse nascondere parte di se stessa. E c'era il cazzo davvero magnifico che ora sapeva appartenere a suo figlio.

"Non lo so, Alex", ha ammesso. "Tutti dicono che è sbagliato e, se qualcuno lo scoprisse, potremmo essere entrambi in grossi guai". "Allora non lasciamo che nessuno lo scopra", disse Alex, la fiducia che tornava nella sua voce. "Ma dobbiamo almeno vedere se questo è buono come lo era online. Perché non voglio passare il resto della mia vita a chiedermi se abbiamo rinunciato a qualcosa di straordinario, semplicemente perché avevamo paura di ciò che la gente avrebbe detto ."

Alicia non poté fare a meno di annuire mentre parlava. Suonava così autorevole e forte e quel tono, quel tono fermo e imponente, le facevano inzuppare la figa del perizoma rosso e di pizzo che indossava. "Forse hai ragione", disse Alicia, volendo vedere quel grosso cazzo da vicino e personale, anche se stava cercando di combattere quel pensiero.

"Lo sono", disse Alex, mantenendo la voce ferma e imponente. "Dopo stasera, se non siamo contenti di questo, non dobbiamo continuare. Ma, fino al mattino, sei mio." Alicia sentì un brivido di eccitazione attraversarla, come una scossa elettrica che andasse dritta alla sua fica gocciolante.

"Mentre siamo in questo hotel, ti riferirai a me come signore. Capisci", disse, senza mai lasciare vacillare la sua voce. "Sì signore", disse Alicia, incapace di evitare che le parole lasciassero la sua bocca. "Bene. Allora alzati e lascia cadere quella coperta", disse Alex, pronto a vedere il corpo che lo aveva tentato per così tanto tempo.

Alicia fece un respiro profondo e si alzò, con gli occhi fissi su quello di suo figlio. Un ultimo pensiero di resistenza le attraversò la mente, ma scomparve rapidamente, bruciato dal desiderio che cresceva dentro di lei. Lasciò la presa sulla coperta e questa cadde a terra, mettendola in piena mostra.

Alex si alzò e si avvicinò a sua madre, osservando con gli occhi il suo corpo sexy. "Come mi è mancato quanto sei sexy", si chiese ad alta voce mentre prendeva i suoi grandi seni, lo stomaco perfetto e il culo meravigliosamente pieno. "Ora, ricominciamo da capo", disse, con voce ferma e imponente. "Inginocchiarsi."

Alicia cadde rapidamente in ginocchio davanti a suo figlio, sottomettendosi al suo comando. "Brava ragazza", disse Alex. Si avvicinò al letto e aprì la borsa che Alicia aveva portato con sé. Ha rimosso diversi giocattoli sessuali, appoggiandoli sulle lenzuola arruffate. Alla fine ha trovato ciò che stava cercando.

Tornò in posizione di fronte a lei e le afferrò i capelli lunghi e belli. Usando l'elastico che aveva appena recuperato, le mise i capelli in una coda di cavallo. "Ecco, ora sei perfetto", ha detto. "Grazie, signore", disse Alicia, amando il suono delle parole sulle sue labbra.

"Ora, voglio vedere il resto di quel corpo", ha detto Alex. "Spogliati per me", ha detto mentre si sedeva e accendeva la musica che aveva ***********izzato per questa occasione. Alicia ascoltò la musica, sentendola muoversi attraverso di lei. Cominciò lentamente a muoversi, cercando di ricordare le mosse che aveva imparato per quella notte.

Alex non riusciva a credere a quanto fosse incredibilmente sexy sua madre e, ancora di più, che gli era mancato tutto questo tempo. Mentre si muoveva al ritmo della musica, Alicia si allungò dietro di lei e slacciò i fermagli del reggiseno. Lo lasciò scivolare lungo le braccia mentre si girava, scuotendo il culo ad Alex.

Gemette mentre la guardava. Era molto più sexy di tutte le ragazze che aveva visto. Mentre si girava, Alicia lasciò cadere le mani, sperando che ad Alex sarebbe piaciuto quello che aveva visto.

Quando ha visto per la prima volta i seni nudi di sua madre, Alex ha gemito udibilmente. Interruppe la musica, portando un'espressione confusa sul suo viso. "Vieni qui", disse con fermezza, accarezzandogli il grembo.

Alicia sorrise e si avvicinò a suo figlio, a cavalcioni sulle sue ginocchia. "Così, signore", chiese. "Proprio così", disse mentre le afferrava il seno sinistro, stringendolo con forza. Alicia gemette mentre Alex le massaggiava il seno, toccandole di tanto in tanto il capezzolo.

"È fantastico", ha detto Alicia, il suo respiro si fa pesante mentre la sua figa si bagna. Alex ha risposto spostando la mano sull'altro seno e dandogli lo stesso trattamento. Mentre lo faceva, abbassò la bocca sul capezzolo di lei e lo fece scorrere con la lingua, poi morse delicatamente.

Alicia gridò mentre sentiva e l'orgasmo scorreva attraverso il suo corpo, inzuppando le mutandine e inzuppando la gamba di Alex. Lo tenne stretto per diversi minuti mentre aspettava che l'intensa sensazione si placasse. "Cazzo, non ho mai sborrato da qualcuno che giocava con le mie tette prima", gemette guardando suo figlio.

"Bene. Sono contento di essere il primo", disse Alex, uno sguardo severo sul viso. "Anche se non ricordo di averti dato il permesso di venire, troia." Alicia abbassò lo sguardo, un sentimento di vergogna misto ad eccitazione la riempiva. "Mi dispiace, signore. Non volevo." "Questo è irrilevante", ha detto Alex. "Mettiti sul letto, sulle mani e sulle ginocchia."

Alicia assunse rapidamente la posizione e si voltò indietro. Alex si tolse la cintura e si avvicinò a lei. "Finché siamo qui, sono io a decidere se raggiungere l'orgasmo o meno", disse e fece oscillare la cintura. Alicia guaì quando la pelle entrò in contatto con il suo culo.

"Mi dispiace, signore. Non succederà più", disse Alicia in fretta, con le lacrime agli occhi. "Meglio di no", disse Alex mentre faceva oscillare di nuovo la cintura. Le diede quattro colpi prima di fermarsi, il suo culo rosso brillante e dolorante. "Ora succhiami il cazzo", disse e Alicia si mise in ginocchio sul pavimento, sussultando quando il suo culo toccò il tappeto.

Afferrò il bottone dei suoi pantaloni, cercando di non sembrare troppo impaziente. Ma dentro era molto eccitata nel vedere questo cazzo che, fino ad ora, aveva visto solo in foto. Mentre tirava giù la cerniera, il cazzo di Alex si liberò, quasi colpendo sua madre negli occhi.

"Oh mio dio", disse Alicia, con gli occhi sbarrati mentre inconsciamente si leccava le labbra. "Il tuo cazzo è davvero magnifico, signore", disse, incapace di distogliere lo sguardo dalla sua asta.

Alicia gemette un po' mentre accarezzava le mani su e giù per il suo cazzo. Era stupita di quanto fosse lungo e spesso, molto più grande di suo padre. Senza alcun suggerimento, prese la sua testa di cazzo in bocca, amando il modo in cui le sue labbra riuscivano a malapena ad allungarsi attorno ad essa.

Alex gemette mentre sentiva la bocca di sua madre sul suo cazzo. Non esitò nemmeno, ma invece lo accolse con impazienza. Mentre la sua lingua stuzzicava il buco nella sua testa di cazzo, prese la sua asta più a fondo nella sua bocca.

Non ci volle molto prima che Alex sentisse la parte posteriore della gola di sua madre. Più della metà del suo cazzo era ancora fuori dalla sua bocca e poteva dire che stava lottando per non vomitare. Un piccolo sospiro gli sfuggì mentre tirava fuori il suo cazzo dalla sua bocca.

"Cosa c'è che non va", chiese Alicia, riprendendo fiato. "È troppo grande", disse Alex, l'imbarazzo e la vergogna familiari gli tornarono addosso. Alicia scosse la testa e afferrò il cazzo di suo figlio.

"No, non lo è", disse con fermezza. "Non sono una piccola puttana che non ci proverà nemmeno. Prenderò tutto." Alex guardò direttamente negli occhi di sua madre e vide la lussuria e la determinazione che bruciavano nelle sue pupille. "Ora, ficcami quel mostro in gola. Scopami la faccia come se dovessi fottermi la figa. E non fermarti finché non mi dai da mangiare il tuo sperma", disse Alicia e poi aprì la bocca il più possibile .

Alex non riusciva a credere a quanto fosse straordinaria sua madre, ma sentì che la sua fiducia tornava. Le afferrò una manciata di capelli e le spinse il cazzo in bocca. Non ci volle molto prima che sentisse di nuovo la sua gola.

Questa volta, quando la sentì soffocare, non si fermò. Invece si tirò indietro finché solo la testa del suo uccello era nella sua bocca, poi si spinse in avanti. Seppellì almeno due pollici nella sua gola, stupito di come si sentiva quando la sua gola si strinse attorno alla sua asta.

Ha ripetuto questo processo diverse volte fino a quando non è riuscito a fare l'impossibile. Le sue palle riposavano contro il suo mento e la sua gola si gonfiava attorno al suo cazzo enorme. "Santo cielo! È fantastico", gemette Alex mentre iniziava a fotterle la gola, spingendo la sua asta dentro e fuori dalla sua bocca.

Non ci volle molto prima che sentisse il suo orgasmo crescere e si spingesse in avanti più forte che poteva. Senza una parola di avvertimento, esplose, inondandole la gola di sperma. Poi si tirò indietro e le sparò gli ultimi schizzi in bocca, facendole assaggiare il suo seme.

Alicia deglutì felicemente, amando il gusto dello sperma di suo figlio, quasi raggiungendo l'orgasmo dal sapore delizioso. Dopo aver finito di deglutire, Alicia gli ha leccato il cazzo, assicurandosi di avere ogni centimetro. Poi lo guardò negli occhi e sorrise. "Come è stato, signore?"

"E' stato fantastico", ha detto Alex sentendo il suo respiro tornare alla normalità. "Ora, mettiti sul letto con le mani e le ginocchia. Distruggerò quella figa."

Continua...

Storie simili

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

649 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

582 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.4K I più visti

Likes 2

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Il gigolò del re

Il gigolò del re (Un'avventura medievale) Sono sempre stato un po' appassionato di epoca medievale. Non sono affatto quello che chiameresti un appassionato di storia, mi piace la moda primitiva, in particolare le scollature e i seni gonfi e il comportamento barbaro, ma soprattutto gli intermezzi romantici che sono collegati a così tanti eroi e leggende. Su scala ridotta, sono sempre stato, diciamo, divertito più che interessato all'idea del viaggio nel tempo e del teletrasporto fin dalla tenera età da quando ho iniziato a leggere Le cronache di Narnia, ma immagino che ogni bambino lo sia in una certa misura. Forse...

1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.