Una famiglia onesta - L'avventura di Alice Parte 1

1.9KReport
Una famiglia onesta - L'avventura di Alice Parte 1

Alice stava giocando a un videogioco. Era nella sua camera da letto, alla sua scrivania, e si stava divertendo a giocare con alcuni videogiochi. Ma non durò a lungo. Ci fu un lento e debole bussare alla porta e Alice disse "entra". Sua madre entrò lentamente nella stanza e disse: "Vieni in soggiorno, io e papà abbiamo qualcosa di importante di cui parlarti". Alice interruppe il suo gioco e si alzò. Indossava una semplice maglietta bianca, una taglia più piccola, e sotto aveva un reggiseno nero. Aveva una gonna corta rossa a pieghe e niente mutandine. Preferiva non indossarli quando non era necessario. La metteva a disagio. Era 4'11 '' (150 cm), 14 anni, aveva i capelli neri e lisci che le arrivavano appena sotto le spalle. Le sue tette erano un 34a ma il suo culo era un bel culo rotondo e grassoccio, non troppo grande, ma adatto alla sua figura snella. Quando è arrivata al piano di sotto, ha visto entrambi i suoi genitori seduti su un divano e suo fratello, Jamie, seduto sul divano di fronte. Jamie era un anno più giovane di Alice, ma altrettanto sviluppato, anche di più. Aveva spalle larghe, un'acconciatura corta ma crespa e di solito aveva una statura sicura. Ma la maggior parte del suo sviluppo era nel suo cazzo. Era 6,5 ​​pollici e spesso quando era duro. A differenza di sua sorella, aveva iniziato a prendere un cespuglio.

I genitori di Alice le hanno detto di sedersi. Ora che tutti erano riuniti, la mamma ha iniziato a parlare. Proprio come Alice si aspettava, era il discorso sul sesso. Ha abbracciato una varietà di argomenti basati su sesso e sicurezza. Ma l'ultimo argomento ha incuriosito i fratelli. I loro genitori avevano menzionato la masturbazione. E mentre Alice ne aveva sentito parlare, non sapeva cosa fosse, figuriamoci suo fratello minore. Papà ha detto questo: “A volte, quando vedi un ragazzo o una ragazza che ti piace, potresti sentire un formicolio nel tuo pene o nella tua vagina. E 'normale. Ma qualcosa di ancora più normale e vitale per una sana vita sessuale è la masturbazione. La mamma ha poi continuato; "La masturbazione è quando giochi con il tuo pene o la tua vagina per raggiungere l'orgasmo." Alice e Jamie avevano entrambi sentito parlare di orgasmi prima. Anche prima che fossero spiegati in precedenza nella conversazione. Avevano sentito i loro genitori fare sesso più volte e li avevano sentiti raggiungere l'orgasmo, quindi hanno cercato su Google e presto la verità è stata rivelata. Papà ha continuato, dicendo: “I ragazzi di solito si masturbano mettendo il loro pene in mano e muovendo la mano su e giù per l'asta. Le ragazze di solito mettono le dita nella loro vagina e replicano il movimento di un pene se fosse lì. A volte giocano anche con il clitoride”. La mamma ha poi detto: “Certo, non limitarti solo a questo, alcune ragazze giocano con le loro tette, e sia i ragazzi che le ragazze possono masturbarsi analmente. Fai solo attenzione e vai piano.

I genitori si sono poi fermati per dare ai bambini un po' di tempo per riflettere su ciò che è stato detto. Alice rifletté. I suoi genitori erano sempre stati incredibilmente aperti con lei, per ogni cosa, ogni domanda, la loro agenda ovviamente per assicurarsi che i loro figli venissero sempre da loro con tutto ciò di cui avevano bisogno. E Alice ne era felice. Jamie, d'altra parte, l'ha trovato un po' strano. Avrebbe avuto queste conversazioni più con Alice che con i suoi genitori; erano cresciuti insieme ed erano sempre stati molto legati.

La mamma ha poi continuato la conversazione, "Ora, dobbiamo parlare di porno". Questo era qualcosa che Alice non si aspettava. Aveva già visto del porno, mostratole da un amico, Mark, ma non le interessava davvero, anche se pensava che fosse dovuto al genere del porno, non al porno stesso. Papà ha iniziato a parlare; “Il porno non è un modo per conoscere il sesso. Detto questo, può essere uno strumento per aiutarti a masturbarti. La mamma ha poi detto: "La narrativa erotica è un altro ottimo strumento per la masturbazione, o per il divertimento sessuale in generale-" La mamma è stata interrotta da Jamie, che ha detto "Hai finito adesso?" Papà ha risposto “Sì. Quella era in realtà l'ultima frase che ti avremmo detto, Jamie. La mamma ha poi concluso la conversazione con un rapido "Ciao, ragazzi", e tutti si sono alzati e sono saliti le scale verso le loro stanze.

I minuti successivi furono eccitanti per Alice. Aveva quasi istantaneamente voluto provare la masturbazione, e tutti quei discorsi sul sesso l'avevano arrapata parecchio. Così ha iniziato. Si alzò e sollevò la gonna, rivelando la figa e il culo sotto di essa. Quindi si sedette di nuovo sul bordo della sedia, si appoggiò allo schienale, si mise la mano sulla fessura e si strofinò sopra. Immediatamente sentì un'ondata di piacere. Quindi è andata avanti rapidamente. Prese il suo dito medio e lo inserì lentamente nella sua fica. Lei gemette. E poi bussarono alla porta. Alice ha chiesto chi fosse e Jamie ha risposto "Ali, sono io". poi gli disse prontamente di entrare. Entrò nella stanza e si sedette sul letto di Alice; e Alice allora si sedette dritta sulla sedia, la gonna ancora alzata, ma tolse il dito dalla fessura. Jamie ha poi detto: “Sorellina, sto attraversando un periodo difficile cercando di masturbarmi. Ho bisogno di qualcosa di vero con cui masturbarmi. Ho provato il porno proprio ora, ma non era abbastanza. Io... posso vederti nudo, Ali? Alice rifletté solo per un breve momento prima di rispondere alzandosi e togliendosi la maglietta, poi il reggiseno e infine la gonna lasciandola nuda davanti a suo fratello. E lei non si sentiva affatto strana. L'ha eccitata, più di qualsiasi altra cosa. Ma Alice aveva una condizione. “Adesso, Jamie, togliti i vestiti. È giusto. disse Alice. Senza esitazione, Jamie si alzò e si tolse rapidamente i vestiti, lasciando fuori il suo cazzo duro, in attesa di essere soddisfatto.

Quindi, a tempo debito, Jamie ha iniziato a masturbarsi. Si era seduto di nuovo sul letto di Alice e aveva gli occhi fissi sul suo inguine. Anche Alice si era trasferita. Si è allontanata un po' da Jamie, quindi si è fermata a circa 2,5 metri da lui e ha allargato le gambe per dargli una visuale migliore. Dopo circa un quarto di minuto, Alice iniziò ad annoiarsi. Quindi, ha deciso di masturbarsi anche lei, cosa che le era sfuggita di mente con tutto il trambusto. L'ultima volta non è nemmeno riuscita a cominciare, nel momento in cui si è infilata un dito nella figa, Jamie l'ha interrotta. E per la maggior parte, era grata per questo. Inserì di nuovo il dito medio nella figa.

Ha iniziato a muoverlo lentamente dentro e fuori, ma non raggiungendo ¾ del dito nella sua fica, aveva paura di andare troppo lontano. Dopo la terza volta che ha spinto dentro, ha emesso un altro gemito involontario. Questo spronò Jamie, che accelerò il passo, mettendosi la mano libera sulle palle, cosa che sembrava dargli piacere. In effetti, ad Alice sembrò che l'avesse già fatto.

Finora nessuno dei due aveva notato il loro silenzio. Ma quando Jamie l'ha fatto, ha rotto dicendo: “Ti dispiace voltarti? Così posso vedere meglio... il tuo culo. era ovvio che Jamie fosse un po' a disagio in questa situazione, ma non abbastanza per fermarla, specialmente da quando l'ha iniziata lui. Alice, d'altra parte, si sentiva sorprendentemente a suo agio ed era felice di accontentarla. Si voltò rapidamente e, a beneficio di Jamie, e per il suo divertimento, sembrava che le piacesse essere guardata, Alice si piegò in avanti di circa 45 gradi, appoggiò una mano sulla scrivania e usò l'altra per masturbarsi.

Questa volta si posizionò più vicino a Jamie, per dargli una visione sia del suo culo che della sua vagina. Poteva sentire l'aumento del suo ritmo in questo momento, la ragione per cui l'onomatopea 'fap' diventava rapidamente evidente, e aumentò il proprio ritmo. Poi si ricordò di qualcosa che le aveva detto suo padre. “Gioca con il clitoride”. Si tolse il dito medio dalla figa e se lo mise sul clitoride. Ha provato un certo piacere nel momento in cui l'ha toccato, ma è stato quando ha iniziato a massaggiarlo bene che si è sentita davvero bene. Gemette più forte di quanto avesse fatto prima quel giorno, e aumentò rapidamente il ritmo della sua masturbazione, e con un altro enorme gemito, raggiunse l'orgasmo per la prima volta. Alice è stata rapidamente seguita dal suo fastidio, che è stato ribaltato vedendo sua sorella finire.
Alice si schiantò sulla sedia e appoggiò la testa all'indietro. Respirava affannosamente e notò a malapena che Jamie si alzava e se ne andava, per poi tornare prontamente 15 secondi dopo per recuperare i suoi vestiti. Si è seduta su quella sedia per 2 minuti buoni, riprendendosi, e poi l'ha spostata sulla sua scrivania. Andò sul suo computer e aprì Skype. La prima cosa che ha notato è stato un messaggio di sua madre, inviato 2 minuti fa. Il messaggio diceva "Divertiti?". Alice arrossì, poi ridacchiò e rispose "Sì ". il suo prossimo programma era parlare con la sua amica, Kat. Aveva bisogno di condividere questo con qualcuno, e il suo primo pensiero fu di parlare con la sua migliore amica. Ha inviato il messaggio "ciao" e ha quasi ricevuto una risposta immediata che diceva "Come è andata?".

Alice era confusa. Come faceva Kat a sapere già cosa era successo? Alice ha risposto "Come è andata COSA è andata?", E Kat ha risposto con "Il discorso sul sesso, sciocco! Tua madre è venuta da me e mi ha detto che ne avrebbe parlato con te, dato che i miei genitori avevano già parlato di sesso con me, voleva sapere alcuni buoni argomenti da includere. Quindi, chiederò di nuovo. Com'è andata?" Alice ha risposto "Oh, sai, erano le solite cose noiose che impari a scuola a scuola, tranne che alla fine, i miei genitori hanno iniziato a parlare con me e J della masturbazione". la risposta è stata “Wow, davvero? L'hai già provato?”. "Hai?" fu la risposta quasi immediata di Alice. “Ehm, sì. Si Io ho. Io e Mark abbiamo parlato di sesso nello stesso momento, e poi ci siamo masturbati entrambi, da allora. Potevamo sentirci attraverso i muri. È stato un po' strano.”. Alice ha risposto "Oh, non è da nessuna parte così strano come quello che è successo dopo il NOSTRO discorso sul sesso.". “Bene, dimmelo allora!”, ha risposto quasi subito Kat.

“OK allora, ecco qua. Quindi sono tornato di sopra e ho voluto provare a masturbarmi. Così mi sono tirato su la gonna e ho messo la mano sulla vagina. Mi sentivo bene. Ho iniziato a infilare il dito medio nella vag e, quando l'ho fatto, ho gemuto. Poi J ha bussato alla mia porta. L'ho fatto entrare e lui si è seduto. E prima che tu me lo chieda, no, non era strano che fossi mezzo nudo davanti a lui. Siamo abbastanza vicini. Ha poi detto che non poteva masturbarsi e voleva una cosa reale su cui masturbarsi. Voleva vedermi nudo. Così mi sono tolto i vestiti e gli ho detto che se voleva che rimanessi nudo, avrebbe dovuto spogliarsi anche lui. Quindi eravamo entrambi nudi, lui era seduto sul mio letto e io ero in piedi di fronte a lui. Entrambi ci stavamo masturbando. Ho allargato un po' le gambe e poi ho iniziato ad accelerare. Poi J mi ha chiesto di girarmi, in modo che potesse vedere il mio culo, e io l'ho fatto, ma mi sono anche chinato un po' in avanti in modo che potesse ancora vedere la mia vag, almeno un po'. Fu allora che mi ricordai di strofinarmi il clitoride, e quando lo feci gemetti molto forte, e presto raggiunsi l'orgasmo, poi lo fece J. Se n'è andato e mi sono seduto sulla sedia per 2 minuti. Poi sono entrata su Skype e mia mamma mi ha mandato il messaggio 'Ti sei divertito?'. Ho risposto di sì, poi ho iniziato a parlarti.

La risposta di Kat è stata questa: “OH MIO DIO! È fantastico! Tua madre è fantastica, e quella cosa con tuo fratello, wow. Ma aspetta, sei ancora nudo adesso?”. "Sì", fu la risposta di Alice. Solo ora se ne rendeva conto lei stessa. "Posso vedere?"

Silenzio.

Alice fu un po' sorpresa dalla richiesta della sua amica. Tuttavia, ha avviato una videochiamata. Kat stava fissando intensamente l'icona di caricamento, finché la fotocamera non si è accesa e il viso e le tette della sua migliore amica sono stati visualizzati sul suo schermo. Alice sorrise quando vide gli occhi di Kat trafitti dalle sue tette. "Wow", fu la prima parola di Kat. Ha poi continuato a dire "Posso averli?". Alice era raggiante. Ma era anche poco chiara su ciò che la sua amica aveva appena detto. “Li hanno come?”. Kat arrossì selvaggiamente. "Io... io voglio... succhiarli."

"Kat, sei lesbica?" "No!" fu la risposta di Kat. La faccia di Alice mostrava confusione, ma poi Kat ha continuato con "I'm Bi". "Oh. Ha senso. Bene, allora vieni.» Kat ora ha assunto il ruolo di essere confusa. "Che cosa?" «Hai detto che volevi succhiarmi le tette. Non puoi farlo su Skype, vero?" Kat sorrise, gioiosa, e disse "A presto!" Poi è scappata e Alice ha chiuso la chiamata.
Continua...

Parte 2: http://www.sexstories.com/story/68917/

Storie simili

Sperma medicina 4

Capitolo 4 Si prega di leggere i primi 3 capitoli Kellie fece del suo meglio per sembrare sconvolta mentre Kristin si precipitava alla porta principale dalla sua macchina. Kellie aprì la porta d'ingresso prima che Kristin avesse la possibilità di bussare. “Oh mio dio Kellie? Che cosa sta accadendo?! Hai chiamato i servizi di emergenza??”, disse frettolosamente Kristin mentre entrava in casa. Kellie notò che i suoi capelli erano ancora bagnati dalla doccia. Ha anche notato che era truccata, il che non era da lei a quest'ora della notte. Non ancora! Potremmo averne bisogno se non riusciamo a risolvere il problema...

1.4K I più visti

Likes 0

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.1K I più visti

Likes 1

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Insegnanti: Mr Johns_(1)

Insegnanti: Mr Johns Sembra strano ripensarci ora, ma non mi sono mai vergognata del mio corpo, semplicemente odiavo mostrarlo. Questo era più pronunciato a scuola quando evitavo di fare la doccia dopo la lezione di sport finché tutti gli altri non avevano finito. Mi offrivo sempre volontario per riporre l'attrezzatura in modo che le docce fossero quasi vuote quando era il mio turno. Poi mi spogliavo velocemente, mi pulivo e con l'asciugamano legato intorno alla vita mi vestivo, di solito ancora fradicio. Non era perché avevo un brutto corpo. Ero un po' basso per la mia età, ma ero molto magro...

1.1K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

964 I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

1.1K I più visti

Likes 0

Curioso Giorgio

Quando ero ragazzo, forse intorno ai 14 o 15 anni, mentre curiosavo trovai un libro sotto il letto dei miei genitori. Il libro conteneva tutti i tipi di storie erotiche e mi sono ritrovato ad amarlo. Mi sono masturbato spesso, come fa ogni giovane, e anche questo libro è diventato una delle cose che preferisco masturbarmi. Potevo usare il libro solo mentre i miei genitori non erano a casa, dato che dovevo andare nella loro stanza per prenderlo, e temevo di essere trovata a cercare il libro sotto il loro letto. Dopo alcune settimane, avevo finito tutte le storie e le...

662 I più visti

Likes 0

La nuova carriera di Anna_(1)

Anastasia era preoccupata. Il ristorante era molto tranquillo, ancora una volta, e lei non guadagnava abbastanza mance. Inoltre, il corso le stava costando più di quanto si aspettasse, con i libri, l'attrezzatura, ecc. che doveva acquistare. Faceva del suo meglio per essere gentile con tutti i clienti, ma erano troppo pochi per poter guadagnare quanto le serviva. Mentre puliva i tavoli sparecchiati, rimase solo un cliente: un uomo d'affari sui trentacinque anni che era arrivato tardi. A lei non importava, dato che le persone come lui di solito danno una buona mancia, quindi si assicurò di essere particolarmente attenta a lui...

451 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

3.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.