LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

106Report
LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO

CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE

È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un "bip" discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir.

Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. "Ho bisogno di te nel mio ufficio." Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca. Non importava su cosa avrei potuto lavorare, importante o banale, era lo stesso rispetto a quell'espressione di bisogno. Il messaggio non era una richiesta; non era una richiesta o un suggerimento. Il messaggio era semplicemente un'affermazione, un'affermazione che non richiedeva alcuna considerazione, valutazione o priorità da parte mia. L'affermazione era semplicità. Ha bisogno di me. Non ho bisogno di sapere altro. Infilo le braccia nelle maniche della giacca e prendo il tablet nel caso ne avessi bisogno.

I miei tacchi alti fanno clic e risuonano sul duro pavimento mentre esco dal mio ufficio al 10° piano, superando la mia segretaria e altri nei loro cubicoli mentre mi dirigo verso l'ascensore per l'11° piano, il livello dirigenziale. La targhetta sulla porta del mio ufficio in legno massiccio dice: Tina James, Executive Accounts Director. io sono quello. Gestisco i conti che il signor Woodburn supervisiona personalmente per clienti speciali del nostro istituto finanziario. Ma sono anche molto di più. Faccio scorrere il mio badge lungo il lato dei pulsanti del piano per permettermi di accedere all'undicesimo piano. L'undicesimo piano è molto limitato. Le transazioni e le decisioni commerciali normali e quotidiane non sono frequenti lì. Solo le questioni, le decisioni e i clienti strategici più importanti e critici raggiungono quegli uffici.

Mentre l'ascensore inizia la sua lenta salita dalle 10 alle 11, colgo il mio riflesso nella porta lucida. Il familiare formicolio aumenta man mano che considero il potenziale del suo bisogno. A volte è professionale, un potenziale cliente o una proposta per uno esistente. A volte, però, il bisogno è personale. Quelli sono i miei preferiti.

Uscendo dall'ascensore faccio scorrere il mio badge sulle doppie porte immediatamente davanti a me in una parete di vetro che separa gli occupanti dell'undicesimo piano dalle attività sottostanti. Questa è stata la singolare impressione che ho avuto anch'io una volta. Ora, mentre entro, sono di nuovo colpito dal peso e dal potere che emanano da questi uffici. Questo piano contiene la Board Room, uffici separati per i sei membri del consiglio quando sono nell'edificio, uffici per il COO e il CFO. Gli assistenti personali di ciascuno si trovano fuori dai loro uffici, che sono separati lungo il corridoio a causa delle dimensioni di ciascun ufficio lungo la sinistra. Sulla destra c'è una sala conferenze più piccola, una sala telecomunicazioni e la sala riunioni formale. Sono concentrato sull'ufficio più lontano in fondo al corridoio e sul più grande, quello del signor Woodburn.

Busso alla porta e aspetto in silenzio. Lancio un'occhiata a Trudy, la sua assistente personale e molto discreta. Lei mi rivolge un sorriso d'intesa e io lo ricambio. Mi alzo su entrambi i piedi con la stessa pressione. La mia schiena è dritta e le spalle tirate indietro, il che ha l'effetto di pronunciare il mio seno davanti a me. La mia suite da lavoro oggi è nera e consiste in una giacca sopra una camicetta bianca abbottonata semitrasparente. La mia gonna flirta con il decoro per la mia posizione nel settore finanziario. Termina appena sotto la metà della coscia, che potrebbe essere considerata di diversi centimetri troppo corta per chiunque altro.

"Entra."

La voce del signor Woodburn è chiara e diretta. Afferro la maniglia mentre sorrido di nuovo a Trudy e spingo la pesante porta nella stanza. Entro nel suo ufficio, la porta si chiude automaticamente dietro di me. Il signor Woodburn, anche nella natura tranquilla e sommessa dell'undicesimo piano, ha sempre la porta chiusa. Vado direttamente davanti alla sua scrivania tra le due sedie dei visitatori. Si spinge contro la sedia, i gomiti sui braccioli della sedia dirigenziale, le dita intrecciate sulle labbra e lo sguardo che non mi lascia. La sua giacca è tolta e appesa in un armadio lungo la parete interna.

Senza una parola da parte di nessuno di noi due, mi tolgo la giacca, la piego e la appoggio sullo schienale di una sedia. Le mie dita poi si muovono per sbottonare ogni polsino della mia camicetta, quindi lavorare i bottoni dall'alto verso il basso sul davanti. I miei occhi sono in contatto con i suoi. Tiro la camicetta dalla gonna, sbottono l'ultimo bottone e me la faccio scivolare dalle spalle e dalle braccia. Lo metto sopra la giacca. Le mie mani si spostano sul retro della mia vita, si slacciano e chiudono la cerniera, poi si dimenano fuori dall'indumento attillato, anch'esso posizionato sopra la stessa sedia. Per un momento o giù di lì, rimango perfettamente immobile, le mie mani comodamente lungo i fianchi. Sono nuda tranne che per le calze alte fino alla coscia e i tacchi da 4 pollici e mezzo.

Mi sta osservando intensamente, forse più a lungo del normale, ma io aspetto con pazienza. Lui annuisce, in modo quasi impercettibile, che è il motivo della mia grande attenzione al suo viso e ai suoi occhi. Con quel cenno, mi sposto di lato e mi siedo sull'altra sedia. Incrocio le gambe comodamente come se fossi un'altra impiegata o una visitatrice completamente vestita nel suo ufficio. Aspetto che dichiari il suo bisogno.

“Sai che giorno è oggi, Tina?”

"Oggi, signore?" Mi scuso su questo. C'era qualcosa di significativo oggi che ho trascurato di ricordare. ne dubitavo. Sono meticoloso sui dettagli con il signor Woodburn. Scossi lentamente la testa, i miei lunghi capelli biondi si muovevano sulla mia spalla destra, che sposto dietro la spalla. Sono seduta con la schiena dritta, di nuovo con le spalle leggermente tirate indietro per mettere in risalto il seno, nessuna parte della schiena contro lo schienale della sedia. Potrebbe venire un momento in cui desidera che mi accovacci sulla sedia, ma lo indicherà. “No, signore, mi dispiace. Presumo che tu non intenda "martedì" o "il 6".

Lui ridacchiò: “No, caro. Devo prendere come una cosa positiva o negativa che tu non ricordi che un anno fa oggi hai iniziato la tua nuova posizione per me?

Ho sorriso in cambio. Non l'avevo registrato. “Molto positivo, signore. Mi è piaciuto servirti in ogni modo. Semplicemente non sapevo che fosse già passato così tanto tempo.

Sorrise il suo sorriso consapevole, sempre fiducioso. "Forse questo potrebbe essere un buon momento per ricordare il nostro accordo, mia cara."

Ho continuato a guardare attentamente i suoi occhi, il viso e le mani per ogni minima indicazione a cui reagire. "Sì, signore, se lo desidera."

Eccolo lì. Le prime due dita della mano destra si separano in una "V". Tempo per il slouch. Mi appoggiai allo schienale della sedia e sollevai le ginocchia sopra i braccioli della sedia, esponendo completamente alla sua vista la mia figa liscia, senza peli e che perdeva. Fissò la mia figa per diversi istanti, i suoi occhi si muovevano e si fissavano sui miei seni e capezzoli prima di alzarsi finalmente sul mio viso.

“Abbiamo concordato che potevi fermarlo in qualsiasi momento lo desideri senza rancore. Mi assicurerei che ci fosse un lavoro all'interno dell'azienda se desiderassi restare con noi. Sarebbe lo stesso di Trudy poco più di un anno fa. Ho sorriso. Sì, Trudy potrebbe aver smesso di essere la sua amante, ma non si è mai VERAMENTE fermata.

Ho fletto i miei muscoli di Kegel per fargli l'occhiolino con la mia figa. Catturò il movimento e sorrise. “Signore, non riesco a immaginare perché vorrei lasciare questa posizione con te. Mi hai fornito una posizione che è la realizzazione di ciò che sono. Prima di accettare questa posizione e il tuo paziente addestramento, ero un guscio vuoto. Mi hai riempito con la comprensione di cosa e chi sono. I miei occhi abbassarono lo sguardo per una frazione di secondo. "Signore... spero che lei non stia arrivando a manifestare il suo dispiacere nei miei confronti..."

Ha riso. Non era una risatina sommessa, ma una risata chiassosa. “Sciocca, puttana! Scontento di te? È una buona risposta, comunque, una risposta da vera puttana, non trovi?

Ho recitato il mantra del mio addestramento: "Signore, una vera troia non presume mai nulla, ma cerca solo di migliorare costantemente la sua devozione e le sue abilità, senza mai aspettarsi di raggiungere completamente il pieno piacere del suo padrone". Sorrise.

Un anno intero da quel giorno. Non potevo crederci. Sembrava che solo pochi istanti fa ero seduto su questa stessa sedia in procinto di cambiare la mia vita.

* * * * *

Mi sono seduto alla mia scrivania al secondo piano dell'edificio, pensando agli affari che qualcuno mi ha messo davanti. Ero un umile specialista di conti che gestiva i conti banali che sono una dozzina di centesimi per un'istituzione come la nostra, ma il sostentamento delle persone che ce li portano. Lavoravo con l'azienda da cinque anni e l'unico motivo per cui riuscivo a capire perché non ero cresciuto ulteriormente nell'organizzazione era che non ero spietato e intrigante come la maggior parte degli altri account manager, il che sembrava essere il modo per farsi notare. Ero invisibile nell'organizzazione. Necessario. Necessario, addirittura. Ma, invisibile.

Immagina il mio shock, quindi, quando il mio monitor ha suonato che avevo programmato un incontro con il signor Woodburn, l'amministratore delegato, tra 15 minuti. Immagina gli scenari peggiori che mi sono passati per la mente perché non poteva esserci uno scenario positivo. Non credevo davvero che nemmeno il manager del mio manager sapesse chi fossi. Perché il signor Woodburn?

«Tina James?» Alzai lo sguardo verso la voce in piedi all'apertura del mio cubicolo. “Sono Trudy Michaels, l'assistente personale del signor Woodburn. Sei a conoscenza del tuo incontro programmato con il signor Woodburn?"

Annuii intorpidito con la testa e la fissai come un cervo alla luce dei fari che avremmo visto sulla tranquilla strada di campagna per tornare a casa. Forse non aveva ancora 30 anni, circa un anno meno di me. Era in forma e forse un paio di centimetri più alta, rendendola alta 5'7". Portava i capelli castani sulle spalle. Aveva un viso molto simpatico.

“Cosa... c'è qualche errore? Deve esserci un errore. Perché il signor Woodburn dovrebbe volermi vedere?

Sorrise calorosamente, il che era un po' rassicurante. «Non c'è errore, signorina James. Ho fatto io stesso il programma sotto la sua direzione. L'ho solo guardata. “Signorina James, ho bisogno di accompagnarti di sopra. L'11° piano è ad accesso limitato.»

Scossi la testa e saltai dalla sedia. "Certo, scusa."

All'ascensore, ho notato che ha usato un badge diverso per premere il pulsante 11, poi lo ha usato di nuovo per entrare nell'area dell'ufficio. Indicò una sedia accanto alla sua scrivania. “Potrebbero essere o meno pochi minuti. Ti assicuro che è al corrente dell'ora e del tuo incontro con lui. Mi farà sapere quando sarà disponibile”. Lo disse in modo tale da non lasciare spazio alla discussione, ma il suo dolce sorriso era di nuovo rassicurante.

Il suo telefono squillò. Rimase in ascolto per un momento, riattaccò il telefono e si alzò. "Sig. Woodburn è pronto per te ora.

Mi ha fatto entrare nell'ufficio, che era enorme, molto legno, morbida moquette, un piccolo tavolo da conferenza e un'area salotto accanto alle finestre che si affacciano sulla città.

"Signorina James." Si stava già spostando da dietro la scrivania per incontrarmi. Ho sentito la porta chiudersi dietro di me. Aveva poco più di 50 anni ed era alto forse un pollice più di un metro e ottanta. Aveva un aspetto tonico e atletico, rafforzato dalla facilità con cui si muoveva nell'ufficio. Era piuttosto attraente, più di persona che l'impressione che ho avuto dalla sua foto sul sito web. I suoi capelli erano castani con le tempie ingrigite. Era un po' più lungo di quanto normalmente si vede su dirigenti della sua levatura.

Mi indirizzò a una delle due sedie davanti alla sua scrivania e tornò dietro di essa.

“Penso che ci possa essere qualche errore. Forse c'è un altro James nella compagnia?"

Aprì una cartella davanti a sé. Non riuscivo a vedere cosa contenesse, ma c'erano diverse pagine. Scrutò le prime due pagine.

«Bene, vediamo qui... Tina Marie James, specialista contabile al secondo piano sotto Mary Robertson. Hai 30 anni, 5'5 "di altezza, 120 libbre", alzò lo sguardo con un sorriso, "scusa mia cara per le informazioni personali. Mi è stato detto quanto possano essere sensibili le donne riguardo al loro peso. Lui ridacchiò e io risi con lui. Ha continuato: "Capelli lunghi, ondulati e biondi che si estendono lungo la schiena". Annuì. "Okay, il figlio maggiore di tre figli di Harold e Agnes James che sono agricoltori vicino a Lamont, Iowa." Alzò lo sguardo: "Lamont, Iowa?"

«L'angolo nord-est dello stato, vicino al confine con il Minnesota. Sono tutte circa 500 persone in città. Serve solo le fattorie circostanti. Annuì. Non sembrava molto interessato e io arrossii al riconoscimento di avergli fornito così tante informazioni su qualcosa che per lui non significava nulla.

* * * * *

La guardò comodamente seduta di fronte a lui. Sì, avrebbe potuto rileggere le informazioni ei rapporti un'altra dozzina di volte, ma la donna di fronte a lui era il ruvido guscio di ciò che poteva tirar fuori da dentro di lei, come una farfalla dalla dura crisalide. Ha letto i dettagli sulla sua famiglia e ha discusso di nuovo se sarebbe stato utile o dannoso farli emergere. Era possibile che in quelle pagine ci fossero informazioni del suo investigatore su cui nemmeno lei aveva aperto gli occhi. L'intero tentativo potrebbe andare bene o male nei prossimi istanti. Diverse donne erano apparse durante il suo processo di screening, la maggior parte delle quali più giovani, ma nessuna aveva mostrato questo tipo di potenziale. Era dai tempi di Trudy che non trovava una donna di tale potenziale e Trudy non era mai stata così affascinante come quella donna. La natura personale delle informazioni potrebbe offenderla come invasione della privacy o rafforzare i sospetti che l'avevano perseguitata.

Nulla era cambiato. La sua unica linea d'azione, se doveva essere lei, era andare avanti per mostrarle quello che era. Ha sempre riconosciuto il rischio di utilizzare le informazioni personali. Sia che si tratti di trovarla o di comprendere un grande cliente potenziale, sapere quanto più possibile ha avuto i suoi frutti, come è stato utilizzato potrebbe rappresentare un rischio.

* * * * *

Stava studiando i fogli davanti a lui e ora mi stava studiando. Mi chiesi cosa stesse considerando. Ha già fornito dettagli sufficienti per convincermi che dovevo essere la Tina James con cui voleva parlare.

Stava leggendo un rapporto: “Cresciuto in una fattoria rigorosa e piuttosto conservatrice e devotamente allineato con un piccolo gruppo protestante molto conservatore, che esercitava una notevole influenza e controllo sulle due dozzine di gruppi familiari della zona. La madre era molto sottomessa al padre”. Mi ha guardato le pagine. Sembrava valutare più della mia conferma di queste informazioni su me stesso. Sono rimasto scioccato da quanto sapesse di un impiegato di basso livello come me da una città e da un background senza nulla.

"Come... perché sai così tanto?"

Sorrise in modo disarmante: "Mia cara, è mio dovere sapere quello che ho bisogno di sapere sulle persone con cui potrei avere a che fare". Stava di nuovo rivedendo le informazioni mentre stava chiaramente considerando sia le informazioni che il loro significato. Poi si sedette. "Sei felice qui, signorina James?" La domanda è stata una tale sorpresa. È venuto fuori dal nulla e sembrava incongruente dal discorso che l'aveva preceduto. balbettai. Era il tipo di domanda che mi sarei potuto aspettare durante una superficiale verifica delle prestazioni con il mio diretto superiore, una domanda posta a tutti i dipendenti, anche se la risposta sarebbe stata ignorata. I miei occhi vagarono per la stanza e la sua scrivania mentre cercavo un modo sicuro per rispondere alla domanda. “Il motivo per cui te lo chiedo è che sei qui da cinque anni e non sei ancora molto avanzato. Tuttavia, quando guardo la qualità del tuo lavoro e i commenti dei clienti che hai servito, la tua performance è stata eccezionale. I clienti sembrano amarti. Non un solo commento negativo. Di solito, accettiamo una certa percentuale di commenti negativi riguardanti gli account che promuovono prodotti che il cliente non desiderava. Tu, d'altra parte, hai un buon record di aggiunta di prodotti ma eviti l'impressione negativa. Tuttavia, non sei stato promosso.

“Io...” ebbi la netta sensazione che avesse già un'idea del perché. Se la mia prestazione fosse stata così buona, il mio atteggiamento con i colleghi maschi potrebbe comunque farmi disciplinare o licenziare?

“So che sei divorziato. È personale e mi dispiace che tu l'abbia sperimentato. Ha una certa rilevanza, tuttavia, credo. Ma sembra che ci sia un riporto nei rapporti con colleghi maschi e maschi in contesti sociali. Come poteva saperlo! Ok, i colleghi maschi potrebbero aver attirato l'attenzione di qualcuno, soprattutto se i meschini pungenti hanno suscitato una lamentela piagnucolosa. Ma... la mia vita sentimentale?

“Sarò completamente onesto con te, signorina James. Sono costantemente alla ricerca di persone altamente qualificate con cui sento di poter lavorare a stretto contatto. Ho in mente una posizione che riporterà direttamente a me ea nessun altro. Forse puoi immaginare che io abbia l'opportunità, la responsabilità in realtà, di portare alla società conti molto grandi e redditizi. Questi account sono molto importanti per l'azienda, ma anche per me poiché il modo in cui vengono gestiti si riflette direttamente su di me con gli uomini che vengono da me. La persona che sto cercando gestirebbe quegli account personalmente, esclusivamente, per me. Riesci a capire, ora, perché ho bisogno di conoscere a fondo la persona che avrei in una tale posizione?

Stavo per rispondere quando il suo telefono squillò. Quello che non avevo notato era la sua altra mano che premeva un pulsante sul suo smartphone posto accanto alla cartella aperta.

"Mi scusi." Ascoltò per un momento, poi coprì il microfono: "Ho davvero bisogno di prenderlo". Strizzò l'occhio in modo cospiratorio: "Uno di quei conti".

La porta dietro di me si aprì e Trudy mi fece cenno di raggiungerla fuori dall'ufficio. Mio Dio! Sono uscito dall'ufficio stordito. Mi stava parlando di una promozione. Dio, doveva essere un'enorme promozione per gestire i suoi conti.

“Come va lì dentro? Capisci perché voleva parlarti in privato?

Scossi la testa incredulo. Sprofondai nella sedia davanti alla sua scrivania senza sapere che lo stavo facendo. “In parte, credo. Siamo stati interrotti dalla chiamata. Ho pensato che dovevo essere nei guai.

Lei ridacchiò. "Se tu fossi nei guai, sarebbe stato gestito al secondo piano." Alzai lo sguardo su di lei, ancora non credendo a quello che avevo appena sentito all'interno dell'ufficio. "Sig. Woodburn sa sempre cosa sta facendo. È meticoloso nel sapere tutto ciò che può su ogni situazione in cui intende essere coinvolto. Ciò include le persone con cui sta lavorando.

L'ho guardata intensamente, vedendo un possibile alleato per i momenti che potrebbero seguire dopo che avrà terminato la sua chiamata. «Hai lavorato con lui per un po'?»

Lei sorrise. È stato un momento insolito che ha controllato rapidamente. "Sì, molto da vicino." Si sporse in avanti e mi ritrovai a fare lo stesso. Diede un'occhiata alla fila di uffici esecutivi e assistenti all'esterno come se non volesse essere in alto nonostante la separazione tra gli uffici. "Non sei abituato a questo tipo di uomini, vero?" Non era un commento umiliante, ma un'osservazione da parte sua. Scuoto la mia testa. Una ragazza di campagna di una piccola città nella grande città e un'azienda potente, ero molto sopra la mia testa all'undicesimo piano, tanto meno l'idea di lavorare da vicino per lui.

"Vorresti qualche suggerimento che potrebbe aiutarti con lui?" Annuii con entusiasmo e lanciai un'occhiata alla porta come se potesse aprirsi da un momento all'altro. “È un uomo che comprende la vera natura del potere e sa come esercitarlo. Avrà il controllo di ogni situazione in cui si troverà. Nonostante ciò che qualcun altro potrebbe sentire riguardo al controllo, non si metterà in una situazione in cui non sa qualcosa o ha qualcosa che gli darà il vantaggio; poi spetta a lui gestire quel vantaggio. Che sia lui personalmente o qualcuno a cui sta affidando la gestione per lui”.

Mi ha guardato intensamente per lasciarlo penetrare. Sarei stata quella persona a cui stava affidando. Ma non ho quel tipo di potere. È la vera ragione per cui non ho avuto una promozione. Non ho quell'elemento dentro di me per sfruttare la politica dell'ufficio a mio favore. Quella carenza dentro di me è ciò che ho combattuto dentro di me e nelle mie relazioni. Mio padre, mio ​​marito, i miei colleghi maschi e la maggior parte dei maschi che incontro socialmente. La mia esperienza di vita con gli uomini sta controllando uomini che trasudano forza in un modo che soffoca la mia singolare esistenza, esperienza e gioia. Lo stavo combattendo con ogni fibra del mio essere, ma non mi stava portando da nessuna parte. Ora, ecco un altro maschio molto forte. Forse la "grande città" a cui appartenevo era Dubuque, con una popolazione totale di 58.000 abitanti.

Ha visto la preoccupazione e la delusione crescere sul mio viso e sulla mia postura. "Cosa stai pensando?"

L'ho guardata: "Una ragazza di campagna di un piccolo stato persa nel grande mondo ..." Ho sospirato: "Ho combattuto con forza, controllando gli uomini per tutta la vita. Non so di poter gestire qualcuno come il signor Woodburn.

Lei rise e si appoggiò allo schienale della sedia. “Credimi quando dico questo, probabilmente ti conosce meglio di quanto tu conosca te stesso. Non commette errori sulle persone che contano se le mette in orbita intorno a lui. Non ci sono dubbi, Tina. È una grande massa che tiene tutto il resto all'interno del suo effetto gravitazionale. Ma, per coloro che mette deliberatamente in orbita attorno a lui, quella forza e il controllo sono diversi. La guardai con aria interrogativa. L'idea stessa mi era estranea. "Gli uomini di controllo che stai combattendo sono quelli che soffocano la tua vita e intendono piegarti alla loro volontà, per modellarti in qualcosa che immaginano." Ho annuito. "Quello che vedono in te è la conformità e vogliono trarne vantaggio." Sì, mia madre. “Quello che vede è potenziale. Usa la sua forza e la sua natura di controllo non per soffocare, ma per far emergere il tuo pieno potenziale. Posso parlare per esperienza con lui. Le persone pensano che per crescere e prosperare abbiano bisogno di completa libertà e liberazione dalle redini tenute da altri. Terrà le redini, ma liberamente nelle sue mani come un abile cavaliere su un cavallo che necessita di addestramento. Concederà la libertà ma è sempre pronto a fare correzioni con le redini. A volte, potrebbe essere necessario un maggiore rinforzo con la ripetizione e la formazione su elementi specifici che portano alla comprensione. Il risultato finale, tuttavia, è un rilascio di pieno potenziale.

Stavo scuotendo la testa, di nuovo. "Ma perché? Ci devono essere un paio di dozzine di altre persone là fuori che hanno mostrato una maggiore capacità politica di giocare.

Lei rise. “Verissimo e lui lo sa. Ma questo è solo il punto, non vuole accanto a sé persone che giocano e agiscono specificamente per un guadagno politico. Vuole dipendere completamente e fidarsi di coloro che gli sono più vicini. Lo so. Mi ha tirato fuori dal pool di segretarie.

"Quindi, stai dicendo che quello di cui ha iniziato a parlarmi è qualcosa di molto reale e ha già deciso che mi vuole per questo?"

"Non fa niente senza essere sicuro." Poteva vedermi attentamente considerando tutto ciò. “Ma…”, che ha attirato la mia attenzione, “c'è sempre un prezzo. È molto favorevole e ricompenserà il servizio devoto, ma si aspetterà molto in cambio. Voglio dire molto.

Il suo telefono squillò e lei controllò il messaggio. Si è alzata e l'ho fatto anche io.

* * * * *

“Mi dispiace, signorina James. È per questo che siamo qui, però. Spostò di lato un taccuino e riaprì la cartella. "Ora... dov'eravamo?"

"Stavi descrivendo una posizione che hai in mente e la necessità di avere la massima fiducia e impegno da parte della persona in quella posizione."

"Sì. Fiducia. Impegno. E, devozione. Mi guardò intensamente, diede un'occhiata ai fogli nella cartella e sembrò prendere una decisione definitiva su qualcosa. Mi sono reso conto che stavo trattenendo il respiro. Dai commenti di Trudy, sembrava che questo potesse essere il mio lavoro se questo incontro avesse portato alla conferma della sua precedente analisi.

Quando ha iniziato a parlare, sono rimasto scioccato dalla profondità delle informazioni e conoscenze personali che aveva e ho chiesto conferma. Ha sondato la natura del rapporto tra mio padre e mia madre. Ha sondato l'influenza religiosa nella mia educazione e come mi ha influenzato oggi. Ha sondato il mio matrimonio fallito, quale pensavo fosse la causa e come l'esperienza mi ha influenzato ora. Ha sondato le mie attuali relazioni con gli uomini, sia al lavoro che socialmente. All'inizio ero scoraggiato dal fatto che avesse sondato la mia vita, ma ricordai ciò che Trudy aveva detto sul suo stile e sul bisogno di fiducia completa. Ho deciso di andare avanti con il suo sondaggio per vedere dove ci ha portato.

I miei sentimenti riguardo al processo iniziarono a cambiare mentre lui faceva domande e io rispondevo o chiarivo. Potevo sentire un processo dietro il suo approccio. Questo non mi stava semplicemente mostrando quanto già sapeva e mi intimidiva. Stava cercando qualcosa. Avrei potuto decidere dopo, dopo tutto questo, se perseguire questa posizione era quello che volevo davvero. Ero sicuro che avrei imparato di più sul suo stile oltre a quello che Trudy mi aveva già dato.

Lo shock è diventato più profondo quando mi ha posto domande più profonde e personali sui miei genitori. Ho ammesso di non sapere nulla di come si sono conosciuti o della loro storia d'amore che li ha portati al matrimonio. Mi ha mostrato un rapporto, un certificato di nascita e una licenza di matrimonio. Mia madre era rimasta incinta di me da mio padre. Era selvaggia e "facile" come si usava allora il termine. Entrambe le famiglie si sono assicurate che i due si sposassero. L'elemento religioso stretto, controllante e conservatore delle nostre vite stava punendo e controllando me e mia madre. Avevo sentito dell'espressione "i peccati del padre", ma questo era "i peccati della madre". Ci si aspettava che senza interventi rigidi e serrati avrei seguito lo stesso percorso di mia madre.

Per alcune di queste cose mia madre si era scusata quando mi stavo preparando per uscire di casa. Alcuni erano ancora nuovi per me. Mi ha aiutato a spiegare, però, le scelte che avevo fatto nella mia vita, il tipo di uomini che ero programmato per cercare e a cui attaccarmi. Mio marito era della stessa razza di mio padre. Era ironico che l'uomo a cui si rivolgeva per "raddrizzare" mia madre e controllarmi fosse lo stesso uomo che era ugualmente responsabile del problema.

Ha anche fornito una certa soddisfazione e sollievo nella realizzazione finale che non ero pervertito nei miei desideri. Li avevo tenuti privati, anche se uscivano facilmente. Mio marito ha scoperto che i miei desideri e bisogni sessuali sono una perversione della nostra educazione e la natura della santa natura del matrimonio benedetta da Dio. L'ho visto come un bisogno fisico da soddisfare, ma ho lottato per tutta la vita per superarlo. Gli uomini con cui ho interagito non erano degni di me. Mi ero chiesto, lottato con quei sentimenti intensi. Gli uomini al lavoro erano manipolatori e giocavano sempre, sempre con motivazioni che resistevano alla divulgazione. Gli uomini in situazioni sociali erano allo stesso modo manipolatori, ma era più facile identificare cosa fossero. I loro bisogni erano fondamentali. Chiunque fosse interessato a una relazione prolungata trovava che la mia natura riservata e compiacente fosse un'apertura al controllo. Quel controllo, tuttavia, era soffocante, restrittivo e limitante come le mie esperienze con mio padre, i miei fratelli e mio marito.

Più la discussione con il signor Woodburn procedeva, più vedevo la differenza nell'uomo dagli altri. Questo era un uomo di vero potere e controllo. In lui, però, ho sentito la capacità di essere guidato e diretto in modi che sarebbero stati liberatori e responsabilizzanti. Vide ciò che Trudy aveva condiviso con lei. La forza e il controllo del signor Woodburn potrebbero liberare il potenziale di una persona.

Mi sorrideva da dietro la sua scrivania. Era come se potesse leggere il monitor della mia mente mentre tutti quei pensieri e realizzazioni passavano attraverso di me. Poteva vedere la mia comprensione e accettazione. I nostri occhi si sono incrociati. Come potevo non fidarmi e seguire qualcuno che ha fatto di tutto per conoscere e capire chi ero? Sembrava averlo visto anche lui.

"Posso chiamarti Tina?"

"Ovviamente." Non mi sono perso il fatto che non mi abbia offerto di usare il suo nome. Ma era meglio così. Se doveva guidarmi completamente, questa non poteva essere una relazione casuale.

“Questa posizione non è mai stata tentata qui, certamente non a questo livello. Nonostante la descrizione del lavoro, mi sono preparato per le risorse umane, la vera prestazione della posizione sarà un'evoluzione tra di noi mentre impariamo a funzionare come una squadra intima per i clienti e gli account. Ho annuito. Mi ha passato una descrizione scritta del lavoro, che ho sfogliato. Come ha indicato, era un linguaggio comune per la gestione degli account, fatta eccezione per i riferimenti al lavoro diretto ea discrezione dell'amministratore delegato su account e incarichi da lui diretti. Di seguito c'era un foglio con benefici e compensi. Era sbalorditivo rispetto a quello che stavo ricevendo attualmente. Ha anche parlato di volumi sull'uomo. Avrebbe potuto offrire una frazione di questo e sarebbe comunque sembrato eccezionale. Il mio ufficio sarebbe stato situato al 10° piano dove risiedevano tutti i dirigenti senior che non erano all'11° piano. Anche altri vantaggi sono stati notevolmente aumentati: cure mediche, ferie, giorni liberi personali, partecipazione agli utili e incentivi.

Ero sbalordito e pronto ad accettare il lavoro, qualunque esso fosse, proprio lì. Apparentemente l'ha letto anche in me.

Mi sorrise consapevolmente. Ha chiamato Trudy che è entrata rapidamente nell'ufficio e si è messa al suo fianco. “Prima che ci addentriamo troppo nell'offrire formalmente la posizione e che tu accetti se quello avrebbe potuto essere dove stava andando …”, sorrise, “Voglio che Trudy qui assista al resto della discussione. Senza offesa, signorina James, ma non abbiamo ancora quella comprensione del tuo impegno e della tua devozione. Ho bisogno della signorina Michaels come testimone delle mie parole e delle vostre risposte in modo da non finire con un conflitto legale "Lui ha detto, Lei ha detto".

“Conflitto legale? Signor Woodburn, posso assicurarle...» La sua mano si alzò di scatto per fermarmi.

“La conversazione prenderà una piega molto diversa qui, signorina James. Alcune donne si offenderebbero gravemente, anche se il mio giudizio su di te è che non lo farai. Tuttavia, preferisco peccare per eccesso di prudenza”. Ho annuito. Alzai lo sguardo su Trudy e la vidi strizzarmi l'occhio. "Quello che ho descritto finora è il lavoro ufficiale e pubblico che voglio offrirti." Li guardai entrambi confusi. Sorrise ampiamente. "L'altra parte del lavoro è ciò che rende così particolarmente difficile riempire con la persona giusta." Si appoggiò allo schienale e guardò Trudy. “A quanti abbiamo offerto questo lavoro?”

«Nessuno, signore.»

“Quanto è stato difficile provare a riempirlo?”

«Eccessivamente, signore. Infatti, in tutta onestà, pensavo che non sarebbe mai stato riempito. Eppure, eccola lì seduta.

Sorrise e mi rivolse tutta la sua attenzione. "L'altra parte della posizione, mia cara, è quella di essere la mia troia personale." Lasciò quel commento sospeso nell'aria per un momento. So che la mia espressione rifletteva il completo shock di ciò che avevo sentito. Ha continuato come se fosse una condizione aggiuntiva minore, ha aggiunto: “Capisci che non può essere una posizione ufficiale o un requisito di lavoro, ma sarà molto reale. Sarai la mia troia personale, non una troia aziendale.

"Sig. Woodburn... hai detto sgualdrina... vuoi dire... il sesso... come parte del lavoro?»

Sorrise e lasciò che si calmasse su di me. “Sì, sesso di una vasta gamma. Ti dedicherai al lavoro di Executive Accounts Director gestendo i clienti più grandi e strategici per l'azienda, e sarai devoto a me quanto la mia puttana. Era abile, mi sono reso conto nella sua presentazione. He gave these stunning comments as if in casual conversation, then waited for the full impact to take hold before continuing. By doing that, it didn’t overload the senses and emotions. I found myself letting each statement settle in and achieving some level of acceptance before he continued.

“These two elements of the position are critically tied and fused. There are particular clients with accounts that some ‘special attention’ can reap huge benefits.”

“Sex. Sex with you and with clients.”

“Actually, sex as I direct it. When, where, how, and with whom. Remember the devotion part? I will have very specific rules, expectations, and criteria for dressing, standing, sitting, walking, sucking, and fucking. You are a woman who has been frustrated and denied of her desires for too long. You yearn for release and the freedom to be what I am offering you to be … a true slut.”

My head was spinning. My mind was struggling to keep up with all that was being said and the implications of it all. But, there was no doubt about how my body was reacting to it. If my mind was grasping for something to hold onto, my body was screaming to be touched. I felt my body tingling from my pussy to my nipples and up into my scalp. I focused on what I could.

“Excuse me, but you seem very comfortable with this, Trudy. Can I ask your role in this?”

She looked down to Mr. Woodburn and he nodded. I noticed the entire time she stood straight, her feet together and her weight balance between them, and her shoulders were back having the effect of projecting her breasts forward. She giggled.

“I was you. Well, not really. I was really Mr. Woodburn’s mistress as his personal assistant.”

He slipped a hand onto her butt, “She is very good … at both jobs. But, she desires a significant reduction in her mistress duties. Trudy, as it happens, has a boyfriend she is very serious about. I am very happy for her. You, like her, have the opportunity to leave the position whenever you feel it has become too much or for any reason. No hard feeling. As with Trudy, I will make sure you will be taken care of by the company.”

“You really were … are … used to be …”

She giggled and he told her to show me. She immediately began unbuttoning her blouse, pulling it from her skirt, removing it and placing it on his desk. She undid the clasp on her skirt, lowered the zipper and let it drop to the floor. She stepped out of it, placing it on the desk. I was fascinated as her hands moved behind her, unhooking her bra, and dropping it on the desk. Her panties were last. She was left in thigh-high stocking and heels. She resumed her position alongside Mr. Woodburn.

I found him watching me. “She is very comfortable being naked in this office. You will be, too. I can see it.” I blushed profusely. I could feel the heat flowing through my upper body and face. “Stand up, Miss James.” Shocking to me, I did. “Remove your dress.” I looked at him, then at Trudy who remained standing comfortably. I unzipped the back of the dress and lowered it down my body. He studied me, reached into the middle drawer and came out with scissors. “Take off the pantyhose and cut them to shreds. You will never wear pantyhose again. I like stockings but they are to be thigh-highs like Trudy is wearing or stockings with garters.” I did as I was told, now standing before them in bra and panties. Mine were not sexy lace like Trudy’s and I could sense another comment from him. He shook his head. “Take off your bra and panties.” I did, leaving me naked. He smiled. “You are beautiful, Tina. I love your body.” I blushed, again.

He offered me the chair, again. I sat, discretely crossing my legs. He asked, “Tina, do we have a need for Trudy to further witness our discussion?” I smiled and said no. Trudy got dressed and strode past me, winking as she did. “Now that you understand much of the full scope of the position, I would like you to consider this offer over the weekend and give me your answer at 9:00 AM here.” He thought for a moment as if a new idea came to him. “Let’s do this. Arrive here at 9:00 AM. When you enter the office, you can give me your answer physically. If you undress to stockings and heels upon entering, I will know you are accepting the position. If not …” I nodded. “Then, do you have any immediate questions?”

I was sitting in this man’s office naked in the final moments of an interview for a job I had no knowledge of only hours ago. Did I have any questions??

"Sig. Woodburn, Sir, the slut part notwithstanding I wonder about the handling of the accounts. I imagine the accounts are being physically handled by accounts personnel somewhere downstairs. If these clients are to be truly managed at a special level, shouldn’t we have a small staff to oversee and review the day-to-day processing?”

He chuckled and the biggest smile I had yet seen spread over his face. “My dear … ‘the slut part notwithstanding’ … your first question is about managing the accounts … I love it!” He came around from behind the desk and held out his hand to me. I took it and stood up in front of him. “We have no agreement, but may I kiss you?”

I smiled and nodded. He didn’t move, however. It flashed into my brain with that moment of awkwardness the realization that if I move forward with this I am his slut. Does he take his slut or does his slut avail herself to him? I put my hands on the sides of his face and kissed him on the lips. It was a good kiss, a lover’s kiss, but not a slut’s kiss I guessed. I wrapped my arms around his neck and devoured his mouth. His hands were on my bare back, one sliding down to my bare butt. He squeezed one ass cheek, but that was all.

I broke the kiss and took a half-step back from him. My body was flushed, my body was super-heated, my body was tingling with excitement, and I was aching for him to touch my pussy, for him to feel how I was responding. But, there was time for that on Monday. Until then, I truly needed to decide about this.

---------------------------------------------------------------------------------------------------

This story will have many chapters as Tina fully discovers her dual roles in the company and with Mr. Woodburn. I hope you enjoy it as it unfolds.

----------------------------------------------------------------------------------------

I know it is not required, but I would appreciate a comment when negative votes are cast for my own benefit in developing stories. Grazie in anticipo.

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

611 I più visti

Likes 0

Mike e Kate: Capitolo 1 - Poker Poker Night

Mike era cresciuto in città per gran parte della sua infanzia. Quando aveva 14 anni la sua famiglia si era trasferita in un piccolo paese di periferia, lontano dalla città più vicina. Suo padre aveva ricevuto una promozione al lavoro, ma il rovescio della medaglia era che si trovava in una piccola città lontana dal capoluogo. sua madre era un'insegnante e trovava facile trovare lavoro nella scuola elementare locale. Aveva trovato difficile fare amicizia dato che era al suo nuovo liceo, ma alla fine ha fatto amicizia con Kate e Sophie. Per qualche ragione, a tutti gli alunni maschi non interessava...

1.5K I più visti

Likes 0

Buon vicino 5

Spero che tu abbia letto le parti da 1 a 4, per avere un'idea migliore di cosa sta succedendo. Luke, Maureen, Jessie e Mike si scambiano i regali la mattina presto di Natale e ci hanno offerto loro stessi come regalo bonus. Uno, direi, ha lasciato Mike senza parole per un po'. Anche Mike e io ci siamo scambiati dei regali, e poi abbiamo visto le ragazze decidere che dovevano provare il dildo. Si sedettero uno di fronte all'altro e iniziarono a baciarsi. Mentre lo facevano, mi sedetti e guardai. Mike era seduto e osservava queste due bellezze che si eccitavano...

1.3K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

1.2K I più visti

Likes 0

Prima volta con il marito

Dove sei? disse la voce sexy all'altro capo della linea mentre guido. Torni a San Diego, vieni qui? ho chiesto indietro Non appena posso essere lì, lo farò. Okay tesoro, non vedo l'ora di stare da solo con te. Lo so bambola, non appena arrivo lì possiamo semplicemente goderci la reciproca compagnia. Il mio cuore batteva così veloce mentre sto conversando con mio marito (all'epoca era ancora solo il mio fidanzato). Stava per andare in macchina a San Deigo per passare la notte con me e io mi comportavo come una scolaretta infantile. Così vivace con eccitazione che trascorro del tempo...

1.1K I più visti

Likes 0

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

901 I più visti

Likes 0

La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto...

313 I più visti

Likes 0

LE AVVENTURE amorose DI JULIANA L., PARTE 5

A quel tempo, circa sette anni fa, lavoravo per un altro datore di lavoro e vivevo in una città più piccola sulle colline a ovest di qui. Era una piccola azienda a conduzione familiare e in realtà ero quasi quello a pieno titolo, anche se il mio titolo di lavoro era solo di manager. Il proprietario era un invalido, sua moglie passava tutto il suo tempo a prendersi cura di lui, e la loro figlia, sebbene fosse ufficialmente la direttrice, passava la maggior parte del suo tempo ad allargare le gambe per una serie di cosiddetti fidanzati il ​​cui unico collegamento...

1.8K I più visti

Likes 0

Nell'armadio

Nascosto nell'armadio- La mia famiglia è composta da mia madre, mio ​​padre e mio fratello. Mio fratello ha solo 2 anni meno di me e siamo quasi simili. Mi chiamo Marcus e quest'estate verranno i miei 2 cugini Shay e Aniya. Shay ha la mia età e Aniya ha 4 anni in meno. È passato un po' di tempo dall'ultima volta che li ho visti, quindi sarebbe stato emozionante. Pesco pulendo la mia stanza e mi preparo perché mio fratello trasferisca le sue cose in modo che le ragazze possano prendere la sua stanza per l'estate. A mezzanotte erano già arrivati...

1.9K I più visti

Likes 0

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

1.6K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.