Il buio; Il mio inizio

1.6KReport
Il buio; Il mio inizio

Il buio

Permettetemi di iniziare affermando che questa storia è puramente fittizia. Niente di tutto questo è mai successo, anche se è stata una mia fantasia. La mia immaginazione fa miracoli per me stesso quando sono solo, e spero che apprezzerai questa storia tanto quanto me. Si prega di non commentare se non si ha nulla di costruttivo da dire. Inoltre, tieni presente che nessuno ti sta facendo leggere questo, quindi se non ti piace, fai clic su una storia diversa secondo le tue preferenze. Ci sono anche molte informazioni di base prima del sesso, quindi per favore prendilo in considerazione. Questa è la prima storia che scrivo, quindi sii gentile.
Grazie,
Sefa
~.~
Sabato
03:00 ore
~.~
I miei occhi erano chiusi; era più buio nella stanza che dietro le mie palpebre. Non c'era suono, odore, vita; tranne il mio. Solo l'oscurità silenziosa che mi circondava. Non so per quanto tempo rimasi seduto lì, ad aspettare. Secondi, minuti, ore, giorni. Tempo mescolato insieme. Il mio corpo sembrava essersi sciolto nella pietra a cui era incatenato prima che la vita fosse ascoltata.

Il pavimento scricchiolava sopra la mia testa. Si capiva che la persona era un maschio solo dal suono pesante di ogni passo e dal modo in cui i pavimenti scricchiolavano mentre si muoveva. Sembrava forte, forse un body builder o qualcuno con un po' di peso in più. non saprei dire. Si stavano prendendo il loro tempo, attraversando quella che pensavo fosse la loro casa. Il suono ripetitivo del mio rapitore che camminava divenne un conforto per me. Non sono stato lasciato solo a morire. Forse se potessi dare loro la somma di denaro, o quello che vogliono, mi lascerebbero andare. E forse la luna era fatta di formaggio.

Il rumore di una porta che si apriva attirò la mia attenzione. La luce inondò il seminterrato e fui grato di avere gli occhi chiusi, altrimenti sarei stato accecato dalla luminosità della luce. Mi sono reso conto che non mi ero spaventato, fino ad ora. Un piccolo gemito mi sfuggì dalle labbra. La serie di passi pesanti che scendevano le scale era sufficiente a farmi rabbrividire. Tentai di spingermi più forte contro il muro, ma senza successo.

L'aria fredda mi scivolava sulla pelle, facendomi venire la pelle d'oca sulle braccia e sulle gambe. Di nuovo, rabbrividii. Si avvicinò a me e il suo profumo mi assalì. Puramente maschile, maschile, inebriante. Un altro brivido percorse il mio corpo, ma non per il freddo. Gli sfuggì una risata profonda e gutturale, che finì in quello che sembrò quasi un ringhio. Quasi come un animale che cattura la sua preda. Immagino sia quello che ero per lui, nient'altro che un delizioso pezzo di carne. Il suo alito mi bagnava il viso, anche questo inebriante, con un pizzico di cannella.

"Guardami." chiese. Ovviamente non era una richiesta.

I miei occhi rimasero chiusi; suonava familiare, aveva un odore familiare.

"Guardami." Chiese di nuovo, la sua voce che cominciava ad alzarsi.

Il panico cominciò a divorare il mio petto.

All'improvviso, la sua mano entrò in contatto con il mio assegno, facendomi fischiare le orecchie e la mia testa esplose di stelle.

"Guardami!" Comandò, le sue dita si intrecciarono tra i miei capelli, tirandomi indietro la testa dolorosamente.

Mi sfuggì un piagnucolio e aprii un po' gli occhi per abituarmi alla luce. I miei occhi si spalancarono per lo shock, accecandomi temporaneamente.

L'uomo che mi aveva rapito, preso contro la mia volontà, non era altro che...

…Il mio capo.

~.~
Venerdì
20:00 ore
~.~
"EHI! Ho quasi finito per la giornata. Chiudo io per te. Non devi restare per me! gridai al mio capo, salutandolo eccitato. Sapeva che ero un maniaco del lavoro e che avrei passato ore a fare un solo progetto. Sembrava esausto e ho pensato di poterlo aiutare un po'.

"Grazie Sefa". Chiamò di rimando, uno sguardo di sollievo che gli si dipinse sul viso: “Ti darò le chiavi tra un minuto. Devo solo finire di stampare i nuovi orari d'ufficio. Ti dispiace se ti tengo giù per sei giorni la prossima settimana? Ho davvero bisogno del tuo aiuto.

Gli sorrido. "Nessun problema! Sai che amo il lavoro! Spero non ti dispiaccia se te lo dico, ma più lavoro, più soldi guadagno. Più soldi guadagno, più è facile pagare le bollette!”

“L'economia fa schifo in questo momento, ma non ti lascerò andare adesso. Sei il miglior lavoratore che abbia mai avuto! Dovresti ottenere un aumento per la quantità di lavoro che fai. Soprattutto perché sei qui da un paio d'anni.

“Non hai bisogno di darmi un aumento. Ho solo bisogno di più lavoro e starò bene. Inoltre, non vorrei che qualcuno pensasse che ho avuto un aumento perché il mio capo ha una cotta per me.»

È arrossito al commento e mi ha consegnato le chiavi senza un commento. Ridendo, accettai le sue chiavi e scossi la testa.

“Scusa se è diventato un po' troppo personale lì. Volevo solo vedere un sorriso su quel tuo viso dall'aria stanca. Perché non vai a casa, fai un bagno, guardi dei film d'altri tempi con una bottiglia del tuo vino preferito e vai a letto?"

Mi ha guardato in modo strano.

"Questo è quello che farei, ma poi di nuovo, sono una femmina."

Entrambi abbiamo riso di questo. Aprii gli occhi per guardarlo di nuovo. Sì, era attraente, alto e tutto ciò che ho sempre desiderato in un uomo, ma era il mio capo.

Ma era 6'2, con capelli castani e occhi azzurri, pelle abbronzata. Probabilmente italiano. I denti bianchi più perfetti, senza sovrapposizioni. E non ha mai avuto l'apparecchio. La sua voce era profonda e maschile, con un pizzico di cannella. Delizioso.

“Sefà. Seeeefa!! Terra a Sefa!!” La sua voce mi ha strappato dai miei sogni ad occhi aperti.

"C-Cosa?" Balbettai, la mia faccia divenne rossa.

Un sorriso apparve sul suo volto: "Stavi fissando".

I miei occhi incollati al pavimento, il mio rossore continua a scaldarmi il viso. La sua mano scivolò sotto il mio mento e mi sollevò il viso.

"Penso che sia carino." Sussurrò prima di accarezzarmi la guancia con la mano e voltarsi.

Rimasi fermo per qualche minuto mentre faceva le valigie. Non avrei mai pensato che avrebbe pensato che fossi carina, o sexy, o davvero qualsiasi altra cosa. Scossi la testa e tornai, in silenzio, alla mia scrivania. Ho fissato il mio computer per alcuni minuti, assente, ripensando a quello che era appena successo.

Non ho sentito Brent avvicinarsi a me, ma mi ha messo una mano sulla spalla. Sobbalzai al tocco improvviso, ma mi fermai quando le sue labbra si posarono sulla mia testa, baciandomi velocemente.

“Dopo che hai finito, spegni le luci e chiudi a chiave. Puoi darmi le mie chiavi quando ci vediamo la prossima volta.

Annuii in accordo, non fidandomi della mia voce. Potevo sentire il suo sorriso prima che si voltasse e uscisse dalla porta. Ho ascoltato mentre l'ascensore si alzava e suonava. Scossi la testa e ricominciai il mio lavoro.

~.~
Venerdì
21:30 ore
~.~
Finalmente avevo finito con il lavoro, il mio ultimo progetto finito alla perfezione. Mi sentivo esausto come sembrava Brent dall'ultima volta che l'ho visto. Mi sono trascinato giù dalla sedia e sono scivolato via dai tacchi. Ho tirato fuori quelle cose da scarpe da insta e le ho messe in piedi, felice di essere stato in grado di rilassare i piedi. Afferrando la mia borsa e la mia borsa, ho ripulito il mio cubicolo e mi sono guardato intorno in ufficio un'ultima volta. Era inquietante essere qui mentre non c'era nessun altro in giro. Rabbrividendo, scossi la testa. La mia immaginazione correva di nuovo con me. Ridacchiai per il mio disagio, ma corsi verso la porta. Spegnendo le luci, chiusi rapidamente la porta e infilai le chiavi nella borsetta.

Sfortunatamente, ho dovuto aspettare l'ascensore. Non riuscivo a scrollarmi di dosso la sensazione di disagio. Sono entrato rapidamente nella macchina e ho premuto il pulsante "terra". Almeno non dovevo camminare lontano per raggiungere la mia macchina. Mi sarei sentito meglio non appena fossi entrato nell'aggeggio di metallo e me ne fossi andato.
~.~
Venerdì
22:00 ore
~.~
Finalmente sono arrivato alla mia macchina. Ho guardato il mio orologio. Accidenti. Erano le 22:00! Porca merda! Avevo davvero bisogno di tornare a casa e rilassarmi. Per fortuna era il fine settimana! Proprio quello di cui avevo bisogno; una vacanza meravigliosa, meravigliosa. Ho tirato fuori le chiavi della macchina e ho aperto la mia piccola Mazda.

Improvvisamente, ho sentito qualcuno dietro di me. Prima che potessi fare qualsiasi cosa, le mie mani sono state tenute dietro la schiena e il mio corpo è stato spinto contro il lato della macchina, dolorosamente. Una mano mi copriva la bocca. Potevo sentire la furiosa erezione contro la parte bassa della schiena ei forti muscoli di un corpo maschile.

«Adesso ascolta qui. Non urlerai, non lotterai. Non puoi allontanarti da me, nemmeno se corri. Se riesci a scappare, trascinerò dolorosamente il tuo culo sexy qui per ricominciare il ciclo. Se gridi, ti strappo quelle mutandine, te le ficco in bocca e ti metto del ductape sulle labbra. Sarà estremamente doloroso strappare la pelle sensibile dalle tue labbra. Ora, voglio che tu annuisca se capisci.

Annuii freneticamente, il cuore mi martellava nelle orecchie. Una risatina mi sfiorò la pelle mentre mi premeva le labbra sulla gola. La sua lingua serpeggiò fuori e leccò il lato della mia gola prima di soffiare aria sul punto bagnato. Cercai di non rabbrividire, ma il mio corpo si rifiutava di ascoltare il mio cervello. Di nuovo, ridacchiò. Non ho potuto fare a meno di piagnucolare.

“Ti toglierò la mano dalla bocca. Non hai intenzione di urlare, vero? chiese, già sicuro della risposta. Il mio stomaco cadde a terra ma scossi la testa.

"Brava ragazza." Dichiarò, ma le sue dita si staccarono dalle mie labbra. Una lacrima mi è scesa sulla guancia e il mio labbro inferiore ha cominciato a tremare.

"Cosa vuoi da me?" chiesi con la mia voce appena sopra un sussurro.

“Ti farò mia. Per sempre." Lui ha risposto.

C'era una sensazione sui miei polsi e una certa tensione che era troppo forte solo per le mani. Cominciai a dimenarmi, rendendomi conto che l'opportunità per la mia fuga si stava chiudendo. Le lacrime scorrevano liberamente sul mio viso e un singhiozzo mi sfuggì dalle labbra. Rise e allentò la presa. Sono inciampato in avanti, inciampando nei miei stessi piedi. Sono caduto a terra, colpendo il fianco sul marciapiede. Piagnucolai quando vidi la figura incombente in piedi sopra di me.

"Sembra che tu non sia andato lontano." Ridacchiò. Ho tentato di allontanarmi mentre si inginocchiava, ma mi ha afferrato la caviglia.

“Per favore, non farmi del male! Per favore lasciami andare!" supplicai, cercando di allontanarmi da lui. "Ho dei soldi nella mia borsa, puoi avere la macchina, ma per favore lasciami andare!"

Questa affermazione sembrava averlo fatto arrabbiare. La malizia balenò nei suoi occhi prima che mi sollevasse la gonna. Ora ho davvero iniziato a piangere e ad agitarmi. Stava per violentarmi proprio qui! Mi ha afferrato le mutandine e me le ha tirate giù dalle gambe e dalle caviglie.

“Ne ho abbastanza del tuo jibber jabber. Ora è il momento di zittirti! Ringhiò contro di me, costringendomi le mutandine in bocca, proprio come aveva promesso che avrebbe fatto. Ho tentato di sputarli ma lui me li ha spinti più a fondo nella mia bocca, facendomi vomitare. Ha tirato fuori dalla tasca il ductape e ne ha strappato un pezzo, coprendomi la bocca.

Le lacrime continuavano a rigarmi il viso, ma non oso fare altro che restare sdraiato lì. Si alzò e mi guardò, la sua erezione molto visibile ora. Si leccò le labbra, provocandomi un brivido lungo la schiena. Il mio corpo non avrebbe dovuto comportarsi in questo modo. Potevo sentire la mia stessa umidità tra le mie gambe. Di nuovo, ridacchiò. Voltandosi dall'altra parte, ha finito di aprire la mia macchina, ha preso la mia borsetta e la mia borsa e le ha sistemate sul sedile del passeggero.

Confuso, rimasi fermo, osservando ogni suo movimento. Aprì il sedile posteriore e spostò alcune cose nel bagagliaio. Alla fine è venuto da me. Tirò fuori dalla tasca un fazzoletto nero e me lo mise sugli occhi. Piagnucolai mentre me lo legava dietro la testa. Mi prese tra le braccia e mi fece scivolare sui sedili posteriori. Si è preso cura di allacciarmi le cinture e coprirmi con una coperta. La porta si chiuse ai miei piedi e passarono alcuni secondi prima che quella vicino alla mia testa si aprisse.

«Mi dispiace, Sefa. Ma questa è un'ulteriore precauzione per assicurarmi che tu non sappia dove siamo finché non mi fido che tu non scappi.»

Qualcosa mi ha coperto il naso. Era dolciastro, e poi aveva un odore pungente e marcio. Cominciai a farmi prendere dal panico, ma prima ancora che potessi alzare la testa, l'oscurità mi avvolse.
~.~
Sabato
04:00
~.~
“Scommetto che hai molte domande, ma ora non è il momento di farle. Presumo che tu abbia sete, fame e devi liberarti. Presumo anche che tu voglia fare la doccia?"

Non ho potuto fare a meno di fissarlo. Lo shock aveva reso il mio corpo insensibile. Ho continuato a fissarlo con aria assente.

"Poiché sembra che questo sia stato più di un piccolo shock per te, inizieremo con un sollievo e una doccia." Dichiarò mentre sbloccava le mie mani dal muro. Sono caduti a terra e ho potuto registrare l'orzo dello schiaffo pungente che hanno sopportato. Mi mise un collare intorno al collo e mi tirò in piedi. Attaccò un guinzaglio al collare e iniziò ad accompagnarmi verso le scale. Salimmo i gradini e lui mi condusse attraverso la casa. Raggiungemmo il bagno e lui indicò la toilette. Mi morsi le labbra, un rossore mi salì in faccia quando fu chiaro che non se ne sarebbe andato. Facendo un respiro profondo, mi tirai su la gonna e mi sedetti. Tenevo la faccia abbassata mentre il mio corpo lasciava andare tutto. Era al di là dell'imbarazzo. Continuò a guardarmi freddamente, la sua mano non lasciava mai il guinzaglio.

Dopo aver finito, mi sono asciugata, mi sono alzata, mi sono tirata giù la gonna e poi sono arrossita. Annuì mentre aspettavo pazientemente.

"Bene. Ora togliti i vestiti. chiese.

Mi morsi di nuovo le labbra, ma cominciai a spogliarmi, la mia faccia diventava sempre più rossa. Alla fine, ero con i piedi per terra. Ho usato le mani per coprirmi il corpo e tremavo. Si chinò, prese i miei vestiti sporchi e mi slacciò il guinzaglio.

"Quando hai finito di fare la doccia, bussa alla porta e ti farò uscire."

Ho annuito e lui se n'è andato, il suono della serratura che scattava dietro di lui. Ho aperto l'acqua calda e sono entrato.
~.~
Sabato
04:30
~.~
Mi sentivo un po' riposato, ma esausto. Tutto quello che volevo fare era andare a dormire. Avvicinandomi alla porta, ho bussato un paio di volte assicurandomi che il mio corpo fosse avvolto in un asciugamano. Ho sentito il rumore della porta che veniva sbloccata e lui l'ha spalancata.

"NO." Dichiarò, prendendo il mio asciugamano e il colletto lasciato dal lavandino.

"Che cosa?" chiesi, confuso.

"NO." Ha affermato di nuovo. Con pochi movimenti afferrò il colletto e mi strappò di dosso l'asciugamano. Mi sono coperto con le mani mentre lui mi rimetteva il collare intorno al collo.

“Questo collare ti sta sempre addosso. Ora, vuoi qualcosa da mangiare o qualcosa da bere?

Troppo esausta per discutere del collare, scossi la testa. "Per essere onesto, Brent, voglio solo dormire..." Una mano si sollevò per coprire uno sbadiglio e lui annuì.

Facendosi avanti, mi riattaccò il guinzaglio al colletto e mi condusse attraverso la sua camera da letto principale fino a una stanza più piccola. Dentro c'era un'enorme gabbia con dentro un letto, due ciotole e un palo al centro della stanza. Mi ha accompagnato alla gabbia e l'ha aperta, spingendomi dentro. Ha sganciato il guinzaglio e ha chiuso la porta della gabbia dietro di me. Mi rannicchiai in una palla, tirandomi sopra una coperta e appoggiando la testa su un cuscino. Chiuse a chiave la gabbia prima di uscire dalla stanza e chiudere anche quella porta. Prima ancora che potessi guardarmi intorno, cedetti al sonno.
~.~
Sabato
08:30
~.~
"Svegliati!" La voce e il suono della mia gabbia che sbatteva affondarono nella mia incoscienza e mi costrinsero a riemergere dal mio sonno profondo. Sbattei le palpebre e sbadigliai. Ho cominciato ad allungarmi, ma uno sguardo intorno a me ha detto che non ero a casa mia. Girai la testa e vidi Brent in piedi davanti all'apertura della gabbia, che mi fissava intensamente. Guardando in basso, mi accorsi di essere nudo e mi coprii velocemente con una coperta.

"Vieni qui." ordinò, indicando davanti a sé. Ora che ero completamente sveglio e funzionante, lo fissai, spingendomi contro il lato opposto della gabbia.

Ringhiò, fissandomi, indicando ancora una volta il pavimento.

"Venire." chiese. Ancora una volta, non mi sono avvicinato a lui.

Alla fine stufo, si sporse nella mia gabbia e mi afferrò per i capelli, facendomi urlare e sussultare per il dolore. Mi ha bruscamente trascinato fuori, senza fermarsi quando sono inciampato.

“Lasciami andare! Malato bastardo!! LASCIAMI ANDARE!" gli urlai contro, artigliandogli la mano. Continuavo a tentare di smettere di seguirlo, ma lui continuava a trascinarmi a un ritmo allarmante. Ancora una volta sono inciampato e questa volta sono caduto davvero.

“Lo fermeresti?! Lasciami andare!" Ho continuato a urlargli contro, scalciando e agitandomi. Nessuno dei miei successi ha lasciato il segno.

Mi sono sentito capovolto. Mi è stato messo qualcosa in bocca e non sono riuscito a sputarlo, ma ho continuato a protestare. Proprio come il giorno prima, mi ha legato le mani dietro la schiena.

"Questo è ciò che ottengono le puttane non collaborative quando non obbediscono al loro Maestro." Dichiarò, tirandomi su in modo che mi inginocchiassi ma il mio petto era spinto contro il suolo.

Mi sono fermato quando ho sentito il suono di una cintura che si slacciava e poi il suono di una cerniera lampo. Ora stava per violentarmi. Lo sentivo nelle mie ossa. Ho guardato indietro il più possibile e ho visto che i suoi pantaloni erano scesi oltre i suoi fianchi e lui era inginocchiato con il cazzo in mano.

I miei occhi si sono spalancati quando ho visto la sua arma. Per fortuna non era più lungo di nove pollici, ma era estremamente spesso. Ho iniziato a farmi prendere dal panico, cercando di allontanare il mio corpo. Stava per farmi a pezzi!!

Rise quando sentì il mio piagnucolio, mettendomi una mano sui fianchi per tenermi fermo. Le lacrime cominciarono a scorrere lungo le mie guance e io stavo implorando, incoerentemente, che si fermasse. L'ho sentito mettere la punta del suo cazzo al mio ingresso. Cominciò a spingere in avanti, senza fiato. Anche se non ero vergine, era passato più di un anno che avevo fatto sesso.

L'altra sua mano si posò sull'altro mio fianco. Senza nemmeno un avvertimento, si è spinto dentro di me, tirandomi indietro contro il suo cazzo. Ho urlato di dolore, contorcendomi davanti a lui. Si fermò, il suo respiro affannoso raggiunse le mie orecchie.

"Così stretto." Parlava più a se stesso che a me. "Così buono."

La mia faccia è diventata di un rosso vivo, ma ho continuato a piangere. Per qualche minuto rimase immobile, godendosi la tenuta della mia figa. Poi si abbassò e cominciò a colpire il mio clitoride. Sobbalzai per l'imprevisto, ma lui continuò a giocarci, provocando scosse elettriche che mi percorrevano tutto il corpo. Cominciando a tremare, scossi la testa, il mio corpo reagì alla sua attenzione.

“Esatto, mia piccola troia. Prima di finire con te, ti farò venire l'orgasmo su tutto il cazzo. Più volte." Ha riso.

Non volevo che il mio corpo reagisse, ma mi stava tradendo. Potevo sentirmi diventare lentamente più umido, e tutto il mio corpo tremava e tremava. Non si è mosso, ma ha continuato ad assalire il mio clitoride che ora era diventato più grande per imitare la mia eccitazione. Ormai stavo ansimando, cercando di respingere il mio orgasmo in arrivo. Sfortunatamente, senza successo. Con qualche altro movimento, ho urlato, inarcando la schiena. Onde dopo ondate di piacere pulsante si incresparono nel mio corpo. La mia figa si strinse forte sul suo cazzo e il suo stesso rantolo di piacere mi riempì le orecchie. Non potevo muovermi... non volevo.

Prima che l'ultima ondata lasciasse il mio corpo, iniziò a muoversi. Lentamente. Il suo cazzo ha lasciato la mia figa e mi sono sentito vuoto prima che lui lo spingesse di nuovo dentro, riempiendomi più che completamente. Di nuovo, lentamente fuori, poi lentamente dentro. Presto la mia figa iniziò ad adattarsi alle sue dimensioni e lunghezza. In realtà ha cominciato a sentirsi... bene...

Ma non doveva durare. Si ritirò, poi si fermò, tenendo solo la testa dentro la mia figa dolorante. Si sporse in avanti e mi slegò le mani.

«Adesso puoi toglierti il ​​bavaglio.» Commentò dolcemente. Ho rimosso la cosa dalla mia bocca prima di sollevare la metà anteriore del mio corpo allo stesso livello del mio sedere. Mi leccai le labbra ma non dissi nulla, aspettando che continuasse.

Non l'ha fatto, stando fermo. Ha prolungato la mia tortura quando l'unica cosa che volevo era che mi riempisse di nuovo. Piagnucolai e cominciai a tentare di spingermi contro di lui, ma le mani sui miei fianchi mi tenevano fermo. Presto ho iniziato a gemere e piagnucolare, contorcendomi. Lo volevo... no... avevo bisogno che mi riempisse di nuovo. Per scoparmi il cervello fino a quando non sono venuto di nuovo sul suo cazzo. L'unico pensiero che si è registrato con il mio cervello è stato, di più!

"Elemosinare."

"Che cosa?" Ho risposto.

Si spinse rapidamente dentro di me, facendomi gemere di nuovo prima di tornare alla sua posizione precedente.

“So che vuoi essere fottuto. So che vuoi essere riempito dal mio cazzo. So che vuoi raggiungere l'orgasmo.

Annuii in tempo, concordando con ciascuna di queste affermazioni.

“Quindi voglio che tu implori. Voglio sentirti dire quanto hai bisogno di me per scoparti, quanto hai bisogno di me per riempire la tua piccola figa stretta, quanto vuoi raggiungere l'orgasmo su tutto il mio cazzo. Elemosinare."

La mia faccia divenne rossa ancora una volta, sentendolo dire ad alta voce i miei desideri era più di quanto potessi sopportare. Scuoto la mia testa.

"Bene." Lui ha risposto e ha cominciato a staccarsi completamente da me.

"NO!" gridai, tornando indietro contro il suo cazzo. "Per favore no. Non tirarti fuori dalla mia figa. Per favore…” piagnucolai, di nuovo quasi in lacrime.

"Cosa vuoi che faccia allora con il mio cazzo, puttana?"

"Per favore. Ho bisogno... ho bisogno... ho bisogno che tu spinga il tuo cazzo fino in fondo dentro di me. Ho bisogno di sentire il tuo cazzo che mi riempie. Ho bisogno che tu mi scopi comunque vuoi! Ho bisogno di venire sul tuo cazzo! Per favore, non tirarti fuori da me! Per favore non farlo! ne ho bisogno, ho bisogno di te! Per favore, fottimi!! Per favore!!" Ho implorato come sapevo.

Potevo sentire il suo sorriso contro la mia schiena prima che affondasse le dita nella mia pelle e si tuffasse profondamente dentro di me. Un gemito uscì dalle mie labbra e il mio corpo tremò. Non si è nemmeno preso la briga di rallentare. Cominciò a fottermi violentemente, il suono della carne che colpiva la carne bagnata riempì la stanza. L'unica volta che non hai sentito il suono dello schiaffo è stato quando un altro gemito è stato strappato dalle mie labbra, o un delizioso rantolo di Brent.

Con qualche altra spinta, il mio secondo orgasmo mi squarciò il corpo, facendomi urlare. Girai la faccia nel braccio e mi mordicchiai la carne per attutire il suono. Brent ansimò per la violenza del mio orgasmo, e presto lo seguì.

Sono stato in grado di tenermi su. Cadendo a terra, il suo cazzo è scivolato fuori da me, schizzando l'ultimo del suo sperma su tutta la schiena. Il mio respiro usciva in respiri affannosi e si sentiva il suono di una cerniera lampo e di una cintura che veniva rifatta. Il terreno si ritirò da sotto di me mentre mi prendeva tra le braccia. Ha cullato il mio corpo esausto contro il suo prima di rimettermi nella mia gabbia. Le sue labbra toccarono la mia fronte e mi rimboccò le coperte. I miei occhi si chiusero per la seconda volta quel giorno.
~.~
Sabato
10:24 ore
~.~
L'odore delle uova cotte mi svegliò. Allungandomi, sbadigliai e aprii gli occhi. Ho davvero dovuto usare di nuovo il bagno. E anche una doccia sarebbe stata piacevole. Mi sentivo appiccicoso e dolorante. La vergogna riempiva il mio corpo. Avevo supplicato di essere violentata dal mio capo. Non capivo perché l'avessi fatto, ma mi sembrava così bello, così giusto, in quel momento. Ero così imbarazzato. Ero sollevato di essere stato lasciato solo per un po'. Potrei raccogliere i miei pensieri e magari uscire di qui con un po' di dignità. Ma poi di nuovo, era ancora solo sabato. Ho pensato che ciò che aveva pianificato non fosse solo per il fine settimana, ma per la vita.

Alla fine, la porta della mia piccola stanza si aprì. Brent era lì in pantaloni di pelle. Niente maglietta o scarpe, e decisamente niente boxer. Sembrava calmo e freddo, in controllo. Beh, poteva controllarmi con una semplice parola. Non volevo dover affrontare di nuovo la situazione dello strapparsi i capelli. Si avvicinò alla mia gabbia e aprì la porta. Indicò il terreno davanti a sé. Velocemente, sono uscito da sotto le coperte e sono inciampato nella fretta di arrivare dove mi aveva indicato. Dopo essermi districato dalle coperte del letto in cattività, sono strisciato verso di lui, oltre l'imbarazzo ora.

Sul suo viso apparve un sorrisetto, ma non disse nulla. Invece, si è chinato e ha agganciato il guinzaglio al mio colletto e ha tirato due volte. Cominciò ad andarsene e io lo seguii, sussultando per il dolore alle ginocchia. Mi condusse nella sua sala da pranzo e mi premette sulla schiena, facendomi sedere mentre scompariva in quella che puzzava di cucina.

Pochi istanti dopo, è apparso con un piatto per sé. Il mio stomaco gorgogliò quando la vista del cibo si registrò nel mio cervello. Arrossii profondamente e chinai la testa. Rise e andò in cucina, tornando con un bicchiere di quello che sembrava succo d'arancia.

“Vuoi anche qualcosa da mangiare?” mi chiese, con tono beffardo.

"Sì grazie." risposi a testa bassa. Se fosse stato qualcun altro, gli avrei dato un pugno in faccia, ma lui; potrebbe cambiarmi la vita. Potrebbe licenziarmi e assicurarsi che nessun altro mi assuma. Inoltre, era una ventina di volte più forte di me. Potrebbe mettermi fuori combattimento in pochi secondi. Ero alla sua mercé.

La porta si aprì di nuovo e lui rientrò con due piatti per cani. Bello. Avevano il mio nome scritto in caratteri sul lato. Meraviglioso. Stavo per essere trattato come un cane. Ha messo entrambi i piatti davanti a me e, per fortuna, erano pieni di uova, salsiccia tritata e purea di patate fritte invece di cibo per cani. Anche l'altro era pieno di succo d'arancia.

"Puoi mangiare." Ha affermato, prima di sedersi sulla sua sedia e prendere morsi dignitosi della sua colazione.

Fissai la mia ciotola per alcuni secondi, la saliva che mi si accumulava in bocca. Stavo davvero per mangiare da un piatto per cani? Un altro battito del cuore e avevo già la faccia nella scodella, cercando di non fare casino. Tra un morso e l'altro, ho leccato il mio Oj. Ho finito il mio pasto voracemente; felice di avere qualcosa nella mia pancia. Ho alzato lo sguardo su Brent e lui stava ancora lavorando alle sue uova. Ero diventato l'animale che voleva che fossi. Lui mi guardò prima di accarezzarsi la coscia. Strisciai verso di lui e gli appoggiai la testa in grembo. Mi accarezza la testa prima di continuare il suo pasto in silenzio.

Quando ha finito, mi ha preso il viso tra le mani e ha cominciato a togliersi i pezzetti di cibo che c'erano ancora sopra. Arrossii, ma a lui non sembrava importare. Si alzò e riportò in cucina le mie ciotole, il suo piatto e il suo bicchiere. Ora dovevo davvero fare pipì. Guardandomi intorno, ho visto la porta del bagno socchiusa e ho cominciato a strisciare verso di essa. Proprio quando l'ho raggiunto anch'io, il mio colletto mi ha scioccato e ho urlato. Ha continuato a scioccarmi finché non ho indietreggiato di qualche passo. Brent si precipitò fuori dalla cucina per vedermi tentare di togliermi quel dannato colletto.

"Cosa diavolo pensi di fare?!" Mi ha urlato contro, tirandomi su per i capelli, "e dove diavolo pensi di andare ?!"

“Dovevo usare il bagno, quindi ci sono andato e all'improvviso questo dannato collare mi ha scioccato senza motivo !! Lo voglio fuori! esclamai a denti stretti. Questa volta non piangerei.

All'improvviso, ha lasciato andare i miei capelli e mi ha lasciato cadere a terra.

“Prima di tutto, quel collare non si stacca. Ha un dispositivo per l'impronta digitale, quindi solo io posso toglierlo. Secondo, devi CHIEDERE se devi allontanarti di più di trenta piedi da me. Ti sciocca quando sei a più di trenta piedi da me, quindi non cerchi di scappare. Più vai avanti, più dolorosa e paralizzante diventerà la cosa. Se riesci a sopportare il dolore e ti allontani troppo, ti paralizzerà così potrò venire a prenderti. Lui ha spiegato. "Ora puoi usare il bagno perché ora è nel raggio di trenta piedi."

Lo guardai male prima di alzarmi e andare in bagno. Prima che potesse raggiungermi, gli ho sbattuto la porta in faccia e l'ho chiusa a chiave. Mi sono lasciato sobbollire dalla rabbia per alcuni minuti prima di usare il bagno. Dopo, ho aperto la porta ma sono rimasto dentro. Ho dovuto ispezionare il mio corpo.

I lividi mi coprivano il petto e i fianchi da dove mi ha sbattuto contro la mia macchina e dove si è aggrappato ai miei fianchi. Le mie ginocchia avevano ustioni da tappeto e anche l'interno delle mie cosce era contuso. Gli angoli interni delle mie labbra erano ruvidi e teneri a causa del bavaglio che avevo in bocca. I miei polsi avevano una leggera bruciatura da corda e il cuoio capelluto mi faceva male. Ero un disastro. Ho iniziato a piangere perché avevo un aspetto così orribile. Un leggero bussare alla porta mi fece trasalire e voltai le spalle alla porta, appoggiando la testa contro l'armadietto.

Brent aprì la porta e sbirciò dentro. "Sono venuto a darti un po' di roba per i tuoi lividi e le tue ustioni." Ha commentato, lasciando un kit di pronto soccorso sul lato del lavandino. "Bussa quando hai finito e sentiti libero di fare la doccia." Chiuse la porta e la serratura esterna prima che i suoi passi scomparissero. Sospirando, aprii l'acqua, più calda che potevo, e mi fermai sotto lasciando che rilassasse i miei muscoli.
~.~
Sabato
13:00 ore
~.~
Ho bussato alla porta, i miei lividi e tagli curati. Non mi sono inginocchiato perché le mie ginocchia erano ancora doloranti ed erano coperte da uno spesso strato di sostanza appiccicosa. Brent aprì la porta e l'aprì leggermente. Ha alzato le sopracciglia e mi sono sentito come se dovessi spiegarmi.

"Mi dispiace. Ero un po' turbato quando il collare mi ha scioccato... sono svenuto... e le mie ginocchia sono coperte da uno strato della roba che mi hai dato, quindi non posso davvero inginocchiarmi... pavimento.

Grugnì una volta, mi attaccò un guinzaglio al colletto e mi accompagnò fuori dalla stanza. L'ho seguito nella sua camera da letto e attraverso una porta che non avevo notato fino ad ora. All'interno c'era un muro coperto da una tenda, alcuni dispositivi, oltre a un tavolo e una sedia.

"Sedersi." Comandò, indicando la sedia mentre mi liberava dal guinzaglio.

Ho obbedito, avvicinandomi alla cosa e sedendomi lentamente, sperando che non fosse una trappola o altro. Rimase in piedi davanti al tavolo e mi fissò.

I momenti passavano e il silenzio cresceva. Il battito del mio cuore iniziò ad accelerare e cominciai a dimenarmi. Un breve sorriso gli sfiorò le labbra prima di svanire.

Alla fine parlò.

“Ti darò una scelta, Sefa. Questa scelta spetta a te. La tua risposta influenzerà tutto. Capisci?"

"SÌ."

"Puoi andare ora. Vattene e continua a mantenere il tuo lavoro, continua a fare il lavoro che so che puoi fare e metti fine a questa relazione adesso. Oppure puoi stare con me, obbedire ai miei desideri e lasciarmi liberare la tua mente e la tua anima. So di essere stato duro con te stamattina presto, ma volevo assicurarmi che se avessi scelto di avere questa relazione con me sapessi in cosa ti stavi cacciando. Alcuni giorni ti rapirò, ti porterò via e ti nasconderò dal mondo. Ma altre volte sarò come un amante e ti tratterò bene. Obbedirai a tutti i miei comandi, non importa cosa, non importa dove, non importa quando. La scelta è tua da fare.

Mi sono seduto, stordito. Potrei andarmene, potrei andarmene adesso se volessi! E non mi stava costringendo a restare manipolando il mio bisogno di lavoro. Ha detto che potevo tenerlo! Ma... stamattina... mi teneva il viso in grembo, accarezzandomi i capelli. Sembrava così giusto... Anche la durezza del rapimento e dello stupro sembrava giusta. Il modo in cui mi ha fatto implorare di scoparmi. Potrei davvero rinunciarci?

Mi fissai le mani ancora per qualche minuto, discutendo con me stesso. Non ha fatto nulla per farmi pressione, non ha affrettato la mia risposta. Mi morsi il labbro inferiore.

“Se scelgo di andarmene, non mi fermerai? Niente di tutto questo si ripeterà e potrei continuare a vivere la mia vita come farei normalmente? Ho chiesto.

"Senza la mia costante attenzione, sì." Sospirò, camminando verso l'angolo, raccogliendo una borsa nera e costringendosi a tornare indietro. Lo posò sul tavolo e lo aprì. All'interno c'erano abiti da lavoro nuovi di zecca, esattamente come quelli che erano stati rovinati, oltre a felpe e reggiseno e mutandine nuovi.

"Puoi andartene in qualsiasi momento." affermò, allontanandosi da me.

"Non ho ancora finito di prendere la mia decisione."

"Che cosa? Pensavo volessi andartene.

"Era solo una semplice domanda."

La speranza riempì i suoi occhi e mi tirò il cuore.

“Se rimango, dovrò fare tutto quello che dici. Potrò discutere delle cose con te senza timore di punizione?

“Se dici che vuoi discutere delle cose, non ti punirò, ma spetta a me prendere la decisione finale. Se mi disobbedirai dopo che avrò preso la mia decisione finale, avrò il diritto di punirti”.

Annuii e mi alzai dalla sedia. Facendo un respiro profondo, calmai i miei nervi.

“Vorrei restare.”

Si voltò verso di me, sconvolto sul volto. I bet he assumed I was leaving. When it finally registered with his brain that I wasn’t going anywhere, his shock turned into an evil grin.

Striding toward me, he grabbed my hair and yanked my head back.

“You are mine until I am done with you. You are no longer a human, you are my toy. You have no rights and your only purpose in life is to obey me. Is that understood my slave?” He growled in my ear, making a shiver run down my spine and goose bumps rise alone my skin.

“Yes…. Yes, Master.”

~.~
Stay tuned for Part 2
~.~

I hope you enjoyed reading this story. Please leave your comments below.
If you have any suggestions on what YOU would like to happen next, please send me a message.
I am also up for creating a story for you, please send me a message and tell me the basic jist of it.

Grazie.
Sefa

Storie simili

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

3K I più visti

Likes 0

Esporre la verità: la mia troia interiore si scatena

Dopo essere stato dominato da Niki e Dave, avevo bisogno di qualcosa di più. Uscivo sempre con ragazzi ma non andavo mai fino in fondo. Ho mollato rapidamente il mio ragazzo e ho iniziato. Dopo che il fratello di Niki, Austin, ci ha trovati a suonare insieme ha minacciato di dire a tutti di noi se non avessimo fatto quello che voleva. Io e Niki una sera eravamo un po' troppo ubriachi alla festa che stavamo organizzando, dopo che tutte le persone se ne erano andate e i soliti erano ancora lì, abbiamo deciso di ritirarci nella sua stanza. siamo andati...

858 I più visti

Likes 0

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

2.5K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.2K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.3K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Seduta in Casa_(1)

Il suo nome è Melanie. Non è la ragazza più bella della scuola, ma sicuramente non è nemmeno la peggiore. Lei è alta circa un metro e settanta, ha tette molto grandi, lunghi capelli biondi e fianchi abbastanza larghi. Durante la lezione di inglese mi ha detto che sarebbe stata house sitting per qualcuno che vive a non più di 2 isolati di distanza da dove abito io tra circa un mese o giù di lì. Ciò significava che sarebbe rimasta da sola in una grande casa per 2 giorni. Le ho detto di farmi sapere esattamente quando sarebbe stato e...

731 I più visti

Likes 0

Il compagno del campione 2

Il Capo Cacciatrice è una posizione di anzianità rispetto alla banda. Le cacciatrici che si offrono volontarie davanti all'enclave possono creare bande. Caris è il capo della cacciatrice. Se classificata in base alle abilità, Caris sarebbe un lontano terzo o un solido quinto nelle bande di dodici persone delle Cacciatrici in cui di solito si aggirano. Caris non voleva seguire le ragazze più grandi e farsi prendere a calci in culo finché non avesse avuto la sua squadra, quindi ha fatto il suo. Caris guidava la band con la forza della personalità. Tutti intorno a lei sono cresciuti con lei. Comandava...

488 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.4K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.