La cagna di Rachel, capitolo 2: finire quello che ha iniziato

1.2KReport
La cagna di Rachel, capitolo 2: finire quello che ha iniziato

Caratteri

Emma - 16 anni
Altezza 5 piedi 4
Colore dei capelli biondo
Colore degli occhi blu
Taglia del seno 34B

Rachele - 16 anni
Altezza 5 piedi 4
Colore dei capelli biondo
Colore degli occhi blu
Taglia del seno 34B

Emma si limitò a fissare sua sorella. Si voltò verso il suo guardaroba, aprì una delle ante e si guardò allo specchio. Si abbassò per cercare di staccare il tatuaggio. Si stava grattando leggermente ma non stava succedendo niente. "Cos'è questo?" chiese Emma frustrata. "Quello è un tatuaggio."

"Perché non viene via?!"

Rachel sollevò la penna che aveva usato per tatuare sua sorella. Emma alzò lo sguardo e vide cosa c'era nella mano di Rachel. Una penna per tatuaggi. Il tatuaggio era reale e sicuramente non si sarebbe staccato. "Va bene Emma, ​​ho intenzione di aggiungere qualche decorazione per rendere carina la tua figa."

"Cosa vuoi ora?"

"Beh, la scorsa notte ho detto che mi avresti mangiato fuori. Ma siccome eri completamente fuori di testa, ti ho lasciato andare. Sono tornato per finire quello che ho iniziato."

"Perché stai facendo questo a me?" Emma ha chiesto anni venendo ai suoi occhi.

"Perché abbiamo condiviso un grembo materno, dovevamo stare insieme e perché io sono il più grande che ti rende mia proprietà."

Emma si limitò a fissare sua sorella sbalordita. Era letteralmente senza parole. Il suo cervello non sapeva cosa fare. "Sul letto adesso, sulla schiena" Emma non si mosse, non poteva muoversi. Rachel ha visto che la sua cagna non si muoveva così si è spostata dietro di lei e le ha dato uno schiaffo sul culo. Emma ha dato un piccolo guaito e poi si è spostata verso il letto.

Si sdraiò sul letto dando una rapida occhiata al suo tatuaggio sperando che la prossima volta che avrebbe distolto lo sguardo sarebbe scomparso, ma non fu così. Rachel si tolse la vestaglia rivelando che era ancora nuda dalla sera prima.

Rachel si avvicinò al letto e si mise a cavalcioni sulla pancia di Emma, ​​"rilassati sorellina, questo doveva essere." Lentamente Rachel salì sul corpo di Emma e si mise a cavalcioni sul viso di sua sorella.

Per un secondo Emma non riuscì a respirare, tutto ciò che sentiva era l'essenza di sua sorella che ora le copriva la bocca e il naso. "Allora andiamo avanti" Emma sentì dire a Rachel. Lentamente tirò fuori la lingua e toccò leggermente la vagina di Rachel. Rachel emise un leggero gemito sopra. Poi Emma ebbe un'idea. E se fosse andata subito a prendere sua sorella e poi potesse andarsene? Di nuovo tirò fuori la lingua suscitando un altro gemito da sua sorella. Aveva un sapore strano, un po' salato, un po' banale, ma traspariva qualcos'altro che non riusciva a distinguere. Non importa. Si sentiva un po' più coraggiosa ora che aveva un piano in testa, sollevò di nuovo la lingua e la infilò nella verginità della sorella. Sua sorella sussultò a questo e disse "brava ragazza" Emma continuò a spingere la lingua dentro e fuori da sua sorella nella speranza che finisse presto.

Rachel sentì la lingua di sua sorella schioccare all'apertura e gemette per la deliziosa sensazione. Poi fu sorpresa quando sua sorella fece scivolare la lingua nella sua verginale entrata. "Mmm" gemette Rachel. "Oh dio si!" Emma era naturale. Poi sentì la lingua di Emma esplorare il suo clitoride "sì!" Rachel gemette. "Sì sì sì!" Rachel ansimò ancora una volta mentre sgorgava sul viso di sua sorella. "Oh mio dio Emma non solo sei una brava puttana, sei anche una brava leccatrice di fiche."

Emma sentì Rachel sollevarsi dalla sua faccia ed Emma ansimò per tutto quello che poteva. Rachel stava parlando ma Emma non stava ascoltando. Vide Rachel tornare ma questa volta era di spalle a Emma.

Rachel si alzò sentendosi come se fosse stata portata in paradiso e ritorno. Poi si ricordò cos'altro voleva dalla notte precedente. Tornò da sua sorella camminando solo sulle dita dei piedi mentre poteva strofinarsi le cosce mentre faceva questo. Questa volta si mise di nuovo a cavalcioni su Emma, ​​voltando le spalle al suo viso. "Fermo" disse e poi abbassò il buco del culo sulla faccia di Emma.

Emma fu sorpresa quando il sedere di sua sorella scese per incontrare il suo viso e poi si ricordò di quello che aveva detto sua sorella la scorsa notte. Voleva che Emma si leccasse il buco del culo. Nervosamente Emma allungò la lingua e iniziò a circondare l'ano di sua sorella cercando di evitare l'interno. "Oh sì!" Rachel gemette. Si dondolò leggermente all'indietro spingendo la lingua di Emma dentro il suo ano.

Rachel gemette di nuovo quando la lingua di Emma le scivolò nel culo. "Dio mio!" Mi sentivo così bene. Sua sorella ha lottato sotto di lei leccando tutte le sue pareti nel processo. Sembrava così strano avere un oggetto che le entrava nell'ano invece di uscirne, ma allo stesso tempo era così bello. In quel momento raggiunse di nuovo l'orgasmo e il suo ano strinse la lingua di Emma come una morsa.

Emma sentì la sua lingua scivolare dentro sua sorella. Aveva un sapore disgustoso che lottava, ma questo la faceva solo leccare dappertutto all'interno della sua porta sul retro. C'era una strana trama all'interno di uno che non poteva descrivere e non voleva ricordare. Sentì sua sorella emettere un gemito più lungo e più forte e poi sentì le pareti dell'ano di sua sorella stringersi attorno alla sua lingua. Per un minuto rimasero in quella posizione mentre Rachel scendeva dall'alto.

"Brava Emma. Adesso vestiti per la scuola."

Entrambi si alzarono, Rachel sculacciò Emma una volta e se ne andò. Emma si guardò di nuovo allo specchio. Si sentiva usata e sporca. Ha cercato nel suo guardaroba. Tirò fuori una maglietta. Cercò un paio di pantaloni ma non ne trovò uno così lungo per una gonna. Ha quindi iniziato a cercare mutandine, reggiseno e calzini, ma senza successo. Guardò in uno dei cassetti e trovò un biglietto. Sopra c'era scritto "le puttane non hanno bisogno di biancheria intima, ama Rachel" a malincuore Emma indossò camicia e gonna. Si alzò e poi si rese conto che c'era qualcosa che non andava nella sua gonna. Era troppo breve. Le è passato appena oltre il culo di circa 1/2 pollice. Sospirò e scese le scale sentendo l'aria fredda contro la sua vagina la fece rabbrividire e sentirla contro i suoi capezzoli li fece alzare. Erano chiaramente visibili attraverso la sua camicia. Doveva solo sperare di riuscire a superare questa giornata. Poi c'era il suo tatuaggio. Cosa avrebbe fatto a riguardo? Tutti questi pensieri la seguirono fino al tavolo della cucina.

Storie simili

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.1K I più visti

Likes 0

Sesso nel ristorante dello Sri Lanka

Suneetha si asciugò il sudore dalla fronte e appoggiò la matita sulla pad. Gli idioti seduti allo stand non riuscivano a decidersi, e lei stava diventando davvero impaziente. Ehm, disse il ragazzo. Non sono molto sicuro. Si è lasciato scappare l'ultima parola dalle sue labbra come se non sapesse decidere se dirlo o meno. Suneetha ha dovuto sforzarsi manualmente per evitare che il suo piede picchiettasse contro il pavimento di piastrelle dure. Si strofinò i palmi delle mani sul grembiule, come i 90 il caldo soffocante la metteva a disagio. L'aria condizionata era di nuovo su un battito di ciglia, e...

1.2K I più visti

Likes 0

Una famiglia onesta - L'avventura di Alice Parte 1

Alice stava giocando a un videogioco. Era nella sua camera da letto, alla sua scrivania, e si stava divertendo a giocare con alcuni videogiochi. Ma non durò a lungo. Ci fu un lento e debole bussare alla porta e Alice disse entra. Sua madre entrò lentamente nella stanza e disse: Vieni in soggiorno, io e papà abbiamo qualcosa di importante di cui parlarti. Alice interruppe il suo gioco e si alzò. Indossava una semplice maglietta bianca, una taglia più piccola, e sotto aveva un reggiseno nero. Aveva una gonna corta rossa a pieghe e niente mutandine. Preferiva non indossarli quando non...

1.6K I più visti

Likes 0

Una lunga notte_(1)

Merda. Merda merda merda MERDA. Todd mormorò sottovoce mentre lottava contro il sacco della spazzatura troppo imbottito attraverso la stretta apertura dell'ascensore. Con una goffa spinta del gomito premette il pulsante B e si appoggiò alla parete di fondo, espirando lentamente. Fottuta giornata della spazzatura. Andiamo giù per i tubi, io e la borsa piena di rifiutare. Rifiutare. Mi rifiuto! pensò, e mantenne quel pensiero con divertito mentre precipitava giù per la gola del suo edificio nell'oscurità viscere sottostanti. Spostò il peso sotto il suo fardello e ci provò respirare attraverso la sua bocca. Clunk clunk clunk. Atterraggio. L'Aquila è atterrata...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.