Circostanze diverse

1.5KReport
Circostanze diverse

Disclaimer: non possiedo Pokemon, nessun personaggio e Pokemon lì dentro. Sai, solo per coprirmi il culo in caso. Meglio prevenire che curare.


Nota/e dell'autore: Onestamente, questa storia è stata parzialmente ispirata da un'altra storia di AbsolxHuman che ho trovato qui. Come dice il riassunto, questa storia contiene bestialità, quindi se non ti piace, è probabilmente meglio che tu trovi un'altra serie da perseguire, poiché la maggior parte degli incontri sessuali coinvolgerà Pokemon e il protagonista, anche se potrebbe esserci un pochi umani spruzzarono qua e là per cambiare le cose. Cambierò il codice per riflettere ulteriori modifiche nei capitoli successivi.

Se c'è qualcosa che vorresti vedere nella storia, fammi sapere. Allo stesso modo, se vuoi che ti scriva una fiction, fammelo sapere. Se mi piace l'idea, farò la tua storia. Non mi limito solo alla bestialità, ovviamente, ma ci sono alcuni posti che non calpesterò.

––––––––––––-

Date le circostanze, in realtà superare gli esami necessari per diventare un allenatore di Pokemon dovrebbe essere stato facile per Nicholas, ma in realtà sostenere gli esami e vedere il suo punteggio è stato un po' uno shock. È un vero test di realtà quando sei sicuro di aver fatto bene e ottieni a malapena un punteggio sufficiente per passare. Nonostante il punteggio basso, Nicholas prende comunque la licenza di livello bronzo, rendendolo un allenatore di Pokemon a tutti gli effetti. Con un piccolo porta badge in una mano e sei Pokeball vuote nell'altra, Nicholas si allontanò dalla prestigiosa Pokemon Academy.

Le vere accademie di Pokemon sono più difficili da trovare rispetto alle semplici scuole che si possono trovare in quasi tutte le città delle tre regioni. Per ogni regione, c'è solo un'Accademia Pokemon e per entrarci è necessaria una delle due cose: essere molto, molto ricco o molto, molto famoso. A volte devi essere entrambi. Tuttavia, in realtà entrare nell'Accademia è stato un gioco da ragazzi per Nicholas, il cui padre era l'unico e l'unico Bruno della fama dei Superquattro, rendendolo idoneo a entrare in entrambi gli account.

Le accademie di Pokemon erano i posti migliori al mondo per studiare Pokemon, ma avevano requisiti molto più alti da soddisfare rispetto alle semplici scuole di Pokemon, che era il modo migliore per andare se volevi diventare un allenatore di Pokemon senza tutto lo studio e l'onere che è venuto con l'andare alle accademie, ma in molte situazioni, la maggior parte delle persone non aveva una vera scelta.

Inoltre, era o quello o diventare un Pokemon Ranger, non un lavoro che Nicholas voleva intraprendere, nonostante gli piacesse la vita all'aria aperta.

Nicholas non era particolarmente impaziente di tornare a casa, l'intero viaggio di ritorno di Pidgeot all'Altopiano Indaco è passato troppo velocemente poiché considera esattamente come avrebbe reagito suo padre.

“Non voglio un Pokemon di tipo Lotta come mio primo Pokemon, papà. Lo sai." Nicholas siede dall'altra parte dell'arena rispetto a suo padre, riempiendo il suo zaino delle cose di cui avrebbe bisogno per iniziare il suo viaggio. Erano seduti nell'arena consumata dalla battaglia in cui Bruno ha combattuto le speranze del Campione.

"Non avrò niente di tutto questo." Bruno scuote la testa, muovendosi lentamente per sedersi. "Sai già che hai la tua scelta di Pokemon con cui devo cominciare."

"Allora perché dovrei ricevere un trattamento speciale, papà?" chiede Nicholas, alzando lo sguardo attraverso le corte ciocche di capelli castani che insistono nell'inibire la sua vista in situazioni come queste.

"Perché tu sei.."

"Mio figlio. Sì, lo so, papà. Ho già sentito tutto prima."

Bruno rimugina brevemente sulle parole di suo figlio, prima di annuire con la testa. "Abbastanza giusto. Mi aspettavo che non avresti cambiato idea". Si fa lentamente strada verso una posizione. "Sei un ragazzo testardo, proprio come tuo padre."

"La mamma ha sempre detto che ho avuto la mia vena testarda da te, papà." Nicholas sorride un po' mentre si sposta in piedi, spolverandosi i pantaloni.

Bruno lancia un'occhiata a Nicholas e attraversa l'arena fino a una piccola cassetta di sicurezza, inginocchiato e sbloccando la serratura. “Eravamo entrambi un po' testardi, quindi ha senso che nostro figlio sia altrettanto testardo, se non di più. Eri un vero dolore quando stavi crescendo, ma, a parte i punteggi bassi e non volendo seguire le orme del tuo vecchio, sono orgoglioso di te.

Nicholas guarda semplicemente suo padre in silenzio, inclinando la testa incuriosito mentre tira fuori una piccola Ultra Ball dal forziere, prima di lanciarla a Nicholas, che la prende con pochi problemi. “Anche se non riesco ancora a capire perché non vorresti uno Steelix. Quindi ti ho preso un Pokemon per il tuo antipasto, appena allevato. Gli ho insegnato alcuni trucchi prima di decidere di trasmetterlo a te.

Dando un'occhiata alla minuscola Ultra Ball, Nicholas la ingrandisce. "Vediamo cosa mi hai preso, allora." Premendo un pulsante, lancia la palla nell'arena e in un'esplosione di luce rossa appare un Absol. Nicholas in qualche modo fissa Absol, che sembra guardarlo solo confuso. “Beh, non posso dire di essere sorpreso che tu abbia preso questo per me. Sai che mi piacciono i Pokemon rari e il tipo di questo Pokemon è debole rispetto al tuo tipo preferito.

Bruno sorride e chiude gli occhi. «Solo un altro ostacolo da superare, Nicholas. Un piccolo a quello. Questa Absol è stata allevata da ottimi allevatori di Pokemon e ti servirà bene nei prossimi anni che passerai ad allenarti. Mi aspetto che sconfigga ALMENO Hitmontop".

"Sarà abbastanza forte da far fuori tutta la tua squadra da sola, papà." Nicholas si avvicina lentamente all'Absol e si inginocchia per controllare la sua pelliccia, a cui l'Absol risponde positivamente, facendo le fusa. Ha accettato il suo nuovo padrone. "Come si chiama?"

"Beh, l'ho chiamata Aisha, ma puoi cambiare il suo nome se vuoi." Bruno alza le spalle impotente.

Nicholas scuote la testa. “No, no. Aisha sta bene".

––––––-

Con una breve sosta a Smeraldopoli per acquisire il suo nuovo Pokedex, Nicholas iniziò il suo viaggio lì, invece che a Biancavilla. Non c'era molta differenza. Piuttosto, Nicholas si sarebbe diretto prima attraverso la Foresta di Viridian. Era giunto il momento di acquisire il suo primo Pokemon, e se fosse stato possibile per Aisha guardare ancora con impazienza alle immagini e ai suoni della foresta che si stava costantemente oscurando, sarebbe potuta benissimo esplodere.

Ogni vista anormale, ogni suono interessante, aveva l'Absol in tensione. Sebbene non parlasse molto, era chiaro che il Pokemon era molto interessato a ciò che lo circondava, con una curiosità quasi infantile. L'odore nell'aria era quello della pioggia, a significare che a un certo punto sarebbe arrivata. Probabilmente, a un certo punto presto. Guardando in alto attraverso il raro buco tra gli alberi, nuvole scure incombevano non lontano.

"Immagino che dovremo solo salvare la cattura del nostro primo Pokemon per domani, Aisha. Scusate." Nicholas sorride, a cui l'Absol si rivolge e, con una punta di delusione nella voce..

“Assolutamente..”

"Si, lo so. Mi dispiace, ma dovrei piantare la tenda prima che sia troppo tardi". Nicholas non discute più con l'Absol, nonostante le sue continue proteste e, poco prima di finire, si allontana nella boscaglia che circonda la loro piccola radura.

"Assoluto?" chiama Nicholas, togliendosi la maglietta e tirando fuori il sacco a pelo. Un fruscio di cespugli dall'altra parte della piccola radura produce l'Absol, che per il momento sembra contento. “Avevo paura che scappassi. Vedi qualcosa di interessante?"

"Assoluto, ab."

"Vorrei poterti capire." Nicholas si fa strada lentamente nella tenda e, invitando Absol ad entrare con un secondo piccolo cuscino, Aisha raggiunge felicemente il suo padrone nella tenda, rannicchiandosi e appoggiando comodamente la testa... sul cuscino di Nick. "Hey. Questo è il mio cuscino. Hai il tuo laggiù.» Sottolinea, ma a quel punto Absol era fuori di testa. Sospira e scuote la testa. "Hai sprecato tutta la tua energia in immagini e suoni, eh?"

Il sonno trovò Nicholas facilmente, come succedeva sempre quando pioveva, con lo scroscio della pioggia che colpiva la tenda. La porta era rimasta semichiusa, per consentire ad Aisha una rapida fuga in caso di necessità di uscire da quella piccola tenda soffocante. Cosa che fa, poco dopo la notte. Sebbene Nicholas registri solo brevemente la mancanza della testa di Absol sul cuscino, il sonno lo raggiunge solo più velocemente di quanto possa svegliarsi, grazie alla pioggia, ed è tornato nel mondo dei sogni.

Ancora una volta, non per molto. I suoni di quello che Nick poteva descrivere solo come un incrocio tra un ululato e un miagolio fanno eco alla piccola radura. Si stropiccia gli occhi e apre lentamente la cerniera della tenda, anche se il forte rumore non impedisce ad Aisha di continuare a miagolare. "Qual è il tuo problema? Eh, non rispondere. Non riesco a capirti, comunque."

Quando il miagolio non si ferma, Nick torna nella sua tenda per prendere il suo Pokedex, accendendolo su Aisha e premendo il pulsante.

~*“Absol, il Pokémon disastro. Meglio conosciuti per le loro apparizioni prima di grandi disastri. Passa molto del suo tempo in montagna. La crescita simile a una falce sul lato sinistro della testa si indurisce e diventa molto affilata quando è arrabbiato, anche se Absol non è noto per usare la falce in battaglia. "*~

"Amabile. Ma questo non mi dice un-“

*DING* ~*“Chiamata assoluta registrata. Analizzando… … … Finito. L'Absol sta rilasciando una chiamata di accoppiamento, pensata per attirare tutti i maschi nell'area circostante. I cicli di riproduzione nelle femmine in genere iniziano a un'età molto più giovane rispetto ai maschi, ma le femmine iniziano il loro ciclo di calore solo una volta ogni due mesi e l'inizio di un nuovo ciclo può essere identificato da questa particolare chiamata. Questa chiamata può anche differenziarsi dal suo normale grido, che suona come una sirena d'avvertimento.”*~

Nicholas si strofina la nuca. “Quindi devo ascoltare la mia chiamata Absol in questo modo tutta la notte ogni notte? Fantastico, papà. Sai davvero come sceglierli.."

Intento a dormire almeno UN PO', Nicholas risale nella sua tenda e la tiene aperta, permettendo ad Absol bagnato di rinunciare alla sua infruttuosa chiamata di accoppiamento e tornare a letto. Certo, ora questo giustificava semplicemente un odore particolare. Non era male, ma era unico - e veniva da Aisha, che lo stava fissando intensamente.

"… Mi stai prendendo in giro. Non sono un-"

Troppo tardi. Avendo trascurato di chiudere la cerniera del suo sacco a pelo, Aisha si affretta a spingerlo da parte. Molto più forte di quanto sembri, Nick è sorpreso quando lei gli strappa i pantaloni e lo trascina fuori per il resto della strada. Curioso, Nick solleva la testa con il cuscino, guardando in basso in tempo per vedere Absol muovere dolcemente la sua lingua contro il suo cazzo, tremando un po'. L'idea che il suo primissimo Pokemon sia così intimo con lui, figuriamoci così presto nella sua carriera di allenatore, è sia commovente che erotica.

Tuttavia, non ha molto tempo per considerare le implicazioni di avere una relazione sessuale con il suo Absol, poiché Aisha in realtà prende l'asta in bocca e lecca. Avere la bocca calda e bagnata attorno al suo albero fa piangere Nicholas di piacere, allungando le mani verso il basso per farlo scorrere lentamente sulla pelliccia bianca come la neve lungo la testa e il petto. È morbido al tatto, ma non riesce a godersi la sensazione a lungo, mentre lei si ferma e si allontana. Ora duro come una roccia, eccitato e molto sensibile, Nick grugnisce dolcemente, spostandosi lentamente sulle ginocchia.

Aisha alza il sedere in aria, presentando la fonte di quell'odore unico di cui aveva sentito l'odore prima, anche se molto più forte. Aveva un odore un po' di miele, ma c'era qualcos'altro che attenuava quella qualità, anche se non riusciva a metterci il dito sopra. Ancora una volta, non era male, ma era... unico. Un odore che Nicholas probabilmente non avrebbe dimenticato presto.

Invece di accontentarsi semplicemente di se stesso e di Aisha, Nick striscia lentamente fuori dalla tenda. “È troppo piccolo. Aisha, vieni qui». Fa un cenno, e Absol ancora bagnata striscia fuori, prendendo lentamente posizione proprio di fronte a Nicholas, ancora una volta, sollevando il sedere in aria. "Quindi vuoi davvero che lo faccia, eh?" Sospira. «E anche nell'erba bagnata dalla pioggia. Domani avrò bisogno di asciugarmi i pantaloni..”

Tutte quelle preoccupazioni andarono fuori dalla finestra mentre si muoveva in avanti e appoggiava la punta del suo cazzo contro la fonte di quell'odore unico. Ansioso di prenderlo, quella poca resistenza che avrebbe potuto esserci era scivolosa, e mentre si spingeva in avanti, stretto e caldo, accendendo un fuoco di passione in Nicholas che aveva sentito così poche volte nella sua vita, figuriamoci uno che invocava questo tipo di emozione. Aisha piange dolcemente in quello che lui può solo presumere essere piacere, rilasciando un grido al cielo mentre si fa strada lentamente dentro di lei.

Quando Nick si rinfodera, rabbrividisce e cerca di non spingere, permettendo ad Absol di abituarsi alle sue dimensioni. Alla fine, dopo un po', Aisha gli lancia un'occhiata, e lui lo prende come il segnale per iniziare, tirandosi fuori lentamente e spingendo di nuovo dentro. Aisha rilascia grida più morbide, spingendo Nicholas a impostare una spinta profonda, anche se dura. Questo produce una certa reazione e, con sua sorpresa, deve allungare la mano e tenerla su, le gambe di lei che tremano incontrollabilmente.

Se un Absol poteva sembrare il più piacevole che avesse mai provato nella sua breve esistenza al mondo, Aisha stava mostrando tutti i segni. Ansimare corto e veloce, gli occhi socchiusi, spingendo avidamente nel cazzo del suo padrone ad ogni colpo dentro di lei. Nicholas avrebbe voluto continuare fino al suo arrivo, ma c'erano poche indicazioni che avesse, a parte il fatto che stava per crollare. Dopo un po', Nicholas si tira fuori con riluttanza da lei. Non lo stava facendo per accoppiare la sua Absol, ma semplicemente per soddisfare i suoi bisogni.

È più facile pensarlo come un tentativo di promuovere il legame Pokemon / Allenatore, e ci sono meno atti che potrebbero favorire questo rapidamente rispetto al sesso consensuale, giusto?

Aisha non avrebbe voluto ritirarsi da Nick. Quando Nicholas strisciò di nuovo nella tenda e si sdraiò sulla schiena, il suo Absol tornò rapidamente, balzandogli sopra. Con un grugnito, il Pokemon più pesante che atterra su di lui così all'improvviso, sente una leggera spinta. L'umidità calda gli manca a malapena il cazzo e Aisha emette un lamento di delusione per la sua incapacità di impalarsi. "Cosa, non sei soddisfatto?" chiede, allungando la mano intorno all'Absol e tenendo il suo cazzo in alto per lei. Ci vogliono solo due spinte ad Aisha per impalarsi su quell'asta ancora dura, facendo gridare di piacere al padrone e a Pokemon emettere un grido simile a un gemito.

Con sconsiderato abbandono, Aisha gobba sul cazzo duro su cui è stata impalata, intenta solo a far venire il suo compagno, nonostante le gambe tremanti dopo il suo precedente climax. Nicholas può solo descrivere le sue spinte su e giù come disperate, quasi come se cercassero di farlo venire. Ogni volta che si spinge su da lui, la sua figa lo munge e fa in modo che ogni spinta lo porti più vicino all'orgasmo.

Quindi, naturalmente, non passa molto tempo prima che Nicholas cerchi di fermarla, ansimando dolcemente mentre si abbassa per cercare di fermare il Pokemon, ma ancora una volta, Aisha non ha nulla di tutto ciò. Lei ringhia dolcemente quando lui cerca di fermarla, e Nick si ferma, piangendo di piacere mentre viene. Il seme denso e caldo riempie il grembo di Aisha, e lei trema in estasi. Nicholas ansima dolcemente, seppellendo la testa nella pelliccia del petto ancora leggermente bagnata, anche se ancora molto morbida, del suo Absol, chiudendo gli occhi e lasciando che Aisha abbia tutto ciò che ha da dare.

Alla fine, Aisha si alza lentamente da lui e si fa strada al suo fianco, rannicchiandosi. Nicholas la guarda brevemente per controllarla, e sorride un po'. "Sì, felice di poterti rendere felice." Sospira soddisfatto, facendo scorrere la mano su e giù lungo il suo corpo, semplicemente per confortarla mentre cerca di dormire. A differenza della pioggia, il sonno non è facile: c'era molto a cui pensare. Non solo il suo secondo giorno da allenatore ufficiale, ma anche il momento intimo che ha condiviso con i suoi Pokemon.

–––––––-

Potrebbe essere una sorpresa, ma Nicholas è un mattiniero. Quando il sole sorge, Nicholas lo fa subito dopo, uscendo dalla tenda e lavorando al suo cambio di vestiti pulito e di scorta. In realtà asciugarsi i pantaloni sarebbe difficile, ma decide che farli penzolare dallo zaino è un'alternativa adatta all'attesa di un quarto della giornata che si asciughino. Vuole arrivare a Plumbeopoli, ma prima...

“Assoluto!”

“Va bene, Aisha. Attacco debole! Bloccalo e rendilo facile da catturare!” Nicholas comanda, il Weedle fa fatica a tenere a bada gli Absol, figuriamoci a evitare l'attacco. Colpito di lato, il Pokemon giallo di tipo Coleottero si ferma e salta su, solo per essere bloccato e colpito dal dispositivo utilizzato per catturare Pokemon. C'è un momento di tensione in cui la Pokeball oscilla da sinistra a destra, ma non c'è dubbio che il Pokemon sarebbe stato catturato. La sicurezza di Nick aumenta solo quando la Pokeball emette un morbido *DING* e fa clic per indicare che il Pokemon è stato catturato.

"Ottimo lavoro, Aisha!" Nicholas sorride all'Absol, che risponde positivamente chiudendo gli occhi contenta e avvicinandosi a Nicholas, facendo scorrere quella morbida pelliccia bianca contro le sue gambe mentre passa. "So che questo Pokemon non è particolarmente raro, ma per ora lo farà, suppongo. Diamo un'occhiata in giro e vediamo cos'altro possiamo catturare .."

-------------

Nota dell'autore: grazie per aver letto il primo capitolo. Se ti è piaciuto, recensisci. Odiato, recensione. Fatemi sapere cosa vorreste vedere nei capitoli successivi.

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

1.1K I più visti

Likes 0

Claudia Incarnata...Parte I

Il potere etereo insegue le anime al mare, il mare le sputa sulla soglia della terra, la terra alla luce del sole splendente e il sole le scaglia nell'etere vorticoso. - Empedocle di Akragas (V secolo a.C.) La prima cosa che hai notato di Claudia è che era bellissima. La sua era una bellezza raffinata e sofisticata e nel suo cuore c'era un'innata terrosità e un'aspra indipendenza che sicuramente provenivano dai suoi antenati siciliani. I suoi occhi castano scuro e i lunghi capelli neri fluenti brillavano nella chiara luce del mattino. Un sorriso giocava sulle sue labbra carnose, labbra tinte di...

1.4K I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

995 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

1.2K I più visti

Likes 0

Dylan Pt. 2 - Scherzare al cinema

Inutile dire che quella notte non ho dormito bene. Mi girai e mi girai cercando di dare un senso a quello che era appena successo fino alle 5 o alle 6 del mattino. Gli uccellini cinguettavano e il sole cominciava a splendere attraverso la mia finestra quando finalmente riuscii ad addormentarmi. Quando mi sono svegliato più tardi quel pomeriggio, ero sdraiato lì stordito? La notte sembrava già così lontana. Era solo un sogno? È stata una cosa da una notte? Avevo paura di vedere Dylan alla luce del giorno, mi sentivo come se avessi bisogno della sicurezza della notte o sarebbe...

1.6K I più visti

Likes 0

Fucking the Pooch o Al's Vacation

Mentre ero seduto nella taverna a bere birra e sparare cazzate con Al, il proprietario di questo bel locale, stavamo parlando del suo problema. Sembra che la sorella di Al, Naomi, abbia vissuto in Romania e voglia che Al la visiti. L'unico problema è che Al ha paura di viaggiare da solo e vuole che qualcuno viaggi con lui. È qui che entro. Al, non posso credere che un ragazzo come te abbia paura di viaggiare da solo? Ho riso di lui. Semplicemente non mi piace andare in un posto dove le persone parlano un'altra lingua si lamentò Al. “Ma ho...

1.2K I più visti

Likes 1

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

1.1K I più visti

Likes 1

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1.2K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

982 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

831 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.