Venditore ambulante e cameriera del motel.

733Report
Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine.

Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con il governo, arrabbiato con il mondo e arrabbiato con me stesso. Soprattutto, ero preoccupato. Avevo bollette, tantissime bollette e pensavo di non riuscire a pagarle. Avevo una rata del mutuo di quasi duemila dollari da pagare in tre settimane e avevo solo milleseicento dollari in banca che dovevo comprare il cibo e tutto il resto che devi spendere per prenderti cura di una famiglia.

Erano appena passate le due e non avevo altri appuntamenti per la giornata. Sulla via del ritorno verso la mia stanza di motel mi sono fermato in un bar in cui ero arrivato. Ho pranzato consistendo in tre bicchierini di whisky scadente e poi sono uscito dal bar. Quando tornai nella mia stanza, mi sedetti sulla sedia fissando il muro. Non mi sono preso la briga di accendere la TV. Le tende erano chiuse e avevo solo una lampada accesa. Ero in un profondo funk.

Il mio nome è Jerry. Sono un maschio bianco di cinquant'anni. Faccio il venditore per la stessa azienda da vent'anni e ho sempre guadagnato molto bene. Sono alto un metro e settanta e peso 80 chili. Ho solo un po' di pancia di mezza età e sto iniziando ad avere una zona calva sulla sommità della testa. Sono sposato con la mia amorevole moglie Fran da ventotto anni. anni.

Qualcuno bussò alla porta. Si è appena registrato e non ho prestato attenzione. La porta si aprì ed entrò la cameriera. Non si era accorta che ero lì. Quando mi vide si stupì e saltò. In un inglese stentato con un forte accento spagnolo si è scusata e ha spiegato che non sapeva che ero lì e che non aveva abbastanza asciugamani quando aveva pulito la stanza prima, quindi me li stava portando adesso.

Non ho nemmeno riconosciuto di sapere che era lì. Potevo vederla nella luce della porta aperta. Era minuta e magra con i capelli scuri. Era chiaramente messicana. Immaginavo che fosse nella tarda adolescenza o poco più che ventenne. Aveva a malapena le tette abbastanza grandi da poter essere mostrate nella sua uniforme. Non avrebbero potuto essere più grandi delle coppe B, ma erano belle e alte sul petto. Mentre ero seduto lì a guardarla potevo sentire il sangue che iniziava a scorrere nel mio cazzo.

La cameriera attraversò la stanza ed entrò nel bagno con gli asciugamani. Ho notato che poiché portava solo asciugamani, non aveva il carrello di servizio davanti alla stanza. Senza pensarci troppo, mi alzai e andai alla porta, la chiusi a chiave. Uscì dal bagno e con un'espressione preoccupata mi disse che non potevano stare nelle stanze con la porta chiusa.

Ha iniziato ad andare verso la porta ma l'ho presa per il braccio. "Per favore, lasciami andare. Devo presentarmi in ufficio." L'ho portata davanti a me e ho detto: "Chiamerò il direttore e la polizia e dirò loro che ti ho sorpreso a derubarmi, A MENO CHE tu non cada in ginocchio e mi succhi il cazzo in questo momento." "Per favore, signore, non ho fatto questo. Non rubo. Per favore, lasciami andare. Sono una donna sposata e ho un bambino piccolo. Mio marito ha perso il lavoro e ho bisogno di questo lavoro per nutrire la nostra famiglia. Per favore, lasciami vai. Sarò licenziato." L'ho guardata negli occhi: "Allora faresti meglio a succhiarmelo prima di essere beccata altrimenti chiamo e denuncio che stavi rubando." Le spinsi sulla spalla finché non dovette cadere in ginocchio. Non avevo mai fatto niente del genere, ma in quel momento non me ne fregava un cazzo.

Singhiozzando forte mi supplicò di non costringerla a farlo. Ho slacciato la cintura. "Abbassami i pantaloni e datti da fare, stronza." A quel punto era quasi come se si fosse arresa. Allungò la mano, mi sganciò e aprì la cerniera dei pantaloni e tirò giù loro e i miei fantini. La mia erezione di sette pollici balzò in piedi e puntò direttamente verso il suo viso. "Per favore, non farmi fare questo, signore", disse, singhiozzando così forte che quasi non riuscivo a capirla. Le ho dato uno schiaffo piuttosto forte sulla guancia: "Apri quella cazzo di bocca e succhiami il cazzo".

Le lacrime le scorrevano lungo il viso ma la sua bocca si aprì lentamente. Le ho afferrato la testa e l'ho tirata bruscamente a me finché il suo naso non è stato tra i miei peli pubici, premuto contro il mio bacino e il mio cazzo era nella sua gola. Ha avuto conati di vomito, si è soffocata e ha cercato di vomitare il contenuto dello stomaco. Il mio cazzo ha impedito alla maggior parte del cazzo di salire, ma alcuni si sono spinti fuori dalla mia virilità e sono gocciolati sul pavimento. Ha provato a respingermi ma non ne volevo sapere. Ho tirato fuori finché solo la testa del cazzo era rimasta nella sua bocca e poi ho sbattuto di nuovo in avanti.

Le prime volte, ha avuto un conato di vomito, ma lentamente la sua gola si è adattata al mio cazzo che entrava e usciva da esso. La sensazione della testa del cazzo che sfregava contro le pareti della sua gola era incredibile e mi faceva sentire più duro di quanto potessi ricordare da quando ero adolescente. Il pensiero che stavo costringendo questa ragazza a fare questo era bloccato dalla mia mente ubriaca. Era quasi inerte davanti a me mentre la scopavo in faccia. Alla fine ho sentito le mie palle stringersi e il mio cazzo gonfiarsi. Mi sono fermato con solo la testa in bocca e ho soffiato un carico enorme. Diverse grandi e forti esplosioni di sperma sono esplose dalle mie palle e lungo la mia asta. L'ho tenuta in posizione. "Mostramelo e poi ingoialo." Senza dire una parola seguì le mie istruzioni. Sono rimasto stupito da quanto fosse piena di sperma la sua bocca.

L'ho lasciata libera e, senza dire una parola, si è alzata velocemente e si è avviata verso la porta. Di nuovo la presi per un braccio e la fermai: "Con te non ho finito. Quando finisci di lavorare torni o denuncerò che ti ho sorpreso a rubare. Hai capito?" Singhiozzò piano: "Mio marito si aspetterà che torni subito a casa". "Chiamalo e digli che devi lavorare un po' tardi." Ho aperto la porta e, guardando per terra, se n'è andata velocemente.

Circa due ore dopo si udì un leggero colpo alla porta. Quando l'ho aperto, lei era lì vestita con pantaloncini di jeans tagliati che finivano appena sopra la parte inferiore delle sue natiche e un top giallo brillante che mostrava la piccola scollatura che aveva. "Entra e chiudi la porta." La porta si chiuse e lei rimase lì, aspettando passivamente che le parlassi. Poiché non dicevo niente, lei ha detto: "Sono qui. Vuoi che ti succhi ancora il cazzo e poi sarà tutto finito?" Mi sono avvicinato a lei. Con voce molto più calma dissi. "Non è così che accadrà. Togliti i vestiti e mettiti sul letto." "Signore, non sono mai stata con nessuno tranne mio marito. Ti succhierò ancora finché non sarai completamente vuoto. Per favore!", disse tra i singhiozzi.

"Ho detto togliti i vestiti e mettiti sul letto. Fallo adesso", dissi con voce forte ma non arrabbiata. Ho iniziato a spogliarmi e anche lei. "Come ti chiami?" Ho chiesto. "Maria", disse piano mentre saliva nuda sul mio letto. Avevo ragione riguardo al suo corpo giovane e sodo. Sembrava che avrebbe potuto avere dieci anni. Sono sicuro che pesasse meno di 100 libbre. La sua pelle marrone era impeccabile. Il monticello tra le sue gambe era piacevolmente gonfio. Non si è rasata il pube. Aveva una vita piccola, una pancia piatta e dei piccoli monticelli adorabili sul petto. I suoi capezzoli erano grandi e duri. Ciò mi fece pensare che forse il suo corpo non vedeva l'ora di vedere ciò che le stava per succedere, anche se la sua mente non lo era.

Sono salito sul letto vicino alla sua testa. "Fammi bello e duro così posso scoparti bene." Sapeva cosa volevo e ha preso il mio cazzo, ci ha fatto scivolare sopra le labbra e ha iniziato a scivolare su e giù su di me. Mi sono rotolato sulla schiena e lei si è rotolata con me. Sembrava che ogni spinta fosse un po' più profonda sulla mia asta finché non mi sono sentito entrare nella sua gola. Maria ha oscillato su e giù per tutta la mia virilità, ma per quanto mi sarebbe piaciuto eiacularle di nuovo in gola, dopo un minuto l'ho fermata e l'ho tirata fuori.

L'ho messa sulle ginocchia e sui gomiti e mi sono messo dietro di lei. Ho raggiunto tra le sue gambe e le ho massaggiato la figa. Trovandolo gocciolante, ho preso il mio cazzo in mano e ho trovato il suo buco del cazzo. "Preservativo! Per favore, mettiti un preservativo. È giunto il momento. Sono fertile." Era stretta ma bella e bagnata, quindi una spinta lunga e decisa e io ero dentro di lei fino alle palle senza gomma. Non me lo aspettavo, ma lei gemette e si spinse indietro mentre i miei spessi sette pollici si allungavano e la riempivano. "Non è meglio di un qualunque piccolo cazzo messicano?" Lei non mi ha risposto ma ogni volta che la spingevo grugniva o gemeva di gioia.

Una cosa di cui sono sempre stato orgoglioso è stato il periodo di tempo in cui posso stare senza sparare. Le tenevo i fianchi e le colpivo la figa. Ogni tanto le davo uno schiaffo sulla guancia finché non c'era un'impronta rossa della mano dove la stavo sculacciando. Ad un certo punto sono rimasto fermo e Maria ha dondolato avanti e indietro, fottendomi addosso. Dopo diversi minuti Maria ha avuto il suo primo orgasmo sul mio cazzo. È stato bello. L'ho sentita dire a se stessa: "No, no, questo non può succedere". Poi si è aggrappata alle lenzuola, ha girato la testa avanti e indietro e si è spinta contro di me per spingermi dentro di lei il più profondamente possibile. I suoi muscoli della figa si spremevano ripetutamente cercando di spremere il seme da me, ma io continuavo a martellarla dentro.

Maria finì di avere gli spasmi e crollò sul letto. L'ho seguita giù così il mio cazzo non è uscito. Ero ben lungi dall'essere finito. Ho raggiunto il suo piccolo seno e ho dato una bella stretta ai suoi piccoli seni. Ha riacquistato i suoi pensieri abbastanza da iniziare a preoccuparsi che la mettessi incinta. "Per favore, non entrare in me, per favore. Ti succhierò quando sarai pronto, ma non entrare in me." Le ho detto che non l'avrei fatto ma non le ho detto cosa avevo in mente. L'ho picchiata durante altri due orgasmi e ora non stava più cercando di comportarsi come se non fosse disposta.

Continuavo a scivolare dentro e fuori dalla sua fica, colpendo la sua cervice ad ogni spinta. Ho lasciato scivolare il pollice tra le sue natiche e ho trovato il suo buco del culo. Ho iniziato a strofinare e sondare con il pollice. "No, lì no. Non ho mai permesso a nessuno di fare qualcosa lì." Ho pensato di prenderle la verginità anale e mi ha davvero eccitato. Le ho infilato il pollice nel culo. Maria si dimenò e cercò di scappare ma la tenevo saldamente bloccata.

Ho tirato fuori e ho posizionato il mio cazzo sulla sua apertura anale. Il mio cazzo era coperto dalla sua figa e le ho anche sputato nel culo. Mi ha implorato di non entrare nel suo buco del culo ma ho dato una forte spinta e la mia testa di cazzo ha aperto il suo anello anale. Maria ha urlato di dolore ma io ho spinto la sua faccia sul materasso e le sue urla sono state soffocate. Ho spinto di nuovo e mi sono seppellito nel suo culo stretto. Maria urlò ancora e poi svenne per un attimo dal dolore.

Quando ha ripreso i sensi ero completamente nel suo culo e sono rimasto fermo finché non si è adattata alla mia presenza nel suo culo. Per la prima volta dopo averla messa sul letto, Maria stava piangendo di nuovo. Ho iniziato lentamente a pompare il suo tubo di merda. Il dolore era quasi scomparso e stava iniziando il piacere. Cinque minuti di inculata e Maria è rimasta scioccata dal fatto di aver avuto un orgasmo grazie ad un cazzo che le ha inculato.

Ho sentito le mie palle stringersi e lo sperma prepararsi ad esplodere lungo la mia asta. Mi sono tirato fuori e mi sono avvicinato al suo viso. "Ora puoi succhiarmi e prendere la mia sborra in gola, troia." Si è rifiutata di aprire la bocca e io le ho dato uno schiaffo in faccia. La sua bocca si aprì e il mio cazzo, che le era appena stato nel culo, le fu spinto in gola. Sono stato inculato per un altro minuto prima di non poter più resistere. Il primo paio di pulsazioni del mio cazzo le sono venute in gola. Poi mi sono tirato fuori e le ho sparato altre tre corde di sperma sul viso. Ho preso in mano la mia virilità ammorbidente e con essa ho strofinato il mio seme su tutto il suo viso.

Scesi dal letto e mi sedetti sulla sedia. Maria rimase immobile sul letto per un paio di minuti, poi si alzò e andò in bagno per lavarsi la faccia e pulirsi la zona tra le gambe. Si vestì e poi con la mano sulla maniglia della porta mi guardò con uno sguardo di sfida. "Ora ho un campione del tuo DNA. Posso andare all'ospedale e alla polizia e verrai arrestato per avermi violentato." Le ho sorriso: "È solo la tua parola contro la mia. Dirò loro che sei venuta da me e ti sei offerta di fare sesso con me per soldi. Ho detto di no ma poi volevi comunque che ti scopassi e l'ho fatto. La telecamera di sicurezza del motel ti mostrerà che vieni nella mia stanza dopo aver finito il lavoro, vestito con quel vestito sexy. Non succederà nulla a nessuno di noi due, ma la storia verrà fuori e tutti, compresi tuo marito e la tua famiglia, sentiranno la storia di te che sei una prostituta. Vuoi che succeda questo?"

Maria sembrava abbattuta mentre si allontanava con le gambe arcuate, la testa abbassata e lo sperma che le colava lungo l'interno della coscia dal suo culo ben scopato. Mi sono alzato e sono andato a farmi una doccia prima di dormire bene la notte e tornare a casa dalla mia amorevole famiglia.







1013

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

La cagna del secchio di sperma di Kane cap.4

Non ho dormito a lungo. Mi sono alzato e ho guardato l'orologio. 10:03. Kane si svegliò con me. Mi ha guardato indossare reggiseno e camicetta, ma quando ho preso un paio di mutandine dal primo cassetto del comò e le ho infilate, ha abbaiato! La sorpresa mi fece cadere sul letto. Si spostò e mi prese l'orecchio tra i denti. Kane! Mi bloccai ma non riuscivo a trattenere il suo nome. In piedi sulla trapunta, tenendomi bloccato per l'orecchio, l'alfa lo scosse delicatamente ma emise un basso ringhio. Aveva deciso che non avrei più indossato le mutandine. Li lasciai cadere a...

627 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.