Tempi veloci all'Eden S&M - Capitolo 1 - Matricola in paradiso

713Report
Tempi veloci all'Eden S&M - Capitolo 1 - Matricola in paradiso

Era la prima serata di metà maggio e una calda brezza primaverile entrava dalla finestra della camera da letto di Trevor. La sua stazione rock preferita risuonava dagli altoparlanti e dal subwoofer del suo computer desktop. Si rilassava in una poltrona a sacco, riducendo in mille pezzi i suoi amici e venendo annientato a sua volta mentre si godevano una sessione di combattimento mortale prima di cena. Trevor sapeva che avrebbe dovuto concludere presto la faccenda. Poteva sentire l'odore del condimento messicano, della carne sfrigolante e della salsa che proveniva dal piano di sotto. Era la serata dei tacos a casa Marshall e tutto andava bene nel mondo.

Trevor si trovava in quel momento e in quel luogo speciali a cui, tra qualche anno, avrebbe ripensato con affetto. Quell'istantanea nel tempo a cui gli adulti sognano di tornare per un secondo assaggio. Era all'ultimo anno delle superiori e presto si sarebbe diplomato. I suoi compiti cruciali erano finiti e tutto ciò che restava erano le ultime settimane di eventi scolastici, feste e immersione totale.

Il giovane robusto, alto un metro e ottanta, con i capelli castani e gli occhi abbinati, era ben noto nella sua piccola città. Era orgoglioso di essere amico di quasi tutti i membri della sua classe e di tutti gli uomini delle classi inferiori che entravano nella sua orbita. Era il primo a presentarsi a qualsiasi festa e spesso l'ultimo a svegliarsi e barcollare a casa quando l'effetto delle sostanze illecite svaniva.

Trevor era un membro della squadra di football; un ricevitore ampio. Sebbene non fosse un atleta d'élite e i suoi anni ai Summerfield Spartans non gli fossero valsi alcun invito in università prestigiose, non gli importava. Gli piaceva semplicemente spaccare teschi e divertirsi sul campo. La competizione e il cameratismo furono per lui una ricompensa sufficiente.

Forse avrebbe dovuto preoccuparsi di più perché stava per laurearsi e non aveva ancora formulato alcun piano concreto per l'autunno, ma Trevor non poteva essere disturbato. Era uno spirito libero che viveva il momento e non pensava molto ad attraversare i ponti finché non li raggiungeva. Trevor aveva appena compiuto diciotto anni un mese prima e il mondo era la sua ostrica.

Inoltre, le opzioni non gli mancavano. Trevor stava migliorando continuamente nel suonare il basso. Lui e alcuni dei suoi amici tenevano jam session semi-regolari e si parlava di portare la loro cover band in viaggio. Forse avrebbe fatto qualche lavoro di costruzione o di abbellimento e avrebbe risparmiato un po' di soldi durante l'estate. Poteva finalmente comprare un veicolo invece di andare in bicicletta, prendere in prestito l'auto di suo padre o chiedere un passaggio ai suoi amici. Sembrava un'idea migliore che chiedere prestiti e tuffarsi direttamente al college quando non si aveva idea di cosa si volesse studiare. Se tutto il resto fallì, c’erano i militari. C'era sempre posto per un giovane in forma nelle forze armate.

Queste possibilità avrebbero potuto anche essere granelli di sabbia su qualche spiaggia lontana. In quel momento, tutto ciò che interessava a Trevor era godersi il gioco e divorare interi piatti della deliziosa cucina tex mex. Il suo stomaco sussultò mentre eseguiva una doppia uccisione e ululava di vittoria attraverso le cuffie. Per fortuna, non dovette aspettare molto prima che la voce familiare della sua matrigna urlasse su per le scale.

“TREVORE! SIAMO QUASI PRONTI!”

"Bene! Sii proprio lì!

Trevor ha salutato i suoi amici, si è disconnesso e ha spento la console per videogiochi. Si alzò dal comodo sedile in vinile e corse fuori dalla porta. Le sue scarpe da ginnastica scendevano rapidamente le scale mentre veniva attratto nella sala da pranzo dall'aroma paradisiaco della carne macinata speziata e del pollo. Entrando, non fu sorpreso di trovare la sua matrigna seduta al tavolo a godersi il suo primo bicchiere di vino. Senza dubbio il padre gliel'aveva versato, con gioia.

Proprio al momento giusto, suo padre emerse dall'altro ingresso; quello che collegava la sala da pranzo alla cucina. Richard era un uomo alto, magro, dalla carnagione olivastra, di origini miste italo-spagnole, la cui attaccatura dei capelli non si era mossa a quarantacinque anni. Con una mano coperta da forno portava un vassoio di metallo pieno di gusci di tacos riscaldati e nell'altra una ciotola di porcellana piena di carne macinata calda. Li posò sul tavolo con un sorriso.

"Affamato?"

"Come un orso primaverile!" confermò Trevor mentre prendeva posto.

Suo padre ridacchiò e andò a prendere il pollo, le tortillas, la salsa, le patatine, l'insalata e tutto il necessario per il banchetto.

"Posso darti una mano se vuoi?"

"No, ho capito" Richard lo salutò con un cenno della mano.

Trevor lo guardò allontanarsi prima che i suoi occhi si spostassero su Stacy sorridente. Era ancora stupito di quanto le cose fossero cambiate negli ultimi anni. I suoi genitori si erano separati quando lui era piuttosto giovane e il padre di Trevor era stato un uomo completamente diverso fino a quattro anni prima. La madre di Trevor era completamente fuori gioco e suo padre si era crogiolato nell'autocommiserazione per molto tempo.

Allora, quando non lavorava, Richard gironzolava per casa e beveva. Lavoretti e fatture si accumulavano. Se la cena non era da asporto o a domicilio, Trevor era lasciato a se stesso. Richard non è mai stato violento mentre beveva, era solo preoccupato e negligente. Spesso partiva per gli appuntamenti in prima serata e non tornava a casa fino a molto tempo dopo che Trevor si era addormentato.

Tutto è cambiato quando la bionda in forma e formosa all'estremità del tavolo è entrata nelle loro vite. Trevor non poteva negare che la sua matrigna fosse bella per la sua età. La cosa assurda era che aveva qualche anno più di Richard, anche se di certo non lo dimostrava. Trevor non avrebbe mai immaginato che suo padre fosse il tipo da scegliere una donna più anziana, ma Stacy se lo teneva stretto.

Quando si risposò due anni fa, Richard era sulla buona strada per diventare un marito e padre modello. All'inizio andare d'accordo con Stacy era stato difficile, ma man mano che le cose con suo padre miglioravano, Trevor non poteva più nutrire rancore nei confronti del nuovo capo della famiglia Marshall, che era sicuramente lei. Era ancora la famiglia Marshall? Stacy aveva deciso di mantenere il suo nome da nubile.

Trevor non sapeva molto della sua professione, tranne che era una specie di terapista e consulente. Lavorava per uno studio privato e non le piaceva parlare del suo lavoro. Indipendentemente da ciò, le sue capacità avevano contribuito a dare una svolta alla vita di suo padre.

Da quando si erano trasferiti lì, avevano trasformato metà del seminterrato in uno studio privato per Stacy. Lei e suo padre erano spesso lì di notte, a godersi il loro tempo privato. Trevor non ha mai tentato di violare il loro piccolo santuario. La severa matrigna lo teneva perennemente sotto chiave e Trevor non aveva alcun desiderio di scoprire i suoi segreti. L'ultima cosa a cui voleva pensare era che suo padre e Stacy si scopassero, né era interessato a qualunque cosa strana stessero facendo.

"Non vedi l'ora di laurearti?" chiese Stacy tra un sorso e l'altro del suo Zinfandel.

“Diavolo sì! Sarà una festa senza sosta per circa tre giorni. Ho ricevuto inviti a tre feste diverse. Tutto inizia nel momento in cui gettiamo quei cappelli!”

Stacy gli offrì un sorriso sottile. “Sì, sono sicuro che sarà divertente. Un po' di meritata baldoria, ma sarà finita prima che tu te ne accorga. Hai già pensato a cosa farai quest'estate? O, cosa più importante, quest’autunno?”

"Qualche" rispose Trevor, incrociando le braccia sul petto. «Ma non ho ancora preso alcuna decisione. Sto ancora valutando le mie opzioni.

Richard ritornò nella stanza per la terza volta, posando gli oggetti rimanenti prima di sedersi al tavolo. Accostò la sedia e guardò a bocca aperta la taglia davanti a lui, riflettendo su cosa voleva prima.

"Capisco" rispose con un cenno del capo. «Bene, forse tuo padre e io possiamo aiutarti in questo. Abbiamo delle novità, vero Richard?»

"Oh si! Grandi notizie! Ma ci arriveremo abbastanza presto. Per favore, scava! Prima che faccia freddo."

Il trio preparò in fretta i pasti, godendosi le combinazioni preferite degli ingredienti disponibili. Mentre mangiavano chiacchierarono amichevolmente degli eventi attuali e dell'imminente laurea, ma mentre il pasto volgeva al termine, la conversazione tornò al futuro di Trevor.

"Quindi, come ha detto Stacy, abbiamo una proposta per te."

"Che tipo di proposta?" chiese Trevor, spostando lo sguardo dai due.

"Il tipo che saresti saggio da accettare" rispose Stacy. Si appoggiò allo schienale della sedia e accavallò le gambe mentre sorseggiava il secondo bicchiere di rosso scuro.

Richard le rivolse un sorrisetto, i suoi occhi implorandola di rilassarsi. Si voltò verso suo figlio e continuò. “Sappiamo che hai dei ripensamenti sull'idea di andare al college. Stacy e io abbiamo un piano che potrebbe alleviare queste preoccupazioni.

“Non si tratta nemmeno solo di quello che voglio. Non ho ottenuto una borsa di studio per il calcio e non è che i miei voti impressioneranno nessuno.

"I voti non sono necessariamente un problema a meno che tu non faccia domanda per una scuola di alto profilo" ribatté Richard. "E finché puoi pagare."

«Giusto, e non voglio indebitarmi per una laurea in cesteria. Non voglio che nemmeno voi vi indebitiate per questo."

"Intreccio di cesti?" la donna bionda lo derise. “È così che i giovani si riferiscono alle discipline umanistiche oggigiorno?”

"Ascoltaci e basta" intervenne Richard, alzando le mani in segno di supplica. "Stacy si è data un sacco di problemi per mettere insieme tutto questo, quindi è il minimo che puoi fare."

"Va bene..." Trevor rispose con un cenno del capo. Si appoggiò allo schienale e si mise comodo, preparandosi per un'altra conferenza sull'importanza di una laurea quadriennale.

“La tua matrigna è amica di un membro dello staff senior di un'università statale. Dopo aver parlato con lei e aver scoperto un nuovo programma che stanno lanciando, ha trovato un accordo per farti entrare."

"Quale scuola?"

"Eden S&M University" rispose Stacy. "Precedentemente Eden S&M Academy."

"Non ne ho mai sentito parlare."

“È stata una scuola religiosa per molti anni. Ora, un'istituzione pienamente accreditata. È a poco più di cento miglia di distanza. A sole due ore di macchina dal nord del paese."

"Sì, in una macchina che non ho..."

"Cosa significa S&M?"

“Seminario e Missionario. Non è più quello che fanno, ma lo hanno mantenuto per prestigio, suppongo.

"Pensalo come Texas A&M", ha scherzato Richard.

"Ok, allora qual è il problema?"

Stacey sorrise. “Ci viene concesso uno sconto sostanziale sulla retta, vitto e alloggio. Potresti anche dire che lo otterremo per una canzone. Eden attualmente ha un rapporto tra donne e uomini di tre a uno e sono molto ***********invidiosi riguardo a chi ammettono. Tuttavia, una volta che ho parlato di te alla mia amica, ha accettato che saresti stato perfetto.

'Wow! Tre a uno?!? Mi piacciono quelle dannate probabilità! Non sapevo che PUSSY CITY fosse solo un paio d'ore a nord!'

Trevor annuì. "Lo ammetto, per quanto riguarda le proposte di vendita, si tratta di un'apertura molto forte."

"Aspetta, migliora!" intervenne suo padre. "Non solo questa è l'occasione per ottenere un'istruzione universitaria a buon mercato, cosa che copriremo noi, ma se accetti di andare all'Eden, indovina dove andremo tu ed io questo fine settimana?"

Trevor sembrava perplesso. "...Dove?"

"Giù al parcheggio, per scegliere la tua nuova macchina." Il sorriso di Richard si allargò fino agli angoli del suo viso.

Gli occhi del giovane si spalancarono. "Davvero?!?"

«Ti servirà un modo per andare e tornare. Io e Stacy non verremo a prenderti ogni volta che vorrai tornare a casa per una visita. E in questo modo non dovrai faticare tutta l'estate solo per permetterti qualche battitore. Ti procureremo qualcosa di carino che ti durerà per il primo tratto della tua vita adulta. Puoi goderti l'estate prima di andare a scuola. Ne siamo felici, poiché risparmieremo così tanto sulla tua istruzione.

Trevor era già sul punto di accettare quando Stacy mise la ciliegia sopra il gelato.

“Oh, e questo potrebbe piacerti. Non è necessario dichiarare una specializzazione quando entri. Eden personalizza il tuo programma man mano che procedi, presentandoti vari corsi di discipline umanistiche e aiutandoti a tracciare un percorso verso la laurea più adatta a te. Quello che dice quel pezzo di carta non ha molta importanza. La cosa importante è che avrai una laurea quadriennale dopo aver frequentato una scuola che introduce il suo corpo studentesco a esperienze uniche e che cambiano la vita.

La fredda fermezza della voce di Stacy era in netto contrasto con l'eccitazione di quella di suo padre. Tuttavia, le sue parole non furono meno rinvigorenti. Non dover decidere su una specializzazione o addirittura su un corso di studi piaceva molto a Trevor. Quelli erano esattamente il tipo di decisioni per le quali si tormentava e riuscire a evitarle del tutto era un grande vantaggio per quanto lo riguardava.

*applauso*

Richard batté le mani e le strofinò con entusiasmo. "Allora, che ne dici, figliolo?"

Trevor non li tenne con il fiato sospeso a lungo. A dire il vero, sembrava una grande opportunità e se non gli piaceva come è andata a finire, poteva sempre ripiegare su uno dei suoi altri piani. Vide un sacco di aspetti positivi e l'unico aspetto negativo era che avrebbe dovuto sottoporsi alla tipica trafila delle arti liberali che era standard in qualsiasi istruzione superiore. Nel frattempo, si sarebbe circondato di bellezze giovani e disponibili e avrebbe pagato tutte le spese della sua prima macchina insieme alla laurea. Erano molti cavalli regalati e non aveva intenzione di guardarli in bocca.

"Penso che tu mi abbia appena convinto ad andare al college."

* * * * *

QUATTRO MESI DOPO

Era una bellissima giornata nel campus dell'Eden S&M. Una leggera brezza autunnale soffiava foglie attraverso il cortile. Sullo sfondo, gli studenti camminavano, facevano jogging e andavano in bicicletta. Una radio trasmetteva rock classico in lontananza mentre un paio di ragazzi si lanciavano un pallone da calcio avanti e indietro. Era l'ora di pranzo e gli studenti oziavano sul prato o sedevano sulle panchine che punteggiavano i vialetti; godendosi un riposo e uno spuntino tra una lezione e l'altra. Sarah aveva portato una coperta su cui lei e Trevor potevano rilassarsi mentre si godevano il pasto.

Trevor giaceva su un fianco, appoggiando la testa su un braccio mentre guardava la bellissima rossa. Le sue ciocche lunghe fino alle spalle le incorniciavano il viso su entrambi i lati, cadendo in un'onda a sinistra e nascoste dietro l'orecchio a destra. La sua pelle era di puro bianco porcellana e il suo viso era diviso da un naso sottile e perfettamente dritto. I suoi occhi erano di una tonalità di blu così chiara che potevano essere scambiati per grigi a meno che non fossi da vicino e non li guardassi profondamente come stava facendo Trevor adesso.

Si erano incontrati all'orientamento e si erano subito trovati bene. Era stata una storia d'amore vorticosa mentre si ambientavano nella vita universitaria e affrontavano le prime settimane di lezione. Sebbene fossero ancora una coppia relativamente nuova, stavano già trascorrendo le serate con gli appuntamenti coccolandosi dopo cena; rilassarsi con Netflix finché le loro mani e le loro labbra non hanno trovato cose migliori da fare.

Trevor era completamente innamorato della studentessa 5'6. Non si era innamorato solo delle sue curve sottili, ma della sua energia, della sua natura ottimista e della sua gioia di vivere. Le sue passioni erano profonde. Tra questi c'erano la comprensione di ciò che spinge le persone a agire e la cura degli animali e dell'ambiente. Sarah sarebbe diventata una psicologa o un avvocato per ONG ambientaliste. Semplicemente non aveva ancora deciso.

Sarah mangiò gli ultimi bocconi di macedonia prima di mettere da parte il tupperware e la forchettina in miniatura. Si voltò e guardò i due giovani che giocavano a palla in lontananza prima di riportare lo sguardo su Trevor.

"Sembra che tu non sia l'unico giocatore di football del campus", ha osservato. Sarah allungò la mano e diede uno strattone alla giacca Spartan rossa e bianca di Trevor.

"Sì, peccato che Eden non abbia una squadra di football."

«Immagino che non siano abbastanza grandi per quello, eh? Anche se il corpo studentesco era più vicino al 50/50, è pur sempre una piccola scuola.”

“Probabilmente non saranno mai una scuola per conferenze, ma va bene così. Sto bene lasciandomi alle spalle i miei giorni di football. Così tanti ragazzi finiscono per subire danni cerebrali, alla fine.

“Il tuo cranio è piuttosto grosso. Non penso che tu debba preoccuparti” disse con un sorriso.

"EHI! Ti farò sapere che ho una mente meravigliosa da abbinare al mio bel corpo!

Sarah ridacchiò. «Scherzare, ovviamente. E comunque, cosa ti hanno fatto a fare in fisica?»

"I ragazzi? Solo cose basilari per ora. Calisthenics. Un po' di corsa. Qualche caduta e flessibilità. Spero che alla fine ci lascino giocare a qualche scrimmage game. Calcio, basket, qualsiasi cosa...”

"Stesso. Penso che sia strano che abbiamo fatto anche fisica all'università. Pensavo che i giorni delle lezioni di ginnastica sarebbero finiti.

"Mi piace. Mi aiuta a tenermi sveglio tra una portata e l'altra. Nei giorni in cui non ce l'ho, mi addormento in quarta classe."

Sarah sorrise e scosse la testa. "Se non sei interessato al programma, perché sei venuto qui?"

“Te l'ho detto, i miei genitori mi hanno convinto a farlo. Ho preso una macchina e ho passato un'estate divertente. Non direi che tutte le lezioni mi annoiano. Sono sicuro che troverò qualcosa che mi piacerà, col tempo."

La bella rossa si avvicinò furtivamente, con i capelli sciolti mentre strisciava verso Trevor carponi. "Bene, sono felice che tu sia venuto, perché ho già trovato qualcosa che mi piace."

Si abbassò per un bacio e le loro labbra si incontrarono. Le loro lingue saettavano avanti e indietro per un incantesimo mentre si scambiavano saliva e respiro caldo. Quando Sarah finalmente si staccò, i suoi occhi erano caldi, affamati e pieni di malizia.

"Venerdì esco con le ragazze, ma sabato sera sei tutta mia."

Trevor ridacchiò. «Questa è la mia battuta, tesoro. Che ne dici di..."

Prima che si rendesse conto di cosa stava succedendo, Sarah scattò in avanti, lo afferrò per le braccia e lo spinse di nuovo sul prato. La sua testa ricadde nell'erba mentre il corpo di lei scivolava sul suo. Le cosce ingannevolmente forti di Sarah si chiusero sulle sue mentre lei gli prendeva gli avambracci e glieli premeva sopra la testa. Trevor avrebbe potuto fermarla. Almeno in termini di forza della parte superiore del corpo, resistere al suo spillo sarebbe stato facile, ma era divertito.

Trevor ridacchiò mentre lei lo premeva e si chinava su di lui, appoggiando tutto il peso sul suo corpo. Il suo seno a coppa C premeva attraverso la camicetta di seta e aderiva al suo petto. Le sue gambe si strinsero attorno alle sue e tenevano ferma la sua metà inferiore. Il suo viso angelico pendeva proprio sopra il suo, guardandolo altezzosamente con un sorriso a trentadue denti.

«Non sei un buon ascoltatore. Dovremo lavorare su questo. Ho detto che sei mio."

Gli occhi di Trevor si aprirono un po' di più e leggere sfumature di rosso scurirono le sue guance. Sentì il suo cazzo gonfiarsi nei jeans. Era sempre stato interessato al tipo della ragazza della porta accanto, ma non poteva negare che anche questo gli piaceva. Era un po' strano, dato che Sarah al primo incontro le era sembrata piuttosto timida e sottomessa. La situazione era lentamente cambiata man mano che le prime settimane all'Eden erano volate. Forse stava finalmente incontrando la vera lei?

"Beh, se la metti così, suppongo che sarò al tuo servizio questo fine settimana."

"Bravo ragazzo."

Sarah si abbassò di nuovo e si baciarono ancora più a lungo e più profondamente. Il tempo volò mentre la loro leggera pomiciata si estendeva fino ai minuti finali dell'ora di pranzo. A nessuno dei due importava chi avrebbe potuto guardare il loro piccolo spettacolo sul prato del campus.

* * * * *

"Sig. Marshall? Ciao?!?"

Angelica aveva posto la sua domanda due volte, senza risposta. Lei si accigliò, guardando lungo i corridoi dei posti fino a Trevor nell'ultima fila. Aveva notato che la sua testa oscillava avanti e indietro alcune volte mentre teneva la conferenza, ma fino a quel momento il giovane era rimasto cosciente. Ora la sua testa era completamente abbassata con un avambraccio proprio davanti ad essa, che fungeva da cuscino. Stava apertamente sonnecchiando nella sua classe. Non andrebbe bene.

La signora Armstrong si portò un dito alle labbra e guardò da una parte all'altra, invitando i suoi studenti al silenzio. Recuperò un righello dalla scrivania e si fece avanti, facendo sbattere i talloni sul pavimento di piastrelle mentre avanzava lentamente verso il retro della stanza. Mentre si avvicinava al suo subordinato addormentato, il suo russare diventava più forte. Senza che nessuno parlasse, l'intera stanza poteva ora sentire la prova del suo abbandono.

Angelica si fermò al suo fianco e si mise le mani sui fianchi. Un sorriso subdolo si allargò sul suo viso mentre osservava il suo torso alzarsi e abbassarsi dolcemente.

*SLLLAAPPP*

Posò il righello sulla scrivania a pochi centimetri dalla testa del giovane. Il battito del cuore di Trevor schizzò alle stelle, passando da una pausa pacifica a un'esplosione di battiti furiosi. I suoi occhi si spalancarono mentre saltava sulla sedia, svegliandosi di soprassalto.

“COSA!! OH--"

Alzò lo sguardo e trovò il volto del suo professore di studi di genere a pochi metri dal suo. Sembrava assolutamente furiosa mentre si chinava, lanciandogli un'occhiataccia che non avrebbe dimenticato presto.

“La sto annoiando, signor Marshall? O forse semplicemente non ti interessano i diritti delle donne?"

La mano di Trevor trovò il suo petto mentre il suo cuore continuava a battere forte. Si guardò intorno, trovando all'improvviso tutti gli sguardi puntati su di lui. La maggior parte apparteneva a compagne di classe, naturalmente.

“Mi scusi, professor Armstrong. Devo essermi appisolato."

“Che intuizione acuta! Forse da ora in poi ti chiamerò Capitan Ovvio."

Le risate si diffusero in tutta la classe e Trevor fece una smorfia. Sapeva che il professor Armstrong sarebbe stato un tipo duro fin dalla prima volta che l'aveva vista. Era una donna massiccia; alto almeno quanto Trevor senza i tacchi. Con i suoi stivali col tacco alto, lei torreggiava su di lui.

Non era lì che finivano le sue intimidazioni. Era ben fatta, con braccia forti e cosce davvero massicce che erano a malapena contenute dalla sua gonna di pelle nera. Il suo setoso top scarlatto faceva ben poco per nascondere le sue spalle larghe o le brocche giganti che sporgevano dal suo petto. Trevor non avrebbe nemmeno indovinato la taglia della sua coppa. Non era sicuro di quanto alte fossero le lettere per la taglia del reggiseno.

I suoi lunghi capelli scuri le ricadevano in un'onda intorno alla testa e le scivolavano lungo la schiena. I suoi occhiali le conferivano un'aria sofisticata che si abbinava al suo spirito da stocco. Aveva occhi azzurri profondi che potevano perforare l'anima di un uomo e labbra carnose e piene come quelle di qualsiasi modella. Eppure i suoi tratti femminili erano abbinati a una mascella quasi maschile e a mani molto più grandi di quelle della donna media.

La mente di Trevor correva. Se voleva riprendersi e non fare la figura dello stupido davanti alla classe, doveva dare tutto quello che stava ottenendo. La sua espressione sorpresa si sciolse in una di calma accettazione. Avrebbe sferrato pugni e non avrebbe lasciato che le sue provocazioni avessero la meglio su di lui.

Fece un finto saluto, alzando le dita fino all'orlo di un berretto invisibile.

"Capitano Obvious, a rapporto, signora!"

Un'altra ondata di risate si riversò per l'aula. Il professore non sembrava impressionato.

“Ora che sei sveglio, puoi rispondere alla mia domanda. Quali sono tre esempi di privilegio maschile?”

"Privilegio maschile... Ummm..." Non aveva letto, ovviamente. Se non riusciva a dare una buona risposta, la seconda migliore linea d'azione era darne una divertente. Almeno avrebbe potuto salvare la faccia agli occhi dei suoi compagni studenti, se non della signora Armstrong.

“Vediamo... Noi non sanguiniamo ogni mese a meno che non facciamo qualcosa di stupido. Possiamo fare la pipì in piedi. E il privilegio più grande di tutti, il fatto ben noto che Dudes Rock!”

Dubitava che il professor Armstrong fosse a conoscenza di quel particolare meme su Internet, ma non aveva importanza. È stato principalmente a beneficio della sua fascia d'età. Sfortunatamente, ha prodotto solo alcune risatine leggere e risate lievi. La signora Armstrong si guardò da una parte all'altra, mettendo immediatamente a tacere i pochi altri maschi nella stanza con il suo sguardo impassibile. Tutte le donne fissarono Trevor, per nulla divertite come il loro insegnante.

“Se questo fosse il tuo tentativo di diventare comico, non lascerei ancora la scuola per diventare un comico. Tecnicamente, due di queste risposte sono corrette, ma dal tuo tono e dalla tua leggerezza, non mi sembra che tu stia prendendo sul serio la mia lezione. Mi chiedo cosa penserebbe Sarah se le dicessi quanta poca considerazione hai per un campo così cruciale per la liberazione delle donne?

Trevor fu completamente colto di sorpresa da quella cosa. "Aspettare! Che cosa?!?"

"Oh si. Ho visto te e la tua ragazza insieme. È difficile non farlo quando insisti su tali manifestazioni pubbliche di affetto. Anche Sarah segue questo corso. Dovrei dirle che stronzo sei stato, o hai intenzione di comportarti bene?"

Trevor si morse la lingua. Era ora di prendere la L. “No, signora Armstrong. Voglio dire, sì, mi comporterò bene. Le mie scuse."

Diede un colpetto al righello che aveva in mano e gli rivolse un ultimo sguardo sdegnoso. “Vieni nel mio ufficio dopo la tua ultima lezione, oggi. Avremo un piccolo uno contro uno.

Le donne nella stanza ridacchiarono e si levarono alcuni ooooh mentre il professor Armstrong tornava davanti alla stanza. Trevor mantenne la compostezza, ma ribolliva internamente mentre la donna grande e robusta si lanciava di nuovo nella sua conferenza. Era in un'aula universitaria, ma all'improvviso gli sembrava di essere tornato alle medie. Che disastro.

* * * * *

Poco più di un'ora dopo, Trevor si ritrovò a passeggiare per i corridoi dell'edificio amministrativo. Era tornato prima all'edificio principale delle Scienze Sociali, ma era rimasto sorpreso nell'apprendere che l'ufficio del professor Armstrong non era lì. A quanto pare, nella gerarchia del campus occupava un posto più alto di quanto Trevor avrebbe immaginato.

Era un vecchio edificio, ma le sue condizioni immacolate suggerivano che fosse stato ristrutturato negli ultimi anni. L'esterno era tutto in mattoni, cemento ed eleganti finestre ad arco, che facevano sembrare l'edificio più simile ad una cattedrale che ad un tipico ufficio amministrativo. L'interno era costituito da legno laccato, pavimento in marmo e lucidi riflessi di ossidiana lungo le pareti e le scale. L'Eden S&M poteva essere una scuola relativamente piccola, ma ovviamente non mancavano i fondi.

Dopo aver salito due rampe di scale, Trevor si avvicinò alla stanza 306. Sulla lussuosa targhetta con il nome si leggeva Professor Angelica Armstrong, Senior Humanities Officer e Direttore degli studi di genere. Trevor alzò la mano per bussare. Prima ancora che potesse battere le nocche, la pesante porta si aprì. C'era la donna spaventosa che lo aveva completamente messo in imbarazzo davanti alla classe.

Era un po' sconcertante per Trevor imbattersi in persone che potevano disprezzarlo. Doppiamente vero quando a beneficiare del vantaggio in altezza era una donna. Per i giovani alti come lui era qualcosa che accadeva raramente. In momenti come questi, aveva un assaggio di ciò che le persone più basse sperimentavano continuamente. La rarità di tali eventi rendeva il contrasto ancora più stridente.

Il suo aspetto scoraggiante non si limitava ai pochi centimetri in più che le davano i suoi stivali. Le sue braccia solide e ben toniche e le cosce del tronco d'albero che sporgevano dalla gonna di pelle erano la prova di qualcuno che trascorreva molto tempo in palestra. Dire che era imponente sarebbe un eufemismo, e questo prima che tu prendessi in considerazione il suo notevole intelletto.

"Entra, Trevor", disse con un gesto della mano. «E consegnami il telefono. Non sono ammessi dispositivi mentre siamo in conferenza."

Sospirò, ma alla fine tirò fuori il telefono dalla tasca e glielo porse. Angelica si assicurò che fosse spento prima di riporlo in un cassetto del tavolo vicino all'ingresso.

"Fai come se fossi a casa tua. Resterai qui per un po'."

Trevor entrò e studiò rapidamente il suo ampio ufficio. C'erano molti scaffali, tavoli, un'enorme scrivania e una discreta quantità di mobili in pelle. Era molto più grande e rigoglioso di quanto si aspettasse per il capo degli Studi di Genere. Non l'angusto ufficio all'angolo che aveva immaginato a lungo.

"Non pensavo che la punizione fosse ancora una cosa al college", notò seccamente.

Angelica chiuse la porta prima di voltarsi e superarlo. “Chi ha parlato di detenzione? Puoi considerarla un'udienza disciplinare. O forse semplicemente un professore e uno studente che si conoscono meglio, se riesci a smettere di fare il furbo per cinque minuti.

Trevor deglutì. Anche se tutta la faccenda era sciocca, non aveva senso inimicarsi ulteriormente con lei. "Mi scusi, professore."

La signora Armstrong si voltò e si mise le mani sui fianchi. “Davvero? Veramente?"

“Non dovrei fare un pisolino in classe. Non volevo. Ho appena passato una lunga notte..."

"Lunghe sessioni di studio notturne con la signorina Dubois, immagino?"

Trevor si strofinò la nuca e arrossì. I suoi occhi si allontanarono dallo sguardo severo del professore. "Qualcosa del genere."

"Sì, posso solo immaginare cosa hai studiato."

“Non accadrà più”.

"Non ci credo nemmeno per un secondo" disse Angelica con un sorriso crescente. «Conosco troppo bene il tuo tipo. Pensi di essere il maschio alfa del campus, anche se ti comporti come il clown della classe. Qualcuno non ha ricevuto abbastanza disciplina dalla mamma. O forse era una mancanza di affetto? Probabilmente entrambi."

“Ovviamente non hai mai conosciuto la mia matrigna. Non è esattamente un tipo da dolcezza, ma non ha mai esitato a denunciare le mie stronzate. Voi due andreste d'accordo."

“Stacy e io ci conosciamo bene. La nostra amicizia è il motivo per cui sei qui.

Gli occhi di Trevor si spalancarono al massimo. "Oh, quindi tu sei quello..."

“Esatto” lo interruppe. «Ed è così che so che la tua madre biologica è stata fuori dai giochi per molto tempo. Sembra che Stacy non abbia avuto il tempo di addestrarti adeguatamente. C'è solo un limite alla cattiva genitorialità che si può correggere in pochi anni.

"EHI! Non parlare dei miei genitori in quel modo..."

"Ha due scelte, signor Marshall!" lo interruppe. "O posso assegnarti un sacco di lavoro extra e rendere la tua vita accademica un inferno, oppure..."

Trevor fece una smorfia. "O?"

"Oppure possiamo risolvere la questione alla vecchia maniera!" disse Angelica, indicando il muro dietro la sua scrivania.

Tracciò il suo dito indice fino a un punto sul lato destro del muro. Accanto ai suoi vari diplomi, premi e altri riconoscimenti incorniciati era appesa una massiccia e spessa pagaia di legno. Il legno duro verniciato presentava molti piccoli graffi, ammaccature e segni di usura, eppure lo strumento del dolore sembrava ancora formidabile.

"Che cosa? Sei serio?!?"

Angelica andò indietro e sollevò la pesante pagaia afferrandola per la spessa corda di cuoio intrecciata. Lo sollevò tra le braccia e lasciò che il suo peso le cadesse in mano, dimostrando quanto fosse veramente pesante quella cosa.

“Questa pagaia è qui da quando la scuola è stata fondata più di cento anni fa. L’Eden ha una lunga e ricca tradizione di punizioni corporali”.

"Divertente, non ricordo di averlo visto nella brochure."

La signora Armstrong ridacchiò. «Dieci sculacciate, signor Marshall. Questo è tutto ciò di cui ho bisogno. Sicuramente un uomo grande e forte come te può farcela?

Trevor si concesse un debole sorriso. Stava giocando con il suo machismo, ma non era quello il motivo per cui avrebbe detto di sì. Certo, la professoressa Armstrong era una donna forte e senza dubbio avrebbe tratto il massimo da quelle dieci stupidaggini, ma questo era comunque meglio del dover scrivere un articolo in più su qualche argomento noiosissimo. Trevor accetterebbe quell'accordo sette giorni su sette e due volte la domenica.

“Va bene, professore” disse, alzando le mani. "Fai del tuo peggio."

La risatina emozionata e gutturale di Angelica era udibile nonostante le sue labbra chiuse. «Il divano dietro di te. Piegati di lato”, le ordinò.

Trevor si voltò e trovò quello a cui si riferiva. Annuì docilmente prima di dirigersi verso di esso e prepararsi a sporgersi in avanti.

"I pantaloni restano addosso, vero?"

"Questa volta" scherzò mentre Angelica si dirigeva verso la sua posizione.

I suoi talloni affondarono nel morbido tappeto mentre la grande donna si allontanava e accarezzava la sua spessa arma di legno. Il suo top rosso attillato si tendeva sotto le braccia forti e il seno massiccio. I suoi stivali di pelle nera e la gonna brillavano alla luce del sole pomeridiano che irradiava dalle finestre. Trevor era contento che fossero al terzo piano, quindi non c'era alcuna possibilità che qualcuno camminasse e potesse dare un'occhiata alla sua vergognosa remata.

Si sporse dalla sponda del divano in pelle e assunse la posizione. Le sue braccia e la sua testa erano incollate allo spesso cuscino di cuoio. Nel giro di pochi secondi, le possenti gambe di Angelica allargarono ulteriormente le sue. Posò la mano sinistra sulla parte bassa della schiena di Trevor e lo spinse giù con decisione.

"Stai fermo e conta i colpi mentre li sferro."

"Sì signora."

Trevor sentì il lato largo della massiccia pagaia scivolargli contro il sedere. Lo strofinò in circolo sul fondo dei suoi jeans, stuzzicandolo un po' prima di scatenare la sua furia. Trevor sighed into the leathery cushions. It almost felt pleasant. Like a massage...

*WHHHHAAAAPPP*

“UHHHNNNN!!!”

The thick paddle blistered his ass with crushing force. The flesh of his bottom rippled and his eyes flew open. Holy fuck she was strong! Trevor instantly reconsidered how much he wanted to avoid some extra classwork.

“I didn't hear a number.”

“One! One...” Trevor corrected himself. His voice couldn't help but betray surprise at the woman's sheer ferocity.

*WHHHAAAPPP*

This time he bit his tongue, but a faint grunt still escaped his closed lips. He could feel the heat building in his bludgeoned cheeks. He might as well not been wearing pants at all. They offered scant little protection from her tool of terror.

“Two!”

*WHHHHAAAPPPP*

“Three!”

*WHHHHAAAAAPPPPPP*

His voice almost cracked as he responded to the fourth blast. “Four!”

*WHHHAAAPP WHHHAAAPP WHHHAAAPP*

The blows continued and he shouted out each one. His voice grew more strained after every blow. His bottom burned and his eyes turned watery. Trevor gritted his teeth and endured, determined not to give her the satisfaction of a wimpy yelp or a cry for mercy.

*WHHHAAAPP WHHHAAAPP WHHHAAAPP*

“TEN!!!”

Trevor's face was red by the time she finished. He breathed deeply into the leather cushioning, content to rest after enduring the trial. It's not like he could get up anyway, with the big woman still leaning on his back. The pain in his ass lingered, boiling and sweltering in his now tenderized flesh. What surprised Trevor was what followed... a not altogether unpleasant feeling. A kind of giddy, low level euphoria he'd never experienced before took hold in his body.

“You handled that surprisingly well” she purred while rubbing the paddle against his bottom gently. “The question is, are you man enough to admit you enjoyed it?”

Trevor's eyes flew open and his teeth gritted anew. As he suspected, this wasn't just some old school tradition. She was getting off on this. He wiped his eyes with the sleeve of his shirt before planting his hands in the sofa and pushing himself up.

“Let go of me!” he snarled while fighting to right himself.

Angelica sighed and lifted her hand from his back.

When Trevor straightened himself, anger flared in his big, brown eyes. He ignored the pain in his bottom and the strange giddy feeling flowing through his nervous system. He stared up at his professor and cold determination entered his voice.

“I think I'd like to talk to the Dean.”

Angelica snickered. She tossed the paddle aside casually. It landed on the armchair beside her with a light thwack of wood on leather.

“The Dean? What a wonderful idea! Yes, let's go have a chat with him right now!”

Trevor's brow furrowed. That was not the response he'd anticipated.

* * * * *

They reached the end of the opulent hall and walked into a wide, well-lit reception area. It was here that Trevor got his next surprise. There was a middle aged woman sitting behind the desk dressed in black latex from neck to toe. Her buxom curves shined in the overhead lighting, revealing a woman who'd kept herself in good shape relative to her mature status.

Her short gray hair fell on either side of her face, the rest of it pulled back into a neatly tied bun. Her thin, oval shaped glasses framed dark brown eyes. Her lips were a lovely shade of peach, requiring no embellishment. She might have been the most beautiful older woman Trevor had ever laid eyes on.

She looked up with a Cheshire grin as Angelica and Trevor approached the desk. One glance from the administrative assistant in gleaming fetishwear told him he was about to be witness to another spectacle. He was regretting his decision to escalate this already.

“Hello, Madeline.”

“Angelica! I mean, Professor Armstrong! What can I do for you this afternoon?”

“This young man would like to--”

“Actually, I've changed my mind. Thanks anyway, but...”

“No, no!” Angelica insisted. “Trevor wants to speak to the Dean and I think he should have that opportunity. In fact, I think we should give him a full demonstration of how things work around here! Do you think we could arrange that, Ms. Shepherd?”

“Oh, certainly! Our Dean is never too busy to meet with his Director of Gender Studies. Or a member of the student body. Follow me!”

The woman rose and her latex suit noisily un-meshed from the tall leather chair. She opened a desk drawer and extracted a leather crop before walking off. Trevor couldn't help but stare at her as she led the way. It wasn't just her sudden brandishing of a sex toy. Madeline had a giant dumper and the shiny, stretchy suit clinging to her flesh only made it stand out that much more. Her curvy ass might as well have been a black hole sucking Trevor's attention to it irresistibly.

Her rubberized body creaked as they made their way to the ornately carved wooden door. To Trevor's surprise, Ms. Shepherd didn't even knock. She just opened the door and walked through, leading them into the most lavish room yet. Madeline closed and locked the door before continuing in and leading the trio further.

It was a library as much as an office, with bookshelves that went all the way up to the ceiling. The shelves had their own mobile ladder system on a rail for reaching the higher shelves. There were numerous tall, potted plants and antique works of art as far as the eye could see. This was in addition to the same grade of fancy furniture that Ms. Armstrong enjoyed in her office. All together, it was a level of luxury Trevor had only seen in movies before.

Mr. Jonah Simmons was seated behind the big mahogany desk. His feet were propped up on it as he leaned back in his chair and talked with someone over the phone. Trevor had only seen the bald, medium build Dean once before, when he gave the commencement speech at orientation. He was clad in suit and tie now just like he was then.

Jonah had the mildly dark skin of a Pacific Islander and a cheerful disposition. He bore a mustache that connected down into a silky salt and pepper goatee, but the rest of his face and head were shaved. His voice echoed through the room as they closed in on his position. Angelica and Madeline's boot heels clicked against the laminate flooring as they approached. Jonah looked up as the party drew closer and his expression quickly turned from jovial to serious.

“Hang up the phone” Madeline ordered casually as they came to a stop at his desk.

“Hey Gerald, I have to run. Something came up here. I'll be in touch, alright? Thanks.”

He ended the call and set his phone aside. Before Jonah could ask what was going on, Madeline issued her next decree.

“On the floor, bitch! On your back!” she yelled, pointing her crop to the center of the room.

The Dean half-smiled, half-winced as he rose, but quickly complied with her demands. It had to be awkward, doing this in front of a brand new student, but by now Trevor had to assume this was par for the course. The speed with which he removed his suit jacket, set it on the back of his chair and trotted to the center of the office did not indicate this was a new experience. Jonah laid down, straight as a board, in the middle of the room as Ms. Shepherd stalked around him. He clasped his hands over his stomach as he awaited further instructions.

“Hands at your sides!” She barked, flailing her crop at him.

*SNAP*

The flashy leather tip swatted into his hands before he quickly pulled them away and locked himself in a rigid toy soldier position.

Trevor and Ms. Armstrong watched from ten feet away as Madeline smiled and prepared her next act. She lifted the crop to her mouth and held it in her teeth. The mature Domina then reached back with both hands and found the zipper at the bottom of her suit. She pulled it down and acres of her creamy, sweat-glossed ass were unveiled for her captive audience.

Madeline retrieved the crop from her mouth and turned slightly. She looked over her shoulder and down at the pitiful, bitch made Dean.

“Lick my sweaty ass, slave! I've been steaming in this suit all afternoon. It's time to put that filthy tongue of yours to work!”

With no further ceremony she lowered herself down and her humongous globes of flesh sealed over Jonah's face. The eager Dean went to work at once, slurping up and down her moist crack; sucking up sweat and rubbery grime as he tasted her exquisite flesh. Madeline let out low moans as she gyrated back and forth on her favorite seat.

'Jesus Christ... What kind of school is this?'

Trevor glanced over at Professor Armstrong, who was clearly enjoying herself. Her grin extended from ear to ear as she watched Madeline suffocate the Dean with her giant ass and demand more aggressive oral worship.

“Get that tongue up my pucker you disgusting worm!”

*SMACK*

This time, Madeline's crop found Jonah's crotch and he groaned deeply from the depths of her ass. His hands clenched into fists as his face labored in her increasingly sloppy cheeks. Ms. Shepherd humped his head, her latex curves bouncing as she moaned in bliss. She held her crop aloft, prepared to strike his helpless body again if the Dean failed to please her.

'It's exactly the kind of school Stacy would send you to, you fucking idiot! You've been played!'

The realization hit Trevor like a freight train. If Professor Armstrong and Ms. Madeline were being this brazen with their kinky play, that meant it was almost definitely not an isolated phenomenon. It meant more of the professors, almost all of whom were women, were most likely in on it. Suddenly, the female to male ratio made sense. Everything about his parents “generous” offer made sense. Well, Stacy's offer anyway. It was hard to say if Dad knew about any of this.

“Well, Trevor. You wanted to see the Dean” Angelica spoke as she turned to him. The big woman placed her hands on her wide hips. “Now's your chance to speak to him. If you yell loud enough, he might be able to hear you.”

“That won't be necessary, professor. I'm sorry for bringing it up. I understand Eden S&M now.”

“I'm glad to hear it” she replied with a fiendish smile. Angelica turned back to the display of debauchery and watched with great relish.

The worst part was, even though Trevor had only been there for a month, it felt like he was trapped. Sure, he could walk out of the room right now, assuming Ms. Armstrong didn't literally kidnap him and drag him down to some dungeon. He could get in his car and drive home tomorrow, if he wanted.

But then what? What would he tell his Dad? That he'd given up? Gotten bored after just a few weeks? It's unlikely he'd believe the truth, even if Trevor told it. It was too bizarre a story. And they'd never let him keep the car after going back on the deal. Stacy would cancel payments immediately.

And what about Sarah? He'd met an amazing girl that he desperately wanted to keep seeing. It wasn't likely they'd continue being an item if he dropped out. He'd have no future to speak of, or at least nothing that a smart girl like her would find promising. She'd find someone else in short order, most likely.

No, Trevor was stuck in Eden, for now. Trapped in paradise, if you were a total degenerate into female domination. While he'd enjoyed his time up until now, the entire campus had given him a weird vibe since the day he arrived. It was an unusual energy. There was just something off about it, despite all outward appearances of normalcy. Now he understood what the voice in the back of his head had been screaming about this whole time.

Madeline rose on unsteady legs, shaking with pleasure as her rubbery second skin flexed around her. Drool and sweat dripped from her ass, coating Jonah's already messy face as she stood over him. The sultry assistant lifted her arms, her crop pointing in the air as she made her next pronouncement.

“What perfect timing! Nature is calling and my slave lies beneath me, waiting to answer!”

The gray-haired Domina tossed her crop aside. She reached down to the bottom of her suit, this time finding the zipper at her front. Madeline pulled it down and her dripping sex was revealed. She reached under with rubbery, gloved fingers and spread the glossy edges of her suit wide open; making sure her stream would only taint the Dean and not her exquisite latex costume.

“My, my. I wasn't expecting this” Angelica stated. Her gaze shifted from Madeline and Jonah back to Trevor. “You're getting quite the eye opener, aren't you young man? Are you enjoying the show?”

“Professor, I've seen enough. Can I please leave?”

Angelica rolled her eyes. “Fine, we can go. You're not excused yet, though. Not until our conference is over.”

She nodded to the door and Trevor made his way there hastily.

“We're off. Have fun Madeline!” Professor Armstrong called over her shoulder.

The rubber vixen was in no condition to converse. She was moaning lightly, still buzzing from abundant anal stimulation as she waited for her steaming water to release. Her voice grew louder as a fountain of hot piss gushed from her folds.

Angelica unlocked the door and exited the swanky office. As Trevor followed her, he could hear the first jets of acrid urine slap all over Jonah's dress shirt and expensive slacks. Madeline's wail of satisfaction was cut off as the large door clicked shut behind them.

Trevor trailed the professor halfway into the empty foyer before being startled one more time. Angelica turned, grabbed him by the arms and pushed him up against the nearest wall. She took him by the wrists and pinned his arms above his head. Trevor was immediately reminded of his lunch with Sarah in the quad. Unlike that occasion, he wasn't so sure he could escape if he wanted to. Angelica was at least his physical equal and possibly more.

Her body pressed into his aggressively. Her full breasts ballooned in her scarlet top as she mashed them into his chest. Her powerful thighs forced his legs apart and held them firm. The professor's perfume washed over him, combined with her own natural scent. It was intoxicating. The more of these close encounters he had with her, the more his will to resist seemed to dwindle.

“Tell me what you're feeling, right now” she demanded, inches from his face.

“Wha-- what?!?”

“You heard me. The sensation you're experiencing. Describe it.”

“I uh... I feel light headed.”

“And?”

“And kind of giddy.”

“What else? Your mind and body are telling you to do something right now. What are they telling you, Trevor?”

He didn't want to say it, especially since he knew it was what she wanted to hear, but he couldn't deny it. Not any longer.

“To yield...” he admitted.

“Mmmhmmm” she purred. “When your mind and body tell you to do something, you should listen. Don't you think?”

“Y-Yes...”

What the hell was happening to him? The harder she pushed, the more he liked it. Trevor's heartbeat was soaring. His temperature was ticking up. Blood was rushing to his penis. He'd never felt this way about assertive women before. Never had any interest in Femdom porn. This wasn't him. Or, at least, it didn't used to be.

“Very good. Now that you've said it out loud, there's no more pretending. This is a good place to start.”

“Start what?” he asked breathlessly.

“Your true education. I'm going to make you my special project this semester. Maybe longer. You seem like the type that will need lots of guidance. I'm sure your little Sarah would've whipped you into shape, eventually. But for men like you, I prefer a multi-pronged approach.”

And that's when Trevor felt it. Not her impossibly strong thighs, but her third leg, pressing forward. A thick column of flesh bulging through her leather skirt and bearing down against the much smaller lump in his jeans. It should've shocked him, but it didn't. Against all reason, Trevor's desire to surrender only intensified.

“Let's head back to my office” she implored. “We'll start with ten more spankings and go from there.”

Angelica released his hands and stalked off. Her boot heels tapped across the floor as she strutted to the hallway.

“Yes, Miss Armstrong” came his reply, though it barely felt like he was in control any longer. Trevor could hardly believe the sincerity in his own voice.

He followed the forceful Domme, intuitively walking behind her from this point on. Eden S&M had its claws in him now. Trevor's journey into sexual servitude had begun.

- - - - - - - - - -

Only half of my content is published on this website. The other half is available to my subscribers.

If you enjoy my work, wish to support it and want to read the latest chapters in all my series, check out my SubscribeStar! (Go to SubscribeStar.adult and search for "James Bondage".)

Thanks for reading! Your votes and feedback are always appreciated!

Storie simili

La riluttante lap dance di Alison

Alison è entrata nella mia vita come parte di una cosa a tre con un'altra ragazza. Il trio è stato divertente, ma presto ci siamo separati. Abbiamo ricominciato a parlare qualche mese dopo, quando l'ho vista in uno strip-club in cui aveva appena iniziato a lavorare. Poco dopo, abbiamo avuto il nostro primo vero appuntamento. Un paio di drink veloci in un bar per immersioni e un pompino nel parcheggio è stato il massimo del romanticismo. Quando ha iniziato a venire a casa mia, sono stato il primo a farla squirtare quando raggiungeva l'orgasmo. Sono stato anche il primo a trattarla...

910 I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

698 I più visti

Likes 0

Caldissimo giocatore di basket

Sono un allenatore di basket in un piccolo collage nel sud. Alleno una ragazza, ne ho venti, cinque per classe. sono di tutte le taglie, alti e bassi, ma non troppo bassi. Tutti sono ben costruiti. Petto delle dimensioni di un gragefruit. Alcuni dei culi più belli che tu abbia mai visto. Quindi un giorno sono nel mio ufficio e Annie entra nel mio ufficio. Indossa uno di quei top corti che le arrivano appena sopra il seno. È obesa che non indossava un reggiseno. Indossa un paio di pantaloncini che sono di cotone e sono così attillati che puoi vedere...

860 I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

868 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

670 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

645 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

621 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

727 I più visti

Likes 0

La nostra unica speranza, capitolo 08

AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale. Tutti i personaggi coinvolti nell'attività sessuale in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in qualsiasi stato, provincia, nazione o territorio...

610 I più visti

Likes 0

Eventi che portano alla nostra fase di

Come la maggior parte dei ragazzi delle scuole superiori, eravamo in tanti a frequentarci spesso. Scherzavamo, ci davamo del filo da torcere, ci prendevamo in giro, cose normali da ragazzi. E come la maggior parte dei gruppi di ragazzi di quell'età, alcuni di noi avevano l'auto, e alcuni di noi dovevano prendere in prestito quella dei nostri genitori di tanto in tanto... Era il fine settimana e avevamo deciso di andare in un luogo di ritrovo popolare, un lago a circa un'ora di macchina, che aveva scivoli e piattaforme da cui saltare, probabilmente meglio descritto come l'equivalente anni '80 di un...

564 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.