Come sono diventato schiavo

715Report
Come sono diventato schiavo

Ho sempre saputo che c'era qualcosa di diverso in me.

Quando ero più giovane ricordo che leggevo la storia e non capivo cosa ci fosse di così brutto nell'essere uno schiavo. Non avere schiavi, mente, ma esserlo non sembrava essere poi così terribile. Crescendo mi sono reso conto che era più complicato che servire semplicemente qualcun altro, e la parte pubblica di me si sentiva in colpa per questo, mentre la parte privata di me era ancora calda ed eccitata dall'idea di non avere alcun controllo sulla mia vita. più.

Quindi immagino che non dovrebbe sorprendere la rapidità con cui sono stato coinvolto in una vita in cui non avevo alcun controllo.
Ecco come è successo.

Circa un mese dopo essermi diplomato, avevo iniziato a prendere l’abitudine di fare l’autostop. Non sono mai andato lontano e tornavo sempre a casa, ma è diventato una specie di hobby. Mi piaceva l'emozione di salire in macchina con uno sconosciuto, di conversare con persone a caso e di vedere dove mi portavano. In quel mese non ho mai incontrato nessuno che avesse cattive intenzioni nei miei confronti. La distanza massima che ho raggiunto è stata a meno di cento miglia da dove ero partito, e l'esperienza più spiacevole che abbia mai avuto è stata con un tizio che non ha detto una parola mentre guidava e mi ha portato un po' più lontano di quanto avesse detto. . Vivevo in una zona relativamente mite, quindi non è stata una sorpresa. Ma poi ho incontrato James.

James era un camionista a lungo raggio. Viveva il 90% del suo tempo nella cabina del suo camion e il restante 10% nelle aree di servizio. Probabilmente era sulla quarantina e aveva un aspetto burbero, attraente, abbronzato. Quando si è fermato per me per la prima volta, era più dolce di una torta. Aveva un leggero accento del sud e l'abitudine di chiamare le ragazze "tesoro" - me compresa, almeno all'inizio. Quando sono salito per la prima volta sul suo camion, ho commentato come fosse la prima volta che avevo guidato in un semirimorchio. Ha riso e mi ha detto che probabilmente era perché la maggior parte dei camionisti che conosceva non si fermavano dagli autostoppisti. Era troppo pericoloso e avrebbero potuto perdere il lavoro per questo. Mi ha detto che c'era qualcosa di dolce in me e sapeva che darmi un passaggio sarebbe stato perfetto. Non ci volle molto perché capisse che il motivo per cui mi piaceva davvero fare l'autostop non aveva nulla a che fare con le conversazioni o i viaggi, ma con il fatto che mi stavo mettendo in una posizione in cui non avevo il controllo. Che non sapevo veramente dove sarei finito quando sono salito sul lato passeggero del veicolo di uno sconosciuto. Era vero, e sentirmelo dire a bruciapelo mi ha fatto sudare un po', mi ha fatto battere forte il cuore, mi ha fatto arrossire le guance.

Quella prima notte, quando James si fermò a un'area di sosta e mi mostrò la sua cabina, mi chiese di togliermi la maglietta.

Le mie guance arrossirono profondamente. Questa era la prima volta che qualcuno dei miei passeggeri mi chiedeva qualcosa oltre a una sigaretta. Ma il mio cuore batteva forte e sentivo i miei lombi caldi. Mordendomi il labbro, mi infilai lentamente la maglietta dalla testa mentre lui si sedeva sul bordo del lettino.

Allungò la mano e, senza chiedere, mi tolse prima la tetta destra e poi quella sinistra dal reggiseno, lasciando il reggiseno addosso ma con il petto completamente scoperto. Il mio cuore batteva ancora più forte, i miei capezzoli erano duri, completamente eccitati. Delicatamente, mi schiaffeggiò una delle tette, guardandomi il viso e valutando la mia reazione.

"Ti piace quello?"

Annuii, sapendo quanto dovevano essere rosse le mie guance. Mi pizzicò i capezzoli con entrambe le mani prima dolcemente, poi molto più forte. Poi alzò una mano e mi diede una pacca sulla tetta più forte di prima.

"Mettiti in ginocchio."

Ho obbedito immediatamente. Quasi troppo velocemente. Ridacchiò per la velocità con cui mi inginocchiai e si abbassò la cerniera. Il mio cuore sembrava stesse per uscire dal petto. La sensazione di calore si irradiava in tutto il mio corpo. Mi sentivo, a turno, come una puttana e completamente in pace. Sentivo che era giusto, qualunque cosa fosse, qualunque cosa stesse accadendo. Tirò fuori il cazzo dai pantaloni e iniziò ad accarezzarlo. Mi passò le dita di una mano tra i capelli e mi tirò il viso verso di essi, appoggiando la testa del cazzo sulla mia guancia mentre mi accarezzava.

"Sai cosa penso?" chiese. A malapena ho risposto con un cigolio. "Penso che tu stia cercando di diventare una troia posseduta. Ti sembra giusto?" Tremavo, fissando il suo inguine, il suo cazzo che diventava sempre più duro contro la mia faccia, i suoi peli pubici con cui sapevo che stavo per adattarmi molto da vicino, e con le mie guance rosse e calde che si infiammavano, annuii. "È questo che sei? Solo una puttana?" Ho annuito di nuovo. "Solo una puttana senza valore?" Cenno. "Guardami."

Lo guardai giusto in tempo per ricevere uno schiaffo a mani piene sulla guancia. - gridai, mettendo subito una mano sulla guancia schiaffeggiata.
"Abbassa quella cazzo di mano, troia. Le troie inutili non hanno voce in capitolo, capisci? Le puttane inutili come te non possono lamentarsi. Le puttane inutili come te prendono ciò che viene loro dato e sono grate. Capisci?"
Annuii, abbassando la mano e sentendo il dolore che mi irradiava lungo la guancia. Tuttavia, il mio cuore che batteva non si placava. Sentivo il sangue pompare nel mio sistema come se fossi una persona nuova. Qui mi veniva detto qualcosa che per me aveva senso. Non ero quello che mi avevano detto che fossi per tutta la mia vita... Ero una troia senza valore. Prenderei ciò che mi è stato dato. Non mi lamenterei.

James annuì, prendendo l'altra mano e schiaffeggiandomi l'altra guancia più forte della prima. Tenevo le mani lungo i fianchi.

"Buona troia. Apri quella maledetta bocca." Obbedii, aprendo la bocca mentre James faceva scivolare dentro il suo cazzo, una mano mi afferrava saldamente i capelli e spingeva la mia testa verso il basso. Ho sentito il suo cazzo scivolarmi in gola, soffocandomi e imbavagliandomi, ma era implacabile. Per la prima volta in assoluto mi sono fatto scopare la gola. Avevo già fatto dei pompini, ma questo era diverso. Questo era un uomo che usava la mia faccia come se fosse una figa, sbattendomi in gola a suo piacimento, e senza pensare al fatto che avevo bisogno di respirare fuori da quella faccia. Di tanto in tanto mi lasciava prendere aria, ma per la maggior parte del tempo la sua mano si limitava a sbattermi la testa su e giù sul suo cazzo, soffocandomi e imbavagliandomi. Alla fine, mi formicolavano le labbra e avevo la gola irritata. Le lacrime scorrevano lungo il mio viso e la bava mi ricopriva le tette. Quando venne, prese entrambe le mani e mi tenne la testa sul suo cazzo pulsante mentre scaricava nel profondo della mia gola. Mentre soffocavo, potevo ancora sentire il suo sperma scivolarmi giù per la gola a ondate. Sono quasi venuto io stesso. Ha tenuto la mia testa abbassata fino a contare fino a dieci dopo aver fatto esplodere il suo carico e, istintivamente, ho succhiato il suo cazzo mentre mi staccava la testa. Mentre ansimavo, lui lasciò che le sue mani si districassero dai miei capelli e sospirò soddisfatto.

"Dormirai sul pavimento, puttana. Vai a lavarti quella maledetta faccia, poi dormi un po'. Ho dei progetti per te."

. . .

Il giorno dopo, James mi ha svegliato con il mio nuovo nome.
"Alzati, pezzo di merda." gli ho sentito dire. Mi alzai lentamente, con un torcicollo al collo per essermi sdraiato sul pavimento scomodo. "Ho detto alzati, cazzo. Ho bisogno di pisciare. Porta la tua bocca qui."
Ho deglutito. L'ho sentito bene? Ma non ho fatto domande. Sono salito sul suo lettino con lui. Mi ha spinto di nuovo verso il suo cazzo e mi ha detto di tenere la punta del suo cazzo nella mia bocca.
"Non osare, cazzo, dire qualcosa. Prendi questo e berrai, cazzo. Se pensi di star per blaterare, alza la mano o aiutami, ti schiaffeggerò. Non capirmi." lenzuola sporche, stronzo."
Obbedientemente, abbassai la bocca sul suo cazzo inerte, mettendo le labbra intorno alla testa e aspirando leggermente in modo che nulla gocciolasse. Lasciò scorrere la pipì quasi immediatamente. Senza preavviso, la sua urina calda mi riempì la bocca e fui costretto a deglutire prima che iniziassi a traboccare. il sapore era acre ma delicato. Spiacevole, ma non nauseante. L'atto in sé mi ha persino eccitato, e stavo cominciando a capire quanto avevo trattenuto per tutta la vita ora che mi rendevo conto che in realtà mi stavo divertendo l'atto di bere la pipì di un uomo solo così non avrebbe dovuto ottenere alzarsi la mattina. Dopo tre bocconi pieni, aveva finito. Mi ha detto di leccargli il cazzo dalla base alla punta per assicurarmi che non mancasse la pipì, e ho obbedito. In seguito mi guardò con feroce severità. "Lo farai ogni mattina, stronzo." Ho annuito.

Prima di rimettersi in viaggio, mi fece alzare. Con le forbici mi ha tagliato i vestiti pezzo per pezzo. Per prima cosa la mia maglietta si è staccata in quattro pezzi. Uno tagliato davanti, uno dietro e due lungo i lati del petto. Poi il mio reggiseno è stato tagliato tra le coppe, rendendolo inutilizzabile. I miei pantaloni erano tagliati lungo i lati di ciascuna gamba e dal cavallo alla fessura del culo. Le mie mutandine erano le ultime e lui le ha tagliate una volta dall'ombelico al culo. Prima di toglierli, mi ha fatto stare con le gambe aperte, facendo sbirciare la figa attraverso il taglio, mentre lui si dava piacere. Dopo che il suo cazzo fu duro, mi attirò e scivolò dentro di me con i resti lacerati delle mie mutandine ancora addosso. È entrato senza preservativo, cosa che ho notato brevemente ma di cui non ho parlato.

Mi ha scopato alla pecorina, raccogliendomi i capelli in una coda di cavallo come faceva lui. Ha commentato quanto fossi già bagnato, e non ho detto che il rituale di tagliarmi i vestiti mi aveva quasi fatto venire l'orgasmo. Dopo essere entrato dentro di me, mi ha tolto i pezzi delle mutandine. Ha gettato tutti i miei vestiti in un angolo. Mi ha fatto voltare e con una fascetta mi ha legato le mani dietro la schiena. da un cassetto, ha tirato fuori una grande maglietta bianca, me l'ha infilata in testa e mi ha detto quale era il mio compito per quel giorno.

Gli incarichi sarebbero stati una parte importante della mia vita. Non lo sapevo in quel momento, ma questo era il primo di molti. Ogni giorno dovevo fare qualcosa e se non riuscivo a soddisfare le sue aspettative venivo punito profumatamente.

Oggi dovevo soffocare con il suo cazzo.

Potrebbe non sembrare un grosso problema, vista la sera prima, ma questo era diverso. Doveva guidare, quindi dovevo inginocchiarmi tra le sue gambe mentre guidava senza essere troppo d'intralcio, mentre lo facevo godere. Ciò significava inginocchiarsi in modo molto goffo tra le sue gambe e succhiargli il cazzo per ore e ore. Alla fine della giornata, le mie labbra erano doloranti, le mie guance esauste. Non avevo idea di dove fossimo diretti o di quanto lontano fossimo andati, dato che l'unica cosa che vidi per le successive 5 ore fu il suo pube e il suo cazzo. Non parlava molto ed è venuto solo due volte in tutto quel tempo. Per il resto del tempo ero soprattutto io che tentavo di soffocarmi con il suo cazzo, seguendo le sue istruzioni. Ne ha fatto un gioco. Per 30 secondi dovevo abbassare la testa più che potevo e tenerla lì. Dovevo contare internamente fino a 30: se pensava che non avevo contato abbastanza a lungo, mi afferrava bruscamente la nuca e mi spingeva giù senza lasciarmi prendere aria. Ciò significava che se avessi contato fino a 30 ma lui avesse pensato che fossi un secondo timido, avrei dovuto tornare giù per altri 30 secondi di fila senza prendere aria. Ho iniziato a proteggere le mie scommesse e a contare molto lentamente, in modo che ogni 30-45 secondi effettivi potessi prendere aria. Il suo posto era in disordine quando ci siamo presi una pausa. Era completamente bagnato dalla mia bava e anche se era del tutto inevitabile, mi ha comunque schiaffeggiato le tette più forte che poteva come punizione. I miei capezzoli erano rosso vivo, in fiamme. Rimasi senza fiato mentre lo faceva, con la mia fica infuriata di piacere. Mentre si prendeva una breve pausa, mi fece sdraiare a faccia in giù sul suo lettino nella parte posteriore. Le mie braccia cominciavano a darmi fastidio perché stavo dietro la schiena per tutto questo tempo, ma non mi lamentai. Sapevo che questo era qualcosa che sarebbe arrivato con il territorio in cui ero entrato, e temevo che se fossi stato troppo frustrato, mi avrebbe semplicemente lasciato sul ciglio della strada.

Quando James è tornato, aveva con sé una busta di plastica Petco. Incuriosito, l'ho visto entrare nella cabina, chiudere la porta dietro di sé, posare la borsa sul letto accanto a me e iniziare a pescare fuori le cose. Il primo era un collare di pelle nera. Poi tirò fuori una targhetta di metallo argentato a forma di osso di cane. Me lo tese in modo che potessi vedere: sopra c'era incisa la parola "troia". Ho sorriso.
"Ti piace, eh? Sì, mi hanno guardato in modo piuttosto strano quando l'hanno visto."
Ha attaccato l'etichetta al colletto e me l'ha stretto intorno al collo in modo che fosse leggermente troppo stretto e scomodo.
"Voglio che tu possa sentirlo tutto il tempo, stronzo. Ti ricorda quello che sei, quindi non lo dimentichi. Non te lo toglierai." Il mio cuore batteva di nuovo, sentire il collare attorno al collo era, in un modo strano, liberatorio. Ero liberato dal dover più prendere decisioni. Sapevo qual era il mio posto ed era semplice, facile e naturale. Ero una puttana senza valore e mi avrebbero curato.
Prima di rimettersi in viaggio, James si è infilato di nuovo nella mia fica, questa volta mentre mi scopava ha agganciato un guinzaglio al mio nuovo collare e lo ha tirato con violenza mentre mi picchiava dentro, soffocandomi. Ha avvolto la mano nel guinzaglio mentre veniva, tirandomi con forza il colletto, e la mia fica è esplosa mentre venivo più forte di quanto avessi mai fatto prima in vita mia, la mia figa si aggrappava al suo cazzo ancora e ancora, onda dopo onda stringendo il suo lancia. Se avessi potuto respirare mi sarei lamentato così forte, ma il mio collare soffocava ogni rumore mentre mi contorcevo sotto di lui.

Dopo, ha slacciato il guinzaglio mentre ansimavo per respirare e lui si è tirato fuori da dentro di me. Mi ha ordinato di pulirgli il cazzo e io ho obbedito. Per il resto della serata mi è stato concesso un "dolcetto" per riposarmi. Mi ha permesso di fare un pisolino sul lettino finché non siamo arrivati ​​alla stazione di servizio quella notte.

. . .

Quando mi sono svegliato, James non era nel camion.
Mi sono messo in posizione seduta, con le braccia ancora legate dietro la schiena e la maglietta che permetteva una copertura minima. Era buio e avevamo parcheggiato in un'area di sosta. Attraverso il parabrezza potevo vedere James parlare con altri due uomini accanto a un altro camion. Fumavano sigarette e conversavano animatamente con molte risate. Era strano per me, dopo essere stato con quest'uomo per poco più di un giorno, quanto gli fossi affezionato. L'ho visto stringere la mano a uno degli uomini e gesticolare verso il camion, e loro tre hanno iniziato ad avvicinarsi. Immediatamente il mio cuore ha ripreso a battere forte. James aprì la porta laterale e fece entrare i due uomini, che si infilarono nel retro, guardandomi entrambi mentre si sedevano sul lettino accanto a me. James salì e chiuse la portiera, sedendosi sul sedile del passeggero. Si voltò a guardarmi alzando significativamente le sopracciglia, come per dire "faresti meglio a non fare cazzate".

"Beh, fanculo a me," disse il primo uomo con ammirazione, tirandomi su in posizione seduta. Era un uomo più pesante che sembrava avere circa cinquant'anni. Aveva una pancia piatta ma braccia forti e una barba nera con macchie argentate. L'altro uomo era magro, probabilmente sulla trentina, e aveva un naso grosso e l'acne. L'uomo più grosso mi ha tirato la camicia bianca sopra la testa e ha fischiato quando il mio corpo nudo è stato rivelato.
"Allora come cazzo hai fatto a convincere questa stronza a venire da te?" Ha chiesto a James.
"Non importa," disse James, "vuoi scoparla o cosa?"
"Diavolo sì, voglio scoparla. Quanto?"
Il mio cuore batteva forte. È solo il secondo giorno con lui e mi sta già prostituendo!
"Trenta per la fica, cinquanta per il culo."
"Che ne dici di un pompino?"
James ci pensò un secondo. "Dipende. Solo un normale pompino? Dieci dollari. Gola profonda, trenta,"
"Trenta dollari, cazzo? Stai scherzando?"
"Ne vale la pena, fidati di me."
Pancione mi guardò, allungò la mano e mi strinse brutalmente una delle tette, scosse la testa. "Cazzo. Bene. Voglio la sua gola."
Skinny, che era rimasto a fissarmi senza vergogna il sedere e le cosce per tutto il tempo, non mi sorprese con il suo ordine, ma sentirlo provocò un piccolo crepitio di panico nel mio stomaco. "Voglio il suo culo."
Non avevo mai fatto sesso anale prima, e i miei occhi guizzarono verso James, che mi stava fissando in faccia. Annuì.
"Allora pagate, stronzi."
Magro e Pancione tirarono fuori i soldi e li porsero a James, che se li infilò in tasca. Lui mi guardò e mi afferrò rudemente il viso tra le mani. "Lo farai e non ti lamenterai, cazzo, capito?" Annuii, con il cuore che batteva forte. Potevo sentire il suono distinto di due cerniere che venivano slacciate. James abbassò le luci della cabina e tirò su le tende dei finestrini, poi si sedette sul sedile anteriore e tirò fuori un libro.

Pancione mi afferrò la testa e spinse bruscamente la mia faccia nella patta aperta. Potevo sentire l'odore del suo sudore mentre tirava fuori il cazzo e cominciava a schiaffeggiarmelo in faccia. Dietro di me, ho sentito Skinny che mi metteva le ginocchia sul lettino e mi schiaffeggiava il sedere. Mi mise entrambe le mani sulle guance e le allontanò, poi gemette. Il cazzo di Pancia, ora duro, si è fatto strada nella mia bocca e giù per la gola brutalmente. Lui gemette mentre mi spingeva la testa verso il basso e la teneva lì, e io soffocavo e vomitavo sul suo cazzo, sentendo il sudore che mi invadeva la bocca e mi spingeva giù in gola. Mi ha schiaffeggiato mentre soffocavo, emettendo rumori di conati di vomito e balbettii. A questo punto, potevo sentire la testa del cazzo di Skinny spingermi dolcemente nel buco del culo. Sono rimasto sorpreso dal fatto che fosse gentile, visto quanto era duro Pancia. Non avevo ancora preso aria quando sentii Skinny iniziare a spingermi il cazzo nel culo. Gemette profondamente e a lungo mentre la sua testa del cazzo emetteva un suono udibile come uno schiocco mentre si spingeva nel mio buco. Ho provato a gridare ma ho solo canticchiato contro il cazzo di Potbelly, suscitando in lui un altro gemito, e i suoi fianchi hanno iniziato a sgroppare. Il mio culo era già in fiamme e lì dentro c'era solo la testa di cazzo di Skinny!

Sapevo che stavo per soffrire quando ho sentito le mani di Skinny. Uno per guancia e all'improvviso mi hanno afferrato forte, le sue unghie mi hanno morso la pelle. Senza più alcun preavviso, ha urtato con forza i suoi fianchi contro i miei e il suo cazzo si è fatto strada nel mio buco del culo. Ho urlato - o ci ho provato - con gli occhi selvaggi, guardandomi intorno mentre il mio buco del culo divampava di dolore. Le mani di Skinny, trovando presa sul mio sedere, si afferrarono forte mentre lui iniziava a spingere dentro e fuori selvaggiamente, grugnendo e gemendo mentre mi scopava il buco. Ancora incapace di respirare, ho lottato per sollevare la testa, solo per ricevere un altro duro schiaffo in faccia.
"Cazzo no, stronza. Ho pagato bene per questo," disse Pancia, e spostò le mani dalla nuca per avvolgermi il collo. Mi strinse con forza, spingendo e tirando leggermente la mia testa su e giù, scopandomi la faccia con il suo cazzo. Non ha mai mosso la mia testa abbastanza da lasciarmi prendere una boccata d'aria, e dopo pochi secondi le lacrime scorrevano sul mio viso per il dolore e per il soffocamento. Un'improvvisa ondata di nausea mi travolse e prima che me ne rendessi conto, stavo vomitando contro il cazzo di Pancia, il contenuto del mio stomaco si scaricava sulle sue palle in un unico getto. Lui rise, tenendomi la testa abbassata e soffocandomi più forte, sussurrandomi intensamente "sì, stronza. Fanculo, stronza" più e più volte. I miei occhi cercarono James, che era seduto davanti con un piccolo sorriso sul viso mentre leggeva. Non fece alcun movimento per fermare nulla. Ben presto ho avuto problemi a vedere. Il dolore al culo non ha fatto nulla per tenermi sveglio e sono svenuto per un momento. Pancia, notando il mio stato, mi ha tirato fuori dal cazzo e mi ha schiaffeggiato in faccia per svegliarmi mentre Skinny continuava a devastarmi il culo. Quando mi sono ripreso, sono rimasto senza fiato e ho emesso un gemito debole e dolorante, al che Potbelly ha commentato che valevo ogni dollaro, e subito ho iniziato a scoparmi di nuovo la faccia. Una volta che la pancia mi è entrata in gola, mi ha ordinato di pulirgli il cazzo, cosa che ho fatto obbedientemente. Alla fine, pensando che avrei avuto una tregua, ho ricominciato a respirare normalmente.

"Rinfilagli il cazzo nella gola, troia. E rimani lì finché non ti avrà finito nel culo." ordinò James. Ho cercato. Aveva posato il libro e mi osservava attentamente. Obbedientemente, ho aperto la bocca e ho tirato dentro il cazzo di Pancia. A questo punto si stava indebolendo, ma ero sicuro che questa fosse per me una lezione di umiltà più di ogni altra cosa. Ho tenuto il suo cazzo in bocca, sentendolo contrarsi contro la mia lingua nei suoi movimenti post-orgasmo, e mi sono concentrato su quanto stava diventando crudo il mio culo. Skinny andò avanti per altri 10 minuti, pompandomi incessantemente nel culo ancora e ancora finché alla fine prese un respiro tremante, si aprì nel mio buco finché pensai che mi sarei strappato e gemette in modo bestiale. Potevo sentire il suo sperma spararmi nel culo a ondate, schizzandomi contro le viscere. Dopo aver finito, si è tirato fuori e James mi ha detto di pulirlo con la bocca. Potevo assaporare il suo sperma e il mio culo su di lui mentre lo leccavo. I due uomini poi si ricomposero, espressero interesse a usarmi di nuovo un'altra notte e se ne andarono.

Per un po', James si è seduto sul lettino accanto a me e mi ha fissato. Poi, lentamente, cominciò a toccarmi. Cominciò dalle mie spalle, massaggiandole in modo sorprendentemente gentile, sciogliendo i nodi dalle mie braccia. Mentre si spostava verso i miei gomiti e le mie mani, mi tagliò i legami ma tenne insieme le mie mani.
"Lasciali separare lentamente." mi ordinò e io obbedii, lasciando cadere lentamente le braccia lungo i fianchi mentre lui le massaggiava e massaggiava il dolore. Ha lavorato dal collo, lungo la schiena, fino alla base della colonna vertebrale sopra il sedere, massaggiando e impastando come un professionista, esortando i miei muscoli a rilassarsi. Mi allargò delicatamente le gambe e mi fece sdraiare sulla schiena, massaggiando ciascuna gamba dall'anca ai piedi. Una volta finito, mi sentivo come se stessi per sprofondare nel letto. Lo fissai: sorpreso, eccitato, impressionato.

"Quando sei una stronza obbediente, mi prendo cura di te." ha offerto in spiegazione. "Meriti di essere usata e abusata come la puttana che sei, ma io non sono un animale." Lui sorrise, infilandosi tra le mie gambe e infilando due dita nella mia fica. "Mi aspetto che tu obbedisca alla complicità. Mi aspetto che tu faccia sempre del tuo meglio per compiacere me e ogni uomo a cui ti dirò. Quando lo farai, sarai ricompensato." Annuii, sentendo le sue dita spingermi nella fica, esplorandola. Li fece scivolare dentro e fuori abilmente, spingendoli nel punto giusto, e dopo pochi minuti stavo raggiungendo l'orgasmo. Mi teneva una mano sulla pancia mentre l'altra mi masturbava, mungendo il mio orgasmo. Afferrai le lenzuola del suo lettino mentre il mio corpo si contorceva, ansimando per respirare mentre mi consumavo sulla sua mano. Lo guardai.

"Domani avrai un nuovo incarico", mi disse. "Potrebbe non piacerti, ma mi obbedirai." Ho annuito. Quella notte mi permise di dormire in fondo al lettino, raggomitolata, nuda tranne il collare, come un gatto ai piedi del suo Padrone.

Storie simili

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.6K I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

Il gigolò del re

Il gigolò del re (Un'avventura medievale) Sono sempre stato un po' appassionato di epoca medievale. Non sono affatto quello che chiameresti un appassionato di storia, mi piace la moda primitiva, in particolare le scollature e i seni gonfi e il comportamento barbaro, ma soprattutto gli intermezzi romantici che sono collegati a così tanti eroi e leggende. Su scala ridotta, sono sempre stato, diciamo, divertito più che interessato all'idea del viaggio nel tempo e del teletrasporto fin dalla tenera età da quando ho iniziato a leggere Le cronache di Narnia, ma immagino che ogni bambino lo sia in una certa misura. Forse...

1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

952 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

945 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.