Harry Potter "Quello" Bisogno Parte 11_(0)

637Report
Harry Potter

Sicuramente qualche forza magica doveva essere all'opera per evitare che il letto crollasse, mentre tutti e quattro i corpi si tuffavano verso di esso contemporaneamente, braccia e gambe intrecciate in un inebriante miscuglio di sudore e desiderio. Harry trovò subito Ginny, e la tirò sopra il suo corpo per un bacio lento e tenero. Trovava incredibilmente stimolante poter assaporare non solo il normale sapore di menta della bocca di Ginny, ma tracce di ciò che ora riconosceva chiaramente come i succhi di Hermione sulle labbra di Ginny, così come accenni del suo sperma e di quello di Ron che Ginny aveva leccato dalle labbra di Ron. mano. Sapeva che se non avesse rallentato un po' le cose, non sarebbe durato a lungo, e Harry non era pronto per la fine della serata.
Harry si accontentò per un po', baciando Ginny e permettendo alle sue mani di vagare liberamente, pettinandole tra i lussuosi capelli rossi e massaggiandole le spalle e la schiena, di tanto in tanto afferrandole i fianchi e stringendo più forte la parte inferiore del suo corpo contro il suo, provocando solo la giusta quantità di attrito tra loro per mantenere "quel bisogno" e, allo stesso tempo, per tenerlo sotto controllo.

Ron si era allungato su un fianco e si era appoggiato su un gomito, poi aveva stretto Hermione a sé, poi l'aveva baciata e succhiata voracemente la bocca, le orecchie, il collo, ma osservava Harry di nascosto da sopra la spalla di Hermione. Quando vide come Harry si stava prendendo il suo tempo con Ginny, rinunciò al suo famelico assalto a Hermione, rallentando per godersi un banchetto più piacevole con la bella bruna che si stava offrendo così deliziosamente a lui. La spinse delicatamente sulla schiena mentre continuava a baciarla, palpando un seno con la mano che non gli sosteneva la testa.

Ginny emetteva piccoli suoni, sussulti, fusa e sibili, senza dubbio causati dal fatto che Harry le mordicchiava i lobi delle orecchie e l'incavo del collo, le clavicole e le spalle, mentre massaggiava un seno con una mano, stuzzicando il capezzolo con il pollice. . Ron continuò a guardarli, facendo attenzione a non trascurare Hermione, e si chiese come avesse potuto non accorgersi che Harry aveva fatto rotolare Ginny sulla schiena e l'aveva immobilizzata sotto di sé, ma in realtà non aveva importanza. I due stavano così bene insieme così, e Ron si chiese vagamente se Harry potesse essere attratto da lui a causa della sua somiglianza con Ginny, o a causa della sua somiglianza con lui.

Hermione gemette mentre Ron si avvicinava al suo seno con un bacio, e rabbrividì in attesa quando prese la bacchetta ed evocò i resti della salsa al cioccolato. "Non l'ho ricevuto molto tempo fa, lo sai," sussurrò con un sorriso.

Ginny sorrise tra sé e sé, e diede una gomitata a Harry per attirare la sua attenzione, mentre Ron si sedeva ancora una volta a gambe incrociate sul letto e cominciava a gocciolare il dolce liquido sul corpo di Hermione. Anche Harry guardò, con la bocca piena del seno di Ginny, mentre Ron applicava con attenzione abbondanti quantità di cioccolato su entrambi i seni prima di zigzagare verso il basso lungo la pancia di Hermione. Posò la ciotola sul letto abbastanza a lungo da allargarle le gambe con le mani, poi spruzzò la maggior parte della salsa rimanente sulle cosce e sulle pieghe della figa, quindi finì con una sana cucchiaiata che le copriva completamente il clitoride. Si leccò le labbra mentre posava la ciotola su un tavolo vicino e si stiracchiò ancora una volta accanto a Hermione per assaporare il suo banchetto.

Ron era così assorbito dal suo compito che ancora non aveva notato il suo pubblico attento, ma gli occhi di Hermione incontrarono quelli di Ginny per un breve momento e condivisero un sorriso mentre Ron chinava la testa sul seno di Hermione, adorando con reverenza il suo corpo con la lingua mentre iniziava raccogliere il cioccolato che si scioglieva sulla pelle arrossata. Hermione allungò le braccia sopra la testa, non volendo che interferissero con l'accesso di Ron, e facendo sembrare il suo seno intatto come un aperto invito a Harry e Ginny.

Ginny attirò ancora una volta lo sguardo di Hermione e Hermione annuì, quasi impercettibilmente, ma abbastanza perché Ginny lo sapesse. Si sporse verso l'orecchio di Harry e disse dolcemente "Aiutiamolo un po'."

Harry guardò interrogativamente verso Hermione, che arrossì, ma si leccò le labbra, così Harry si alzò da Ginny ed entrambi strisciarono attraverso il letto verso l'altra coppia. Hermione mormorò qualcosa di incomprensibile mentre Harry e Ginny cominciavano a far roteare le loro lingue attorno al suo cumulo di carne trascurata ricoperta di cioccolato, e Ron alzò lo sguardo dal suo capezzolo, con l'impronta di un seno color cioccolato premuta sulla sua guancia. Rivolse a Harry e Ginny un malizioso sorriso Weasley e tornò a succhiare il cioccolato dall'areola di Hermione. Harry e Ginny continuarono a leccare il cioccolato dalla loro parte di Hermione, ciascuno a turno succhiando il suo capezzolo in bocca per rimuovere ogni traccia rimanente del dolce. Ginny la morse scherzosamente con i denti, e Hermione squittì in risposta, mentre Harry si allontanava per appoggiare la schiena contro la testiera del letto.

Ginny si riposizionò al fianco di Harry, appoggiando la schiena contro il lato del suo petto e la testa sulla sua spalla, così potevano godersi il resto dello spettacolo. La posizione di Ginny era perfetta perché Harry potesse respirare il profumo di caprifoglio dei suoi capelli e prenderne uno dei seni tra le mani. Le baciò la sommità della testa, appoggiandovi il mento, mentre guardava Ron leccare le tracce di cioccolato dalla pancia di Hermione e iniziare a lavorare sulle sue cosce.

Per un po’, gli unici suoni nella stanza furono il ritmo costante di respiri profondi e pesanti, e i suoni che risucchiava Ron mentre inseguiva la cioccolata ben riscaldata sulle curve delle cosce di Hermione. Istintivamente, Hermione aprì le gambe verso di lui, drappeggiando una caviglia sul polpaccio di Harry mentre lo faceva. Harry poteva sentire il respiro di Ginny accelerare grazie al seno che teneva ancora in mano, e si morse il labbro per attutire un gemito mentre fissava la figa ricoperta di cioccolato di Hermione mentre Ron si metteva in posizione e cominciava a pulire la sostanza appiccicosa dalle sue deliziose pieghe con la sua lingua.

Harry fece scorrere la mano dal seno di Ginny verso il centro e lei cambiò posizione quel tanto che bastava per permettergli di raggiungerla. Raccolse un po' della sua setosa umidità sulla punta delle dita e massaggiò lentamente il fluido nel suo piccolo fascio di nervi. Il suo cazzo, che gli faceva male per il rinnovato bisogno, si contrasse contro la sua pancia e lui lo afferrò con la mano libera e cominciò a farlo scorrere su e giù per la sua lunghezza. Ron era stupendo, pensò, mentre lo guardava fare l'amore con la figa di Hermione con la bocca, la lingua che le penetrava dentro, e poi ritirarsi per leccare lunghe strisce attraverso le sue pieghe. Si chiese perché Ron non lo avesse mai fatto con lui, sapendo che la sensazione sarebbe stata semplicemente incredibile se il cioccolato avesse ispirato la bocca talentuosa di Ron a lavorare più duramente del solito per succhiarlo.

Hermione si era dissolta in una massa di sussulti e ansiti mentre Ron manteneva un ritmo esasperante con la lingua, lavorando per raccogliere tutto il cioccolato, ma allo stesso tempo usando la sua lunga lingua per spingere i sensi di Hermione in nuvole di passione dove nemmeno l'esperienza di Ginny aveva mai preso piede. suo. Il tocco della lingua di Ron sulle sue parti eccessivamente sensibili avrebbe potuto facilmente spingere Hermione oltre il limite da sola, ma quando i suoi occhi trovarono la mano di Harry che si masturbava mentre guardava Ron divorare la sua figa, fu troppo per Hermione. Strinse forte le lenzuola tra le mani mentre i suoi muscoli si contraevano nel profondo della pancia e i suoi succhi scorrevano su Ron, mescolandosi con il cioccolato rimasto mentre lui continuava a leccarlo avidamente, come un gattino con un piattino di latte. Harry si leccò le labbra e pompò il cazzo un po' più velocemente.

Ad un certo punto, durante tutto questo, la mano di Ginny si unì a quella di Harry tra le sue gambe e lei infilò le dita dentro di sé mentre Harry le massaggiava il clitoride. Anche lei aveva osservato ogni tocco della lingua di Ron su Hermione e desiderava ardentemente assaporare di persona i sapori combinati quando il rilascio di Hermione la travolse. Premette le dita più profondamente dentro di sé e strinse la mano di Harry contro di sé, ansiosa per il bisogno di liberarsi.

Il cazzo di Harry faceva male, ma sapeva che Ginny aveva più bisogno della sua attenzione in quel momento, quindi la sistemò teneramente sul bordo del letto mentre scivolava sul pavimento e appoggiava il peso sulle ginocchia in modo da essere perfettamente posizionato all'altezza degli occhi. con il triangolo di riccioli di Ginny. La stuzzicò con la lingua, facendola scorrere lungo le pieghe dove le cosce si univano al corpo, poi usando la punta per tracciare una figura a 8, circondandole prima il clitoride, poi la piega rosa rosata del suo culo. Lei piagnucolò e si sollevò contro la sua bocca, cambiando posizione in modo che le sue gambe cadessero più distanti, invitandolo a fare qualunque cosa desiderasse con lei.

L’evidente fiducia di Ginny nei confronti di Harry nell’offrirsi a lui in modo così vulnerabile fece gonfiare il cuore di Harry d’amore per lei e si asciugò frettolosamente con il dorso della mano un po’ di umidità che era apparsa con la coda dell’occhio. Sostò la lingua sulla parte inferiore della figura a 8 e ne premette la punta contro i piccoli muscoli tesi che vi si nascondevano. Ginny sussultò e gridò "Oh, Harry!" mentre lo spingeva più in profondità dentro di lei, scopandole lentamente il culo con la lingua.

Una volta che sentì che era lubrificata abbastanza bene, Harry sostituì la lingua con il pollice, continuando i suoi movimenti lenti dentro e fuori, aumentando la frenesia nervosa alla bocca dello stomaco di Ginny. Non soddisfatto che questo da solo fosse sufficiente per dare a Ginny il piacere che meritava, Harry premette il viso contro di lei, succhiandole il clitoride in bocca e lavorandolo con la lingua. Ogni volta che lei iniziava a dimenarsi per "quel bisogno" che cresceva dentro di lei, Harry si fidava della sua lingua nel profondo della sua figa, massaggiandola sensualmente finché non la sentiva iniziare a rilassarsi ancora una volta.

Ron aveva finalmente leccato l'ultimo pezzo di cioccolato dal corpo di Hermione, e giaceva con i piedi puntati verso la sua testa mentre appoggiava la testa sulla sua coscia, prendendosi un momento per riprendere fiato. Osservò Harry mentre faceva a pezzi Ginny con la lingua, poi la convinceva a rimettersi insieme, così da poter rifare tutto. Desiderava avere quell'effetto su Hermione, ma anche se sapeva di averla fatta raggiungere l'orgasmo con la bocca e la lingua, la sua tendenza all'insicurezza sussurrava che era il cioccolato – se le avesse versato abbastanza cioccolato sulla fica e l'avesse leccato tutto lontano, alla fine era destinato a colpire i posti giusti.

Ron sobbalzò appena, leggermente sorpreso quando sentì la mano di Hermione chiudersi attorno alla sua erezione tesa. Lo accarezzò lentamente, e un po' goffamente a causa delle posizioni in cui giacevano, ma solo sapere che era lei a toccarlo accese il fuoco allettante nel suo ventre. Lui ringhiò profondamente nella sua gola, sperando di emettere suoni incoraggianti che la ispirassero ad andare avanti. Apparentemente Hermione trovava le loro posizioni poco soddisfacenti per accarezzare il suo amante con le mani, quindi inclinò il corpo verso il suo e lo prese in bocca.

"Oh, cazzo!" ansimò Ron, poi si fece piccolo, aspettando che Hermione lo rimproverasse per il suo linguaggio.

Invece, emise semplicemente un dolce suono "Un Ugh" da qualche parte nel profondo della gola, creando vibrazioni nella sua bocca che gli solleticarono il cazzo e gli fecero contrarre le palle. Lei lo afferrò alla base con una mano, e delicatamente fece rotolare e strinse le sue palle con l'altra, mentre muoveva la testa su e giù e rilassava la gola per permettere al suo cazzo di scivolare quasi completamente dentro. Un piccolo getto di sperma sfuggì dalla punta mentre colpì la parte posteriore della gola di Hermione.

"Maledizione, Hermione," squittì Ron, "Non riesco a trattenermi. Lascia che ti scopi."

Hermione continuò a muovere la testa, incavando le guance e succhiandolo più forte, apparentemente ignara di ciò che Ron aveva appena detto. I muscoli della coscia di Ron si tesero mentre lottava per mantenere il controllo di sé, ma si rivoltò comunque contro la sua bocca. Hermione ridacchiò attorno al suo cazzo, sapendo che stava avendo un effetto su di lui, e fece scivolare la bocca verso l'alto, fermandosi sulla testa per lavorarla con la lingua mentre lo succhiava come se stesse cercando di tirare il gelato con una cannuccia.

Ron cominciò a pronunciare una serie di imprecazioni quasi incoerenti, non più in grado di controllare il proprio corpo, e Hermione lo lasciò andare giusto il tempo necessario per girarsi e mettersi a cavalcioni su di lui. Lei gli tenne l'uccello dritto con la mano e si impalò su di lui finché non fu sepolto in profondità nel suo stretto canale. Le gambe di Ron tremarono per la sensazione, e Hermione si schiacciò contro di lui nel punto in cui i corpi si univano.

Ginny aveva inclinato la testa all'indietro in modo da poter guardare Ron e Hermione mentre si stringeva il seno e pizzicava i capezzoli con il pollice e l'indice. Le cure di Harry tra le sue cosce la lasciavano senza fiato per il bisogno, e i suoi muscoli vaginali si erano contratti così tante volte che si sentiva come se stesse avendo un lungo e continuo orgasmo.

"Per favore, Harry," pregò infine quando il bisogno minacciò di sopraffare i suoi sensi, facendola sentire come se fluttuasse al limite della coscienza.

Harry si alzò lentamente e afferrò le cosce di Ginny, trascinandola fino al bordo del letto. Ginny arrossì leggermente quando guardò il suo viso, che luccicava dal naso al mento e quasi da un orecchio all'altro dei suoi succhi. Lui tirò fuori la lingua e se la fece girare intorno alla bocca, facendola arrossire ancora di più mentre posizionava il suo cazzo pulsante davanti alla sua entrata e la spingeva dentro, con la parte posteriore delle cosce stretta contro il suo petto. Tenne le mani sulla parte anteriore delle sue cosce, massaggiando i muscoli lì mentre teneva le gambe contro il suo corpo, e inclinò la testa per leccarle l'arco del piede destro. Quel bisogno aveva preso il sopravvento sul controllo di Harry, e lui riversò la sua vera anima nella lussuriosa rossa che si era offerta a lui così liberamente.

Hermione aveva cominciato a muoversi sopra Ron, sporgendosi in avanti in modo che i suoi capezzoli provocassero le sue labbra ogni volta che si alzava per far scivolare il cazzo quasi fuori di lei, poi di nuovo mentre si sbatteva indietro per tutta la sua lunghezza in modo che la punta sfregasse proprio sul lato destro. macchia dentro di lei per farla desiderare di più. Cercò di concentrarsi sulla contrazione dei muscoli vaginali attorno al cazzo di Ron, volendo aumentare le sensazioni che lui stava provando, ma nel suo stato attuale, era difficile per lei concentrarsi su qualsiasi cosa tranne rimbalzare su e giù sul suo cazzo così forte e duro. più velocemente possibile.

Hermione si ritrovò presto un po' senza fiato, facendo il minimo esercizio tra loro quattro, dato che tutti gli altri avevano un regolare allenamento di Quidditch, e fu grata quando Ron si accorse che stava ansimando e li fece rotolare per assumere la prima posizione. Hermione avvolse le gambe attorno alla vita di Ron e lui la colpì finché non esplose da qualche parte nel profondo.

Venti minuti dopo, Hermione sorrise soddisfatta mentre i quattro amici tornavano alla Torre di Grifondoro perché la sua mano era strettamente stretta in quella di Ron e lui non fece alcuno sforzo per lasciarla andare mentre incrociavano altri studenti nel corridoio. E la parte migliore era che era solo venerdì sera; con il resto del fine settimana ancora davanti.

Storie simili

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

Il gigolò del re

Il gigolò del re (Un'avventura medievale) Sono sempre stato un po' appassionato di epoca medievale. Non sono affatto quello che chiameresti un appassionato di storia, mi piace la moda primitiva, in particolare le scollature e i seni gonfi e il comportamento barbaro, ma soprattutto gli intermezzi romantici che sono collegati a così tanti eroi e leggende. Su scala ridotta, sono sempre stato, diciamo, divertito più che interessato all'idea del viaggio nel tempo e del teletrasporto fin dalla tenera età da quando ho iniziato a leggere Le cronache di Narnia, ma immagino che ogni bambino lo sia in una certa misura. Forse...

1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

952 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

945 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

919 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.