Toilette umana al Club Pt. 1

5.5KReport
Toilette umana al Club Pt. 1

Capitolo 1

"Finire il liceo dovrebbe farmi venire voglia di festeggiare, ma mi sento una merda", pensavo tra me e me. La mia ragazza Lauren aveva rotto con me. Era la capo cheerleader e la ragazza più popolare della scuola. Ero così follemente innamorato di lei, ma pensava che fossi un perdente. Le piaccio solo perché sono stato uno dei primi bambini a prendere una macchina. Avrei portato lei e le sue amiche in giro e loro avrebbero finto di essere gentili con me. Dopo averli lasciati agli eventi del club, li sentivo ridere di quanto fossi un perdente mentre me ne andavo. Non mi importava: per me era sufficiente stare con questi splendidi ragazzi. L'odore dolce e profumato dei loro capelli, la loro pelle morbida e chiara, le loro lunghe ciglia e le labbra carnose mi hanno fatto impazzire. Guidavo a casa e mi masturbo furiosamente pensando a loro che si alternavano seduti sulla mia faccia.

Quando non sono andata al college, Lauren lo considerava patetico. Lei e le sue amiche entrarono tutte in prestigiosi college e io fui condannato a fare lo stesso lavoro da fast food per il resto della mia vita. Lauren mi ha mandato un messaggio un mese dopo la laurea, dicendomi che dovevamo parlare. Il mio stomaco si contrasse a quelle parole. Sapevo cosa sarebbe successo. È stata lasciata da uno dei giocatori di football fuori casa mia. È entrata dalla porta principale e ha detto: "Non posso più avere questa relazione con te. Non ti amo. Non andrai da nessuna parte con la tua vita e non posso permetterti di appesantirmi. Ho bisogno di un vero uomo e, francamente, non sei all'altezza del conto.

“Ma Lauren,” supplicai, “per favore non lasciarmi! Sei tutto ciò che ho, senza di te non sono niente. Le lacrime rigavano le mie guance. Potevo sentire la mia faccia bruciare per l'umiliazione. Lauren ha deriso: "Allora sembra che tu non sia niente. Buona fortuna, perdente. Se ne andò e tornò nell'auto del giocatore di football. Li ho visti ridere insieme mentre si allontanavano. Ero crollato a casa mia, un buco nel mio petto.

Sono andato nella mia stanza e ho preparato una ciotola, sperando che lo sballo mi calmasse. Rimasi a letto, lasciando che il mio sballo prendesse il sopravvento. "Forse domani non sarà così male", pensai a metà. Mia sorella è passata davanti alla mia stanza e ha messo la testa dentro. “Ho sentito che Lauren ti ha scaricato. Ti serve bene, testa di merda. Parole incoraggianti dalla mia cagna di sorella.

Ho passato il giorno successivo a gironzolare per casa. Ho controllato costantemente il mio telefono per vedere se Lauren mi ha mandato un messaggio, ma non l'ha mai fatto. Il mio cuore si è quasi fermato quando ho sentito il telefono suonare. Ho ricevuto un messaggio da Gretchen, che era l'amica cheerleader di Lauren. Gretchen mi disprezzava. Avrebbe colto ogni occasione per parlare con me. Il suo messaggio diceva: "Ci vediamo al 1903 di Main Street, alle 19:00. Non essere in ritardo. “Strano,” mi chiedevo cosa potesse volere da me. Forse Lauren ha qualcosa a che fare con questo. Forse, se fossi il ragazzo più fortunato del mondo, questo è un modo elaborato per riportarmi indietro. Avrei dovuto conoscerlo meglio.

Il giorno successivo è stato trascorso in un'attesa agonizzante. Cosa voleva Gretchen? La domanda risuonava nella mia testa come un disco rotto. Finalmente era ora di andare. Mentre guidavo verso il punto dell'incontro, il mio cuore batteva forte. L'ansia ha preso il sopravvento, ogni respiro sembrava più stretto man mano che mi avvicinavo. Ho parcheggiato ed sono entrato. Non mi ero reso conto che l'indirizzo fosse il club dove portavo regolarmente le ragazze. Sono entrato, correndo con la mente. I miei palmi stavano praticamente nuotando nel sudore. Il locale era vuoto, fatta eccezione per Gretchen, un'altra cheerleader di nome Katrina e una donna che ho riconosciuto essere la barista. Erano tutti seduti su un lato di un tavolo, con una sedia vuota di fronte a loro. Nessun segno di Lauren, ma non ho rinunciato alla speranza.

«Siediti» ordinò Gretchen con prepotenza. Indicò la sedia vuota. Sono stato colpito alla sprovvista dal suo tono. Normalmente era stronza, ma questo tono era autorevole. Mi sono seduto, aspettando di scoprire di cosa diavolo si trattava.

“Ciao perdente, sono stato felice di sapere che Lauren ti ha finalmente gettato nella spazzatura a cui appartieni. Ci ha raccontato tutto, come hai pianto, e ha detto che non eri niente senza di lei. Sapevo che eri patetico, ma non avevo idea di quanto fossi debole davvero. Ho lottato per trattenere le lacrime, ma senza tale fortuna. Le lacrime hanno iniziato a rigarmi il viso e le donne hanno iniziato a ridere, dipingendomi di rosso. "Aspetto! Sta piangendo!" sbottò Katrina. Stava cercando di essere seria, ma non riusciva a smettere di ridere per la mia umiliazione. Katrina si è calmata e ha detto senza mezzi termini: "Senti perdente, abbiamo bisogno di un nuovo... diciamo, dipendente, per il club. Sappiamo che non sei andato al college e sappiamo che non fai un cazzo lavorando in pizzeria. Noi donne generose siamo disposti a darvi una possibilità qui. La tua vita può significare qualcosa.

Ero confuso. Tutto questo tormento e vogliono offrirmi un lavoro? Questo non ha senso. Ho trovato il coraggio di parlare. "Perché io?" Sono riuscito a gracchiare. La barista silenziosa ha trovato la sua voce e mi ha sbottato, "guarda stronzo, prendi il fottuto lavoro e forse la tua piccola ragazza ti riporterà indietro". Questo è tutto ciò che avevo bisogno di sentire. Con riluttanza, dissi: "Va bene. Quando comincio?" Le ragazze sorrisero. Sapevo che qualcosa non andava in questa situazione, ma ero troppo disperata perché Lauren lo mettesse in dubbio.

capitolo 2

Il barista ammorbidì la sua indole. “Stasera è il tuo primo turno. Aiuterai le nostre clienti femminili con i loro... bisogni femminili". Il suo tono era giocoso. Ho pensato tra me e me, "sicuramente non è seria, ho intenzione di far scendere queste donne in qualche modo?" Ho sentito il mio uccello iniziare a formicolare. La mia piccola fantasia si è interrotta quando il barista mi ha detto di seguirla. Mentre mi guidava verso il fondo del club, Katrina ha detto "buona fortuna" ed entrambe le cheerleader hanno iniziato a ridere.

Siamo passati davanti ai bagni e accanto al bagno delle donne c'era una porta chiusa a chiave poco appariscente. Il barista aprì la porta e mi condusse nella stanza buia e calda. Ha chiuso la porta dietro di me e non ho potuto vedere niente. Improvvisamente, si è avvicinata a me e mi ha sussurrato eroticamente all'orecchio: "spogliati per me piccola". Ha tracciato una mano lungo il mio petto verso il mio cazzo, stuzzicandomi lentamente, finché non ha sfiorato il mio cazzo con la mano. Fui immediatamente eretto e il suo tocco si irradiò in tutto il mio corpo. Ha fatto un passo indietro e ho iniziato a togliermi i vestiti al buio. Una volta nuda, il barista mi ha detto di sdraiarmi sulla panca. Ha guidato il mio corpo verso una panca imbottita che sembrava sporgere dal muro. Arrapato a morte, non ci ho pensato due volte a questi mobili insolitamente posizionati o alla situazione in cui mi trovavo.

La mia ignoranza è stata rapidamente punita, poiché ho sentito i miei polsi essere ammanettati dal barista. I miei piedi sono stati quindi fissati con la forza nelle staffe sopra di me, bloccandomi in una posizione di aquila distesa. In preda al panico, mi sono reso conto che ci devono essere più persone in questa stanza, perché non è possibile che il barista mi abbia confinato così rapidamente. Ho sentito la mia testa bloccata in posizione da morsetti di metallo e, con ciò, sono stato completamente immobilizzato. Il barista ha detto, "gli abbiamo preso ragazze", con voce compiuta, e la paura mi ha investito. Le luci si accesero, bruciandomi gli occhi.

Quando mi sono ripreso, sono rimasto scioccato dalla mia situazione. Il barista e due ragazze che ho visto in giro per la scuola mi sorridevano. "Ehi perdente, benvenuto nel tuo nuovo lavoro." disse il barista. Ero scosso, la mia ansia aveva preso il sopravvento lasciandomi paralizzato. Completamente incapace di reagire alla mia situazione, rimasi in silenzio mentre il barista continuava. “Questo è un club speciale, un club in cui le donne potenti possono venire per esercitare il loro dominio. Un modo in cui lo fanno è usare i bagni per gli umani”. Non ero sicuro di aver sentito bene, le cose erano così strane che ho avuto difficoltà a capire le sue parole.

“Ti sei involontariamente registrato per essere uno di questi bagni umani, quindi sarà tuo dovere mangiare o bere qualunque cosa i nostri clienti producano per te. Che si tratti di merda, piscio, vomito o qualsiasi altra cosa sgradevole di cui è capace il corpo umano, lo consumerai senza nemmeno sbirciare. Le altre signore nella stanza sorrisero mentre il barista spiegava il mio nuovo lavoro. Sussultai quando sentii qualcosa di scivoloso toccarmi il buco del culo. Una delle ragazze parlò con una voce inopportunamente dolce: "Oh tesoro, vedo che hai sentito il nostro piccolo amico. Questa è una macchina del cazzo automatica. È un grosso dildo attaccato a un motore. Se un cliente non è soddisfatto della tua performance, può premere un pulsante nella stalla. Ogni volta che si preme quel pulsante, il dildo scivola in avanti di un pollice. È un grosso dildo, quindi se fossi in te, terrei la soddisfazione del cliente una priorità.

Il barista mi ha chiesto se avessi delle domande prima di iniziare il mio turno. Tutto quello che sono riuscito a squittire è stato "perché io?" Sorrise e si chinò in modo che il suo viso fosse a pochi centimetri dal mio. "Perche tu? Perché sei un piagnucolone di merda che non merita altro che essere un gabinetto per le dee che entrano nel mio bar. Il fatto che potrai guardare le belle donne che entrano nella tua bancarella è un pagamento sufficiente per i tuoi servizi. Sei una persona patetica, quindi ti disumanizzeremo in un gabinetto, dove ci servirai finché non deciderò di farti uscire, il che potrebbe non succedere mai se mi fai un'altra dannata domanda. Capisci?"

Il suo sfogo mi perseguitava fino all'anima. Chiusi la bocca, terrorizzata dalle tre belle donne intorno a me. La panca è stata spinta indietro e la mia testa è entrata in una nuova stanza. In questa stanza, la mia realtà si insinua. Guardai il soffitto di un bagno. La mia testa era dentro un gabinetto. Avrei voluto urlare, ma ho sentito il dildo premuto con forza contro il mio buco del culo. La mia paura del barista e il pensiero di essere impalato mi tenevano tranquillo. Mi sono sussurrato ripetutamente: "questo è solo uno scherzo". Non mi rendevo conto di quanto mi fossi sbagliato.

capitolo 3



Il barista è entrato nel mio box. “Ascolta perdente, ti darò il tuo primo assaggio di essere un gabinetto. Se lo incasini, ci sarà l'inferno da pagare. Fatto? Buona. Ora, quando sei in presenza di un cliente, tieni la bocca sempre aperta. Ingoia tutto ciò che ti entra in bocca e fallo velocemente. Non saresti il ​​primo bagno ad affogare in questa stalla, quindi continua se vuoi vivere. Quando il cliente ha finito, te lo diranno. Devi pulirli con la lingua prima che se ne vadano». Si slacciò i jeans e si tirò giù i pantaloni e le mutandine. Sono rimasto sbalordito dalla sua oscenità. La sua figa era leggermente pelosa con labbra gonfie e rosa. Era divino. Improvvisamente, il barista ha raggiunto il gabinetto e mi ha pizzicato l'orecchio con le unghie. Ho sentito il sangue gocciolare lungo il lobo dell'orecchio. Ho iniziato a piangere. "Cosa ti avevo detto? Apri quella fottuta bocca, idiota.

Non volendo far arrabbiare ulteriormente il mio nuovo capo, ho aperto la bocca. Lei chinò la testa su di me e mi fissò per alcuni secondi. Poi, aprì la bocca e lentamente mi fece gocciolare un grosso batuffolo di saliva. Nonostante la mia situazione, la mia erezione pulsava. Ho guardato il suo globo scendere, ho sentito il viscido mentre colpiva la mia lingua e si insinuava in fondo alla mia gola. "Buon gabinetto", tubò. Provai una piccola fitta di orgoglio per averla compiaciuta. Le mie fantasie di sottomissione hanno iniziato a prendere il sopravvento. Mi stavo godendo questo tormento, e questo mi ha spaventato.

"Sei fortunato, devo solo fare pipì." Detto questo, si voltò e si sedette lentamente sulla mia faccia. Ho visto il suo culo perfettamente rotondo inghiottire la mia testa. La sua figa si è sigillata sulle mie labbra. Potevo sentire il suo profumo profondo, assaporarlo. Odore di corpo leggero misto a sapone profumato. Il suo pube mi sfiorò il viso, solleticandomi intorno alla bocca e al naso. Le sue chiappe erano morbide e calde sul mio viso. Lascio delicatamente la mia lingua scivolare sulle sue pieghe interne. Quando l'ho fatto, ha emesso un leggero "Mhh", incoraggiandomi. Potevo sentire la sua umidità, il suo lubrificante trasudante aderito alla mia lingua mentre la esploravo leggermente. Aveva un sapore piccante e leggermente salato. Potrei dire che indossava i suoi jeans nel club caldo da un po', accumulando sudore. Ho guardato in fondo al suo seno e mi sono chiesto che aspetto avesse in topless.

Improvvisamente, ho sentito il suo corpo teso. Un getto di urina forte è uscito direttamente da lei e mi è entrato in bocca. Aveva una temperatura inaspettatamente calda e un sapore estremamente metallico e salato. Il gusto mi ha scioccato e ho lottato per ingoiare abbastanza velocemente. Verso la fine del suo flusso, ho iniziato a soffocare con la sua piscia e potevo sentire il liquido che mi usciva dal naso. Il suono del mio soffocamento la fece voltare. Ha parlato con falsa delusione: "Ehi, i bagni non emettono suoni. Temo di essere stato insoddisfatto del tuo servizio. Era di fronte al muro accanto a lei e ho sentito un segnale acustico elettronico. Dall'altra parte del muro dove giaceva il mio corpo legato, ho sentito un motore elettrico iniziare a girare. Ho sentito il dildo sparare in avanti di un pollice, premendo forte contro il mio ano. La pressione non era sufficiente per penetrare, ma un'altra pressione di quel pulsante e sicuramente la testa sarebbe scivolata dentro di me. dovevo stare più attento.

Il barista mi ha ordinato di pulirla. Ho tirato fuori la lingua e le ho leccato l'uretra. Il sapore ricordava la sua pisciata, mescolata con il sapore della sua figa. Si alzò e iniziò a tirarsi su i pantaloni. La mia faccia era bagnata con i suoi succhi di figa e faceva freddo senza che lei si sedesse su di me. Si chinò sul gabinetto, mi sputò ancora una volta in bocca prima di dire: "Buona fortuna, gabinetto". In che cazzo mi sono cacciato? Quando posso vedere Lauren?

E c'è dell'altro…

RedFaceDisgrazia

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

832 I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Sarah, cosa hai fatto con il mais?

Questo è un primo tentativo, quindi qualsiasi critica costruttiva è più che benvenuta, anche qualsiasi lode sarebbe gradita. Se qualcuno ha idee per nuove storie, sentiti libero di lasciare le tue idee. Ho alcune idee che potrebbero utilizzare gli stessi personaggi nella sua storia. Godere. Sarah e Matthew Jones vivevano in una piccola villetta a schiera da qualche parte in una piccola città nel sud dell'Inghilterra, vivevano con la loro madre Elizabeth, ma lei non c'era mai. Aveva raggiunto una posizione elevata nella sua azienda e il suo lavoro significava che viaggiava molto tempo. Questo è stato un peccato ma necessario...

1.2K I più visti

Likes 0

Facendo bagnare di nuovo Amy! Di Blueheatt __Amy era brava nel suo lavoro e io ho fatto il mio lavoro, ma i trucchi non si sono mai fermati. Chiamava: “James chiama estendere. 102” La chiamavo e lei mi abbaiava ordini. (le piaceva fare il capo con me, anche se non era il mio capo) “JAMES, la mia sedia ha un cigolio, alzati qui e riparala. CLIC. Ci andrei quando ne ho la possibilità, senza fretta. Prendevo il mio piccolo kit di attrezzi e mi comportavo come se stessi facendo qualcosa. Quando arrivavo lì, la sua assistente mi annunciava di entrare e...

839 I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

774 I più visti

Likes 0

Mamma scomparsa

Si prega di valutare e commentare Jolene camminò lungo la strada tranquilla, grata di poter trascorrere un po' di tempo tranquillo da sola. La giornata sarebbe stata calda ma la mattina era fresca con un cielo azzurro brillante. Era grata di avere una strada così tranquilla per camminare da casa sua. Aveva già visto un falco sopra la sua testa e degli scoiattoli che correvano nel bosco e il fruscio delle foglie di creature sconosciute. Le piacevano queste vivaci passeggiate mattutine. Era il momento di schiarirsi le idee, di riflettere, di pianificare. Jolene fece una svolta e vide un furgone bianco...

579 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.