La festa_(14)

2.4KReport
La festa_(14)

Parte 1

"Gesù, faremo di nuovo tardi," penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano.

Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto.

Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si è depositata, riempiendo l'aria di un misterioso accenno di qualcosa che non si può dire ma solo sentire, anticipare. Un gracidio solitario di una vecchia rana toro in cerca di una compagna fa un altro stanco tentativo. È come una scena di un film, che aspetta semplicemente che gli attori entrino e lo diano vita.

Guardo di nuovo il mio orologio. 9 in punto. Non mi dispiace davvero che ci perdiamo la festa perché trovo che il Doonsberg sia noioso. Una coppia ricca e pomposa il cui unico obiettivo sono gli affari e che ha difficoltà a tenere una conversazione senza commentare il prezzo delle cose. Mi hanno fatto venire voglia di vomitare. Non mi piace essere in ritardo per principio. Rozzo, lo sai.

"Tesoro, per l'amor di Dio, andiamo a farla finita. Sono sicuro che sembri..." Comincio a gridare, solo per trovare le parole bloccate nella mia gola mentre appari sulla soglia.

Un sorriso malizioso risuona sulle tue labbra mentre vedi la mia reazione alla tua apparizione improvvisa. Non riesco a staccare gli occhi da te. Vestito solo con un vestitino nero senza spalline che confina con la linea della decenza e un paio di tacchi neri, sembri un sogno bagnato che si avvera. I tuoi capelli cadono dritti intorno al tuo viso, solleticando le scapole e accentuando i tuoi occhi truccati di scuro e le labbra carnose. Il tuo profumo mi lascia inebriante e apro le narici, alla disperata ricerca di altro.

Schiarendomi la gola, mi spezzo dalle mie fantasticherie. Mi alzo, regolo la mia erezione che si è improvvisamente risvegliata e attraverso la distanza verso di te. Condividiamo un sorriso e ti bacio sulla guancia, attento a non sbavare nulla. Mi soffermo vicino al tuo orecchio e dico: "Sei bellissima, tesoro... Sai, non siamo così in ritardo".

Ridi, un rumore che mi formicola nelle orecchie, e mi schiacci giocosamente. "Sii bravo, stallone, e forse potremo divertirci un po' più tardi."

Sospiro, mi rassegno alla santità per la notte e mi infilo l'erezione sotto la cintura. Prendendoti per mano, ci conduco fuori alla macchina e ti apro la portiera. Un attimo dopo, mi arrampico al posto di guida e ci avviamo lungo la strada.

Parte 2

La festa è a soli tre isolati di distanza, ma riesco comunque a schiantarmi quasi due volte mentre ti sto fissando quasi quanto la strada. Arriviamo al palazzo e veniamo accolti nella parte anteriore da un cameriere. Ci fa entrare nella porta e poi scompare nella notte con le mie chiavi.

La festa è proprio come mi aspettavo. Signori più anziani e le loro mogli trofeo in giro a bere scotch costoso ea discutere di politica. L'atmosfera è soffusa e nonostante ci siano dozzine di persone presenti, la grandiosità del palazzo lo fa sentire come un intimo ritrovo sociale. Vaghiamo da un gruppo di persone all'altro, facendo chiacchiere e tentando, malamente, di comportarci come se ci appartenessimo.

Noto con un misto di orgoglio e gelosia gli sguardi che gli altri uomini ti stanno lanciando. Nel caso di un vecchio particolarmente lascivo, è uno sguardo sfacciato e lussurioso. Ve lo segnalo e condividiamo una risata. Avvolgendoti con il mio braccio in modo protettivo, ci spostiamo verso un altro gruppo di persone.

Le ore passano e il liquore inizia a fare effetto su gran parte della festa. Il livello di rumore è costantemente aumentato man mano che le conversazioni iniziano a diventare più chiassose e vivaci. Sto ascoltando svogliatamente una donna anziana inveire sulle tasse quando sento un leggero strattone al mio fianco. Mi dici "Bagno" e io annuisco e mi libero da te, sentendomi improvvisamente molto solo.

Ti guardo allontanarti, i tuoi fianchi ondeggiano in modo seducente e desidero per la centesima volta quella notte, di poterti prendere da solo. Cazzo, essere bravo. Anche se il pensiero mi attraversa la mente, stai salendo le scale e poco prima di scomparire alla vista, ti guardi alle spalle e mi fai l'occhiolino. Non avendo bisogno di ulteriori incoraggiamenti, poso il mio drink e mi scuso. Cercando di nascondere la mia eccitazione, gironzolando per la stanza e su per le scale.

Sorrido quando ti vedo in fondo al corridoio, sgattaiolare vette nelle stanze. Ti giri e mi spii camminare verso di te e mi fai cenno di entrare nella porta numero tre. Hai selezionato un grande ufficio. C'è un'enorme scrivania in mogano nel mezzo della stanza. Le pareti sono rivestite di librerie e dipinti dall'aspetto costoso. Uno si schianta a terra mentre ti sbatto contro il muro, le nostre bocche bloccate insieme e i nostri corpi che stridono all'unisono mentre esplodiamo nei fuochi della nostra passione.

Le mie mani percorrono i contorni del tuo corpo, deliziandosi delle tue curve femminili. Ti stringo il culo, impastando la carne sotto le mie mani. La mia erezione preme contro il tuo stomaco, tendendosi contro i confini dei miei pantaloni. Riesco a sentire il calore del tuo sesso irradiarsi contro la mia gamba che è incastrata tra la tua. Le nostre lingue si cercano urgentemente l'un l'altra.

Concludo il bacio impigliandomi la mano tra i capelli e tirando indietro la testa contro il muro e facendo un piccolo passo indietro. Mi fermo un secondo a guardarti negli occhi con desiderio selvaggio. Con l'altra mano, ti tiro giù il davanti del vestito, esponendo i tuoi seni alla notte, i tuoi capezzoli duri e vivaci. Comincio a stuzzicarti, mordicchiandoti il ​​collo e la mascella, respirandoti nell'orecchio. Piangi leggermente mentre la mia bocca si sposta sulle tue tette, mordendo, succhiando e agitando, il tutto con l'intento di darti quanto più piacere possibile.

La tua mano ha trovato la sua strada verso il mio cazzo e lo sta strofinando lentamente attraverso il tessuto dei miei pantaloni. Con la mano libera, slaccio la cintura e apro la cerniera, lasciando che i miei pantaloni cadano a terra. Riprendi ad accarezzarmi, la tua piccola mano calda che mi fa venire i brividi lungo la schiena. Con la mano ancora una volta libera, alzo il medio e l'indice alla tua bocca e li faccio scivolare dentro, raccogliendo saliva, lubrificante. Soddisfatto che siano sufficientemente bagnati, metto la mia mano tra le tue gambe e faccio cadere rapidamente le tue mutandine per essere buttato di lato. Infilo una, due dita dentro la tua figa bagnata pronta, suscitando un sussulto in te.

Questo continua per un breve periodo; accarezzi su e giù per l'asta della mia erezione e gemiti piano mentre ti tocco, il mio ritmo guadagna velocità e intensità e la mia bocca vaga sulla pelle dolce delle tue spalle e dei tuoi seni. Alla fine, a giudicare dall'umidità che gocciola dalle mie dita, decido che è ora di prenderti. Disimpegno le mie mani dai tuoi capelli e dalla tua fica e ti prendo sotto il culo, sollevandoti. Girandomi, mi trascino alla scrivania dove ti appoggio sulla schiena. Getto le tue gambe contro le mie spalle e senza ulteriori indugi, faccio scivolare il mio cazzo gonfio nella tua figa vellutata.

Per diversi minuti l'unica cosa che si può sentire è lo schiaffo delle tue cosce contro il mio osso pelvico mentre guido profondamente dentro di te, tutta la mia lussuria mi alimenta per andare sempre più forte. Mi preoccupo per un momento che potremmo essere scoperti, ma la vista di me stesso che ti penetra, le tue tette che rimbalzano ad ogni spinta e le grida carnali che sfuggono alle tue labbra allontana tutti gli altri pensieri. Tutto quello a cui riesco a pensare è portare piacere al sexy minx sotto di me.

Improvvisamente, mi respingi. Sono confuso finché non vedo lo sguardo affamato nei tuoi occhi. Faccio un passo indietro in modo che tu possa manovrare, girarti e chinarti sulla scrivania. Faccio un passo indietro ed entro in te ancora una volta, dandoti una pacca sul culo giocosa come faccio io. Afferro le tue braccia e le tiro indietro dietro di te, bloccandole con una mano nella parte bassa della tua schiena e usandole come leva per spingermi ulteriormente dentro di te. Porto l'altra mano alla bocca, godendomi il sapore dei tuoi succhi persistenti sul mio dito medio. Assicurandomi che sia ben lubrificato, metto il dito sul buco del culo e lo spingo dentro lentamente. Posso sentire il mio cazzo dentro di te attraverso la membrana e strofinarli insieme.

Continuo a scoparti finché i tuoi gemiti non diventano un lamento e il tuo corpo inizia a irrigidirsi mentre inizi ad avere un orgasmo. Prendo questo come spunto e comincio a martellarti dentro con abbandono, sapendo che il mio orgasmo non è lontano. Più difficile, più difficile, più difficile. In pochi istanti, la tua piccola figa stretta mi sta prosciugando del mio seme e mi accascio su di te, esausta.

Rimaniamo così per un momento, io sdraiato su di te, i nostri corpi che si agitano, mentre lottiamo per riprendere fiato. Alla fine, mi tiro fuori da te e mi appoggio alla scrivania. Ti alzi e inizi a raddrizzarti. Il trucco intorno ai tuoi occhi ha cominciato a colare e penso di buttarti di nuovo a terra brevemente e di fare a modo mio con te ma ti stai già aggiustando il vestito e sono ancora un po' sorpresa dall'episodio. Prendo spunto e inizio a vestirmi, ridacchiando tra me e me mentre cerchi invano di aggiustarti i capelli.

Rinunciando, ti rivolgi a me. "Allora, stallone, sei pronto per tornare alla festa?"

Storie simili

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

944 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.6K I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Il buio; Il mio inizio

Il buio Permettetemi di iniziare affermando che questa storia è puramente fittizia. Niente di tutto questo è mai successo, anche se è stata una mia fantasia. La mia immaginazione fa miracoli per me stesso quando sono solo, e spero che apprezzerai questa storia tanto quanto me. Si prega di non commentare se non si ha nulla di costruttivo da dire. Inoltre, tieni presente che nessuno ti sta facendo leggere questo, quindi se non ti piace, fai clic su una storia diversa secondo le tue preferenze. Ci sono anche molte informazioni di base prima del sesso, quindi per favore prendilo in considerazione...

1.9K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

*c'è una prima parte in questo e ancora una volta la grammatica non è perfetta* Il pensiero della torcia del capezzolo mi ha fatto eccitare, ma non oso dirlo a Mr.B. Mi ha afferrato il braccio e mi ha detto di sbottonarmi la parte superiore e di togliermelo insieme al reggiseno e di mettermi la mano sopra la testa, quando ci ho messo troppo tempo ha sospirato scuotendo la testa e mi ha dato altri schiaffi sul culo. Ho accelerato per non turbarlo più. Ha preso la mia tripla D e i miei grandi capezzoli sorridendo tra sé come se avesse...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.