La festa_(14)

242Report
La festa_(14)

Parte 1

"Gesù, faremo di nuovo tardi," penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano.

Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto.

Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si è depositata, riempiendo l'aria di un misterioso accenno di qualcosa che non si può dire ma solo sentire, anticipare. Un gracidio solitario di una vecchia rana toro in cerca di una compagna fa un altro stanco tentativo. È come una scena di un film, che aspetta semplicemente che gli attori entrino e lo diano vita.

Guardo di nuovo il mio orologio. 9 in punto. Non mi dispiace davvero che ci perdiamo la festa perché trovo che il Doonsberg sia noioso. Una coppia ricca e pomposa il cui unico obiettivo sono gli affari e che ha difficoltà a tenere una conversazione senza commentare il prezzo delle cose. Mi hanno fatto venire voglia di vomitare. Non mi piace essere in ritardo per principio. Rozzo, lo sai.

"Tesoro, per l'amor di Dio, andiamo a farla finita. Sono sicuro che sembri..." Comincio a gridare, solo per trovare le parole bloccate nella mia gola mentre appari sulla soglia.

Un sorriso malizioso risuona sulle tue labbra mentre vedi la mia reazione alla tua apparizione improvvisa. Non riesco a staccare gli occhi da te. Vestito solo con un vestitino nero senza spalline che confina con la linea della decenza e un paio di tacchi neri, sembri un sogno bagnato che si avvera. I tuoi capelli cadono dritti intorno al tuo viso, solleticando le scapole e accentuando i tuoi occhi truccati di scuro e le labbra carnose. Il tuo profumo mi lascia inebriante e apro le narici, alla disperata ricerca di altro.

Schiarendomi la gola, mi spezzo dalle mie fantasticherie. Mi alzo, regolo la mia erezione che si è improvvisamente risvegliata e attraverso la distanza verso di te. Condividiamo un sorriso e ti bacio sulla guancia, attento a non sbavare nulla. Mi soffermo vicino al tuo orecchio e dico: "Sei bellissima, tesoro... Sai, non siamo così in ritardo".

Ridi, un rumore che mi formicola nelle orecchie, e mi schiacci giocosamente. "Sii bravo, stallone, e forse potremo divertirci un po' più tardi."

Sospiro, mi rassegno alla santità per la notte e mi infilo l'erezione sotto la cintura. Prendendoti per mano, ci conduco fuori alla macchina e ti apro la portiera. Un attimo dopo, mi arrampico al posto di guida e ci avviamo lungo la strada.

Parte 2

La festa è a soli tre isolati di distanza, ma riesco comunque a schiantarmi quasi due volte mentre ti sto fissando quasi quanto la strada. Arriviamo al palazzo e veniamo accolti nella parte anteriore da un cameriere. Ci fa entrare nella porta e poi scompare nella notte con le mie chiavi.

La festa è proprio come mi aspettavo. Signori più anziani e le loro mogli trofeo in giro a bere scotch costoso ea discutere di politica. L'atmosfera è soffusa e nonostante ci siano dozzine di persone presenti, la grandiosità del palazzo lo fa sentire come un intimo ritrovo sociale. Vaghiamo da un gruppo di persone all'altro, facendo chiacchiere e tentando, malamente, di comportarci come se ci appartenessimo.

Noto con un misto di orgoglio e gelosia gli sguardi che gli altri uomini ti stanno lanciando. Nel caso di un vecchio particolarmente lascivo, è uno sguardo sfacciato e lussurioso. Ve lo segnalo e condividiamo una risata. Avvolgendoti con il mio braccio in modo protettivo, ci spostiamo verso un altro gruppo di persone.

Le ore passano e il liquore inizia a fare effetto su gran parte della festa. Il livello di rumore è costantemente aumentato man mano che le conversazioni iniziano a diventare più chiassose e vivaci. Sto ascoltando svogliatamente una donna anziana inveire sulle tasse quando sento un leggero strattone al mio fianco. Mi dici "Bagno" e io annuisco e mi libero da te, sentendomi improvvisamente molto solo.

Ti guardo allontanarti, i tuoi fianchi ondeggiano in modo seducente e desidero per la centesima volta quella notte, di poterti prendere da solo. Cazzo, essere bravo. Anche se il pensiero mi attraversa la mente, stai salendo le scale e poco prima di scomparire alla vista, ti guardi alle spalle e mi fai l'occhiolino. Non avendo bisogno di ulteriori incoraggiamenti, poso il mio drink e mi scuso. Cercando di nascondere la mia eccitazione, gironzolando per la stanza e su per le scale.

Sorrido quando ti vedo in fondo al corridoio, sgattaiolare vette nelle stanze. Ti giri e mi spii camminare verso di te e mi fai cenno di entrare nella porta numero tre. Hai selezionato un grande ufficio. C'è un'enorme scrivania in mogano nel mezzo della stanza. Le pareti sono rivestite di librerie e dipinti dall'aspetto costoso. Uno si schianta a terra mentre ti sbatto contro il muro, le nostre bocche bloccate insieme e i nostri corpi che stridono all'unisono mentre esplodiamo nei fuochi della nostra passione.

Le mie mani percorrono i contorni del tuo corpo, deliziandosi delle tue curve femminili. Ti stringo il culo, impastando la carne sotto le mie mani. La mia erezione preme contro il tuo stomaco, tendendosi contro i confini dei miei pantaloni. Riesco a sentire il calore del tuo sesso irradiarsi contro la mia gamba che è incastrata tra la tua. Le nostre lingue si cercano urgentemente l'un l'altra.

Concludo il bacio impigliandomi la mano tra i capelli e tirando indietro la testa contro il muro e facendo un piccolo passo indietro. Mi fermo un secondo a guardarti negli occhi con desiderio selvaggio. Con l'altra mano, ti tiro giù il davanti del vestito, esponendo i tuoi seni alla notte, i tuoi capezzoli duri e vivaci. Comincio a stuzzicarti, mordicchiandoti il ​​collo e la mascella, respirandoti nell'orecchio. Piangi leggermente mentre la mia bocca si sposta sulle tue tette, mordendo, succhiando e agitando, il tutto con l'intento di darti quanto più piacere possibile.

La tua mano ha trovato la sua strada verso il mio cazzo e lo sta strofinando lentamente attraverso il tessuto dei miei pantaloni. Con la mano libera, slaccio la cintura e apro la cerniera, lasciando che i miei pantaloni cadano a terra. Riprendi ad accarezzarmi, la tua piccola mano calda che mi fa venire i brividi lungo la schiena. Con la mano ancora una volta libera, alzo il medio e l'indice alla tua bocca e li faccio scivolare dentro, raccogliendo saliva, lubrificante. Soddisfatto che siano sufficientemente bagnati, metto la mia mano tra le tue gambe e faccio cadere rapidamente le tue mutandine per essere buttato di lato. Infilo una, due dita dentro la tua figa bagnata pronta, suscitando un sussulto in te.

Questo continua per un breve periodo; accarezzi su e giù per l'asta della mia erezione e gemiti piano mentre ti tocco, il mio ritmo guadagna velocità e intensità e la mia bocca vaga sulla pelle dolce delle tue spalle e dei tuoi seni. Alla fine, a giudicare dall'umidità che gocciola dalle mie dita, decido che è ora di prenderti. Disimpegno le mie mani dai tuoi capelli e dalla tua fica e ti prendo sotto il culo, sollevandoti. Girandomi, mi trascino alla scrivania dove ti appoggio sulla schiena. Getto le tue gambe contro le mie spalle e senza ulteriori indugi, faccio scivolare il mio cazzo gonfio nella tua figa vellutata.

Per diversi minuti l'unica cosa che si può sentire è lo schiaffo delle tue cosce contro il mio osso pelvico mentre guido profondamente dentro di te, tutta la mia lussuria mi alimenta per andare sempre più forte. Mi preoccupo per un momento che potremmo essere scoperti, ma la vista di me stesso che ti penetra, le tue tette che rimbalzano ad ogni spinta e le grida carnali che sfuggono alle tue labbra allontana tutti gli altri pensieri. Tutto quello a cui riesco a pensare è portare piacere al sexy minx sotto di me.

Improvvisamente, mi respingi. Sono confuso finché non vedo lo sguardo affamato nei tuoi occhi. Faccio un passo indietro in modo che tu possa manovrare, girarti e chinarti sulla scrivania. Faccio un passo indietro ed entro in te ancora una volta, dandoti una pacca sul culo giocosa come faccio io. Afferro le tue braccia e le tiro indietro dietro di te, bloccandole con una mano nella parte bassa della tua schiena e usandole come leva per spingermi ulteriormente dentro di te. Porto l'altra mano alla bocca, godendomi il sapore dei tuoi succhi persistenti sul mio dito medio. Assicurandomi che sia ben lubrificato, metto il dito sul buco del culo e lo spingo dentro lentamente. Posso sentire il mio cazzo dentro di te attraverso la membrana e strofinarli insieme.

Continuo a scoparti finché i tuoi gemiti non diventano un lamento e il tuo corpo inizia a irrigidirsi mentre inizi ad avere un orgasmo. Prendo questo come spunto e comincio a martellarti dentro con abbandono, sapendo che il mio orgasmo non è lontano. Più difficile, più difficile, più difficile. In pochi istanti, la tua piccola figa stretta mi sta prosciugando del mio seme e mi accascio su di te, esausta.

Rimaniamo così per un momento, io sdraiato su di te, i nostri corpi che si agitano, mentre lottiamo per riprendere fiato. Alla fine, mi tiro fuori da te e mi appoggio alla scrivania. Ti alzi e inizi a raddrizzarti. Il trucco intorno ai tuoi occhi ha cominciato a colare e penso di buttarti di nuovo a terra brevemente e di fare a modo mio con te ma ti stai già aggiustando il vestito e sono ancora un po' sorpresa dall'episodio. Prendo spunto e inizio a vestirmi, ridacchiando tra me e me mentre cerchi invano di aggiustarti i capelli.

Rinunciando, ti rivolgi a me. "Allora, stallone, sei pronto per tornare alla festa?"

Storie simili

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

622 I più visti

Likes 1

Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro. Parte 2 - Il livello successivo Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra...

601 I più visti

Likes 0

Notte incredibile

Notte incredibile Qual è stata la tua notte o il tuo giorno di sesso più incredibile? Cosa lo ha reso così fantastico? Questo è mio, quattro anni fa. Quando ho comprato il mio duplex nei sobborghi di Minneapolis, significava che sarei rimasto qui per un po' e ne ero davvero felice. Una giovane coppia sposata poco più che ventenne stava affittando l'altra parte del duplex. Avevo appena compiuto trentadue anni e mi sentivo già una generazione avanti a loro. Ho organizzato una piccola festa per conoscere i vicini e si sono presentate una ventina di persone. La maggior parte aveva figli...

1K I più visti

Likes 0

Innocente ragazza asiatica si è trasformata in una schiava Capitolo 3

“Indossa una gonna domenica. Niente reggiseno o mutandine. Sophia lesse il breve messaggio e sospirò. Era stata essenzialmente costretta a rinunciare a tutto il resto della sua vita solo per far piacere al Maestro Liam. Invece di andare al club culinario giovedì durante il pranzo, ha passato il tempo a succhiargli le palle nella Tesla. Invece di andare a prendere Boba con le sue amiche domenica, avrebbe perso la verginità con un anziano che aveva incontrato solo due settimane prima. Sophia era terrorizzata dal dolore di perdere la sua verginità. Ha letto online di quanto sia stata dolorosa la rottura dell'imene...

827 I più visti

Likes 0

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

637 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

512 I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

794 I più visti

Likes 0

Chi vuoi baciare

Avevo circa 13 anni quando è successo, ero un bambino molto arrapato, ma per ora per qualche ragione non lo capisco più. L'ho inventato un po' : P Non vedo l'ora di baciare un ragazzo! disse Carolina mentre sfogliava la sua rivista Tiger Beat. Non voglio baciare Devin, il ragazzo della mia classe di matematica. Lo conosci vero? ha detto mentre mi guardava. uh uh. ho mormorato. Ero troppo impegnato a pensare al ragazzo che avrei voluto baciare per dire qualcos'altro. Non volevo dirglielo, ma pensavo che suo fratello di 16 anni fosse molto incantevole. Quasi tutte le sere di questo...

843 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

688 I più visti

Likes 0

Fucking the Pooch o Al's Vacation

Mentre ero seduto nella taverna a bere birra e sparare cazzate con Al, il proprietario di questo bel locale, stavamo parlando del suo problema. Sembra che la sorella di Al, Naomi, abbia vissuto in Romania e voglia che Al la visiti. L'unico problema è che Al ha paura di viaggiare da solo e vuole che qualcuno viaggi con lui. È qui che entro. Al, non posso credere che un ragazzo come te abbia paura di viaggiare da solo? Ho riso di lui. Semplicemente non mi piace andare in un posto dove le persone parlano un'altra lingua si lamentò Al. “Ma ho...

672 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.