Essere di proprietà - Parte 10

1.2KReport
Essere di proprietà - Parte 10

Sbadigliando mi stiracchiai e mi misi a sedere sul letto. Non appena mi ero svegliato e avevo sentito la pioggia battente fuori, avevo deciso di dormire. Anche se erano quasi le otto, fuori era quasi buio. Resta un'ora per farmi una doccia e abbastanza caffè da svegliarmi.

“Meglio andare avanti”, mormorai e mi alzai.

Mezz'ora dopo mi sono fatto la barba, mi sono fatto la doccia e sono entrato nella mia piccola cucina per fare il caffè. Qualcuno era stato qui, mentre ero ancora a letto o in bagno. Accanto al bollitore c'era un giornale. Incuriosito ho preso il giornale. Il mio cuore sembrò saltare un battito quando riconobbi il colpo di testa. Questo era della città natale dei miei genitori. La data era di qualche giorno fa.

Temendo il peggio, ho aperto prima i necrologi. Nessuno che conoscessi. Con un sospiro di sollievo, ho girato di nuovo il foglio, ho sfogliato i fogli, scansionando ogni pagina per qualsiasi motivo fosse lì.

Eccolo lì. Una foto di mio fratello riempiva metà della pagina inferiore. Dimenticando persino di fare il caffè, andai in soggiorno, mi sedetti sul divano.

Era a casa, era stato processato. Il suo procuratore distrettuale aveva tirato fuori alcuni dettagli riguardanti la mia scomparsa, altri incidenti del suo passato. L'intera storia strappalacrime era bastata a procurargli solo la libertà vigilata e la terapia.

Le lacrime mi sono sgorgate dagli occhi e le ho spazzate via. Era al sicuro. Il mio padrone aveva mantenuto la parola. Senza vedere, fissai il foglio. Quello che vedevo erano scene del passato, il ragazzo felice che era stato. Anche se era stato viziato dai nostri genitori, l'avevo amato, lo amavo ancora.

"Allora, l'hai trovato?" Il mio padrone era entrato nella stanza. Perso nei pensieri non l'avevo notato, ma ora balzai in piedi e verso di lui. Lanciandogli le braccia al collo ho sbottato "Grazie, grazie, grazie". Lo abbracciai forte e lui sorrise.

“Ho addestrato i miei cani a non saltare addosso alle persone. Forse avrei dovuto fare la stessa cosa con il mio umano.

Un po' imbarazzato, lasciai andare e feci un passo indietro. “Mi dispiace, signore”, mormorai e abbassai la testa.

La giornata allo stagno sembrava ormai un sogno. Il suo comportamento nei miei confronti era come se non fosse mai successo. Solo a volte, quando era nella sua altra forma, l'avevo intravisto. Il modo in cui mi guardava, il modo in cui mi scopava. Ogni tanto poi mi diceva di sdraiarmi sulla schiena, così che dovevo guardarlo. E anche se la mia mente insisteva ancora, che era sbagliato, il mio corpo ha reagito in modo naturale, lo ha accolto.

Ha aperto la botola. “Cuscini o letto, a te la scelta.” "Letto." Avevo deciso in fretta. Anche se avevo pagato, stavo ancora pagando, per il salvataggio di mio fratello, volevo dimostrargli quanto gli ero grato.

Non appena ebbe aperto l'altra porta, parlai di nuovo. “Io... voglio che tu mi guardi. Voglio assaggiare il tuo cazzo. Non così bene formulato come mi sarebbe piaciuto, ma almeno ero riuscito a dirlo.

Le sue sopracciglia si alzarono.

"Per favore, guardami, e quando ti ho eccitato, ti ho davvero eccitato, lascia che ti succhi il cazzo." Ora il suo sorriso divenne un sorrisetto. Si avvicinò a una grande poltrona e si sedette. Indicando verso il letto disse: "Fammi vedere allora".

Ero nervoso. Due opzioni mi stavano davanti. Uno: dagli solo un bello spettacolo, prova a ricordare cosa hanno fatto le ragazze nei porno che avevo visto e copialo. Due: masturbati davanti ai suoi occhi, eccitati, scendi.

Camminando verso il letto ho lasciato che le mie mani corressero sul mio corpo. Questa sarebbe stata la prima volta, avrebbe guardato. Finora avevo lasciato che i suoi cani mi guardassero e leccassero.

Coprendomi i seni sodi con le mani mi sedetti, lo guardai. Mi sono reso conto che volevo davvero il suo cazzo. Dolcemente mi strofinai i capezzoli con i pollici, li sentii indurirsi. Mi sono sdraiato, ho giocato con loro. Distrattamente li ho attorcigliati, tirati a lungo. Cosa vorrebbe vedere? Allargando le gambe, misi i piedi sul bordo del materasso. Vorrebbe vedere la cosa genuina, io che mi arrapo, che mi fotto. Una mano giocava con il capezzolo del mio seno destro, l'altra scivolava tra le mie gambe. Sentivo la pelle morbida sotto le mie dita mentre mi massaggiavo l'inguine.

gemetti. Se solo potessi dimenticare che stava guardando. Ancora consapevole dei suoi occhi su di me, passai il dito sulle labbra della mia figa. Chiudendo gli occhi, ho immaginato che fosse il dito di qualcun altro, che mi toccava, mi esplorava, li separava e scivolava in mezzo. Con una mano già laggiù li allargai, anche l'altra mano si protese verso il basso.

Circondando il mio clitoride con un dito, gemetti di nuovo. Mi sentivo così bene. "Ti piace, vero?" una voce nella mia testa risuonò e io sospirai. Oh sì, l'ho fatto. Ho sentito il desiderio, ho sentito il mio corpo reagire al mio tocco. Non ancora bagnato, ma eccitato. Sentii il calore tra le mie gambe, leggermente più umido di quando mi ero toccato per la prima volta. Allargando maggiormente le pieghe della mia pelle, ho esposto completamente il mio clitoride sensibile. Era duro sotto il mio dito.

Ci ho passato sopra due dita, fino alla fica. Era allettante, ma li ho semplicemente fatti scivolare intorno all'ingresso, mi sono preso in giro prima di riportare le dita ora bagnate sul mio clitoride. "Oh", gemetti mentre scivolava su di esso, spargendo il mio succo ovunque. Non potendo più aspettare, infilai due dita dentro la mia fica bisognosa, lenta e profonda. Scivolando facilmente, hanno fatto un piccolo rumore soffocante, dando prova di quanto fossi bagnato. Scopandomi lentamente, gemetti di nuovo. Due dita non bastavano, una terza univa le due. Continuando a giocare con il mio clitoride li ho spinti dentro di me. Questo sembrava ancora meglio.

Percependo il movimento accanto a me ho aperto gli occhi. Il mio padrone era in piedi accanto al letto e mi guardava dall'alto in basso. Diedi un'occhiata al rigonfiamento dei suoi pantaloni. Involontariamente mi leccai le labbra. Sorrise, si inginocchiò sul letto.

"Vuoi il mio cazzo?" Teneva la voce bassa, era rauca. "Sì", la mia risposta è stata un altro gemito, ho sentito il desiderio. Ridacchiò e si aprì i pantaloni. Mentre li tirava giù, ho visto il suo cazzo, duro ed eretto. Mi ha trasmesso una vibrazione di desiderio. I folti peli neri sulle sue palle mi ricordavano la sua pelliccia nella sua altra forma. Ma non avevo tempo per pensare. Si chinò su di me, il suo cazzo vicino alla mia faccia. Pre-cum luccicava sulla sua punta. Potevo sentirne l'odore. Alzando la testa, tirai fuori la lingua, leccai via le goccioline. Era buono quanto l'odore e sospirai.

Come ho potuto dimenticare che amavo questo particolare odore e sapore? O avevo semplicemente seppellito il ricordo in profondità con quelli spiacevoli? Si abbassò di più e io aprii la bocca. Il suo cazzo era grosso, ma ci ho chiuso le labbra intorno, l'ho stretto per un momento così.

Lentamente l'ho esplorato con la lingua, sentendone la consistenza, assaggiandolo, il suo sperma. Si mosse, si stiracchiò e si sdraiò accanto a me. “Prenderò io”, mormorò, mentre la sua mano toccava la mia, le dita ancora sepolte nella mia fica. "In modo da avere le mani libere."

Non appena ho tirato fuori le mie dita, ha spinto tre delle sue dentro di me. Erano più grandi, mi riempivano di più e rimasi senza fiato.

"Oh per favore." Non ero nemmeno sicuro di cosa stavo supplicando. Fammi venire? Fottimi? Mi usi? L'ultimo pensiero era inquietante, ma tutti i pensieri furono sostituiti dal sentimento, da una specie di istinto e bisogno.

Con esitazione mi ha spinto il cazzo in bocca e io ho colto l'imbeccata, l'ho chiuso saldamente con le labbra e l'ho succhiato. Con una mano ho preso le sue palle, le ho massaggiate e strizzate dolcemente.

Ho sentito il suo respiro affannoso, il forte gemito. Ha forzato le sue dita più in profondità e ora è stato il mio turno di ansimare, mentre il suo pollice ha trovato il mio clitoride.

Avidamente ho succhiato il suo cazzo, strofinando la mia lingua contro di esso. Ho assaggiato altro pre-cum e l'ho ingoiato. Piagnucolai mentre il suo tocco mi avvicinava sempre di più all'orgasmo.

Gemette di nuovo e sentii le sue palle stringersi nella mia mano. Le sue dita si dimenarono nella mia fica, il pollice strofinò più forte.

I miei fianchi si contrassero mentre venivo e lui spinse il suo cazzo più in basso nella mia gola. E lui è venuto. Deglutii, sentii il suo sperma scorrermi giù per la gola. Sapeva proprio come ricordavo lo sperma umano.

Con un sospiro pesante si lasciò cadere sul letto, le sue dita scivolarono dalla mia fica e il suo cazzo fuori dalla mia bocca. Ho seguito il suo movimento, mi sono chinato e gli ho leccato il cazzo, per prendere anche l'ultima goccia. La sua mano mi toccò la testa, mi accarezzò i capelli.

Il nostro respiro è rallentato. Quando ebbi finito di pulirgli il cazzo, misi la testa sul suo fianco, godendomi il momento confortante.

In questa fase di "raffreddamento" lascio vagare i miei pensieri, come facevo di solito. Ricordi mescolati al presente, collegamenti trovati, differenze. Una parola indugiava in fondo alla mia mente, cercava di spingersi in primo piano. Contraccezione. Dove l'avevo sentito l'ultima volta? Cosa significava? All'improvviso mi sono irrigidito. L'esame. Se ne voleva per me. Significava che potevo rimanere incinta?

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

La cagna del secchio di sperma di Kane cap.4

Non ho dormito a lungo. Mi sono alzato e ho guardato l'orologio. 10:03. Kane si svegliò con me. Mi ha guardato indossare reggiseno e camicetta, ma quando ho preso un paio di mutandine dal primo cassetto del comò e le ho infilate, ha abbaiato! La sorpresa mi fece cadere sul letto. Si spostò e mi prese l'orecchio tra i denti. Kane! Mi bloccai ma non riuscivo a trattenere il suo nome. In piedi sulla trapunta, tenendomi bloccato per l'orecchio, l'alfa lo scosse delicatamente ma emise un basso ringhio. Aveva deciso che non avrei più indossato le mutandine. Li lasciai cadere a...

627 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.