Una leggenda indiana

1.4KReport
Una leggenda indiana

The Chippewa Tribe racconta una storia, una leggenda della principessa Mattowahn che salvò la vita dello sciamano tribale durante un'incursione di una tribù nemica. Da giovane donna e figlia del capo, non ci si aspettava che combattesse in battaglia, ma lei e suo fratello minore hanno lottato coraggiosamente contro una banda di guerrieri che cercavano di uccidere il capo religioso della tribù. La ragazza di quindici anni uccise due potenti guerrieri e, sebbene lei stessa fosse gravemente ferita, tirò fuori dal pericolo lo Sciamano ferito, salvandogli la vita. Lei e suo fratello gli hanno messo una canoa poi lui li ha spinti via, lei ha remato fino a perdere conoscenza. La piccola barca alla fine andò alla deriva su una piccola isola a miglia dalla battaglia. Mattowahn e lo Sciamano rimasero sull'isola finché non furono guariti e lo Sciamano fu così grato per la sua vita che benedisse la bella e giovane principessa con doni di benessere, salute e felicità per lei e per le sue figlie per sempre, le diede l'isola dove lei e suo fratello avrebbero sempre sentito la sua gratitudine. Mattowahn era così felice che prese il suo unico fratello, il futuro capo della tribù, per condividere la loro fortuna. Andavano spesso sulla sua isola e condividevano il potere mistico conferito dallo Sciamano. L'isola passò da Mattowahn a sua figlia e giù attraverso dieci generazioni fino a:

Avevamo sedici anni quando io e mio fratello gemello Russell fummo mandati a trascorrere l'estate con nostra nonna. I nostri genitori avevano fatto un tour europeo di sei settimane e invece di trascinarci con noi ci spedirono a casa della nonna, che era un'ora a nord di Green Bay. Aveva un cottage con tre camere da letto sul lago Michigan completo di molo, canoe e privacy assoluta per mezzo miglio in qualsiasi direzione. Io e mio fratello lo odiavamo. Non fraintendetemi, mia nonna era una delle persone anziane più belle che conoscessi e noi eravamo contenti di stare con lei, ma non eravamo contenti di essere così isolati dai nostri amici per metà della fottuta estate.

Russ e me ci sono voluti circa due giorni per annoiarci completamente e totalmente. La quarta mattina presto, la nonna è entrata in cucina e ha detto: "Non funzionerà, voi due andate in giro come se il mondo fosse finito, dobbiamo trovare qualcosa che vi tenga occupati".

"Che cosa?" chiese mio fratello.

La nonna guardò lui, poi me e indicò fuori dalla finestra: “Inizieremo andando in canoa verso quell'isoletta là fuori dove possiamo fare un picnic, è mistica, magica ed è sempre stata un posto speciale per la nostra famiglia. C'è una bella radura vicino alla riva, ottima per il campeggio.

"Cosa lo rende magico?" Ho chiesto.

"Aspetta, penso che lo scoprirai." Abbiamo passato la mattinata a preparare canne da pesca, tende e altri oggetti essenziali per il campeggio. La nonna ha preso il comando e noi tre abbiamo lasciato il molo in canoa, Russ e io l'abbiamo seguita mentre guidava la flottiglia di due barche verso la piccola isola a poche centinaia di metri da casa sua. Ci ha portato su una spiaggia di ghiaia che si apriva su una radura circondata da alti alberi di cicuta, abeti e aceri. Io e mio fratello non eravamo mai stati allo stato brado prima, quindi ho chiesto alla nonna incerta: "Ci sono lupi o orsi qui?"

La nonna ridacchiò poi disse qualcosa di strano: "No, caro, qualche insetto, ma niente qui ti mangerà tranne le zanzare e forse tuo fratello". Il resto del pomeriggio è stato dedicato all'allestimento del nostro campeggio. Una volta che le due tende e il pozzo del fuoco furono finiti, la nonna suggerì a me e Russ di esplorare l'isola mentre lei pescava per cena. Essendo nati e cresciuti in città, io e lui eravamo entrambi un po' nervosi all'idea di essere soli nelle terre selvagge sconosciute del minuscolo dosso di terra, ma la nonna ha insistito.

Ci è voluta poco più di un'ora per camminare intorno all'isola, abbiamo saltato e vagato tra gli alberi sperimentando il nostro primo incontro ravvicinato con la natura senza equipaggio. Nel breve tempo che abbiamo esplorato, sia Russ che io abbiamo convenuto che essere soli era quasi esaltante, il pensiero che eravamo solo noi due contro qualunque cosa si nascondesse nei boschi, ha acceso in noi una sorta di istinto primordiale che ha acuito i nostri sensi, ha portato noi più vicini, affidandoci a una nuova dimensione della nostra relazione, un bisogno senza tempo di essere vicini all'altro sull'isola.

Quella sera, mentre mangiavamo pesce al forno, mio ​​fratello disse alla nonna che si era goduto la giornata, la prima da quando eravamo venuti a stare qui. Lo pensavo anch'io ma non ho detto niente. La nonna gli rispose con un sorriso soddisfatto: "Il potere dell'isola sta cominciando a lavorare su di te". Ha continuato raccontandoci di una principessa indiana e di come fosse un'eroina di guerra o qualcosa del genere e che eravamo discendenti materni diretti di quella donna tanto tempo fa; "È lì che prendi i tuoi capelli neri e gli occhi castani Beth, sono un regalo della principessa Mattowahn, la tua antenata Chippewa."

La mia prima notte è iniziata spaventosa da morire. Forse non c'erano grandi animali sull'isola ma c'erano molti rumori che non conoscevo. La ghiaia sulla spiaggia che rotolava sotto lo sciabordio delle onde dell'acqua, due gufi che strillavano conversando e gli alti alberi che si lamentavano mentre il vento muoveva i loro rami erano solo alcuni dei suoni che mi tenevano sveglia. Finalmente sono riuscito ad addormentarmi e poi ho cominciato a sognare.

Mi trovavo sulla riva dell'isola quando un vecchio si alzò dall'acqua e si avvicinò a me curvo e affranto. Indossava abiti di pelle di daino cuciti a mano, del tipo che ho visto nei dipinti e nelle immagini degli indiani. I suoi lunghi capelli neri erano raccolti in un'unica coda intrecciata, la profondità dell'universo brillava nei suoi occhi antichi. Mi sentivo a mio agio, come se stessi incontrando un amico, sentivo che quello era il vecchio Sciamano di cui ci aveva parlato nostra nonna. Mi ha parlato con un tono dolce e melodioso, le parole che si alzavano e si abbassavano come se le stesse cantando: "Ho avuto una vita lunga e buona grazie a te, te ne sarò sempre grato". Ha cullato il mio viso tra le sue mani callose, poi ha alzato la testa verso il sole e ha cantato in una strana lingua per due minuti, poi ha riportato la sua attenzione su di me. "Non temere mai per te, per i tuoi figli o per tuo fratello, io sarò sempre qui." Il vecchio fece un passo indietro, divenne trasparente poi svanì e in pochi istanti stavo guardando di nuovo l'acqua vuota.

I suoni notturni sono tornati ma erano confortanti, cancellando la mia paura della notte, ho dormito in completa sicurezza.

Il giorno successivo era caldo, Russ e io passammo la maggior parte della mattinata esplorando l'interno dell'isola. Abbiamo camminato tra i fitti boschi di alberi e cespugli e abbiamo lasciato che la nostra immaginazione ci portasse in viaggi di scoperta e fantasia. Era un cielo azzurro senza nuvole, la luce del sole scintillava sull'acqua limpida invitandoci a sguazzare e nuotare. Non avevamo portato i costumi da bagno così io e lui abbiamo giocato nell'acqua fino alle nostre cosce, ma non passò molto tempo prima che schizzassimo abbastanza da bagnare completamente i nostri vestiti. Uscimmo dall'acqua per asciugarci lamentandoci con la nonna che non ci aveva detto che forse avremmo voluto i nostri costumi da bagno. Ci ascoltò lamentarsi, poi si offrì: “Perché non vai a fare il bagno magro? Se vuoi nuotare, togliti i vestiti e vai”.

Russ la guardò con incredulità negli occhi: “Cosa, vuoi che ci spostiamo qui fuori? Nonna, non posso farlo, lei è qui! farfugliò mentre mi indicava.

“Non è quello che voglio, cara, è quello che vuoi tu. Un ragazzo nudo di fronte a sua sorella o a un'altra ragazza non è una novità in questo mondo, succede milioni di volte al giorno. È naturale, è normale ed è il modo dell'isola.

Ho dovuto dire qualcosa: "Ma è mio fratello".

“E tu sei sua sorella, e allora? Non sarà la prima volta che lo vedi senza vestiti, voi due facevate il bagno e giocavate insieme nudi per i vostri primi sette o otto anni. Mio fratello ed io nuotavamo spesso qui e non ci preoccupavamo dei costumi da bagno. L'ultima volta che io e lui siamo venuti qui lui aveva diciannove anni e io diciassette, poco prima che andasse nell'esercito.

Ho sfumato di rosso: "Ma nonna …..."

"Ma niente signorina, togliti i vestiti e torna in acqua", ha girato la testa verso il mio fratello gemello, "anche tu".

La forza della sua voce, la forza del suo comando mi avvertirono che non dovevamo discutere con lei. Mio fratello ha cominciato a togliersi i pantaloncini mentre mi toglievo la camicia bagnata. In pochi istanti lui ed io eravamo nudi sotto il sole di mezzogiorno e stranamente non ero mortificato, essere nudo accanto a lui sembrava quasi giusto. La nonna sorrise con approvazione, “Ora vai a goderti una bella nuotata” ci disse.

Mio fratello si voltò e si precipitò in acqua, poi si tuffò sotto le onde. È saltato fuori di qualche metro e mi ha urlato di rimando: “Eeeyoww! Entra, è divertente.

Ho guadato l'acqua finché il mio stomaco non si è bagnato, poi mi sono tuffato sotto una piccola onda e ho nuotato fino a Russ. Divenne rapidamente irrilevante che fossimo nudi; abbiamo giocato e fatto capriole nel lago per venti minuti, poi ci siamo trascinati di nuovo in spiaggia. La nonna aveva steso una coperta così io e lui ci siamo sdraiati a pancia in giù per asciugarci al sole. Mi sono sentito rinfrescato, euforico mentre giacevamo fianco a fianco, Russ ha incrociato brevemente i miei occhi con i suoi e ho sentito un'altra ondata di intimità primordiale fluire tra di noi mentre la nonna ha iniziato a raccontarci di essere cresciuta sul lago.

Per un'ora ha raccontato storie della sua infanzia, poi ha concluso la storia con: “Eravamo io e mio fratello qui la maggior parte del tempo perché i nostri amici più cari vivevano a più di due miglia di distanza. Bob e io abbiamo trascorso molti giorni qui nuotando, pescando e accampandoci. La prima volta che mi ha suggerito di andare a nuotare nudi, ho rifiutato assolutamente, ma pochi giorni dopo mi ha convinto. Dopodiché è stata l'unica strada da percorrere, mi sono sempre sentito più naturale, più vivo e in sintonia con la vita quando lo facevamo.

Russ ed io ci siamo rivestiti per cena poi dopo il tramonto abbiamo guardato le stelle mentre la madre di nostra madre ci raccontava altre storie sulla crescita. Avevamo programmato un altro giorno e una notte sull'isola e cominciavo a piacermi essere lì. Quella notte nella mia tenda non è stata così spaventosa, ma mentre giacevo al buio, desideravo ardentemente che mio fratello fosse vicino in modo da poter provare a identificare insieme i suoni notturni.

Russ e io lasciammo la nonna, lei andava a pescare mentre io e lui ci avventuravamo di nuovo dall'altra parte dell'isola. Era un'altra giornata calda e mentre facevo una pausa su un grosso scoglio che si protendeva nell'acqua, proposi di andare a nuotare. Questa volta non ci sono state esitazioni, ci siamo spogliati nudi e siamo saltati giù dalla roccia ridendo ed entusiasti di bagnarci. Abbiamo giocato un po', poi siamo tornati a sdraiarci al sole. Dal momento che non eravamo timidi di essere nudi, non era timido di guardarmi. A sedici anni avevo ben oltre la fase di sviluppo puberale e mi sono trasformata in una giovane donna molto formosa. Mentre i suoi occhi scivolavano sui miei seni sodi e in piedi, lungo il mio stomaco fino alla giunzione coperta di riccioli delle mie gambe, lo guardavo altrettanto francamente. Russ aveva un corpo da giocatore di football, spalle larghe, addominali definiti, braccia e gambe muscolose ma l'acqua fresca gli aveva rimpicciolito il cazzo e gli aveva stretto le palle, ero incuriosito da quello che vedevo. Ho sentito crescere un legame corporeo con lui; non era solo un legame gemello, ma un legame formato dalla vicinanza e dalla familiarità dell'isola. Incoraggiato da ciò che provavo, gli chiesi: "Ti piace quello che vedi?"

Russ guardò dal mio corpo ai miei occhi, "Sei piuttosto sexy."

Un piccolo sorriso apparve sulle mie labbra: "Non ho mai visto un ragazzo nudo prima d'ora, girati". Si è allontanato da me mentre ho ispezionato la sua ampia schiena muscolosa e il culo rotondo e stretto, "Fai rimbalzare il tuo sedere". Mi guardò negli occhi da sopra la spalla, poi iniziò a flettere le chiappe, facendole rimbalzare per il mio piacere malizioso.

Si voltò verso di me, "Va bene, tocca a te."

Ho esitato leggermente, "Non sono sicuro di poterlo fare, ma dondolio molto bene."

"Fammi vedere."

Mi sono girato e poi ho iniziato a far oscillare i globi gemelli del mio sedere, facendo dondolare i fianchi, facendo sobbalzare e sussultare il mio culo. Mi voltai lentamente verso di lui e lasciai che guardasse le mie tette girare in tondo mentre scuotevo le spalle. Mentre lavoravo con il mio corpo a ritmo di musica nella mia testa, il suo cazzo iniziò ad espandersi, uscì dal letargo e si allungò nel caldo sole; anche se la sua reazione mi affascinava, sapevo che era il segnale per rivestirmi e tornare al campo.

Quella notte la nonna ci ha mostrato la Via Lattea, qualcosa che non vediamo mai in città. Il cielo era nero, senza luna, ma la galassia era brillante e ho cominciato a capire perché mia nonna si sentiva in sintonia con l'isola. Nel profondo di me ho sentito il richiamo dei miei antenati, l'attrazione della natura selvaggia sulla mia anima; Russ ha detto qualcosa alla nonna che mi ha fatto sapere che l'isola ha colpito anche lui. È passata un'ora dopo che la nonna ha cambiato le nostre vite: "Prima di andare a letto Elizabeth, Russell, voglio che vi togliate di nuovo i vestiti, è ora di un'altra lezione sulla magia di quest'isola". Ero perplesso dall'uso dei nostri nomi completi e dalla richiesta, ma non ho protestato, Russ e io ci siamo alzati e ci siamo tolti i vestiti, poi ci siamo messi di fronte alla nonna.

“Va bene, uno di fronte all'altro. Avvicinati, è così. Eravamo a pochi centimetri di distanza; i miei seni si stavano scaldando per la vicinanza di mio fratello. “Ora non fare niente, non parlare o muoverti, guardati solo l'un l'altro. Ovunque, non solo i suoi capelli Russell. Lo sguardo di mio fratello cadde dalla mia fronte lungo il mio viso e continuò lungo il mio corpo. Mentre lo guardavo alla luce tremolante del fuoco, muoveva lentamente gli occhi su e giù, il percorso dei suoi occhi cominciava a solleticare la mia pelle. Il suo cazzo cominciò a levitare di nuovo così mosse una mano per coprire la crescente erezione. «Russell, allontana la mano, fatti vedere da Beth. Vuole vedere come ti influenza, vero ragazza? Spostai gli occhi sulla vecchia, sentii la mia testa annuire brevemente, poi guardai di nuovo il suo membro in espansione. Il suo cazzo pulsava e diventava ancora più grande sollevandosi contro la gravità fino a quando non fu inclinato verso l'alto, puntato contro il mio ombelico. Anche al buio lo vedevo arrossire; il mio cuore batteva forte.

Non riuscivo a vedere bene la nonna, ma lei stava ancora dirigendo: "Beth, voglio che tu lo tenga, prendi la sua erezione in mano e poi dimmi come ci si sente". non ho resistito; costretto dal comando, ho raggiunto il piccolo spazio tra di noi e ho messo un polpastrello incerto sull'estremità del suo cazzo e l'ho spinto verso il basso. Il mio dito è scivolato via così la sua erezione è rimbalzata su, un grumo di sostanza appiccicosa chiara colata dal buco. Sorrisi dolcemente, poi avvolsi le dita attorno all'asta e la strinsi, mio ​​fratello rabbrividì e ansimò. "È caldo e duro, lo sento battere forte, come il battito del cuore." Ho allentato la presa e ho mosso la mano avanti e indietro, pompandolo lentamente, mi sono rivolto alla nonna: "Non ne ho mai toccato uno prima".

La nonna mi sorrise: "Abituati tesoro, ce ne saranno altri, imparerai presto ad amare tenere il cazzo duro di un uomo". Ha continuato: "Russell, senti i seni di tua sorella, tienili, prendili tra le mani e massaggia i capezzoli". Una leggera brezza calda si diffondeva su di me, portava una debole eco del canto cantilenante che avevo sentito nel mio sogno, tutto il mio corpo tremava deliziosamente. Il formicolio mi percorse e reagii tirando più forte il muscolo disteso. Mio fratello ha messo la mano destra sul mio seno sinistro, poi ha sentito lentamente il tumulo caldo e sodo, il capezzolo si è indurito contro il suo palmo. Mi ha coperto il seno destro, poi è rimasto lì davanti a nostro nonno e ha giocato con le mie tette. Dovevo fare qualcosa così l'ho raggiunto con l'altra mano e gli ho tenuto le palle mentre gli accarezzavo l'erezione. Lui e io siamo rimasti faccia a faccia e abbiamo giocato con l'altro fino a quando la nonna gli ha detto: "Metti una mano tra le sue gambe ragazzo, senti com'è calda e morbida lì".

Sorseggiai un respiro profondo quando le sue dita scivolarono tra i setosi peli pubici neri e toccarono le labbra del mio sesso. Le sue dita scivolarono dolcemente sull'apertura perché ero bagnato di rugiada che filtrava dal mio corpo, le mie ginocchia si indebolirono e quasi piegai la sua erezione mentre Russ faceva scivolare due punte delle dita lungo la pelle ultra sensibile. "Va bene, voi due, basta." Con quelle parole nostra nonna ci stava dicendo di smetterla di accarezzarci l'un l'altro, così abbiamo lasciato cadere le mani e ci siamo allontanati, "Siediti".

Ci siamo seduti fianco a fianco di fronte a lei, "Russell, sei già andato a letto con una ragazza?" Scosse la testa, scioccato dalla domanda: "Elizabeth, hai permesso a un ragazzo?"

Sono riuscito a sbottare: "No, nonna, non ho mai visto un ragazzo nudo fino a quando non siamo andati a nuotare ieri".

“Beh, voglio che voi due lo cambiate stasera, voi due sarete in questa tenda e io prenderò quella da sola. Beth, lascerai che Russell faccia sesso con te.»

Mio fratello sussultò profondamente e balzò in piedi: “Nonna, non puoi essere seria! È mia sorella” le ricordò ancora.

La nonna guardò mio fratello nudo che torreggiava su di lei: “Non avevo ancora la tua età la prima volta che il tuo prozio Bob mi ha sedotto. Eravamo entrambe vergini fino a una notte proprio qui su quest'isola. La prima volta è stato molto imbarazzante perché era mio fratello e non pensavo che sarebbe stato giusto, ma quando è sorto il sole era tutto a posto. Quest'isola ha un potere su quelli di noi che vengono qui. Bob e io siamo venuti qui fino all'età di diciannove anni e siamo andati via di casa, questo era l'unico posto in cui facevamo sesso e mi piaceva ogni volta. Le parole successive dalla bocca di mia nonna mi hanno scioccato più di qualsiasi altra cosa avesse detto, si è rivolta direttamente a me: "Tua madre e lo zio Carl hanno ricevuto il dono dello Sciamano quando aveva la tua età, hanno scopato qui finché non è andata al college .”

Mi sentivo senza parole ma sapevo che dovevo dire qualcosa, "Non lo so nonna, è troppo strano" Russell annuì in segno di assenso.

“Forse, ma l'isola è un afrodisiaco naturale, prima di me e di Bob ho sentito parlare di mia madre e dei suoi fratelli e delle loro madri prima di loro. Questa terra appartiene alla nostra famiglia da dieci generazioni e ognuna di quelle generazioni ne ha sentito la magia. Il potere lega fratelli e sorelle, ci rende una famiglia indistruttibile per sempre. La nostra leggenda di famiglia dice che finché l'isola sarà di proprietà di una donna discendente da Mattowahn, alla famiglia accadranno solo cose buone. Ecco perché la nostra terra è passata di figlia in figlia, un giorno Elizabeth erediterai quest'isola e se avrai dei figli, loro erediteranno il Dono. La nonna si alzò da terra e sollevò il lembo della sua tenda: "Buonanotte a voi due, è ora di andare a letto".

Sono rimasto con mio fratello; Ho abbassato lo sguardo sul suo cazzo che si era raggrinzito mentre mia nonna parlava: "Cosa faremo?" Ho sussurrato. Mi ha messo un dito sulle labbra per farmi uno schuss, poi ha indicato l'altra tenda, l'ho guardata dubbiosa, poi ho ripiegato il lembo della porta ed sono entrato.

Una volta dentro ci siamo seduti a gambe incrociate uno di fronte all'altro; il fatto che non avessimo vestiti addosso non era un problema, erano trapelate troppe cose per essere imbarazzati. La prima cosa che ha detto è stata: “Mamma e zio Carl? L'hai sentito? Hanno scopato!

La singola lampada a batteria proiettava una luce abbastanza debole da poterci vedere mentre parlavamo: "Dieci generazioni, è come una totale perversione familiare".

Lui annuì, "Sì, sembra brutto, non sono sicuro di poterlo fare con te."

Rimanemmo muti ma vidi il cazzo di Russ ricominciare a gonfiarsi, in meno di un minuto aveva un'erezione completamente cresciuta, la cui testa si alzava dall'ombra tra le sue gambe. Restammo seduti in silenzio negli spazi ristretti della tenda, pensando ma senza condividere i nostri pensieri finché non disse: "Cosa ne pensi?"

L'ho guardato con ammirazione, ho riflettuto sulla domanda e poi ho risposto timidamente: "Immagino che potrebbe andare bene". Mi sono sdraiato sul sacco a pelo e mi sono mosso finché non mi sono sentito a mio agio, quindi ho aperto le gambe dandogli una visione chiara e l'accesso al mio corpo. Ho iniziato a tremare per la fretta che sentivo nello stomaco mentre il desiderio sbocciava come un'esplosione nel mio grembo. Si è sdraiato su di me, poi si è allungato tra di noi per la sua erezione. Ha strofinato l'estremità bagnata e liscia sui miei peli pubici e lungo la fessura del mio corpo, ho trattenuto il respiro per un momento, poi ho ruotato la schiena, spingendo la mia figa contro la testa del cazzo di Russell. Quando ne sentii l'estremità scivolare dentro di me, incurvai di nuovo i fianchi in modo che potesse penetrare più a fondo. Gli misi le mani sulle spalle, lo guardai in faccia e annuii. Ha flettoto il culo e si è tuffato nella mia verginità, ho inarcato la schiena e ho gemito "Ufff!" Mi ha strappato l'imene, è stato un dolore acuto e intenso. Mi accasciai sul sacco a pelo e voltai la testa dall'altra parte in modo che non vedesse le lacrime che mi colavano dagli occhi. Si è tirato fuori e si è seduto tra le mie gambe, "Stai bene?" Ho visto il suo cazzo imbrattato di tracce di sangue.

Ho fatto un respiro profondo e gli ho alzato le braccia, si è sdraiato accanto a me e mi ha tenuto stretto, qualcosa che non facevamo da quando eravamo piccoli, "Sto bene, mi ha solo fatto un po' male", ho mentito, "sta già iniziando a sentirsi meglio."

Eravamo immobili e la sensazione della sua pelle liscia e calda che mi sfregava dalla coscia alla guancia mi calmava, ma stava accadendo anche qualcos'altro. I miei pensieri hanno iniziato a vagare, la mia mente si è concentrata sul dolore nella mia vagina e poi ho sentito una canzone, un canto, un'altra eco dal mio passato ancestrale. Una vecchia mano nodosa dalla pelle scura si formò da una nebbia che mi avvolse e poi coprì il mio grembo. Man mano che il canto diventava più forte, più forte, la mano che copriva il mio corpo cominciò a brillare e un calore radioso penetrò nella mia pelle, il dolore di perdere la mia verginità svanì nel nulla. Quando il dolore si placò, un messaggio chiaro e cristallino fluttuò dalla nebbia; Non dovrei mai preoccuparmi che mio fratello mi metta incinta. In pochi istanti la vista e il dolore erano spariti e avevo abbastanza caldo da aprire con un calcio il lembo della tenda per prendere aria fresca.

Russ guardò il mio piede muovere il lembo poi ho raggiunto per la sua erezione. Ho chiuso le dita attorno all'estremità e gli ho strofinato il naso contro il collo, ero quasi disperato per lui, quindi ho spinto e tirato il suo cazzo quattro o cinque volte, poi sono andato alla mia schiena: "Riprova".

Rotolò su di me e lasciò che lo guidassi. Entrò lentamente finché le sue palle non premettero contro di me. Ha spinto fino a quando solo i nostri inguini sono stati collegati, quindi ha iniziato a spingere e tirare, stabilendo il ritmo del nostro primo sesso. Anche se ero stretto, non mi faceva male e in poco tempo il suo cazzo scivolava facilmente perché eravamo entrambi lucidi per la nostra crescente lussuria. Non sapevo cosa aspettarmi dal sesso, ma quando il suo corpo è stato preso da un forte crampo e ha iniziato a soffiare aria attraverso i denti serrati, ho capito che aveva raggiunto l'orgasmo. Lo sentii perdere il controllo e lo strinsi forte mentre martellava il suo corpo contro il mio.

È crollato su di me lottando per l'aria fresca. L'ho spinto su e giù, poi sono rotolato su un fianco per affrontarlo, "Wow, sei davvero sceso, vero?" sono state le mie prime parole.

"Scusa, non sapevo che sarebbe successo così."

Mi sentivo audace, sciocco, stordito, felice: “Perché ti dispiace? L'abbiamo appena fatto per la prima volta, pensi che mi aspettassi fuochi d'artificio e un coro che mi cantasse nelle orecchie? All'inizio faceva un po' male, ma è migliorato molto".

"Credi che la nonna ci abbia sentito?"

“Ha organizzato tutto questo, ci ha fatto eccitare l'uno per l'altro e poi ci ha mandato a letto. Se ha sentito o no non importa, lei lo sa.

Gli stavo accarezzando il petto, le mie dita disegnavano disegni informi sulla sua pelle, il cazzo di Russell si stava riformando come un'erezione. Incoraggiata dalla sua reazione, l'ho tirato tra le mie gambe e lui si è spinto dentro di me per la terza volta, gli ho sorriso, ho allargato le gambe e abbiamo ricominciato.

Dopo aver scopato due volte quella notte eravamo entrambi emotivamente e fisicamente esausti, quindi il sonno è arrivato velocemente. Al mattino mi sono alzato per primo, ho guadato il lago per pulire il disordine tra le mie gambe e poi mi sono vestito. Quando la nonna si è alzata io e mio fratello eravamo seduti accanto al fuoco a preparare la colazione. Sono rimasto leggermente sorpreso dal fatto che la nonna non abbia detto o chiesto nulla, quindi immagino di aver ragione; la vecchia lo sapeva e non aveva bisogno di chiedere. Abbiamo fatto le valigie e siamo tornati a casa in canoa. Stavamo finendo la spesa, così la nonna è andata a fare la spesa. Ci ha invitato a cavalcare, ma quando abbiamo detto di no, mi ha fatto un sorriso furbo e una rapida strizzatina d'occhio, poi ha detto “Starò via due ore”.

Quindici minuti dopo io e mio fratello eravamo in piedi accanto al suo letto, anche se sapevamo cosa volevamo, eravamo entrambi un po' insicuri su come agire, quindi ha preso l'iniziativa. Ha iniziato a togliermi i vestiti, camicetta, reggiseno, pantaloni e mutandine. Si è preso un lungo tempo amorevolmente dolce, accarezzandomi la pelle e il corpo che mi ha fatto andare avanti. Mentre mi riscaldavo al suo tocco, afferrai la sua maglietta e la sollevai sopra le sue braccia tese, poi mentre mettevo le mie due mani nella vita dei suoi pantaloni, baciai il suo petto atletico e scolpito e poi succhiai un capezzolo. I pantaloni si sono staccati e lui li ha spinti giù fino alle caviglie e li ha calciati via. Il suo cazzo era teso contro la pelle tenendolo insieme quando l'ho afferrato con entrambe le mani e ho chiesto, ancora un po' diffidente: "Va bene?" Mise le braccia attorno al mio corpo fumante e schiacciò la sua erezione contro il mio inguine. Quel contatto ha scacciato l'ultima esitazione o dubbio su quello che stavo facendo con il mio gemello. Lui ed io abbiamo iniziato ad accarezzarci l'un l'altro, il calore che stavamo generando era quasi soffocante. Stava ansimando nel mio orecchio mentre gli baciavo il collo, le sue mani vagavano liberamente su ogni centimetro di me. Mi voltai verso il letto e mi chinai fino a piegarmi in vita, il sedere premuto contro il suo inguine. Ha messo la sua erezione contro la mia figa e ho sentito l'apertura tendersi attorno allo spessore della sua erezione poi mi ha tenuto per i fianchi e mi ha scopato con calore.

Russ era venuto forte due volte la sera prima, quindi con mia grande gioia abbiamo scoperto che la sua resistenza era molto migliore la terza volta. Stavo gorgogliando dolci suoni di piacere mentre mi picchiava dentro, avevo la coperta ammucchiata in entrambi i pugni. Si è tirato fuori per farmi salire sul letto, sono andato sulla mia schiena e me l'ha messo di nuovo, mantenendo un ritmo febbrile di sesso da sbattere il corpo. Eravamo incredibilmente caldi e fluidi, ci muovevamo, saltavamo e spingevamo insieme mentre scopavamo.

Mi ha colpito come un improvviso temporale estivo, ho inarcato la schiena, i miei talloni hanno fatto grandi ammaccature nel letto e le mie cosce hanno iniziato a vibrare. Ho fatto un respiro profondo, poi mi è sfuggito come un antico canto "Aiee - Aiee - Aiee - Awwww-" Ho cantato la canzone dello Sciamano ogni volta che avevo i crampi allo stomaco. Russ mi ha sollevato leggermente in modo che potessi rimbalzare, ho avvolto le gambe attorno alle sue cosce e l'ho premuto più a fondo con i talloni. Le sue palle abbandonarono il loro peso in cinque forti raffiche mentre il mio micio le succhiava via la vita.

Mio fratello ed io siamo tornati sull'isola quasi ogni giorno per le successive cinque settimane. Non abbiamo mai preso i costumi da bagno ma abbiamo sempre preso le coperte, ci siamo accampati spesso durante la notte. La nonna si sedeva sulla sua veranda e guardava quando ce ne andavamo e ci salutava calorosamente quando tornavamo. Mentre ci preparavamo a remare verso l'isola per la terza volta, ho preso da parte la nonna ed ho espresso preoccupazione per i bambini, ho pensato che il messaggio della nebbia potesse essere stato immaginato. La nonna mi ha assicurato: “Fa parte della magia cara, nessuna ragazza che è andata su quell'isola con suo fratello è mai rimasta incinta di lui, o loro nel caso di mia madre. L'isola si prende cura di noi ragazze.

L'aura magica dell'isola invitava alla sperimentazione e alla diversità, così Russell ed io passavamo ore insieme, imparando, sperimentando, succhiando e scopando in ogni forma e posizione che potessimo immaginare. La nonna aveva ragione su una cosa, mio ​​fratello mi ha mangiato sull'isola diverse volte. Quando i nostri genitori tornarono dall'Europa, Russell ed io eravamo strettamente legati dalla natura soprannaturale dell'isola, sapevamo entrambi che il legame sarebbe stato indissolubile per tutta la vita. Seduti in veranda, la mamma ci ha chiesto: "Vi siete divertiti qui?"

È stata la nonna a sganciare la bomba: "Credo di sì, siamo andati tutti in campeggio dove hanno saputo di Mattowahn e dell'incantesimo della sua isola".

La mamma si è seduta dritta e ha guardato sua madre ma non era sorpresa; i suoi occhi guizzarono su Russell, poi su di me e di nuovo sulla nonna che annuì con un piccolo sorriso compiaciuto. La mamma ha allungato la mano e mi ha accarezzato la mano: “Ecco perché ti ho lasciato qui quest'estate. Per oltre 200 anni quell'isola è stata un posto speciale nella nostra famiglia ed era ora che anche tu sentissi la magia. Spero che tu abbia imparato ad amarlo come tutti noi.

Mi sono sentito arrossire ma ho sussurrato "L'abbiamo fatto".

La mamma ha fatto una pausa per qualche istante, poi ha aggiunto con un sorriso ironico: "Probabilmente non dovremmo dirlo a papà". Volevo chiederle se la magia dell'isola funzionava ancora per lei e mio zio.

Storie simili

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

581 I più visti

Likes 0

Porta del cane

Porta del cane Immagina la mia sorpresa quando stavo lavando i piatti della colazione e ho guardato oltre per vedere un bambino che strisciava attraverso la porta del mio cane. La porta era per il mio cane Skippy. Era morta un anno prima insieme a mia madre e mio padre in un incidente automobilistico. Skippy all'epoca aveva tredici anni in termini umani e adorava viaggiare in macchina. Ero al college quando accadde. Ora, quasi un anno dopo, mi mancavano ancora tutti. Sembrava che il bambino avesse qualche problema a mettere le ginocchia sopra la tavola in fondo, quindi mi sono inginocchiato...

576 I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

649 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.4K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

2.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.