Biker Lust... L'inizio

1.1KReport
Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate
era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro
pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento
come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai
respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia.
Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una mappa. Mi sono seduto all'indietro sulla moto appoggiandomi contro il serbatoio
con i piedi appoggiati sul bar della cagna, tirando fuori la pipa, mi sono goduto un tiro di alcuni dei migliori organici
questo lato dei club CA med. . Trattenendo il colpo, mi godo il sapore skunk dell'erba. Fuori nel
lontano era il suono di un'altra bici e diventava più forte man mano che si avvicinava. Espirando il colpo, ho nascosto la mia pipa nella borsa, sono tornato alla mia mappa sfogliando mentre il Softail girava l'angolo. Il suono del rallentamento venne dopo mentre le gomme scricchiolavano sulla ghiaia mentre si fermava e si fermava.

"Hai problemi con la bici?" chiese inarcando un sopracciglio.

Era un mio amico, lo conoscevo dai tempi del liceo, diavolo, l'avevo scopato al liceo. Lui ancora
aveva quell'aria misteriosa ed eccitante. Quei tipi oscuri e minacciosi hanno sempre avuto un fascino per
Me. Mi chiedevo se il suo cazzo fosse ancora così divertente come ricordavo.

I suoi occhi vagarono sul mio corpo. Indossavo una canotta rosa brillante senza reggiseno I miei capezzoli lo erano
leggermente duro dal vento che fa sfregare la parte superiore contro di loro ei miei jeans si adattano bene e aderenti ai miei
culo e cosce. I miei capelli sono caduti da sotto lo straccio, sfiorandomi appena le spalle.

"No" ho risposto con un sorriso, "solo bevendo un po' d'acqua e guardando la mia mappa, sono stufo di pedalare sempre nella stessa zona e stavo pensando di dare un'occhiata a strade secondarie diverse".

Era difficile trattenersi dal fissargli l'inguine. Sapevo già cosa c'era in quei pantaloni e...
il pensiero di quel giorno tanto tempo fa provocò profonde agitazioni dentro di me.

Spense la bicicletta e la appoggiò al cavalletto. "come una compagnia? Non ti ho visto in un
mentre, che cosa hai combinato ultimamente." I suoi occhi tornarono di nuovo sui miei capezzoli.

Mi sono seduto, con i piedi su ciascun lato della bici, facendo tremare le mie tette sotto la mia parte superiore, ancora seduto
all'indietro sul sedile e rise "certo, usciamo, non so dove andare".

Girando sul sedile, ho avviato la bici e l'ho trascinata su per il sentiero sterrato fino al cimitero. "Questo
è meglio che stare seduti sul ciglio della strada" dissi mentre mi seguiva. Una volta parcheggiate di nuovo le bici
eravamo piuttosto appartati dietro lo schermo di alberi che separava il vecchio cimitero dalla strada.

Mentre mi chinavo per riporre la mappa e allacciare la borsa, lui si avvicinò dietro di me. Tirandomi indietro
dai miei fianchi ha macinato il suo inguine nelle mie deliziose chiappe. Mi irrigidii, non sapendo cosa fare come lui
avvolse le braccia intorno a me e mi tirò più vicino, le sue mani cercavano sotto la mia parte superiore, proiettando il suo calore
respiro nel mio orecchio. Una mano teneva a coppa un seno mentre l'altra accarezzava e stuzzicava l'altro capezzolo.
Allentò la sua presa su di me e io mi voltai per affrontarlo cercando di respingerlo.

"Non sono sicuro del suo" dissi, la preoccupazione evidente sul mio volto. "sai che sono sposato e non l'ho mai fatto
imbrogliato"

Mi ha preso per i polsi e ha detto "Oh, ne sono sicuro, ho visto come mi guardavi e ho sempre
volevo un replay di quel giorno sotto la pioggia. Sai che lo vuoi anche tu, puttana, quindi proviamoci. "

Mi ha spinto in ginocchio. Prendendomi entrambi i polsi con una mano, armeggiò con i suoi
cintura e cerniera con l'altra mano. Il suo cazzo scattò libero. Era già rock hard e pronto per
una certa attenzione. Aveva una lunghezza simile a quella del cazzo di mio marito, ma più grande intorno. Mi ha preso
per i miei capelli e mi ha tirato la faccia contro il suo inguine. Ho provato a respingerlo di nuovo, ma ha preso il suo membro gonfio
e mi ha schiaffeggiato in faccia.

"Ho detto succhiamelo troia" mentre me lo spingeva in faccia, continuando a tirarmi i capelli.

A malincuore ho aperto la bocca e ho preso la testa dentro. Ho fatto schioccare la lingua sulla testa
leggermente, ma il calore della mia bocca e l'amorevole carezza della mia lingua erano più di quanto potesse sopportare.
Afferrandomi i capelli, mi conficcò l'intera lunghezza nella mia gola. Mi ha colto di sorpresa, imbavagliandomi per
un attimo, prima che riuscissi ad adattarmi alle dimensioni. La sua eccitazione crebbe mentre martellava il suo
cazzo dentro e fuori dalla mia gola. Usando la mia lingua, l'ho leccata e l'ho fatta scorrere sulla sua testa sensibile come
si tirò indietro prima di colpirmi di nuovo completamente in gola. Riuscivo a malapena a respirare, ma ho succhiato come
difficile come potevo comunque. Allungai le dita, stuzzicandogli le palle mentre gemeva nelle sue
eccitazione e piacere. Veloce e più forte mi ha fottuto la faccia, non pensavo di averlo mai fatto
la mia figa ha scopato così forte prima nella mia vita. Solo succhiare il suo cazzo mi faceva formicolare il clitoride
elettricità. Ha continuato a sbattermi in faccia mentre passavo il dito intorno al suo culo stretto. Ho scivolato il mio
mano su e giù per il suo cazzo bagnato poi tornò a tracciare il suo culo. All'improvviso ho infilato il dito dentro
il suo culo e l'ha lavorato un po 'in giro. L'effetto fu sorprendente, gemette forte, spingendo il suo pulsante
palo in profondità nella mia gola mentre iniziava a venire. Gli ho afferrato le palle e ho spremuto il suo sperma
riempito la mia gola aperta. Le sue gambe tremavano mentre lasciava la presa sui miei capelli, la testa gettata all'indietro
l'estasi della sua lussuria primordiale.

Lo guardai con grandi occhi aperti mentre pulivo lo sperma dal suo cazzo per lui. Sto solo vedendo
il suo cazzo nella mia bocca lo stava già rendendo di nuovo duro. Ho leccato e accarezzato teneramente il suo cazzo
con la mia lingua che si toglie ogni goccia di sperma. Potevo sentirlo crescere di nuovo nella mia bocca.
Mentre sentiva già il suo bisogno crescere di nuovo, mi passò le dita tra i capelli.

"Vuoi succhiarmi di nuovo cagna?" gemette a me ..

Bevendo il suo cazzo, ho finto di ignorare la sua domanda e ho continuato a leccare e stuzzicare la testa con
la mia lingua, potevo sentire le piccole scosse di piacere che stava provando e mi ha eccitato. Lo farei mai
sfiorai leggermente la testa con i denti facendolo rabbrividire di piacere mentre la riprendevo completamente nella mia
gola.

Il suo cazzo era duro come una roccia quando all'improvviso ho tolto la bocca "Ho chiuso qui" ho riso
fuori contro di lui.

I suoi occhi si accesero di una furia improvvisa, la presa in giro era qualcosa a cui non avrebbe resistito.

Mi tirò di nuovo per i capelli "le mie troie non mi prendono in giro" urlò mentre mi tirava in piedi. "E
ora sei la mia troia. "

Mi fece voltare di spalle e mi fece scivolare la mano sul davanti dei pantaloni. Le sue dita
sondato e tentare fino a quando non hanno trovato il mio clitoride. Mi strofinò il clitoride prima di seppellire il dito medio in profondità
la mia fessura bagnata. L'altra mano si spinse sotto la mia parte superiore, pizzicando un capezzolo tra il pollice e l'indice.
Ho provato a lottare per allontanarmi da lui, ma la sua presa era troppo forte.

Erano passati più di 20 anni da quando qualcun altro aveva toccato in modo intimo. lo ero quasi
scioccato da me stesso per l'eccitazione che mi ha causato la sua mano nei miei pantaloni. Il fuoco e il puro calore animalesco che ho sentito erano quasi spaventosi. Era tutto quello che potevo fare per trattenermi dall'aprire le gambe per far posto a quelle dita in cerca. Non riuscivo a credere a quanto mi sentissi aperto e ricettivo nei confronti di quest'uomo che mi stava praticamente violentando. Era quasi come essere di nuovo un adolescente, con il cuore che batteva forte durante gli imbarazzanti armeggiamenti sul sedile posteriore. Solo che non si trattava di goffi tentativi, si trattava di un calcolo controllato, sapeva esattamente cosa mi stava facendo. Ero combattuto tra il senso di colpa del suo tocco e l'eccitazione di questo incontro tabù.

"Credi davvero di potermi prendere in giro e farla franca?" Adesso era oltremodo eccitato.

Tirando fuori la mano dai miei jeans, li ha strappati e me li ha tirati giù fino alle caviglie, ha tirato indietro la mano e mi ha sculacciato sulla mia figa già gocciolante. Mi ha piegato e sculacciato ancora e ancora, colpendomi il clitoride con la mano aperta facendomi contrarre e gemere ad ogni colpo. Spingevo indietro i miei fianchi contro di lui nel tentativo di contrastare i suoi colpi.

"Sapevo che lo volevi, guarda quanto sei bagnato"

Non riuscivo a credere a quanto mi sentissi caldo per questo trattamento. Più sculacciava, più ne desideravo uno
le sue dita scivolavano nella mia fica gocciolante. Come se mi avesse letto nel pensiero, al colpo successivo, il suo dito medio
ha sbattuto completamente dentro di me. La mia testa tornò indietro mentre ansimavo per riprendere fiato. Pochi colpi dopo 2 dita sono scivolate
nel mio buco di attesa, poi è passato a 3 dita che mi martellavano ad ogni sculacciata. Mentre inarcavo il mio
indietro e gridò per il puro piacere della sensazione, smise di sculacciarmi.

"Puttana, sai almeno cos'è una punizione?" chiese. "Ti stai godendo la tua punizione per aver preso in giro un po' troppo, non sei d'accordo?"

Ormai stavo ansimando, non mi sentivo eccitato da anni, "per favore fottimi, ho davvero bisogno del tuo cazzo
dentro di me, davvero non so se posso aspettare", era come se fossi posseduto. Mentre pregavo, il suo cazzo in qualche modo
diventare ancora più difficile, anche se non pensavo fosse nemmeno possibile.

Mi ha spinto in ginocchio e mi ha penetrato completamente nella prima spinta. Sono tornato per incontrare
lui, volendo essere sicuro di ottenere tutto. Mi ha tenuto per i fianchi mentre si infilava nella mia figa stretta e in attesa. IO
spinto indietro contro di lui ancora più forte ad ogni spinta, mentre sentivo il mio orgasmo crescere. Ha quasi perso il suo
presa su di me, stavo sbattendo forte contro di lui, finché invece non lo stavo scopando. ho gridato
mentre le sue dita sfioravano e pizzicavano ancora una volta il mio clitoride. Ha iniziato a strofinarlo sul serio ora, sentendo il mio
muscoli tesi attorno al suo cazzo mentre martellava dentro e fuori di me. Ero così vicino a venire ora,
Potevo sentirlo salire dal profondo dentro di me quando all'improvviso si fermò e si tirò fuori da me. ho speronato
schiena forte, cercando di impedirgli di tirare fuori, ma era troppo veloce.

Lo sentii ridere mentre i miei fianchi roteavano contro l'aria vuota, il mio orgasmo così vicino, eppure così lontano.
Il mio respiro era roco mentre supplicavo "perché ti sei fermato, per favore non lasciarmi così. Dai, cazzo
Me"

"Te l'avevo detto che le mie troie non mi prendono in giro e la fanno franca" ridacchiò mentre mi schiaffeggiava sul culo con
il suo membro gonfio, sapendo quanto lo desiderassi. "D'ora in poi mi chiamerai Maestro come un bravo
sporco vagabondo"

Ha poi seguito la sua dichiarazione con un'altra dura sculacciata alla mia figa, facendo attenzione a non sculacciare la mia clitoride
dato che ero così vicino, non voleva ancora che andassi oltre il limite. Non finché non ha ottenuto quello che ha davvero
voluto da me. Fece scivolare lentamente il suo membro lungo le mie labbra, stuzzicandomi, assicurandosi di non venire
ovunque vicino al mio clitoride gonfio. Poteva sentire il mio corpo tremare di bisogno sotto di lui e si voltò
lui ancora di più. Anche i miei tentativi di muovere la sua asta nella mia stretta caverna furono vanificati.

Ho cercato di infilarmi tra le gambe per masterbarmi per finire, ma lui mi ha afferrato la mano.

"No puttana, non hai ancora il permesso di venire, se vuoi venire davvero, te lo lascio, ma deve essere acceso
le mie condizioni".

"Sì, per favore qualsiasi cosa Maestro, qualunque cosa tu dica, lasciami venire, per favore ti sto implorando" gridai
mentre spingo i fianchi con l'intensità del mio orgasmo sospeso.

Si sporse di nuovo verso di me e mi afferrò di nuovo i fianchi, questa volta premendo la testa del suo cazzo
contro il mio ano vergine.

"NO", urlai, cercando di tirarmi indietro, ma la sua presa era salda. "Non lo faccio, per favore non farlo, non ho mai......."
Piagnucolai quando lo sentii premere un po' più fermamente nella sua eccitazione per il mio rifiuto. Tutti i tentativi
a divincolarsi dalla sua presa erano inutili.

Ha premuto più forte mentre mi contorcevo "Tieni fermo il cazzo troia, o ti farò scusare" mentre la sua mano
si è schiantato sulla mia guancia del culo. Il pensiero che il mio culo fosse ancora rosso triplicava la sua eccitazione. Ora lui
voleva il suo cazzo nel mio stretto culo vergine più di quanto avesse mai voluto qualcosa in vita sua.

Mentre spingeva la testa del suo membro gonfio nel mio culo, ho ancora lottato, ma le mie lotte l'hanno solo aiutata a scivolare sempre più dentro. Lo inserì il più delicatamente possibile, prima di avvolgere le braccia intorno alla mia vita e pompare dentro e fuori di me come se non ci fosse un domani. Non credo davvero che volesse farmi del male, ma riusciva a malapena a contenere la sua eccitazione, non capita tutti i giorni che un uomo deflori il culo di una donna. La salda presa del mio culo era così calda e così eccitante. Stava già facendo tutto il possibile per evitare di venire, almeno voleva portarmi via con lui, anche se non me l'avrebbe mai detto, solo che non è qualcosa che un Maestro ammette. Ha raggiunto tra le mie gambe massaggiando il mio clitoride gonfio. Più velocemente e più forte mi ha scopato, più velocemente e più forte mi ha massaggiato il clitoride.

All'inizio sentivo solo il dolore del suo cazzo gonfio dentro di me, ma più mi strofinava la clitoride, più
più acceso sono diventato. Anche senza permesso il mio corpo ha iniziato a rispondere e ho iniziato
pompando indietro contro di lui, ancora una volta incontrandolo spinta dopo spinta. Ero quasi imbarazzato
quanto mi eccitava questo. Ho raggiunto tra le mie gambe e ho fatto scivolare un dito nella mia stessa figa
mentre pompava e macinava verso di me.

"Sapevo che eri una troia fottutamente sporca che avrebbe adorato questo" esclamò e si sollevò da me
e ha iniziato a sculacciarmi alternativamente le guance del culo mentre mi sbatteva il buco del culo. "dimmi che lo adori troia, dimmi come lo vuoi sempre di più. Chi è il tuo Padrone adesso?"

Potevo sentire le sue palle che schiaffeggiavano il mio clitoride e la sensazione era quasi insopportabile, mi sentivo così bene. Le mie dita
ora stavano strofinando il mio clitoride più forte che potevo, l'orgasmo si stava sviluppando verso un'esplosione.

"Sei il mio Maestro ora", riuscivo a malapena a pronunciare le parole mentre iniziava il mio climax.

Questo è tutto ciò che è servito, mi ha afferrato per i fianchi e mi ha tirato indietro contro di lui il più forte possibile mentre
impalandomi sulla sua asta rigida. Potevo sentire il suo pene iniziare a pulsare dentro il mio culo e la sensazione
mi ha mandato oltre il limite. Onde e ondate di piacere mi travolsero, cullandomi fin nel profondo. IO
Potevo sentire il suo sperma incandescente riempirmi il culo mentre anche lui gridava con la natura estrema del climax.
Ci siamo accasciati a terra, senza nemmeno preoccuparci se qualcuno ci avesse visto.

Mentre giacevamo a terra, lui sopra la mia schiena, potevo sentire il suo cazzo ammorbidirsi nel mio ano. Esso
mi ha sorpreso ancora di più che mi dispiaceva che l'incontro fosse già finito. Dopo pochi minuti
si liberò da me e rotolò sulla schiena.

"Posso rimettermi i pantaloni ora Maestro?" chiesi dolcemente.

Mi ha colpito il culo un'ultima volta. "Certo, mettiti al tappeto" disse con un sorriso compiaciuto sul volto mentre si allacciava la cintura.

Dopo che mi fui sistemato i vestiti mi informò che quando sentiva il bisogno di scoparmi il culo, lui
mi manderebbe un messaggio e dovrei presentarmi per il mio culo entro 15 minuti, o trattare
con le conseguenze. Nessuna scusa sarebbe accettata.

"Cercherò alcuni giocattoli per sessioni future a casa mia", ha detto.

Detto questo, è salito sulla sua bici e l'ha accesa. "Piacere di vederti" esclamò mentre si allontanava lungo la strada.

Rimasi seduto per un po' a chiedermi quali potessero essere le conseguenze del ritardo, prima di salire sul mio
bici e tornare a casa per ripulirmi prima di preparare la cena per la mia famiglia.

.

Continua............

Sentiti libero di mandarmi un PM con suggerimenti per la prossima puntata. Farò tardi? Come sarò punito? Qualsiasi altra cosa che potresti volere che mi facesse.

Storie simili

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

944 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

2.6K I più visti

Likes 0

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Il buio; Il mio inizio

Il buio Permettetemi di iniziare affermando che questa storia è puramente fittizia. Niente di tutto questo è mai successo, anche se è stata una mia fantasia. La mia immaginazione fa miracoli per me stesso quando sono solo, e spero che apprezzerai questa storia tanto quanto me. Si prega di non commentare se non si ha nulla di costruttivo da dire. Inoltre, tieni presente che nessuno ti sta facendo leggere questo, quindi se non ti piace, fai clic su una storia diversa secondo le tue preferenze. Ci sono anche molte informazioni di base prima del sesso, quindi per favore prendilo in considerazione...

1.9K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

*c'è una prima parte in questo e ancora una volta la grammatica non è perfetta* Il pensiero della torcia del capezzolo mi ha fatto eccitare, ma non oso dirlo a Mr.B. Mi ha afferrato il braccio e mi ha detto di sbottonarmi la parte superiore e di togliermelo insieme al reggiseno e di mettermi la mano sopra la testa, quando ci ho messo troppo tempo ha sospirato scuotendo la testa e mi ha dato altri schiaffi sul culo. Ho accelerato per non turbarlo più. Ha preso la mia tripla D e i miei grandi capezzoli sorridendo tra sé come se avesse...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.