Una vita non così semplice: parte 4_(1)

680Report
Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe.

Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra.

"Sei pazzo!" mi gridò all'orecchio, strangolandomi. "Hai idea di cosa hai appena fatto!?"

“Shawn rilassati,” Jason me lo strappò di dosso.

"Relax? Non hai sentito quello che ha detto?

«Sì, l'ho sentito. E allora?"

"E allora? Ha appena detto di no a Heartbreak Hailey! Deve essere pazzo!

“Probabilmente ha una buona ragione Shawn. Accidenti, sei suo amico, ricordi? Non puoi affrontarlo quando è già messo così. Che cazzo hai?"

"Cosa c'è di sbagliato in me? Non c'è niente di sbagliato in me! C'è qualcosa che non va in lui!» mi indicò mentre mi sedevo e mi massaggiavo le costole già ammaccate.

"Non ha senso parlare con te, vero?" Jason mi ha aiutato ad alzarmi in piedi, "Stai bene amico?"

"Sì, solo un po' scosso dal fatto che il mio fottuto amico l'abbia fatto", risposi guardando Shawn.

Ho provato a fare un passo avanti ma ho incontrato un muro di dolore che mi ha quasi fatto crollare. Fortunatamente Jason mi ha preso e mi ha sostenuto, “Cristo fratello! Pensavi di aver detto che stavi bene?

"Beh, non avevo esattamente intenzione di farmi sfondare di nuovo le costole", mi aggrappai al fianco. "Bella cattura comunque."

“Non menzionarlo. Dai, dobbiamo portarti in classe così puoi riposare prima che questa tempesta di merda ti raggiunga.

Con il suo aiuto, zoppicai verso l'aula con Shawn che brontolava irritato per tutto il tragitto. È stato un dolore ascoltare i lamenti di un geloso cane cornuto per tutto il percorso, ma ero più concentrato sul respirare correttamente che sul rimproverare qualcuno che pensavo fosse mio amico di smetterla di fare lo stronzo al riguardo.

Quando siamo arrivati ​​in classe, Melissa ha lasciato cadere la tazza di caffè in mano nel momento in cui mi ha visto. Schizzò come un insetto sul parabrezza una volta toccato il suolo, il caffè e i resti frantumati della tazza volarono in direzioni diverse, ma lei lo ignorò mentre si precipitava al mio fianco.

"Cosa ti è successo?" chiese preoccupata.

"Per farla breve, Tucker ha litigato un paio di giorni fa e Shawn ha deciso che sarebbe stata una buona idea affrontarlo a terra." ha spiegato Giasone.

"Perché diavolo dovresti farlo Shawn?"

Borbottò qualcosa sottovoce, assicurandosi di distogliere lo sguardo ora che i riflettori erano puntati su di lui.

"Penso che quello che sta cercando di dire è che ha colpito Tucker con rabbia gelosa perché l'amore della sua vita ha chiesto a Tucker di uscire e lui ha detto di no." Jason ha detto dopo avermi aiutato alla mia scrivania.

"Stai bene?" chiese Melissa, chinandosi a guardarmi.

"Starò bene", ho cercato di rassicurarla, "Solo non mi aspettavo di essere picchiato dal mio stesso amico." Appoggiando la testa sulla scrivania, sospirai piano: "Ho solo bisogno di un paio di secondi per riprendermi, tutto qui".

“Va bene, ma se vuoi andare in infermeria fammelo sapere ok?”

Annuii dolcemente con la testa mentre tutto lentamente ma inesorabilmente iniziava a calmarsi. Alla fine la campanella suonò per iniziare la lezione e tutti entrarono in classe, anche se qualsiasi idiota avrebbe potuto immaginare che c'era qualcosa che non andava. L'elefante nella stanza è diventato più chiaro con il passare della giornata perché nessuno ha prestato attenzione a Melissa per quanto ne sapevo. C'era un sussurro costante e ho catturato gli sguardi occasionali dei miei compagni di classe che hanno rapidamente riportato la loro attenzione verso la parte anteriore ogni volta che mi sono voltato per riconoscerli.

Hailey era la peggiore per quanto ne so. Dato che sedeva vicino alla parte anteriore, significava che tutti potevano vedere il suo corpo simile a una statua. Non sto nemmeno scherzando quando ho pensato che si fosse trasformata in pietra perché non si è mossa di un centimetro per tutta la prima sessione e si è interrotta, e solo dopo che alcuni amici hanno attirato la sua attenzione si è finalmente alzata per andare a pranzare.

"Accidenti, la sta prendendo piuttosto male", ha detto Jason. “Non posso davvero biasimarla però. Voglio dire, non corre mai la possibilità con nessun ragazzo, e la prima volta che lo fa, la spegne di fronte a una folla di persone.

"Non ho invitato quelle persone, vero?" ribattei mentre portavo fuori il mio pranzo.

"Esattamente", disse Shawn, sedendosi alla scrivania di fronte a me, "Era ora che qualcuno spezzasse il cuore di Hailey invece del contrario."

È andato a prendere il mio pranzo e io mi sono aggrappato al suo polso con rabbia.

"Hai un sacco di nervi da idiota", ringhiai. "Dopo la merda che hai fatto stamattina sei fortunato che le mie mani siano fasciate perché se non lo fossero ti avrei colpito così forte che non ti ricorderesti di tutta la merda ipocrita che hai fatto."

"Di cosa stai parlando?"

"Amico," Jason scosse la testa, venendo in mia difesa. “Ti meriti un premio per tutta l'ipocrisia che esce dalla tua bocca. Seriamente amico, incasinato.

"Oh andiamo," sembrava disperato. “Non ti arrabbierai seriamente con me, vero Tucker? Giusto?"

"Pazzo? Shawn, sono al punto in cui mi chiedo perché usciamo insieme ', ho detto.

"Jason fagli ragionare, amico."

"Diavolo, no. Sono d'accordo con Tucker. Ha preso un fottuto pestaggio proteggendo una del miliardo di ragazze dei tuoi sogni e invece di ringraziarlo lo hai appena ferito di nuovo. Sto iniziando a chiedermi perché esco anche con te.

Come un cucciolo rimproverato, si voltò e abbassò la testa, ma mentirei se dicessi che non ero incazzato per tutte le stronzate che mi stava inavvertitamente facendo passare. Ho divorato velocemente il mio pranzo prima di abbassare la testa e cercare di fingere di non aver fatto di nuovo notizia da prima pagina a scuola. È stato piuttosto difficile però. E per piuttosto difficile intendo fottutamente impossibile. La porta fuori aveva persone che guardavano dentro... verso di me, e i compagni di classe che erano dentro avevano gli occhi incollati su di me come un progetto di arti e mestieri dell'asilo, ed è stato portato a un nuovo livello quando ho guardato fuori e ho visto persone in piedi proprio fuori dal finestra per guardarmi. La mia unica opzione era chiudere gli occhi, quindi è quello che ho fatto fino a quando non è suonata la campanella per la fine della scuola.

A causa delle mie ferite, non sono riuscito a uscire dalla scuola come l'ultima volta, quindi ho aperto la finestra e sono uscito da quella parte. Jason ha riso così forte che ha pianto, ma essendo il bravo sportivo che era, mi ha seguito fuori dalla finestra e mi ha aiutato a sgattaiolare fuori dai locali prima che qualcuno potesse fermarmi. Ci siamo separati al parco e io ho trascinato il mio culo debole al ristorante, che è stato l'unico lato positivo di tutto questo.

Il mio grembiule e il mio vecchio paio di chiavi mi stavano aspettando dentro il mio armadietto. Mi sono vestito e ho guardato la lista per vedere cosa avrei fatto oggi. Dopo essere stato fortunato con il lavoro in cucina, mi sono unito a Rocky in cucina.

"Sentirsi meglio?" chiese.

“Rifiutato la ragazza più popolare della scuola di fronte a un paio di dozzine di persone. Quindi... no".

"Potrebbe essere peggio."

"Come mai?"

"Potresti essere ancora alla ricerca di un lavoro."

“È bello essere tornato Rocky.”

"È bello riaverti qui."

Questa è stata la portata della nostra conversazione, e mi ha fatto sorridere mentre continuavo a cucinare senza intoppi. Era quasi come se non avessi lasciato tutto. Nessuno è entrato e mi ha dato il benvenuto. Tutto è andato avanti come se le ultime due settimane non fossero accadute, e se dovevo essere onesto era proprio quello di cui avevo bisogno per rilassarmi.

Il tempo è volato e prima che me ne rendessi conto, avevo già finito il mio turno. Quando sono entrato negli spogliatoi per cambiarmi, anche Lexi aveva appena finito il suo turno e stava aspettando che scendessi. La tensione tra di noi aveva un po' insegnato così ho accettato di tornare a casa con lei.

"Com'era la scuola?" lei chiese.

"Abbastanza terribile", ho preso a calci un sasso lungo il marciapiede.

"È successo qualcosa?"

“Solo dramma scolastico. Non voglio davvero parlarne.

"Non può essere così grave, vero?"

"In realtà può." Indietreggiando, spinsi la roccia il più avanti possibile. Entrambi l'abbiamo seguito con gli occhi mentre saltava, saltellava e saltava lungo il marciapiede a una velocità sorprendente finché non ha urtato il piede di qualcuno. Il mio sguardo iniziò lentamente ad alzarsi mentre vedevo bene un corpo molto sexy e molto familiare. "Ehm, ciao signora Benson."

"Ciao Tucker," mi sorrise prima di guardare Lexi e io guardai mentre il suo viso sorridente si trasformava lentamente in quello di un giocatore di poker professionista, "E tu devi essere Lexi."

"Ehm, sì, sono Lexi", ha risposto lanciandomi uno sguardo a disagio. "Chi è lei?"

"È la mia insegnante di scuola materna."

"Oh, beh, è ​​un piacere conoscerla, signorina Benson."

"Allo stesso modo."

"Allora", ho iniziato con cautela, "c'è qualcosa di cui hai bisogno, signora Benson?"

"Sì, in realtà, mi chiedevo se potevo parlare con voi due."

"Entrambi?" lei annuì. "Uh, certo, andiamo dentro, immagino."

Uno tsunami di disagio mi travolse mentre mi avvicinavo alla porta e la aprivo. Non avevo motivo di pensare che stesse per succedere qualcosa di brutto, ma con la giornata che stavo passando, stavo iniziando ad aspettarmi il peggior risultato possibile con tutto ciò che facevo. Forse il motivo per cui mi sentivo particolarmente diffidente in questo momento era perché ho fatto sesso con entrambi.

Sì... qualcosa mi dice che potrebbe essere il motivo.

Dopo aver sistemato le mie cose, sono andato in cucina: "Posso portarle qualcosa, signora Benson?"

"No, sto bene."

«Lexi?»

"Sto bene grazie."

Entrambi stranamente mi seguirono in cucina, sedendosi al tavolo l'uno di fronte all'altro mentre mi appoggiavo al bancone e aprivo una bibita.

"BENE?" Lexi iniziò: "Cosa possiamo fare per lei, signora Benson?"

"Sono qui per parlare di Tucker e del suo comportamento nell'ultimo mese."

“E,” Lexi mi guardò ma io scrollai le spalle. In tutta onestà, non sapevo neanche dove stesse andando a parare con questo. "Come è stato il suo comportamento nell'ultimo mese?"

“Ad essere sincero, è brutto. Nell'ultimo mese il suo atteggiamento normalmente buono è cambiato drasticamente. È sempre stanco, i suoi voti cominciano a peggiorare, non parla quasi più in classe e quando lo fa è solo per litigare con uno dei suoi amici. Non solo, ma da quello che mi hanno detto gli altri suoi compagni di classe ha persino rifiutato una ragazza per cui aveva una cotta senza motivo. E non dimentichiamo il fatto che anche lui ha litigato. Tutto è iniziato il giorno in cui sei entrato anche tu nella mia classe, il che, potrei aggiungere, è stato estremamente irrispettoso e ha causato un sacco di contraccolpi per Tucker anche da parte degli altri studenti.

Gli occhi di Lexi si strinsero lentamente, "Quindi tu... pensi che sia tutta colpa mia?"

"In realtà lo faccio."

"Pensi davvero che io sia l'unica causa di tutto questo?"

“Non c'è altra spiegazione sul motivo per cui si è comportato in modo così irrazionale, quindi sì, lo faccio. Mi ha anche detto che voi due avevate un po' di storia e so che siete entrati a forza in casa sua, quindi è ovvio che state avendo un impatto negativo su di lui".

"Davvero, Melissa?"

Quella frase ha alzato più bandiere dell'ONU. Non ho ancora detto il nome di Melissa davanti a Lexi, quindi come cazzo fa a saperlo? A meno che... oh merda.

Rendendomi conto della mia situazione, ho cercato di lasciare la stanza con la massima nonchalance possibile, ma Lexi mi ha afferrato il polso.

"Penso che dovremmo discuterne", il tono di Lexi era sorprendentemente allegro, ma potevo dire che dietro c'era una forza nascosta. Poteva sembrare un'offerta, ma in realtà era un ordine. "Non sei Tucker?"

"Sì, solo um, fammi prendere qualcosa dalla mia stanza", ho messo su un ultimo gioco disperato nella speranza di scappare, ma è stato sventato dalla sua presa.

"Sono sicura che può aspettare", mi riportò al tavolo. "Per favore prendi posto." Sì. Sono fottuto. Mi sono seduto sulla sedia, scivolando più in basso che potevo senza cadere. “Quindi parliamone ancora un po', Melissa. Cosa pensi che dovremmo fare riguardo a questo piccolo problema?

"Potrei aver oltrepassato un po' i miei confini, ma penso che dovresti andartene", propose Melissa. "O almeno andartene da casa sua."

"Perché ho una cattiva influenza, giusto?"

"SÌ. Stai interferendo con la sua istruzione e la sua salute.

"Tutto da solo, vero?"

"SÌ."

"Nessun altro sta aiutando?"

«Non che io sappia.»

"Vedo. Immagino che tu abbia ragione, ma sei sicuro che sia l'unico in colpa?"

Melissa inarcò un sopracciglio: “Cosa intendi? Pensi che ci sia un'altra persona che influisce sul suo stile di vita?

"Non lo so", si arrotolò i capelli intorno al dito, "C'è?"

Chiamami impaziente, ma questi suggerimenti stavano iniziando a darmi sui nervi. Seriamente, se doveva succedere, volevo che fosse come strappare via un cerotto. Rapido e incredibilmente doloroso.

Penso che Melissa stesse iniziando a cogliere l'indizio perché la sua fredda espressione di pietra svanì lentamente ei suoi occhi si mossero per incontrare i miei. Certo, stavo fissando il centro del tavolo come se la mia vita dipendesse da questo, quindi non avrebbe avuto alcuna risposta da me.

“Immagino che se volessi davvero puntare il dito, allora potrei essere ritenuto un po 'responsabile, ma non sarei l'unica persona Melissa. Dopo tutto», smise di arricciarsi i capelli. "Non è che ho affermato di essere incinta, giusto?"

È esplosa in piedi, "Tucker gliel'hai detto!"

Tutto quello che potevo fare era il palmo della mano.

"No, l'ha fatto qualcun altro", sorrise Lexi. "Ma pensavo stesse scherzando quando ha detto che l'insegnante di Tucker affermava di essere incinta." Ed è per questo che ho il palmo della faccia. Anche Melissa deve averlo capito perché è scivolata lentamente di nuovo sul sedile e ha gemuto mentre Lexi rideva. “Quindi questa è la famosa Melissa di cui ho sentito parlare. Mi dispiace di non averti visto bene quando ho lasciato il pranzo di Tucker quel giorno, ma ora almeno tutto ha un senso. Sono curioso però, quante volte sei andato a letto con lui?

"Che cazzo?" intervenni. “Perché glielo chiedi? Non ha niente...»

"Tucker, sto parlando con Melissa in questo momento", mi ha interrotto, usando lo stesso tono che ha usato quando mi ha ricattato per farla restare qui. “Tuttavia, se non vuole rispondere, va bene. Ma dal momento che la cosa è così seria, domani dovrei andare dal preside e parlargli del recente cambiamento di atteggiamento di Tucker. Ovviamente dovrebbe conoscere tutti i dettagli, compreso il fatto che l'insegnante di Tucker ha avuto rapporti sessuali con lui.»

"Due volte!" disse subito Melissa. "Abbiamo fatto sesso due volte."

"Oh veramente? Non pensavo che voi ragazzi faceste davvero sesso più di una volta, ma immagino di essermi sbagliato. La mia mano era incollata alla mia faccia ora mentre Lexi continuava a suonare Melissa come un tamburo. "Allora, dove avete fatto sesso la seconda volta?"

"Il parco."

"Non c'è modo! Ragazzi, l'avete fatto fuori?" Melissa annuì debolmente. "Come è stato?"

"È stato... carino", la sua voce si ridusse a un sussurro.

«E chi ha guidato la carica?» Melissa alzò timidamente la mano facendo ridere Lexi. "Ha fatto la cosa in cui ti fa sentire speciale, vero?"

"Cosa intendi?"

"Ad esempio, la prima volta che abbiamo fatto sesso mi ha detto la cosa più sdolcinata di sempre", sospirò, "Ma mi ha comunque fatto sentire calda e apprezzata dentro. Ti ha fatto la stessa cosa?"

"Tipo. Aspetta, avete fatto sesso prima?"

"Puoi rispondere a questo Tucker."

"Che cosa? No, tienimi fuori da tutto questo. Scuoto la mia testa. "È la tua conversazione, ricordi?"

"Dai Tucker, non vuoi che ti spieghi cos'è successo, vero?"

Ha ragione, non lo voglio. "Bene! Sei anni fa ha preso la mia verginità mentre mi faceva da babysitter. Abbiamo passato il mese successivo a fare sesso. Contento?"

"Hai perso la verginità all'età di dieci anni?" domandò Melissa. "È stato... volentieri?"

Ho annuito.

"Era così carino quando era un bambino", Lexi appoggiò la testa sulla mano e mi guardò. “Questo combinato con quello che ha detto mi ha fatto impazzire. Inoltre faceva penzolare la sua innocenza davanti a me come una corda davanti a un gatto. E accidenti se volevo quella corda.

"Perché le stai dicendo questo?" Ho chiesto.

"Ho pensato che volesse saperne di più su di te e sui tuoi modi subdoli."

“Whoa, non provare a comportarti come se fossi un idiota che dice tutto ciò di cui ha bisogno per conquistare il cuore di una ragazza. Intendevo quello che ho detto, a te e a lei.»

“E cosa ti ha detto? Voglio sentirlo dal punto di vista di Melissa ora.

"Bene", iniziò Melissa. “Ha detto che se fossi stata incinta mi avrebbe aiutato a crescere il bambino. Si è persino offerto di lasciarmi andare a vivere con lui e ha parlato di trovare un lavoro extra se avesse sentito che avevamo più bisogno di me e ha promesso di non lasciarmi mai. Durante l'intera faccenda è stato calmo e collettivo e non si è mai arrabbiato con me, anche se ero un relitto emotivo. Ho solo... pensato che fosse così dolce da parte sua dirlo dopo tutto quello che è successo.

“Dove vivi adesso Melissa. Se non ti dispiace che te lo chieda.»

"Sto in un motel a pochi passi dalla scuola."

"Perfetto!" Lexi batté le mani. "Mi aspetto che tu trasferisca tutte le tue cose entro domani."

"Che cosa?!" Melissa e io gridammo all'unisono.

"Ti stai trasferendo in questa casa", sorrise diabolicamente. "Eh."

"N-non posso!" Melissa scosse la testa. "È un mio studente, non sarebbe giusto."

"Sì, ed è la mia fottuta casa Lexi!" Ho urlato. "Non puoi prendere decisioni del genere!"

"Ma posso", cantava Lexi, "perché se non si trasferisce, racconterò al preside tutto della tua piccola storia d'amore con lei." Ciò ha fermato tutte le proteste sul nascere. Melissa, proprio come me, è rimasta sbalordita. Lexi ci aveva appena ricattati per farci trasferire Melissa in casa, ma non ho idea del perché. "C'è qualche problema Melissa?"

“N-No. Prendo la mia roba e la porto domani, lo giuro.

"Sono contento che tu veda le cose a modo mio, ora c'è qualcos'altro di cui hai bisogno o sarà tutto Melissa?" Lei scosse la testa. "Beh, allora ci vediamo domani!" Lexi l'ha accompagnata fuori dalla porta e si è scambiata i numeri di telefono mentre la seguivo con cautela. Con un gesto spaventoso, Melissa uscì di casa mentre Lexi sbatteva la porta. "Penso che ora andrò a preparare la cena."

"Inizia a spiegare!" gridai mentre mi passava accanto.

"Cosa c'è da spiegare?"

“Hai appena ricattato il mio insegnante perché si trasferisse a casa mia. Cosa cazzo pensi che ci sia da spiegare?"

“Penso che tu stia perdendo il punto. Quando la vita ti porge i limoni, 'mi guardò in attesa.

“Quando la vita mi porge i limoni? Non faccio la limonata. Faccio in modo che la vita si riprenda quei fottuti limoni e gli faccio spiegare perché cazzo pensano che io li volessi in primo luogo! In effetti, chiedo di vedere il manager della vita perché sono assolutamente furioso sul motivo per cui la vita pensa che io voglia questi fottuti limoni. Cosa devo fare con questi limoni eh? Fanculo la limonata, voglio invece delle risposte!

"Oh!" ridacchiò, "Presumo che ti riferisci a me quando dici vita eh?"

"Sì."

"Davvero non ti piacciono i limoni però?"

"Smettila con le stronzate e inizia a spiegare!" chiesi. “Pensavo di poter finalmente ricominciare a fidarmi di te, ma poi te la cavi? Cosa sta succedendo nella tua testa?"

"Vedrai."

Chiamami un animale perché ho ringhiato minaccioso prima di dirigermi verso la porta: "Vado a fare una passeggiata".

"OK! Non tardare troppo però!

Non ero dell'umore giusto per prendere ordini da lei, e dato che avevo le mani fasciate non potevo sfogare la mia rabbia su un sacco da boxe. Quindi mi sono diretto verso l'unico posto in cui sapevo di poter dire quello che volevo.

"Voglio dire onestamente!" gridai, camminando avanti e indietro. “Non riesco a capirla affatto. Stamattina ho pensato che le cose avrebbero potuto davvero iniziare a migliorare per me, ma porca miseria mi sbagliavo! Sono praticamente alienato a scuola, la ragazza dei miei sogni è una stronza con due facce, la mia insegnante sta per diventare la mia compagna di stanza e la mia vecchia babysitter fa quello che vuole. Perché è tutto così complicato! È troppo chiedere una vita semplice?

Mi sono inginocchiato e ho fatto un respiro profondo. Stavo urlando da quasi cinque minuti ormai e se qualcun altro fosse nei paraggi sono sicuro che non sarebbe stato particolarmente felice di farmi sentire cosa stava succedendo nella mia vita.

"Chi sto prendendo in giro però?" Borbottai cadendo all'indietro: “La vita non è semplice. Non è stato semplice da quando voi due siete morti. Sospirando, guardai le lapidi dei miei genitori, il mio tono si fece più calmo man mano che mi calmavo. “Solo una volta, vorrei che mi rispondeste, anche solo per dirmi che è tutta colpa mia, il che non sarebbe troppo lontano dalla verità. Dammi una pausa però. So di aver sbagliato in più di un modo, ma non ho esattamente qualcuno a cui insegnare o rimproverarmi, sai? La piccola quantità di guida che ho viene da Missy K e anche allora è come se solo quando sbaglio e lei lo scopre. Se ci pensassi davvero, però, probabilmente dovrei smettere di raccontare a tutti al lavoro della mia vita. Molti problemi sembrano derivare da questo in realtà. Ridacchiai un po' prima di alzarmi in piedi e rispolverarmi. “Sarà meglio che torni prima che faccia qualcos'altro di cui mi pentirò. Fate attenzione ragazzi... vi amo entrambi.

Infilandomi le mani in tasca, mi voltai e me ne andai senza voltarmi indietro. Mi rendo conto che parlare alle lapidi è efficace quanto parlare a uno specchio, ma immagino fosse il mio modo per dimostrare che le ricordavo ancora. Non che li dimenticherò mai, ovviamente. Era solo qualcosa che iniziavo a fare ogni volta che mi perdevo o avevo bisogno di aiuto. Questo è ciò che i bambini normali farebbero bene? Parla con i genitori dei problemi. Qualche problema comunque, voglio dire, se i miei genitori fossero stati vivi non avrei mai raccontato loro quello che ho fatto con Melissa e Lexi. Sono stupido ma non sono così stupido.

Ero tornato a casa prima che me ne rendessi conto. Sbattendo la porta, mi avvicinai al tavolo dove Lexi si stava già godendo la cena.

"Bentornato!" tirò fuori una sedia accanto a lei e la accarezzò. “Hai fatto una bella passeggiata?”

Grugnì in risposta, sedendomi e senza nemmeno prendermi la briga di fare la mia solita protesta per il cibo. Sembrava frizzante dopo avermi visto mangiare il suo cibo davanti a lei ora che potevo scegliere se volevo o meno.

«Vado a letto», annunciai, lasciando il mio piatto a tavola. "Prima di essere colpito da altre sorprese."

"Vuoi un po' di compagnia," fece le fusa.

"No."

"Vestiti!"

È stata una notte tranquilla che ha portato a una mattinata tranquilla, e dopo aver preso il mio pranzo Lexi ha annunciato che si sarebbe presa il giorno libero per aiutare Melissa a sistemarsi, che, per coincidenza, si stava anche prendendo il giorno libero. Quella era una buona notizia per me perché avevo bisogno di fare qualcosa al lavoro senza che Lexi interferisse, e se avessi visto Melissa a scuola in questo momento sarebbe stato più imbarazzante di un chiropratico gobbo.

Dopo essere saltato di nuovo con successo attraverso la finestra dell'aula con l'aiuto di Jason, mi sono seduto al mio posto e mi sono rilassato.

"Ho sentito che oggi abbiamo un sottomarino", disse appoggiandosi allo schienale della sedia. "Indovina chi non sta prestando attenzione oggi."

"Voi?"

"Non tu."

"In che modo è diverso da qualsiasi altro giorno?" Scherzavo.

"Hai ragione amico", rise prima di fermarsi bruscamente. "Ehm, Tucker fammi un favore e dimmi se vedi quello che sto vedendo?"

"Eh?" Indicò la parte anteriore della classe e io lo seguii con scetticismo finché la mia mascella non si staccò dalla mia bocca. Proprio davanti alla classe c'era Shawn, e avvolto intorno al suo braccio non c'era altro che Heartbreak Hailey. Non sto parlando come una cosa buona e amichevole che vedi fare ad alcuni ragazzi e ragazze in giro per la scuola, sto parlando premuti l'uno contro l'altro come se fossero incollati in quel modo.

"Wow, ti ha dimenticato in fretta."

Lo guardai sbalordito, "Amico, sei serio in questo momento?"

"Che cosa? Amico, so che lo sta facendo solo per arrivare a te, ma dannazione se si comporta in fretta. Dai anche a lei il merito di aver trovato l'idiota perfetto per agire come il suo ragazzo.

"Ti rendi conto che questo può solo finire male, vero?"

“La ragazza più popolare della scuola sta attualmente uscendo con un deficiente per vendicarsi dell'unica persona che l'ha rifiutata il giorno dopo che è avvenuto il suddetto rifiuto. È come la trama di una brutta storia d'amore al liceo. Quindi, per rispondere alla tua domanda, mi aspetto che finisca male come tutti i film diretti da M. Night Shyamalan (DOUBLE ZING).”

“Colorata scelta di parole, ma capisco cosa stai dicendo. Inoltre, penso che Shawn sia l'unica persona nella scuola che non se ne rende conto. La sua ossessione sarà la sua rovina, ma…”

"Ma?"

"Ma probabilmente non dovremmo dire niente."

"Che cosa?" Jason si sporse in avanti, "Amico, è stato usato e maltrattato in questo momento, dobbiamo intervenire."

“Vuoi andare a dire a King Hypocrisy laggiù che la ragazza dei suoi sogni lo sta usando? Quanto bene pensi che andrà a finire?"

"Punto preso".

“Chiamami uomo egoista, ma questa è una grande notizia per me. Shawn ha la ragazza dei suoi sogni e tutta l'attenzione sarà rivolta a lui. Forse ora posso farcela per un mese senza combattere le domande e ascoltare cose ridicole su me stesso.

"Va bene amico, starò al gioco, immagino."

"Grazie. Sono abbastanza sicuro che se Shawn stesse ascoltando ti ringrazierebbe anche lui.

“Chi sto ringraziando?” chiese Shawn.

«Ehm», balbettai, certamente colto alla sprovvista dalla sua improvvisa apparizione. “Ehi Shawn! Che cosa succede?"

"Beh," sorrise compiaciuto, "vorrei presentarvi ragazzi-"

"Amico, sappiamo già chi è", lo interruppe Jason. "Non è che non ti abbiamo sentito parlare di lei negli ultimi due anni o altro."

"Oh Jason," Shawn scosse la testa... di nuovo compiaciuto. “Sai che va bene essere gelosi, uomo. Possiamo ancora uscire, forse anche tutti e quattro. Vero piccola?"

Durante questo periodo, gli occhi affamati di Hailey si erano fissati sui miei, e lo sguardo di morte che mi stava lanciando sfortunatamente non ha avuto effetto su di me questa volta. Dopotutto, questa era la pausa che stavo aspettando. Voglio dire, merda! Mi ha praticamente risolto il problema. Dovrei ringraziarla. I riflettori ora sono spenti e puntati sulla nuova coppia. Può andare meglio?

"Bambina?"

"Eh?" Hailey uscì dalla sua trance e guardò Shawn: “Oh sì. Va bene! Mi piacerebbe uscire con te e i tuoi amici qualche volta. Penso che sarebbe fantastico!

Ho dovuto coprirmi la bocca per nascondere il fatto che stavo sorridendo così tanto. Fortunatamente il campanello era dalla mia parte oggi e ha deciso di suonare prima che dovessi spiegare perché stavo iniziando a tremare dalle risate. Con un ultimo sguardo dispettoso, Hailey si voltò e lasciò che Shawn la accompagnasse al suo posto

"Penso di aver trovato anche un altro lato positivo in tutto questo", disse Jason con un cenno contemplativo della testa.

"Che cos'è?"

"Non dobbiamo sopportare la sua ipocrisia finché lei lo tiene occupato." Abbiamo sbattuto i pugni in segno di approvazione.

“Non fraintendermi però, è ancora nostro amico. Un amico terribile, ma pur sempre un amico.

“Sì amico, ma finché siamo su questa corsa non può far male godersela, giusto? O questo ci rende cattivi amici?

“Non me ne potrebbe fregare di meno in questo momento ad essere onesto. Me lo godrò finché durerà.”

Ora che avevo delle buone notizie, il resto della giornata era sole e unicorni e qualsiasi altra cosa che potesse essere associata alla felicità. Hailey ha portato Shawn a pranzo con lei, quindi mi sono goduto il pranzo con Jason, senza essere interrotto dalle stronzate di Shawn e finalmente in grado di rilassarmi ora che tutti gli occhi erano puntati su di lui. Era così perfetto che sono stato in grado di uscire dalla scuola come un altro studente invece che bersaglio di sussurri e dita puntate.

Anche la passeggiata per andare al lavoro è stata un gioco da ragazzi, e la parte migliore è stata che ho incontrato la persona perfetta negli spogliatoi.

"Sembri felice oggi Tucker", lo salutò Melody.

"Sì. Oggi è stata una buona giornata."

"Quello che è successo?"

"Non te lo dirò", sorrisi.

"Perché no?"

“Perché ogni volta che ti dico qualcosa, vai direttamente da Missy K o vai da Lexi. Non pensare che io non sappia che le hai raccontato di tutte le cose in cui mi sono cacciato negli ultimi due anni, e francamente sono un po' infastidito dal fatto che tu mi abbia venduto per la fica. Non avrei mai pensato di dirlo anche a una ragazza, ma immagino che oggi possa succedere di tutto. La parte migliore era che non le stavo nemmeno urlando contro, stavo solo parlando normalmente. "Ma stamattina mi sono reso conto che anche tu hai avuto quello che stava per succedere."

"Che cosa?"

"Melissa si è trasferita a casa mia oggi."

"Che cosa!?" ha sbattuto il suo armadietto chiuso. "Il tuo insegnante?"

“Sì, e la parte migliore è che è stata Lexi a invitarla. La ragazza dei tuoi sogni potrebbe avere un debole per la mia insegnante invece che per te ", ho finito di cambiarmi e l'ho superata.

"Ha fatto cosa!"

"Il karma è una stronza, vero?"

Spalancando la porta, sono andato a lavorare con un sorriso genuino sul volto. Poiché le mie ferite stavano ancora guarendo, ero di nuovo in cucina, ma per me andava bene. Leo stava lavorando con me oggi ed era felice di rivedermi al ristorante, quindi l'ho aggiornato sulle cose che avevo fatto mentre cercavo lavoro. Ovviamente ho tralasciato tutto ciò che riguardava i tre problemi principali della mia vita, Lexi, Melissa e Hailey. È stato un modo sicuro per assicurarmi di non ricevere merda da Missy K sul riemergere di Melissa, o sul fatto che stavo intenzionalmente lasciando che il mio amico venisse giocato solo per poter finalmente avere un po 'di pace e tranquillità.

Il senso di colpa alla fine mi avrebbe raggiunto, ma in questo momento me ne frega un cazzo. Finii il mio turno senza intoppi e lasciai il ristorante verso le otto. Il mio buon umore era ancora più evidente quando tornai a casa e sorrisi goffamente fino al tavolo, ignorando il fatto che Melissa fosse seduta in salotto a guardare la TV.

Fanculo! Nemmeno il fatto che si sia trasferita potrebbe rovinare questa giornata.

"Beh, sembra che tu abbia passato una buona giornata", disse Lexi mentre metteva via alcuni piatti. Andò al microonde, tirò fuori il mio piatto e lo posò sul tavolo. "È successo qualcosa?"

"Penso che oggi sia stato probabilmente il miglior giorno che ho avuto da quando ti sei trasferito qui", ho ammesso. “Per una volta è andato tutto bene. Ho riavuto Melody, il compito di cucinare con Leo, in realtà sono rimasto sveglio in classe, ho messo fine a tutte le voci su di me a scuola e ho lasciato che il mio orribile amico uscisse con la ragazza dei suoi sogni permettendomi di godermi il pranzo in pace senza che lui vomitasse cazzate.

"Aspetta cosa è successo a scuola?" Melissa si alzò dal divano e si unì a noi in cucina. Invece del suo normale abbigliamento formale e stirato, indossava una camicia a maniche lunghe e pantaloni da yoga che le sembravano dannatamente carini ad essere onesti.

«Adesso Hailey esce con Shawn», dissi, ficcandomi del cibo in bocca.

"Che cosa? Ma pensavo che ti avesse chiesto di uscire ieri?"

Ho annuito con la testa prima di deglutire: "L'ha fatto, ma ora è con Shawn, quindi non mi interessa".

"Non ti vedevo così felice da molto tempo", disse Lexi.

“Eh? Perché dovrebbe farlo così all'improvviso? domandò Melissa.

“To make me jealous,” I shrugged. “Shawn’s obsessed with her so he probably doesn’t even realize it.”

“That’s terrible.”

“No, that’s awesome. I’ve been in the limelight for too long thanks to that girl, and now she’s willingly taken it away so I’m gonna enjoy this time while it lasts.”

“But what about your friend?”

“He’ll live. Fidati di me. And even if I wanted to stop them, I couldn’t. Shawn’s not going to listen to anything I say and unless I ask Hailey out, she’s not going to care about what I say either. My hands are tied and I’ve never been happier.”

“Sounds like we should celebrate!” Lexi said abruptly. “Tucker had a good day and our new roommate is all settled in now.”

“Oh no!” I stood up, “I’m getting as far away from you as possible.”

“Awe, how come?”

“Because I know that if anyone can ruin this day, it’s you. Plus I don’t want to hear your crazy idea for celebrating.” I looked at Melissa, “If you need anything you know where to find me.”

I retreated to my room and sat down at my desk to do some homework. It was pretty boring and a couple of times I couldn’t help but close my eyes and rest my head. Eventually I did start chipping away at it until I heard a knock on my door and I tilted my head in curiosity.

“Uh, come in Melissa,” I said.

The door opened to reveal that I was right, “How’d you know it was me?”

“Lexi wouldn’t knock.”

“I see,” she laughed. “Do you have some time to talk or are you busy?”

“Sure, we can talk.” She nodded and sat down on my bed, “So what’s up?”

“I-I just don’t know to be honest.”

“You don’t know what’s up?”

“I mean I don’t know exactly what’s going on. Lexi just forced me to move in here but when we were moving my stuff into my new room she acted like we were best friends. Completely different from how she acted yesterday.”

“Sounds about right.”

“Is there a reason she’s doing that? Like, I didn’t realize it until I went home yesterday but she was smiling the whole time she was blackmailing us.”

“Also sounds about right.”

“But why? Don’t you know anything about her?”

“Not really. I mean, yeah she babysat me but we didn’t talk that much. Even when we started having sex we never talked about each other. The only thing I know about her is that she loves the mess with people, and I’m pretty sure you’ve figured that out by now. I guess the only time I really saw her worried or upset was when I got into a fight, other then that she’s been parading her blissful attitude around without a care in the world.”

“She must care about you then.”

“You’re probably right, but she does have a weird way of showing it. So what do you think about all this?”

“About all of what?”

“Well, you moved into my house,” I chuckled. “Are you happy, sad, scared, don’t care?”

“I…guess I’m a little happy. The motel really wasn’t that glamorous and it doesn’t compare to your house at all. What about you?”

I shrugged, “Don’t really know what to feel. I mean, I don’t hate you, but given our past encounters I thought it might be a little awkward y'know? For you at least.”

“For me? You’re telling me that you don’t feel awkward at all seeing me in your house? Clothed I might add.”

“Not really. At school it’s a little weird but after awhile I finally stopped picturing you naked.”

“You were picturing me naked at school?”

“Maybe,” I spun around in my chair to avoid eye contact.

She giggled a bit, “I guess I can’t really control that can I?”

“Sadly no, but I’ve admittedly gotten better at it. Maybe that’s why I don’t think it’s so awkward to see you in my home. Yeah, we had sex, and since Lexi knows it why hide the fact that I’m kind proud of having sex with you?”

“Proud?”

“As a peacock.”

“With me?”

“Should I not be?”

“I’m not saying that it’s just that compared to Lexi I’m not exactly up to par.”

I turned back around with a funny look on my face, “How so?”

“Well she’s younger, more attractive, curvier, and doesn’t look like a nerd.” She pointed to her glasses.

“I kind of like your look to be honest. So what if you have glasses and age doesn’t really have anything to do with it. Plus you can’t compare Lexi’s look to yours, you both dress and act completely different. She’s loud and eccentric and you’re more quiet and composed. I also think you got her won in the boob department.”

She blushed at me as I got up and stretched out.

“All finished?” she asked.

I had been done since she came inside but I don’t think she realized that so I just played it cool. “Yep. All done.”

“Mind if I check it?”

“Wouldn’t that be cheating to have a teacher check my answers?”

“I’m not going to give you the answers, I’ll just tell you which ones are wrong,” she got up and walked to the desk as I plopped down onto my bed.

“Knock yourself out I guess.”

While she combed over my work I closed my eyes and listened to her quiet humming. My eyes shot open a couple minutes later however when she hopped onto the bed and laid next to me.

“Looks good,” she smiled.

“Yeah you do,” I replied coolly.

“Using your words again huh?” she glanced up at the ceiling. “Be honest, is it intentional?”

“Is what intentional?”

“What you say? Like, what you just said to me about how I look. Are you planning that out or what?”

“I’m pretty straight forward I guess, I mean, I know when to lie but I don’t like to unless it’s a sticky situation. Plus, how could I plan it? I’m not that smart.”

“Well you definitely know how to make a girl feel good about herself. Is this the part where I throw myself at you?”

“You don’t have to throw yourself at me, I could just get on top of you if you want.”

“Then why don’t you?” she glanced at me, playfully shrugging.

She was basically taunting me, but I had no idea whether or not she wanted me to actually do it or what it would lead to for that matter. I almost decided not to, but then I realized that this day was letting me get away with whatever the fuck I wanted to so I was going for it!

I rolled over and pounced on top of her with a playful smile. She giggled as I hovered over her body, staring at her adorable face as she blushed.

“So what do I win?” I asked.

“What do you want?” she fired back.

“How bout a kiss?”

“Kind of bold but I think I can manage that.”

I leaned down and kissed her.

“Maybe one more,” she smiled, leaning up to kiss me again.

After that kiss, something turned on inside of us both. She lost her playful stare, taking off her glasses and carefully setting them on the nightstand while never taking her eyes off of my hungry gaze. It may have started off harmless but after two kisses it was already heading downhill.

She moved her hands onto my back and I moved back down as we started making out. Our kissing didn’t become lustful, and sloppy like our last two meetings. These were slow, and tender. Even when we started French kissing neither of us immediately dominated the other, instead we let our tongues intertwine and enjoyed the feeling.

It was romantic, which was completely different from all the other times I’ve had sex so I was content with keeping it like this, but Melissa had a different idea. She grabbed my shirt and pulled it over me, tossing it to the side and pushing me over onto my back. Getting rid of her shirt immediately after, she slowly started kissing her way down my body until getting to my waist. She unbuttoned my pants and pulled them off revealing my dick that was already covered in pre-cum. Not wanting to waste anytime, she wrapped her mouth around my dick and started sucking on it while I moaned.

Her ass was sticking up high in the air to my left so I grabbed her yoga pants and slid them down to her knees, rubbing two of my fingers over her soaking wet pussy while she continued to suck. I shoved them both in after that and I noticed she started sucking faster as well, moaning into my dick while I continued to play with her pussy.

My door suddenly slammed opened scaring the shit out of both of us.

“Gotcha!” Lexi announced walking into my room.

Melissa and I froze like teenagers caught…doing what we were doing basically.

“This isn’t what it looks like,” Melissa said for some odd reason.

“This isn’t? Then do you mind explaining what you’re doing half naked on Tucker’s bed with two of his fingers shoved into your pussy and your mouth right next to his dick?” After neither of us answered she shook her head, “I can’t believe you two.”

I slowly removed my fingers from Melissa’s pussy but that proved to be a big mistake.

“What do you think you’re doing Tucker?” Admittedly I didn’t know how to answer that question with turning beat red. She walked over to the bed and grabbed my hand, “You need to finish what you started.”

“W-What?”

She grabbed my two fingers and shoved them back inside Melissa’s pussy. Melissa immediately gasped causing Lexi to giggle evilly.

“Look at how wet she is,” she ran one of her fingers over Melissa’s clit and started to rub. She immediately gasped again as Lexi gave her ass a good smack, “C’mon Melissa, start sucking.”

I could see the hesitation in her eyes but she leaned back down and started sucking my dick again. Lexi was enjoying the situation too much as I glanced at her plastered smile. She moved her hand to Melissa’s tit and started pinching and squeezing one of her nipples causing her to stop sucking and let out a long moan. Lexi climbed onto the bed after that and lifted up Melissa’s head, stealing a kiss from her immediately.

“Mind if take it from here,” she asked, taking off her shirt and undoing her bra.

Melissa nodded her head weakly as Lexi bent and licked my dick clean. It sent shivers through my body as she sucked on the tip of it while slowly jacking me off with her other hand. Melissa took my hand out of her pussy, bringing it up to her mouth and sucking on it like pacifier. Once it was all clean she leaned down to kiss me, her hesitant look replaced by a lustful one as we started making out again all the while Lexi continued to suck my dick.

She stopped a few seconds later however, and I was so caught up with kissing Melissa that I didn’t notice her as she climbed on top of my dick. I moaned loudly, cutting off my kissing and causing Melissa to investigate as well, and the look on her face when she saw Lexi riding my dick could’ve broken someone’s heart.

Realizing this, I whispered “I can eat you out if you want.”

Her attention shot back to me as she immediately got up and placed her knees next to my head, lowering her pussy down onto my face. It was hard to concentrate with Lexi moaning and the warm feeling of her pussy as I slid up and down my dick, but I tried my best to lick Melissa’s pussy any and every way I could think of. Since I liked her taste however, it became easier for me because I just licking and probing her hole as she started moaning loudly as well, grabbing her tit with one hand and balancing herself with the other.

It quickly turned into a hot, sweaty, and loud mess as we all lost ourselves in the sex. Melissa was the first to cum, moving her hand to her clit and rubbing it furiously until she started shouting out, “I’m cumming!”

I was showered in her juices as she shakily climbed off of me, breathing heavily and turning to look at Lexi who was bouncing up and down. Melissa grabbed onto her tits and got a little revenge as she squeezed them together and played with them.

“M-Melissa please stop,” Lexi pleaded, “or else I’m gonna…I’m gonna…fuck I’m cumming!” She shut her eyes as Melissa continued to play with her tits.

“I think I’m going to cum too,” I mumbled, “Shit. Here it comes.”

Lexi climbed off me unexpectedly and I was about to ask what the fuck she was thinking when I realized why she did it. Her and Melissa started licking my dick at the same time and the moment I felt both of their tongues I shot my load all over both of their faces.

A huge weight had been lifted off my shoulders as I hazily looked at Lexi and Melissa as they wiped cum off their faces. Of course, Melissa took all the cum she wiped off her face and swallowed it, even leaning back down and sucking every last bit of cum off my slowly shriveling dick. Lexi on the other hand was fine with just licking a bit of cum off her fingers before letting Melissa take the rest.

“I think we should celebrate more often,” Lexi looked at me, licking her lips and smiling.

“I-I kind of agree with you,” Melissa admitted sheepishly.

I closed my eyes and smiled, mumbling the words, “Best. Day. Ever.”




----
Author's Note:
I have a feeling that i fucked up and missed an important error in this story. But after rereading it five times, i can't find it xD Sorry. Buona giornata.

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.