La nostra unica speranza, capitolo 08

462Report
La nostra unica speranza, capitolo 08

AVVERTIMENTO! Tutti i miei scritti sono destinati SOLO agli adulti di età superiore ai 18 anni. Le storie possono contenere contenuti sessuali forti o addirittura estremi. Tutte le persone e gli eventi raffigurati sono di fantasia e qualsiasi somiglianza con persone vive o morte è puramente casuale. Azioni, situazioni e risposte sono SOLO fittizie e non dovrebbero essere tentate nella vita reale.

Tutti i personaggi coinvolti nell'attività sessuale in questa storia hanno più di 18 anni. Se hai meno di 18 anni o non capisci la differenza tra fantasia e realtà o se risiedi in qualsiasi stato, provincia, nazione o territorio tribale che proibisce la lettura degli atti raffigurati in queste storie, per favore smetti immediatamente di leggere e spostati in un posto che esista nel ventunesimo secolo.

L'archiviazione e la ripubblicazione di questa storia sono consentite, ma solo se nell'articolo sono inclusi il riconoscimento del copyright e la dichiarazione di limitazione d'uso. Questa storia è protetta da copyright (c) 2019 di The Technician.

I singoli lettori possono archiviare e/o stampare singole copie di questa storia per uso personale e non commerciale. È espressamente vietata la produzione di più copie di questa storia su carta, disco o altro formato fisso.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

* * * * * * * * * * * *

Capitolo Otto

Il quarto piano

Sono tornato al Blue Deuce poco dopo mezzanotte. Lo stesso cameriere era ancora in servizio. Mi salutò con “Bentornato, signor Guthrie. Parcheggerò la tua auto in uno dei nostri posti VIP. Di' loro semplicemente alla reception quando sei pronto per partire e io lo avrò pronto per te.

Gli ho consegnato le mie chiavi e una banconota da venti e ho detto: "Ricorda che è elettrico... coppia elevata e tutto il resto".

"Non lo dimenticherò", rispose mentre prendeva le chiavi e il conto. È divertente come spendere ventimila dollari in un club in una notte migliorerà notevolmente il servizio offerto dallo staff. Evidentemente la voce circola in fretta.

Passai davanti al banco della reception fino all'ascensore, che era aperto perché qualcun altro era appena entrato. Gli ascensori sono trappole mortali e normalmente non entrerei mai in uno che si aprisse così comodamente, soprattutto con un uomo piuttosto tarchiato due pollici più alto di me che entra per primo. Ma poiché ero solo Harold Guthrie, un ricco uomo d'affari dell'Ohio che non sarebbe stato neanche lontanamente paranoico come W, entrai nell'ascensore.

Ho fatto scorrere la chiave magnetica nel lettore sotto i pulsanti standard e ho aspettato. La mia corda si è un po' più tesa quando abbiamo iniziato a salire invece che a scendere, ma poi ho notato che il pulsante per il secondo piano era stato premuto. L'altro uomo era evidentemente solo un visitatore tardivo della terra della schiavitù, della sottomissione e della disciplina. Lui e io abbiamo evitato di guardarci l'un l'altro secondo la routine richiesta a tutti i viaggiatori dell'ascensore finché le porte non si sono aperte al secondo piano e lui è sceso. Ho nuovamente strisciato la mia carta e abbiamo iniziato a scendere.

Ho guardato le luci sopra la porta mentre mostravano 2, poi 1, poi niente mentre continuavamo ancora a scendere. Sembrava che fossimo scesi altri due o tre piani prima che l'ascensore si fermasse e le porte posteriori si aprissero. Mi voltai e uscii lentamente in una nuova area reception. C'era una scrivania per hostess molto simile a quella che c'era al piano di sopra, tranne per il fatto che la hostess dietro questa scrivania indossava un colletto da schiava, un corsetto molto stretto, scarpe col tacco molto alto e nient'altro. Di solito non mi piace quel tipo di feticcio, ma lei sembrava dannatamente sexy lì in piedi.

"Per favore, fai scorrere la tua carta per verificare l'iscrizione e aprire una fattura per cibo e bevande", ha detto con un sorriso. Quando lo feci, lei disse "Seguimi", fece il giro dell'alta scrivania e cominciò a camminare nella stanza interna. Seguendola ho capito perché non mi piacciono i corsetti. Davanti, la pressione del corsetto le stringeva la vita e le spingeva verso l'alto le tette, ma da dietro interferiva con il movimento naturale dei suoi glutei. Il suo culo non si muoveva come avrebbe dovuto... o almeno come preferivo che si muovesse.

"Questa tabella è accettabile?" chiese allegramente, indicando un tavolo un po' indietro rispetto al centro. C'erano un paio di tavoli disponibili davanti, ma avevo la sensazione che avrei dovuto sborsare più di ventimila dollari per essere automaticamente accompagnati a quei posti.

"Va bene", dissi mentre mi sedevo in modo da poter vedere facilmente il palco e quelle che sembravano essere una o due attrazioni laterali agli angoli della stanza.

"Il tuo schiavo sarà con te a breve", cinguettò la padrona di casa mentre si voltava e tornava alla sua postazione. Al ristorante dell’hotel, le cameriere erano “server”. Al piano superiore, nel club principale, erano “servitori”. Quaggiù erano “schiavi”. Mi chiedevo se anche l'intrattenimento aumentasse o diminuisse di conseguenza.

Uno schiavo nudo uscì correndo pochi istanti dopo. Corse letteralmente al tavolo e si lasciò cadere a terra ai miei piedi. Parlando dalla sua posizione prostrata, disse: "Questa schiava ti chiede perdono per il mio ritardo". Fece un respiro profondo e poi, sempre con la testa sul pavimento, disse: "Cosa può portare questo schiavo senza valore a uno stimato Padrone per il suo piacere?"

Con una battuta introduttiva del genere, mi sono chiesto cosa potesse esserci nel menu, ma ho deciso di restare con il bourbon... no, Yukon Jack. So che molti intenditori lo considerano uno sciroppo per la tosse fatto con scarti distillati di renna, ma trovo che il whisky canadese economico, aromatizzato con miele, sia un buon liquore da sorseggiare e non c'è pericolo che io possa accidentalmente berne troppo. Con Jack più di un sorso è più che sufficiente. "Yukon Jack", dissi. "... doppio... pulito."

Lo schiavo scappò nell'oscurità e ritornò pochi secondi dopo con un pesante bicchiere doppio pieno fino all'orlo di una bevanda color ambra. Ne presi un piccolissimo sorso e le annuii. «Per ora è tutto» dissi.

Indicò un pulsante di chiamata su un blocco vicino al centro del tavolo. "Se hai bisogno di qualcos'altro", disse in fretta, "quel bottone mi farà vibrare il colletto". Poi si voltò e corse di nuovo nell'oscurità. Mi chiedevo di quanti tavoli fosse responsabile e quanto velocemente avrebbe dovuto correre prima che la notte finisse.

Mi sono seduto per osservare ciò che mi circondava. Le cose sembravano più buie dell'oscurità standard del club al piano di sopra. Un sipario blu-nero scuro era tirato attorno all'area del palco principale e tutte le luci erano spente sul palco, ma potevo vedere... o forse sentire che c'era dell'altro nell'oscurità. La moquette sul pavimento era nera. Le pareti davanti erano coperte dalla stessa tenda opaca blu-nera che nascondeva il palco. Il soffitto era costituito da travi aperte dipinte di nero opaco. I muri, dove potevo vederli, erano o blocchi di cemento molto scuri vecchio stile o una sorta di finta pietra che avrebbe dovuto assomigliare al sotterraneo sotterraneo di un antico castello. Ho ridacchiato tra me. Questo era il club di mastro Walter. Questo si adattava alla sua personalità.

Su entrambi i lati del palco, davanti alle tende, c'erano piattaforme rialzate, nere, ovviamente. Sulla piattaforma a sinistra c'era una panca di legno per sculacciare che al momento era vuota. Sulla destra c'era uno strano tubo che sporgeva da esso quattro grandi sostegni imbullonati alla parte superiore della piattaforma. Nel complesso, sembrava che dovesse contenere un grande albero di Natale.

Mentre riflettevo su quale potesse essere il suo scopo, una discussione ad alto volume attirò la mia attenzione. Una forte voce maschile stava dicendo: "Ti avevo detto cosa sarebbe successo se mi avessi disobbedito stasera". Una voce femminile altrettanto forte implorò: “Per favore, Maestro, non lo farò più. Starò bene. Non farmi questo. Non costringermi a farlo in pubblico.

Mi stavo chiedendo cosa potesse essere "questo" quando le luci sulla piattaforma di sinistra si accesero e il Maestro al tavolo dove si stava svolgendo la discussione si alzò e cominciò a trascinare una ragazza nuda verso la parte anteriore. Le teneva una mano sul braccio vicino alla spalla. L'altra mano teneva il guinzaglio, che era stretto. Doveva essere una specie di guinzaglio con collare girocollo perché finché lui manteneva la tensione, lei si muoveva con lui. Tuttavia, quando lui allentava la presa del guinzaglio, lei lottava come se cercasse di sfuggire alla sua presa.

Una volta saliti sulla piattaforma, lui le lasciò il braccio e lei rimase a fissarlo con aria di sfida. Indicò la panchina e disse: "A posto o sarà peggio".

Lei tirò indietro il guinzaglio un paio di volte e poi disse: "Come potrebbe essere peggio che prendermi nel culo davanti a tutta questa gente?"

Lui rise e disse: "Potrei farmi supplicare di scoparti nel culo".

In risposta lei incrociò le braccia come una bambina di due anni arrabbiata e continuò a guardarlo torvo.

"OK allora", disse con rabbia. Poi gridò: "Potrei avere qualche aiuto quassù?" e due giovani muscolosi vestiti con jeans neri e magliette nere con la parola "Sicurezza" sulla schiena si sono precipitati sulla piattaforma. Fece loro un cenno e loro afferrarono la giovane donna per le braccia, quasi sollevandola da terra.

Questi due non erano muscoli del tipo testa-muscolo. Erano snelli ed efficienti e sapevano esattamente cosa stavano facendo. Posizionarono senza sforzo la schiava nuda sulla parte superiore della panca da sculacciata e poi uno di loro la tenne ferma mentre l'altro le legava gli stinchi al gradino imbottito inferiore. Una volta legata una gamba, lei ha provato a calciarlo con l'altra gamba, ma lui le ha afferrato l'inguine mentre lei iniziava a calciare e l'energia le ha lasciato la gamba. Non sembrava che le stesse afferrando la figa, ma sembrava invece che stesse premendo il pollice all'interno dell'articolazione della gamba nel suo inguine. Lei piagnucolò e abbassò leggermente la gamba. Lo afferrò e lo costrinse a posizionarsi. Gli ci vollero solo pochi secondi per fissarlo al gradino imbottito.

Poi le girò davanti e le afferrò le braccia. Mettendo un piede contro la parte inferiore del telaio della panca, tirò verso l'esterno, allungandole le braccia. Ciò costrinse i suoi fianchi in avanti in modo che fossero contro l'imbottitura superiore della panca. Il primo uomo della sicurezza le ha poi legato l'addome. La avvolse e si assicurò che i suoi seni pendessero nell'area aperta tra il supporto dell'addome e quello delle spalle, quindi le legò il collo in posizione. L'altro uomo gli tese un braccio alla volta e lui li spinse leggermente in avanti e le legò i polsi a delle cinghie accanto alla testa. Quando ebbero finito, sollevarono l'estremità anteriore della panca e la girarono in modo che fosse parallela alla parte anteriore della piattaforma.

“Grazie”, disse il Maestro in tono burbero, “ma resta qui. Potrei volere che tu giri di nuovo la panchina una volta che mi implora di scoparla.

"Questo non accadrà mai", quasi urlò lo schiavo legato. Poi sputò: “Ti odio! Ti odio! Ti odio!"

"No, non lo farai", disse il suo Maestro quasi gentilmente. "Tu mi ami. ... E tu adori questo. Lui le fece scorrere la mano lungo la schiena e sul sedere prima di continuare: "Non puoi convincerti a farlo a meno che non te lo costringa io."

Lui si allontanò da lei e le tese la mano. Una cameriera nuda corse avanti e gli mise in mano una corta pagaia di cuoio nero. Si mosse per mettersi accanto al suo schiavo, picchiettando dolcemente la pagaia contro la sua mano. "Mi implori", disse. "Implorami di incularti davanti a tutta questa gente."

In risposta, la schiava legata scosse violentemente la testa avanti e indietro.

“OK, allora”, disse il Maestro, “lo facciamo nel modo più duro”. Poi cominciò a sculacciarle il culo con la pagaia di cuoio. È stato bello vedere qualcuno che sapeva come usare correttamente questo tipo di pagaia flessibile e scattante. Ha iniziato con delle sculacciate standard che ha distribuito su tutto il culo e sulla parte superiore della coscia. Ogni sculacciata colpiva con un forte "Thwack!" e i colpi erano uniformemente distanziati di poco più di un secondo.

Dopo forse un minuto, iniziò a muovere il polso che cambiò il suono della pagaia nell'aria e il suono che colpiva il sedere dello schiavo. Ci fu un leggero sibilo appena prima di un forte "Thawack!" Potevi sentire la punta della pagaia colpire pochi microsecondi prima che la parte principale della pagaia colpisse la carne. Non la stava più riscaldando, stava colpendo per effetto. E in effetti ha avuto un effetto. Iniziò a grugnire e a dimenarsi ad ogni colpo.

Dopo un po’, cominciò a urlargli contro: “Bastardo! Stronzo! Figlio di puttana!" Continuò una rotazione variegata di quelle urla per i successivi cinque minuti circa. Poi si fermò e camminò fino alla parte anteriore della piattaforma. Rimase lì con la pagaia abbassata davanti al suo viso.

"Ci sono due modi per fermare tutto questo", disse con fermezza. "Puoi usare la tua parola di sicurezza... o puoi implorarmi di fotterti nel culo."

Lei lo guardò con aria di sfida e non disse nulla, così lui tornò in posizione e riprese a sculacciare. Adesso portava la pagaia ben oltre la spalla ad ogni colpo. Il sibilo ora sembrava leggermente più acuto e il suono stesso della sculacciata era tornato ad essere un "Thwack!" molto forte. Ho guardato diversi colpi prima di rendermi conto che stava fermando la mano leggermente sopra la guancia e lasciando che la flessione della pagaia proseguisse attraverso il colpo stesso. Questo è molto difficile da fare e toglie parte dell'energia allo schiacciamento, ma concentra il colpo su un'area di carne molto più piccola.

Dopo solo un paio di dozzine di questi schiaffi, ha gridato: “Stop! Fermare! Per favore fermati!"

"Sai cosa fermerà tutto questo", rispose. "O dici la tua password o mi implori di fotterti nel culo."

Lei lo guardò con aria di sfida e lui ricominciò a far oscillare la pagaia. Una mezza dozzina di schiaffi dopo gridò: “Stop! Fermare! Fanculo a me! Fanculo a me!"

Si chinò vicino alla sua testa e disse con tono quasi infantile: "Vaffanculo dove?"

“Fammi il culo. Fottimi nel culo", gridò e cominciò a singhiozzare.

Il Maestro fece cenno ai due uomini della sicurezza che erano in piedi e loro saltarono di nuovo sulla piattaforma. "Voglio che guardi tutte le persone che la guardano mentre la scopo nel culo", disse con fermezza. I singhiozzi dello schiavo aumentarono notevolmente quando lo disse.

Dopo che la panca per sculacciate fu girata in modo che lo schiavo guardasse dritto verso la folla, i due uomini della sicurezza lasciarono la piattaforma. Mentre il Padrone camminava dietro allo schiavo, una cameriera nuda corse verso e gli porse un tubetto di lubrificante. Tornò indietro davanti alla panchina e tenne il tubo davanti alla faccia dello schiavo. "Dovrei scoparti senza questo", disse, "ma avrai abbastanza dolore per le sculacciate."

Poi le girò dietro e si aprì la patta. Era straordinariamente nella media. Non sembrava essere eccessivamente lungo, ma la sua circonferenza probabilmente avrebbe reso l'anale non molto piacevole per la maggior parte delle donne. Spruzzò un po' di lubrificante tra le natiche gonfie della schiava e cominciò a strofinarlo sul suo bocciolo di rosa.

Cominciò subito a gemere leggermente. Sicuramente non era un grido di dolore. Era molto eccitata e rispondeva alle sue dita che entravano e uscivano dal suo culo. Lavorò su di lei per diversi minuti, passando lentamente da un dito a due e poi a tre e poi spingendo tutte e quattro le dita, riunite a cuneo, dentro e fuori dal suo buco del culo ora disteso.

Stava cominciando a indietreggiare contro di lui e gridava con voce rauca: “Fanculo! Fanculo a me! Per favore, fottimi!"

"Stai dimenticando qualcosa", disse beffardamente il Maestro.

"Fammi il culo!" urlò in risposta lo schiavo. "Per favore, fottimi nel culo!"

"Dato che implori così bene", rispose e spinse il suo cazzo nel bocciolo di rosa in attesa. Scivolò all'interno di circa un centimetro senza una reale resistenza, ma poi si fermò mentre lei si apriva lentamente per consentirgli l'ingresso completo. Poi ha iniziato a pompare lentamente.

Mentre pompava, le fece scorrere le mani lungo il sedere, provocandole ovviamente dolore mentre massaggiava i lividi rossi e viola. In risposta, lo schiavo cominciò a emettere un gemito basso e rauco che divenne sempre più forte. Era misurato con i suoi colpi di pompaggio come lo era stato con i suoi colpi di sculacciata. Non c'era indicazione di nulla da parte sua mentre lei continuava a diventare più rumorosa e le sue lotte contro i suoi legami diventavano sempre più frenetiche.

Dopo diversi minuti, le sue grida divennero improvvisamente molto acute e cominciò a gridare: “No, no, oh Dio, no. Non farmi venire. Non farmi venire mentre mi inculo davanti a tutte queste persone. Non lasciare che queste persone mi vedano cuuuuuuummmmm!

Mentre lei urlava la parola "cum" un'ultima volta, lui la conficcò con forza nel culo, allungandosi in avanti e afferrandole i fianchi per darsi una potenza ancora maggiore mentre spingeva dentro di lei e, dal suo leggero grugnito, sgorgava nelle sue viscere.

Il Maestro si tirò fuori dalla sua schiava poco dopo aver raggiunto l'orgasmo, lasciandola singhiozzare e gridare a bassa voce: “Mi vergogno così tanto. Mi vergogno così tanto.

Una cameriera nuda gli corse incontro e gli porse un piccolo asciugamano o un tovagliolo. Si asciugò e si rimise nei pantaloni. La schiava Dolly nel frattempo continuava la sua litania singhiozzante: “Mi vergogno così tanto. Mi vergogno così tanto.

Lui le diede una pacca sul sedere e disse: "Bene, allora ti lasceremo qui per un po' così la gente potrà vedere che aspetto ha davvero una troia dal culo umiliato." Lei gemette forte di disperazione mentre lui scendeva dalla piattaforma e tornava al suo tavolo. Appena si fu seduto, una cameriera nuda corse fuori per vedere se desiderava qualcosa ora che aveva finito con il suo schiavo.

Un rumore dall'altra parte del club riportò la mia attenzione sulla piattaforma di destra. Sei uomini della sicurezza stavano trasportando un grosso oggetto metallico rotondo sulla piattaforma. Riconobbi quell'oggetto e riconobbi la donna legata al centro. Era la Signora Tenesha nel suo globo d'acciaio.

I sei uomini posizionarono il globo sul suo supporto. C'era un grande apparecchio rotondo che sembrava essere attaccato al globo e adattarsi esattamente all'asta della piattaforma. Era difficile dire se il globo fosse sostenuto dall'asta o dall'apparato. Forse hanno lavorato insieme. Un grosso cavo elettrico riconduceva sotto il sipario. Una volta che gli uomini furono sicuri che il globo fosse al suo posto, uno di loro andò nel backstage e evidentemente avviò il meccanismo perché il globo cominciò a girare lentamente.

"Signore e signori", disse il maestro Walter dal centro del palco, in piedi davanti al sipario, "Maestri e padrone, vorrei presentarvi la signora Tenesha White nel suo mondo di dolore."

Non appena pronunciò quelle parole, diversi archi bianco-azzurri balzarono dalle vette interne del globo alla pelle della Padrona. "Ogni volta che suonerai i tuoi server stasera", disse, con un ampio sorriso, "suonerai anche la signora Tenesha." Si fermò per guardarla e ridacchiò. "So che a molti di voi piacerà moltissimo." Ridacchiò di nuovo. "La signora Tenesha, tuttavia, non lo farà."

Come per accentuare il suo punto, molti altri archi saltarono dalle vette metalliche e Madama Tenesha urlò di dolore. Il Maestro Walter alzò leggermente lo sguardo e disse: “I tedeschi e gli argentini hanno già riscattato i loro maestri e le loro maestre. Perché non è stato fatto nulla per la signora Tenesha?" Alzai lo sguardo al soffitto dove mastro Walter aveva fissato lo sguardo. La cupola nera di una telecamera di sicurezza era appena visibile tra le capriate d'acciaio nero.

I riflettori che illuminavano mastro Walter si spensero e lui uscì dal palco. Pochi istanti dopo, le tende lungo le pareti laterali sono state tirate verso l'area del palco, rivelando cinque persone nude legate contro le pareti di cemento. Non ne ho riconosciuti due, ma uno era mastro Tyrone, una era la signora Kelly e l'altra era maestra Barbette. Maestra Barbette era semivestita in uno stretto corsetto che metteva in risalto i suoi seni, ma sotto il corsetto era nuda. O forse dovrei dire che era nudo sotto il corsetto perché sotto il corsetto c'erano ovviamente i genitali maschili.

Maestra Barbette era un Maestro travestito travestito il cui feticcio segreto non fu scoperto finché non fu elevato dal Consiglio dell'Ombra al Cerchio Interno. Sentiva di non poter accettare la posizione a meno che il resto del Cerchio Interno non avesse pienamente saputo cosa fosse e non l'avesse accettato, quindi prima del loro voto si rivelò ai membri del Circolo. Dire che è stato uno shock per la maggior parte del circolo sarebbe un eufemismo. Era stato un'ombra femminile per il Maestro Brodrick che non aveva mai rivelato al Circolo che Mistress Barbette era un uomo. Nessuno poteva chiedere a Mastro Brodrick se lo sapeva perché era stata la sua morte a elevare Mistress Barbette a una posizione nel Circolo. Dopo un lungo discorso, il Circolo disse che lo avrebbero accettato, ma solo come Maestro, poiché era un uomo. Sosteneva che poiché era un uomo che si vestiva da donna, avrebbe dovuto essere ricevuto come un'amante. Alla fine, uno dei membri del Cerchio disse: “Cosa dovremmo fare? Riceverti come Maestra?» La signora Barbette rispose: "Esattamente!" e questo è ciò che è stato fatto. Maestra Barbette divenne il primo membro travestito dell'Inner Circle.

Sapevo che se fossi andato via adesso, sarebbe apparso sospetto, quindi ho deciso di restare per lo spettacolo, o qualunque cosa passasse per intrattenimento qui al Quarto Piano. Avevo appena bevuto un altro sorso del mio Jack quando l'impianto audio iniziò a emettere una melodia molto familiare e quattro uomini della sicurezza camminarono lentamente lungo il corridoio portando un cesto appeso a due pali tenuti sulle loro spalle. Il sipario si aprì e salirono le scale fino al palco.

Dopo aver posato il cestino e lasciato il palco, un braccio verde dall'aspetto familiare ha iniziato a sollevarsi dal cestino. Aveva appena cominciato ad alzarsi dal cestino quando ho notato che qualcuno allontanava l'altra sedia dal mio tavolo. Girai leggermente la testa e vidi Walter Monty seduto accanto a me.

"Allora", ha detto annuendo verso il palco, "è questo lo spettacolo che ricordi dell'Iowa?"

Il fatto che dietro di lui ci fossero almeno quattro uomini della sicurezza oltre alle sue guardie del corpo mi ha fatto capire che la mia risposta era molto importante. In effetti, la mia vita potrebbe benissimo dipendere da ciò che ho detto. Ovviamente, qualcosa era lo stesso e qualcosa era diverso dallo spettacolo a cui avevo assistito in Iowa. Ho sorseggiato il mio drink, cercando di sembrare rilassato e allo stesso tempo esaminando attentamente tutto ciò che vedevo sul palco. Il cestino era diverso da quello usato al [/i]Colonel Boogie[/i], ma Wyatt aveva solo due persone che lo aiutavano, quindi non c'era modo che avrebbero potuto portare il cestino sospeso tra due pali. Osservando più attentamente la ballerina, ho potuto vedere che sembrava leggermente diversa dalla ballerina che avevo visto in Iowa. Sembrava più vecchia e... più dura.

Ho bevuto un altro sorso. Forse questa era una trappola. No, questa era sicuramente una trappola. Mastro Walter stava cercando di verificare in qualche modo QUANDO ero stato al club di suo fratello. Non avevo modo di sapere la risposta corretta, quindi dovevo solo seguire il mio istinto e indovinare.

"Bene", dissi, "la ragazza sembra la stessa, ma quello è decisamente un cestino diverso."

"Sono sorelle", disse mastro Walter. "Volevo dare alla sua sorellina la possibilità di sfondare in un posto dove ciò non avrebbe influenzato la reputazione del mio club, quindi l'ho mandata in Iowa. La sorella maggiore voleva proteggere la sorellina ed è andata lì per un paio di settimane per assicurarsi che tutto fosse al sicuro. La sorellina ha appena iniziato lì venerdì scorso.

Guardai mastro Walter e assunsi la mia espressione più preoccupata. "È successo qualcosa di brutto a tuo fratello, vero?" Ho detto. "E dovevi essere sicuro che non avessi niente a che fare con tutto ciò." Ho fatto una pausa e ho detto: "Spero che non sia qualcosa da cui non puoi aiutarlo a uscire".

"Non è un tuo problema", disse in tono piatto. "Me ne occuperò io."

Poi si rivolse agli uomini in piedi dietro di lui e disse: “Ha fatto il check-out. È solo uno stupido ricco bastardo dell’Ohio”.

Ho aspettato che lui e il suo entourage fossero tornati nell'oscurità prima di riprendere il mio drink. Non volevo che vedesse quanto tremava forte la mia mano. Uno di questi giorni indovinerò male, ma finora il mio istinto non mi ha deluso.

Alla fine ho bevuto un bel sorso del mio drink e ho visto Lady, la sorella maggiore, Anaconda ballare per la stanza, scivolando da un tavolo all'altro. Mentre passava davanti al mio tavolo, ho potuto vederla meglio. C'era una somiglianza familiare con la giovane donna che ballava al Colonel Boogie, ma questa donna sembrava molto più dura e più... esperta della sorella minore. Mi chiedevo quanti anni di ballo in locali come questo ci fossero voluti prima che una donna acquisisse quel guscio duro e di plastica.

Ho aspettato che tornasse sul palco ballando e poi ho premuto il pulsante di chiamata del server al centro del mio tavolo. L'urlo di Mistress Tenesha mi ha ricordato che non è stato solo il mio server a "ronzarsi" quando ho premuto il pulsante. Il mio incontro ravvicinato con Walter Monty mi aveva distratto e me ne ero dimenticato. Forse era meglio così. Anche se avessi saputo cosa avrebbe fatto, avrei comunque dovuto premere il pulsante. Harold Guthrie sarebbe felice di sentire urlare la donna legata nella sfera di metallo. Potrebbe anche premere il pulsante un paio di volte in più solo per sentire il suono delle sue urla.

Il mio schiavo corse al mio tavolo. "Hai un menu?" Ho chiesto. "Potrei essere dell'umore giusto per provare qualcosa di nuovo."

Lei rispose: “Posso recitarti il ​​menu. Vuoi cibo o bevande?"

"Bevanda", ho risposto.

"Birra, vino o liquore?"

Era come usare un menu on-line. "Birra, credo", dissi, chiedendomi cosa avrebbe detto dopo.

Ciò che fece fu iniziare una litania di ogni birra che portavano sia alla spina che in lattina o bottiglia. Stavo cercando di non ridere quando all'improvviso ho sentito: "Weihenstephaner Hefeweissbier Dark".

"Aspettare!" dissi rapidamente. “Torna a quello dal suono strano. Sembra diverso. In realtà conosco molto bene quel marchio. La Weihenstephaner è una birra scura tedesca importata negli Stati Uniti.

“Weihenstephaner Hefeweissbier scura?” lei chiese.

“Sì”, dissi, “quello. Va bene?"

"È una birra scura se ti piace questo genere di cose", ha detto. Era ovvio che non era la sua scelta di bere.

“Non so se mi piacerà”, ho risposto, “ma stasera sto provando un sacco di cose nuove, quindi perché no?”

Meno di un minuto dopo, sul mio tavolo c'erano una bottiglia da 1 litro di Weihenstephaner Hefeweissbier Dark e un bicchiere ghiacciato e smerigliato. Non mi sono preso la briga di dirle che la birra o la birra tedesca dovrebbero essere servite a temperatura ambiente o solo leggermente fredde. Harold Guthrie non saprebbe una cosa del genere. Sembrava che la bottiglia fosse solo leggermente fredda, quindi ho tenuto il bicchiere in mano per circa un minuto, scaldandolo mentre fingevo di cercare di leggere l'etichetta sulla bottiglia. Poi ho versato la birra nel bicchiere. Ho fatto scivolare la prima parte della bottiglia lungo il lato del vetro e poi l'ho spostata verso il centro per creare una vera e propria testa. Quando ho finito, ho avuto qualcosa di cui godermi mentre aspettavo il momento opportuno prima di partire.

Avevo appena bevuto il primo sorso quando Walter Monty salì sul palco. Lady Anaconda se n'era andata. I quattro uomini con le pertiche avevano riportato il suo cestino fuori dal club mentre io armeggiavo con il bicchiere. Non avevo visto come avesse concluso il suo atto, ma presumo che in qualche modo sia effettivamente caduta di nuovo nel cestino poiché le luci non si erano mai abbassate.

"Abbiamo bisogno di un volontario", annunciò ad alta voce. Poi rise e disse: "... o un partecipante riluttante".

Mentre parlava, due uomini della sicurezza hanno fatto rotolare sul palco uno strano dispositivo. Era lungo circa un metro e ottanta e portava sopra quelli che sembravano due piccoli vagoni a pianale. Proprio al centro c'era un palo d'argento.

«Ora, signori,» disse severamente mastro Walter, «non fatemi estrarre i numeri dei soci.

Ho sentito una giovane donna lamentarsi ad alta voce: "Ma sono andata lassù l'ultima volta che siamo stati qui".

"Lo so", rispose il suo Maestro. “Ecco perché siamo tornati.”

Una rossa alta e slanciata si alzò e camminò lentamente verso il palco. Fatta eccezione per il collare e il guinzaglio, era completamente nuda. Sebbene fosse priva di tutti i capelli sotto il collo, non c'erano dubbi che fosse una rossa naturale. Solo le vere rosse hanno i capezzoli così rosa e solo le rosse naturali hanno quel rosa tra le gambe. Le sue labbra, così come parte della pelle fuori dalla fessura, erano di una tonalità rosa brillante.

Mentre saliva sul palco, il suo padrone gridò ad alta voce: "Mostragli il tuo piccolo buco del culo rosa, dolcezza". Si fermò e si piegò in avanti all'altezza della vita finché la sua testa non fu quasi sul pavimento. Il suo bocciolo di rosa sembrava decisamente un bocciolo di rosa che brillava tra le sue guance bianche di porcellana.

Ci fu un grido da ubriaco che diceva "Devo assaggiarlo" e un giovane molto ubriaco si avviò barcollando verso il palco. Sei uomini della sicurezza sono apparsi dal nulla e lo hanno afferrato mentre era ancora a una buona distanza dai gradini. Uno di loro disse ad alta voce: “Ora, ora, Frankie, vieni con noi e chiameremo tuo padre. Ancora una volta, e lui ti revocherà i privilegi... o lo faremo noi."

Il giovane ubriaco andò con loro volentieri. Non aveva davvero molta scelta. Un uomo della sicurezza era ai suoi lati e gli teneva stretto il braccio appena sotto la spalla. Un altro era dietro di lui e gli teneva saldamente il collo. Uno degli altri uomini della sicurezza camminava davanti a loro mentre si dirigevano verso il retro del club. Gli altri due camminavano dietro di loro, girando la testa avanti e indietro nel caso avesse con sé qualche amico ubriaco che potesse voler provocare una scenata. Sono rimasto decisamente colpito dal team di sicurezza di Walter Monty.

Intanto sul palco mastro Walter diceva: "Le sicurezze sono inserite", mentre prendeva per mano la schiava nuda e la posizionava sulla strana macchina. Si assicurò che un piede fosse su ciascuno dei piccoli vagoni pianali e che il palo lucido fosse puntato direttamente tra le sue gambe. Una giovane donna nuda, forse una delle cameriere, salì sul palco e legò i piedi dello schiavo.

"Dobbiamo portare questo palo alla giusta altezza", disse il Maestro Walter mentre girava e sollevava la lancia lucente e la spingeva leggermente nella fica dello schiavo.

"Ora ti diamo qualcosa a cui aggrapparti", disse allegramente mentre l'aiutante nudo sollevava una catena e fissava un sistema di ritenuta sulla mano sinistra dello schiavo. Ha poi ripetuto la procedura con la mano destra. Quando ebbe finito, le catene si allentarono, ma il maestro Walter sollevò quello che sembrava un telecomando e disse: "Mettiamo i tiranti a mano". Premette un pulsante ed entrambe le catene si tesero. O erano caricati a molla o, più probabilmente, erano collegati a un sistema a cricchetto azionato elettricamente da qualche parte.

"Ecco come funziona", spiegò allo schiavo ovviamente spaventato. "Una volta rilasciati, i rulli del piede saranno liberi di scorrere completamente verso l'esterno o verso l'interno." Ridacchiò. “Non li vuoi in nessuna di quelle posizioni. Quello che vuoi fare è tenere i piedi esattamente dove sono adesso. Pensi di poterlo fare? ... per dieci minuti?"

Il dolce schiavo annuì molto nervoso. Quindi il maestro Walter si rivolse alla folla e chiese ad alta voce: "Pensate che possa farlo?"

There were several calls of “Yes,” but the majority called out, “No.” One very loud voice, which sounded like her Master, yelled out, “Hell no!”

Master Walter again turned to the now terrified slave and said, “Since so many of the people here think you can’t do it, we are going to give you some encouragement. Whenever the sliders come all the way in, you will feel an electric shock on your feet like this.”

The slave yelped and attempted to pull her feet together and lift her cunt off the silver pole. Master Walter laughed and said, “I think you have discovered that since both feet are riding on the same rail, we had to find somewhere else to act as a ground terminal for our electric current.” He laughed again and wiggled the shiny pole that was impaling slave cutie-pie. “Or maybe I should say we found a ground stake.”

He looked at slave cutie-pie who was starting to breathe hard and was looking like she was close to panicking. “Now that was an unpleasant shock, wasn’t it?” Master Walter asked her. Then he said, “But the shock is three times stronger if you let the foot sliders touch the outside stops.”

Master Walter now stood alongside the machine and once again held up his remote. “The controls are set for ten minutes” A digital display descended from above showing 10:00 minutes on it. “... and once the timer starts nothing can stop it... not me... not you... and definitely not slave cutie-pie.”

I doubted that was true. I was sure that a simple push of a button on the remote would shut down the machine, but Master Walter was making it clear to everyone– especially slave cutie-pie– that her safeword would be ignored for the next ten minutes.

“So that you don’t accidentally fall off the machine,” Master Walter said firmly, “we’ll need a safety support.”

A cable now descended from the ceiling. The cable was split in two about three feet from its end. The two branches connected to what looked like a steel posture collar with Frankenstein bolts extending out several inches from the sides of the neck area.

“This is one size fits all,” Master Walter said cheerily as he strapped the metal posture collar in place around slave cutie-pie’s neck. It was somewhat loose on her neck, with plenty of room for her own collar under it, but the flare which went under her chin and behind the back of her head seemed to be adequately tight to hold her head. Once it was in place, he used his remote to tighten the cable until she was just barely held upright by it.

“A drum roll please,” he said dramatically and the sound of a drum came over the speakers. On the final hit of the drum roll, he pressed something on the remote and slave cutie-pie’s legs suddenly slid wide apart.

You could hear the sliders slam against the outside stops just before she screamed and pulled her legs back together. She screamed again as the sliders hit the inside stops. There were four or five more slams and screams as the sliders slid to the inner and outer extremes before slave cutie-pie was finally able to stop her legs mid-way and prevent further shocks.

She stood rigidly still for a moment, but then one of her feet moved slightly and she tried to pull her legs partially together to stop the slide. With both feet sliding freely, however, she overcorrected and slammed her legs together. This time she didn’t scream, but only yelped slightly as the current went through her feet and her cunt. She tried stopping her legs as they automatically spread from the pain of the shock, but she was unable to regain control and her left leg went all of the way out.

There was no loud slamming clunk this time, and no scream. There wasn’t even a yelp, just a low-pitched grunt as the current buzzed her left leg and her cunt. I could see muscle tension in her arms as she tried– unsuccessfully– to stabilize herself. Her left leg pulled in while her right moved out and she ended up hitting the stops with both feet, her left leg hitting the inside stop and the right leg hitting the outside stop.

Without pulling her right leg in, she moved her left leg out until it, too, was against the stop. Then, with her body vibrating from the shocks, she slowly pulled both legs inward until they were at the midway point. The look of relief on her face lasted for several seconds until one foot again started to move slightly. She pulled as hard as she could against the chains holding her hands, but the little stabilization that pull provided wasn’t enough and the whole cycle began again.

When the shocks hit, she threw back her head and again screamed loudly. This time much more loudly than she had originally screamed. She also lost control of her bladder and sprayed the stage. Obviously, the voltage had stepped up higher. Her body now more than vibrated. It shook violently as the higher voltage assailed her feet and her cunt, the current coursing through her legs causing them to shake like a cheap Elvis impersonator. She must have done a cleansing routine in preparation for going out with her Master tonight because she did not lose control of her bowels– or at least there was nothing to expel.

This cycle of pulling herself into the center and holding it for a few moments before losing control and slamming into either the inner or outer stops continued. The voltage evidently stepped up twice more, judging from the yelps and the increased shaking of her legs. Finally, shortly after the timer read 03:00, she gave up, letting her legs spread completely and hanging there from the weird posture collar letting the voltage bounce and shake her body like a marionette on a puppet stage.

When the timer finally ran out, there was a huge burst of applause from the crowd. Master Walter went back up on stage and called for some assistance from his security men. Four of them hurried up on stage and held slave cutie-pie while he adjusted the chrome spike down out of her cunt. When he removed the steel posture collar, she slumped forward and would have fallen if it had not been for the men holding her in place. Master Walter then stepped away and the men released her arm restraints and unstrapped her feet from the roller platforms. One of them then picked her up and carried her back to her Master’s table. When she appeared to have difficulty staying in the chair, one of the men produced a long, black silk scarf and tied it around her body under her arms to hold her in place. She sat there staring glassy-eyed at her own Master as Master Walter stepped back on stage to introduce another act.

While he was talking, I got up and walked to the elevator at the back of the club. I had seen enough. I now knew where Walter Monty was and where several of the hostages were held, including Master Tyrone and Mistress Tenesha. The only problem was that there was no way some simple trick out of Boris’ magic box was going to set them free. Master Walter was no Wyatt; his highly trained security team were not Bill and Ted; and the specially-constructed room beneath The Blue Deuce was no Colonel Boogie’s. I was going to need some serious help pulling this one off.

Luckily for me, among the few trusted people for whom Master Randolph had given me names was Sam Two Feathers. I knew Sam. I had helped him when his wife’s sister was abducted by some crazies who hated “Indians” but for some reason wanted Precious Rock as their squaw / sex slave. Sam knew who they were and where they were, but the tribal authorities wouldn’t listen to him because they considered him white. The local authorities wouldn’t listen to him because he was “just an indian,” and “it was an indian matter.” He needed a white man to act as a go-between with the racist white authorities and I was eminently qualified for that.

He would handle the tribal side of it. He was eminently qualified for that, or should have been. Sam Two Feathers was full-blooded Sioux, or at least as full-blooded as anyone can be anything, but he wasn’t on the official tribal registry and therefore was not a member of the tribe. His wife, Ruby Waters was removed from the tribal registry when she married Sam against her father’s wishes. Sometimes it’s nice to know that prejudice and bigotry isn’t isolated to one ethnic group.

We got Precious Rock back alive and intact, but she would need a lot of counseling and therapy before resuming her normal life. I had the foresight to take a couple of federal agents with us when we raided these scumbags’ love nest in the mountains. Their presence had a calming– or at least restraining– effect on Sam, so the four men who had abducted Precious Rock ended up alive, but would spend most of the rest of their lives in prison. In appreciation for returning Precious Rock, Sam’s father-in-law got Ruby Waters reinstated on the tribal registry. That means Sam Two Feathers’ children are official Sioux even though they live off the reservation.

Sam works as a private security consultant in the LA area. If you ask him what he does, he will tell you that he provides a scary face when rich people need to keep tourists and paparazzi away from their gates. I’ve seen his company at work and he definitely can provide more than just a scary face.

I waited until morning, got out an unused burner phone and re-registered the phone number to one of my standbys. Then, using my computer program, I texted him on his private number, “Hi Ho Silver to my favorite contrary. Need to talk. Burner phone #3. Text back time you will call.”

About fifteen minutes later, I received a text that said only, “14:05"

It was a little past eight in the morning, so that gave me some more needed sleep time. I woke up around noon and went down to the hotel restaurant for lunch. I debated taking a swim, but decided that a sunburn might interfere with the task at hand. Besides, if people saw me in swim trunks, they might wonder how a businessman from Ohio ended up with so many battle scars. I was waiting on my balcony when the phone rang at exactly five minutes after two.

If someone was somehow listening in on the call, they would have been very confused. Sam and I had talked about the Contraries in Sioux tradition. They lived their lives backward. They also talked backwards... sort of. Their answers were always reversed. When I called him my favorite Contrary, I indicated that this was to be a contrary conversation.

His first question was, “Is this W?”

“No.”

“Can you talk?”

“No.”

I then asked some questions of my own, beginning with, “Are you under any pressure from anyone concerning me?”

"SÌ."

Mi sono rilassato. The Monty brothers and their traitor within The Society weren’t pressuring Sam.

“What was the name of Tonto’s horse?” I asked.

“Silver,” He answered. Then he added, “The Lone Ranger rode Scout, Kemosabe.”

I laughed and said, “Enough contrariness. We need to talk in person.”

He said flatly, “High Rooftop Lounge, Venice Boardwalk, One hour.” Then he hung up.

It took me fifty minutes to drive to Venice Beach and another ten to find the High Rooftop Lounge. After I had climbed the stairs, the hostess came up to me and I said, “I am supposed to meet someone here.”

I was still trying to decide if Sam had given his real name when a young man with a very military bearing walked up to me and said, “Are you Kemosabe?”

The hostess looked shocked, but I nodded and said, “Yup.”

“Follow me,” the young man said and turned and walked to a nearly empty section of the club. Three additional very lean and muscular young men were standing near the outside edges of the roof. As we approached the table where Sam was seated, the man guiding me veered off and took up a post on the outside wall. All four young men were facing outward, forming a square around the table where Sam sat smiling at me. I had forgotten just how intimidating Sam Two Feathers’ smile could be.

“You look pretty good for a dead man,” he said as I sat down.

“What do you know about the Monty brothers?” I asked.

“I know you are after them,” he replied. “Master Randolph said you might be in touch, but... that was before the incident in Vegas.”

“Some poor sap stole the wrong truck,” I said slowly. “Unfortunate for him; lucky for me; they think I’m dead, so I’ve been able to infiltrate Walter Monty’s club here in LA.”

“And you need my help to capture him and free the hostages,” Sam said in his flat, bass-voiced way of talking.

“That pretty much says it all,” I answered.

“What have we got?” he said, leaning forward and setting a piece of paper and a pen on the table. I started drawing the layout as best I could remember.

“The only entrance seems to be the elevator from The Blue Deuce,” I explained, “but I’m betting there are fire escapes or rat holes out through the strip mall. We might be able to get in through there.”

“Have you looked at the Fire Marshall’s files on both buildings?” chiese.

“I think Boris would have checked that,” I replied and he laughed.

“Not unless he had someone on the inside or got a court order,” Sam said. “Those files aren’t kept on line. You have to go into the office itself to look at them, and you have to have a court order or be part of a Fire Marshall investigation.”

I said “Shit!” and Sam smiled at me.

“Luckily,” he said, “I have both... when I need them.” He then laid a small tablet on the table and brought up some images. There were three fire exits out of the hidden club area. Two led directly into the hallways. The third led through the dress shop.

“We will have to block the elevator entrance,” he said flatly, “and create enough threat and confusion that people will stampede out the safety exits.”

“How will they know they are even there?” I asked. “I was down there and didn’t see any indication of them.”

Sam smiled again. “In case of an earthquake,” he said in his flat way of speaking, “those doors will automatically open and guide lights will glow in the walls or on the ceiling.”

“Great!” I said, sounding much more animated than Sam. “Now all we have to do is arrange for an earthquake on cue.”

Sam’s smile widened. “Did you know,” he said, “that all elevators are required to have an earthquake sensor in the bottom of the shaft? And that a relatively small explosion would trigger that sensor?”

“Wouldn’t that be a little rough on anyone in the elevator?” I asked.

“I hate collateral damage as much as you do,” he said firmly. “There will be no one in the elevator because you will be the one triggering the blast. And with my help, Boris will have control of the elevator. But we have to go tonight before they move the hostages.”

Hopefully, the W team was about to score a surprise run in a game that was supposedly already over.

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

END OF CHAPTER

= = = = = = = = = = = = = = = = = = = =

Storie simili

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

2.7K I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

2.5K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.