La figlia di papà, parte 1

845Report
La figlia di papà, parte 1

Sono entrato in casa dopo una noiosa giornata a scuola. Papà non era ancora a casa perché lavora fino a tardi, quindi mi sono rilassato sul divano. Faceva così caldo che ho dovuto mettermi un paio di pantaloncini e una canottiera. Ho anche raccolto i miei lunghi capelli neri in una coda di cavallo. Dopo un'ora, papà si fermò a casa ed entrò. Sembrava esausto. Erano le 17 e lui era al lavoro dalle 6. Lavora in uno studio legale e attualmente sta lavorando su un caso molto difficile. Di solito questo lo tiene in ufficio tutto il giorno. Vado ad abbracciarlo e torno sul divano. Mi raggiunge dopo aver messo via cappotto e valigetta. Si appoggia allo schienale del divano con gli occhi chiusi. Non posso fare a meno di scrutare il suo corpo.
È imbarazzante e probabilmente inappropriato, ma sono attratto da mio padre ormai da più di un anno. Ho 17 anni adesso. Ha solo 36 anni e mi ha avuto quando era solo un ragazzino. Mia madre, o Tina come la chiamo io, pensava che avere un figlio non fosse abbastanza importante per restare. Preferirebbe ubriacarsi e inciampare su qualsiasi cosa su cui possa mettere le mani. Non la vedo da quando avevo circa 3 anni. Non la ricordo davvero. Papà però conserva ancora le sue foto. Per qualche motivo aveva il cuore spezzato. "Non supererai mai il tuo primo amore" è quello che dice sempre. Vedo il modo in cui mi guarda a volte. Ha questo sguardo triste negli occhi. Rispetto alle foto che ho visto, le assomiglio molto. Entrambi abbiamo capelli neri lunghi e ondulati e occhi nocciola. I nostri nasi sono gli stessi così come il tono della nostra pelle bianco crema.
Papà è leggermente più alto di me. Ha i capelli corti castani e gli occhi castani. Ha una leggera abbronzatura perché è italiano puro. Il suo petto è molto ben tonico. E ha il sorriso più dolce e sexy. Non posso fare a meno di fantasticare di avere le sue braccia forti che mi avvolgono come un amante e non come un padre. La sua voce mi strappa dal mio sogno.
"Com'è andata la giornata, tesoro?" Lui mi guarda e sorride. Il mio cuore si scioglie a questo. Adoro quando mi chiama "tesoro" o "piccola". Gli sorrido.
"Andava bene. Com'è andato il lavoro, papà?» Sospira e scuote la testa, dicendo qualcosa su come il cliente che ha continua a cambiare la sua storia. Ha paura di perdere questa causa. “Non preoccuparti, papà. Sei incredibile. So che puoi vincere." Lui sorride e mi accarezza la guancia.
"Grazie Tesoro. Sai sempre come farmi sentire meglio. Adesso cosa vorresti per cena?" Si alza e va in cucina. Seguo il suo esempio. Entrambi ci guardiamo intorno negli armadietti e non riusciamo a trovare nulla di cui abbiamo voglia. Finiamo per ordinare la pizza.
"Papà, possiamo iniziare un film prima che arrivi la pizza?" Glielo chiedo speranzoso. Adoro guardare film con lui perché possiamo coccolarci insieme sul divano, soprattutto se si tratta di un film spaventoso. Mi dice di andare a scegliere un film e di incontrarlo in soggiorno. Vado di sopra in camera mia per prendere un film e cambiarmi. Mi sono messa una delle vecchie magliette che papà mi ha lasciato avere quando era al college. È abbastanza lungo da poter indossare solo un paio di mutande sotto. Prendo "Saw" e scendo le scale. Papà è già sul divano. Inserisco il film e mi siedo accanto a lui. Mi mette un braccio attorno e mi avvicina a sé.
"Non mi sveglierò nel cuore della notte vedendoti che strisci nel letto con me, vero?" Papà dice ridendo. "Vorrei poter strisciare nel letto con lui ogni notte" Arrossisco mentre lo immagino.
"No papà, sono una ragazza grande adesso." dico ridacchiando. Mi bacia sulla fronte e torna a guardare lo schermo mentre inizia il film. Mi rannicchio più vicino a lui mentre il film continua, ma devo muovermi quando suona il campanello. Rispondo alla porta e prendo la pizza dal fattorino. Vado in cucina a prenderci i piatti. Quando mi siedo, papà ricomincia il film. Mangiamo in silenzio e torniamo a coccolarci fino alla fine del film. A quel punto sono mezzo addormentato con la testa sulle ginocchia di papà. Sento papà che mi dà un colpetto sul braccio per svegliarmi. Voglio restare così ancora un po' quindi faccio finta di dormire. Aspetta un minuto e poi sento la sua mano che inizia ad accarezzarmi i capelli. Sospiro felice e mi diverto. Poi l'altra mano si abbassa sulla mia spalla.
"Amy, tesoro, sei sveglia?" Sussurra. Non dico nulla e qualche secondo dopo la sua mano si abbassa ancora di più. Poi si ferma, come se stesse pensando. Lentamente la sua mano scivola sulla curva del mio fianco e si posa sul mio fianco. Smetto momentaneamente di respirare. Cosa sta facendo e perché? Sono così nervoso ma non voglio che si fermi. La sua mano mi strofina su e giù il fianco un paio di volte prima che inizi a scivolare sulla mia coscia. Sfortunatamente si ferma e si schiarisce la voce. “Tesoro, devi svegliarti. Si sta facendo tardi." Faccio finta di svegliarmi e di alzarmi dalle sue ginocchia. Per un secondo ho pensato di sentire qualcosa contro la mia guancia mentre mi massaggiava il fianco. Ma l'ho ignorato. Mi chino e gli bacio la guancia, augurandogli la buonanotte. Lui dice buonanotte e io vado di sopra in camera mia.
Mi sono sdraiato sul letto e ho sorriso tra me. Non posso credere che mi stesse toccando in quel modo. Cosa potrebbe averlo causato? Forse si sente come me. L'unico problema è scoprire se lo fa. Non posso semplicemente andare da lui e chiederglielo. Sono rimasto lì per un po' pensando a come tirarlo fuori. Alla fine ho deciso qualcosa. Dopotutto avrei fatto finta di avere paura e mi sarei intrufolato nella sua stanza. Ho aspettato finché non ho saputo che si sarebbe addormentato almeno a metà prima di alzarmi. Ho pensato di togliermi la biancheria intima e il reggiseno. Sì, sono un ottimista. Vado nella sua stanza e apro silenziosamente la porta.
"Papà, sei sveglio?" Sussurro nell'oscurità. Lo sento muoversi leggermente. Quindi lo chiedo di nuovo. Questa volta si siede e si guarda intorno confuso.
"Cosa c'è che non va, piccola?" Borbotta assonnato. Mi avvicino al suo lato del letto.
“Papà, avevi ragione, ho paura. Per favore, posso dormire nel tuo letto stanotte?" chiedo innocentemente. Ci pensa un attimo e annuisce. Poi si rimette a dormire. Sorrido e mi trascino sopra di lui dall'altra parte e mi infilo sotto le coperte. Mi avvicino a lui e premo la schiena contro il suo petto. Avvolge liberamente il suo braccio attorno al mio fianco e mi tiene. Di solito questo sarebbe normale. Ma questa volta sento qualcosa che preme contro la parte bassa della schiena. Sussulto realizzando di cosa si tratta. Ma allo stesso tempo sento il mio cuore battere forte. Lentamente e in silenzio mi giro per affrontarlo. Assicurandomi che stia di nuovo dormendo, faccio scivolare la mano sotto la coperta e lungo il suo corpo. Mi fermo quando sento qualcosa che sporge dai boxer.
Mordendomi nervosamente il labbro, avvolgo la mano attorno all'esterno del suo cazzo pulsante. Sembra enorme e difficile. Si contorce nella mia presa e alzo lo sguardo su di lui. Sta ancora dormendo ma sento un gemito sommesso sfuggire dalle sue labbra quando faccio scorrere la mano su e giù un paio di volte. Divento più audace e gli tiro il cazzo attraverso il buco dei boxer. Quando lo afferro, questa volta, sussulta leggermente. Mi fermo un secondo e poi torno ad accarezzarlo lentamente. Sono scioccato dal fatto che lo sto facendo proprio ora. Temendo che potesse svegliarsi, rimetto a posto i suoi boxer e comincio a girarmi. Il braccio di papà mi avvolge e mi tira indietro. Lo guardo ed è sveglio. Mi sussurra all'orecchio:
“Perché hai fermato, piccola? È stato così bello.

Storie simili

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

2.7K I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto...

1.4K I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.2K I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.