La figlia di papà, parte 1

1.4KReport
La figlia di papà, parte 1

Sono entrato in casa dopo una noiosa giornata a scuola. Papà non era ancora a casa perché lavora fino a tardi, quindi mi sono rilassato sul divano. Faceva così caldo che ho dovuto mettermi un paio di pantaloncini e una canottiera. Ho anche raccolto i miei lunghi capelli neri in una coda di cavallo. Dopo un'ora, papà si fermò a casa ed entrò. Sembrava esausto. Erano le 17 e lui era al lavoro dalle 6. Lavora in uno studio legale e attualmente sta lavorando su un caso molto difficile. Di solito questo lo tiene in ufficio tutto il giorno. Vado ad abbracciarlo e torno sul divano. Mi raggiunge dopo aver messo via cappotto e valigetta. Si appoggia allo schienale del divano con gli occhi chiusi. Non posso fare a meno di scrutare il suo corpo.
È imbarazzante e probabilmente inappropriato, ma sono attratto da mio padre ormai da più di un anno. Ho 17 anni adesso. Ha solo 36 anni e mi ha avuto quando era solo un ragazzino. Mia madre, o Tina come la chiamo io, pensava che avere un figlio non fosse abbastanza importante per restare. Preferirebbe ubriacarsi e inciampare su qualsiasi cosa su cui possa mettere le mani. Non la vedo da quando avevo circa 3 anni. Non la ricordo davvero. Papà però conserva ancora le sue foto. Per qualche motivo aveva il cuore spezzato. "Non supererai mai il tuo primo amore" è quello che dice sempre. Vedo il modo in cui mi guarda a volte. Ha questo sguardo triste negli occhi. Rispetto alle foto che ho visto, le assomiglio molto. Entrambi abbiamo capelli neri lunghi e ondulati e occhi nocciola. I nostri nasi sono gli stessi così come il tono della nostra pelle bianco crema.
Papà è leggermente più alto di me. Ha i capelli corti castani e gli occhi castani. Ha una leggera abbronzatura perché è italiano puro. Il suo petto è molto ben tonico. E ha il sorriso più dolce e sexy. Non posso fare a meno di fantasticare di avere le sue braccia forti che mi avvolgono come un amante e non come un padre. La sua voce mi strappa dal mio sogno.
"Com'è andata la giornata, tesoro?" Lui mi guarda e sorride. Il mio cuore si scioglie a questo. Adoro quando mi chiama "tesoro" o "piccola". Gli sorrido.
"Andava bene. Com'è andato il lavoro, papà?» Sospira e scuote la testa, dicendo qualcosa su come il cliente che ha continua a cambiare la sua storia. Ha paura di perdere questa causa. “Non preoccuparti, papà. Sei incredibile. So che puoi vincere." Lui sorride e mi accarezza la guancia.
"Grazie Tesoro. Sai sempre come farmi sentire meglio. Adesso cosa vorresti per cena?" Si alza e va in cucina. Seguo il suo esempio. Entrambi ci guardiamo intorno negli armadietti e non riusciamo a trovare nulla di cui abbiamo voglia. Finiamo per ordinare la pizza.
"Papà, possiamo iniziare un film prima che arrivi la pizza?" Glielo chiedo speranzoso. Adoro guardare film con lui perché possiamo coccolarci insieme sul divano, soprattutto se si tratta di un film spaventoso. Mi dice di andare a scegliere un film e di incontrarlo in soggiorno. Vado di sopra in camera mia per prendere un film e cambiarmi. Mi sono messa una delle vecchie magliette che papà mi ha lasciato avere quando era al college. È abbastanza lungo da poter indossare solo un paio di mutande sotto. Prendo "Saw" e scendo le scale. Papà è già sul divano. Inserisco il film e mi siedo accanto a lui. Mi mette un braccio attorno e mi avvicina a sé.
"Non mi sveglierò nel cuore della notte vedendoti che strisci nel letto con me, vero?" Papà dice ridendo. "Vorrei poter strisciare nel letto con lui ogni notte" Arrossisco mentre lo immagino.
"No papà, sono una ragazza grande adesso." dico ridacchiando. Mi bacia sulla fronte e torna a guardare lo schermo mentre inizia il film. Mi rannicchio più vicino a lui mentre il film continua, ma devo muovermi quando suona il campanello. Rispondo alla porta e prendo la pizza dal fattorino. Vado in cucina a prenderci i piatti. Quando mi siedo, papà ricomincia il film. Mangiamo in silenzio e torniamo a coccolarci fino alla fine del film. A quel punto sono mezzo addormentato con la testa sulle ginocchia di papà. Sento papà che mi dà un colpetto sul braccio per svegliarmi. Voglio restare così ancora un po' quindi faccio finta di dormire. Aspetta un minuto e poi sento la sua mano che inizia ad accarezzarmi i capelli. Sospiro felice e mi diverto. Poi l'altra mano si abbassa sulla mia spalla.
"Amy, tesoro, sei sveglia?" Sussurra. Non dico nulla e qualche secondo dopo la sua mano si abbassa ancora di più. Poi si ferma, come se stesse pensando. Lentamente la sua mano scivola sulla curva del mio fianco e si posa sul mio fianco. Smetto momentaneamente di respirare. Cosa sta facendo e perché? Sono così nervoso ma non voglio che si fermi. La sua mano mi strofina su e giù il fianco un paio di volte prima che inizi a scivolare sulla mia coscia. Sfortunatamente si ferma e si schiarisce la voce. “Tesoro, devi svegliarti. Si sta facendo tardi." Faccio finta di svegliarmi e di alzarmi dalle sue ginocchia. Per un secondo ho pensato di sentire qualcosa contro la mia guancia mentre mi massaggiava il fianco. Ma l'ho ignorato. Mi chino e gli bacio la guancia, augurandogli la buonanotte. Lui dice buonanotte e io vado di sopra in camera mia.
Mi sono sdraiato sul letto e ho sorriso tra me. Non posso credere che mi stesse toccando in quel modo. Cosa potrebbe averlo causato? Forse si sente come me. L'unico problema è scoprire se lo fa. Non posso semplicemente andare da lui e chiederglielo. Sono rimasto lì per un po' pensando a come tirarlo fuori. Alla fine ho deciso qualcosa. Dopotutto avrei fatto finta di avere paura e mi sarei intrufolato nella sua stanza. Ho aspettato finché non ho saputo che si sarebbe addormentato almeno a metà prima di alzarmi. Ho pensato di togliermi la biancheria intima e il reggiseno. Sì, sono un ottimista. Vado nella sua stanza e apro silenziosamente la porta.
"Papà, sei sveglio?" Sussurro nell'oscurità. Lo sento muoversi leggermente. Quindi lo chiedo di nuovo. Questa volta si siede e si guarda intorno confuso.
"Cosa c'è che non va, piccola?" Borbotta assonnato. Mi avvicino al suo lato del letto.
“Papà, avevi ragione, ho paura. Per favore, posso dormire nel tuo letto stanotte?" chiedo innocentemente. Ci pensa un attimo e annuisce. Poi si rimette a dormire. Sorrido e mi trascino sopra di lui dall'altra parte e mi infilo sotto le coperte. Mi avvicino a lui e premo la schiena contro il suo petto. Avvolge liberamente il suo braccio attorno al mio fianco e mi tiene. Di solito questo sarebbe normale. Ma questa volta sento qualcosa che preme contro la parte bassa della schiena. Sussulto realizzando di cosa si tratta. Ma allo stesso tempo sento il mio cuore battere forte. Lentamente e in silenzio mi giro per affrontarlo. Assicurandomi che stia di nuovo dormendo, faccio scivolare la mano sotto la coperta e lungo il suo corpo. Mi fermo quando sento qualcosa che sporge dai boxer.
Mordendomi nervosamente il labbro, avvolgo la mano attorno all'esterno del suo cazzo pulsante. Sembra enorme e difficile. Si contorce nella mia presa e alzo lo sguardo su di lui. Sta ancora dormendo ma sento un gemito sommesso sfuggire dalle sue labbra quando faccio scorrere la mano su e giù un paio di volte. Divento più audace e gli tiro il cazzo attraverso il buco dei boxer. Quando lo afferro, questa volta, sussulta leggermente. Mi fermo un secondo e poi torno ad accarezzarlo lentamente. Sono scioccato dal fatto che lo sto facendo proprio ora. Temendo che potesse svegliarsi, rimetto a posto i suoi boxer e comincio a girarmi. Il braccio di papà mi avvolge e mi tira indietro. Lo guardo ed è sveglio. Mi sussurra all'orecchio:
“Perché hai fermato, piccola? È stato così bello.

Storie simili

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.3K I più visti

Likes 2

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

1.4K I più visti

Likes 0

SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO In alto nella vita Domenica 23 dicembre, Notte Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù...

1.4K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.5K I più visti

Likes 1

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.3K I più visti

Likes 1

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.3K I più visti

Likes 1

Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

Il mio vicino è un guardone e si chiama Tom. Sì, conosco molto cliché, ma il suo nome è davvero Tom. Ora sono stato timido riguardo al mio corpo, è sinuoso e sì, sono un po 'sovrappeso per il mio telaio 5ft6, il mio culo è arrotondato, i miei seni sono molto grandi e le mie cosce sono più grandi di quanto vorrei. Tuttavia, sono tutto io e quindi è così. La maggior parte dei giorni di sole mi piace passeggiare in giardino in topless (almeno) a volte completamente nudo, annusando i fiori e sedendomi per prendere il sole. Quindi, comunque...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1.1K I più visti

Likes 0

Fanculo amici

Joe bussò alla porta chiedendosi cosa stesse facendo. Non aveva mai nemmeno incontrato questa ragazza e sperava solo che fosse pazza come lui. I suoi pensieri furono interrotti quando una ragazza sexy aprì la porta a cui Joe chiese Kelly è qui? a cui la ragazza alla porta ha risposto non è importante, ma perché non scopiamo proprio qui e ti darò un piccolo campione. suona bene disse joe mentre entrava in casa e cominciava a togliersi i vestiti. allora come ti chiami piccola? chiese Joe mentre si sbottonava la camicia. non importa piccola rispose lei in un sussurro sexy, afferrando la...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.