Addestrare un giovane schiavo

838Report
Addestrare un giovane schiavo

A causa di spammer e altri idioti, la sezione commenti è stata riservata solo ai membri. Puoi anche inviarmi eventuali commenti in privato. Fortunato Mann

Questa storia è stata modificata per soddisfare le nuove regole.


Addestrare un giovane schiavo

Il Maestro Jim aveva 30 anni, era alto un metro e settanta e pesava ben 190 libbre. Sua moglie, la padrona Dora, aveva 28 anni, era alta un metro e settanta e pesava 125 libbre, con capelli castano scuro lunghi fino alle spalle e capelli lunghi fino alle spalle. una bella coppa di tette di classe C che le piaceva mostrare. Tutto sommato erano una tipica coppia giovane in apparenza. Una coppia a cui piaceva addestrare e tenere giovani schiavi.

Come implicavano i loro titoli, Jim e Dora vivevano uno stile di vita basato sull'addestramento e sul dominio degli schiavi. Preferivano le signorine. Giovani donne che accoglievano in casa loro con il pretesto di aiutarle in un periodo difficile della vita delle ragazze. Una volta tornate a casa, le ragazze se ne andavano solo quando venivano vendute o morivano.

Jim e Dora vivevano in una grande casa rurale su tre livelli, compreso un seminterrato. A causa del loro stile di vita come Padrone e Padrona, la loro casa è stata progettata e costruita con un ampio sistema TV CC, serrature magnetiche attivate elettronicamente su tutte le porte e varie altre misure di sicurezza. C'erano anche diverse stanze nascoste. La più utilizzata era una cella di prigione insonorizzata simile a un seminterrato a cui si accedeva da una tromba delle scale nascosta dietro un pannello scorrevole nello studio. Il seminterrato era stato suddiviso in tanti piccoli ambienti che andavano dalla semplice cella ad una comoda camera da letto.

In una particolare sera d'estate, Jim e Dora erano annoiati. Non avevano nessuno con cui giocare. Un altro maestro aveva fatto loro un'offerta troppo allettante per poterla rifiutare. Quindi, il loro schiavo più recente, una rossa di 18 anni, era stato venduto.

Con la loro casa di campagna così tranquilla e nessuno con cui giocare, Jim e Dora hanno deciso di concedersi una bella cena fuori. Hanno selezionato un ristorante di lusso nel cuore di una vicina città di medie dimensioni.

Era ancora sera presto quando Jim e Dora furono condotti ai posti richiesti vicino alla finestra del ristorante. Da questi posti si godeva una bellissima vista del vicino fiume e del parco adiacente. Mentre il sole tramontava, la luna piena inondava l'intera scena di una luce soffusa. Quel chiarore lunare consentiva una buona visibilità del parco.

Dopo aver ordinato da bere, iniziarono a chiacchierare tranquillamente su dove avrebbero trovato il loro prossimo “compagno di giochi”. “Compagno di giochi” era un termine che usavano al posto di “schiavo” quando erano in pubblico. Era così costoso comprare uno schiavo addestrato. Inoltre, gli schiavi precedentemente posseduti richiedevano sempre tempo e sforzi per riqualificarli. Pensarono che se avessero dovuto prendersi tutta la briga di addestrare un altro schiavo, avrebbe potuto anche essere uno nuovo.

Alla fine, disse Jim. «Credo che dovremo semplicemente trovare una ragazza nuova da addestrare, Dora. So che a volte sono difficili da trovare, ma allenare una ragazza fresca è sempre molto divertente.

«Hai ragione come al solito, Jim. Vorrei solo che avessimo qualcuno con cui giocare stasera. Dora sospirò.

"Lo so caro. Essere pazientare. Qualcuno arriverà abbastanza presto. Lo fanno sempre. Potrebbe volerci un po’, ma non troviamo sempre una ragazza da addestrare?” Jim consolò sua moglie mentre finivano il loro primo drink.

"Lo so, ma mi piacerebbe davvero avere qualcuno con cui giocare stasera." si lamentò Dora.

Il cameriere tornò e ordinarono delle bistecche per cena insieme a un altro drink. Mentre il cameriere usciva per prendere da bere, Jim e Dora si tenevano per mano e guardavano fuori dalla finestra il vicino parco.

Dopo diversi minuti trascorsi a guardare verso il parco, Dora esclamò eccitata in un sussurro forzato. "Jim, hai visto?"

"Vedi cosa, caro?" Chiese.

"Laggiù. Vicino a quel piccolo gruppo di alberi ai margini del parco. Là! Eccola di nuovo. C'è una ragazza tra quegli alberi e sembra che ci stia osservando.

"SÌ! La vedo. Sembra che ci stia guardando, o almeno stia guardando questo ristorante. Pensi che abbia fame?" chiese Jim.

"Lo spero. Jim, perché non vai a vedere se le piacerebbe unirsi a noi per cena. Possiamo decidere se si adatta alle nostre esigenze durante la cena.

Jim sorrise a Dora, le baciò la mano e scivolò fuori dalla porta laterale del ristorante. Si avvicinò silenziosamente al gruppo di alberi lateralmente. Prima ancora che la ragazza si rendesse conto della sua presenza, Jim le era alle spalle. I suoi vestiti erano sporchi, e lo era anche lei. La ragazza aveva davvero bisogno di un bagno. Anche se non era rancida, aveva un odore un po' maturo. Aveva il viso sporco di terra, i capelli biondo miele arruffati e i suoi vestiti sembravano essere stati indossati da diversi giorni.

Parlò piano. "CIAO! Il mio nome è Jim."

Con un sussulto sorpreso, la ragazza saltò e si voltò verso un Jim sorridente. “Io... io... mi dispiace. Non volevo disturbarti. Adesso vado."

"Hai fame? Ti piacerebbe unirti a me e mia moglie per cena?" chiese Jim.

Chinando la testa, rispose. "NO. Adesso vado."

"Senza senso! Sembri affamato. Quando è stata l'ultima volta che hai mangiato qualcosa? Non importa! Verrai con noi a cena, vero?" Jim ha insistito.

La ragazza rispose. "Ho fame, ma non sono vestito per entrare in un posto così carino."

Tendendo la mano alla giovane donna inzaccherata, le disse. «Hai lasciato che mi preoccupassi per quella signorina. Adesso vieni con me."

Esitò brevemente, poi mise timidamente la mano tremante nella forte presa di Jim. Lei non se ne rendeva conto, ma Jim sì. Aveva appena obbedito al suo primo comando da parte sua.

Mentre Jim la conduceva attraverso la porta d'ingresso del ristorante, furono avvicinati dal capo cameriere. “Signore, mi dispiace, ma qui abbiamo un codice di abbigliamento. La giovane donna non lo soddisfa. Ho paura che dovrà andarsene."

La ragazza fece per girarsi, ma Jim le tenne fermamente la mano. Frugando in tasca, tirò fuori una banconota da $ 50,00. Lo porgo al cameriere, disse Jim. «Credo che gli abiti della signorina siano più che sufficienti per stasera. Non è vero?"

Il cameriere guardò i cinquanta, se li mise in tasca e, con un sorriso, disse alla ragazza. "Buona cena, signora."

La giovane donna sorrise a Jim e gli strinse la mano un po' più forte.

Jim accompagnò la ragazza al tavolo vicino alla finestra dove era seduta Dora. Dora si alzò e indicò alla ragazza di sedersi accanto alla finestra. "Siediti qui, mia cara." Ciò la pose tra Jim e Dora. “Spero non ti dispiaccia, ma quando ti ho visto arrivare con Jim, ti ho ordinato una bistecca per cena. Come ti chiami, mia cara?"

«Connie, signora. Grazie per avermi invitato a cena."

“Bene Connie, cosa ti ha portato a nasconderti tra quegli alberi stasera? Ti stavi nascondendo, vero? Ti stai nascondendo da un marito o un fidanzato arrabbiato, o forse dalla legge?" chiese Dora.

“Oh no, signora. Non è niente del genere. Non ho un ragazzo e sono troppo giovane per avere un marito. Connie ridacchiò.

“E la legge? Stai fuggendo dalla legge?" chiese Jim.

Dora notò che l’ultima domanda di Jim sembrava aver toccato un nervo scoperto in Connie. Mise un braccio attorno alla ragazza e con un sorriso chiese. «Quindi stai fuggendo dalla legge, eh? Che cosa hai fatto. Rapinare una banca, uccidere qualcuno, farsi coinvolgere nello spaccio di droga? Va bene. Puoi dirmelo. Jim e io non ti denunceremmo mai. A proposito, quanti anni hai, Connie?»

Connie esitò.

Dora abbracciò Connie e usò una voce che trasudava autorità. "BENE? Che cosa hai fatto?"

“Mi dispiace, signora. Non è niente del genere. Due giorni fa sono scappato da una casa famiglia. Ho solo 16 anni e temo che possano aver chiamato la polizia."

“Casa di gruppo? Che tipo di casa famiglia, Connie?» chiese Jim.

Connie abbassò la testa ma non disse nulla.

Con fermezza, chiese Dora. “Connie, come possiamo aiutarti se taci? Rispondimi perfavore!

Connie ingoiò un boccone di bistecca e rispose. "Sì signora. Era una casa per adolescenti problematici. La mamma ha detto che non poteva più sopportare me o le mie discussioni. Non le piacevano i miei amici e mi sgridava quando uscivo con loro. Ha detto che erano guai. Alcuni dei miei amici si sono messi nei guai, ma non ho mai fatto nulla di male per finire in quella prigione. Ha detto che sarebbe venuta a prendermi quando avessi imparato a smettere di litigare con lei. Le lacrime avevano iniziato a scorrere lungo le guance di Connie mentre raccontava la sua storia.

“Quindi tua madre ti ha semplicemente buttato via come tanta spazzatura! Dora enfatizzava la parola “spazzatura”.

Connie continuò a chinare la testa e disse. "Credo di sì."

Jim sorrise e strizzò l'occhio a Dora che quasi impercettibilmente annuì. Avevano silenziosamente concordato che Connie avrebbe soddisfatto i loro bisogni e sarebbe stata la loro prossima schiava.

Con un sorriso, Dora lo disse a Connie. «Finisci la tua bistecca, caro. Verrai a casa con noi per un po'. Puoi farti una doccia e ti porterò a comprare dei vestiti nuovi e più puliti."

“Non so se io...”

"È deciso!" Connie fu interrotta da Dora. Con uno sguardo tagliente, Dora lo disse fermamente a Connie. «Rimarrai con noi per un po'. Concordato?"

"Sì signora." Connie stava imparando presto a non discutere con Jim e Dora.

"È molto meglio. Anche a noi non piace litigare, ma non ti butteremo via come ha fatto tua madre. Ti insegneremo perché è meglio per te non discutere con noi.

Ciò che Dora intendeva era che avrebbero addestrato Connie a obbedire a tutti i loro comandi senza domande o discussioni. Un comportamento ostinato o polemico si tradurrebbe presto in dolorose misure disciplinari.

lo interruppe Jim. “Se voi ragazze avete finito di chiacchierare, andiamo. Voglio tornare a casa in tempo per guardare la partita in TV. Voi due potete andare a fare shopping mentre la partita è in corso."

"Si signore. Sei pronta, Connie?" Dora rispose con un sorriso sulle labbra.

"Sì signora." Connie rispose. Anche Connie stava sorridendo.

“OK allora, andiamo!” disse fermamente Jim. Lasciando i soldi sul tavolo per pagare il conto e una bella mancia, si alzò e condusse Dora e l'adolescente alla sua macchina.

Il viaggio verso la casa di Jim e Dora fu tranquillo. Connie rimase molto colpita dalla loro grande casa di campagna in pietra. Essendo una ragazza di città, era particolarmente colpita da tutto il terreno e dai grandi alberi che circondavano la casa.

Non appena furono in casa, Jim scomparve nella sua tana. Lo studio era una grande stanza che trasudava gusti apertamente maschili. Il pavimento era coperto da un tappeto a pelo lungo che sembrava colare tra le dita dei piedi quando si camminava a piedi nudi. Alle pareti della tana erano appesi diversi dipinti erotici di donne nude in varie pose provocanti. Entrando nello studio, nell'angolo in fondo a destra c'era una grande scrivania in ciliegio scuro. Dietro la scrivania c'era una libreria larga fino al soffitto, larga un metro e mezzo. Era pieno di libri che approfondivano varie forme di attività sessuali e le storie di ciascuna. Nell'angolo più a sinistra c'era un divano di pelle scura lungo più di un metro e ottanta. Tra la scrivania e il divano c'era un armadietto chiuso a chiave contenente i componenti elettronici che controllavano la TV, l'impianto stereo della casa, le apparecchiature di registrazione audio e video e i controlli di sicurezza interni ed esterni. Sulla parete di fronte alla scrivania e al divano c'era un enorme televisore al plasma. Tutta l'elettronica può essere trasmessa alla TV per una visione più ampia di qualsiasi stanza della casa o area della proprietà.

Mentre Jim si infilava nel suo studio, Dora portò Connie di sopra in bagno. Dopo aver indicato a Connie l'armadio della biancheria e la fornitura di vari shampoo, balsami e profumi, Dora glielo disse. “Sentiti libero di usare tutte le cose qui che vuoi. Ti presterò dei vestiti da indossare quando andremo a fare shopping. Andremo solo a Walmart, quindi se sono un po' larghi, andrà bene. Molti di voi ragazzi oggi indossano comunque i vestiti larghi. Peccato. Sarebbero molto più carini se i loro vestiti fossero un po’ più stretti”.

Dora scomparve e ritornò rapidamente con un paio di pantaloni, una camicetta, un reggiseno sportivo e l'unico paio di semplici mutandine bianche che possedeva. Poi lo disse a Connie. "Prenditi il ​​​​tuo tempo. Quando hai finito, scendi nello studio.

Con una lacrima agli occhi e la voce tremante, Connie lo disse a Dora. "Grazie mille. Non so come potrò mai ripagare te e Jim per la vostra gentilezza."

“Non preoccuparti per ora. Adesso vai sotto la doccia e pulisci. Ne hai davvero bisogno, lo sai. Andremo a fare shopping non appena avrai finito qui." Poi, mentre lasciava il bagno, Dora ridacchiò e sussurrò sottovoce. "Sono sicuro che possiamo pensare ad alcuni modi interessanti per ripagarci."

Dora poi lasciò Connie e raggiunse Jim nello studio. Il grande schermo televisivo era acceso, ma quello che stava guardando non era una partita. L'enorme schermo era illuminato da un segnale TV CC. La loro telecamera interna e il sistema di registrazione erano stati attivati ​​e Connie era l'attrazione principale.

Dora entrò nello studio proprio mentre Jim osservava Connie gettare il reggiseno nella cesta. Connie aveva rivelato un paio di tette sode di dimensioni arancioni con piccoli capezzoli rosa. L'adolescente poi ha fatto scivolare le mutandine sporche dai fianchi e lungo le gambe snelle. Mentre si chinava per togliersi le mutandine dai piedi, puntò il suo sedere rotondo e stretto direttamente verso una telecamera nascosta nel rivestimento della parete del bagno.

"Oh mio!" esclamò Dora. “Ha un culo così carino. E guarda quanto sono sode le sue tette. Adorerò succhiare quelle adorabili tette adolescenti.

Jim ce l'aveva già duro. Mentre se lo strofinava sui pantaloni, osservò. “E mi divertirò a scopare a sangue quella figa e quel culo. Non credi che sia ciliegia?"

Mentre Connie entrava nella doccia e Jim cambiava telecamera, disse Dora. “Non lo so, Jim. Mi chiedo se abbia mai succhiato un cazzo o mangiato una fica. Non importa! Lo farà presto."

«Sono felice che ti piaccia, Dora. Adesso stai zitto e goditi lo spettacolo”. ha detto Jim.

Connie ha inconsapevolmente organizzato uno spettacolo davvero bello per i suoi ospiti. Si lavò i capelli due volte prima di insaponare un panno morbido. Si strofinò vigorosamente il viso con l'asciugamano insaponato. Poi lentamente si fa strada lungo il suo giovane corpo da nubile fino a raggiungere le tette. Appese l'asciugamano al soffione della doccia e, usando entrambe le mani, si massaggiò sensualmente il sapone sulle tette. I suoi piccoli capezzoli si eressero e li intrappolava tra le prime due dita delle mani. Stringendo fermamente le sue tette e i suoi capezzoli, Connie andò avanti. Afferrò l'asciugamano insaponato e cominciò a strofinarsi la pancia liscia e piatta. Le sue mani lo accarezzarono in modo pulito. Si lavò accuratamente il sedere facendo attenzione ad entrare bene nella fessura tra i pallidi globi del suo sedere. Quando Connie si prendeva cura del suo inguine e del suo cespuglio, usava lo stesso shampoo e balsamo profumato ai fiori che aveva usato sulla sua testa. Ha poi lavorato direttamente sulla sua figa con il panno insaponato. Strofinò lentamente il panno morbido sopra e sopra le sue labbra inferiori. Era ovvio che Connie si stesse eccitando.

Connie lasciò bruscamente la sua figa e si strofinò rapidamente gambe e piedi. Poi ritornò alla sua figa leggermente gonfia. Allargando ampiamente i piedi e le gambe, accarezzò di nuovo con attenzione il tessuto su e giù lungo la fessura. In breve tempo, l'adolescente arrapata lasciò cadere l'asciugamano, si prese la figa con entrambe le mani e strinse insieme le gambe.

“Uhm! Dora, penso che la tua dolce ragazzina si sia appena eccitata. Forse non è così innocente come sostiene. Credo che lo sapremo abbastanza presto." Jim ha commentato a sua moglie.

Jim e Dora continuarono a guardare Connie mentre si asciugava e indossava gli abiti che Dora le aveva fornito. Quando entrò nello studio, Jim e Dora erano assorbiti dalla partita di baseball in TV.

"Oh!" esclamò Jim. “Connie, sei proprio carina, tutta ripulita. Sicuramente anche tu sembri più rilassato. Quella doccia deve averti fatto sentire molto meglio.

Connie arrossì e pensò. «Non potevano saperlo. Potrebbero?»

Dora si alzò e chiese. "Connie, sei pronta per andare a scegliere alcune cose al Wally World?"

“Sì signora, ma non deve comprarmi niente. Ragazzi, siete già stati troppo buoni con me. Connie ha risposto.

"Senza senso. Ti compreremo alcune cose stasera. Poi, se rimani, ne otterremo di più in un giorno o due. Adesso porta quel tuo bel culetto in macchina." ordinò Dora.

"Sì signora." Connie acconsentì e si voltò per andarsene.

Mentre lasciava la tana, Jim le urlò dietro. "Torna presto così posso vederti modellare le tue nuove cose per me."

Dora e Connie hanno parlato del recente soggiorno di Connie e della sua fuga da una casa per adolescenti in difficoltà.

Connie ha fornito alcuni dettagli sul motivo per cui sua madre l'aveva mandata a casa. Sembra che Connie avesse iniziato a frequentare un nuovo gruppo di ragazzi. Sua madre non ne approvava la maggior parte. Anche se Connie ha negato di aver fatto qualcosa, ha ammesso che molti dei suoi amici fumavano droga, bevevano alcolici e facevano cazzate. Le peggiori discussioni tra Connie e sua madre riguardavano sempre le sue uscite con le amiche.

Mentre entravano nel parcheggio di Walmart, Dora parlò con l'adolescente. "Connie, se rimani con me e Jim, ti prometto che non avrai problemi con i tuoi amici." Dora sorrise all'adolescente e pensò tra sé. “Questo perché saremo gli unici ‘amici’ di cui avrai o di cui avrai bisogno.”

Con un ampio sorriso, disse Connie. "Grazie signora. Ha poi accompagnato Dora nel negozio. Mentre passavano davanti al reparto lingerie, Dora chiese a bassa voce. "Connie, che taglia sono le tue tette?"

Connie arrossì e rispose. "Sono una B, una 32 B, ma ultimamente sono diventata più grande0."

"Qui! Penso che questi ti andranno bene." Dora gettò delicatamente due pacchi contrassegnati con la scritta "Wonderbra" nel carrello di Connie.

Connie sorrise e commentò. “Non ho mai avuto un reggiseno del genere. La mamma ha detto che mi avrebbero fatto sembrare uno dei miei amici trasandati.

“Sarebbe la stessa madre che ti ha buttato via come tanta spazzatura? La madre che ti ha lasciato in quella casa?" chiese retoricamente Dora.

"Sì." Connie rispose. La sua testa pendeva quasi fino al petto.

“Coraggio, tesoro. Se rimani con me e Jim, vorremo che tu sia sempre al meglio. Ciò include sfruttare al massimo le tue risorse. Sembra che tu abbia un bel paio di tette e un bel sedere. Dovresti imparare a metterli in mostra un po'. Adesso andiamo a prenderti un paio di camicette."

Le parole di Dora fecero sorridere il volto di Connie mentre si dirigevano verso gli scaffali delle camicette.

Dora scelse un paio di camicette per Connie. Entrambi sarebbero stati aderenti e avrebbero avuto scollature basse. Se indossate con i suoi nuovi reggiseni, queste camicette garantivano che le tette di Connie sarebbero state ben visibili per chiunque fosse interessato a guardare.

Connie arrossì profondamente quando Dora glielo disse. "Le tue tette attireranno sicuramente l'attenzione dei ragazzi in queste cose." Dora gettò le camicette nel carrello e proseguì. "Ora, trovo un paio di gonne da abbinare alle camicette."

Poco tempo dopo Dora aveva scelto due gonne e le aveva aggiunte al carrello.

Connie guardò le gonne e pensò tra sé. 'Queste gonne saranno troppo corte per me. Ma poi, che cavolo. Non li pago io. Se mi vuole con gonne corte e camicette attillate, indosserò quello che vuole comprarmi.'

“Connie, andiamo a provare quello che abbiamo finora. Gli spogliatoi sono laggiù”. Dora indicò i piccoli spogliatoi. Consegnando a Connie un reggiseno, una camicetta e la più lunga delle due gonne, disse. "Mettiti questi e poi esci così posso vedere come ti stanno."


"Sì signora." Connie prese i vestiti ed entrò nel camerino. Pochi minuti dopo, uscì. Il suo viso era rosso per il rossore. La combinazione di vestiti aveva reso l'effetto magico. Non si era mai sentita così sexy ed esposta in pubblico. Con un piccolo tremore nella voce, chiese Connie. "Sto bene?"

Osservando l'adolescente di fronte a lei, a Dora piacque ciò che vide. Gran parte delle tette e del décolleté di Connie erano esposti dal Wonderbra e dalla camicetta scollata. La gonna arrivava a diversi centimetri sopra le ginocchia. “Connie tesoro, hai un aspetto delizioso. Quei vestiti mettono in risalto la bellezza che stavi nascondendo. Jim impazzirà quando vedrà che bella creatura sei.

Connie arrossì di nuovo, poi si accigliò al pensiero che Jim vedesse così tanto le sue tette e le sue gambe.

Dora vide la preoccupazione sul volto di Connie. «Cosa c'è che non va, Connie? Vuoi che Jim veda quanto sei carina, vero?» Ancora una volta la domanda sembrava più un comando che una semplice domanda.

"Sì signora." Connie acconsentì dolcemente.

"Bene! Ora vai a provare l'altra gonna." Dora istruì.

Connie prese la seconda gonna e rientrò nel camerino. Un minuto dopo chiamò Dora alla porta. “Signora, non posso indossare questa gonna. È troppo breve.»

Con voce forte, Dora diede istruzioni. "Uscire! Vediamo se è troppo corto!”

“Non posso! È troppo breve.» Connie supplica.

Dora sapeva che era giunto il momento di stabilire la sua autorità. Con fermezza, ordinò all'adolescente. “Connie, non discutere! Esci subito e fammi vedere la tua gonna!"

Come un tipico adolescente quando viene messo alle strette, Connie piagnucola. "Devo?"

Dora usò la sua voce più ferma. "SÌ!"

La porta dello spogliatoio si aprì lentamente e Connie uscì parzialmente.

"Girati, Connie!" ordinò Dora.

Mentre l'adolescente si girava lentamente, Dora apprezzò il suo giovane corpo. «Molto carino, Connie. È un po’ corto, ma ti fa sembrare così carino.”

In realtà, la faceva sembrare una troia. Proprio l'aspetto che Dora voleva. La gonna era così corta che copriva a malapena il sedere e il monticello pubico di Connie. Mentre si voltava, Dora intravide le mutandine bianche che la ragazza indossava. “OK, Connie, puoi rimetterti gli abiti che indossavi qui. Poi andrò a cercarti una camicia da notte.

Tornando al reparto lingerie, Dora scelse diversi paia di mutandine bikini di pizzo, una corta canotta verde chiaro setosa che copriva a malapena la metà superiore del suo culo e un pigiama baby-doll blu scuro che era quasi trasparente. Sollevando la lingerie, chiese Dora. “Connie, ti piacciono questi? Pensi che piacerai a Jim?"

Con la testa leggermente chinata, Connie rispose. "Sì signora. Mi piacciono se lo fai.

pensò Dora. «Sarà più facile di quanto pensassi. La puttanella ha già smesso di discutere se mostrare il suo corpo a me e a Jim.'

«Bene, allora Connie, penso che per stasera possa bastare. Sei pronto per andare a casa? Scommetto che Jim è ansioso di vedere cosa abbiamo comprato." disse Dora.

"Sì signora. Sono pronto." Connie acconsentì. Rimase in silenzio mentre attraversavano la cassa e si dirigevano verso l'auto.

Mentre tornavamo a casa, chiese Dora. “Connie, stai bene? Sei stato molto silenzioso da quando abbiamo lasciato il negozio. Hai dei ripensamenti sull'idea di tornare a casa con me e Jim?"

Pensierosamente, rispose Connie. "Sto bene. Mi dispiace di aver litigato con te per le gonne. Semplicemente non ho mai avuto vestiti che mostrassero così tanto di me. La mamma chiamava puttane le ragazze che si vestivano così. Ma se tu e Jim volete che indossi camicette attillate e gonne corte, immagino che andrà bene. Ragazzi, siete stati così gentili con me quando non dovevi esserlo. Se mi lasci restare, cercherò di non discutere più. Cercherò davvero di accontentare te e Jim.

Dora sorrise calorosamente a Connie e disse. “Non sei una puttana. Vogliamo solo che tu sia bella quanto puoi. Hai visto la nostra casa. Dovresti sapere che ci piacciono le cose belle. Tesoro, tua madre ti ha buttato fuori come spazzatura. Non ti butteremo fuori. Ti prometto che ci accontenterai, tesoro. Non c’è dubbio che ci farai piacere.”

Tra sé e sé, pensò Dora. "A partire da stasera, tu e il tuo giovane corpo ci compiacerete più di quanto immagini."

Quando arrivarono a casa, Dora portò Connie e i suoi vestiti nuovi in ​​una camera da letto accanto allo studio. “Sarò nello studio con Jim. Indossa i tuoi vestiti nuovi e vieni a mostrarli a Jim appena puoi. Indossa prima la gonna più lunga. Non dimenticare di indossare anche le tue nuove mutandine. Fai finta di essere una modella e mostra il tuo nuovo look. Assicurati di girarti in modo che Jim possa avere una visione completa di quanto sei delizioso.

Dora lasciò Connie e raggiunse Jim nello studio. La partita che Jim stava guardando era quasi finita. L'ultimo campanello suonò proprio mentre si sentiva un debole bussare alla porta dello studio.

"Vieni dentro Connie!" gridò Jim.

La porta dello studio si aprì lentamente e Connie entrò. Rimase nervosamente davanti a Dora e Jim. Era così nervosa all'idea di esporre il suo giovane corpo che non notò i dipinti di nudi sul muro. Mentre Jim sorrideva e la fissava, Connie si voltò rapidamente e poi si agitò. Non sapeva cosa fare con le sue mani.

Jim ruppe il silenzio. "Oh! Connie, sei bellissima! Sapevo che avevi un bel paio di tette sotto i tuoi vecchi vestiti e la roba larga di Dora.

Anche se stava diventando cremisi per l'imbarazzo, Connie sorrise. Nessuno aveva mai commentato le sue tette in quel modo. "Grazie Signore." Disse, con la voce visibilmente tremante.

«Connie, tesoro, vai a metterti l'altra gonna e la camicetta. So che Jim li apprezzerà davvero su di te. Dora istruì.

"Sì signora." Connie si ritirò rapidamente fuori dalla porta dello studio e tornò nella stanza accanto. Poco tempo dopo, un altro leggero colpo arrivò alla porta dello studio.

"Si accomodi." gridò Jim.

Connie aprì lentamente la porta ed entrò appena oltre la soglia. Stava nervosamente cercando di abbassare la gonna nuova per coprirsi il sedere.

«Entra, tesoro.» Dora insisteva.

Mentre Connie si addentrava nella tana e girava lentamente.

Proprio come Dora aveva previsto, Jim impazzì un po'. “WOW, tesoro! Guardati! Hai un bell'aspetto da mangiare!

"Ragazzo down!" Dora lo disse a Jim. “Non vuoi spaventarla. Anche se ha un aspetto delizioso, vero? È così giovane, carina, dolce e innocente.

All'adolescente, disse Dora. “Grazie, Connie. Ora, un ultimo spettacolo, se non ti dispiace. Vai a indossare il vestito blu scuro. Jim ti amerà."

Connie sorrise nervosamente a Jim e Dora e lasciò lo studio. Stava cominciando a sentirsi un po' più a suo agio nel permettere ai suoi ospiti di vedere il suo corpo poco vestito. Mormorò tra sé. "Forse la mamma ha torto a vestirsi così."

Connie fu presto pronta per tornare nello studio vestita con la sua camicia da notte blu scuro. Era così magra che avrebbe potuto anche essere nuda. Le sue giovani tette sode erano chiaramente visibili sotto il top, e il suo cespuglio pubico biondo era ben visibile attraverso le mutandine sottili.

Mentre entrava nello studio, Jim balzò in piedi. “Dannazione, tesoro! Continui a migliorare. Sarai un'aggiunta meravigliosa.

“Aggiunta? Cosa intendi con aggiunta?" Uno sguardo preoccupato attraversò il volto di Connie.

Jim ha poi sganciato la bomba. “Sì, aggiunta! Vedi Connie, la padrona Dora e io addestriamo gli schiavi, e..."

“SCHIAVI? NON SONO UNO SCHIAVO!” gridò Connie a Jim e Dora.

Dora si alzò e fissò l'adolescente ormai spaventato. «Non ancora, ma presto lo sarai. Padron Jim e io presto ti chiederemo di obbedire ai nostri comandi. Il tuo primo ordine è di chiamarci Mastro Jim e Mistress Dora. Capisci?"

"NO! Al diavolo! Sono fuori di qui!" Connie fu provocatoria e girò i tacchi per andarsene. Non si era accorta che Jim avesse premuto il pulsante di blocco della porta sul portachiavi che aveva in tasca né aveva sentito la silenziosa serratura magnetica scattare. In un vano tentativo di fuga, ha ripetutamente strattonato la porta con tutte le sue forze. Non è servito a nulla. Era intrappolata nello studio con Jim e Dora.

Quando Jim si avvicinò, glielo disse. «È inutile, Connie. Non puoi uscire da questa stanza a meno che non ti lasciamo uscire. Lui allungò la mano per prenderle il braccio.

"Diavolo, no! Non sarò il tuo schiavo. Non sarò la vostra cameriera, cuoca o qualsiasi altra cosa per voi stronzi.

CHE CAZZO!! Jim le diede un forte schiaffo sulla guancia sinistra. «Vi rivolgerete a noi come signorino Jim e signora Dora. Hai capito?"

Si tirò indietro per colpire nuovamente l'adolescente quando Dora lo interruppe. “Jim, non colpirla in faccia! Sai che a volte ti lasci prendere la mano e lasci brutti segni."

Connie corse da Dora che era ancora seduta sul divano dall'altra parte dello studio. «Dora, per favore. Lasciami andare."

Whomp! Connie si piegò in due per il pugno. Il pugno di Dora era stato piantato in profondità nella pancia dell'adolescente. "Stupida stronza, ti hanno detto di rivolgerti a noi come Padrone e Padrona."

Mentre Connie cercava di riprendere fiato, Jim si avvicinò, le afferrò rudemente la tetta sinistra e la strinse forte. Le ringhiò praticamente. "Ora, piccola puttana, chi sono io?" Poi ha rilasciato la sua tetta.

"Ji...Owwww." Jim aveva schiaffeggiato la stessa tetta sinistra con un colpo potente.

“Adesso riprova. Chi sono?"

Connie, piagnucolando per il dolore alla tetta, rispose. "Maestro Jim."

"Molto bene, e chi sono io?" chiese Dora.

«Mistress Dora.» Rispose l'adolescente ferito.

Jim glielo disse di nuovo. "Molto bene. Ora ascolta. Non abbiamo bisogno di una cameriera o di un cuoco. Tuttavia, lo farai anche tu. Abbiamo qualcosa di molto più adatto alle tue risorse e al risveglio dei talenti.

Connie sembrava confusa mentre il suo maestro Jim esitava prima di finire la sua dichiarazione. Voleva che i suoi futuri doveri sconosciuti pesassero nella mente di Connie solo per qualche istante ancora.

"Sarai addestrato come schiavo del sesso." Lo disse all'adolescente spaventato.

“Noooooooo! Per favore lasciami andare. Non ho mai fatto niente del genere. Non ti ho fatto niente." Connie implorò Jim.

Wow! Questa volta Jim le schiaffeggiò brutalmente la tetta destra appena coperta. “Come dovresti rivolgerti a noi?

«Mi dispiace, signorino Jim. Per favore, non farmi più del male, signore.

"Così va meglio. Stai cercando di dirci che non sei mai stato scopato? Sei Cherry, ehm, vergine?" chiese Dora.

«Sì, signora Dora. Sono vergine. La mamma mi avrebbe ucciso se avessi mai provato a fare una cosa del genere.

"Che ne dici di quello? Una ciliegia fresca da scoppiare. Sapevo che sarebbe stata una bella serata. Connie, hai mai succhiato un cazzo o mangiato una fica? chiese Jim.

"No, signorino Jim." La voce di Connie tremava. “Non ho mai fatto niente del genere. Per favore, signore, lasciami andare. Non dirò nulla."

“Naturalmente non dirai niente, stupida stronza. Resterai qui per molto tempo." Dora disprezzava la sua nuova schiava.

Jim poi lo disse al suo nuovo schiavo. “Connie, il tuo unico scopo nella vita, mentre sei qui, sarà compiacere il tuo padrone e la tua padrona. Lo farai senza commenti o discussioni. Probabilmente ti starai chiedendo cosa dovrai fare. Le cose sexy che ti ha comprato la padrona Dora avrebbero dovuto darti un indizio. Per compiacerci utilizzerai gli unici beni che hai portato con te. O meglio, faremo uso di quegli asset. A nostra volontà e piacere, utilizzeremo il tuo corpo come riterremo opportuno. Il tuo corpo e ogni orifizio che avrai saranno usati per servirci. Per essere sincero, imparerai a scopare, succhiare cazzi, leccare la fica, prenderlo nel culo e qualsiasi altra attività che desideriamo farti svolgere per il nostro piacere. Occasionalmente potremmo anche condividerti con alcuni dei nostri amici. Capisci adesso, stupida stronza."

Ancora un po' provocatoria, Connie si rifiutò di rispondere.

Le mani di Jim scattarono fuori e afferrarono entrambe le tette impertinenti dell'adolescente. Stringendo brutalmente, ripeté. "Hai capito, stronza?"

Tremando per il dolore inflitto alle sue tette, Connie gridò. “Sì, signorino Jim. Capisco."

Jim lasciò andare le tette di Connie e fece un cenno verso Dora.

Dora premette un pulsante nascosto sotto la scrivania. La libreria sulla parete dietro la scrivania scivolò a sinistra rivelando una scala che conduceva al seminterrato.

Dora poi tese la mano all'adolescente tremante e singhiozzante. Quando Connie non le prese la mano, Dora allungò la mano e pizzicò violentemente il bocconcino sinistro dell'adolescente finché non gridò. Questa volta prese la mano tesa di Madama Dora.

Dora poi condusse Connie giù per le scale seguita da vicino da Jim. Un lungo corridoio si estendeva dal fondo delle scale. Connie fu condotta, anzi trascinata, nell'ultima stanza a destra. Dora aprì la porta e spinse dentro Connie.

L'adolescente si è ritrovata in una cella poco illuminata. Nella stanza c'era una combinazione wc/lavandino/fontana in acciaio. C'era anche un lettino contro una parete con le manette attaccate a ogni angolo. Il lettino era costituito da un sottile materasso su una piastra d'acciaio fissata su gambe d'acciaio. Dal soffitto pendeva un'unica lampadina fioca per l'illuminazione.

Inutilmente, Connie implorò i suoi rapitori. “Oh, per favore, padron Jim e padrona Dora. Per favore lasciami andare. Per favore, non farmi del male.

Dora rise alle suppliche dell'adolescente. Con una forte spinta, Dora fece cadere Connie sul lettino. Jim e Dora si avventarono all'istante. Quasi prima che si rendesse conto di cosa fosse successo, Connie fu ammanettata al lettino.

Connie si ritrovò assicurata al lettino, con l'aquila divaricata, a faccia in su. Jim and Dora laughed loudly as Connie cursed them and then begged to be set free.

Dora reached down and caught Connie’s left nipple. Pinching with all her might, she looked at Jim and said. “Master Jim, I don’t think our slave really understands her place here just yet. Why don’t you give her a demonstration of what she is here for?”

Connie, thrashing on the cot in a attempt to loosen the firm grip on her nipple, cried out. “I’m sorry Master Jim. Mistress Dora, please let my nipple go.”

At that moment, Jim reached down, grabbed a fist full of Connie’s thin baby doll panties. With a swift jerk, both elastic straps around her hips gave way and the panties flew from under her ass.

Connie gasped and continued to plead. “Oh please Master Jim. Non farlo. I’m a good girl. Lo sono davvero. OOOoowww!”

Mistress Dora was sadistically twisting the nipple she was pinching. “Now, now Connie. If you quiet down a bit I’ll release your nipple.”

“Yes, Mistress Dora. I’ll will. I promise to be quiet. Please stop hurting my nipple. Please Mistress Dora.”

Dora relented and eased up on Connie’s nipple. She maintained a firm grip on it, but stopped twisting.

“And what do you say, bitch? What do you say now that I have granted your wish and eased up on your nipple?” Dora asked with anger.

“Thank you Mistress Dora.”

“Well, maybe the little bitch can be trained after all. What do you think Master Jim?”

While Connie had been distracted begging Mistress Dora to ease up on her nipple, Master Jim had moved to the shadows and removed all his clothes. He had retrieved a tube of lubricant from his pants before tossing them to the floor. He then stepped back into the dim light so the frightened teen could see what was about to invade her fresh young body. Jim had an impressive cock.

Connie gasped wide eyed at the sight of Master Jim’s fat seven and a half inch long spear. “No Master Jim. Per favore, non farlo! It’s too big. I’ll never be able to take that much. Please Master.”

In the mean time, Jim had taken the tube of lubricant and was smearing a gob of it all over his cock. The lubricant wasn’t for his slave’s comfort. It was only for making his cock’s entry into Connie’s tight virgin pussy easier for him.

“Are you ready, slave?” Mistress Dora asked while Master Jim crawled between their slave’s spread legs.

“Please no, Master. Per favore, non farlo! It won’t fit.” The teen continued to plead for mercy even though neither the Master nor the Mistress had shown any tendency to halt the assault.

Mistress Dora reached down and used two fingers to spread the teen’s virginal outer lips. Master Jim lined his cock up with the entrance to Connie’s dry hole.

Master Jim, used his arms to hold his body off the teen. He wanted a good view of the pain and shock on her face as he rammed his cock through Connie’s cherry and into her depths.

“Your training will now begin, slave.” Dora hissed.

Master Jim hesitated no longer. He violently thrust forward. He felt her hymen only briefly resist his cock’s entry into Connie’s tight pussy. It quickly gave way as he pushed forward. He plowed through her cherry and drove his cock fully into the sixteen-year-old girl’s virgin pussy. He felt the head of his cock ram into her tender cervix.

Connie’s eyes snapped wide open, and her scream of pain echoed throughout the basement of the house. After her initial scream, she begged loudly. "DIO MIO! TIRALO FUORI! FA MALE! GOD PLEASE TAKE IT OUT!”

“OK slave, I’ll take it out.” Master Jim told her, and he did as promised. He took his cock out of the violated teen’s speared hole.

Just as she seemed to relax just a bit, Master Jim rammed his cock fully into her bleeding hole again. Again she screamed at the top of her lungs. Master Jim then took up a steady pace of stroking in and out of Connie’s torn open cunt.

She continued to scream in pained protest. Even though it was useless, she begged Master Jim to take his cock out of her burning hole.

Master Jim ignored his slave’s pleas and spoke to his wife. “Mistress Dora, would you see what you can do to silence this bitch’s wailing? She’s getting on my nerves.” Jim asked his wife as he pulled his bloody cock out of his slaves cunt.

Connie had stopped screaming, but she was sobbing and begging loudly as tears flowed down her cheeks. Mistress Dora gently stroked Connie’s hair and kissed her tear coated cheeks.

“Yes Master Jim. I’ll see what I can do to silence her.” rispose Dora.

To Connie, Dora said. “Slave, you are now going to learn to eat a pussy. If you refuse, or don’t do a good job, we’ll flip you over and Master Jim will fuck your ass. Would you like that, slave?”

“NOOOOO! Mistress Dora, please don’t let Master Jim put that thing in my butt.” Connie pleaded.

"Ottimo." Dora shed her clothes as she told the teen what she needed to do. “You will lick my pussy and suck my clit. You will put your tongue as far into me as you can. When I tell you, you will suck hard on my clit and lick it rapidly. Do you understand, slave?”

“I think so Mistress Dora. I’ll try.”

“Try hell! You will do it or your ass gets fucked.”

“Yes Mistress Dora.” The teen sobbed.

Dora then climbed up on the bunk and faced Jim who was sitting between Connie’s legs. As she slowly sat over Connie’s face, Dora leaned forward, kissed Jim, and brought her pussy down on the teen’s mouth.

Connie froze.

Dora had expected something like that. She simply sat up and rocked her ass tighter over Connie’s face. Her asshole settled on Connie’s nose, and Dora’s ass cheeks cut off the girl’s air. Almost immediately, Mistress Dora was rewarded with a tongue lapping at her horny clit. She leaned forward again and let her slave practice eating her first pussy.

Master Jim shoved his cock back into the bleeding hole before him and resumed thrusting deep into it. He soon felt his balls tighten and prepare to send his load of cum on its way. With one final and violent thrust, Master Jim buried his cock deep in Connie’s violated hole and bathed her cervix with his warm cum.

Jim and Dora petted and cuddled each other while Connie did her best to satisfy Mistress Dora’s demands. Both husband and wife noted how heavily this new slave was bleeding from her freshly fucked pussy. Cum and blood steadily oozed from ravaged cunt. Over time, they had found that a rough first fuck frequently led to heavier bleeding than when more time was taken to prepare the slave to be devirginated.

Connie was a quick learner. She soon had Mistress Dora nearing orgasm. Dora shouted. “Slave, suck my clit. I’m going to cum.”

Connie did as she had been told. She sucked Mistress Dora’s clit into her mouth hard and rapidly flicked her tongue over it.

Mistress Dora squatted down hard on the girl’s mouth and shook to a fine orgasm. She then gave Connie further instruction. “Slave, open your mouth wide and suck my whole pussy in.”

Connie tried to do as she had been told.

Jim knew exactly what Dora was about to do.

With an evil grin on her face, Dora began pissing. As soon as Connie realized what all that liquid was, she tried to close her mouth. Dora simple rocked back over Connie’s nose again, and the girl had no choice but to reopen her mouth. To avoid drowning, she swallowed as rapidly as she could. She drank most of Mistress Dora’s piss, but a good deal ran out of her mouth and down her cheeks.

When Mistress Dora climbed off Connie, Master Jim stepped to the side of her cot. Egli ordinò. “Slave, my cock is filthy with cum and blood. Since you made this mess, you will clean it up. Open wide and lick my cock clean.”

Connie had lost most of her will to resist. What more could they do to her. She opened her mouth and Master Jim shoved most of his cock in. She licked it as clean as she could as he thrust in and out of her mouth.

Master Jim abruptly pulled his cock free of Connie’s mouth and told her. “That will be enough for tonight. We will resume your training early tomorrow morning. Now, get some sleep.”

Jim and Dora released three of the cuffs before walking toward the door, Connie asked. “Master Jim, how am I suppose to use the toilet and sink if I’m still locked to this cot?”

“I don’t give a damn about your little problems.” He then slammed and locked the door.

The sixteen-year-old had been raped, forced to eat pussy, drink piss, and lick a dirty cock. Her violated pussy was burning from the violence of her first fucking. Her mouth still had a terrible taste left in it. Her tits and nipples were still in pain from the abuse they had taken.

Connie tentatively reached between her legs and covered her painful hole. Without looking, she knew her most sensitive of flesh had been forever changed. She felt a sticky mess oozing from her deflowered pussy. Bringing her hand up, in the dim light from the bare bulb hanging over her cot, she could see mixture of cum and blood coating her hand.

Connie was beginning to realize her life would never be the same. The new slave cried her self to sleep that night.

The Next Day

Connie was startled awake the next morning when her cell door flew open with a bang. “It’s 6:00 AM. Time to get up, slave.” Mistress Dora shouted the order.

Connie sat up instantly. As she tried to get the fog out of her head, the realization of her captivity returned. With a subdued voice and her head bowed, she asked. “Please Mistress Dora, may I use the toilet. I really have to go.”

"Ottimo. Since you asked so nice, I’ll release your cuff.” Dora glared at Connie and continued. “However, if you even think about trying to defy me, or do anything stupid, you will be severely punished. Do you understand, slave?”

“Yes, Mistress. Capisco. I won’t defy you or Master Jim anymore.”

Dora released her slave and watched as she struggled to stand. Connie remained somewhat bent over as she stepped across the cell to sit on the toilet.

“Pussy a little sore is it?” chiese Dora.

Keeping her head bowed, Connie replied. “Yes, Mistress Dora. I am sore down there and my boobs still hurt too.”

“This may be a day of rest for your pussy. Master Jim said he wanted to teach you how to properly give a blowjob and eat pussy today. So, he just may not fuck your pussy again, today. If you give him even the least bit of trouble, he will not only fuck your pussy again, but I’m sure he will fuck your ass as well.”

“Yes, Mistress Dora. I’ll try not to be any trouble to you or Master Jim.” Connie seemed to have accepted her situation and been cowed into submission.

“Good, but you will do more than try! As soon as you’ve finished here, I’ll take you to the shower room. You will find everything you need to clean up in there. You will be expected to keep yourself clean and fresh at all times. Neither Master Jim nor I want a smelly slave. There’s some perfume in the shower room. Use it!”

“Yes, Mistress Dora.” The new slave was learning quickly.

Dora continued her instructions. “Master Jim wants you to shave that fur off your pussy too. He loves bald teen pussy.”

With a bit of a surprise in her voice, Connie again replied. “Yes, Mistress Dora.”

As quickly as Connie finished using the toilet, Mistress Dora grabbed her upper arm and led her out of her cell. She was led across the hallway to the basement shower room. It reminded the teen of the gym showers at school, only smaller and less decorative. There was no tile, only bare concrete walls, ceiling, and floor. There were three shower heads along the two opposite side walls for a total of six and a single drain in the middle of the floor. The wall with the door had several towel bars, one of which held a towel and wash cloth. The far wall contained a polished steel mirror, three sinks, and three shelves. The shelves contained various soaps, hair care products, feminine hygiene products, shave cream and disposable razors, and bottles of Obsession, White Diamonds, and Taboo.

“Slave Connie. You will be given sufficient time to thoroughly clean your self. Be sure to use douche in that nasty pussy. I’m sure it is gooey and stinks after Master Jim fucked it and it bled so much. You will keep your body clean and ready for Master Jim and I at all times. Be sure to shave all the fur from your body except that on your head. I will return soon. Now, get busy!”

“Yes, Mistress Dora.” The teen acknowledged her orders.

After giving slave Connie her instructions, Mistress Dora locked the teen in the shower room. She then joined Jim in the den to watch Connie on the CC TV.

“She is a pretty little thing, isn’t she, Dora?” Jim asked as his wife settled onto the couch beside him.

“Yes she is, and I think she will make an excellent slave. She seemed much more docile this morning.” Dora said as she cuddled into Jim’s shoulder to watch the CC TV feed from the shower room.

Connie dutifully carried out her instructions. The teen slave washed and conditioned her blond hair and thoroughly cleansed her body. When she washed her tits she noticed how sore the bruised nipple Mistress Dora had so roughly pinched and twisted remained. She gingerly washed her pussy. She didn’t linger there as she had the evening before. It was much too sore for that. When she had finished washing her body, Connie read the instructions on the box of douche and carefully used the preparation on her sore hole. She found that the warm water went a long way toward relieving her vaginal discomfort.

Connie then shaved under her arms before sitting on the shower floor to shave her pussy. She lathered up her blond pubic bush and very carefully shaved off every bit of fur it had taken her sixteen years to grow.

Connie was relaxing and enjoying the hot water as it poured over her head when Dora pushed a button at the desk in the den. Mistress Dora’s voice boomed over a hidden speaker in the shower room. “Slave, dry off now! I will be there to retrieve you soon!”

A startled Connie quickly replied as she grabbed the towel from the bar. “Yes, Mistress Dora.”

Dora led the new slave, still nude, up the stairs, through the den, and to the kitchen. “Now slave, you will cook breakfast for Master Jim, me, and yourself. I know you said you were not a cook or maid. Well, my little slave, you will be whatever you are told to be. Now get busy. We’ll have ham and eggs. After breakfast, you will clean up before reporting to us in the den.”

“Yes, Mistress Dora. Please, Mistress Dora, may I have an apron so I don’t get burned by the grease?”

“No, slave! Clothes, like other privileges must be earned. Now get busy.

“Yes Mistress Dora.

Dora left Connie in the kitchen. As soon as she was certain she was alone, the teen tried to open every window and door she could find in that part of the house. All were securely locked.

Jim and Dora laughed as they watched their slave on the security monitors. She vainly attempted an escape. “Dora, it appears a bit of punishment is in order. What do you think of a paddling then fucking her in the ass?” chiese Jim.

“Just don’t be too harsh on her, Jim. After all, we expected an escape attempt. They all try once or twice. Besides, the last time you punished a slave, she could barely walk and wasn’t worth a shit for days.” rispose Dora.

“OK! We’ll make her eat you first before she gets too blubbery from the paddling. Then, I’ll give her a good spanking before I butt-fuck our cute little slave.”

During breakfast, not a word was said about the escape attempt. The conversation was mostly between Jim and Dora as they discussed their new slave.

Connie was a bit embarrassed to be referred to as if she wasn’t even there.

They noticed a hint of a smile briefly cross
Connie’s lips when they commented on how cute her nude body was.

“Jim, we should have her portrait made before she loses her youthful looks. Slave, would you like to have a portrait painted of yourself?” chiese Dora.

“Yes, Mistress Dora. If you and Master Jim want a picture of me, I want one too.”

“Good answer, slave.” Jim told her. “Now clear the table, do the dishes, and clean the kitchen. When you’ve finished, come to the den. We have some things to discuss.”

“Yes, Master Jim.” Connie replied. As she quickly went about the chores she had been given and washed the dishes by hand, she talked to herself. “Maybe being a slave won’t be so bad. I have a place to stay, they feed me, and they did buy me some new clothes, even if I can’t wear them yet. All I have to do is please them. Besides, what have I got to go back to, that group home? All girls eventually loose their virginity. Janey said it hurt like hell when her boyfriend took her the first time, and now she says she loves it. So, why am I making such a big deal of it? If Master Jim wants to screw me, I’ll get over it. Some of that other stuff with Mistress Dora wasn’t cool, but I guess I can learn to do what she wants me to do as well.”

When she had finished the dishes, Connie went to the den as instructed. She found Master Jim and Mistress Dora sitting on the couch.

As she entered, Jim spoke. “Slave, stand still and listen carefully. I know you think you have been a good slave this morning. I know you think Mistress Dora and I should be pleased with you. I know you think you made too big a deal over losing your cherry and you will get over it. And, I know you don’t care for eating Mistress Dora’s pussy. We both will always know what you are thinking. Your thoughts and actions are no longer your own. Now slave, follow Mistress Dora to the basement.”

“Yes, Master Jim.” Connie willingly took her Mistress’ hand when it was offered. She was led quietly down the steps.

Once in the basement, Connie was led to a room next to the one she had been in the previous night. This room was well lit and resemble the dungeons she had seen in medieval movies. There were chains and shackles hanging on the walls. Several different tables and other pieces of equipment were scattered around the room. None of which looked pleasant to the new slave.

She was led to a wall and secured facing the wall by the shackles there. Master Jim went to a nearby cabinet where he retrieved a paddle that was nearly three feet long and three inches wide. When he showed the paddle to his slave, she began sobbing.

“Now slave, to continue our conversation. You have behaved well for the most part. However, you have tried to escape and are in need of punishment. Should I wear your ass out with this paddle or select some other form of punishment?”

“Oh please, Master Jim. Please don’t beat me. Starò bene. Prometto. I’ll do anything you want. Please Master Jim.” Connie had not been spanked in years. The thought of Master Jim using that paddle on her naked ass frightened her more than anything they had done to her thus far.

Master Jim seemed to relent. “Anything, slave? You’ll willingly do anything to avoid the paddle?”

Oh yes, Master Jim. I’ll do anything you or Mistress Dora want me to do. I promise to be good and do what I’m told. Just please don’t hit me with that thing.” Connie continued to beg as tears trickled down her cheeks.

With a wicked smile on his lips, Jim agreed. "Bene! Instead of getting the paddling you deserve, you will eat Mistress Dora until she cums. If at any time you fail to please Mistress Dora the paddling will begin immediately. Do you understand, slave?”

“Yes, Master Jim.”

In the mean time, while Master Jim had kept Connie’s attention, Mistress Dora had stripped and gone over to lay face up on a mat nearby. At her feet was a short, narrow sawhorse. The top rail was padded with a wide leather belt attached to each end. Each of the four legs had a heavy leather loop attached near the bottom.

Connie seemed to relax as Jim turned from her. She thought she had avoided her first paddling. All she had to do was eat Mistress Dora’s pussy. Eating pussy was not a pleasant thought to the teen. She thought it was wrong for a girl to do such a thing, but at least she knew she would not be beaten.

CREPA! Without warning, Master Jim had brought the paddle down on his slave’s ass with all his strength.

Connie howled in pain as her ass began to redden. With tears flowing down her cheeks, she sobbed. "Per che cos'era quello? I said I’d lick Mistress Dora. Why did you hit me?”

As Jim released the teen slave from the wall’s restraints, he told her. “That was just a reminder not to argue with anything we tell you. You defied me by not willingly accepting your paddling for attempting to escape. You just had to argue, didn’t you? You are never to argue or question us again. I should paddle you anyway, but I am a man of my word. Do a good job of eating Mistress Dora’s pussy, and you won’t be paddled for attempting to escape. The next time either of us says you will be paddled, you are to simply say yes Master or Mistress. You will then bend over and present your bare ass for the paddle. Now, get your ass over there and kneel in front of that sawhorse.”

“Yes, Master Jim.” Still sobbing, Connie bowed her head and stepped over to the small sawhorse and kneeled.

Master Jim had her bend over the sawhorse and secured her waist to it with the leather straps. Her knees were secured to sawhorse’s legs with the leather loops forcing her legs to be widely spread. She was thus held in place bent over with her ass and pussy exposed to any attention Master Jim may wish to give them.

Connie supported her upper body with her outstretched arms. Her face was directly over Mistress Dora’s shaved pussy.

Master Jim gently patted and stroked her ass and ordered his slave. “Get busy and eat that pussy. Remember, do a good job of it or this cute little ass will feel the paddle. I won’t be as gentle next time.”

“Yes, Master Jim.” The teen replied and lowered her head between Mistress Dora’s bent and spread legs.

The teen slave learned quickly. She remembered from the night before how Mistress Dora had instructed her to eat pussy. She immediately busied her tongue on and in her Mistress’ pussy.

Dora appreciated her slaves efforts and was soon moaning her approval. With her fingers tangled in the young blond’s hair, Dora guided the teen’s tongue. Dora was soon highly excited and began thrusting her pelvis up to meet the tongue being driven into her hole. “Oh God yes, slave! Mangia quella figa!"

Master Jim, at the same time, had been patting and rubbing his slave’s ass cheeks and gently probing her tender pussy with his fingers. Even though her pussy was still quite sore from having her virginity ripped from her the previous night, Connie’s body began to involuntarily respond. Her pussy’s lips became swollen and her lubricating juices began to flow. Master Jim was giving her pain and pleasure at the same time. When Master Jim slowly pushed one, then two, fingers deep into her tender hole, slave Connie rocked her pelvis to offer him better access and she moaned into Mistress Dora’s pussy.

Master Jim almost lovingly probed her hole and caressed her clit. Connie continued groaning into Mistress Dora’s horny pussy. When Master Jim slowly slid his cock into her pussy, his slave tried to push back. Her movements were held in check by the restraints and he pulled out after only a few teasingly brief strokes. As he continued to pat and squeeze his slave’s butt, Master Jim coated his cock with the lubricant he had gotten from the cabinet the paddle had come from.

The slave doubled her efforts at pleasing her Mistress, and she soon had the older woman writhing beneath her mouth.

Dora’s breathing had become ragged and she gasped. “Oh yes, slave. Suck my clit now! OH DIO! SUCK ME SLAVE!”

Connie sucked hard on Mistress Dora’s clit. Dora thrust her pelvis up and yanked her slaves hair forcing her face firmly to her cunt.

Mistress Dora’s orgasm ebbed, and she lowered her hips back to the mat. With her hands still twisted in the blond’s hair, she held her slave’s mouth firmly to her cunt. Sapeva cosa sarebbe successo dopo.

At that moment, Master Jim firmly grabbed the slave’s hips and drove his fat cock balls deep into her virgin asshole.

Connie screamed, but the scream was muffled by Mistress Dora’s cunt. When the teen tried to pull up, Dora simple tightened her grip in Connie’s hair.

Gone was his gentleness. Master Jim roughly and repeatedly drove his cock deep into his slave’s asshole. Using her hips for leverage, he pounded into her ass while she continued to scream into Dora’s cunt.

With a violent slap to her right ass cheek, Jim yelled. “Shut the fuck up you bitch! Don’t you ever give us any argument again. Slaves are to serve without resistance. Now, shut off that fucking caterwauling while I finish fucking your ass.”

Jim had not slowed the pace of his slave’s ass-fucking while he yelled at her. If anything, he punctuated his words with harder thrusts into her ass. As his orgasm erupted, he viciously clamped onto her hips and slammed fully into her shitter while he pumped his load of cum deep in her bowels.

Only after Jim pulled his shit and cum cover cock from the teens ass did Dora release her grip on the slave’s hair. Connie sobbed as she pushed her upper body up on her arms, but she said nothing.

Jim stepped around to her head, lifted her face up by her hair, and offered his cock to her mouth. “Suck slave!” Egli ordinò.

“I can’t! It’s filthy.” Lei protestò.

CREPA! CREPA! CREPA! Mistress Dora had gotten the paddle and was using it on her slave’s ass. She gave the teen’s small ass about a dozen hard swats with the paddle.

Connie’s butt turned bright red. Connie screamed and wailed. The tears flowed freely down her cheeks, but she said nothing.

When Mistress Dora stopped spanking her slave, Jim grinned and spoke to his wife. “Maybe the bitch is final

Storie simili

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

1.9K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.5K I più visti

Likes 0

Lost And Caged: Capitolo Uno_(0)

Capitolo primo Dopo essermi laureato con circa quattro anni di anticipo dal mio college di dottore, non avevo davvero molto a che fare con la mia vita. Ero un giovane adulto follemente intelligente, mi sono diplomato al liceo a 16 anni e mi sono diplomato al college all'età di 20 anni. Non era comune vedere persone così intelligenti in giro in questi giorni, ma in alcuni casi lo fai. Potrei facilmente guadagnare $ 100.000 all'anno con la mia laurea, ma ovviamente non è esattamente quello che volevo fare. Un anno fa, avevo letto dell'FBI che reprimeva le reti di traffico di...

1.1K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.1K I più visti

Likes 1

Fidanzato Fidanzato 3

Mia madre mi ha chiamato e voleva parlarmi. Ero al lavoro quindi l'ho fatta fermare alla stazione. Alan, ha detto, abbiamo un problema. Che succede?, le ho chiesto, spaventata che potesse aver visto io e Malia abbracciarci in quel modo. Ma ha messo a tacere quella paura. Le tue sorelle Malia e Stephanie non vanno d'accordo. Ho paura che si uccideranno a vicenda, ha detto. Dobbiamo capire cosa possiamo fare affinché almeno possano essere civili l'uno con l'altro. Bene, ho detto, ci penserò su e vedrò cosa posso inventare. Devo lavorare per uno dei ragazzi qui quindi non sarò a casa...

676 I più visti

Likes 0

(2) divertimento in spiaggia per tutti

Mi piaceva portare mia moglie sulla spiaggia per nudisti, soprattutto a metà settimana, quando c'erano principalmente solo ragazzi, avevamo trovato un bel posto proprio tra le dune dove potevamo ancora vedere l'acqua, ma avevamo un po' di privacy, non ci volle molto i ragazzi sapevano che una bella donna era sulla spiaggia, e spesso venivano con noi, per vedere dove eravamo seduti, Prendevo sempre una grande coperta, la stendevo e giacevamo entrambi nudi, Joy con le gambe aperte affinché tutti potessero vederla, i ragazzi si prendevano il loro tempo mentre passavano, la maggior parte felice di stare in piedi e guardarla...

617 I più visti

Likes 1

Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro. Parte 2 - Il livello successivo Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra...

2.7K I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.1K I più visti

Likes 0

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

1.3K I più visti

Likes 0

Voler essere una donna capitolo 4

Quando la polizia ha sfondato la porta della cabina del porno, sono naturalmente saltato in piedi. Ma avevo ancora la gonna alzata intorno alla vita. L'unico poliziotto ha detto: Questa puttana è un tipo. Mentre mi spingevano contro il muro, ho detto: Cosa ho fatto di male? Sei stato arrestato per prostituzione. “Ma io non sono una prostituta..” Sì, è per questo che hai due banconote da dieci dollari attaccate al tuo culo. Mi hanno schiaffeggiato le manette e hanno iniziato a trascinarmi fuori dal negozio di pornografia senza nemmeno tirarmi giù la gonna così uno dieci ha mostrato e il...

1.2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.