Bacchette magiche, per così dire (Una storia di Harry Potter)

686Report
Bacchette magiche, per così dire (Una storia di Harry Potter)

Era tarda notte verso la fine di luglio, mancavano ancora pochi giorni al matrimonio di Bill e Fleur. L'intera Tana era tranquilla, quasi. All'interno della soffitta, un Incantesimo Silenziante sulla stanza, se qualcuno fosse nella stanza avrebbe sentito i piccoli gemiti e i forti schiocchi dell'ansioso mago diciassettenne Ron Weasley che leccava, succhiava e leccava la solitamente modesta Hermione Granger. Lei gemeva e piagnucolava, i suoi fianchi si agitavano e si agitavano come un cavallo selvaggio impazzito. Era iniziato in modo abbastanza innocente, Ron scivolava silenziosamente fuori dalla sua stanza e Hermione si materializzava dalla stanza che condivideva con Ginny. Si stavano semplicemente rannicchiando su un vecchio lettino usato quando più membri della famiglia soggiornavano nella piccola casa. Hanno iniziato a baciarsi e una cosa tira l'altra finché non sono arrivati ​​qui. Hermione iniziò a gemere selvaggiamente, rischiando di rompere l'Incantesimo Silenziante nella stanza. Afferrò la testa di Ron, tenendola stretta alla sua figa spasimante, arrivando al suo primo orgasmo della notte. Dopo qualche istante lasciò la presa sulla testa di Ron. La guardò, i suoi succhi gli colava dal mento. Quando riprese la calma, abbassò lo sguardo su di lui. "Dio mio! Se avessi saputo che eri così bravo…Come hai imparato tutto questo? È stato con Lavanda?» chiese sapendo che l'intero episodio con Lavanda aveva fatto sentire Ron estremamente male e voleva continuare a farsi perdonare. “No, in realtà… come ti ho già detto, tra noi non è successo niente. Quanto a dove ho imparato, non sei l’unico che sa studiare”. disse con una risatina. “Oh, davvero, da quando me ne hai parlato ho iniziato a studiare alcune cose dalla fine del semestre dell'anno scorso. Le biblioteche Babbane hanno libri molto più dettagliati sul sesso e sull'amore rispetto alle biblioteche dei maghi che si concentrano sull'uso di incantesimi e pozioni. E per rispondere alle tue prossime domande, sì, ho affrontato anche quelle”. Lui le sorrise e lei gli afferrò il colletto della camicia tirandolo su, chiudendo le labbra con le sue, quasi magneticamente. Poi lo girò in modo da sdraiarsi sopra di lui, con un sorriso malvagio sul viso. Gli leccò il petto e l'addome, slacciandogli i pantaloni e facendoli scivolare via. Il respiro di Ron aumentò, aspettando con ansia che lei continuasse. Era inginocchiata tra le sue gambe, tracciando delicatamente il contorno della sua erezione con le unghie. Ringhiò: "Per favore, smettila di prendermi in giro!" Lei sorrise di nuovo con quel suo sorriso malizioso: "Beh, immagino che tu abbia guadagnato qualcosa..." Allungò la mano e gli tolse i boxer, il suo cazzo le saltò addosso. Lo vide e guardò Ron: "Mio Dio Ronald, immagino che la tua altezza non sia l'unica cosa che è aumentata durante l'estate." Afferrò i suoi 8 pollici e iniziò a strofinare lentamente le mani su e giù per tutta la lunghezza. Gemette, ovviamente, godendosi il trattamento che lei gli stava dando. Si chinò con cautela, abbassando dolcemente la bocca sopra la testa. Gemette ancora di più quando sentì la sua lingua calda e bagnata turbinare attorno alla testa del suo cazzo. Iniziò lentamente a prenderne di più in bocca, imbavagliandosi leggermente quando la testa le colpì la parte posteriore della gola. Lei si riprese così velocemente e cominciò a ingoiare profondamente il suo pezzo di carne. Ci vollero solo pochi minuti e Ron iniziò a far esplodere il suo sperma nella bocca accettante di Hermione, ingoiando ogni goccia. Lei scivolò sul suo corpo e cominciò a baciarlo di nuovo, preparandosi a continuare il loro piacere quando si udì bussare forte, davvero forte alla porta d'ingresso. Hermione sussultò: "Harry è qui, dobbiamo tornare a letto. Raccolse velocemente i loro vestiti, si rivestì e tornò nelle loro stanze proprio mentre la signora Weasley correva giù per le scale verso la porta.
Harry entrò portando un'estremità del suo baule; con Lupin portate l'altra estremità. Lo afferrò e lo strinse in un abbraccio stretto da spezzargli le costole. “Harry, come stai? Sembri così magro, i Babbani ti hanno denutrito?" “No, signora Weasley, sto bene.” disse non volendo dirle che non era stato con i Dursley da quando aveva compiuto 17 anni. Aveva viaggiato in giro, accompagnato da Lupin per la maggior parte del suo viaggio. Aveva trovato una pista su uno degli Horcrux di cui Silente gli aveva parlato. Sfortunatamente però si rivelò un vicolo cieco, poiché l'oggetto non era in realtà la tazza di Helena Tassorosso, come avevano pensato. «Remis, è bello vederti, hai tenuto Harry fuori dai guai?» «In realtà è il contrario, Molly. Harry mi aveva salvato un paio di volte, preparando per me la pozione della rovina del lupo. «Davvero?» chiese eccitata: "È una pozione piuttosto difficile". “Pensavo che il Professore mi avesse aiutato al terzo anno contro i Dissennatori, pensavo che fosse giusto che trovassi un modo per aiutarlo.” “Beh Harry, devi essere un vero creatore di pozioni. Sembravi un po' esausto dopo il viaggio, andrò a prepararti un letto nella stanza di Ron. Si affrettò a rifare il letto e Harry si voltò verso Lupin. "Grazie Harry per non aver raccontato tutta la storia a Molly, avrebbe potuto essere molto arrabbiata con me." “Professore, dovevo aiutare. Sapevo che avrei potuto incontrarti, quindi ho iniziato a studiare la pozione, per ogni evenienza. Quello che ti ho dato è stato il primo lotto di successo. “Devo comunque ringraziarti, non so cosa sarebbe successo se tu non fossi venuto a fermarmi.” "Non dirlo." disse soffocando uno sbadiglio. La signora Weasley tornò e vide: "Vado a letto con te, Harry". "Sì signora." disse senza discutere, arrancando su per le scale. Si rivolse a Lupin: "Sai che Tonks ha chiesto di te quasi ogni giorno, è piuttosto preoccupata per te." “Sì, conosco Molly; In realtà sto andando a trovarla. Porta i miei saluti ad Arthur, buonanotte. Uscì dalla porta, scomparendo nella notte.
Harry si svegliò la mattina dopo con un suono fin troppo familiare; erano Hermione e Ron, che litigavano ancora come al solito. Si sedette sul letto guardandoli seduti sul letto di Ron aspettando che si svegliasse. “Era ora, dormiglione,” disse Ron ridendo della testata del letto di Harry. “Beh, onestamente chi può dormire con voi due che litigate. Oserei chiedere di cosa si tratta questa volta?" “No, non è un grosso problema, Harry,” disse Hermione. La signora Weasley ti aspetta per il pranzo, poi tu e Ron dovrete andare a fare i test di apparizione." "OH!" Ron gemette ricordando il suo ultimo tentativo di prova. Lei lo guardò: “Dai allora Ron, ti ho visto allenarti e ce l'hai fatta, rilassati e stai calmo. Puoi farlo." Si avviarono faticosamente giù per le scale mentre Hermione andava a controllare cosa trattenesse Ginny. Entrò silenziosamente nella stanza e sentì uno strano suono quasi vischioso. Girò l'angolo e trovò Ginny che si masturbava. Diventò rossa e si tirò su le coperte sopra la testa quando vide Hermione entrare, cogliendola sul fatto. Hermione si avvicinò e tirò giù la coperta, guardando il volto imbarazzato di Ginny. "Ginny, vieni qui." Lentamente si allontanò la coperta dal viso: "Per favore, non dirlo alla mamma", disse quasi con un sussurro. “Ora perché dovrei dire a tua madre quello che stavi facendo? È naturale e lo fanno tutti”. "Non lo sai, ma ovviamente non devi, hai mio fratello..." "Ginny... come sapevi di me e tuo fratello?" “Ti ho sentito smaterializzarti ieri notte e poi ho visto Ron sgattaiolare fuori dalla sua stanza fino alla soffitta. Poi ti ho visto quando sei tornato, con i vestiti in disordine e i capelli in disordine. Era abbastanza ovvio quello che stavi facendo. Ma immagino che vada bene dato che ti ama davvero... Nessuno mi ama così, Dean stava solo cercando di infilarsi le mie mutandine e Neville, diciamo solo che il nostro ballo al ballo di Yule lo teneva troppo occupato per provare qualsiasi cosa. Pensavo che Harry...” si lasciò sfuggire un'unica lacrima che le scivolava silenziosamente lungo la guancia. “Perché non dici semplicemente a Harry come ti senti? So che si preoccupa ancora per te... sono disposto a scommettere che ti ama davvero. So che ti piace da quando l'hai visto alla stazione. So anche che l'unica ragione per cui ti ha lasciato è perché non vuole che Voldemort ti segua. Tutto ciò ancora non spiega perché eri qui, a giocare con te stesso." “Beh, dopo che ti sei addormentato, Harry è andato nella stanza di Ron e si è addormentato profondamente. Mi sono intrufolato lì per vederlo, e ovviamente stava facendo un sogno sexy perché il suo cazzo era dritto e sembrava enorme! Mi ha fatto arrapare così tanto che non riuscivo a dormire, quindi ho aspettato che ti svegliassi e andassi a trovare Ron per potermi liberare. Era così grande, almeno 9 pollici e circa 4 pollici intorno; oh...ho solo immaginato che mi colpisse addosso, ancora e ancora." Si stava agitando di nuovo e cominciò a pizzicarsi i capezzoli attraverso la camicia da notte. Anche Hermione si stava eccitando e anche se era innamorata di Ron non poteva fare a meno di chiedersi come sarebbe stato avere il polo di Harry nel profondo di lei. Prima che uno dei due si rendesse conto di cosa stava succedendo, Hermione stava baciando Ginny, sbottonandosi la camicia e Ginny aveva i pantaloni di Hermione abbassati fino alle ginocchia, massaggiandosi freneticamente il clitoride. Alla fine si tolse la maglietta e cominciò a succhiarsi leggermente i capezzoli. Ginny alzò di nuovo le mani e afferrò la testa di Hermione tenendola stretta al seno. Hermione allungò una mano, afferrò la bacchetta e la lanciò verso la porta, mettendo a tacere la stanza. Poi tornò indietro e cominciò lentamente ad abbassare i pantaloni del pigiama di Ginny e poi le mutandine. Scivolò lungo il suo corpo trascinando lentamente la lingua sullo stomaco, poi giù sulla figa, che chiedeva attenzione. Hermione iniziò lentamente, leccando dal basso verso l'alto, facendo roteare la lingua attorno al clitoride pulsante di Ginny ogni volta che arrivava in cima. Poi ha cominciato a infilare la lingua nel buco, scopandola con la lingua. Ginny allungò una mano e afferrò il fianco di Hermione, praticamente strappandole i jeans e il perizoma, che aveva appena iniziato a indossare per compiacere Ron, e la tirò in modo che il suo buco bagnato fosse direttamente sopra la sua bocca. Ginny iniziò a leccare, succhiare e mordicchiare ogni centimetro della figa stretta della sua amica come poteva. Nel giro di pochi minuti entrambe le ragazze si sollevarono e gemettero di piacere orgasmico. Ci furono due forti schiocchi quando Fred e George apparvero nella stanza, cogliendo le ragazze sul fatto. "Beh George, immagino che avremmo dovuto bussare..." "Sì, Fred, allora avrebbero potuto avere la possibilità di affrettarsi a prendere i loro vestiti e inventare qualche scusa..." Hermione si coprì con la maglietta mentre Ginny si copriva con la coperta. . “Oh andiamo ragazze, non lo diremmo a nessuno comunque. La mamma ha detto di venire a prenderti, la colazione è pronta. Si materializzarono di nuovo, lasciando le ragazze dov'erano. Le ragazze si vestirono velocemente correndo giù per le scale fino alla cucina sedendosi a fare colazione. Nessuno dei due ha mantenuto il contatto visivo con Fred o George durante l'intero pasto. La signora Weasley li informò che sarebbero andati a Diagon Alley una volta che Harry e Ron fossero tornati dai loro test.

Dopo aver mangiato le ragazze uscirono e lanciarono gli gnomi fuori dal giardino. Grattastinchi pensava che fosse divertente anche solo inseguire quelle piccole creature, per liberarsene. Poco dopo che avevano iniziato si udirono tre forti schiocchi provenienti dal cortile. Harry, Ron e Lupin tornarono a casa. Harry e Ron tenevano entrambi alti i loro certificati dimostrando che avevano superato i test. Ginny sorrise a entrambi, senza però incontrare gli occhi di Harry. Hermione li abbracciò entrambi e lanciò a Ron uno sguardo d'intesa. La signora Weasley li fece entrare tutti in casa, affollandosi attorno al caminetto. Ognuno di loro a turno intervenne, gettò a terra la Polvere Volante e gridò: "Diagon Alley!" scomparendo in un'esplosione di fiamme verdi e poi riapparendo nel camino del Paiolo Magico. Arrivarono tutti e attraversarono il pub dall'aspetto ombroso uscendo dalla porta sul retro. La signora Weasley colpì i tre mattoni con la bacchetta magica, facendo aprire la porta magica. I quattro amici si mossero velocemente cercando di allontanarsi da soli. La signora Weasley cercò di fermarli ma poi si arrese. “State attenti; Ci vediamo da Fred e George tra un'ora." Poi si è allontanata dirigendosi verso il negozio di scherzi.
Mentre camminavano, Hermione fece l'occhiolino a Ginny e sussurrò qualcosa all'orecchio di Ron. Disse: “Perché voi due non andate al negozio di libri mentre io porto Ginny al nuovo negozio di abiti. Se ne andarono da una parte, Harry e Hermione presero un'altra. Una volta fuori dalla vista, Hermione spinse Harry contro il muro di un negozio. "Hai idea dell'agonia che stai causando a quella ragazza?" parlava in modo molto duro, molto diverso da lei. “Cosa intendi con Hermione? Chi?" “Sei così stupido? Genny! Hai rotto con lei e da allora lei ha il cuore spezzato. È stato solo di recente che sono riuscito a convincerla a parlarmene. Ti ama ancora e quando la ignori, le fa ancora più male. “Non vedete che eravate fatti l'uno per l'altro? Se non lo fossi stata lei sarebbe andata avanti, ma ci ha provato, ricordi? Smith, Dean? Non si è dimenticata di te come le avevo consigliato durante il suo primo anno.' Harry fece per dire qualcosa, ma Hermione lo zittì: "Silenzio, non ho finito! Capisce da dove vieni e non le importa che voglia che tu torni con lei. Dai una possibilità alla tua relazione, procedi con calma e non spegnerla nel momento in cui si presenta un problema. Lei lasciò andare il colletto della sua camicia facendo un passo indietro. Harry sembrava sbalordito dal fatto che Hermione fosse stata così energica. "Ma Hermione..." Lanciò uno sguardo che avrebbe potuto congelare un inferno. “No, ma Harry! Non ti permetterò di continuare a farle del male." Il suo sguardo si addolcì un po', "E dato che sono sicuro che Ron si è tirato indietro nel dirtelo, io e lui stiamo uscendo insieme..." Harry lo interruppe, "Ne sono ben consapevole. Ron in realtà lo ha detto mentre aspettavamo il nostro turno. Ha detto che ti sei avvicinato e l'hai semplicemente baciato, e da lì è decollato. In realtà mi stavo chiedendo chi di voi due avrebbe fatto la prima mossa. Gli lanciavi segnali dal quarto anno. In realtà eri molto turbato dal fatto che Ron non te lo abbia chiesto abbastanza velocemente. Padma mi ha detto che stavate parlando tutti di chi volevi quando hai saputo del ballo. Credimi, si è ricordato di quello che gli hai detto quella notte. Comunque penso che seguirò il tuo consiglio. Ron e Ginny sono davvero andati al negozio di abiti?» “Sì, hanno bisogno di nuovi abiti…” “Beh, mi chiedevo perché non saremmo andati tutti allo stesso tempo dal Derviscio e dal Bott. Perché non andiamo e ci uniamo a loro?" Si allontanarono mentre Dean e Lavender camminavano a braccetto, con le dita intrecciate. Dean diede una breve spinta a Harry mentre passava, ancora seccato per il fatto che Ginny avesse scelto Harry invece di lui. Harry e Hermione continuarono a camminare ignorando la sua immaturità.
Si incontrarono con Ron e Ginny che uscivano dal negozio di abiti. Hermione si avvicinò a Ron, dandogli un bacio sulla guancia. Harry si avvicinò a Ginny chinandosi, sussurrandole all'orecchio. Girarono l'angolo dell'edificio nel vicolo per un po' di privacy. "Ascolta Ginny, so che quello che ho fatto è stato, beh stupido... mi dispiace che ti abbia causato così tanto dolore, se potessi portartelo via in qualche modo lo farei..." Lei lo guardò, " Ecco Harry,” gli afferrò il braccio trascinandolo di nuovo al centro della piazza, girandosi di nuovo verso di lui. “Baciami, proprio qui, davanti a tutta questa gente. Una piccola folla iniziò a radunarsi intorno a loro, Hermione e Ron in prima fila. Harry diventò rosso e la guardò, mentre i loro amici lo incoraggiavano. Harry si chinò e la baciò leggermente sulle labbra. La folla esplose in applausi per il giovane amore. Il trambusto fece uscire la signora Weasley dal negozio per vedere cosa stava succedendo. Vide la sua piccola figlia Ginny avvolta tra le braccia di Harry, mentre si sorridevano. La folla si disperse e lei si avvicinò a loro, "Allora Ginny, hai sentito qualcosa che ho detto," li guardò, felice. “Questo grande quadrato su cui ti trovi proprio ora è chiamato il cerchio del Perdono. I giovani piccioncini vengono da lei per rimediare a una lite o a qualsiasi altra cosa. Una leggenda dice che quando due innamorati si baciano qui dopo un grande litigio, sono legati insieme per sempre. Si abbassò dando loro una pacca sulla spalla prima di lasciarli di nuovo. Si avvicinarono a Ron e Hermione. Ginny guardò Hermione: “Grazie per aver lasciato credere alla mamma che ricordavo quello che aveva detto. Tutti risero e ridacchiarono mentre andavano al negozio di libri per raccogliere i libri di cui avrebbero avuto bisogno per l'anno successivo. Harry e Ron stavano parlando nell'angolo, grazie per avermi convinto a tornare quest'anno, amico. Probabilmente non l’avrei fatto se non l’avessi fatto.” Tornarono a parlare di Quidditch, quando le ragazze si unirono di nuovo a loro. Harry guardò velocemente l'orologio: “Oh, dobbiamo sbrigarci; dovevamo essere al negozio di scherzi dieci minuti fa." Pagarono ciascuno i propri libri e se ne andarono correndo attraverso la piazza verso il negozio di scherzi che stava chiudendo. “Harry, ce lo ha detto anche la mamma, era ora…” dissero i gemelli Fred e George completando le frasi a vicenda come sempre. La signora Weasley si unì di nuovo a loro e tutti tornarono al portale e riportarono la rete Floo alla Tana. Una volta lì, la signora Weasley cominciò a preparare la cena e tutti gli altri salirono nella stanza di Ron chiacchierando, ridendo e parlando ad alta voce. Sapevano tutti che Ginny e Harry erano tornati insieme e che Ron e Hermione lo erano, ma durante la loro conversazione appresero che Fred usciva con Angelina, l'ex capitano di Qudditch. George usciva con una strega più giovane proveniente dall'America che si stava trasferendo a Hogwarts per il suo ultimo anno. Dopo qualche minuto la conversazione si spostò sul Quidditch. Circa un'ora dopo la signora Weasley li stava chiamando a cena. Mentre tutti scendevano le scale, il signor Weasley entrò in casa salutando tutti. Mangiarono senza incidenti. La signora Weasley annunciò che il giorno dopo avrebbero assistito alle prove del matrimonio. Con la pancia piena e gli sbadigli stanchi partirono tutti per andare a letto, Fred e George partirono per le loro residenze.
Continua...

Storie simili

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

937 I più visti

Likes 0

Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. Non lasciatela scappare! Ho sentito un grido in lontananza. In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per...

648 I più visti

Likes 0

La baby-sitter parte 2

Tutti gli eventi in questa storia sono fittizi e tutte le persone in questa storia hanno più di 18 anni. Qualsiasi somiglianza con persone o eventi presenti in questa storia è puramente casuale e dovrebbe essere considerato tale, divertiti. La babysitter parte 2 Ho aspettato qualche minuto finché non sembrava tutto tranquillo in cucina, poi ho fatto capolino dietro l'angolo della cucina, Darcy era seduta sulle ginocchia di mamma e si stringeva a lei, la mamma mi ha teso un braccio così mi sono avvicinata e mi sono messa accanto a lei mentre ci coccolava entrambi, la mia erezione era diminuita...

581 I più visti

Likes 0

Porta del cane

Porta del cane Immagina la mia sorpresa quando stavo lavando i piatti della colazione e ho guardato oltre per vedere un bambino che strisciava attraverso la porta del mio cane. La porta era per il mio cane Skippy. Era morta un anno prima insieme a mia madre e mio padre in un incidente automobilistico. Skippy all'epoca aveva tredici anni in termini umani e adorava viaggiare in macchina. Ero al college quando accadde. Ora, quasi un anno dopo, mi mancavano ancora tutti. Sembrava che il bambino avesse qualche problema a mettere le ginocchia sopra la tavola in fondo, quindi mi sono inginocchiato...

576 I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.3K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.4K I più visti

Likes 2

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.