In un batter d'occhio

384Report
In un batter d'occhio

.


In un batter d'occhio.


Mi siedo sulla panchina aspettando l'autobus sentendomi solo come al solito. Sono quasi sempre circondato da persone, inclusi amici e familiari, e provo la profonda e infinita sensazione di essere solo su questo pezzo di roccia che chiamiamo casa. Ho ascoltato molte conversazioni sulla possibile esistenza degli extraterrestri, e lascia che te lo dica, esistono, solo forse non nella forma e nella forma che pensi. Quando completerai questa voce, crederai che non sono umano, molti mi chiamano animale o disumano, ma credo davvero di essere una forma di vita aliena, intrappolata su questo pianeta, alla ricerca di un modo per passare il tempo fino a quando, la mia gente viene a prendermi.



Da quando ricordo, ho riso di ciò di cui gli altri si vergognavano. Non conosco questa emozione, cosa significa vergognarsi. Perché dovrei sentirmi male o pentirmi di qualcosa che ho fatto? Questo sono io, se come tanti dicono DIO ci crea tutti a sua immagine, sicuramente DIO è così. Se DIO ci ha creato con il libero arbitrio, perché dovremmo provare vergogna per ogni decisione che prendiamo. Se questa è la volontà di DIO, allora sono solo un soldato che esegue gli ordini. Rabbia, umorismo, paura, orgoglio, anche queste sono emozioni che posso identificare. Allora cos'è la VERGOGNA?


So che molti di voi là fuori provano vergogna e si preoccupano ogni singolo giorno. Non penso che ogni decisione che prendo sia giusta, ho tagliato fuori quella persona, sono stato scortese con un collega di lavoro, avrei dovuto lasciare che mio figlio andasse a quella festa, queste e molte altre domande che voi chiamate persone normali lottano con ogni unico giorno. Ti invito in un luogo di totale pace e tranquillità, dove nessun pensiero, decisione o risultato è sbagliato.

Salgo sull'autobus e sono orgoglioso del fatto di apparire senza pretese e senza pericoli. Sono alto 5'11", 180, sono istruito e molto più forte di quanto sembri, ma dovevo vestiti larghi per mascherare questo fatto. Sono bi-razziale e potrei passare per nero, latino, nativo americano, samoano e hawaiano, in effetti mi è stato chiesto se sono tutte queste cose. Porto gli occhiali perché ho riscontrato che nessuno sospetta mai violenze o comportamenti anomali da parte di persone con disabilità. Passo accanto ai miei compagni di viaggio, cogliendo veloci sguardi, mentre mi dirigo verso il retro dell'autobus. Nessuno mi nota, adoro il fatto di essere un lupo travestito da pecora.

L'umanità come specie non sarebbe sopravvissuta se avessimo sviluppato la capacità di leggere nel pensiero. Le persone pensano ogni genere di cose incasinate, ma non hanno mai la forza testicolare di agire o addirittura di esprimere i propri pensieri. Sono un osservatore della gente, un hobby utile, l'ho perfezionato. Il ragazzo bianco con l'elmetto, seduto davanti all'autobus, che arriccia il naso come se odorasse qualcosa di strano, mentre passa il ragazzino nero, con i jeans cadenti, razzista nell'armadio. Le donne che distolgono lo sguardo, come la giovane madre nera o latina con due bambini sotto i 6 anni, pensano tra sé e sé, "buon viaggio", mentre la madre passa. Tutte queste cose accadono in un batter d'occhio, magari senza nemmeno un pensiero cosciente, ma noto tutto. Il giovane guarda una donna vestita in modo succinto, camminare verso il retro dell'autobus. Chiude gli occhi immaginandola nuda e cosa le farebbe se ne avesse la possibilità.

Guardo il numero 45 salire sull'autobus e pago il biglietto. Sfoggia la corporatura snella ma muscolosa di un'atleta. Dato che è minuta, immagino il tennis o il golf. Noto la sua pelle bianca come il giglio, i capelli biondo scuro, le gambe lunghe e toniche, la postura dritta come una freccia, la borsa a mano firmata e le scarpe. È cresciuta in una zona benestante e probabilmente ha frequentato una scuola privata. Vedo un piccolo anello discreto, una collana quasi perfetta di perle bianche, un vestito in tinta unita e penso a me stesso, assistente legale, assistente esecutivo o insegnante. Indossa una giacca leggera che la avvolge, il che mi dice che non è consapevole della sua bellezza, è timida e introspettiva. Non è consapevole di tutti gli occhi maschili che la osservano mentre cammina verso il retro dell'autobus. Lei si siede e tira ansiosamente l'orlo del vestito, mi lancia una rapida occhiata e altrettanto velocemente si volta dall'altra parte. Noto una scintilla nei suoi occhi mentre mi guarda in grembo e vede il romanzo posato lì.

"Ciao", dice dopo un deglutizione appena percettibile.

"Ciao," rispondo dandole una rapida occhiata, che lei non se ne accorge.

Mio, mio, non siamo piuttosto timidi, penso tra me mentre la guardo.

"Cosa stai leggendo?" chiede annuendo verso il libro che ho sulle ginocchia.

"La borsa delle ossa di Stephen King", dico guardandola negli occhi verde smeraldo.

"Adoro quel libro", dice emozionata, "è uno dei miei preferiti".

Ho trovato qualcosa che potrebbe tirarla fuori dal suo guscio, penso che la prossima volta.

"È anche una delle mie preferite", rispondo rivalutando la mia valutazione iniziale su di lei e aggiungendo quella del bibliotecario all'elenco delle professioni, "Adoro il modo in cui ha trasformato una storia di fantasmi in un romanzo rosa."

"Oh, lo so", dice con un sospiro, "mi piace il modo in cui ha espresso i sentimenti del suo personaggio riguardo alla morte di sua moglie e il modo in cui l'ha affrontata".

Decisamente un topo di biblioteca, ha avuto solo poche relazioni che molto probabilmente sono finite male, preferisce il romanticismo dei libri a quello della vita reale. Aspettando che il suo Principe Azzurro venga a spazzarla via.

"Penso che potrebbe essere il miglior scrittore del mondo, in questo momento."

“Ci sono un sacco di grandi scrittori là fuori,” dice alzando gli occhiali e dandomi una rapida occhiata, “Non lo faccio spesso, ma faccio parte di un club del libro che potrebbe piacerti. Ci incontriamo a casa di persone diverse ogni settimana e discutiamo del libro della settimana, incontro così poche persone al giorno d'oggi che leggono, ho solo pensato...”

È quasi troppo facile, penso tra me, è davvero così ingenua.

"Sembra fantastico", dico mentre inizia ad armeggiare con le parole, mordendosi nervosamente il labbro inferiore, "Che libro leggerai la prossima settimana?"

"Stiamo leggendo un altro libro di Stephen King, The Stand", abbassa la testa e distoglie lo sguardo con modestia, "È un po' lungo, quindi potresti non avere abbastanza tempo per finirlo."

“L’ho letto diverse volte”, rispondo spostandomi sulla sedia per poterla guardare meglio, “Probabilmente è il mio libro di King preferito in assoluto”.

“Bene allora potrai venire,” dice sorridendo e arrossendo leggermente.

“Ecco il mio biglietto da visita”, dico tirando fuori un biglietto che dimostra che sono un collezionista di libri rari per una nota casa d’aste, “chiamami e fammi sapere quando e dove”.

"Lo farò", dice onorandomi con un altro scintillante sorriso bianco. “Ci incontriamo il mercoledì sera, a casa di una persona diversa. L'ospite di solito fornisce del vino e del formaggio o qualche altro stuzzichino, puoi portare qualcosa se vuoi.

"Ci penserò" le dico sorridendo.

“Ecco la mia fermata”, dice alzandosi velocemente, “ti chiamo questo fine settimana per darti l'indirizzo, un flusso di sangue fresco è proprio ciò di cui il nostro piccolo gruppo ha bisogno. Inoltre, tanto per cambiare, sarebbe carino avere l'opinione di un uomo sulle cose."

È troppo facile, penso di nuovo tra me mentre la guardo scendere i gradini posteriori dell'autobus e apparentemente dirigersi verso un bar in fondo alla strada, "Potrei portarla stasera se davvero lo volessi, dice un lato del cervello . "Aspetta, sii paziente, l'inseguimento è metà del divertimento", dice l'altra parte del mio cervello.

Scendo dall'autobus un isolato più su, da dove è sceso il numero 45. Vado verso il bar, lei sembrava diretta e la guardo entrare poco prima che io arrivi alla porta. Mi avvicino a lei e sento che ordina un Earl Grey, con crema leggera. Mi alzo e ordino la stessa cosa, poi mi avvicino velocemente alla cassa dietro di lei.

"Questo lo offro io", dico alla cassiera strizzando l'occhio.

"Oh no, va bene", dice Quarantacinque frugando nella borsa, "pagherò da solo."

"È il minimo che posso fare," dico allungando la mano e togliendole delicatamente la mano dalla borsa, "Dopo un invito così carino."

"Oh, sei tu", dice guardandomi, arrossendo e sorridendo di nuovo, "Va bene, per favore posso pagare..."

"No, no, insisto," dico sollevandole la mano e baciandola, "devo ripagare la mia signora per un invito così gentile."

"Ebbene signore, un gesto così nobile", dice con una piccola riverenza, "non potrà essere negato".

La cassiera ci guarda come se fossimo pazzi e poi accetta la mia carta. Dopo che l'ha fatto scorrere, andiamo verso un angolo davanti al bar, proprio accanto alla finestra. Mi inchino e le offro il posto vicino al finestrino, lei si siede e poi mi fa cenno di sedermi. Mi siedo e prendo un sorso del mio tè e la guardo fare lo stesso. Aspetto che sia lei a parlare per prima.

"Sei davvero una bella sorpresa", dice sorseggiando di nuovo, "La maggior parte delle persone non è più in grado di parlare in inglese antico."

"Adoro Shakespeare," dico prendendo un altro sorso, guardandola da sopra la tazza.

"Adoro il modo in cui riesce a far fluire la lingua", dice chiudendo gli occhi con un sospiro.

“Una delle mie più grandi scoperte è stata una serie completa delle opere di Shakespeare.”

"Oh, non so come hai fatto a rinunciare." dice con un brivido: "Li avrei tenuti per me".

“Era un bel po’ fuori dalla mia fascia di prezzo”, dico ridendo, “mi sarebbe piaciuto, ma non avrei mai potuto permettermelo”.

"So cosa intendi, il mio stipendio paga a malapena le mie bollette", dice ridacchiando leggermente.

"Conosci la mia professione, mia cara signora, potrei sapere cosa fai per vivere."

"Sono una scriba, caro signore", risponde cambiando rapidamente la sua risposta, "Voglio dire, sono una bibliotecaria".

“Deve essere un lavoro interessante,” dico fissandola di proposito per vederla arrossire di nuovo, “Tutti quei vecchi tomi da riversare. Non potresti mai sapere tutte le prime edizioni che ho letto, prima di consegnarle alla casa d'aste.

“Posso immaginare”, risponde sognante, “mi piace entrare nella zona riservata e sentire la vecchia carta frusciare sotto le mie dita. Com'è trovare quei libri rari per gli altri e non poterne avere uno o due per te?"

“Ho alcune prime edizioni autografate. Sono per lo più autori contemporanei, ma..” dico facendole l'occhiolino con nonchalance.

"Mi piacerebbe vedere la tua collezione", dice emozionata, poi arrossisce per la sua sfrontatezza

"Te ne porterò uno la prossima settimana," dico ridendo tra me e sapendo che le sto rubando il cuore, "Potrai vederlo dopo aver parlato di The Stand."

“Il gruppo lo adorerebbe”, dice abbassando la testa e nascondendo gli occhi, “Saranno stupiti di avere qualcuno con la tua esperienza coinvolto nel gruppo”.

"Assicuratevi di chiamarmi", dico alzandomi e preparandomi per andarmene, "non vedo davvero l'ora di discutere del libro con tutti voi."

"Ti chiamerò domani o domenica", dice, "penso che il gruppo ti amerà".

“È bello sentirlo. Adoro le discussioni accese su quasi tutti gli argomenti, mi permettono di mettere a frutto le mie capacità di gruppo di dibattito,” dico prendendo la mia tazza e girandomi verso l'ingresso.

“So cosa intendi”, risponde con un’altra risatina, “A volte scelgo una posizione opposta, solo per discutere”.

"Questo non mi sorprende," dico ammiccando poco prima di uscire, "a proposito, potrei chiederti come ti chiami."

"Mi chiamo Joan", risponde, "Joan Stipkovitcz, e il suo, buon signore?"

"Terrance", rispondo prendendole la mano e baciandola di nuovo, "Non vedo l'ora di sentirti, Joan."

Esco e sto accanto alla finestra per un momento, e la guardo abbracciarsi leggermente. So che mi chiamerà domani se non stasera. Ho scelto un'altra vittima in un batter d'occhio. Scendo in strada e fermo un taxi. Dico al tassista dove sono diretto, poi mi appoggio allo schienale e chiudo gli occhi.

Così dolce e innocente che penso di immaginarla nella mia mente. Sarà divertente, l'ho già conquistata. A volte mi stupisce quanto le persone siano ingenue e fiduciose. Immagino Joan distesa sul letto, tremante sotto la mia dolce carezza, con la pelle d'oca che le copre la pelle pallida.

Arrivo a casa mia senza rendermi conto di quanto sto sognando ad occhi aperti. Mi siedo al computer e faccio una piccola ricerca sul mio nuovo amico. Internet è una cosa meravigliosa, con esso quasi nulla è più privato, tutto è a portata di mano, una volta che sai dove guardare. Dopo soli cinque minuti ho la foto di un senior, l'indirizzo, il numero di telefono e la solvibilità. Sapevo che non aveva precedenti, la sua famiglia viveva a duemilaseicento miglia di distanza, dall'altra parte del paese. Sapevo che si era laureata con lode in un piccolo college di arti liberali a pochi isolati dal suo indirizzo. Conoscevo il suo stipendio, sapevo che l'anno scorso era andata in vacanza a Cancun. Sapevo che aveva un gatto Sfinge dalle foto della sua pagina Facebook. Cos'altro devo sapere? Tutta la sua vita è esposta davanti a me.

Entro in cucina, mi verso un bicchiere di vino e lo bevo mentre preparo la cena. Appena mi siedo a cena squilla il telefono, lascio che risponda la segreteria, sapendo già chi è.

"Uh, sono Joan, non sono sicura che ti ricordi, ma ci siamo incontrati sull'autobus stamattina", dice al telefono, "Ti stavo giusto chiamando, per um..."

“Ciao Giovanna”, dico sollevando il ricevitore, sapendo che sta per riattaccare, “aspettavo che chiamassi, mi sono appena seduto a cena”.

"Mi dispiace tanto, posso richiamarti, non volevo interromperti," balbetta.

"Non preoccuparti, non stai interrompendo nulla di importante, per favore dimmi dove ci incontreremo questa settimana."

"Ci incontriamo a casa della mia amica Monica questa settimana", dice Joan a bassa voce, quasi come se si aspettasse che le urli contro, "Posso darti indicazioni".

"Va bene allora."

"Vive in Milan Avenue. L'indirizzo è 1315, appartamento 4 D, spero che verrai", dice quasi supplicando, "Penso davvero che ti piacerà."

"A che ora vi incontrate di solito?" chiedo.

«Ci ​​incontriamo verso le sette e mezza.»

"Sarò lì, con il campanello acceso", dico e aspetto quello che so arriverà dopo.

"Non posso credere che lo sto facendo," dice timidamente, "Ma mi chiedevo se ti farebbe piacere incontrarci a cena domani sera, sono sicura che hai degli impegni, ma ho pensato di darci un'occhiata." Tentativo."

“A dire il vero sono libera domani sera,” dico ridacchiando nella mia testa, “mi piacerebbe vederti. Perché non vieni a casa mia e prepariamo la cena insieme?"

"Oh, non lo vorresti", risponde Joan ridacchiando, "Sono una cuoca orribile".

"Sono sicuro che non sei orribile in nulla," dico immaginandola mentre si copre la bocca mentre ridacchia di nuovo.

"No davvero, non sono molto bravo a cucinare, di solito ordino e basta."

“Ebbene, questa è una situazione a cui dovremo porre rimedio, non è vero?” dico ridendo con lei, “La tua prima lezione inizierà domani sera alle sette.”

"Beh, ti conosco a malapena, ma sembri così carino", dice sognante, "ti dispiace se porto un amico con me, solo per essere al sicuro?"

“Tu puoi portare quello che vuoi, per sentirti più a tuo agio”, dico sapendo che è solo un bluff.

"OK, allora saremo lì alle sette", dice Joan, "Posso portare qualcosa con me?"

"Solo tu, il tuo amico e due paia di aiutanti", dico.

"OK, ci vediamo domani allora Terrance", dice Joan mentre riattacca.

Mi siedo di nuovo a cena immaginandola scuotere la testa incredula, per i suoi nervi. Adoro quelli timidi e silenziosi, di solito sono i migliori a letto. Più sono tranquilli nella vita, più selvaggi sono a letto. Come regola generale, hai scoperto che questo è vero? Finisco di cenare e vado al supermercato per comprare gli oggetti che cucineremo. Una volta finito lì, mi fermo e acquisto un paio di bottiglie di vino, dalla cantina privata nelle vicinanze.


Mentre mi addormento, lo faccio con un sorriso, pensando al nuovo giocattolo che acquisterò domani e aggiungerò alla mia collezione. Mi addormento con la mia consueta facilità, non avere coscienza rende facile addormentarsi. La mattina mi sveglio e mi siedo per fare colazione, un bagel e un tè caldo. Poi vado a correre. Adoro correre e sentire il vento che soffia sul mio corpo, quasi come se stessi volando, è anche per questo che possiedo una bici OCC. Dopo aver sudato bene durante la corsa, ho colpito i pesi. Il sollevamento pesi è ottimo per rinfrescarsi dopo una corsa, soprattutto perché raramente faccio sollevamento pesi. Elevate ripetizioni e peso ridotto, ottimo per la definizione. Termino la mia routine quotidiana con un po' di lavoro sugli addominali e vado a fare la doccia.

Mi accarezzo il cazzo immaginando il mio nuovo giocattolo, con cui potrò giocare più tardi. Immaginando cosa farò con e senza il suo permesso. Finisco me stesso e poi mi faccio la doccia. Mi siedo in casa guardando distrattamente le partite di football del college e preparandomi mentalmente per i festeggiamenti di stasera. Preparo la camera da letto e i miei strumenti. Mi vesto velocemente verso le 6:45 indossando una bella camicia azzurra abbottonata e un paio di blue jeans aderenti alla palla che mettono in risalto il mio pacchetto abbastanza bene. Mi spalmo il collo e i polsi con la colonia Aqua Digio e sto giusto impostando la playlist del mio iPod, quando sento bussare alla porta. Accendo il caminetto e, mentre passo davanti, mi guardo allo specchio per aprire la porta. Mi rendo subito conto che avevo ragione riguardo al suo bluff, mentre apro la porta e la vedo lì tutta sola. È mozzafiato con un paio di blue jeans attillati che abbracciano i fianchi e un maglione bianco attillato, che mostra il suo piccolo seno vivace. Tiene in una mano la sua copia dello Stand e nell'altra una bottiglia di vino senza pretese.

"So che mi hai detto di non portare niente," dice sistemandosi distrattamente i capelli dietro l'orecchio, "Ma odio venire a casa di qualcuno a mani vuote."

"Va bene," dico prendendole la bottiglia e facendomi da parte per farla entrare, "la spengo per respirare, perché non prendi un po' di musica dal mio IPOD sulla mensola?"

"OH. Vediamo cosa hai,” dice abbastanza forte da farmi sentire mentre entro in cucina.

Metto la sua bottiglia di vino sul ripiano e poi verso due bicchieri dalla bottiglia che avevo aperto prima. Sento Nina Simone arrivare dagli altoparlanti mentre torno con il vino.

"La tua selezione è eclettica", dice Joan vedendomi entrare nella stanza, "anche io ho sempre amato il fuoco scoppiettante, sembra essere una cosa vivente".

"Eccoci, Joan," dico offrendole uno degli occhiali.

“Grazie”, dice subito bevendo un sorso, “MMM molto buono”.

“Devo ammettere di essere anche un po' un intenditore di vini”, dico poco prima di berne un sorso.

"Beh, devi conoscere i tuoi vini così come conosci i tuoi libri rari, se questo", dice Joan inclinando il bicchiere verso di me, "è un'indicazione della tua conoscenza."

"Perché grazie mille", dico guardandola scolare il bicchiere, "Vuoi un altro bicchiere?"

"Sì, moltissimo", dice Joan annuendo con la testa.

"Torno subito," dico mentre la guardo soffocare un piccolo rutto con la mano, e poi le faccio l'occhiolino "Non andare da nessuna parte."

"Sarò qui ad aspettarti." Joan dice che ricomincia a guardare l'iPod.

"Devo scoparla prima o dopo cena?" mi chiedo entrando in cucina. "Lascia che sia lei a decidere" dice la mia voce logica, "Sta per iniziare adesso, è tutta nervosa e agitata, scommetto che dopo aver finito il secondo bicchiere di vino, ti sarà addosso." Sento una canzone di Robert Johnson "The Walkin Blues" prorompere dagli altoparlanti, mentre varco la porta. Lei sta accanto al mantello scintillante davanti al fuoco,
dall'aspetto liscio e sensuale.

"Mi dispiace di non averti vista lì," dice Joan coprendosi la bocca in una risata nervosa.

“Va bene, mi piace vedere le persone che si divertono con la loro musica,” rispondo porgendole il secondo bicchiere di vino.

"Hai un ottimo gusto musicale, non molte persone della nostra età apprezzano questo tipo di musica."

"Molte persone si perdono grandi cose, che si tratti di musica, libri, cibo, perché hanno paura di provare qualcosa di diverso", dico e poi finisco il mio vino.

"Allora, cosa avevi in ​​mente per cena stasera?" chiede Joan.

"Stavo pensando di fare la parmigiana di vitello, ma usare carne di cervo al posto del vitello, patate rosse italiane arrosto e magari un topo al cioccolato per il dessert, che ne dici?" chiedo aspettando di vedere se si oppone alla carne di cervo.

"Cos'è la carne di cervo?"

"La carne di cervo è carne di cervo, molto gustosa e molto salutare per te", dico mentre finisce il vino, "È molto più magra del manzo o del maiale e ha un sapore squisito, l'hai mai provata?"

“No, non l'ho mai provato prima,” risponde Joan scuotendolo in quel modo carino che ha, “Ho sentito che ha un sapore diverso, sono pronta a provarlo comunque. Sono totalmente d’accordo con quello che hai detto riguardo alle persone che si perdono qualcosa a causa della paura dell’ignoto”.

"Beh, ho marinato la carne nel vino che stiamo bevendo adesso, così si prenderà cura del sapore della selvaggina."

"Posso usare il tuo bagno." chiede alzandosi.

"Vai in fondo al corridoio ed è la prima porta a sinistra", dico, indicando le mie indicazioni, "Ci vediamo in cucina quando hai finito."

Entro in cucina mentre lei si dirige verso il bagno. Appoggio tutto l'occorrente sul bancone e verso altri due bicchieri di vino, aspettando che lei ritorni dal bagno. Una volta arrivata in cucina cominciamo a preparare la cena, sorseggiando il nostro vino. Posso dire che sta cominciando a rilassarsi un po', dal momento che si è tolta il maglione per rivelare una canottiera di seta senza maniche. Continuiamo la normale conversazione del primo appuntamento, mentre prepariamo la cena. Dove sei cresciuto, come erano i tuoi genitori, il primo bacio, il primo fidanzato/fidanzata, il tutto mentre un flusso costante di jazz e blues arriva dall'altra stanza.
Sta cominciando a sentirsi ubriaca, mentre ci avviciniamo al focolare per consumare il pasto, e ha appena toccato il suo ultimo bicchiere di vino. Passiamo alle domande più intime, tra un boccone e l'altro, e vedo nei suoi occhi che si sta innamorando di me. Proprio mentre stiamo finendo il nostro pasto, dagli altoparlanti arriva Unforgiven degli Apocalyptica.

"Questa è una delle canzoni più piene di sentimento che abbia mai sentito", dice alzandosi tremante e ricominciando a ballare lentamente.

Mi alzo e mi inchino, poi le prendo la mano mentre ci muoviamo lentamente per il soggiorno evitando con attenzione le porcellane sparse davanti al caminetto. Posso sentirla sciogliersi nella mia mentre le mie braccia la avvolgono, lei si abbraccia forte a me, con la testa che si sistema perfettamente sulla mia spalla. Mi guarda negli occhi mentre la canzone finisce e restiamo lì in un caldo abbraccio, vedo alcune lacrime scendere sulla sua guancia dalle ciglia inferiori.

"Cosa c'è che non va?" chiedo stringendo leggermente la presa.

"Oh, mi dispiace, è solo il vino e la canzone, sono solo io che sono sciocca," dice allontanandosi leggermente.

"Non scusarti, non c'è niente di cui dispiacersi," dico accarezzandole leggermente la nuca.

"Mi fai sentire al sicuro e al caldo e, e,.....", borbotta prima di darmi un bacio profondo.

Non sono sorpreso, ma sono un po' sorpreso dalla ferocia del suo bacio. Sembra durare per sempre mentre entrambi ci separiamo allo stesso tempo, ansimando per riprendere fiato. Lei mi guarda e poi ci tuffiamo di nuovo per un altro bacio. Mentre questa volta ci separiamo, parte "Feelin Good" di Nina Simone. Iniziamo a ballare di nuovo, lentamente più come se fosse sesso con i nostri vestiti addosso.

"Prendimi, sono tua, fai quello che vuoi", mi sussurra all'orecchio e poi mordicchia il lobo.

La prendo tra le braccia, facendole sentire la mia forza, e la porto in camera da letto, mentre lei mi mordicchia il lobo dell'orecchio e il collo. La sdraio sul letto e poi la raggiungo. Ci accarezziamo il viso e i capelli mentre siamo sdraiati sul letto a baciarci. La nostra lingua e le nostre dita iniziano la ricerca allo stesso tempo. All'inizio ci strofiniamo teneramente, poi le sue dita armeggiano con i bottoni della mia camicia. Joan infila le mani dentro la maglietta e mi sfiora leggermente i fianchi con le unghie facendomi formicolare. Le afferro il polso e le tiro via la mano, poi faccio scivolare le mani sotto la sua maglietta trovando il suo piccolo seno perfettamente formato e sentendo i suoi capezzoli prendere vita mentre li strofino leggermente con la punta delle dita. Geme piano piano solleticandomi l'orecchio, che ha ripreso a sgranocchiare. Le tiro la maglietta sopra la testa mentre lei alza le braccia sopra la testa, scivola fuori e fa scivolare la bocca sul mio petto, baciandomi dolcemente su tutta la parte superiore cesellata del busto.

"Non avevo idea che tu fossi così ben definito", dice Joan tra un bacio e l'altro.

"Mi piace mantenermi in forma", rispondo mentre armeggiavo con i suoi jeans.

"Così tonica e allo stesso tempo sensibile", dice Joan facendo scorrere di nuovo le mani su e giù lungo i miei fianchi guardandomi rabbrividire.

Le apro i jeans e glieli sfilo, mentre le sue mani raggiungono la parte superiore dei miei jeans e inizia ad azionare la cerniera. Posso sentirmi gonfiare contro la cerniera, sapendo che sarà contenta una volta che mi avrà tolto i pantaloni. Mi toglie i jeans proprio mentre trovo il suo clitoride pulsante, Joan geme mentre lotta per togliermi i jeans. I miei jeans scivolano via mentre inizio a muovere il suo clitoride in cerchio, prima lentamente e delicatamente, poi acquistando velocità e forza mentre procedo. Afferra la mia asta, accarezzandola delicatamente tra entrambi i palmi, mentre si dimena e si contorce sotto il mio tocco. Si strofina più velocemente e poi mi afferra il viso e lo bacia, la sua lingua cerca disperatamente la mia. Faccio scorrere delicatamente il dito verso il basso e indietro per aprire la fessura, fermandomi al clitoride e lavorandolo, finché penso che sia pronta anche lei a venire e a tornare a lavorare le sue labbra. Scivola sotto così siamo nella posizione sessantanove e inizia a leccarmi la testa e l'asta. Infilo la faccia nel suo inguine e sento la pelle d'oca scoppiarle sulla schiena e sulle natiche mentre mi spingo dentro di lei, e inizio a leccarle le labbra e il clitoride.

Non fermarti, non fermarti,” dice tra una leccata e l'altra e poi attutisce un gemito ingoiando metà del mio cazzo in un solo sorso.

Immergo due dita nella sua delicata apertura rosa. Stringe la presa su di me muovendosi su e giù velocemente come se stesse cercando di inspirare per tutta la lunghezza. So di aver trovato il suo punto G quando inizia a canticchiare con me in bocca. Strofino brutalmente il suo punto perfetto, mentre succhio e mordicchio delicatamente il suo clitoride. Mi tira fuori dalla bocca, succhia un'ultima volta la testa e poi sento i suoi muscoli contrarsi attorno alle mie dita dentro di lei.

"Sì, sì, oh DIO SÌ", urla mentre la sento venire sulle mie dita.

Lei si gira subito sul letto, mi tira fuori le dita da dentro e se le infila in bocca. Mi alzo, le afferro le gambe, tiro la sua figa verso il mio viso e infilo la lingua nella sua vagina ancora convulsa. Ha un sapore squisito, avvicina il mio viso a sé con due manciate di capelli e comincia a strofinare i fianchi contro di me. Si strofina il clitoride mentre la sonda con la lingua, e la sento venire di nuovo, mentre la guardo quasi alzarsi con la testa sul letto, inarcando la schiena. Mentre mi allontano lei si siede velocemente, mi bacia di nuovo e condividiamo i suoi succhi. Avvolge le sue gambe intorno alla mia vita mentre ci abbracciamo e ci baciamo, e poi si gira un po' così da atterrare sul letto con lei sopra di me.

"È il mio turno", dice, poi mi pizzica i capezzoli.

Apro la bocca in una O di sorpresa mentre lei inizia a strofinare la sua figa gocciolante su e giù per la mia lunghezza, riportandomi alle mie dimensioni massime. Sento che si abbassa e mi mette qui dentro, si sposta immediatamente su e scivola di nuovo giù. Mentre risale, mi afferra, come un guanto aderente, e poi si impala sul mio cazzo. Sento quel piccolo colpo sulla punta del mio cazzo, mentre tocco il fondo ogni volta che lei scivola lungo tutta la mia lunghezza.

"Sei appeso come un cavallo", dice Joan inarcando la schiena e scivolando sempre più velocemente, "Puoi colpire quel punto tutta la notte."

Stiamo iniziando entrambi a sudare e io chiudo gli occhi e mi concentro nel cercare di resistere il più a lungo possibile. Mi graffia il petto con le unghie e muove le mani per coprire le mie e ci teniamo per mano, mentre entrambi gridiamo mentre veniamo all'unisono. La pressione sulle mie mani diventa più forte e le sue grida si trasformano in un ululato gutturale di lupo. Apro gli occhi e vedo un lupo mannaro in piena regola a cavalcioni di me.

“Mi è piaciuto questo piacere immensamente umano, molto più di quello che la maggior parte di voi può darmi,” dice mentre mi guarda lottare sotto la sua presa di ferro, “Mi è sempre piaciuto dare la caccia a un cacciatore. L'odore della morte e della rovina grava su di te, in un fetore nebuloso. Quanti ne hai presi prima di me?"

"Dovevi essere il numero quarantacinque", dico mentre ansimo cercando di liberarmi.

"È un numero impressionante per una persona così giovane", dice e si passa la lingua sul muso, "Ahimè, ma il tuo tempo è finito."

"Aspetta, aspetta", urlo mentre provo a sollevarla da me con una potente spinta finale e fallisco.

Sento il morso dei suoi denti mentre penetra nella mia carne e si tira indietro selvaggiamente, squarciando carne e tendini con i suoi denti simili a coltelli. Sento il sangue che sgorga dai miei vasi feriti e l'ultima cosa che mi passa per la mente è "Non è divertente come la vita possa cambiare in un batter d'occhio?"

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.