Vecchi ricordi con papà_(0)

1.3KReport
Vecchi ricordi con papà_(0)

Angel, 17 anni, sarebbe tornata per l'appuntamento con il suo attuale fidanzato. Indossava una camicetta bianca, una minigonna nera e dei tacchi per darle un tocco di seduzione. Sotto il top indossava solo un sottile reggiseno di pizzo bianco con mutandine abbinate sotto la gonna. Questo outfit amplificava il suo corpo snello, era sicura che ne avrebbe avuto un po' stasera. Mentre tornava a casa, intatta, si è diretta verso la sua stanza prima di essere fermata da suo padre.

"I ragazzi con cui esci... sono così deboli." L'ha fermata nel corridoio nel cuore della notte, sorprendendola mentre tornava a casa dall'appuntamento.
“Voglio dire, guardati! Torniamo a casa a mezzanotte e continuiamo a guardarci insieme. I tuoi capelli non sono scompigliati, il vestito non è arruffato. Questi ragazzi non provano mai a provocarti?" Le mise una mano sulla vita avvicinando Angel a sé.

Angel guardò suo padre mentre la tinta rosata cominciava a bruciarle le guance mentre parlava, "Sai, la maggior parte dei padri sarebbe orgogliosa che sua figlia non stesse scherzando con altri uomini."

Suo padre si limitò a scuotere la testa e una risatina bassa e profonda eruppe dalle sue labbra. "La maggior parte dei padri non sono io." La attirò più vicino a sé in modo che potesse sentire il suo cazzo contro di sé. "Cazzo, non posso credere che tu sia uscito vestito così e sia tornato a casa tutto nudo." Le sue mani vagano lungo il suo corpo palpando liberamente sua figlia mentre le sussurra all'orecchio: "Conservi questa piccola astuzia per papà, eh?" Suo padre guardò negli occhi la figlia che non usava quella parola da quando lei aveva dieci anni... da quando aveva smesso...

Il rossore sulle guance di Angel cominciò a bruciare di più quando suo padre le sussurrò all'orecchio e toccò il suo corpo. Angel cominciò lentamente a rievocare i ricordi lontani di lei e di suo padre. Dopo aver compiuto 14 anni, iniziò a vestirsi in modo meno tradizionale e a mostrare più di quanto la società ritenesse normale per una ragazza della sua età. Desiderava solo l'attenzione di suo padre e se non fosse riuscita a ottenere la sua avrebbe preso chiunque potesse. Angel sapeva che un giorno suo padre l'avrebbe presa di nuovo, ci voleva solo tempo.
Il padre di Angel la spinse contro il muro del corridoio. “Cazzo, ascoltami, bambolina; nessuno potrà mai sapere che ti faccio questo. Respirava pesantemente mentre le teneva le mani sopra la testa, per i polsi. Le sue grandi mani avrebbero tenuto entrambi i polsi di lei contro il muro mentre le sue labbra sfioravano le sue in un dolce bacio proibito. “Di sì, papà, non lo dirò mai…”

Il suo respiro cominciò a starnazzare mentre osservava suo padre. Lei annuì quando sentì le sue labbra incontrare le sue mentre parlava dolcemente: "Papà, non lo dirò mai..."

Papà... Quella parola gli cantava nelle orecchie dalle labbra di lei. Gli piaceva sentirlo dire quella cosa al posto di suo padre. La loro relazione era diventata molto seria man mano che lei cresceva, ma lei aveva imparato di nuovo a essere la sua bambina. La teneva contro il muro mentre la baciava e le stuzzicava i capezzoli.

Osservò la sua espressione mentre continuava a tenerla. Lievi gemiti le sfuggirono dalle labbra mentre lui le stuzzicava i capezzoli già sensibili. "Papà... mi sei mancato mentre facevi questo..."
La portò nella sua camera da letto e la fece sedere sul letto. "Mi sono fermato perché avevo paura che restassi incinta, piccola..." Si tolse il pigiama e salì sopra la sua bambina.
Angel si riposò sul letto mentre guardava suo padre spogliarsi. Mentre lui le saliva sopra, lei lo baciò dolcemente come faceva quando era bambina. Lo guardò con curiosità mentre parlava: "Perché adesso, papà?"

Lui le allargò le gambe e cominciò a strofinarle la figa attraverso il perizoma. "Ho aspettato e aspettato che tu tornassi a casa ben scopata e incinta, ma semplicemente non succederà... a meno che non lo faccia io."

Angel allargò le gambe per lei mentre lei gemeva leggermente mentre lui cominciava a massaggiarla. "Perché stavi aspettando quel papà?" Gli chiese tra un gemito e l'altro.

Le tolse il perizoma e sorrise. "Calva... proprio come quando eri piccola..." Si leccò le labbra adorando che la sua ragazza fosse rasata e bagnata." Stavo aspettando perché è molto sbagliato che un papà metta un bambino nella sua bambina”.

Lo lasciò sfilare dal perizoma mentre continuava ad arrossire e guardare suo padre. "L'ho sempre tenuto nudo per te papà e anche papà, nessuno lo saprebbe, potresti mettermi il contraccettivo." Si sedette baciandolo profondamente, lungo la linea della mascella e lungo il collo, sorridendo.
Emise un suono basso e sensuale mentre lei gli baciava il collo. "Una bocca così perfetta. Per me eh? Cos'altro sei disposto a fare per papà? Cosa farai per l'amore di papà...? "le prese la mano e la posò sul suo grosso cazzo duro.

I suoi occhi incontrarono i suoi, gli stessi occhi che lo avevano guardato anni prima. La bambina con gli occhi pieni di lussuria per il suo papà. Quando la sua mano si è spostata sul suo cazzo, ricorda da bambina quanto ti piaceva accarezzarlo con le sue piccole mani mentre iniziava ad accarezzarlo lentamente proprio come faceva da bambina. "Farò qualsiasi cosa, papà..."
"Oh cavolo!" gemette quando la sentì giocare avidamente e abilmente con il suo cazzo. "Brava ragazza, ma ti voglio nuda e tra le mie gambe. Farai un pompino bagnato da troia a papà. Perché è quello che mi piace. Ti insegnerò a essere la perfetta piccola schiava sessuale di papà." sedeva duro al centro del letto e aspettava. "Oh, e non esiste alcun controllo delle nascite per la troia di papà."

Sorrise a suo padre mentre cominciava a slacciarsi la camicetta e a sfilarsi la gonna. Si sganciò il reggiseno e si tolse il perizoma mentre strisciava verso suo padre come faceva da bambina quando la chiamava, ma no, invece di un corpo snello e piatto, il suo culo era ben arrotondato e i suoi seni pendevano, ondeggiando come Lei si è trasferita.


La guardò, guardò la donna in cui si era trasformata. "Sì... sei pronta per questo. Vuoi essere la cagna riproduttrice di papà. Vuoi che un vero uomo metta un bambino nella tua pancia, non uno di quei ragazzini deboli." L'afferrò per i capelli e le mise la faccia tra le palle. "Inspira il mio profumo..." Mentre lui la afferrava per i capelli, lei gridò piano, colta di sorpresa. Con la testa abbassata nel suo inguine, il suo culo sarebbe stato alto nell'aria mentre iniziava ad annusare le sue palle.

Amava quanto fosse obbediente e come avesse il controllo totale su di lei ed era attraverso il suo amore e la sua lussuria, non la paura... era già la troia di papà. "Ora leccami le palle e fatti strada su per la mia rasatura. Angel iniziò con entusiasmo a leccargli le palle facendole diventare belle e bagnate ricoprendole con la sua saliva mentre continuava a leccargli il cazzo.
Lui le andò dietro "Bambolina, papà ti ama. Che brava troia. Ho bisogno di scopare." le tenne le natiche divaricate mentre spingeva lentamente la testa dentro di lei.

Lei piagnucolò un po' mentre lui si allontanava da lei, ma mentre lui si spostava dietro di lei, sapeva che sarebbe stata una sorpresa, proprio come quando era piccola. Lei gemette leggermente quando lo sentì spingere dentro di lei. "Ti amo anch'io, papà."

Lui le tenne i fianchi mentre le scopava il cazzo dentro. "Sei una bambola? Ami abbastanza papà da darmi un bambino?"

"Sì papà, la tua bambina farà di tutto per essere una brava ragazza per suo papà." Angel rispose mentre lei continuava a gemere di piacere.

"Piccola, sei così sexy!" L'ha scopata più forte e le ha stuzzicato il piccolo buco del culo con il pollice. Pensando a tutte le fantasie sporche che aveva avuto su di lei negli anni in cui l'aveva vista diventare una donna. Riempiendola di sesso giovane e stretto con il cazzo di papà. La forza di lui che la scopava la costrinse a dirigersi verso il letto mentre i suoi seni rimbalzavano e si sfregavano contro il letto. Lei tremò leggermente mentre lui le stuzzicava il buco del culo mentre i suoi gemiti sembravano solo diventare più forti.

Amava quanto lei fosse reattiva e così desiderosa di fare cose sporche. "Oh, ti piace quando ti tocco qui, eh?" spinse ancora un po' il pollice e poi un secondo per aprirle il buco e sputarle nel culo.
Tremò di più mentre ansimava sentendo lui allargare un po' il buco del culo "Sì papà" Mentre suo padre continuava a martellarle la fica, poteva sentire la sua figa stringersi attorno al suo cazzo mentre gemeva e sapeva che era già vicina a venire. Lei piagnucolò di piacere a suo padre: “Papà, ho bisogno di venire. Voglio venire per te, papà.

Lui aveva tolto le dita dal suo culo e glielo aveva schiaffeggiato più e più volte, lasciandole rossore su tutte le ascelle. Con un sorrisetto si sporse sul suo corpo e le afferrò rudemente i seni, stringendoli e tirandoli. Le sussurrò all'orecchio: “Vieni, bambolina, vieni per il tuo papà. Mostra a papà quanto sei una piccola troia per me.

Detto questo, Angel gemette mentre inarcava la schiena, con la bocca spalancata mentre ansimava come una cagna in calore. La sua figa si stringe attorno al suo cazzo mentre viene forte, piagnucolando di piacere, respirando pesantemente per riprendere fiato. Suo padre si limitò a sorridere mentre lui stesso entrava nella sua bambina diffondendo il suo seme nel suo grembo. Detto questo si sdraiò accanto a lei e la avvicinò al suo petto. Le accarezzò la testa e la baciò dolcemente sussurrandole all'orecchio: "Sei anche meglio di quanto ricordassi, bambolina..."

Storie simili

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.3K I più visti

Likes 2

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.4K I più visti

Likes 0

Ottengo una copia delle foto

Era un venerdì pomeriggio e avevo finito presto il mio incarico nell'area di Boston. Mi sono diretto all'aeroporto per vedere se potevo prendere un volo precedente. Ho lasciato l'auto a noleggio e durante il viaggio in autobus fino al terminal ho ricevuto la temuta telefonata della compagnia aerea. Il mio volo è stato cancellato e sono dovuto andare allo sportello per prendere accordi alternativi. Normalmente mi hanno appena riprenotato sul prossimo volo disponibile, quindi non suonava bene. Ho mandato un messaggio a mia moglie e le ho detto che ero in ritardo e che l'avrei aggiornata più tardi. Scesi dall'autobus ed...

1.4K I più visti

Likes 0

Napoli, Florida e Beech Mountain, N.C.

Napoli, Florida e Beech Mountain N.C. Sandra e Debra erano piene di domande mentre virava l'aereo verso sud. Ho raccontato loro del piano che io e Donna abbiamo organizzato e di come è andato a finire. Sono rimasti davvero colpiti dal fatto che io abbia sfidato Stanley e gli avessi rotto il naso, la clavicola e alcune costole. Debra mi ha abbracciato e baciato diverse volte in segno di gratitudine... penso che volesse fare di più, ma Sandra l'ha calmata un po'... «Dobbiamo discutere di cosa ne sarà di te ora che non puoi tornare presto a Beech Mountain. Immagino che...

1.3K I più visti

Likes 0

SLut9 pt 22

CAPITOLO VENTIDUESIMO In alto nella vita Domenica 23 dicembre, Notte Per le due ore successive la casa fu organizzata nel caos mentre Jennifer coinvolgeva tutti nello sforzo di pulire e prepararsi per la festa. Dave ed Emily sono stati messi al lavoro per spolverare, passare l'aspirapolvere e pulire il soggiorno, Olivia e Hayley sono state arruolate come assistenti cuoche per Jennifer mentre lei preparava più cibo possibile per la festa di domani. Megan è stata mandata nella sua stanza per pulirla mentre Molly spazzava e lavava i pavimenti in legno nel corridoio principale. Una volta finite quelle faccende, Jenn mandò giù...

1.4K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.5K I più visti

Likes 1

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.3K I più visti

Likes 1

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.6K I più visti

Likes 0

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David

LISSA C. Capitolo 2, Buon compleanno David La giornata era andata meglio di quanto mi aspettassi. Tornando a casa, con Lissa al volante, mi ha dato l'opportunità di guardarla bene mentre guidava. Non c'era niente di questa ragazza che non mi piacesse. I suoi bei capelli biondi, che vorticavano in continuazione mentre il vento soffiava sul parabrezza, apportavano un certo grado di freschezza all'intera situazione. Rideva e ridacchiava alle mie stupide battute mentre chiacchieravamo, facendomi sentire sempre più a mio agio intorno a lei. Ma poi c'erano quei suoi seni dall'aspetto delizioso che si alzavano fermamente dal suo petto. Ho cercato...

1.3K I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.