Vecchi ricordi con papà_(0)

462Report
Vecchi ricordi con papà_(0)

Angel, 17 anni, sarebbe tornata per l'appuntamento con il suo attuale fidanzato. Indossava una camicetta bianca, una minigonna nera e dei tacchi per darle un tocco di seduzione. Sotto il top indossava solo un sottile reggiseno di pizzo bianco con mutandine abbinate sotto la gonna. Questo outfit amplificava il suo corpo snello, era sicura che ne avrebbe avuto un po' stasera. Mentre tornava a casa, intatta, si è diretta verso la sua stanza prima di essere fermata da suo padre.

"I ragazzi con cui esci... sono così deboli." L'ha fermata nel corridoio nel cuore della notte, sorprendendola mentre tornava a casa dall'appuntamento.
“Voglio dire, guardati! Torniamo a casa a mezzanotte e continuiamo a guardarci insieme. I tuoi capelli non sono scompigliati, il vestito non è arruffato. Questi ragazzi non provano mai a provocarti?" Le mise una mano sulla vita avvicinando Angel a sé.

Angel guardò suo padre mentre la tinta rosata cominciava a bruciarle le guance mentre parlava, "Sai, la maggior parte dei padri sarebbe orgogliosa che sua figlia non stesse scherzando con altri uomini."

Suo padre si limitò a scuotere la testa e una risatina bassa e profonda eruppe dalle sue labbra. "La maggior parte dei padri non sono io." La attirò più vicino a sé in modo che potesse sentire il suo cazzo contro di sé. "Cazzo, non posso credere che tu sia uscito vestito così e sia tornato a casa tutto nudo." Le sue mani vagano lungo il suo corpo palpando liberamente sua figlia mentre le sussurra all'orecchio: "Conservi questa piccola astuzia per papà, eh?" Suo padre guardò negli occhi la figlia che non usava quella parola da quando lei aveva dieci anni... da quando aveva smesso...

Il rossore sulle guance di Angel cominciò a bruciare di più quando suo padre le sussurrò all'orecchio e toccò il suo corpo. Angel cominciò lentamente a rievocare i ricordi lontani di lei e di suo padre. Dopo aver compiuto 14 anni, iniziò a vestirsi in modo meno tradizionale e a mostrare più di quanto la società ritenesse normale per una ragazza della sua età. Desiderava solo l'attenzione di suo padre e se non fosse riuscita a ottenere la sua avrebbe preso chiunque potesse. Angel sapeva che un giorno suo padre l'avrebbe presa di nuovo, ci voleva solo tempo.
Il padre di Angel la spinse contro il muro del corridoio. “Cazzo, ascoltami, bambolina; nessuno potrà mai sapere che ti faccio questo. Respirava pesantemente mentre le teneva le mani sopra la testa, per i polsi. Le sue grandi mani avrebbero tenuto entrambi i polsi di lei contro il muro mentre le sue labbra sfioravano le sue in un dolce bacio proibito. “Di sì, papà, non lo dirò mai…”

Il suo respiro cominciò a starnazzare mentre osservava suo padre. Lei annuì quando sentì le sue labbra incontrare le sue mentre parlava dolcemente: "Papà, non lo dirò mai..."

Papà... Quella parola gli cantava nelle orecchie dalle labbra di lei. Gli piaceva sentirlo dire quella cosa al posto di suo padre. La loro relazione era diventata molto seria man mano che lei cresceva, ma lei aveva imparato di nuovo a essere la sua bambina. La teneva contro il muro mentre la baciava e le stuzzicava i capezzoli.

Osservò la sua espressione mentre continuava a tenerla. Lievi gemiti le sfuggirono dalle labbra mentre lui le stuzzicava i capezzoli già sensibili. "Papà... mi sei mancato mentre facevi questo..."
La portò nella sua camera da letto e la fece sedere sul letto. "Mi sono fermato perché avevo paura che restassi incinta, piccola..." Si tolse il pigiama e salì sopra la sua bambina.
Angel si riposò sul letto mentre guardava suo padre spogliarsi. Mentre lui le saliva sopra, lei lo baciò dolcemente come faceva quando era bambina. Lo guardò con curiosità mentre parlava: "Perché adesso, papà?"

Lui le allargò le gambe e cominciò a strofinarle la figa attraverso il perizoma. "Ho aspettato e aspettato che tu tornassi a casa ben scopata e incinta, ma semplicemente non succederà... a meno che non lo faccia io."

Angel allargò le gambe per lei mentre lei gemeva leggermente mentre lui cominciava a massaggiarla. "Perché stavi aspettando quel papà?" Gli chiese tra un gemito e l'altro.

Le tolse il perizoma e sorrise. "Calva... proprio come quando eri piccola..." Si leccò le labbra adorando che la sua ragazza fosse rasata e bagnata." Stavo aspettando perché è molto sbagliato che un papà metta un bambino nella sua bambina”.

Lo lasciò sfilare dal perizoma mentre continuava ad arrossire e guardare suo padre. "L'ho sempre tenuto nudo per te papà e anche papà, nessuno lo saprebbe, potresti mettermi il contraccettivo." Si sedette baciandolo profondamente, lungo la linea della mascella e lungo il collo, sorridendo.
Emise un suono basso e sensuale mentre lei gli baciava il collo. "Una bocca così perfetta. Per me eh? Cos'altro sei disposto a fare per papà? Cosa farai per l'amore di papà...? "le prese la mano e la posò sul suo grosso cazzo duro.

I suoi occhi incontrarono i suoi, gli stessi occhi che lo avevano guardato anni prima. La bambina con gli occhi pieni di lussuria per il suo papà. Quando la sua mano si è spostata sul suo cazzo, ricorda da bambina quanto ti piaceva accarezzarlo con le sue piccole mani mentre iniziava ad accarezzarlo lentamente proprio come faceva da bambina. "Farò qualsiasi cosa, papà..."
"Oh cavolo!" gemette quando la sentì giocare avidamente e abilmente con il suo cazzo. "Brava ragazza, ma ti voglio nuda e tra le mie gambe. Farai un pompino bagnato da troia a papà. Perché è quello che mi piace. Ti insegnerò a essere la perfetta piccola schiava sessuale di papà." sedeva duro al centro del letto e aspettava. "Oh, e non esiste alcun controllo delle nascite per la troia di papà."

Sorrise a suo padre mentre cominciava a slacciarsi la camicetta e a sfilarsi la gonna. Si sganciò il reggiseno e si tolse il perizoma mentre strisciava verso suo padre come faceva da bambina quando la chiamava, ma no, invece di un corpo snello e piatto, il suo culo era ben arrotondato e i suoi seni pendevano, ondeggiando come Lei si è trasferita.


La guardò, guardò la donna in cui si era trasformata. "Sì... sei pronta per questo. Vuoi essere la cagna riproduttrice di papà. Vuoi che un vero uomo metta un bambino nella tua pancia, non uno di quei ragazzini deboli." L'afferrò per i capelli e le mise la faccia tra le palle. "Inspira il mio profumo..." Mentre lui la afferrava per i capelli, lei gridò piano, colta di sorpresa. Con la testa abbassata nel suo inguine, il suo culo sarebbe stato alto nell'aria mentre iniziava ad annusare le sue palle.

Amava quanto fosse obbediente e come avesse il controllo totale su di lei ed era attraverso il suo amore e la sua lussuria, non la paura... era già la troia di papà. "Ora leccami le palle e fatti strada su per la mia rasatura. Angel iniziò con entusiasmo a leccargli le palle facendole diventare belle e bagnate ricoprendole con la sua saliva mentre continuava a leccargli il cazzo.
Lui le andò dietro "Bambolina, papà ti ama. Che brava troia. Ho bisogno di scopare." le tenne le natiche divaricate mentre spingeva lentamente la testa dentro di lei.

Lei piagnucolò un po' mentre lui si allontanava da lei, ma mentre lui si spostava dietro di lei, sapeva che sarebbe stata una sorpresa, proprio come quando era piccola. Lei gemette leggermente quando lo sentì spingere dentro di lei. "Ti amo anch'io, papà."

Lui le tenne i fianchi mentre le scopava il cazzo dentro. "Sei una bambola? Ami abbastanza papà da darmi un bambino?"

"Sì papà, la tua bambina farà di tutto per essere una brava ragazza per suo papà." Angel rispose mentre lei continuava a gemere di piacere.

"Piccola, sei così sexy!" L'ha scopata più forte e le ha stuzzicato il piccolo buco del culo con il pollice. Pensando a tutte le fantasie sporche che aveva avuto su di lei negli anni in cui l'aveva vista diventare una donna. Riempiendola di sesso giovane e stretto con il cazzo di papà. La forza di lui che la scopava la costrinse a dirigersi verso il letto mentre i suoi seni rimbalzavano e si sfregavano contro il letto. Lei tremò leggermente mentre lui le stuzzicava il buco del culo mentre i suoi gemiti sembravano solo diventare più forti.

Amava quanto lei fosse reattiva e così desiderosa di fare cose sporche. "Oh, ti piace quando ti tocco qui, eh?" spinse ancora un po' il pollice e poi un secondo per aprirle il buco e sputarle nel culo.
Tremò di più mentre ansimava sentendo lui allargare un po' il buco del culo "Sì papà" Mentre suo padre continuava a martellarle la fica, poteva sentire la sua figa stringersi attorno al suo cazzo mentre gemeva e sapeva che era già vicina a venire. Lei piagnucolò di piacere a suo padre: “Papà, ho bisogno di venire. Voglio venire per te, papà.

Lui aveva tolto le dita dal suo culo e glielo aveva schiaffeggiato più e più volte, lasciandole rossore su tutte le ascelle. Con un sorrisetto si sporse sul suo corpo e le afferrò rudemente i seni, stringendoli e tirandoli. Le sussurrò all'orecchio: “Vieni, bambolina, vieni per il tuo papà. Mostra a papà quanto sei una piccola troia per me.

Detto questo, Angel gemette mentre inarcava la schiena, con la bocca spalancata mentre ansimava come una cagna in calore. La sua figa si stringe attorno al suo cazzo mentre viene forte, piagnucolando di piacere, respirando pesantemente per riprendere fiato. Suo padre si limitò a sorridere mentre lui stesso entrava nella sua bambina diffondendo il suo seme nel suo grembo. Detto questo si sdraiò accanto a lei e la avvicinò al suo petto. Le accarezzò la testa e la baciò dolcemente sussurrandole all'orecchio: "Sei anche meglio di quanto ricordassi, bambolina..."

Storie simili

Pranzo in intimo

Un giorno, durante la pausa pranzo, Sandi e Lori entrano in un esclusivo negozio di biancheria intima. Esaminano casualmente gli scaffali finché non vedono un orsacchiotto di pizzo rosso sexy e trasparente. Lanciano una moneta per vedere chi la proverà. Lori vince il sorteggio e si sorridono mentre vengono scortati nel camerino da un'anziana signora tipo matrona che li guarda con sospetto. Il vecchio pipistrello apre la porta e lascia l'area, ma continua a guardare indietro per vedere cosa sta succedendo. Mentre Sandi si guarda un po' intorno, Lori si infila nel piccolo camerino e si toglie i vestiti. Ammira la...

2.7K I più visti

Likes 0

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

2.5K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.2K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.