L'appuntamento

695Report
L'appuntamento

L'ho aspettata nella camera d'albergo cercando di calmarmi i nervi. Lo abbiamo già fatto in passato, ma questa volta avevo un piano e avevamo preso accordi in anticipo. “Calmati, vecchio mio, non lasciarti trasportare. Questa volta conterà”. Un leggero colpo alla porta mi sveglia dai miei pensieri. Apro la porta e vengo accolto da quel sorriso che chiunque definirebbe innocente ma io lo so.

"Sono contento che sei venuto." dico mentre entra con quella sicurezza, come se questa fosse la sua stanza di casa.

"Quasi non l'ho fatto." Lei rispose togliendosi la giacca e appoggiandola su una sedia nell'angolo. Con uno sguardo alle sue spalle posso vedere nei suoi occhi che dice cose del genere solo per stuzzicare. Sa che mi piace la caccia. Lo vuole tanto quanto me.

"Ne farò valere la pena." Dico mentre ci incontriamo al centro della stanza. "Ti fidi di me?"

"SÌ." Senza esitazione risponde e mi guarda negli occhi.

"In tal caso è sì, signore." Le accarezzo i capelli sopra l'orecchio con le dita.

"Mi costringerai a chiamarti signore?" Quella contrazione delle sopracciglia mi sfida a recitare.

Con uno strattone deciso afferro i capelli già intrecciati tra le mie dita dietro la sua testa.

"Lo farai o ne pagherai le conseguenze." La sua testa si inclina leggermente all'indietro per la mia spinta e chiude gli occhi. Oh no, penso che non sia di quel tipo di umore. Ecco la parola d'ordine... Poi noto il sorrisetto.

"Si signore." Come se le parole da sole non fossero una conferma sufficiente, si appoggia alla mano. Senza rilasciare, uso l'angolazione per inclinarmi e baciarle appena sotto l'orecchio e lavorare lungo il collo. Lasciando andare i suoi capelli, le mie mani si spostano verso i suoi fianchi e l'orlo della sua camicia. Sollevandosi dal basso alza le braccia come se le fosse stato comandato di facilitare la rimozione. Quando le mie mani oltrepassano i suoi gomiti, mi abbasso velocemente dietro la sua testa, intrappolandole le braccia e gli occhi all'interno della maglietta. Comincio a piantare baci che salgono dalla clavicola, al collo, alla mascella. Quando arrivo alle sue labbra mi fermo, abbastanza vicino da potermi sentire. La sento spingere contro la maglia ma gioca forte.

"Qual è il problema? Mettermi il pollo addosso?" Dice di nuovo con quel sorrisetto.

"Avrai quello che vuoi quando te lo darò, capito?"

"È quella..." Viene interrotta quando uso la mano libera per darle un forte colpo sul sedere. "Si signore." Alzando la mano libera, sgancio e alzo il reggiseno permettendomi l'accesso al suo seno. Ne coppetto uno e avvicino la mia bocca al suo capezzolo, e la mia risposta è con un sussulto. Alla fine, tirando la maglietta, le libero le braccia e lei lascia cadere il reggiseno a terra. Dopo aver massaggiato e baciato per qualche istante il suo seno mi stacco, potrei passare tutta la serata lì. Giro dietro di lei ammirando la sua bellezza esposta.

Da dietro le scosto i capelli sopra la spalla e li bacio. Una momentanea morbidezza prima che la mia mano destra raggiunga la sua gola sotto il suo braccio, tirando indietro la sua testa contro la mia spalla. La mia mano sinistra va al suo seno con naturalezza, come se fosse proprio lì che doveva essere. Le sue mani reagiscono allo stesso modo andando alla mia nuca e alla mia coscia. Mi strofino il naso contro il suo orecchio e sussurro: "Ti piace, vero?"

Nessuna risposta... stringo più forte esercitando una maggiore pressione sulla sua gola. "Ti ho fatto una domanda, ragazza."

"Si signore." Ricevo la mia risposta con un grande sorriso e un brivido. Facendo scivolare la mano sinistra sul suo stomaco, le slaccio i pantaloni. Rilasciando il suo collo trascino le mani lungo i suoi fianchi e inizio un'altra fila di baci. Partendo dall'orecchio scendo lungo il collo e la spina dorsale. Quando le mie mani raggiungono la sua cintura trascinano i vestiti con sé, portando jeans e mutandine sul pavimento in un colpo solo rivelando la mia risorsa preferita. Lascio che l'ultimo bacio indugi sulla sua schiena prima di alzarmi e girarla con i fianchi per guardarmi.

Il desiderio nei suoi occhi, lì esposti in tutta la sua gloria davanti a me, poteva sciogliere l'acciaio. Prima di lasciare che i miei impulsi primordiali prendano il sopravvento, le afferro la parte posteriore del collo e la attiro a me in un bacio profondo. Sentendo la sua nudità contro il mio corpo ancora vestito ho bisogno di una pausa o perderò il controllo. Afferrandole le mani le porto tra di noi, “Adesso spogliami” chiedo.

Quel sopracciglio chiacchierone si alza con un sorrisetto... "Sì, signore!"

Mi chiedo se sappia che vedere i suoi pensieri attraverso le sue espressioni è una delle mie parti preferite. Questa dea si inginocchia davanti a me senza fare alcun tentativo di nascondere la sua esposizione e prende la mia cintura. Mi guarda di nuovo con quegli occhi mentre le sue dita lavorano sui miei attacchi, non posso fare a meno di passarle le dita tra i capelli. Lentamente mi tira i pantaloni e io li aiuto a scivolare dai miei fianchi. I suoi occhi si spostano sul mio inguine e osservano l'elastico della mia biancheria intima rivelare il premio che stava aspettando. Ho fatto del mio meglio per mantenere il controllo, ma la mia eccitazione mi tradisce. Il mio pene esce dalle sue catene e i suoi occhi si spalancano, che non invecchiano mai. I miei pantaloni cadono a terra mentre lei strofina il naso sulla mia virilità e mi guarda per una reazione. La incontro solo con un sorriso ma l'animale dentro di me implora di essere liberato. Si allontana e inizia un lento colpo sulla mia asta.

"Questo è quello che volevi?" Sa benissimo che è così, sta mettendo alla prova il mio controllo.

“È un buon inizio.” Rispondo, togliendomi velocemente la maglietta dalla testa, una distrazione per trattenermi dal pensare troppo. Il suo sorriso mostra che accetta la sfida inespressa. Senza interrompere il contatto visivo, fa scorrere lentamente la lingua dalle mie palle, lungo la mia asta, e posa un bacio color zenzero sulla punta. Ancora una volta il mio corpo mi tradisce e un tremore mi percorre. Un respiro veloce per ritrovare la calma e incontro il suo sguardo. "Lo pagherai."

Una risatina angelica sembra fuori posto proveniente da questa succube. È orgogliosa di se stessa per aver ottenuto una reazione. Continua la sua meravigliosa tortura prendendomi in bocca. Devo distogliere lo sguardo e concentrarmi sul mio respiro, lei sta facendo del suo meglio per liberare l'animale, ma questa volta mi rifiuto. Ma non sta rendendo le cose facili. Con un palmo mi massaggia le palle mentre la sua bocca fa viaggi su e giù per la mia asta. La sua lingua presta particolare attenzione alla cresta della testa nella parte superiore del tratto. Vorrei che tutto questo potesse durare per sempre, ma questa volta manterrò il controllo della mia mente, di me stesso e, cosa più importante, di lei. Abbasso lo sguardo per allontanarla e iniziare il passo successivo in questa avventura, ma prima che possa farlo lei mi afferra la parte posteriore delle cosce e tira. Sono congelato mentre passo più in profondità nella sua gola, finché il suo naso non si annida nel mio bacino. Lei mi tiene lì e sento la sua lingua che mi massaggia la parte inferiore. Non posso muovermi, non posso pensare, non ero pronto per questo.

Alla fine indietreggia per prendere aria, sento lo schiocco mentre stacca le labbra dalla punta. È abbastanza per tirarmi fuori da questa situazione. Le afferro la nuca e l'altra mano le va alla gola mentre mi chino per un altro bacio, che la prende alla sprovvista. Anche lei era persa nei suoi pensieri. Mi alzo trascinandola con me senza allentare il legame delle nostre labbra. Premendo insieme i nostri corpi possiamo sentire la tensione l'uno nell'altro. Le mie mani scendono lungo il suo corpo facendo fermate lungo il percorso. Non potrei fermarli se lo volessi. Il suo corpo mi chiama. Il mio bacio si sposta sul suo collo e l'angolo inferiore mi permette di afferrare quel magnifico culo con entrambe le mani e sollevarlo. Le sue gambe mi avvolgono mentre i suoi piedi lasciano il terreno. Il mio sesso cerca quell'apertura a cui anela, ma non è questa la mia intenzione, non ancora. Mi giro e la faccio sedere vicino al bordo del letto. Con una mano sul suo petto la spingo sulla schiena, i suoi piedi raggiungono il bordo aprendosi a me. Non posso trattenermi e inizio a strofinare la parte inferiore della mia asta lungo la sua fessura, assicurandomi che la testa eserciti una leggera pressione sul suo clitoride mentre passa.

"Vuoi questo?" le chiedo guardandola dall'alto. Mi viene risposto solo con un sorrisetto. Mi abbatto violentemente su di lei, bloccandole le braccia sopra la testa e il viso vicino al suo orecchio. "Ti ho fatto una domanda, ragazza, e pretendo una risposta."

"Prego Signore." Questa volta ricevo una risposta senza fiato. È quasi arrivata, voglio che me lo implori.

“Non penso che tu lo voglia abbastanza. Finché non potrai chiedere correttamente dovrai aspettare. Un respiro affannoso sfugge dalle sue labbra. So che lo vuole tanto quanto me, ma voglio sentirlo. Un bacio sotto il suo orecchio inizia una nuova riga, ma questa volta ci sono intervalli più ampi nel mezzo. Mentre scendo lungo il suo corpo, mi tengo abbastanza vicino da permetterle di sentire il mio respiro. Il secondo bacio arriva alla clavicola, la sento tendersi, il suo corpo implora la mia bocca ad ogni centimetro. Al terzo bacio al centro del suo petto le mie mani cominciano a trascinarle le braccia. Quando le mie mani arrivano ai suoi bicipiti, le fermo di nuovo, la mia bocca si abbassa sul suo capezzolo destro. All'interno della bocca circondo la punta con la lingua. Tirando via lascio una piccola traccia di umidità. Con un leggero colpo su di esso tutto il suo corpo si tende e il suo petto si solleva dal letto. Ho fatto la scelta giusta bloccando quelle braccia. Tocca a me sorriderle, fiero di aver forzato una risposta, la differenza è che ho un altro lato per farlo di nuovo. Prova come potrebbe, l'altra parte premia la stessa reazione. Un piccolo ringhio le sfugge dalle labbra.

"Ho sentito una lamentela?"

"No signore." I suoi occhi svolazzano.

"Posso fermarmi se non ti diverti." Una minaccia vuota, in questo momento non sono sicuro di riuscire a fermarmi nemmeno con la parola di sicurezza.

“Per favore, signore”, questa volta quasi con un sussurro, “non si fermi”.

Sorrido tra me, penso che ci siamo quasi. Il sesto bacio arriva appena sotto l'ombelico mentre le mie mani si fermano momentaneamente per massaggiarle il seno. La mia bocca si abbassa verso il suo clitoride, ma mi fermo, abbastanza vicino da poter sentire il mio respiro. I suoi fianchi tremano, lei stessa sta lottando per mantenere il controllo. "Se solo ti fossi comportato bene prima, ma ora devo trascinare la cosa un po'."

Grazie per aver letto. Temo di trascinare troppo questa storia e questa è una bella pausa, fammi sapere come sto e se devo continuare

Storie simili

La vita di un playboy capitolo 5

CAPITOLO 5 Rimasi in laboratorio, prestando teoricamente attenzione ai monitor davanti a me e masticando numeri. Ma in realtà, stavo controllando di nascosto le varie donne che entravano e uscivano dall'ufficio della signora Robinson. L'incarico era stato diffuso in tutto il college affinché le volontarie partecipassero a uno studio di biologia che riguardava la sessualità umana. Era uno studio retribuito, quindi c'erano molte più ragazze che si iscrivevano rispetto alle posizioni necessarie e la signora Robinson è stata in grado di selezionare solo le studentesse più in voga del campus. Più le belle ragazze entravano e uscivano, indossando abiti succinti e...

1.4K I più visti

Likes 1

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Senza Dio e Senza Fede: 2 Cap 1

Boccali di vetro pieni di acqua del diavolo sferragliavano l'uno contro l'altro, riempiti da donne e ragazze adorabili e poco vestite con sorrisi promettenti sui volti. Gli ufficiali della Coalizione al bar applaudirono, alzando i boccali per celebrare la loro vittoria a Ridgehill sulle forze di Inimi un mese prima. Nel bordello ormai affollato, Axel sedeva con il suo boccale pieno di acqua del diavolo, rimuginando sugli eventi da quando era stato convocato in questo mondo. Quasi dall'inizio, lui e il suo migliore amico Rayner erano stati coinvolti in conflitti, combattendo goblin, soldati Inimi, banditi e persino draghi. Tutto quello che...

1.7K I più visti

Likes 0

Aprile - Parte II

Grazie a tutti per i bei commenti e le valutazioni generalmente positive. Mi scuso per il fatto che la parte 2 abbia richiesto così tanto tempo, ma volevo assicurarmi che fosse il migliore possibile prima di pubblicarla. Spero che questa parte vi piaccia e cercate una parte 3 nelle prossime settimane. Per favore continua a valutare e commentare, e se non ti piacciono gli elementi del mio racconto, per favore fammi sapere nei commenti come pensi che potrei migliorare. Rob e April giacevano nel letto di April, persi nei loro pensieri post-coito. Si erano assicurati l'un l'altro che questa sarebbe stata...

1.4K I più visti

Likes 0

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

1.2K I più visti

Likes 0

Il gigolò del re

Il gigolò del re (Un'avventura medievale) Sono sempre stato un po' appassionato di epoca medievale. Non sono affatto quello che chiameresti un appassionato di storia, mi piace la moda primitiva, in particolare le scollature e i seni gonfi e il comportamento barbaro, ma soprattutto gli intermezzi romantici che sono collegati a così tanti eroi e leggende. Su scala ridotta, sono sempre stato, diciamo, divertito più che interessato all'idea del viaggio nel tempo e del teletrasporto fin dalla tenera età da quando ho iniziato a leggere Le cronache di Narnia, ma immagino che ogni bambino lo sia in una certa misura. Forse...

1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

952 I più visti

Likes 0

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan.

Un'intervista di sabato pomeriggio a Manhattan. -------------------------------------------------- ----------------- Seduto alla finestra di Southgate vicino a Central Park, guardando oltre il verde e le rocce del santuario cittadino; Irene sembrava rilassata, sorseggiando il suo caffè e sfogliando l'ottimo menu mentre parlava dei comportamenti più oltraggiosi. Era vestita in modo impeccabile di nero e pelliccia, ma mostrava una profonda scollatura e tacchi rossi ferocemente alti. Aveva accettato di incontrarmi quando l'avevo contattata per la sua ultima impresa, l'acquisto di un terreno nello stato di New York e verso gli Hamptons a Long Island. Volevo davvero informarmi sui suoi affari piuttosto che sui suoi...

945 I più visti

Likes 0

Un'avventura sensuale dei sensi (Parte 1)

Un'avventura sensuale dei sensi Stava camminando per strada mentre andava al lavoro quando la vidi per la prima volta. Era l'epitome della bellezza e aveva l'aspetto della ragazza della porta accanto. Ero così incantato da lei che la fissai mentre entrava in questo piccolo bar all'angolo della strada. Ho aspettato fuori per vedere se sarebbe tornata fuori ma non l'ha fatto, quindi ho continuato per la mia strada. La volta successiva che l'ho vista stava andando nello stesso bar, quindi ho pensato che fosse lì che lavorava. Mi ci è voluto un po' prima di andare a prendere un caffè, ma...

919 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.