Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

965Report
Incontri con Tom - Anteprima e primo incontro

Il mio vicino è un guardone e si chiama Tom. Sì, conosco molto cliché, ma il suo nome è davvero Tom.

Ora sono stato timido riguardo al mio corpo, è sinuoso e sì, sono un po 'sovrappeso per il mio telaio 5ft6, il mio culo è arrotondato, i miei seni sono molto grandi e le mie cosce sono più grandi di quanto vorrei. Tuttavia, sono tutto io e quindi è così.

La maggior parte dei giorni di sole mi piace passeggiare in giardino in topless (almeno) a volte completamente nudo, annusando i fiori e sedendomi per prendere il sole.
Quindi, comunque, ero lì un sabato pomeriggio all'inizio di agosto sdraiato nudo sul mio lettino quando una voce arriva dal recinto dicendo

"Ti piace mostrare quelle tue grandi tette, vero ragazzina?"

Dovrei menzionare qui che 1. Non sono piccolo come abbiamo stabilito in precedenza e 2. Non sono nemmeno giovane, ho 32 anni ma come scoprirai Tom è un vecchio sporco deviante di 85 anni quindi per lui immagino che io sono una 'bambina'.

Alzo lo sguardo dal lettino e non riesco a vedere nessuno che mi guarda, tuttavia, il nostro recinto è vecchio e il legno ha molti buchi nodosi, dietro i buchi posso vedere una maglietta blu dall'altra parte del pannello .

"Non li sto mettendo in mostra, sto solo cercando di abbronzarmi dappertutto nella privacy del mio giardino!" ribatto indignato.

"Probabile storia" arriva la risposta "vieni qui e infila la tua tetta in questo buco così posso darti quello che stai chiedendo" dice

Alzandomi dal lettino e avvicinandomi al recinto dico "Cosa intendi con Tom?"

"Amy sii una brava ragazza e infila la tetta in questo buco!" mi abbaia “non farmi dire a quel tuo ragazzo che sei in giardino nuda ogni volta che esce”

Questo mi fa sobbalzare.
Pete, il mio ragazzo, è l'ultimo pudico "niente sesso, per favore, siamo inglesi" che potresti mai incontrare e davvero non mi farebbe piacere sapere che ho passato molto tempo nudo nel nostro giardino!

Faccio un passo di lato e avvicino il capezzolo al buco nel pannello della recinzione. Lo spingo più vicino e metto quanto più seno possibile nel buco. Immediatamente le dita afferrano il mio capezzolo, che risponde diventando duro come la roccia e facilitando la trazione.

Tom lo strattona e lo stira, tirandomi contro la staccionata, il mio corpo nudo premuto contro il legno ruvido e il mio petto che viene graffiato e impigliato dai bordi ruvidi del buco.

"Vedi che non è stato così difficile vero ragazzina" dice Tom a bassa voce, quasi inquietante, attraverso la recinzione e io rabbrividisco

“Non sono piccola” protesto

“beh, questi non lo sono di certo” ride e mi torce forte il capezzolo allungandolo sempre di più.

“quindi..” dice “Penso che io e te possiamo metterci d'accordo”

"OH ?" dico ancora incapace di staccarsi dal recinto

"Sì" risponde "Penso che tu debba essere punito e io sono l'uomo migliore per il compito!"

"Oh e cosa ti fa pensare che farò come dici?"

"Pete" dice semplicemente "ora vieni nel mio garage stasera alle 10 e non fare tardi" con questo mi rilascia il capezzolo e lo sento allontanarsi.

Mi ritiro dal recinto, il mio morbido seno rosso vivo dal legno e i miei capezzoli entrambi più duri di quanto li abbia mai visti prima! Inorridito li strofino dolcemente per alleviare il dolore. Strofinandomi la pancia e le gambe mi rendo conto che le mie cosce sono bagnate fradicie! Wow, penso tra me e me, è stato abbastanza spaventoso, cosa c'è che non va nel mio corpo!?!

Non posso accontentarmi del resto della giornata dopo - chi potrebbe!? – il tempo scorre lentamente ma alle dieci meno dieci giro lentamente dietro casa nostra fino al garage di Tom...

Presto il primo incontro...

-------------------------------------------------- --------------------------------------------------

QUINDI...ci siamo.....

Incontri con Tom – Primo incontro

Il garage è buio ma sento dei movimenti all'interno quindi mi avventuro dentro.

"Presto vedo, c'è una brava ragazza" dice una voce dal fondo.

Entro e vedo Tom appoggiato a un banco da lavoro sulla parete di fondo. È più alto di quanto ricordassi, circa 5 piedi e 10 immagino, ma leggermente curvo con l'età, i suoi capelli sono quasi bianchi ciò che ne rimane e i suoi occhiali sono spessi con grandi cerchi neri, posti sul bordo del naso.

Sbirciando da sopra i suoi occhiali dice "vieni qui ragazza, lascia che ti guardi bene"

La luce è fioca ma ora riesco a distinguere meglio il suo viso, segnato e olivastro, le guance incavate dove i denti non si adattano più bene alla bocca.

Apro la bocca per parlare e lui mi zittisce.

"NO!" dice "Non puoi parlare piccola, solo urlare" e sorride leccandosi le labbra.

Viene verso di me e mi afferra entrambi i seni, palpandoli violentemente attraverso la mia parte superiore. Ansimo e salto leggermente di lato scioccato dal suo rapido movimento e riesco ad appoggiarmi contro un muro. Dannazione! Maledico me stesso.

Le sue mani continuano a brancolarmi e posso sentire le sue dita ossute che schiacciano la mia carne morbida.

"Oh che bellezze!" dice e inizia a sollevarmi.

Apro la bocca per parlare e lui mi afferra la gola stringendola e spingendomi contro il muro. Sono totalmente sorpreso dalla sua forza, pensando una schifezza che l'ho sottovalutato.

Mi guarda negli occhi mentre mi tiene la gola stretta nella sua mano e dice “Ho detto che puoi solo urlare piccola troia! Puoi ansimare, piangere, urlare e piagnucolare ma non parlare! spingendomi più forte contro il muro continua "dicci una parola su questo e Pete saprà tutto su come ti sei approfittato di un vecchio, potrei anche inventarmi qualcosa sul fatto che mi rubi anche tu, solo per sport !!"

Mi accascio contro il muro mentre mi lascia, le lacrime mi pizzicano agli angoli degli occhi. Oh dio, penso che questa potrebbe essere stata la cosa più stupida in cui mi sia mai cacciato. Cosa stavo pensando ! Perché non l'ho spazzato via ieri in giardino. Oh dio Amy, l'hai fatto adesso!

"Mani sulla testa!" mi abbaia, quindi faccio come mi è stato detto.

In piedi lì premuto contro il muro mi solleva la parte superiore esponendo il mio reggiseno nero di pizzo (oh dio mi sono persino vestito! Stupido stupido stupido!)

Mi afferra e mi strappa i seni dal reggiseno strappando il pizzo mentre lo fa.

"Non indossare il reggiseno la prossima volta, ragazzina, ho bisogno di un facile accesso, ok?"

annuisco

"Così va meglio, brava ragazza!" dice e mi accarezza il seno sinistro tenendomi stretto l'altro.

Si lascia andare e si fa indietro per guardarmi "oh sì" dice "sarai molto più divertente del mio ultimo"

I miei occhi si spalancano, l'ultimo? che cazzo! Chi ? e dove sono adesso?? cazzo, cazzo! Penso tra me e me, oh questo continua a peggiorare. Ma seriamente, pensavo davvero che sarebbe migliorato!?

Rimane lì a fissare i miei seni scoperti e il reggiseno strappato per quella che sembra un'eternità ma probabilmente sono solo pochi minuti.

Allora SCHIAFFO! urlo quando la sua mano entra in contatto con il mio seno sinistro. Abbasso subito le braccia per proteggermi ma lui mi viene incontro gridando “No!!!! rimetteteli subito a posto!!!” afferrandomi le braccia e costringendole ad alzarsi di nuovo. Fruga in un cassetto ed esce con una grossa fascetta, afferrandomi i polsi ci avvolge sopra la fascetta tirandola con forza, sollevandola e sopra un grosso gancio sul muro che sostiene una bicicletta. Urlo e mi ritrovo di nuovo contro il muro questa volta sbattendomi contro la bici.

“imparerai ad essere buono e poi non ti trattengo” dice leccandosi di nuovo le labbra “adesso dov'ero io...oh si”

SCHIAFFO ! sull'altro seno salto ma sono totalmente esposto e alla sua mercé è tutto ciò che posso fare per fermare le lacrime che sgorgano.

SCHIAFFO SCHIAFFO SCHIAFFO!!!

Ancora e ancora è implacabile, guardo in basso e vedo che le mie tette sono di un rosso vivo

SCHIAFFO SCHIAFFO SCHIAFFO

"mmmmmm" dice "guardali bruciare così rossi, appesi lì per essere presi, oh che fantastiche torture stanno per sopportare!"

SLAP SLAP SLAP SLAP SLAP!!! Sembra che non si fermerà mai!

I miei occhi si spalancano mentre lo guardo

“oh non preoccuparti piccola” dice accarezzandomi dolcemente il seno “non ho intenzione di fare tutto oggi, abbiamo settimane! Mesi! Di divertimento davanti a me per godermi te "

“e” dice mentre alza la mano in aria “imparerai ad amarlo!!” SCHIAFFO!!! La sua mano entra in contatto con il mio seno sinistro e io urlo.

Avvicinandosi a me, mi guarda negli occhi e mi torce il capezzolo destro tra il pollice e l'indice, sollevando l'altra mano sopra la mia testa. Mi tira giù i polsi dal gancio e afferra uno strumento per liberarmi.

“Ora vai a casa” dice “sii qui domattina alle 9, NON metterti il ​​reggiseno! ma mettiti una gonna! e con ciò fa il giro del garage e torna a casa.

Raddrizzo i vestiti e vado a casa, inorridito ma mi rendo anche conto di essere di nuovo bagnato! Sento le mie mutande umide sfregare contro di me.

Oddio, continuo a pensare perché Pete sta lavorando fuori al momento. Se fosse stato a casa non sarei mai stata nuda in giardino prima.

"cazzate!" Borbotto tra me mentre varco la porta e mi verso una vodka – vabbè, ce ne sono due bottiglie. Penso che ne avrò bisogno.


A casa di Tom squilla il telefono..... "Ciao, si si sono io, oh si ha sofferto oggi......no no non sono andato troppo lontano......mi prenderò il mio tempo tipo eravamo d'accordo......oh sì un corpo dolcissimo, da morire!........ terrorizzato? Sì...sì ha urlato come una ragazzina proprio come ti avevo detto che avrebbe fatto...ok allora, sì, ti farò sapere...buona notte allora...oh un Pete? Domani non lavorare troppo"

Tom riattacca il telefono e sale lentamente le scale per andare a letto.

Storie simili

Figa su l'albero

Quando sono diventato Vigile del fuoco, ho capito che sarei stato chiamato a gestire una serie di servizi per il pubblico. Le pubbliche relazioni sono 3/4 del lavoro. Ho sempre a che fare con il pubblico, da piccole crisi a grandi disastri. Di solito un grazie o un sorriso è sufficiente gratitudine per un lavoro ben fatto. In alcune occasioni durante la mia carriera, ho ricevuto biscotti fatti in casa o altre prelibatezze come forma di gratitudine. Nulla è necessario, come sottolineo continuamente a coloro che aiuto. Conclusione: la città mi paga bene per fare il mio lavoro. Non fui sorpreso...

2.6K I più visti

Likes 0

Usando la sorella della mia migliore amica parte 3_ (1)

La pausa dal college mi porta nella mia città natale. Sto concludendo il mio ultimo anno di college, all'età di 22 anni, preparandomi ad entrare nel mondo reale. Apparentemente maturo, quasi pronto per essere un vero adulto. Ma non oggi. Oggi mi intrufolo nel seminterrato per una bella scopata a casa dei genitori della mia volgare Leah di 18 anni. Ero appena tornato a casa quella notte. Non ero nemmeno disfatto quando il telefono ha ronzato. Avevo scritto a Leah all'inizio della settimana, ma mi stava distraendo così tanto con i sesti che ho dovuto metterlo da parte per potermi concentrare...

3.5K I più visti

Likes 1

Perseguitato dal Futa Ghost 15: L'esorcismo cattivo di Futa Ghost

Perseguitato dal fantasma Futa Capitolo quindici: Il cattivo esorcismo di Futa Ghost Con il mio pseudonimo3000 Diritto d'autore 2017 No, gridai con dolore e rimpianto. No, Ōjo-sama! Le lacrime mi scesero dagli occhi mentre la vergogna mi sopraffaceva. L'avevo delusa. Fissai la sua bellissima forma di Mitsuko-hime che penzolava dal ramo del pino, ondeggiando nella brezza che gemeva attraverso i boschi maledetti. I suoi occhi si gonfiarono. Il suo viso dipinto di bianco macchiato dalle lacrime. Il suo sandalo era caduto. Ho afferrato il suo piede calzato di calzino. Slime ha inzuppato il suo calzino, mi ha coperto la mano. Ho...

2.5K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2K I più visti

Likes 2

Schiavo per un giorno parte 3

Liz guarda Chris per istruzioni, e lui sorride alla sua obbedienza. Si sta divertendo nel vedere sua moglie rinunciare al controllo e lei potrebbe quasi prendere a calci se stessa per aver ceduto senza nemmeno pensarci. Sta davvero iniziando a divertirsi a cedere il controllo a suo marito? Vai ad aprire la porta e manda i miei amici in soggiorno, vado a mettere il gioco. Chris comanda. Liz va verso la porta e mentre la apre sente il vibratore che inizia a vibrare dentro la sua figa. Si gira per fissare Chris ma lui è già in soggiorno, quindi si ricompone...

1.9K I più visti

Likes 0

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.6K I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.1K I più visti

Likes 0

Sesso nel ristorante dello Sri Lanka

Suneetha si asciugò il sudore dalla fronte e appoggiò la matita sulla pad. Gli idioti seduti allo stand non riuscivano a decidersi, e lei stava diventando davvero impaziente. Ehm, disse il ragazzo. Non sono molto sicuro. Si è lasciato scappare l'ultima parola dalle sue labbra come se non sapesse decidere se dirlo o meno. Suneetha ha dovuto sforzarsi manualmente per evitare che il suo piede picchiettasse contro il pavimento di piastrelle dure. Si strofinò i palmi delle mani sul grembiule, come i 90 il caldo soffocante la metteva a disagio. L'aria condizionata era di nuovo su un battito di ciglia, e...

1.2K I più visti

Likes 0

Una famiglia onesta - L'avventura di Alice Parte 1

Alice stava giocando a un videogioco. Era nella sua camera da letto, alla sua scrivania, e si stava divertendo a giocare con alcuni videogiochi. Ma non durò a lungo. Ci fu un lento e debole bussare alla porta e Alice disse entra. Sua madre entrò lentamente nella stanza e disse: Vieni in soggiorno, io e papà abbiamo qualcosa di importante di cui parlarti. Alice interruppe il suo gioco e si alzò. Indossava una semplice maglietta bianca, una taglia più piccola, e sotto aveva un reggiseno nero. Aveva una gonna corta rossa a pieghe e niente mutandine. Preferiva non indossarli quando non...

1.6K I più visti

Likes 0

Una lunga notte_(1)

Merda. Merda merda merda MERDA. Todd mormorò sottovoce mentre lottava contro il sacco della spazzatura troppo imbottito attraverso la stretta apertura dell'ascensore. Con una goffa spinta del gomito premette il pulsante B e si appoggiò alla parete di fondo, espirando lentamente. Fottuta giornata della spazzatura. Andiamo giù per i tubi, io e la borsa piena di rifiutare. Rifiutare. Mi rifiuto! pensò, e mantenne quel pensiero con divertito mentre precipitava giù per la gola del suo edificio nell'oscurità viscere sottostanti. Spostò il peso sotto il suo fardello e ci provò respirare attraverso la sua bocca. Clunk clunk clunk. Atterraggio. L'Aquila è atterrata...

1.1K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.