Scenario 1: vincolato

926Report
Scenario 1: vincolato

Si è svegliato incapace di muovere le braccia; poteva sentire le restrizioni attorno alla parte superiore delle braccia e ai polsi. Spostandoli in avanti, non riuscì a portarli sopra la vita. A giudicare dalla mancanza di sensibilità in loro, era legato e in quella posizione da un po'. Il terreno era fresco sotto di lui, senza dubbio un pavimento di piastrelle poiché poteva sentire i solchi della malta nel suo braccio. Lottando per mettersi in posizione seduta, non riusciva ad aprire gli occhi e si rese conto di essere bendato. Il cuore nel suo petto batteva un po' più velocemente per la situazione difficile in cui si trovava, e corse ancora più forte quando sentì una porta aprirsi e chiudersi alle sue spalle. Voltando la testa nella direzione del suono, una voce femminile si presentò mentre un leggero ticchettio di tacchi si faceva strada verso di lui.

"Ah, vedo che il mio nuovo giocattolo si è svegliato." La sua voce era bassa, con una sorta di raucedine che gli fece rizzare i peli sulla nuca e gli fece balbettare il cuore per un momento.

La sua mano scese dolcemente sulla sua testa, facendolo sussultare con il tocco inaspettato. Camminò in cerchio intorno a lui, con le unghie che gli scorrevano tra i capelli mentre lo faceva. "Bellissimo. Adoro un ragazzo inginocchiato e legato sul pavimento di fronte a me. Si fermò dietro di lui la seconda volta e gli afferrò forte i capelli con una mano prima di accovacciarsi dietro di lui, premendo il suo corpo nudo contro la sua schiena nuda. "Ma quanto sei obbediente?"

Non osava rispondere, incerto se dovesse farlo oppure no. La sua mano libera gli circondò il collo e lo strinse, interrompendo momentaneamente la sua fornitura d'aria. “A meno che non ti venga detto diversamente, risponderai quando ti verrà chiesto. Ora, quanto sarai obbediente?”

Esitò nel rispondere e la pressione del suo tocco sul collo aumentò ancora. Ha lottato contro la pressione ed è riuscito a dire "Molto".

Rilasciando la sua presa e senza che lei lo sollecitasse di nuovo, rispose pienamente: "Obbediente quanto devo essere".

"Bene."

Lei si alzò e lui la sentì allontanarsi un po' prima di ritornare. "Un bravo ragazzo ha una buona obbedienza", disse mentre gli faceva scivolare qualcosa di setoso attorno al collo. Gli cadeva allentato intorno al collo, qualcosa di metallo appoggiato sulla sua schiena. "Se non sei un bravo ragazzo, beh," lei tirò forte quello che aveva intorno al collo e lo strinse. “Lo saprai. Anche se sei un bravo ragazzo obbediente, potresti comunque ricevere gentili promemoria”.

Poteva sentire la promessa di minaccia nella sua voce e annuì.

"Oh, e vedo che anche tu ti sei reso conto un po' dell'idea."

Durante tutta la dura prova aveva combattuto la reazione, ma il suo corpo stava reagendo in un modo che non credeva possibile. Un sibilo di respiro si liberò dalla sua bocca mentre lei faceva scorrere qualcosa di duro contro le sue palle e su per l'asta del suo cazzo. "Che bel cazzo che hai qui." Qualcosa di duro gli colpì dolcemente le palle e lui saltò.

"A quattro zampe", disse all'improvviso, e quando lui non rispose in modo tempestivo, quello che scoprì essere un frustino, gli colpì più forte le palle. "Ora!" gli abbaiò contro.

Non volendo essere colpito di nuovo, si chinò dalla sua posizione seduta.

“Il tuo corpo è semplicemente fantastico. Per giunta intatto. E questo culo...”

Lui si irrigidì leggermente quando la mano di lei si posò sulla sua guancia. "Uh, uh, adesso, rilassati", disse mentre gli metteva il guinzaglio di seta attorno al collo. L'aria lasciò il suo corpo e non ebbe altra scelta che rilassarsi. "Molto meglio. Cavolo, a qualcuno non piace che gli venga toccato il culo, vero? Ciò costituirà un piccolo problema per ciò che ho pianificato. Vedi, ti farò mio, non ci sarà una parte di questo corpo che possa essere penetrata, lasciata intatta”, gli sussurrò l'ultima parte all'orecchio.

Per enfatizzare il suo punto, fece scorrere una mano lungo la sua schiena e sopra la curva del suo sedere tra la fessura delle sue guance. Senza esitazione, o qualsiasi altra preparazione, inserì brutalmente un dito nel suo buco del culo, piegandolo mentre lo rimuoveva. Il ragazzo emise un leggero sussulto all'inserimento e si morse il labbro mentre lei lo rimuoveva. "Anche tu?" rispose la ragazza al suo sussulto. "Aspetta solo di sentire il mio cazzo nel culo."

Il ragazzo si tese alla menzione di un cazzo e continuava a sondare le dita. “Aspetta, non succederà ancora, ho ancora delle cose che ho bisogno che tu faccia prima. Siediti sui talloni."

Cercando di essere obbediente, fece come gli era stato chiesto, tuttavia la pressione delicata del guinzaglio si strinse leggermente, ma non durò a lungo, solo per ricordargli cosa sarebbe potuto succedere se non avesse obbedito.

Cercò di percepire la sua presenza, che sembrava essersi allontanata un po', ma tornò nel giro di pochi istanti, la sua mano fresca che gli avvolgeva il cazzo e lo tirava brutalmente. "Ora, questo potrebbe far male un po'." Emise un sussulto di panico quando sentì qualcosa sulla punta del suo cazzo. Qualcosa di bello e duro. Poi scivolò lungo la sua asta, allungando la sua uretra. Sentì l'oggetto estraneo scivolare giù nella sua asta e poi gemette quando colpì qualcosa di profondo dentro di lui. Lo stuzzicò un po', tirandolo fuori e rigirandolo un po' dentro di lui. Non necessariamente faceva male, ma non era eccessivamente piacevole a prescindere. “Ora, una volta che sarò entrato in quel tuo culo, con questo cazzo e questo strumento sonoro, dovresti implorarmi di essere rilasciato, ma non devi venire finché non te lo dico io. Se lo fai", tirò il guinzaglio, "le conseguenze saranno favorevoli per me."

Lo strumento sonoro poggia sulla sua prostata, così, mentre si rilassa ulteriormente nella posizione seduta, lo fa dimenare un po' alla sensazione. Poteva percepirla di fronte a lui, ma non riusciva a dire cosa stesse facendo, ma intuendo dal fruscio che stava facendo qualcosa e il suo cuore ancora una volta accelerò mentre i pensieri gli correvano nella testa su cosa lei avrebbe potuto potenzialmente fargli.

Senza preavviso un duro schiaffo gli arrivò in faccia. La sua mano si intrecciò di nuovo tra i suoi capelli e li afferrò forte, inclinandogli leggermente la testa all'indietro. Le sue labbra si posarono sulle sue in un bacio mordicchiante pieno di denti. La sua lingua si insinuò nella sua bocca e quando lui la colpì lei lo morse, suscitando in lui un forte gemito di dolore.

"Apri quella tua bella bocca."

Non ha avuto il tempo di reagire. Lei spinse indietro la testa e qualcosa gli fu infilato in bocca. Lavorando con la bocca sull'oggetto si rese presto conto che era di forma fallica e pieno di creste. Cercando di essere obbediente succhiò con forza il vibratore di gomma che gli penetrava in bocca; miagolando il suo piacere per l'invasione.

Tirò di nuovo il guinzaglio mentre lui scendeva in profondità sul gallo. "Accarezza il tuo cazzo, pompalo velocemente, fammi sentire il suono del tuo piacere."

Ha fatto come gli era stato chiesto. L'accarezzamento sembra un po' strano perché poteva sentire lo strumento metallico che suonava dentro di lui. Ad ogni colpo verso il basso spingeva un po' di più dentro, facendolo addirittura gemere.

“Con l'altra mano, fammi vedere come ti sditalini il culo. Allungalo per me, per questo cazzo in bocca, sii la piccola troia che so che sei.

Ha fatto come gli era stato chiesto. Ha fatto scivolare un dito nel suo culo, l'altra mano ha lavorato il suo cazzo e la sua bocca ha lavorato il cazzo finto di fronte a lui. Le sue dita erano ancora tra i suoi capelli e lui non si aspettava che lei spingesse la testa sul suo cazzo, soffocandolo, mentre tirava forte il guinzaglio. Anche se lui non poteva vedere, lei tirò più forte e più a lungo delle volte precedenti, e piccole stelle bianche scintillarono davanti ai suoi occhi bendati. Con la stessa rapidità con cui accadde il gallo scomparve e lui fece un lungo respiro ansimante.

"Tutti e quattro. Ora!"

Lui obbedì, il ticchettio dei tacchi camminava in un semicerchio attorno a lui finché lei non si fermò dietro di lui. Senza ulteriore preparazione lui sentì la punta del cazzo nel culo e lei si infilò dentro, senza alcuna preoccupazione. Ha gridato per l'intrusione, non era mai successo qualcosa del genere.

Non ha perso tempo. Lo ha preso forte e veloce. Le sue cosce che schiaffeggiano il suo sedere. Le sue mani e il suo frustino si abbassarono su di lui. Non le importava se gli stava facendo del male. Non le importava al punto che iniziò a usare il guinzaglio come leva. Ogni spinta si stringeva al punto da non riuscire più a respirare; ad ogni ritiro si allentava quel tanto che bastava per fare un respiro veloce prima che si stringesse e lei fosse di nuovo nel profondo.

E non poteva farci niente. L'abuso al suo culo si stava trasformando in qualcosa di grandioso. Lui gemeva e muoveva i fianchi, incoraggiandola silenziosamente a scopargli il culo più forte e più velocemente. I suoi rumori divennero più disperati. Il suo cazzo duro e pesante tra le sue gambe, rimbalza con la forza della sua scopata. Dal cazzo, lo strumento sonoro fu spinto via dal suo corpo e cadde a terra con un clangore sotto di lui.

E poi se n'era andato.

Il suo culo era vuoto. Le sue palle strette e sul punto di scoppiare. Inconsciamente gridò la sua disperazione solo per essere nuovamente soffocato. "Non è il tuo momento di venire!" gli gridò.

Tirandolo per i capelli, lo tirò su e lo spinse in avanti. A causa del modo in cui erano legati le sue mani e i suoi piedi, ora se ne rendeva conto, cadde e non riuscì a frenare la caduta. Ancora una volta lo maneggiò brutalmente finché non si ritrovò supino su un letto. "Mangialo. Culo e figa."

Lei si arrampicò sulla sua faccia e si sedette. Lui le ha lavorato la figa e il culo come richiesto con la lingua, facendola scorrere su e giù per la fessura meglio che poteva con i suoi movimenti limitati, penetrandola più che poteva mentre lei si appoggiava a lui, muovendo rapidamente i fianchi sulla sua bocca. e il naso, quasi soffocandolo con la sua figa.

Il comando nella sua voce e il suo sapore erano quasi sufficienti a indurlo ad accarezzarsi alle sue spalle. Sapeva che sarebbe stata una decisione sbagliata, quindi si è concentrato sul compito da svolgere. Troppo bruscamente lei si mosse e si sistemò sopra di lui e gli sbatté la figa bagnata sul cazzo. La forza e la sensazione della sua figa, così stretta e bagnata che lo avvolgeva, lo fecero sedere. Lei gli spinse solo la schiena verso il basso, le sue mani legate incastrate tra i loro stomaci avvolte attorno al cazzo che indossava ancora mentre le sue mani si appoggiavano sul suo petto e lo cavalcava muovendo solo i fianchi.

Lei slacciò le cinture che gli tenevano in vita e gli portò le mani alla gola. "Quando allento il guinzaglio, lascia andare... Stringi."

Ha fatto come gli era stato chiesto. Lei si fermò sul suo cazzo e ruotò i fianchi in senso orario, poi in senso antiorario. Poteva sentire la palla della sua cervice con la punta del suo cazzo mentre si muoveva all'interno. Lei si muoveva avanti e indietro, poteva sentire la sua gola che cercava di respirare, mentre anche lui si dibatteva, e il legame si allentò. Quel primo afflusso d'aria al cervello, combinato con la sensazione della sua figa intorno a lui, gli fece uscire un basso gemito.

La donna scese da lui e si sistemò nuovamente tra le sue gambe. La sentì sputare e poi il cazzo gli fu di nuovo nel culo, premendolo ancora di più dentro di lui. “Dimmi quanto è bello il mio cazzo nel tuo culo. Dimmi quanto vuoi venire. Quanto lo vuoi."

Lei fece scattare i fianchi in avanti e fu completamente inguainata nel suo culo, senza alcun disagio questa volta, e poi si mosse. Si chinò su di lui e si spinse forte e profondamente dentro di lui, ruotando i fianchi una volta completamente dentro di lui. Non poteva fare a meno di gemere ora per la sensazione del cazzo dentro di lui.

“Fammi il culo più forte. Più ruvido. Posso sentire le tue tette oscillare sul mio petto, farle sbattere insieme con la forza con cui mi scopi.

Prendendo gli ordini ora fece come le era stato chiesto. È sempre stato così. Lei gemette per lo sforzo con cui lo stava scopando. Tirandosi indietro un po', lo scopò superficialmente mentre liberava le caviglie. Successivamente il braccio, seguito dai polsi. Una volta completamente libero, la attirò con forza contro di sé e rotolò. Togliendo la benda cieca, cavalcò il suo cazzo mentre accarezzava il suo; la guardò mentre lei guardava lui, le mani che si portavano al seno, pizzicandole i capezzoli già duri.

"È il tuo turno", disse, e con uno sguardo che lei non riuscì a capire gli tolse il cazzo e lo infilò di nuovo nella sua figa. Lui le afferrò le gambe e le avvolse intorno alla vita mentre le metteva una mano intorno alla schiena per afferrarle la spalla, l'altra si faceva strada tra i suoi capelli. Lui tirò e cominciò a sbatterle il cazzo nella figa. Non l'aveva preso tutto prima e ora lui la costringeva a prenderlo tutto, spingendo più forte, approfondendole la figa ad ogni spinta.

Tirandole i capelli, le inclinò il collo di lato e la morse, lasciandole con noncuranza un segno sul collo, rivendicandola come sua. L’attacco spietato al suo corpo non si è fermato. Le morse le spalle e le clavicole fino alle tette, dove morse e succhiò con forza i capezzoli, la cui forza aveva già iniziato a far diventare rossa la sua pelle pallida, che poi sarebbe diventata blu e viola.

Lei gridò sotto di lui. Il dolore era quasi al punto da rasentare il punto di farle davvero male, ma non le importava. Voleva sentirlo dentro di sé per tutta la sua interezza, a prescindere dalle conseguenze. Le sue mani lasciarono il suo corpo e lei lo guardò mentre si toglieva il guinzaglio dal collo e lo metteva intorno al suo.

Coprendo di nuovo il suo corpo con il suo, avvolse strettamente il guinzaglio attorno alla sua mano e tirò, scopandola forte e profondamente mentre lo faceva. Le sue mani andarono sulla sua schiena e gli piantò le unghie lungo la schiena, facendolo gemere di dolore mentre lei taceva. Rilasciando la presa, il suo corpo si sollevò un po' dal letto, abbracciando lui e le braccia mentre mordeva e baciava a sua volta il suo petto.

"Non venire ancora", disse, sapendo fin troppo bene che stava per farlo.

Lei si sistemò nuovamente nel letto e lui scese, forzando la lingua nella sua bocca ansimante per baciarla prima di tirare ancora una volta il guinzaglio. Lui si ritirò da lei, il suo cazzo rimbalzava a tempo con il battito del suo cuore. "Rotolare."

A quattro zampe entrò nella sua figa. Lei sussultò e lui sapeva che questo le faceva male, ma non gli importava. Afferrandole una manciata di capelli, le tirò indietro la testa facendole inarcare la schiena mentre la scopava da dietro, usando i suoi capelli come leva come aveva fatto con il guinzaglio. Ogni spinta in un gemito si trasformò in un urlo mentre la sua lunghezza penetrava con forza nel suo limite.

Afferrando un cuscino glielo mise sotto i fianchi. Fece un lavoro veloce per liberarla dalla cinghia che indossava. Tirando fuori il vibratore, glielo infilò nel culo senza troppa delicatezza. Sapeva che non le piaceva, ma a lui piaceva e lei l'avrebbe accettato.

"Sdraiati adesso", disse, il suo cazzo e il cazzo finto sepolti profondamente dentro di lei.

Fece una smorfia mentre lo faceva, imbarazzata a causa del vibratore.

Una volta sdraiatosi a pancia in giù, riprese a pompare dentro di lei. Le sue braccia la avvolsero mentre le afferrava le spalle, spingendo più profondamente che poteva. Le baciò la nuca, indugiando sul punto in cui avrebbe attaccato. Poteva sentirla tremare sotto di sé, se avesse potuto vedere bene, sapeva che i peli sul suo collo si sarebbero rizzati e si sarebbe vista anche la pelle d'oca.

Mentre portava le labbra al suo collo sentì il primo vero tremore di liberazione dalla sua figa attorno al suo cazzo. Finiva sempre così. Riprese le spinte, un ritmo costante, non troppo forte e veloce; le sue palle non schiaffeggiavano più, ma si avvicinavano al suo corpo per l'orgasmo imminente. Lui le spostò la testa di lato e la baciò, proprio profondamente e ritmicamente come il suo cazzo che entrava nella sua sede.

Entrambi gemettero nel bacio. Lei tremò per prima, rompendolo proprio mentre la cresta del suo orgasmo prendeva il sopravvento. Lui le ha scopato la figa convulsa mentre questo lo stuzzicava fino a venire. Gridò la sua liberazione nella quasi oscurità.

Incapace di resistere e non volendo causarle alcun vero danno, si ritirò e la girò. Spingendosi di nuovo dentro, la scopò più forte di prima, i suoi gemiti ora erano disperati per il bisogno di liberazione. Si chinò e la baciò violentemente. Lei gli morse il labbro e lui cercò di allontanarsi. Le sue braccia e le sue gambe lo avvolsero ancora una volta mentre lo incontrava colpo dopo colpo.

E poi era lì. Lo sentì gonfiarsi ancora di più dentro di lei, diventare più duro; le sue spinte sono più irregolari. Poi il suono che lei amava e desiderava sentire eruppe dalla sua bocca. Poteva sentire il suo cazzo contrarsi ad ogni spruzzo di sperma che le inondava la figa e la riscaldava dall'interno.

Entrambi rimasero lì per un po'. Riprendono il respiro mentre sono intrecciati l'uno con l'altro. Anche se lui l'aveva ammorbidita, la riempiva ancora, e poteva sentire le scosse di assestamento del suo orgasmo attorno al suo cazzo.

Alla fine fece scivolare via il suo cazzo, tirando fuori il dildo mentre lo faceva. Prendendo due dita, le infilò nel palmo rivolto verso l'alto e le sbatté la figa con un dito. Gli piaceva che anche dopo il sesso lei fosse pronta per una bella diteggiatura. Incrociò le dita in modo che sfiorassero il suo punto G, il suo corpo rispose istantaneamente. L'ha scopata fino a farla schizzare su tutto il letto, sulle sue braccia e sulla sua mano. Questo era il momento migliore per lei per venire in questo modo.

Una volta che lei fu come una palla con i nervi tremanti, bagnati, si alzò senza dire una parola. Andò nell'angolo della stanza dove sapeva avrebbe trovato i suoi vestiti, si vestì e se ne andò.

Non furono pronunciate parole perché conoscevano il piano. Tra un mese ci sarebbe stato un altro scenario da mettere in atto.

Storie simili

Venerdì_(1)

Venerdì è arrivato e non sapevo come ce l'avrei fatta. Con ogni file sulla mia scrivania dovevo chiedermi se stavo provando a rivedere Sara o se ne valeva la pena e se dovevo fare la differenza cercando di passare davanti al bar di Lisa mentre tornavo a casa. Inseguire due conigli significava perderli entrambi, inseguire nessuno dei due significava anche perderli entrambi, quindi dovevo pensare a qualcosa. Ho mollato. Tornai a casa, da solo, puntuale. --- Sara si fermò in uno squallido bar non lontano dal lavoro, un locale che non visitava da un po'. Quando si è seduta in un...

1.3K I più visti

Likes 0

In un batter d'occhio

. In un batter d'occhio. Mi siedo sulla panchina aspettando l'autobus sentendomi solo come al solito. Sono quasi sempre circondato da persone, inclusi amici e familiari, e provo la profonda e infinita sensazione di essere solo su questo pezzo di roccia che chiamiamo casa. Ho ascoltato molte conversazioni sulla possibile esistenza degli extraterrestri, e lascia che te lo dica, esistono, solo forse non nella forma e nella forma che pensi. Quando completerai questa voce, crederai che non sono umano, molti mi chiamano animale o disumano, ma credo davvero di essere una forma di vita aliena, intrappolata su questo pianeta, alla ricerca...

622 I più visti

Likes 0

Da: Jeff bisessuale? Regole per commentare le mie storie!

Jeff bisessuale ... Regole per commentare le mie storie! A giudicare dalle decine di migliaia di volte che tutte le mie storie sono state lette, la maggior parte di voi le ha apprezzate. Alcuni no e anche questo va bene, non sto cercando di accontentare tutti, o davvero nessuno, sto scrivendo quello che a volte mi ronza in testa. Divertiti, non divertirti ... dipende totalmente da te. Ma NON lasciare commenti di merda su qualcuno che conosci morto di AIDS, per favore, QUESTO non è il sito adatto. Tutti leggono le storie, i titoli praticamente ti dicono qual è la storia...

1.5K I più visti

Likes 0

Il nuovo vicino

“Cazzo, amico. Portare tutta questa merda su queste scale è una cagna ', si lamenta il mio amico, beh, ora compagno di stanza, Jack con me. È stata una tua idea trovare un posto al piano di sopra, cavillo in risposta. Sì, beh, non ho pensato alle scale. Io e il mio amico siamo una coppia di ragazzi che iniziano il loro primo anno all'Hillside College. Lo so, sembra piuttosto generico, giusto? Ma hey, è un buon inizio in un posto nuovo per noi. «Johnny, torna giù e prendi le ultime scatole.» Andiamo a metterli insieme, dico. No, amico. Perchè no?...

1.5K I più visti

Likes 0

Inverno a Beech Mountain Capitolo 5

La giornata è passata velocemente mentre sono rimasto impegnato a lavorare con altri tre ospiti.. Erano signore anziane, che avevano passato tanto tempo sulle loro chiappe quanto sugli sci.. Erano lividi e doloranti, quindi ho fatto del mio meglio per aiutarli.. Le mie pietre calde hanno dato un po' di sollievo e ho usato la mia unità TENS per intorpidire temporaneamente alcune terminazioni nervose.. Sono uscito alle 16:00 e ho fatto la doccia, mi sono cambiato e mi sono diretto a casa di Sandra. Non appena sono entrato Donna mi ha fatto cenno al bar dei succhi.. ho visto la sua...

1.4K I più visti

Likes 0

La peggiore/migliore detenzione di sempre. 2

*c'è una prima parte in questo e ancora una volta la grammatica non è perfetta* Il pensiero della torcia del capezzolo mi ha fatto eccitare, ma non oso dirlo a Mr.B. Mi ha afferrato il braccio e mi ha detto di sbottonarmi la parte superiore e di togliermelo insieme al reggiseno e di mettermi la mano sopra la testa, quando ci ho messo troppo tempo ha sospirato scuotendo la testa e mi ha dato altri schiaffi sul culo. Ho accelerato per non turbarlo più. Ha preso la mia tripla D e i miei grandi capezzoli sorridendo tra sé come se avesse...

1.1K I più visti

Likes 0

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

1.1K I più visti

Likes 0

Chiamami Giovanna

Chiamami Giovanna È successo tutto così tanto tempo fa che sembra non solo di essere stato in un posto diverso in un momento diverso, ma così diverso come se non fosse quasi mai esistito. Ma lo ha fatto. Tutto ebbe luogo nelle zone rurali del sud dell'Inghilterra in quel periodo meraviglioso dopo la fine della guerra (per noi la guerra significava e significa tuttora la seconda guerra mondiale), nello sbiadito bagliore dorato dell'impero, prima che spiacevoli realtà si intromettessero e spingessero il mondo avevamo conosciuto in una forma nuova e sconosciuta. Le rivoluzioni degli anni Sessanta – sociali, sessuali, politiche –...

936 I più visti

Likes 0

Appuntato...

Il mio ultimo anno abbiamo viaggiato per circa 2 ore per un ENORME torneo di wrestling nella speranza di acquisire molta esperienza e forse un trofeo. Questo era diverso dalla fine del primo periodo della mia prima partita. Bene, abbiamo attraversato il primo senza che accadesse nulla di importante e ho toccato il fondo nel secondo periodo. Immagino che questo lo abbia reso un po' eccitato trovandosi in quella posizione di fronte a lui. Ho fatto un tiro e l'ho messo sulla schiena proprio al fischio. Suppongo che sia stato preso alla sprovvista e subito dopo si è reso conto di...

1.1K I più visti

Likes 0

Tracy, mia cognata, mi mostra la strada

Sono innamorato di Tracy, la sorella di mia moglie, sin dalla prima volta che l'ho incontrata. Era il 1989, un anno prima che io e mia moglie ci sposassimo. Eravamo solo amici e lei voleva che l'accompagnassi nella sua città natale nel Midwest per frequentare il diploma di scuola superiore di suo fratello. Tracy e l'altra sua sorella sono venute a prenderci all'aeroporto. Ho notato Tracy, allora al college, una bellezza bionda del Midwest, e sono stato immediatamente attratto da lei. Siamo stati accompagnati a casa dei loro genitori e abbiamo pranzato. Durante il fine settimana ho conosciuto tutta la famiglia...

894 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.