Mamma scomparsa

569Report
Mamma scomparsa

Si prega di valutare e commentare

Jolene camminò lungo la strada tranquilla, grata di poter trascorrere un po' di tempo tranquillo da sola. La giornata sarebbe stata calda ma la mattina era fresca con un cielo azzurro brillante.
Era grata di avere una strada così tranquilla per camminare da casa sua. Aveva già visto un falco sopra la sua testa e degli scoiattoli che correvano nel bosco
e il fruscio delle foglie di creature sconosciute.

Le piacevano queste vivaci passeggiate mattutine. Era il momento di schiarirsi le idee, di riflettere, di pianificare.
Jolene fece una svolta e vide un furgone bianco accostarsi di lato. Avvicinandosi vide una donna accanto all'auto. "Kendra??" Quello che è successo?"
Jolene ha riconosciuto Kendra dalle attività della città.
Si sentiva un po' dispiaciuta per Kendra. Viveva in una squallida roulotte con Ricky, il perenne
perdente della città. Kendra era stata carina da giovane, ma ora sembrava così tarchiata e sovrappeso
e di solito con abiti scadenti.

“Oh, Jolene, il mio furgone si è rotto. Kendra sembrava così sollevata nel vedere Jolene
"Ricky sarà così arrabbiato che darà la colpa a me."
"Puoi aspettare con me Ricky, per favore?"
Jolene non voleva aspettare con lei ma le dispiaceva per Kendra.
Kendra puzzava di fumo di sigaretta e le mancava un dente davanti alla bocca.
Aveva dei tatuaggi antiestetici sulle braccia flaccide e i suoi vestiti erano laceri.
Che casino, pensò Jolene.

Kendra aprì la portiera laterale del furgone. "Jolene, guarda cosa ho qui."
Mentre Jolene andava a vedere, una mano l'afferrò da dietro e un panno dall'odore terribile le coprì la bocca.
Jolene scalciò e cercò di mordere ma Kendra la aiutò a trattenerla e lentamente la lotta finì.

Jolene iniziò a riprendere conoscenza. Era sdraiata su un divano, tutto era sfocato.
"Dove sono? Cosa sto facendo qui? “ Cercando di mettere a fuoco, Jolene è riuscita a distinguere due persone?
“Kendra? Ricky? Cosa sta succedendo?
"Ciao Jolene, sei nostra ospite di casa."
Jolene rotolò giù dal divano in ginocchio.
"Devo tornare a casa, i miei figli saranno a casa." "Non so perché sono qui."
Ricky fece una grossa risata. "Kendra dì alla Cagna perché è qui."
Kendra stava di fronte a Jolene, strisciando sulle mani e sulle ginocchia.

"Troia, non andrai da nessuna parte." "Sei qui per allevare il mio amico Ricky."
"Kendra, di cosa stai parlando?"
"Sono troppo vecchio per i bambini, quindi ti alleveremo in modo che Ricky possa avere un figlio."
“Kendra, sei pazza, devo andare adesso!?
"AGHHHHHHHHHHH" gridò Jolene mentre Kendra le dava uno schiaffo in faccia.

Ricky l'afferrò per i capelli e Kendra le avvolse uno spesso collare di cuoio attorno al collo.
Jolene cominciò a farsi prendere dal panico e cominciò a urlare ma non riuscì a staccarsi.
Kendra strinse forte il colletto e lo bloccò con il fermaglio. Jolene urlò ancora di più quando vide Kendra prendere un cavo con un cappio all'estremità e attaccarlo alla fibbia del colletto.

Ricky strattonò Jolene per il collo tirando il cavo. Jolene ha provato a staccarsi ma
Kendra spinse mentre Ricky la trascinava nella camera da letto in fondo alla roulotte. Si lanciarono
Jolene sul letto e tirò i polsi fino a due corde che erano già attaccate alle colonne del letto.
Guardarono Jolene impotente sul letto e si sorrisero.
"È ora di metterti incinta." Kendra rise. Il mio amico Ricky si divertirà a mettere il suo seme dentro di te.

"Kendra, non farlo, per favore." Jolene singhiozzò. "Per favore, lasciami andare, non dirò niente."
"Per favore lasciami andare."
"Jolene, prometti di non dire nulla, sei sicura?"
"Oh, sì, non voglio problemi, per favore lasciami andare."
"Ricky, cosa ne pensi, dovremmo fermare tutto questo."
"Kendra, cosa ne pensi?"

"Diavolo NO, fanculo il suo Ricky, fanculo la stronza."
Ricky esaminò la sua bella preda. Una cagna snella, ma non magra. Capelli piuttosto castani,
abbronzatura profonda, gambe ben curve e tette davvero belle. Sarà un bel momento.
“NOOOOOOO”. Jolene urlò mentre Ricky e Kendra le afferravano i pantaloncini neri.
Lui scalciò le gambe mentre loro ridevano togliendole i pantaloncini rivelando le sue mutandine rosa.
Kendra gettò di lato i pantaloncini. "Non ne avrai più bisogno."
Ricky non ha perso tempo e le ha semplicemente strappato le mutandine.

Ricky le afferrò le gambe allargandole mentre Jolene cercava di tenerle insieme.
“Bastardi! Non te la caverai. “
"Ehi, stronza, ce la stiamo cavando proprio adesso."
"Non viviamo da nessuna parte vicino a te, non c'è motivo per cui sospettino di noi."

Kendra teneva una gamba mentre Ricky teneva l'altra con una mano che scorreva sulla sua
mano libera su e giù per le cosce. "Bella cagna abbronzata, il tuo segno dell'abbronzatura arriva quasi fino alla fica." "Devi avere un bikini piuttosto succinto."
Jolene singhiozzava e gridava mentre Ricky le passava la mano sulle labbra della figa.
"Dolce dolce. Lo adorerò." Ricky le afferrò entrambe le cosce, incastrandosi tra di lei
gambe, in aria sopra le sue spalle

"Kendra, vediamo come appare l'abbronzatura su quelle tette."
Kendra non perse tempo e recuperò una forbice.
Jolene piangeva a dirotto, girandosi e rigirandosi.
"Meglio sistemarti, tesoro, altrimenti ti prendo queste forbici invece della maglietta."

Kendra iniziò a tagliare la maglietta "Breast Cancer Awareness" di Jolene.
“Sì, avremo una vera consapevolezza.
Kendra rise mentre tagliava la maglietta.
"Sexy piccola Bra, sei arrivata lì per fare una passeggiata."
Kendra si è strappata il reggiseno rivelando le tette bianche di Jolene con un segno di abbronzatura davvero scuro.

È un set davvero carino per una mamma. Kendra rise in modo gentile e deciso mentre faceva scorrere le mani sul seno di Jolene. "AHHHH" sbottò Jolene quando Kendra strinse un capezzolo.
Schiaffeggiò le ampie tette avanti e indietro mentre Jolene gridava.
"Puttana, è meglio che ti abitui a questo, ti faremo un sacco di cose, vero Ricky.?"

"Ho capito bene, ed è ora di iniziare."
"Oh Dio, non farlo, per favore." - gridò Jolene.
Ricky si spinse contro Jolene, schiaffeggiandole la figa.
Kendra si chinò e baciò Jolene. Jolene chiuse la bocca e voltò la testa.
Kendra afferrò uno dei capezzoli della cagna, tirandolo e torcendolo.
“AHHHHHHHHHHHHHHhhhhhhhhh”
Baciami, stronza, altrimenti ti storcerò subito un capezzolo.

Mentre Kendra baciava Jolene, Ricky iniziò a spingere il suo cazzo dentro Jolene.
"Perché piangi, stronza." Kendra rise mentre le lacrime salivano agli occhi di Jolene.
«Non che tu non sia mai stato scopato prima. “Questo è uno che ricorderai.

Kendra sputò in faccia a Jolene. “Fanculo quella stronza di Ricky, metti incinta quella stronza. Allevala."
Jolene gridò mentre Ricky si infilava dentro di lei.
"Non preoccuparti." Kendra rise. "Sarà una lunga e dura scopata."
Ricky spinse in profondità e con forza, poi si tirò indietro. Aveva saldamente le cosce di Jolene nella sua presa mentre lei la scopava lentamente.

"Kendra, portami una birra." Kendra balzò in piedi e tornò velocemente con una bottiglia per Ricky.
Lo tenne sulle labbra di Ricky mentre continuava a scopare Jolene.
"Questo è ciò che mi piace. Rise Ricky, un piccolo B&B. "Beer and a Bitch".

Continua

Storie simili

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

762 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

2.2K I più visti

Likes 2

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.5K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

2K I più visti

Likes 0

LA TROIA DEL CAPO 1: LA PROPOSTA_(1)

LA TROIA DEL CAPO - PARTE I: L'INIZIO CAPITOLO 1: LA PROPOSIZIONE È successo come è sempre successo. Il mio smartphone ha emesso un bip discreto. Mi sono allontanato dal monitor del computer sulla mia scrivania, ho riattivato il telefono e ho controllato l'ID di testo. Signore. Poteva essere molto di più. Avrebbe potuto essere il signor Charles Woodburn, amministratore delegato e presidente del consiglio di amministrazione. Ecco chi era Sir. Ho aperto il testo per trovare il messaggio che ricevevo spesso da lui. Ho bisogno di te nel mio ufficio. Sorrisi mentre mi alzavo immediatamente e recuperavo la mia giacca...

1.4K I più visti

Likes 1

Sarah, cosa hai fatto con il mais?

Questo è un primo tentativo, quindi qualsiasi critica costruttiva è più che benvenuta, anche qualsiasi lode sarebbe gradita. Se qualcuno ha idee per nuove storie, sentiti libero di lasciare le tue idee. Ho alcune idee che potrebbero utilizzare gli stessi personaggi nella sua storia. Godere. Sarah e Matthew Jones vivevano in una piccola villetta a schiera da qualche parte in una piccola città nel sud dell'Inghilterra, vivevano con la loro madre Elizabeth, ma lei non c'era mai. Aveva raggiunto una posizione elevata nella sua azienda e il suo lavoro significava che viaggiava molto tempo. Questo è stato un peccato ma necessario...

1.2K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

LESSI Capitoli 7-14

LEXI (Capitolo 7-14) CAPITOLO 7 Siamo finiti in un ristorante italiano preferito nel quartiere in cui a Spence piaceva andare. Era piuttosto affollato e l'unico posto libero era una cabina d'angolo. Abbiamo seguito l'addetto alla reception allo stand e Lexi è entrata per prima e Carmen ha detto. Stan, perché non entri tu il prossimo e riempi la parte centrale tra me e Lexi. Certo ho accettato. Ci sistemammo mentre sia Carmen che Lexi sedevano piuttosto vicine a me. Allora, cosa ne pensi di portare noi ragazze ad un appuntamento? chiese allegramente Lexi. Sì, sei in buone mani Stan mentre Carmen...

1.4K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.