Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

2.8KReport
Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro.
Parte 2 - Il livello successivo


Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra di me e io ho aperto il mio asciugamano e gli ho lasciato appoggiare il suo caldo corpo nudo contro il mio mentre ci coprivo con una coperta sul divano. Mentre sfogliavo i canali, guardavo in basso e Mark aveva la testa appoggiata su una delle mie tette e la sua mano accarezzava la mia altra. Sono tornato a navigare sui canali, pensando a come portare questo al livello successivo, e quando ho guardato indietro Mark era addormentato. Poveretto, credo di aver fatto impazzire la sua piccola mente, letteralmente.


Dopo qualche altro minuto di cambio canale, mi sono imbattuto in uno skin flick su Cinemax. Dato che Mark dormiva, ho pensato di guardarlo e vedere quanto potevo giocare con lui senza svegliarlo. Ho iniziato a far scorrere delicatamente le mie dita su e giù per la sua schiena, lasciando che le mie unghie lo solleticassero delicatamente. Sospirò e si rannicchiò più vicino al mio seno. Era così carino. Continuavo a strofinargli la schiena, lasciando che le mie mani si interrogassero sul suo culo e tornassero sulle sue spalle. Dopo circa trenta minuti passati a massaggiarlo e guardare la gente scopare in TV, la mia figa stava iniziando a formicolare e mi sentivo come se fossi un po' più audace.

Feci scivolare la mia mano lungo il suo fianco. Potevo sentire il suo cazzo morbido appoggiato contro il mio pub e le sue palle premute contro il mio clitoride. Mi sono alzato un po' in modo che ci fosse un po' di spazio tra noi e ho iniziato a strofinare lentamente il suo cazzo e ad accarezzargli le noci. Era ancora profondamente addormentato, ma potevo riempire il suo piccolo cazzo crescendo ogni volta che ci passavo sopra la mano. Ho preso il mio pollice e le dita e ho cominciato a masturbarmi il suo piccolo cazzo. Gemette un po', ma non si svegliò. Mi stavo seriamente arrapando e mi sentivo la figa. Era fradicio. Ho premuto la testa del suo cazzo contro il mio clitoride e l'ho tenuto lì, sentendo quanto fosse caldo e duro. I miei capezzoli hanno iniziato a diventare duri e ho iniziato a strofinare la testa del cazzo su e giù contro il mio clitoride, accarezzandolo delicatamente ad ogni passaggio. Ho allungato una mano e gli ho stretto il culo con l'altra mano e ho iniziato a sbattere contro il suo cazzo. Mi stavo proprio eccitando. Continuavo a pensare a lui che mi soffiava il suo carico in bocca prima e a quanto fosse caldo e dolce.

Mi stavo avvicinando al cumming e lo volevo davvero dentro di me quando l'ho fatto. A quel punto stavo respirando affannosamente e cominciavo a gemere. Stavo strofinando il suo cazzo ferocemente contro il mio clitoride mentre iniziavo a chiudere e tremare. Proprio prima di venire, ho spinto dentro il suo piccolo cazzo e questo mi ha messo oltre il limite. Ho urlato "HOLY FUCK, STO CUMMING!" Potevo sentire la mia figa stringersi attorno al suo cazzo e stavo piegando selvaggiamente i fianchi contro i cuscini del divano. Ho cominciato a sentire il suo corpicino che si spingeva indietro contro di me, e ho stretto le gambe attorno al suo corpo, gli ho afferrato il culo con entrambe le mani e l'ho tirato dentro di me il più profondamente possibile. Quando mi sono rilassato potevo ancora riempirlo spingendo e ho aperto gli occhi per vederlo sveglio e fissarmi. Ha detto "È così bello zia Becky, devo fermarmi ora?" Ho detto "No tesoro, ma quando senti che quella cosa che è successa prima ricomincia a succedere, devi tirarti fuori da me, ok?" Ha detto ok, ed è tornato a spingermi dentro.

Anche se il suo uccello era piccolo, la sua testa sfiorava abbastanza bene il mio punto G. Ho guidato un po' la sua spinta e lui lo stava inchiodando. Non riuscivo ancora a credere che stavo scopando mio nipote e che mi avrebbe fatto venire se avesse continuato così. Mentre mi cavalcava, i miei capezzoli sfioravano il suo petto e mandavano formicolio in tutto il mio corpo e nella mia fica. Mi stavo davvero avvicinando e ho iniziato a voler parlare sporco. Ho capito cosa diavolo e ho detto "Ecco fatto piccola, prendilo. Fai tornare quella figa…. Scopami con quel cazzo duro... Ti piace scopare la figa bagnata di tua zia, vero?" Non ha risposto, ma ha continuato a picchiare e io mi stavo avvicinando sempre di più al cumming.

In pochi minuti l'ho sentito crescere dentro di me. Ho detto "Oh mark, mi farai venire" mentre le mie gambe hanno iniziato a tremare, l'ho tirato dentro di me e ho inarcato la schiena ed ho emesso un lungo gemito. Potevo sentire ogni centimetro del mio corpo irrigidirsi e formicolare e sapevo che stavo per schizzare. Mi sono tirato indietro per il corpo e il suo cazzo è saltato fuori sfiorandomi il clitoride e aggiungendo al mio orgasmo. La mia figa schizzava un po' contro i suoi dadi, e io mi allungai per staccare il suo cazzo. Ha detto "Zia Becky accadrà di nuovo, per favore, non fermarti, per favore!!!" In pochi secondi il suo piccolo cazzo si strinse e iniziò a sprizzare un carico bianco dopo l'altro attraverso la mia pancia e le mie tette. Le ultime gocce sono finite sui miei pub e mi hanno investito il clitoride.

Mark respirava pesantemente ed eravamo entrambi un po' sudati. Ho detto "Bravo ragazzo! È stato un carico sexy così grande che mi hai dato. Ho preso le mie dita e ho asciugato alcune gocce dalla mia pancia e ho succhiato il suo sperma dalle mie dita. "MMMMmmmm così dolce", ho detto. Mark si è steso su di me e sono stato completamente esaurito. Ha detto: "Non vedo l'ora di farlo di nuovo, zia Becky". Ho detto "Anch'io tesoro, ma dormiamo un po' per ora. Abbiamo bisogno di riposarci per qualche immersione magra domani. Così ci addormentiamo con la sua testa sulle mie tette e il suo piccolo cazzo annidato contro la mia figa calda, bagnata e completamente soddisfatta.

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

832 I più visti

Likes 0

Facendo bagnare di nuovo Amy! Di Blueheatt __Amy era brava nel suo lavoro e io ho fatto il mio lavoro, ma i trucchi non si sono mai fermati. Chiamava: “James chiama estendere. 102” La chiamavo e lei mi abbaiava ordini. (le piaceva fare il capo con me, anche se non era il mio capo) “JAMES, la mia sedia ha un cigolio, alzati qui e riparala. CLIC. Ci andrei quando ne ho la possibilità, senza fretta. Prendevo il mio piccolo kit di attrezzi e mi comportavo come se stessi facendo qualcosa. Quando arrivavo lì, la sua assistente mi annunciava di entrare e...

838 I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Sarah, cosa hai fatto con il mais?

Questo è un primo tentativo, quindi qualsiasi critica costruttiva è più che benvenuta, anche qualsiasi lode sarebbe gradita. Se qualcuno ha idee per nuove storie, sentiti libero di lasciare le tue idee. Ho alcune idee che potrebbero utilizzare gli stessi personaggi nella sua storia. Godere. Sarah e Matthew Jones vivevano in una piccola villetta a schiera da qualche parte in una piccola città nel sud dell'Inghilterra, vivevano con la loro madre Elizabeth, ma lei non c'era mai. Aveva raggiunto una posizione elevata nella sua azienda e il suo lavoro significava che viaggiava molto tempo. Questo è stato un peccato ma necessario...

1.2K I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

774 I più visti

Likes 0

Mamma scomparsa

Si prega di valutare e commentare Jolene camminò lungo la strada tranquilla, grata di poter trascorrere un po' di tempo tranquillo da sola. La giornata sarebbe stata calda ma la mattina era fresca con un cielo azzurro brillante. Era grata di avere una strada così tranquilla per camminare da casa sua. Aveva già visto un falco sopra la sua testa e degli scoiattoli che correvano nel bosco e il fruscio delle foglie di creature sconosciute. Le piacevano queste vivaci passeggiate mattutine. Era il momento di schiarirsi le idee, di riflettere, di pianificare. Jolene fece una svolta e vide un furgone bianco...

579 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.