Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

948Report
Mio nipote e la mia vasca idromassaggio - Parte 2

Mantieni i commenti in arrivo gente, e io continuerò a scrivere. Fammi sapere cosa ti piace di loro.
Parte 2 - Il livello successivo


Dopo aver chiuso il telefono con Susan, ho chiesto a Mark se era pronto per entrare e guardare un po' di TV. Ha detto di sì, quindi siamo usciti dalla vasca idromassaggio, ci siamo avvolti degli asciugamani intorno alla vita e siamo entrati al trotto velocemente. I miei grossi seni rimbalzavano da una parte all'altra mentre correvamo dentro. Mark saltò sul divano e io mi accasciai accanto a lui e accesi la TV. Si è arrampicato sopra di me e io ho aperto il mio asciugamano e gli ho lasciato appoggiare il suo caldo corpo nudo contro il mio mentre ci coprivo con una coperta sul divano. Mentre sfogliavo i canali, guardavo in basso e Mark aveva la testa appoggiata su una delle mie tette e la sua mano accarezzava la mia altra. Sono tornato a navigare sui canali, pensando a come portare questo al livello successivo, e quando ho guardato indietro Mark era addormentato. Poveretto, credo di aver fatto impazzire la sua piccola mente, letteralmente.


Dopo qualche altro minuto di cambio canale, mi sono imbattuto in uno skin flick su Cinemax. Dato che Mark dormiva, ho pensato di guardarlo e vedere quanto potevo giocare con lui senza svegliarlo. Ho iniziato a far scorrere delicatamente le mie dita su e giù per la sua schiena, lasciando che le mie unghie lo solleticassero delicatamente. Sospirò e si rannicchiò più vicino al mio seno. Era così carino. Continuavo a strofinargli la schiena, lasciando che le mie mani si interrogassero sul suo culo e tornassero sulle sue spalle. Dopo circa trenta minuti passati a massaggiarlo e guardare la gente scopare in TV, la mia figa stava iniziando a formicolare e mi sentivo come se fossi un po' più audace.

Feci scivolare la mia mano lungo il suo fianco. Potevo sentire il suo cazzo morbido appoggiato contro il mio pub e le sue palle premute contro il mio clitoride. Mi sono alzato un po' in modo che ci fosse un po' di spazio tra noi e ho iniziato a strofinare lentamente il suo cazzo e ad accarezzargli le noci. Era ancora profondamente addormentato, ma potevo riempire il suo piccolo cazzo crescendo ogni volta che ci passavo sopra la mano. Ho preso il mio pollice e le dita e ho cominciato a masturbarmi il suo piccolo cazzo. Gemette un po', ma non si svegliò. Mi stavo seriamente arrapando e mi sentivo la figa. Era fradicio. Ho premuto la testa del suo cazzo contro il mio clitoride e l'ho tenuto lì, sentendo quanto fosse caldo e duro. I miei capezzoli hanno iniziato a diventare duri e ho iniziato a strofinare la testa del cazzo su e giù contro il mio clitoride, accarezzandolo delicatamente ad ogni passaggio. Ho allungato una mano e gli ho stretto il culo con l'altra mano e ho iniziato a sbattere contro il suo cazzo. Mi stavo proprio eccitando. Continuavo a pensare a lui che mi soffiava il suo carico in bocca prima e a quanto fosse caldo e dolce.

Mi stavo avvicinando al cumming e lo volevo davvero dentro di me quando l'ho fatto. A quel punto stavo respirando affannosamente e cominciavo a gemere. Stavo strofinando il suo cazzo ferocemente contro il mio clitoride mentre iniziavo a chiudere e tremare. Proprio prima di venire, ho spinto dentro il suo piccolo cazzo e questo mi ha messo oltre il limite. Ho urlato "HOLY FUCK, STO CUMMING!" Potevo sentire la mia figa stringersi attorno al suo cazzo e stavo piegando selvaggiamente i fianchi contro i cuscini del divano. Ho cominciato a sentire il suo corpicino che si spingeva indietro contro di me, e ho stretto le gambe attorno al suo corpo, gli ho afferrato il culo con entrambe le mani e l'ho tirato dentro di me il più profondamente possibile. Quando mi sono rilassato potevo ancora riempirlo spingendo e ho aperto gli occhi per vederlo sveglio e fissarmi. Ha detto "È così bello zia Becky, devo fermarmi ora?" Ho detto "No tesoro, ma quando senti che quella cosa che è successa prima ricomincia a succedere, devi tirarti fuori da me, ok?" Ha detto ok, ed è tornato a spingermi dentro.

Anche se il suo uccello era piccolo, la sua testa sfiorava abbastanza bene il mio punto G. Ho guidato un po' la sua spinta e lui lo stava inchiodando. Non riuscivo ancora a credere che stavo scopando mio nipote e che mi avrebbe fatto venire se avesse continuato così. Mentre mi cavalcava, i miei capezzoli sfioravano il suo petto e mandavano formicolio in tutto il mio corpo e nella mia fica. Mi stavo davvero avvicinando e ho iniziato a voler parlare sporco. Ho capito cosa diavolo e ho detto "Ecco fatto piccola, prendilo. Fai tornare quella figa…. Scopami con quel cazzo duro... Ti piace scopare la figa bagnata di tua zia, vero?" Non ha risposto, ma ha continuato a picchiare e io mi stavo avvicinando sempre di più al cumming.

In pochi minuti l'ho sentito crescere dentro di me. Ho detto "Oh mark, mi farai venire" mentre le mie gambe hanno iniziato a tremare, l'ho tirato dentro di me e ho inarcato la schiena ed ho emesso un lungo gemito. Potevo sentire ogni centimetro del mio corpo irrigidirsi e formicolare e sapevo che stavo per schizzare. Mi sono tirato indietro per il corpo e il suo cazzo è saltato fuori sfiorandomi il clitoride e aggiungendo al mio orgasmo. La mia figa schizzava un po' contro i suoi dadi, e io mi allungai per staccare il suo cazzo. Ha detto "Zia Becky accadrà di nuovo, per favore, non fermarti, per favore!!!" In pochi secondi il suo piccolo cazzo si strinse e iniziò a sprizzare un carico bianco dopo l'altro attraverso la mia pancia e le mie tette. Le ultime gocce sono finite sui miei pub e mi hanno investito il clitoride.

Mark respirava pesantemente ed eravamo entrambi un po' sudati. Ho detto "Bravo ragazzo! È stato un carico sexy così grande che mi hai dato. Ho preso le mie dita e ho asciugato alcune gocce dalla mia pancia e ho succhiato il suo sperma dalle mie dita. "MMMMmmmm così dolce", ho detto. Mark si è steso su di me e sono stato completamente esaurito. Ha detto: "Non vedo l'ora di farlo di nuovo, zia Becky". Ho detto "Anch'io tesoro, ma dormiamo un po' per ora. Abbiamo bisogno di riposarci per qualche immersione magra domani. Così ci addormentiamo con la sua testa sulle mie tette e il suo piccolo cazzo annidato contro la mia figa calda, bagnata e completamente soddisfatta.

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

947 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

838 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

1.3K I più visti

Likes 0

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

957 I più visti

Likes 1

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

516 I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1K I più visti

Likes 0

Game Over

Game Over. Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento. La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore...

854 I più visti

Likes 0

Un piccolo servizio

Yorkshire, Inghilterra, qualche anno fa. Un piccolo servizio. Stavo lavorando in ufficio a capo pozzo quella mattina, il sole splendeva d'oro sul fumo del locale caldaia, gli uccelli tossivano, non pioveva da due giorni, e questa è ufficialmente una siccità nello Yorkshire. Qualsiasi strada intorno a cui mi stavo occupando della cera d'api quando arriva il capo. Blagthorpe. Sommat si sbagliava. Non era tutto audace come al solito. Era quasi nervoso. Ah giovane Allen, dice, tutto amichevole come quando vuole che i conti vengano manipolati. Chissà se potresti rendermi un servizio? Lo farò se posso gaffer, dico, Cosa sta succedendo? Ora...

1.3K I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

1.3K I più visti

Likes 0

La fantasia di uno psichiatra

Essendo uno psichiatra, dovrei rispettare la massima riservatezza con i miei pazienti. Tuttavia, dovevo togliermi di dosso questa storia, ed è una storia che non potevo confidare nei miei college, quindi cambio i nomi per proteggere gli innocenti. Il mio soggetto è una ragazza che chiamerò Candy. Sono specializzato nel lavoro con i giovani, in particolare nei casi relativi al sesso. Essendo un uomo, di solito lavoravo con i ragazzi, ma trovavo alcune ragazze che si sentivano più a loro agio a parlare di sesso con un uomo per un motivo o per l'altro. Era un po' insolito, ma certamente non...

998 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.