Il Tutore e la Ninfa

3.6KReport
Il Tutore e la Ninfa

Il Tutore e la Ninfa

Mi è stato dato un suggerimento per provare a scrivere qualcosa di cui so un po' di più, quindi ho deciso che condividerò una storia che mi è successa davvero, tranne alcune cose e più poche altre. Spero che ti piaccia tanto quanto me.

Per tre ore ho cercato di spiegare il concetto a questa bionda sdolcinata ma anche la spiegazione più semplice la confonde, come sia riuscita a ottenere una laurea in scienze è oltre me. Beh, non è vero, sono sicuro che deve essersi fatta strada a scopare, con un corpo così sbattuto e la pelle abbronzata che non c'è modo che un ragazzo possa rifiutarla, probabilmente ha anche trasformato alcuni ragazzi gay etero. Con la sua perfetta figura a clessidra e la sua struttura leggera posso immaginarmi mentre butto i suoi libri per terra e la scopa sul tavolo proprio qui in mezzo alla biblioteca. Anche se avesse lottato, potrei facilmente inchiodare le sue braccia snelle e fare a modo mio.

'…….. Membrana semipermeabile?'

Merda di cosa diavolo mi ha appena chiesto, lo giuro se non fosse così sexy e non mi pagasse così tanto per non insegnarle niente me ne andrei subito.

"Potresti ripetere la domanda?"

'Come mai? È inutile, non ricordo niente che mi hai detto.'

Sì lo so, stupida troia. Maledizione, come posso insegnarle queste stronzate in un modo che lei capirà. Mentre mi siedo lì cercando di pensare, ricevo lo shock della mia vita. Anny ha spostato la sedia più vicino al tavolo e la sua mano sta scorrendo lungo la mia coscia.

"Forse dovremmo semplicemente prenderci una pausa da tutto questo stipare" sussurra con voce seducente.

Ora devo ammettere che sono trascorsi circa 3 mesi dall'ultima volta che ho fatto sesso ed è stato con una ragazza al di sotto dei miei standard. Potevo sentire la mia erezione iniziare a crescere mentre la sua mano iniziava a strofinarmi il fallo. I miei jeans costrittivi stavano iniziando a farmi male e faccio una smorfia mentre la quantità di spazio rimasto per crescere si esaurisce rapidamente. Lo spazio non è più la mia preoccupazione, ma il tempo ho emesso un gemito che cerco rapidamente di soffocare (Sì, non ridere, sono sicuro che la maggior parte di voi ragazzi là fuori ha avuto un problema almeno una volta nella vita).

Anny ridacchia e si morde il labbro inferiore. Sbatto la testa contro il piano del tavolo imbarazzato e chiudo gli occhi. Probabilmente era la mia unica possibilità con questa ragazza e l'ho sprecata. Raccoglie i suoi libri e mi lascia lì finché la macchia bagnata nei miei pantaloni non si asciuga abbastanza da tentare di andarmene.

Alla fine ho il coraggio di andarmene e tornare a casa. È stato durante il viaggio in autobus che ho ricevuto la mia seconda sorpresa della giornata, un semplice messaggio di Anny, ciao Mike stessa ora 2morra?
Grazie al signore è un miracolo, penso di essere riuscito a insinuare alcune delle vecchiette sull'autobus per le dimensioni del mio sorriso.

Incontro Anny per un caffè proprio come il giorno prima per discutere di cosa ha bisogno di aiuto. Oggi indossava una gonna blu molto succinta e una canottiera bianca molto attillata che l'orzo teneva in posizione il suo seno a coppa 32C.

Mentre camminavamo verso la biblioteca dell'università sorseggiando i nostri caffè si è comportata come se nulla fosse accaduto ieri anche se è riuscita a farmi una sega che è durata meno di un minuto. Lungo la breve passeggiata ho trovato incredibilmente difficile ascoltare ciò con cui Anny stava avendo problemi adesso, invece sono stata ipnotizzata dal rimbalzare ritmico delle sue morbide tette.

"Volevo solo ringraziarti ancora Mike per tutto il tempo che hai dedicato ad aiutarmi, sei un buon amico"

Queste sono state le ultime parole normali che abbiamo pronunciato quando siamo entrati in biblioteca da qui in poi abbiamo mantenuto una voce su un sussurro finché non abbiamo trovato dei libri di testo e abbiamo raggiunto le aule di studio.

Abbiamo trascorso le successive 3 ore passando attraverso le reazioni enzimatiche nelle cellule. Ogni volta che Anny si sporgeva in avanti per scrivere qualcosa, mi dava una visione chiara della sua scollatura, la vista banale era sufficiente a mantenermi in uno stato semi eretto per tutto il tempo. Alla fine Anny raggiunse il suo punto di rottura e si arrese frustrata. Abbiamo rimesso i testi sugli scaffali. Mentre stavo mettendo l'ultimo libro sullo scaffale più alto grazie ai miei 6 piedi e 3 pollici di altezza dove Anny non poteva raggiungerlo, si è infilata sotto di me e mi ha slacciato la cintura, il bottone e il moschettone in pochi secondi. Prima che avessi la possibilità di reagire, ha tirato giù i miei boxer e ha fatto scivolare fuori il mio pene. Per cominciare, ha appena strofinato il mio cazzo non circonciso su e giù con una presa morbida aumentando lentamente un po' di velocità. Mi mordo la lingua mentre lei inizia a prendermi a coppa e massaggiarmi le palle; l'ultima cosa che voglio è che qualcuno venga a indagare su strani suoni.

Anny lascia la presa e fa scorrere la morbida lingua bagnata dalla base alla punta dove si ferma e gioca con la piccola apertura. Aprendo lentamente la bocca e abbassando la testa, inghiotte il mio cazzo. La sua testa scivola sempre più in basso fino a quando tutti i 6 pollici e mezzo sono all'interno della bocca. Con un leggero aumento della pressione, l'attraente bionda inizia a succhiare e muovere la testa su e giù. Inizia davvero ad entrarci e posso vedere che il suo entusiasmo deriva dal puro divertimento. Inclina leggermente la testa e la sua lingua scivola e scivola lungo la mia asta, i suoi occhi si fissano sui miei e mentre guardo nei suoi occhi azzurri, getti di sperma caldo nella sua bocca ma invece di togliermi di dosso e lasciare che gli addetti alle pulizie si occupino del pasticcio che inizia a ingoiare. Ogni goccia di sperma che entra nella sua bocca arriva al suo stomaco.

Quando il flusso si interrompe, alza lentamente la testa, rimette il mio cazzo nei miei boxer e mi lascia ad aggiustare i pantaloni mentre si allontana. Poco prima di girare l'angolo mi fa l'occhiolino e mi chiede "domani alla stessa ora?"

Non rispondo, era ovviamente retorica.

Il giorno dopo ci incontriamo di nuovo per un caffè. Oggi Anny indossa una gonna più lunga ma ancora più corta di quella che la maggior parte delle ragazze osa indossare e una canottiera blu ha sostituito quella bianca. Mentre beviamo il nostro caffè e ci dirigiamo in biblioteca, ci spiega di essere preoccupata per il fatto che le restano solo due giorni per la revisione prima dell'esame e che se va bene forse potremmo restare anche a pranzo. Non mi sarei lamentato di passare più tempo con lei. Eravamo seduti solo per 10 minuti quando lascia cadere la penna sotto il tavolo, impegnata a leggere decido di prenderla per lei quando non si muove per prenderla.

Atterrò vicino ai suoi piedi. Quando mi allungo per prendere la penna, le sue ginocchia si aprono lentamente e le sue gambe si aprono. Alzo lo sguardo per vedere che non indossa biancheria intima. Prende chiaramente il sole nuda senza alcun segno di abbronzatura e le sue labbra sono chiaramente visibili senza un solo segno di peli pubici da nessuna parte o le morbide pieghe. La sua mano sinistra si vede mentre inizia a sollevare l'orlo della gonna. Ho dato una rapida occhiata in giro per la stanza, solo poche persone negli angoli e lungo il muro immagino che sia troppo presto per la maggior parte degli studenti per alzarsi. So cosa vuole, ma mangiare la figa è qualcosa che ho fatto molto né sono molto fiducioso.

Partendo dal presupposto che sarebbe peggio non sminuirla, poi facendo un cattivo lavoro mi avvicino. Con le mie mani appoggiate sulle sue gambe, il mio viso è a portata di mano. La prima cosa che noto è l'odore di muschio e poi una piccola goccia di liquido che scende lentamente dal centro. È buono come qualsiasi punto di partenza, immagino. La mia lingua raccoglie lentamente la gocciolina e la faccio scorrere attraverso la carne tenera. Ho colpito una piccola protuberanza mentre continuo la mia strada facendo sì che Anny stringesse le gambe insieme bloccandomi la testa. Ovviamente facendo qualcosa di giusto continuo a leccare la piccola protuberanza ricordandomi quello che mi diceva una mia amica sul non passare troppo tempo in un posto, gioco un po' con il clitoride e poi provo a muovere la testa ma le sue gambe si irrigidiscono, io restituire i miei sforzi al denso gruppo di nervi che avrebbe saputo di più sul proprio corpo che su me comunque. Provo diverse tecniche finché alla fine le sue gambe iniziano a tremare e poi sento un sospiro da sopra il tavolo.

Allontano la testa ma prima che mi allontani troppo la sua mano mi afferra i capelli e mi tira indietro. Sposta la mia testa verso la pozza di umidità che si è formata e lascia la sua mano sulla mia testa finché non comincio a leccare il suo sperma. Una volta che la sua pelle e la sua sedia sono appena un po' appiccicose, torno al mio posto. Mi sorride "in che modo i mitocondri forniscono energia alla cellula?"

Passiamo le prossime ore a ripassare le domande dell'esame dell'anno scorso, quando Anny è troppo frustrata e noi ce ne andiamo. Invece di andare a destra verso l'uscita, mi prende per un braccio e ci indirizza in una delle raccolte di libri più appartate. Slacciandomi la cintura e i pantaloni, li tira e le mie mutande fino alle caviglie e mi spinge contro un muro. Dalla sua borsetta tira fuori un preservativo, il mio pene si aspetta già qualcosa che ha bisogno di molto incoraggiamento per indurirsi, ci fa scivolare sopra il lattice. Afferrandomi per le spalle si tira su e avvolge le gambe intorno alla mia vita. Attenta a non perdere l'equilibrio usa la mano destra per dirigermi su di lei mentre abbassa il corpo.

Facendo la maggior parte del lavoro, mi cavalca come se fossi solo un giocattolo progettato per il suo piacere. Si alza su e giù per il mio albero. Comincio a baciarle il collo e sento il sapore salato del suo sudore. Per dieci minuti mi usa praticamente scopando da sola, provo a contare fino a mille e provo a immaginare una partita di baseball finché non riesco più a resistere e a venire più forte che mai. Anny che ovviamente l'aveva trattenuta in troppo climax ma a differenza di me non le importa chi la prende e rilascia un urlo acuto. Tiriamo su i pantaloni e andiamo a pranzo il più velocemente possibile.

Non parliamo molto mentre mangiamo e prima che ce ne accorgiamo torniamo nell'aula studio della biblioteca. Finalmente le cose stanno arrivando ad Anny e lei comprende più della metà del programma. Un'ora dopo e lascia cadere di nuovo la penna, guardandomi negli occhi e poi un cenno della testa per indicarmi di abbassarla e prenderla. Mi metto in ginocchio per andare al lavoro.

Ora capisco come insegnarle, ha bisogno di un modo per liberare le sue frustrazioni mentali. Ci sono più persone nella stanza ora e ho sicuramente sentito qualche sguardo laggiù e oh mio dio cosa stanno facendo? Chi se ne frega, e se la gente mi vedesse andare a sbattere contro una ragazza in una biblioteca, lei è attraente, eccitata e ha bisogno del mio aiuto per passare.

Finalmente arriva la fine della giornata e ancora una volta ci troviamo in un angolo tranquillo della biblioteca, oh che sorpresa il preservativo ancora sul pavimento dove l'abbiamo lasciato.

'Dammi una gomma.'

‘Cosa non hai più? e’

"No e non mi scoperai senza, non sarò una mamma di 19 anni."

'Beh, potremmo litigare l'uno con l'altro.'

'Nah ho bisogno di qualcosa in me, aspetta ho un'idea.'

Si fruga nella borsetta e tira fuori una bottiglia di crema idratante per le mani. Tirando giù i miei pantaloni e la biancheria intima per l'ultima volta oggi inizia a coprirmi di crema idratante. Poi si gira intorno alla vita, si tira su la gonna sul culo, poi appoggiando le mani contro il muro per sostenersi dice "va bene, dammela".

Che cazzo penso tra me e me, non sarò il tipo che ha rinunciato alla possibilità di scopare una ragazza calda nel culo in pubblico. Cammino sopra il meglio che posso e spingo lentamente contro la sua rosa. Riesco a sentire i suoi muscoli rilassarsi mentre mi spingo lentamente verso l'interno, essendo gentile come non posso volerle ferire…. 'vorresti sbrigarti a fottermi?'

Dando vento alla cautela, la prendo per i fianchi e spingo i 4 pollici che sono rimasti fino in fondo nelle sue viscere. Esco e ritorno altrettanto velocemente e cerco di mantenere la velocità e la forza il più a lungo possibile, la crema idratante agisce come un lubrificante decente. Sporgendomi in avanti, seguo le mie mani lungo i suoi fianchi, sotto la sua maglietta e sul suo stomaco per afferrare una mano piena di ciascuna di quelle tette. Morbida e calda, la carne tenera si modella nella mia mano ei suoi grandi capezzoli sono duri e rigidi. Gli do una piccola stretta lei guaisce e si spinge indietro contro di me. Quel movimento era tutto ciò di cui avevo bisogno e le riempio le viscere con la mia venuta.

La tiro fuori, il mio cazzo è ancora un po' duro ma ora è coperto di sperma, crema idratante e qualche pezzo di merda. Mi guardo intorno in cerca di qualcosa su cui pulirlo mentre prendo un libro per cancellare alcune pagine sento che Anny e la sua bocca morbida iniziano a pulirmi. Questa ragazza è un lavoro che i suoi genitori devono essere così orgogliosi. Quando ha finito dà un bacio alla mancia e se ne va.

Il giorno dopo Anny ha fatto la sua revisione da sola, presumo che dovesse darsi una fregatura ogni 20 minuti o ha trovato qualcun altro che l'aiutasse. Non sono mai stato pagato i trenta dollari all'ora che avevamo concordato, ma ehi, era ancora meglio di qualsiasi buona prostituta là fuori.

È stato dopo che sono usciti i risultati che ho ricevuto una chiamata da Anny che voleva ringraziarmi per tutto il mio aiuto. Dopo di che siamo diventati amici intimi e ogni tanto facciamo telefonate, tutto quello che posso dire è rimanere a scuola, andare al college, un giorno avere il cervello sarà ripagato.

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

832 I più visti

Likes 0

Facendo bagnare di nuovo Amy! Di Blueheatt __Amy era brava nel suo lavoro e io ho fatto il mio lavoro, ma i trucchi non si sono mai fermati. Chiamava: “James chiama estendere. 102” La chiamavo e lei mi abbaiava ordini. (le piaceva fare il capo con me, anche se non era il mio capo) “JAMES, la mia sedia ha un cigolio, alzati qui e riparala. CLIC. Ci andrei quando ne ho la possibilità, senza fretta. Prendevo il mio piccolo kit di attrezzi e mi comportavo come se stessi facendo qualcosa. Quando arrivavo lì, la sua assistente mi annunciava di entrare e...

838 I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Sarah, cosa hai fatto con il mais?

Questo è un primo tentativo, quindi qualsiasi critica costruttiva è più che benvenuta, anche qualsiasi lode sarebbe gradita. Se qualcuno ha idee per nuove storie, sentiti libero di lasciare le tue idee. Ho alcune idee che potrebbero utilizzare gli stessi personaggi nella sua storia. Godere. Sarah e Matthew Jones vivevano in una piccola villetta a schiera da qualche parte in una piccola città nel sud dell'Inghilterra, vivevano con la loro madre Elizabeth, ma lei non c'era mai. Aveva raggiunto una posizione elevata nella sua azienda e il suo lavoro significava che viaggiava molto tempo. Questo è stato un peccato ma necessario...

1.2K I più visti

Likes 0

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA)

The Witcher: La scena nascosta (TV-MA) ATTO PRIMO: INTRODUZIONE Geralt di Rivia e il suo giovane protetto, Ciri, viaggiarono attraverso il terreno accidentato, allenandosi e affinando le loro abilità mentre procedevano. La voce roca dello strigo fendeva l'aria mentre parlava con Ciri, trasmettendo la sua saggezza. Ricorda, Ciri, disse Geralt, con i suoi capelli argentati che scintillavano alla luce del sole, devi essere sempre preparata, sempre pronta a combattere e sempre ad ascoltare. Il tuo istinto ti guiderà. Ciri annuì, con la determinazione impressa sul viso. Ma proprio quando Geralt finì di parlare, un ringhio minaccioso risuonò nella foresta. I due...

774 I più visti

Likes 0

Mamma scomparsa

Si prega di valutare e commentare Jolene camminò lungo la strada tranquilla, grata di poter trascorrere un po' di tempo tranquillo da sola. La giornata sarebbe stata calda ma la mattina era fresca con un cielo azzurro brillante. Era grata di avere una strada così tranquilla per camminare da casa sua. Aveva già visto un falco sopra la sua testa e degli scoiattoli che correvano nel bosco e il fruscio delle foglie di creature sconosciute. Le piacevano queste vivaci passeggiate mattutine. Era il momento di schiarirsi le idee, di riflettere, di pianificare. Jolene fece una svolta e vide un furgone bianco...

579 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.