La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

102Report
La figlia del capo, capitolo 1: L'inizio della follia

Sono cresciuto in una piccola città di montagna, per darti un'idea, la mia scuola elementare -8th aveva solo 58 bambini. Dire che tutti si conoscevano è un eufemismo. Ero un ragazzo medio, e tutti mi amavano per il mio cuore gentile e il mio grande umorismo. Crescendo sono stato molto con il mio amico Collin, il ragazzo che ha tutto. Eravamo sempre su moto da cross, quad, barche, lo chiami, l'abbiamo fatto. Sempre con noi c'era suo cugino più giovane Alexis. Era una ragazza carina, ma molto più giovane di me. Alexis ha avuto una grande cotta per me per molto tempo. Quindi, ovunque io e Collin andassimo, Alexis implorava di venire con noi e piangeva e si lamentava con i suoi genitori se non dicevamo di sì o andavamo da qualche parte senza di lei. Dopo che gli anni sono passati, la cotta di Alexis per me è svanita e la sua attenzione si è rivolta ad altri ragazzi. Tuttavia il problema era che quando la sua cotta svanì, la mia cotta per lei era cresciuta. Quando aveva 15 anni, era cresciuta fino a 5'4 "-5'5", 120 libbre, con belle coppe B vivaci che erano quasi pronte per una C, un bel sedere tondo e sodo e grandi gambe muscolose da tutti gli sport che ha praticato. I suoi capelli erano di un biondo riccio, anche se non erano mai rimasti così, sembrava che una volta al mese li tingesse di un altro colore, e odiava i suoi ricci, quindi se li lisciava sempre prima di uscire di casa. A quel punto avevo 19 anni, nel mio primo anno di college, 5'10 "155 libbre, e ancora per la maggior parte nella mia forma di wrestling del liceo.

Ero fresco di lavoro e avevo bisogno di soldi. I genitori di Collin e Alexis mi hanno offerto un lavoro nell'azienda che possedevano tutti insieme. Avevo lavorato lì un'estate quando avevo 14 anni, ma come la maggior parte dei quattordicenni appena entrati nel mondo del lavoro, puoi dire che la mia etica del lavoro era tutt'altro che eccezionale. Comunque adesso mi avevano visto crescere, e maturare. Ora sapevano che ero un lavoratore brutalmente duro, e che avrei fatto qualsiasi cosa, ogni volta che mi sarei fatto il culo per dire che era fatta. La cosa bella era che l'inverno era appena iniziato, il che significava che la mia cosa preferita era la motoslitta. Ogni volta che era lento, di solito mi dicevano che potevo partire per il resto della giornata e andare a fare un giro con Collin. Dato che la loro attività era così lontana da casa mia, spesso rimanevo da loro. Questo significava molte notti con Alexis e Collin. Stavamo alzati fino a tardi giocando a giochi da tavolo o guardando film. Collin sedeva sempre nel Lazy-Boy in soggiorno, ma Alexis di solito finiva rannicchiata accanto a me sul divano con una coperta, come due migliori amiche, anche se aveva idea che io avessi una cotta per lei, lei non è mai stato certo, ma sapevo che non ce l'aveva più con me e non avrebbe provato niente. Quelle notti erano le mie preferite. Indossava sempre solo una tuta e una maglietta grande, senza trucco, i suoi capelli sono i soliti ricci, raggomitolati accanto a me. Le ho sempre detto che era quando appariva al meglio, e di smetterla di sforzarsi così tanto ogni volta che usciva, aveva una bellezza naturale, non aveva bisogno di tutte quelle altre stronzate.

L'inverno divenne presto estate. Questo significava trascorrere le giornate sul lago con Collin e Alexis. Io e Collin uscivamo e facevamo wakeboard o sci nautico, Alexis usciva sempre e si sdraiava sulla barca e si abbronzava, e occasionalmente la convincevamo a uscire sul wakeboard. Non è mai stata brava, ma è sempre stato bello vederla provare. I miei momenti preferiti dell'estate erano le notti estive. Alexis mi pregava sempre di portarla a quattro ruote, o muddin, o fare un giro fino alle sorgenti termali. La notte più divertente che avremmo fatto su quattro ruote su Goatee Mountain. Così lontano da tutto e basta guardare le stelle e parlare. Inoltre c'era una lunga strada sterrata prima che dovessimo iniziare le quattro ruote su cui avrei guidato il più velocemente possibile, e l'avrei lanciata sul mio camion mentre ridevo a crepapelle. C'era questa serie di dossi mentre ci avvicinavamo a loro, mi sfidava sempre a saltare, li colpivo a circa 60 mph, e lanciavo il mio camion a 3 piedi di altezza, e navigavamo per 10 piedi prima di toccare terra ancora.

Una notte sono uscito dal lavoro e sono entrato a casa di Alexis per salutare, lo vedo sul suo viso che era distrutta. Questo potrebbe significare solo una cosa, ha rotto con un altro ragazzo. Sembrava che li riciclasse a questo punto, erano sempre nuovi fidanzati che andavano e venivano. Quindi l'ho guardata e le ho dato una piccola spinta e le ho detto "vuoi andare a girare?" Un piccolo sorriso apparve sul suo viso triste, insieme a un "diavolo", ci siamo ammassati nella mia Toyota 86 sollevata e ce ne siamo andati. Non ha parlato molto durante la salita, ma sempre più sorrisi e risate sono arrivate man mano che ci spingevamo sulla strada sterrata. Poi, dopo che la roccia ha strisciato e si è arrampicata fino in cima, è tornata al suo normale sé felice. Ci siamo sdraiati sul retro del mio camion e abbiamo guardato le stelle, la sua testa appoggiata sul mio braccio teso, mentre era raggomitolata accanto a me. Era ora di parlare "Come va tesoro, parlami, cosa è successo?" sapeva che lo sapevo già. Quindi è entrata nella storia di quanto fosse un idiota il suo ragazzo e l'aveva superata, quindi si è sbarazzata di lui. Per tutta la storia ho appena ascoltato lasciarla parlare e sfogarmi, sorridendo, annuendo e incoraggiando la storia. Quando ha finito le ho detto quanto fosse brava una persona, e quanto meritasse di meglio di quella merda, come ha fatto la cosa giusta a sbarazzarsi di lui e dovrebbe essere felice che se ne sia andato, non triste.

Poi ha girato la testa, mi ha guardato e ha detto “Grazie Trev. Sei sempre lì per me. Poi ha fatto qualcosa che non mi sarei mai aspettato da lei. Si è avvicinata e mi ha baciato. Le sue labbra carnose e morbide toccarono le mie. Lo aspettavo e lo desideravo da così tanto tempo. Ero scioccato, non ero sicuro. Aveva 15 anni, solo una ragazzina, sapevo che era sbagliato. Mi sono tirato indietro, ho guardato in profondità in quegli splendidi occhi azzurri che sembravano l'oceano in una giornata calma che mi brillava. Sapevo che era sbagliato, ma mi sembrava così giusto. Non potevo negarlo; L'amavo. Mi sono avvicinato di nuovo, questa volta quando le nostre labbra si sono incontrate non è stato un bacio tenero e nervoso. È stato un bacio di passione, mi sono volate scintille nel cervello, ho aperto leggermente le labbra, lei ha aperto le sue insieme a me. Poi ho sentito la sua lingua danzare nella mia bocca. Alzai il braccio e cominciai a passarglielo tra i capelli mentre le nostre lingue danzavano una samba elegante e appassionata dentro le nostre bocche. Si voltò lentamente rotolando sopra di me. Le sue tette vivaci si accarezzarono contro il mio petto, il suo peso su di me. L'ho avvolta con entrambe le braccia, tenendola stretta, mentre continuavamo a pomiciare. La mia mano lentamente traccia dolcemente delle forme sulla sua schiena, solo orzo con la punta delle dita, mandandole brividi di solletico attraverso il suo corpo mentre le veniva la pelle d'oca dappertutto. Le sue mani, una sul lato del mio viso, l'altra tra i miei morbidi capelli biondi. Improvvisamente ho voluto afferrare, accarezzare quel suo fantastico culo tondo e sodo. Le mie mani percorsero la sua schiena finché non si posarono su quelle natiche grosse, sode e strette. Mentre la strinsi dolcemente, emise un piccolo gemito di approvazione nella mia bocca. L'ho accarezzato ancora qualche volta, mi sembrava come avevo sempre immaginato che sarebbe stato, così bello, muscoloso, flessibile.

Poi ho sentito le sue mani staccarsi dal mio viso e dai miei capelli e si è spostata leggermente. Sentii di nuovo le sue mani, questa volta sulla mia posizione accovacciata. L'ha strofinato un paio di volte, potevo sentire che stavo iniziando a diventare duro, il mio cazzo da 7 pollici che spingeva con forza contro i miei jeans, desiderando così tanto di stare in piedi, ma era in trappola. O almeno così pensai, perché in quel momento la sua mano si mosse verso l'alto e sbottonò i miei attaccapanni, poi spinse lentamente verso il basso la cerniera. Le sue mani afferrarono saldamente la vita dei miei pantaloni. Alzai rapidamente il sedere in aria mentre lei faceva scivolare i pantaloni e le mutande oltre il mio culo, poi lo riposi a terra. Interruppe il nostro bacio, mi guardò e sorrise mentre si abbassava e avvolgeva le dita attorno alla base del mio cazzo duro e furioso. Lo strinse forte e prese un paio di pompate lente e dure. Stavo per venire proprio allora, questa ragazza aveva il GI Joe Kung Fu Grip. Il suo corpo iniziò a scivolare lungo il mio, dimenandosi da un lato all'altro mentre si muoveva sempre più in basso, fissandomi per tutto il tempo negli occhi, finché la sua testa non fu sul mio inguine. Ha abbassato la testa e ha appena dato alla punta del mio cazzo un bel bacio, la sua testa è saltata su di un paio di centimetri e ha avuto questo sorrisetto subdolo sul viso. La sua testa si è spostata di nuovo verso il basso e ha baciato di nuovo la punta, questa volta invece di salire dopo, tuttavia, ha increspato il labbro e il mio cazzo ha iniziato lentamente a scivolare nella sua bocca mentre scendeva sempre più in basso. La sua lingua vorticava intorno alla testa, i suoi denti correvano lungo l'asta. Poi ho sentito la testa colpirle la parte posteriore della bocca, ma non si è fermata. Mentre la mia testa scivolava nello stretto orifizio della sua gola, un piccolo gemito scivolò dalle mie labbra. Alla fine abbiamo interrotto il contatto visivo mentre guardava il suo compito. Scese di altri ¾ di pollice fino a raggiungere la base. Succhiando forte e mordicchiando leggermente l'asta mentre tornava in cima. Questa volta la testa ricadde un po' più velocemente, poi si rialzò, continuò a succhiare e mordicchiare, facendo roteare la lingua, prendendo sempre più velocità. Finché non sono pronto per scoppiare. Ma non ancora, non ero pronto per quello. Quindi si è abbassato, l'ha afferrata per le spalle e l'ha tirata su sopra di me. Le mie labbra si incontrarono ancora una volta. Ho allungato la mano sulla sua camicia e ho afferrato la spallina del reggiseno, ho stretto la chiusura. Quindi ho allungato la mano e ho iniziato a tirarle su la maglietta, mentre si avvicinava alla sua testa che ha sollevato dal nostro bacio, così ho potuto togliermela. Ma in quel momento l'ho afferrata forte, le ho tenuto la parte posteriore della testa e ci ho ribaltato, quindi ero sopra di lei. Ho tirato su la maglietta in modo che fosse oltre la sua bocca ma non oltre i suoi occhi e l'ho tenuta lì in modo che non potesse vedere. Mi chinai e la baciai sulle labbra, poi mi abbassai un po' e le tolsi entrambe le tette dal reggiseno. Erano uno spettacolo bellissimo. Rotonde, vivaci, areole delle dimensioni di un quarto e capezzoli di gomma da matita che potrebbero tagliare il vetro in questo momento. Mi chinai e ne presi uno in bocca, mordicchiandolo e succhiandolo, per un momento. Ha emesso un piccolo gemito, poi sono scivolato e ho fatto lo stesso con l'altro. Poi risalì e finì di togliersi la maglietta dalla testa, e afferrò le spalline del reggiseno che erano sul lato della sua spalla togliendosi anche quella. Poi le mie mani sono scese sui suoi pantaloni. Annullamento del pulsante in alto. Quindi, invece di una cerniera, aveva altri tre bottoni. Quindi ho appena dato un rapido tiro, tutti i pulsanti sono scivolati fuori dalle fessure. Afferrandole i pantaloni e la biancheria intima di seta, ho iniziato a muovermi lungo il suo corpo. Baciandole il collo, ogni capezzolo, il suo petto, il suo stomaco e l'ombelico, facendo scivolare via tutto il tempo le sue natiche mentre mi muovevo lungo il suo corpo, finché alla fine i suoi pantaloni la calpestarono alle caviglie tra le mie braccia tese e i miei baci appena sotto la sua vita. Era ben rasata tranne che per una piccola striscia di peli pubici castano-biondistri proprio al centro. Ho fatto scivolare i suoi pantaloni oltre i suoi piedi e la mia bocca proprio all'ingresso della sua figa.

Era giunto il momento di ricambiare il favore. La mia lingua iniziò dalla parte inferiore delle sue labbra e scivolò verso l'alto e leccò delicatamente proprio sulla piega delle sue labbra, ma senza spingersi dentro. al suo clitoride. La mia lingua ci danzava sopra mentre praticamente scrivevo un romanzo sulla sua clitoride con la mia lingua. Stava iniziando a gemere, le sue mani mi afferrarono i capelli, tirandomi più forte nella sua bellissima vagina rosa. Le ho dato un morso veloce al clitoride e l'ho succhiato. Urlò per l'eccitazione ei suoi fianchi si sollevarono di scatto, il suo corpo si tese per un secondo, poi si rilassò di nuovo. Questo sarà divertente. Ho iniziato il mio assalto al suo clitoride. Facendo come facevo prima, tranne non fermarmi. Gemeva forte e urlava

"Oh mio dio Trevor!"
"DIO MIO"
" GESÙ CRISTO! SÌ! SÌESSSSSS! SISSSS!”
"Non fermarti"

Non avevo intenzione di fare una cosa del genere. Ho iniziato ad alternare l'attacco alla sua clitoride e l'infilare la mia lingua nella sua vagina. Ho continuato. Continuava a gemere e urlare. Finché non ha inarcato la schiena irrigidita ed è venuta, ho bevuto tutti i deliziosi succhi dolci che potevo. Alexis aveva un sapore incredibile... Sono scivolato di nuovo sul suo corpo mentre si rilassava. Ma non avevo ancora finito, ho preso due dita e le ho infilate nella sua figa. Pompandoli dentro e fuori un paio di volte. Ha squittito un piccolo "Ohhhhh" acuto e veloce. Ho ridacchiato un po' poi ho arricciato le mie dita dentro la sua figa, agganciando appena dentro in alto e tirando indietro e sollevando. Un cigolio più forte. Mentre stavo ancora tirando su, ho spinto il pollice proprio sul suo bottoncino e l'ho lasciata scendere. Quando ho iniziato a pompare le dita dentro e fuori di nuovo, le stavo strofinando la clitoride con il pollice. L'ho fatto finché non si è lamentata di nuovo copiosamente, poi si è abbassata e ha avvolto la mano attorno al mio cazzo, e ha iniziato a tirarlo dentro, ho fatto scivolare la mano fuori dalla sua vagina e ho lasciato che guidasse il mio cazzo dentro. Ho iniziato lentamente all'inizio. Spingendo il mio cazzo oltre la sua apertura, nella sua piccola figa stretta. Mi sono fatto strada lentamente fino a quando non sono stato completamente dentro, con le palle in profondità. Mi sono ritirato lentamente come ero entrato, ho preso un bel ritmo. Stavamo facendo l'amore. Lento gentile, appassionato. Stava gemendo, le sue gambe avvolte intorno a me, le sue unghie che affondavano nella mia schiena. Il suo corpo si inarcò e il suo corpo si tese di nuovo. la sua figa si è aggrappata al mio cazzo come un paio di morse. Mi sono fermato, ho aspettato che la sua figa lasciasse la presa sul mio cazzo.

Un'ondata di piacere le attraversò il viso, poi si rilassò, la sua figa si lasciò andare e io ricominciai a pompare, questa volta non sarei stato così lento o gentile. Ho sbattuto forte il mio cazzo dentro, tutto il suo corpo è rimbalzato quando i nostri inguini si sono scontrati, le sue tette hanno fatto un bel rimbalzo, le mie palle si sono sollevate schiaffeggiandole il culo. Ho tirato fuori di nuovo un po 'lentamente, e poi ho ripetuto il mio colpo. Emetteva un forte gemito ad ogni spinta. Poi ho iniziato ad andare forte dentro e fuori, più veloce e forte che potevo. L'ho sentito gonfiarsi dentro di me. Ho provato a fermarlo, cercando di pensare ad altro, la cosa più non sessuale che potessi pensare di una sedia, l'ho tenuto in mente, ripercorrendone ogni aspetto nella mia testa, il colore, il legno, l'imbottitura , la posizione. Funzionava, ma non per molto. Non ce la facevo più a tenerlo, mi facevano male le palle, stavo per scoppiare. L'ho lasciato volare. Il mio sperma ha ricoperto l'interno della sua vagina. La sensazione del mio sperma che la riempiva dentro era tutto ciò che le serviva per raggiungere di nuovo l'orgasmo. Mi sono sdraiato su di lei mentre entrambi scendevamo dalla nuvola su cui ci trovavamo. poi, quando siamo riusciti a respirare di nuovo, mi ha afferrato il viso e mi ha tolto la testa dal petto in modo che guardassi quegli occhi. Sembrava che qualcuno avesse rubato le stelle e gliele avesse messe negli occhi, ha guardato profondamente nei miei e ha detto

"Penso di amarti"
"Ho amato per tutto il tempo che posso ricordare" è stata la mia risposta.

Rimanemmo sdraiati l'uno nelle braccia dell'altro per un'altra ora. Prima che ci vestissimo e tornassimo giù per la montagna. continuavo a pensare, se i suoi genitori lo scoprono, non solo rimarrò senza lavoro, ma suo padre mi sparerà! È un pazzo figlio di puttana redneck, che non ha mai perso una rissa, è stato in prigione e non ha paura di tornare! Cosa ho appena fatto?

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

1.1K I più visti

Likes 0

Claudia Incarnata...Parte I

Il potere etereo insegue le anime al mare, il mare le sputa sulla soglia della terra, la terra alla luce del sole splendente e il sole le scaglia nell'etere vorticoso. - Empedocle di Akragas (V secolo a.C.) La prima cosa che hai notato di Claudia è che era bellissima. La sua era una bellezza raffinata e sofisticata e nel suo cuore c'era un'innata terrosità e un'aspra indipendenza che sicuramente provenivano dai suoi antenati siciliani. I suoi occhi castano scuro e i lunghi capelli neri fluenti brillavano nella chiara luce del mattino. Un sorriso giocava sulle sue labbra carnose, labbra tinte di...

1.4K I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

995 I più visti

Likes 0

Ninfomane

Mi chiamo Pat e sono sposata con mio marito Ron da dieci anni. Lo amo ed è sempre stato buono con me. Non farei mai nulla per ferirlo, ma la scorsa settimana tutta la mia vita è cambiata. Sabato, mentre Ron era fuori a giocare a golf, cinque uomini si sono fermati a comprare le sue vecchie mazze e ho finito per fare sesso selvaggio con loro. Non so cosa mi sia preso, ma è stato come se un lato nascosto di me fosse finalmente uscito. Avevo spesso scherzato con Ron sul fatto che fossi una ninfomane e tutta quella pressione...

1.2K I più visti

Likes 0

Fucking the Pooch o Al's Vacation

Mentre ero seduto nella taverna a bere birra e sparare cazzate con Al, il proprietario di questo bel locale, stavamo parlando del suo problema. Sembra che la sorella di Al, Naomi, abbia vissuto in Romania e voglia che Al la visiti. L'unico problema è che Al ha paura di viaggiare da solo e vuole che qualcuno viaggi con lui. È qui che entro. Al, non posso credere che un ragazzo come te abbia paura di viaggiare da solo? Ho riso di lui. Semplicemente non mi piace andare in un posto dove le persone parlano un'altra lingua si lamentò Al. “Ma ho...

1.2K I più visti

Likes 1

Dylan Pt. 2 - Scherzare al cinema

Inutile dire che quella notte non ho dormito bene. Mi girai e mi girai cercando di dare un senso a quello che era appena successo fino alle 5 o alle 6 del mattino. Gli uccellini cinguettavano e il sole cominciava a splendere attraverso la mia finestra quando finalmente riuscii ad addormentarmi. Quando mi sono svegliato più tardi quel pomeriggio, ero sdraiato lì stordito? La notte sembrava già così lontana. Era solo un sogno? È stata una cosa da una notte? Avevo paura di vedere Dylan alla luce del giorno, mi sentivo come se avessi bisogno della sicurezza della notte o sarebbe...

1.6K I più visti

Likes 0

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

1.1K I più visti

Likes 1

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1.2K I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

982 I più visti

Likes 0

La festa_(14)

Parte 1 Gesù, faremo di nuovo tardi, penso tra me e me mentre mi siedo sul divano in soggiorno, con la testa appoggiata su una mano. Era sabato, la notte della festa di Doonsberg e non c'era modo di uscirne. I vicini in fondo alla strada ci avevano invitato nella loro villa mesi fa. Erano state fatte le risposte, i calendari controllati e ricontrollati, le telefonate fatte. Insomma, era un affare fatto. Se mai c'era stata una serata per una festa, quella era quella. La luna piena della vigilia di fine estate guarda pigramente la comunità rurale. Una leggera nebbia si...

831 I più visti

Likes 1

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.