Secondo lavoro

2.8KReport
Secondo lavoro

Secondo lavoro

Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il vero, tutti i messicani erano pigri scrocconi e in particolare la sua nuova assunzione, non fare nulla, la nipote di 17 anni che sfortunatamente lavorava nel mio equipaggio. Tutte le altre ragazze non le avrebbero mai detto nulla sul fatto che non facesse la sua parte di lavoro e avevano paura perché era la nipote del capo. Mi hanno avvertito di non contrariarla perché l'avrebbe detto a sua zia. Quindi cosa, direi loro, potrebbero baciarle il culo ma sono dannatamente sicuro che non lo era. All'inizio di quel turno l'ho strappata di fronte alle altre ragazze per scendere dal suo culo pigro e fare la sua parte. Non ho mai saputo che i messicani potessero arrossire in faccia, ma lo ha fatto ed è scappata dalla sala relax. E, se l'aspetto potesse uccidere, sarei un biondo morto dagli occhi azzurri. Grande affare. A 5'9 "e 180 libbre, il suo piccolo culo permaloso di 5'0" non voleva nessuno di me. Quindi, fanculo lei e sua zia.

Quando sono arrivato alla porta della signora Ochoa era chiusa. Ho bussato e mi è stato detto di entrare. La signora Ochoa era quasi l'immagine sputata di sua nipote, anche se a 35 anni era più grande nel busto e nei fianchi. Entrambi avevano quegli occhi neri e provocatori e quei lineamenti minacciosi.

La signora Ochoa stava guardando dei documenti sulla sua scrivania mentre mi avvicinavo.

Volevi vedermi?

Spinse indietro la sedia dalla scrivania, incrociò le gambe e mi guardò compiaciuta.

Ho notato nel tuo fascicolo personale che sei un supervisore nell'altro tuo lavoro.

Sì, ma perché stai guardando il mio fascicolo personale?

Sto pensando di licenziarti.

Cosa... perché?

Supponiamo di avere un dipendente che non ha eseguito gli ordini, ha avuto un cattivo atteggiamento e non è andato d'accordo con i colleghi. Cosa faresti a quella persona?

Li consiglierei, ma di certo non li licenzierei.

Li disciplineresti?

Ah sì. Se necessario.

Accosentiresti ad essere disciplinato per mantenere il tuo lavoro? Dopotutto, non mandi questi soldi a tuo figlio al college?

Sì, mando soldi a mio figlio ma non vedo dove siano affari tuoi. Fanculo, ho pensato. Questa è una stronzata.

Non sono affari miei? Hai una bocca davvero intelligente su di te, supponiamo che ti abbia appena schiaffeggiato per bene. Cosa faresti? E prima di rispondere è meglio che rifletti molto bene perché la risposta sbagliata ti farà licenziare. E non troverai mai un altro lavoro in questo centro commerciale dopo che ti avrò bocciato. Ora, cosa faresti?

La puttana mi aveva sopra un barile. Se non le ho permesso di prendermi a schiaffi, i soldi di mio figlio vanno a finire. Dannazione. Sono fottuto.

Sto aspettando una risposta.

Niente.

Niente cosa?

Niente, non farei nulla.

Mi lasceresti solo schiaffeggiare e non fare nulla?

Sì.

Sì cosa?

Non so cosa intendi.

Mi chiamerai signora.

Era tutto quello che potevo fare per evitare di allungare la mano oltre la scrivania e prendere a calci il suo culetto messicano. Ma avevo solo bisogno di succhiarlo e sopportare questa umiliazione per il bene di mio figlio.

Sì signora.

Va meglio. Ora, mettiti in ginocchio.

Le mie ginocchia?

Imparerai a non mettere in discussione i miei ordini. Lavori per me! Mettiti in ginocchio!

Non appena l'ho fatto, ha fatto il giro della scrivania, si è avvicinata a me e mi ha schiaffeggiato con forza sulla faccia facendomi quasi perdere l'equilibrio.

Era per la tua bocca intelligente.

Mi ha schiaffeggiato di nuovo.

Era per non aver acceso il cercapersone.

Mi ha schiaffeggiato di nuovo.

E quello era per umiliare mia nipote di fronte agli altri.

Mi strofinai la faccia bruciante mentre lei tornava al suo posto.

Ora, lascia che ti dica cosa accadrà ora.

Si svolge ora? Cosa intendi? La disciplina non è finita?

Oh no, non da lontano. Mia nipote verrà e quando si farà vivo le chiederai scusa e riceverai qualsiasi disciplina lei voglia darti. E, se ti opponi o non segui i suoi ordini, non lavorerai mai più qui o da nessuna parte in questo centro commerciale. Mi sono spiegato perfettamente?

Dannazione, ho pensato, devo scusarmi con quella fottuta puttanella persona e fare quello che dice. Che cazzo umiliante! Dal modo in cui mi ha guardato quando è uscita dalla sala relax, mi prenderò a calci in culo.

Sì.

Brutta puttana! Cosa ti ho detto di chiamarmi? Si è avvicinata, mi ha afferrato i capelli e mi ha schiaffeggiato due volte. Voi puttane bianche pensate di essere migliori di noi messicani. Bene, quando io e mia nipote avremo finito con te, ci mostrerai rispetto per entrambi!

Proprio in quel momento bussarono alla porta.

Chi è?

Sono io, zia.

Vieni a Carla.

La signora Ochoa mi teneva ancora per i capelli.

Cosa sta succedendo?

Sto insegnando a Terri alcune buone maniere. Ha qualcosa che vuole dirti.

Mi lasciò andare i capelli e la piccola puttana permalosa si fermò di fronte a me con le braccia incrociate.

Ah, mi dispiace per il modo in cui ti sto trattando e mi scuso.

Oh veramente? E ti aspetti che io accetti le tue deboli scuse e lo lasci andare? Mi ha schiaffeggiato forte, ha tirato la mia testa in avanti afferrandomi i capelli e mi ha dato una ginocchiata sul fianco.

Mi afferrai per un fianco e caddi a terra in posizione fetale, senza fiato. La piccola puttana ha iniziato a prendermi a calci le gambe e il culo.

Ti piace quella cagna? Tu fottuta troia culo bianco. Ti prenderò a calci in culo per bene!

Non c'era niente che potessi fare se non sopportare la punizione.

Proprio come tu hai messo in imbarazzo me, io metterò in imbarazzo te! Ora, togliti i vestiti!

Togliti i vestiti, pensai. Com'è umiliante. Vuole che io sia nudo davanti a lei e a sua zia.
Sono una donna grande a 5'10", 180 libbre, con fianchi larghi e cosce spesse, e le mie tette 42D si abbassavano un po' sulla pancia. Nudo, ho pensato di nuovo. Ma, per il bene di mio figlio, non avevo scelta. Entrambi mi guardarono mentre mi toglievo i vestiti. Quando mi sono spogliata, Carla mi ha detto di mettere le mani dietro la testa e di tenerle lì. Questo ha fatto risaltare le mie grandi tette.

Beh, non è una zia o pensa di essere qualcosa. Guarda la sua figa rasata. Solo le puttane si radono le fighe. Sei una puttana, cagna?

Com'è umiliante, ho pensato. A 52 anni, essere completamente nuda di fronte a un'adolescente messicana ed essere chiamata puttana. Non avevo altra scelta che essere d'accordo con lei.

Sì.

Si è avvicinata a me e mi ha guardato. Sì cosa?

Sì, sono una puttana.

E anche una puttana grassa.

Sì, anch'io sono una puttana grassa.

Lei, quindi, mi ha pizzicato entrambi i lati della pancia torcendoli crudelmente.

Oh, fa male, quando ho lasciato cadere le mani e l'ho spinta via.

Aiutami zia. Pensavo avessi detto che mi avrebbe permesso di farle qualcosa?

La signora Ochoa si avvicinò dietro di me. Metti le mani dietro la schiena.

Mentre lo facevo, mi afferrò per i polsi e tirò fuori le braccia.

Ora, Carla, falla stare bene!

Ovunque il moccioso trovasse grasso, lo afferrava e lo pizzicava forte, ridendo di me. Tra le mie cosce, i miei fianchi, la pancia. Mi ha lavorato bene. Anche se faceva molto male, potevo sentirmi eccitato. Strinsi i denti mentre continuava a pizzicare. Sua zia continuava a incoraggiarla ed entrambi ridevano.

Mettiti in ginocchio, cagna.

Mentre lo facevo, la signora Ochoa, ancora tenendomi i polsi, mi ha messo il piede nella schiena costringendomi ad inarcare la schiena spingendo le mie grandi tette per sporgere fuori. Carla prese una sedia, si sedette e si mise a lavorare sulle mie tette. Li ha schiaffeggiati, li ha afferrati con forza infilandoci dentro le sue unghie finte e mi ha pizzicato e attorcigliato i capezzoli. Il dolore era quasi insopportabile mentre gemevo con le lacrime che mi scorrevano lungo le guance. Alla fine si fermò e la signora Ochoa mi lasciò andare i polsi. Mi accartocciai sul pavimento e mi massaggiai le tette torturate.

Si sono allontanati e ho notato che la signora Ochoa sussurrava all'orecchio di Carla. Li vedevo entrambi sorridere.

Che cazzo adesso, ho pensato. Non sapevo se potevo sopportare molto più dolore e non sapevo nemmeno se potevo trattenermi dal cumming. Cosa penserebbero se mi vedessero venire? Forse sono una puttana. So di essere grasso, ma anche una puttana?

Entrambi stavano sopra di me mentre giacevo nudo ai loro piedi. Bene, Terri, hai imparato la lezione?

Sì, oh sì, signora.

Bene, Carla, sei soddisfatta?

Quasi, zia, ma credo che debba fare un'altra cosa.

Cos'è, tesoro?

Ha bisogno di una buona pagaiata.

Grande idea! Entrambi hanno riso. Che ne pensi, Terri?

Pagaiando? Eccomi una donna adulta che sta per essere sculacciata da un adolescente. Sì, signora, se è quello che vuole. Ero una donna distrutta. Mi avevano spezzato lo spirito e lo sapevano entrambi.

Sì signora.

Va bene, cagna. Piegarsi sulla scrivania e afferrare l'altro lato.

Ho fatto come detto mettendomi in posizione così il mio grosso culo nudo sporgeva.

Carla e sua zia si sono avvicinate alla scrivania portando delle racchette da ping pong.

Sulla merda, ho pensato. Questo farà così male!

La signora Ochoa posò la pagaia e mi afferrò i polsi mentre Carla camminava dietro di me.

Accidenti! io saltai

Questo è solo un promemoria che mi tratterai sempre con rispetto. Capisci?

Si Signora.

Ci vediamo domani sera, Terri, e non dimenticare per chi lavori e cosa mi aspetto da te.

Sì signora.

Mentre tornavo a casa, rievocai l'intero bizzarro incidente nella mia mente e mentre lo facevo mi sono bagnato di nuovo. Mi sono allungato tra le gambe e ho giocato con la mia figa bagnata. Essere completamente nudi, essere picchiati e umiliati... se avessi mantenuto quel lavoro avrebbero potuto farmi quello che volevano. Oh, chi stavo scherzando. Ho dovuto mantenere quel lavoro. Mi sono seduto nel mio vialetto e mi sono fatto venire di nuovo pensando.

Storie simili

Scopata su un tavolo da biliardo_(0)

Martha e Sharon hanno deciso di uscire e giocare a biliardo. Sapevano che potevano rimorchiare i ragazzi al pub locale ed entrambi amavano scopare. Quando sono entrati per la prima volta nel bar era vuoto tranne che per la cameriera. Sono quasi andati via, ma Martha ha suggerito di giocare a biliardo prima di andare avanti. Sharon acconsentì e raccolse le palle. Mentre Martha stava per rompere le palle, due ragazzi sono entrati nel bar e si sono seduti a un tavolo vicino al tavolo da biliardo. Martha ha rotto le palle guidando nella palla da dieci. Ha preso la mira...

1.9K I più visti

Likes 0

Un divertente pomeriggio parte 2

Greg si voltò con la schiena verso le mie gambe, si sdraiò su di esse e mi tenne il cazzo, accarezzandolo dolcemente. Si fermò per un minuto e compose un numero sul cellulare. Non appena ebbe finito, riprese scherzosamente a tirarmi e accarezzare il mio cazzo. Stavo diventando di nuovo duro, pensando a quanto sarebbe stato bello avere un altro orgasmo lento. Greg lasciò andare il mio cazzo e si premette il telefono contro l'orecchio; “Ciao Karen? Ehi, sono Greg, sei occupato? Ho un favore da chiederti. “ “Sì, è una cosa da uomini, ho incontrato un ragazzo questo pomeriggio, davvero...

1.4K I più visti

Likes 0

Naruto: schiavo per te cap. 2

Hinata si svegliò al profumo della colazione. Lentamente, aprì gli occhi e fu sorpresa di non trovarsi nella sua stanza. Poi i ricordi della scorsa notte iniziarono ad emergere nella sua mente mentre cercava il collare intorno a lei. Dopotutto non era stato un sogno. Aveva detto alla persona che amava più di chiunque altro al mondo come si sentiva. Poi notò che Naruto non era nella stanza. Un senso di vergogna la riempì mentre ricordava le sue lezioni dall'accademia. Le era stato insegnato a svegliarsi prima del suo padrone. Per preparargli un pasto per iniziare bene la giornata. Aveva dimenticato...

1.1K I più visti

Likes 0

LESSI Capitoli 7-14

LEXI (Capitolo 7-14) CAPITOLO 7 Siamo finiti in un ristorante italiano preferito nel quartiere in cui a Spence piaceva andare. Era piuttosto affollato e l'unico posto libero era una cabina d'angolo. Abbiamo seguito l'addetto alla reception allo stand e Lexi è entrata per prima e Carmen ha detto. Stan, perché non entri tu il prossimo e riempi la parte centrale tra me e Lexi. Certo ho accettato. Ci sistemammo mentre sia Carmen che Lexi sedevano piuttosto vicine a me. Allora, cosa ne pensi di portare noi ragazze ad un appuntamento? chiese allegramente Lexi. Sì, sei in buone mani Stan mentre Carmen...

1.4K I più visti

Likes 0

Biker Lust... L'inizio

Era una calda giornata autunnale. Stavo guidando senza meta in giro per il paese sul mio Sportster. Tutta l'estate era da tanto che giravo su queste stesse strade e mi sentivo piuttosto annoiato. Stavo cavalcando, perso dentro pensai quando mi imbattei nella piccola valle boscosa con il cimitero lungo la strada. Questo è stato un buon momento come qualsiasi altro per fermarsi a bere un sorso d'acqua. Accostandomi sul ciglio della strada parcheggiai la bici e mi stiracchiai respirando a pieni polmoni il profumo boisé che ho sempre amato. Slacciare le cinghie della bisaccia. Tirai fuori una bottiglia d'acqua e una...

1K I più visti

Likes 0

Una vita non così semplice: parte 4_(1)

La caffetteria è morta, in senso figurato ovviamente, ma dopo mi è sembrato di fissare un gruppo di fantasmi. Ovunque guardassi, incontravo volti pallidi e sbalorditi che facevo del mio meglio per ignorare mentre mi facevo strada tra la folla. Tenendo la testa bassa, sono riuscito a liberarmi dalla massa ea scappare dalla mensa, appoggiandomi al muro per cercare di riprendermi momentaneamente prima di dirigermi verso la mia classe. Quando ero circa a metà strada, ho sentito dei passi precipitosi dietro di me. Mi voltai per controllare chi fosse quando Shawn improvvisamente mi colpì a terra. Sei pazzo! mi gridò all'orecchio...

832 I più visti

Likes 0

Facendo bagnare di nuovo Amy! Di Blueheatt __Amy era brava nel suo lavoro e io ho fatto il mio lavoro, ma i trucchi non si sono mai fermati. Chiamava: “James chiama estendere. 102” La chiamavo e lei mi abbaiava ordini. (le piaceva fare il capo con me, anche se non era il mio capo) “JAMES, la mia sedia ha un cigolio, alzati qui e riparala. CLIC. Ci andrei quando ne ho la possibilità, senza fretta. Prendevo il mio piccolo kit di attrezzi e mi comportavo come se stessi facendo qualcosa. Quando arrivavo lì, la sua assistente mi annunciava di entrare e...

838 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

2.6K I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

2.2K I più visti

Likes 0

Cyber-sesso con una dea

Ehi ragazzi, questa è la mia prima storia, quindi per favore tenete per voi le recensioni negative. Ok, quindi proprio ora ho avuto una conversazione sul cybersesso e ho pensato che sarebbe stato divertente postarla. Se vi piace, ne posterò un altro ma per ora, ecco qua. *Connessione riuscita* ????: Ciao Io: M o f ????: Ciao. tu? Io: ciao m La sua età Io: la tua prima vera età, niente bugie Suo: ** Io: non mi interessa se sei giovane Me: ** Lei: taglia? Io: 8 pollici (bugia totale tra l'altro) Lei: accidenti Io: sì Io: come la tua taglia...

2K I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.