Secondo lavoro

956Report
Secondo lavoro

Secondo lavoro

Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il vero, tutti i messicani erano pigri scrocconi e in particolare la sua nuova assunzione, non fare nulla, la nipote di 17 anni che sfortunatamente lavorava nel mio equipaggio. Tutte le altre ragazze non le avrebbero mai detto nulla sul fatto che non facesse la sua parte di lavoro e avevano paura perché era la nipote del capo. Mi hanno avvertito di non contrariarla perché l'avrebbe detto a sua zia. Quindi cosa, direi loro, potrebbero baciarle il culo ma sono dannatamente sicuro che non lo era. All'inizio di quel turno l'ho strappata di fronte alle altre ragazze per scendere dal suo culo pigro e fare la sua parte. Non ho mai saputo che i messicani potessero arrossire in faccia, ma lo ha fatto ed è scappata dalla sala relax. E, se l'aspetto potesse uccidere, sarei un biondo morto dagli occhi azzurri. Grande affare. A 5'9 "e 180 libbre, il suo piccolo culo permaloso di 5'0" non voleva nessuno di me. Quindi, fanculo lei e sua zia.

Quando sono arrivato alla porta della signora Ochoa era chiusa. Ho bussato e mi è stato detto di entrare. La signora Ochoa era quasi l'immagine sputata di sua nipote, anche se a 35 anni era più grande nel busto e nei fianchi. Entrambi avevano quegli occhi neri e provocatori e quei lineamenti minacciosi.

La signora Ochoa stava guardando dei documenti sulla sua scrivania mentre mi avvicinavo.

Volevi vedermi?

Spinse indietro la sedia dalla scrivania, incrociò le gambe e mi guardò compiaciuta.

Ho notato nel tuo fascicolo personale che sei un supervisore nell'altro tuo lavoro.

Sì, ma perché stai guardando il mio fascicolo personale?

Sto pensando di licenziarti.

Cosa... perché?

Supponiamo di avere un dipendente che non ha eseguito gli ordini, ha avuto un cattivo atteggiamento e non è andato d'accordo con i colleghi. Cosa faresti a quella persona?

Li consiglierei, ma di certo non li licenzierei.

Li disciplineresti?

Ah sì. Se necessario.

Accosentiresti ad essere disciplinato per mantenere il tuo lavoro? Dopotutto, non mandi questi soldi a tuo figlio al college?

Sì, mando soldi a mio figlio ma non vedo dove siano affari tuoi. Fanculo, ho pensato. Questa è una stronzata.

Non sono affari miei? Hai una bocca davvero intelligente su di te, supponiamo che ti abbia appena schiaffeggiato per bene. Cosa faresti? E prima di rispondere è meglio che rifletti molto bene perché la risposta sbagliata ti farà licenziare. E non troverai mai un altro lavoro in questo centro commerciale dopo che ti avrò bocciato. Ora, cosa faresti?

La puttana mi aveva sopra un barile. Se non le ho permesso di prendermi a schiaffi, i soldi di mio figlio vanno a finire. Dannazione. Sono fottuto.

Sto aspettando una risposta.

Niente.

Niente cosa?

Niente, non farei nulla.

Mi lasceresti solo schiaffeggiare e non fare nulla?

Sì.

Sì cosa?

Non so cosa intendi.

Mi chiamerai signora.

Era tutto quello che potevo fare per evitare di allungare la mano oltre la scrivania e prendere a calci il suo culetto messicano. Ma avevo solo bisogno di succhiarlo e sopportare questa umiliazione per il bene di mio figlio.

Sì signora.

Va meglio. Ora, mettiti in ginocchio.

Le mie ginocchia?

Imparerai a non mettere in discussione i miei ordini. Lavori per me! Mettiti in ginocchio!

Non appena l'ho fatto, ha fatto il giro della scrivania, si è avvicinata a me e mi ha schiaffeggiato con forza sulla faccia facendomi quasi perdere l'equilibrio.

Era per la tua bocca intelligente.

Mi ha schiaffeggiato di nuovo.

Era per non aver acceso il cercapersone.

Mi ha schiaffeggiato di nuovo.

E quello era per umiliare mia nipote di fronte agli altri.

Mi strofinai la faccia bruciante mentre lei tornava al suo posto.

Ora, lascia che ti dica cosa accadrà ora.

Si svolge ora? Cosa intendi? La disciplina non è finita?

Oh no, non da lontano. Mia nipote verrà e quando si farà vivo le chiederai scusa e riceverai qualsiasi disciplina lei voglia darti. E, se ti opponi o non segui i suoi ordini, non lavorerai mai più qui o da nessuna parte in questo centro commerciale. Mi sono spiegato perfettamente?

Dannazione, ho pensato, devo scusarmi con quella fottuta puttanella persona e fare quello che dice. Che cazzo umiliante! Dal modo in cui mi ha guardato quando è uscita dalla sala relax, mi prenderò a calci in culo.

Sì.

Brutta puttana! Cosa ti ho detto di chiamarmi? Si è avvicinata, mi ha afferrato i capelli e mi ha schiaffeggiato due volte. Voi puttane bianche pensate di essere migliori di noi messicani. Bene, quando io e mia nipote avremo finito con te, ci mostrerai rispetto per entrambi!

Proprio in quel momento bussarono alla porta.

Chi è?

Sono io, zia.

Vieni a Carla.

La signora Ochoa mi teneva ancora per i capelli.

Cosa sta succedendo?

Sto insegnando a Terri alcune buone maniere. Ha qualcosa che vuole dirti.

Mi lasciò andare i capelli e la piccola puttana permalosa si fermò di fronte a me con le braccia incrociate.

Ah, mi dispiace per il modo in cui ti sto trattando e mi scuso.

Oh veramente? E ti aspetti che io accetti le tue deboli scuse e lo lasci andare? Mi ha schiaffeggiato forte, ha tirato la mia testa in avanti afferrandomi i capelli e mi ha dato una ginocchiata sul fianco.

Mi afferrai per un fianco e caddi a terra in posizione fetale, senza fiato. La piccola puttana ha iniziato a prendermi a calci le gambe e il culo.

Ti piace quella cagna? Tu fottuta troia culo bianco. Ti prenderò a calci in culo per bene!

Non c'era niente che potessi fare se non sopportare la punizione.

Proprio come tu hai messo in imbarazzo me, io metterò in imbarazzo te! Ora, togliti i vestiti!

Togliti i vestiti, pensai. Com'è umiliante. Vuole che io sia nudo davanti a lei e a sua zia.
Sono una donna grande a 5'10", 180 libbre, con fianchi larghi e cosce spesse, e le mie tette 42D si abbassavano un po' sulla pancia. Nudo, ho pensato di nuovo. Ma, per il bene di mio figlio, non avevo scelta. Entrambi mi guardarono mentre mi toglievo i vestiti. Quando mi sono spogliata, Carla mi ha detto di mettere le mani dietro la testa e di tenerle lì. Questo ha fatto risaltare le mie grandi tette.

Beh, non è una zia o pensa di essere qualcosa. Guarda la sua figa rasata. Solo le puttane si radono le fighe. Sei una puttana, cagna?

Com'è umiliante, ho pensato. A 52 anni, essere completamente nuda di fronte a un'adolescente messicana ed essere chiamata puttana. Non avevo altra scelta che essere d'accordo con lei.

Sì.

Si è avvicinata a me e mi ha guardato. Sì cosa?

Sì, sono una puttana.

E anche una puttana grassa.

Sì, anch'io sono una puttana grassa.

Lei, quindi, mi ha pizzicato entrambi i lati della pancia torcendoli crudelmente.

Oh, fa male, quando ho lasciato cadere le mani e l'ho spinta via.

Aiutami zia. Pensavo avessi detto che mi avrebbe permesso di farle qualcosa?

La signora Ochoa si avvicinò dietro di me. Metti le mani dietro la schiena.

Mentre lo facevo, mi afferrò per i polsi e tirò fuori le braccia.

Ora, Carla, falla stare bene!

Ovunque il moccioso trovasse grasso, lo afferrava e lo pizzicava forte, ridendo di me. Tra le mie cosce, i miei fianchi, la pancia. Mi ha lavorato bene. Anche se faceva molto male, potevo sentirmi eccitato. Strinsi i denti mentre continuava a pizzicare. Sua zia continuava a incoraggiarla ed entrambi ridevano.

Mettiti in ginocchio, cagna.

Mentre lo facevo, la signora Ochoa, ancora tenendomi i polsi, mi ha messo il piede nella schiena costringendomi ad inarcare la schiena spingendo le mie grandi tette per sporgere fuori. Carla prese una sedia, si sedette e si mise a lavorare sulle mie tette. Li ha schiaffeggiati, li ha afferrati con forza infilandoci dentro le sue unghie finte e mi ha pizzicato e attorcigliato i capezzoli. Il dolore era quasi insopportabile mentre gemevo con le lacrime che mi scorrevano lungo le guance. Alla fine si fermò e la signora Ochoa mi lasciò andare i polsi. Mi accartocciai sul pavimento e mi massaggiai le tette torturate.

Si sono allontanati e ho notato che la signora Ochoa sussurrava all'orecchio di Carla. Li vedevo entrambi sorridere.

Che cazzo adesso, ho pensato. Non sapevo se potevo sopportare molto più dolore e non sapevo nemmeno se potevo trattenermi dal cumming. Cosa penserebbero se mi vedessero venire? Forse sono una puttana. So di essere grasso, ma anche una puttana?

Entrambi stavano sopra di me mentre giacevo nudo ai loro piedi. Bene, Terri, hai imparato la lezione?

Sì, oh sì, signora.

Bene, Carla, sei soddisfatta?

Quasi, zia, ma credo che debba fare un'altra cosa.

Cos'è, tesoro?

Ha bisogno di una buona pagaiata.

Grande idea! Entrambi hanno riso. Che ne pensi, Terri?

Pagaiando? Eccomi una donna adulta che sta per essere sculacciata da un adolescente. Sì, signora, se è quello che vuole. Ero una donna distrutta. Mi avevano spezzato lo spirito e lo sapevano entrambi.

Sì signora.

Va bene, cagna. Piegarsi sulla scrivania e afferrare l'altro lato.

Ho fatto come detto mettendomi in posizione così il mio grosso culo nudo sporgeva.

Carla e sua zia si sono avvicinate alla scrivania portando delle racchette da ping pong.

Sulla merda, ho pensato. Questo farà così male!

La signora Ochoa posò la pagaia e mi afferrò i polsi mentre Carla camminava dietro di me.

Accidenti! io saltai

Questo è solo un promemoria che mi tratterai sempre con rispetto. Capisci?

Si Signora.

Ci vediamo domani sera, Terri, e non dimenticare per chi lavori e cosa mi aspetto da te.

Sì signora.

Mentre tornavo a casa, rievocai l'intero bizzarro incidente nella mia mente e mentre lo facevo mi sono bagnato di nuovo. Mi sono allungato tra le gambe e ho giocato con la mia figa bagnata. Essere completamente nudi, essere picchiati e umiliati... se avessi mantenuto quel lavoro avrebbero potuto farmi quello che volevano. Oh, chi stavo scherzando. Ho dovuto mantenere quel lavoro. Mi sono seduto nel mio vialetto e mi sono fatto venire di nuovo pensando.

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

947 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

838 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

1.3K I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1K I più visti

Likes 0

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

516 I più visti

Likes 0

Game Over

Game Over. Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento. La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore...

853 I più visti

Likes 0

Ex compagni di gioco di Playboy Parte 9: Il vero desiderio di Tiffanie_(1)

Nota dell'autore:  Questa è la seconda storia di Tiffanie, un ex compagno di giochi di playboy immaginario. Il suo primo è interrazziale. Non devi leggerlo se non vuoi, ma basti dire che nella parte 3 di questa serie, Tiffanie ha assistito a un atto incestuoso a casa sua che ha coinvolto sua sorella maggiore Diane. A differenza di Stephanie, (che ha anche assistito a un atto simile nella parte 3) ha incasinato Tiffanie, facendola impazzire. Ha fatto del suo meglio per evitare i suoi desideri incestuosi interiori, affogandoli con lo sperma degli uomini di colore. La prima e la seconda storia di...

814 I più visti

Likes 0

Un piccolo servizio

Yorkshire, Inghilterra, qualche anno fa. Un piccolo servizio. Stavo lavorando in ufficio a capo pozzo quella mattina, il sole splendeva d'oro sul fumo del locale caldaia, gli uccelli tossivano, non pioveva da due giorni, e questa è ufficialmente una siccità nello Yorkshire. Qualsiasi strada intorno a cui mi stavo occupando della cera d'api quando arriva il capo. Blagthorpe. Sommat si sbagliava. Non era tutto audace come al solito. Era quasi nervoso. Ah giovane Allen, dice, tutto amichevole come quando vuole che i conti vengano manipolati. Chissà se potresti rendermi un servizio? Lo farò se posso gaffer, dico, Cosa sta succedendo? Ora...

1.3K I più visti

Likes 0

Notte in città

Una notte in città. Ciao, mi chiamo Chas e mia moglie non ne ha mai abbastanza. Si diverte davvero a essere nuda in pubblico e ad avere il suo corpo usato per il piacere degli uomini, scopata in tutti i suoi buchi, frustata, sculacciata, lo chiami lei ama, è così. Se qualcuno mi avesse detto otto mesi fa, che avevo una moglie sgualdrina e che presto avrei permesso a qualsiasi uomo, in effetti gruppi di uomini, di spogliarla nuda e abusare del suo corpo come voleva, di umiliarla, usarla come loro troia, avrei detto loro che erano fuori di testa. Comunque...

1.1K I più visti

Likes 0

La fantasia di uno psichiatra

Essendo uno psichiatra, dovrei rispettare la massima riservatezza con i miei pazienti. Tuttavia, dovevo togliermi di dosso questa storia, ed è una storia che non potevo confidare nei miei college, quindi cambio i nomi per proteggere gli innocenti. Il mio soggetto è una ragazza che chiamerò Candy. Sono specializzato nel lavoro con i giovani, in particolare nei casi relativi al sesso. Essendo un uomo, di solito lavoravo con i ragazzi, ma trovavo alcune ragazze che si sentivano più a loro agio a parlare di sesso con un uomo per un motivo o per l'altro. Era un po' insolito, ma certamente non...

997 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.