Prendendola - Parte 2

122Report
Prendendola - Parte 2

Prendendola - Parte 2 - Colazione

Ti svegli con l'acqua fredda che ti soffia addosso. Ti sta lavando via. "Dio, puzzi come una puttana seccata. " Ti tira fuori i dildo dalla figa e dal culo, poi infila il tubo a tutto volume in uno e poi nell'altro. Quando ha finito ti mette delle manette ai polsi e alle caviglie, tagliandoti fuori dalla gabbia. Ti incatena le mani dietro la schiena e un colletto e un guinzaglio intorno al collo. "È ora di fare un po' di esercizio, puttana inutile." Ti conduce di sopra e fuori dalla porta sul retro. Il suo cortile è enorme e completamente circondato da alberi. C'è un sentiero intorno al cortile e alcune panchine, che sembrano basse staccionate e un ceppo nel mezzo. Ti conduce sul sentiero e urla "JOG!" L'improvviso ti fa sussultare e inizi a correre. Il suo raccolto ti colpisce il culo. "Prendi quei piedi e muoviti!" Ti colpisce di nuovo, e ancora finché non stai correndo in stretta approssimazione al galoppo di un cavallo. Continua così per 2 ore ogni volta che rallenti, ti colpisce di nuovo con il raccolto. Il tuo culo è in fiamme e le tue gambe sono consumate, alla fine dice basta e cadi a terra piangendo. "Per favore, smettila, io... non voglio più farlo." dici tra le lacrime. Sembra preoccupato mentre si accovaccia accanto a te. "È più di quanto ti aspettavi? È andato oltre i tuoi limiti?" annuisci vigorosamente. Ti afferra per il mento e ti costringe a guardarlo. Ogni sguardo preoccupato è sparito. "Peccato. Hai fatto un patto puttana del cazzo e ne farai l'altezza. Che tu lo voglia o no. " Cominci a tremare. Puoi sentire te stesso bagnarti di nuovo.

Lui tira il guinzaglio, "Alza il culo, troia." Cerchi di alzarti mentre lui continua a tirarti il ​​guinzaglio. Ogni volta che fai qualche passo lui tira di nuovo e tu cadi di nuovo. Ti trascina così dentro. In cucina ordina: "Con la faccia a terra. A meno che non ti venga detto diversamente, è così che ti vuoi. Capisci?" Attraverso le lacrime e l'eccitazione borbotti, "sì" Il raccolto ti scende attraverso la schiena e urli. "Mi dispiace di non averti sentito. " Urli, "SI! LO LO LO VORREI!" Il raccolto scende sulla tua schiena lasciando un'altra linea rossa. "Sì cosa?" Singhiozzi a squarciagola "SI SIGNORE!" ancora ed ancora. Il calore nella tua schiena è intenso. Poi senti una freschezza diffondersi sulle tue piaghe, lui ti sta strofinando delicatamente un unguento. "Quella è una brava puttanella." Ti tocca, bastano pochi secondi per avere uno dei migliori orgasmi che tu abbia mai avuto. "Brava ragazza." Ti accarezza la testa mentre scendi.

Ti smanetta le mani e dice "Sei troia affamata?". "Si signore." Lui annuisce: "Pensavo che lo avresti fatto, hai avuto un grande giorno". mette una ciotola di farina d'avena e acqua sul pavimento davanti a te. Inizi a mangiare fuori dalla ciotola come un cane. Stai ricevendo cibo su tutto il viso. "Hai fino a quando non ho finito di mangiare la tua troia a sazietà." Ti chiedi cosa voglia dire, ma non perdi tempo cercando di mangiare il più possibile. È allora che senti le sue mani sul tuo culo. Con una spinta seppellisce il suo cazzo fino in fondo nella tua figa. Inizi a gemere all'istante, la tua colazione dimenticata. Ti martella la figa senza pietà, tutto ciò che puoi fare è urlare in estasi mentre sei tormentato da orgasmi dopo orgasmi. Con un'ultima fiducia ti spinge la faccia nella farina d'avena mentre arriva. Si tira fuori lasciandoti ansimare il tuo sperma misto che gocciola dalla tua figa. Ti prende per i capelli. "Quando sborro è il tuo lavoro pulirmi, capisci troia?" Ti giri velocemente dicendo "Sì signore" Affondi rapidamente la tua faccia nel suo inguine leccandogli il cazzo. Ti afferra di nuovo i capelli e ti strappa la testa di dosso. "Stupida troia, guarda che casino stai facendo." indica la farina d'avena sul suo inguine. "Ora fallo bene." "Sì, signore. Scusa, signore." dici mentre lecchi con cura la farina d'avena e sborra.

Prende il guinzaglio e inizia a camminare verso il corridoio. Inizi ad alzarti in piedi, senti lo schiocco improvviso del raccolto sulla schiena, il dolore improvviso ti fa cadere a terra ansimando. “Non ti alzi in piedi a meno che non te lo dica a te puttana senza valore. Camminerai sulle mani e sulle ginocchia come la puttana senza valore che sei, a meno che non ti venga detto diversamente. Piangi e scuoti, "sì.. sissignore.." Lui annuisce e ti guida lungo il corridoio. Ti conduce in un ampio bagno con doccia e vasca separate. La doccia ha un gancio vicino alla porta a cui ti lega il guinzaglio. È ora della mia troia mattutina. Apre l'acqua e ti porge un panno e del sapone. Provi a camminare con le mani e le ginocchia nella doccia ma lui ti ferma. “Ho detto che era l'ora della MIA troia sotto la doccia. starai lì e mi laverai». Tu dici "Sì signore". mentre ti alzi esitante. Ti volta le spalle mentre inizi a insaponarti le spalle e la schiena lavando delicatamente ogni centimetro mentre scendi. Quando inizi a lavorare verso il suo buco del culo, dice "No. Non te la cavi così facilmente. Allarga le guance. "Assicurati di mettere la tua lingua nel loro bello e buono." Quasi vomiti al pensiero di leccargli il buco del culo. "No signore, per favore non costringermi a farlo!" Si gira e ti dà il rovescio così forte che non lo vedi nemmeno muoversi. È così difficile che ti butta a terra e offusca la tua vista. Si appoggia proprio sulla tua faccia mentre ogni cosa nuota. Quasi sussurra: “Non puoi dire quella parola. Ti possiedo, farai quello che dico quando lo dico senza esitazione e senza parlare indietro. Capisci?" Puoi sentire il calore nella tua guancia e sapere che ci sarà un enorme livido. "Si signore." Ti prende per il viso. "Non abbastanza buono, dimmi ESATTAMENTE cosa capisci." Inizi di nuovo a piangere, non puoi credere che stai dicendo questo o che ti stia bagnando così tanto. “Io sono tua proprietà, farò quello che dici quando lo dici. Non ti dirò mai di no né esiterò durante nessuno dei tuoi ordini. Si alza e incrocia le braccia sul petto. “Non lo so... non credo che tu capisca veramente il tuo posto. D'ora in poi non ti riferirai mai a te stesso come a me. D'ora in poi sei una puttana senza valore. Capisci?" Annuisci, "Sì signore, Worthless Slut capisce. Worthless Slut è proprietà di Sir e lui farà quello che vuole con Worthless Slut. Worthless Slut non esiterà quando riceve un ordine.

Sorride: "Forse c'è ancora speranza per te". Rimane sotto la doccia e si gira. "Ora finisci". Salti in piedi e seppellisci la lingua nel suo culo. Lecchi ogni punto assaporando il suo sudore e la sua merda. Si gira, esce dalla doccia e comincia ad asciugarsi. "Va meglio." Comincia a camminare verso la porta e dice: "Ripuliti ora e assicurati di pulire ogni parte". Esce dal bagno e richiama: "Oh, e se vieni lì dentro sarai punito".

Piangi sentendoti come se non facessi qualcosa per la sensazione nella tua figa presto esploderai.

Storie simili

QUALCOSA DI NUOVO_(0)

Sei pronta, chiese Debbie alla sua amica Maureen mentre si fermava alla scrivania della sua migliore amica, Non vedo l'ora un altro minuto, sono quasi pronta per scoppiare!?! Anch'io, rispose Mo mentre dava gli ultimi ritocchi a un rapporto che il signor Bently le aveva chiesto di preparare prima del suo viaggio a New York più tardi quel pomeriggio, lasciami lasciare questo nell'ufficio del capo, è stato sul mio caso tutta la mattina per farlo prima di mezzogiorno!!!” Nessun problema, ha risposto Debbie mentre si dirigevano verso l'ufficio del signor Bently, il tuo è pieno, il mio sembra che stiano per...

947 I più visti

Likes 0

Il debito di Rachel (Capitolo 3 - Il passato e il dolore)_(0)

Sabato è arrivato e non avevo ancora sentito Rachel. Inoltre non ero ancora pronto a chiamarla per il nostro prossimo appuntamento. Certamente volevo. Prima di Rachel, dall'ultima volta che ero stato con una donna, sembrava che il mio desiderio sessuale si fosse raffreddato. Stare con Rachel l'aveva riacceso, lo aveva portato da quasi dormiente a un inferno torreggiante. Per aspettare il momento, ho guardato i video dei nostri precedenti incontri. Era davvero magnifica. Avrebbe potuto essere una pessima scopata e comunque non avrebbe avuto importanza, il suo corpo giovanile e la sua mente lasciva hanno più che compensato. Non era male...

838 I più visti

Likes 0

Un consiglio da ricordare

Sal, prendi il tavolo 12, ho sentito dire dalla padrona di casa. A poco a poco mi voltai e sbirciai laggiù. «Una bella bruna sulla trentina da sola con un vestito rosa un martedì sera? E wow, non sta nemmeno cercando di nascondere quella rastrelliera, mi sta facendo venire un'erezione ora,' ho pensato prima di iniziare con calma a camminare verso di lei. I miei occhi non si sono mai staccati da lei mentre per il momento si limitava a guardare il menu. Anche se, sono ancora andato da lei. Ciao come stai stasera? Posò il menu e mi guardò. Sto...

1.3K I più visti

Likes 0

Secondo lavoro

Secondo lavoro Mancavano circa 30 minuti alla chiusura quando mi è stato detto che la signora Ochoa voleva vedermi dopo la chiusura. Anche se indossavo un cercapersone per i suoi ordini, non l'ho mai acceso. Fanculo lei. Prima di tutto, se i soldi di questo lavoro non avessero aiutato mio figlio al college, non sarei qui. In secondo luogo, sono un supervisore nel mio vero lavoro, quindi non prendo bene gli ordini. In terzo luogo, da quando la piccola messicana permalosa, la signora Ochoa, è diventata supervisore, ha avuto questi piccoli ordini pignoli che erano solo cazzate. Infine, a dire il...

957 I più visti

Likes 1

Il maestro dell'orologio e l'inventore Parte 4_(1)

Eccoci... gemetti, posando la cassa sul tavolo. Sospirai guardandomi intorno nel ripostiglio; Ancora una volta ero solo in fabbrica, questa volta a organizzare le spedizioni. Gemendo inarcai la schiena. Allungamento; Ero più che dolorante per i giorni di travaglio. Scrap era in un angolo, in attesa dei miei ordini. Tempo di scarto per tornare a casa. In risposta, l'automa si raddrizzò leggermente, sibilò e si avviò con passo pesante verso la porta. L'ho aperto e ho seguito la mia invenzione nelle strade poco illuminate. Le strade erano semivuote, la maggior parte delle persone tornava a casa per la sera; ogni tanto...

516 I più visti

Likes 0

Capitolo 4

Capitolo 4 Erano sicuri che un giorno si sarebbero sposati e Jeff ha sempre trattato Julie in modo speciale, lei significava molto per lui. Stava ricordando una volta in particolare che fece loro sapere che un giorno si sarebbero sposati. Erano al teatro all'aperto con l'auto dei suoi genitori, uno di quei tipi di famiglia che conosci il tipo spazioso. Bene, comunque, si erano seduti sul sedile posteriore per avere più spazio e comodità e si erano rannicchiati l'un l'altro. Jeff le teneva un braccio intorno alla spalla. Inoltre, la stava baciando sulla guancia. Questo li ha fatti iniziare perché si...

1K I più visti

Likes 0

Game Over

Game Over. Chris ha camminato lungo il tappeto. Spinto dalla tentazione di tornare a guardare sua moglie e il suo amante, ma non lo fece, sapendo che era decisamente escluso dall'azione della loro camera da letto, sentendo gli strilli di gioia, i sospiri e i suoni del sesso provenienti dal la stanza a pochi metri ea un paio di porte da lui era puro tormento. La televisione giocava da sola, inosservata e ignorata mentre l'occhio della sua mente trasmetteva le visioni di ciò che sapeva stava succedendo lì dentro. Il corpo di Jacqui si contorceva nel suo modo flessibile, il sudore...

854 I più visti

Likes 0

Un piccolo servizio

Yorkshire, Inghilterra, qualche anno fa. Un piccolo servizio. Stavo lavorando in ufficio a capo pozzo quella mattina, il sole splendeva d'oro sul fumo del locale caldaia, gli uccelli tossivano, non pioveva da due giorni, e questa è ufficialmente una siccità nello Yorkshire. Qualsiasi strada intorno a cui mi stavo occupando della cera d'api quando arriva il capo. Blagthorpe. Sommat si sbagliava. Non era tutto audace come al solito. Era quasi nervoso. Ah giovane Allen, dice, tutto amichevole come quando vuole che i conti vengano manipolati. Chissà se potresti rendermi un servizio? Lo farò se posso gaffer, dico, Cosa sta succedendo? Ora...

1.3K I più visti

Likes 0

Sotto la sua scrivania (Cap3)

L'equipaggio è qui. Li sento ridere e sbattere in giro in studio. Mi sembra di essere in ginocchio qui da molto tempo, ma l'arrivo dell'equipaggio significa che è passata solo un'ora da... beh, da... Da quando il mio padrone bianco mi ha piegato sulla sua scrivania e mi ha mostrato quello che sono Oh chiudi il becco, cervello. Dio cosa è successo?! Quando sono arrivato qui stamattina mi sono sentito così potente e feroce. Stavo prendendo il controllo, portando avanti la nostra relazione. Ora mi sento così indifesa e debole, inginocchiata nuda sotto la sua scrivania e gocciolando lacrime e sperma...

1.3K I più visti

Likes 0

La fantasia di uno psichiatra

Essendo uno psichiatra, dovrei rispettare la massima riservatezza con i miei pazienti. Tuttavia, dovevo togliermi di dosso questa storia, ed è una storia che non potevo confidare nei miei college, quindi cambio i nomi per proteggere gli innocenti. Il mio soggetto è una ragazza che chiamerò Candy. Sono specializzato nel lavoro con i giovani, in particolare nei casi relativi al sesso. Essendo un uomo, di solito lavoravo con i ragazzi, ma trovavo alcune ragazze che si sentivano più a loro agio a parlare di sesso con un uomo per un motivo o per l'altro. Era un po' insolito, ma certamente non...

998 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.