Il Dio e la ragazza

366Report
Il Dio e la ragazza

Avevo il respiro pesante, le gambe stanche. Stanco per tutta quella corsa. Da quanto tempo correvo? Venti minuti? Un'ora? I miei passi cadevano veloci producendo uno scricchiolio sulle foglie e sui legni sotto i miei piedi. Non ero sicuro di dove fossi a questo punto. Quei boschi non mi erano familiari e le forti grida dei miei aggressori si facevano più vicine. "Non lasciatela scappare!" Ho sentito un grido in lontananza.
In cosa mi ero cacciato questa volta? Tutto quello che volevo era rubare un paio di cose dal tempio dei Blood Clan in modo da poter avere del cibo per la settimana. Ma sono stato catturato, gettato in prigione e sono scappato. Non prima però che mi avessero picchiato parecchio. Per fortuna sono riuscito a prendere il coltello di un tizio e a dargli un bel taglio in faccia prima di scappare. Anche se penso che lo abbia fatto incazzare parecchio.
Ho girato la testa per guardare i miei aggressori. Si stavano avvicinando e io diventavo sempre più lento, più debole e sempre più stanco.
I miei lunghi capelli castani mi sono finiti in faccia quando mi sono voltato per guardare nella direzione in cui stavo andando, rendendo difficile la vista.
Una grande radice sporgeva dal terreno, afferrandomi il piede e facendomi crollare a terra.
Ho grugnito di dolore e sono riuscito a sollevarmi sui gomiti quando un calcio rapido e brutale allo stomaco mi ha fatto rotolare di nuovo a terra e senza fiato.
L'uomo che mi ha preso a calci era alto e muscoloso come un bruto. Aveva un sorriso malato e distorto sul viso nonostante il sangue che gli scorreva lungo. Questo era l'uomo che avevo tagliato, ho capito. Il taglio lungo e profondo gli attraversava la fronte, gli occhi e la guancia facendo colare il sangue sul naso che sembrava fosse stato rotto più volte.
Era affiancato da altri due bruti che erano più magri e più bassi ma altrettanto cattivi.
Alla fine presi fiato e alzai lo sguardo verso la faccia sorridente del più grande bruto.
Gli altri due bruti mi afferrarono per le braccia, facendomi alzare in piedi e inchiodandomi contro un albero.
Non li ho combattuti, ero troppo stanco.
Il grosso bruto si fece avanti afferrandomi il viso e avvicinandosi a me esaminandomi.
Lo fissai con odio, i miei occhi verdi che perforavano i suoi.
"Così carino." Mormorò solo a metà voce. "È davvero un peccato."
Gli altri ridacchiarono mentre lui faceva un passo indietro lasciando andare la mia faccia ed estraendo lo stesso coltello con cui l'avevo ferito.
"Qualche ultima parola?" chiese allargando il suo sorriso sadico.
Lo guardai per un lungo momento riflettendo attentamente su cosa avrei dovuto dire esattamente. C'erano molte cose che volevo dire. Ma mi sono accontentato di questo,
"Il tuo alito è terribile e mi dispiace davvero che sia stata l'ultima cosa che ho dovuto annusare prima di morire."
Il bruto ringhiò e mi portò la lama alla gola esercitando una pressione tale che piccole gocce di sangue iniziarono a rotolare lungo la lama e non riuscii a respirare.
"Dire addio." Ringhiò e io chiusi gli occhi preparandomi alla morte che sicuramente sarebbe arrivata.
La cosa successiva che sentii fu un sibilo seguito da tre tonfi. Qualcosa di caldo e umido mi schizzò addosso. E poi... silenzio di tomba.
Non riuscivo ancora a respirare, ma sono riuscito ad aprire gli occhi solo per vedere le immagini sfocate. Il coltello si staccò dal mio collo e una singolare figura scura che non riuscivo a distinguere stava rinfoderando una lama.
Poi all'improvviso le luci si spensero.


Ero fuori da un cottage. La mia vecchia casa.
Una piccola casetta ai margini del paese, un villaggio felice e ricco.
Potevo sentire risate in lontananza e una leggera brezza faceva frusciare gli alberi. Mi guardai, indossavo un vestito celeste con pizzo bianco. Ho ridacchiato. Era strano però, sembrava distante e infantile.
"Gemelli!" Una voce dolce chiamò e io alzai lo sguardo. La porta del cottage si aprì e lì, molto più alti di me, c'erano mia madre e mio padre che mi sorridevano.
La mia vista si offuscò e divenne sfocata, poi all'improvviso mi ritrovai nel cottage, solo che era in fiamme. Mia madre mi prese tra le sue braccia e mi portò fuori.
Mio padre giaceva morto sulla veranda, con il sangue che gli si accumulava intorno e gli colava dallo stomaco.
Mia madre piangeva.
Stavo piangendo.
È corsa per la strada cercando di scappare. Le risate furono sostituite da urla e dolore.
Un uomo, vestito con gli abiti del clan sanguinario, si avvicinò a mia madre pugnalandola alla schiena e il suo sangue agghiacciante risuonò nelle mie giovani orecchie.
Cadde, stringendo il mio piccolo corpo al petto.
La mia vista si offuscò di nuovo mentre toccavamo terra.
Poi ero seduto tra le rovine del mio villaggio accanto ai cadaveri dei miei genitori a piangere.
Poi una mano si è allungata verso di me e ho tirato su col naso, le mie lacrime si sono calmate mentre guardavo il volto di un giovane adolescente che aveva un sorriso triste sul viso.
"Vieni con me", disse con una voce rassicurante come quella di un angelo. "Mi prenderò cura di te."

Mi sono svegliato di soprassalto, sedendomi di scatto e respirando pesantemente.
Ero confuso da ciò che mi circondava. Ero a letto, in una stanza che aveva solo un armadio, una cassettiera e una singolare grande finestra da cui si riversava la luce della luna.
"Dormi bene?" tubò la voce di un uomo.
Mi voltai per affrontarlo mentre saltavo via dalla voce che mi tirava via le coperte.
L'uomo sedeva a gambe incrociate su una sedia decorata con un leggero sorriso che danzava sulle sue labbra. Aveva i capelli scuri e gli occhi con una mascella forte che poggiava proprio sopra una maschera nera che si era calato intorno al collo.
"Chi sei?" chiesi velocemente avvertendo un improvviso senso di urgenza di scappare. Qualcosa in lui sembrava strano, innaturale e mi spaventava.
L'uomo si alzò aggiustandosi il colletto e togliendosi la maschera.
"Il mio nome è Raizo e questo è il mio tempio", ha detto con un sorriso. "Come ti chiami tesoro?"
Lo guardai con sospetto prima di rispondere alla sua domanda con una domanda.
"Hai detto che è il TUO tempio?"
Si accigliò leggermente prima di sorridere di nuovo.
"Sì, è il mio tempio, vedi che sono un dio."
Ho aggrottato la fronte pensando a questo. Ovviamente sapevo che c'erano dei che camminavano tra gli uomini, ma non avrei mai pensato di trovarmi in presenza di uno.
"Sei un DIO?" L'ho guardato dalla testa ai piedi esaminandolo e rendendomi conto che si stava avvicinando casualmente a me quindi ho fatto un passo indietro. "Un dio di cosa?"
A questo sorrise ancora di più ma non rispose. "Sono anche un re."
Ho iniziato a sentirmi a disagio mentre lui si avvicinava e io indietreggiavo. "Un re di cosa?" dissi velocemente mentre la mia schiena colpiva il muro.
Scosse la testa e si fermò proprio di fronte a me, prendendomi dolcemente le mani tra le sue.
"Prima di tutto", ha detto. "Prima di dirti queste cose vorrei sapere come ti chiami signorina."
Tremavo leggermente desiderando di poter scappare, fondermi con il muro, qualcosa.
"Va bene, va bene. Mi chiamo Gemini." dissi prendendo fiato.
Le sue labbra si curvarono in un sorriso e portò le mie mani alle sue labbra e le baciò dolcemente. "Piacere di conoscerti, Gemelli."
Tirai immediatamente via le mani e le infilai dietro la schiena, raddrizzando la postura e gonfiando il petto per cercare di sembrare fiducioso e non intimidito, anche se era almeno quindici centimetri più alto di me.
"Ho risposto alla tua domanda, ora rispondi alla mia."
Ridacchiò vedendo i miei tentativi di essere coraggioso. "Sei un tipo esuberante, vero?" Inarcò le labbra in un sorriso a trentadue denti per mostrare due zanne affilate tra i suoi denti normali.
"Sono il re dei vampiri... tesoro."
Osai a malapena respirare ma cercai di restare calmo. "Allora...di cosa sei il dio?"
A questo punto non ero sicuro di volerlo sapere, ma ho comunque chiesto.
Invece di rispondere, però, rise e si avvicinò premendosi contro di me e sussurrandomi dolcemente all'orecchio tenendomi la vita con le mani. "Non penso che tu sia ancora pronto per saperlo."
Poi si allontanò proprio mentre stavo cercando di spingerlo via. Sembrava leggermente confuso perché lo avevo rifiutato.
Il fatto che fosse così vicino mi aveva scosso. Per metà spaventato e per metà elettrizzato dalle sue azioni, ho rabbrividito e ho incrociato le braccia accigliato. "Cosa vuol dire che non pensi che io sia ancora pronto per saperlo?"
"Non è niente." Disse fissandomi in modo strano. Come se qualcosa non andasse bene in me.
"Sei ancora coperto di sangue, c'è un cambio di vestiti per te nell'armadio." Parlò a bassa voce, il suo strano senso di fiducia era improvvisamente evaporato. Si allontanò da me e attraversò la stanza aprendo la porta ed uscendo dalla stanza. Lasciandomi, interdetto, a me stesso.


Ho lasciato la stanza poco dopo essermi cambiato. Non c'era modo di fuggire dal tempio da quella stanza perché era a circa cinque piani e le pareti erano viscide di pioggia.
Oltretutto era ancora buio e di notte il bosco era pericoloso.
Ho camminato da solo attraverso i corridoi esaminando il sontuoso tempio.
I miei nuovi vestiti, una semplice camicia bianca e fluida e jeans scuri erano comodi ed ero sicuro di non aver mai indossato qualcosa di così costoso.
"Come diavolo faccio a uscire di qui?" mormorai tra me e me a bassa voce.
All'improvviso una voce risuonò dietro di me con uguale calma.
"Perché vuoi andartene così tanto?"
Mi sono fatto piccolo e ho smesso di camminare lentamente, voltandomi verso Raizo che mi ha guardato con curiosità.
"M-perché," balbettai. "Perché dovrei restare qui?"
"Perché non dovresti? Dove altro devi andare?"
Ho pensato alle sue parole. Aveva ragione.
Ero ricercato in sette stati diversi e in due o più paesi per furto.
Ero basso.
Non ero niente.
Non avevo nessun posto dove andare.
E lo sapeva.
Con cautela mi prese la mano e mi sorrise.
"Non mi dispiacerebbe la compagnia, qui siamo soli, solo con i monaci e io."
Lo guardai e aggrottai la fronte.
"Resterò...per la notte. Solo una notte, mentre prendo una decisione."
A questo punto sorrise, un sorriso genuino, e mi strinse leggermente la mano.
"Come desideri Gemelli."



Dopo avermi fatto fare un giro completo del tempio, Raizo ha insistito perché gli lasciassi prepararmi la cena e io, sentendomi piuttosto affamato, non ho rifiutato.
Mi sono seduto sul tavolo guardandomi intorno mentre Raizo preparava una specie di pollo.
L'orologio sul muro mi diceva che era mezzanotte e io sbadigliai allungando le braccia.
"Non ti stanchi?" chiesi spostandomi i capelli dal viso.
Mi guardò appena e alzò le spalle. "No, non mi stanco, non dormo."
Non dissi altro e mi limitai a guardarlo cucinare.
Si era cambiato d'abito, ora indossava una semplice canottiera nera che metteva in mostra le sue braccia muscolose e quelli che a me sembravano potessero essere pantaloni da yoga o qualcosa del genere. Era un vestito molto meno intimidatorio del precedente abbigliamento di pelle scura che indossava originariamente.
Si accorse che lo fissavo e mi guardò sostenendo il mio sguardo.
Mi resi conto che stavo fissando e distolsi rapidamente lo sguardo fingendo di essere molto incuriosito dal tavolo su cui ero seduto.
L'ho sentito ridacchiare prima di dire: "Come vanno le ferite?"
Distrattamente ho allungato la mano e mi sono toccato il collo nel punto in cui era stato tagliato per sentire che il sangue si era asciugato e si era indurito formando uno strato protettivo.
"Uhm, va bene. Onestamente me ne ero dimenticato." dissi con un'alzata di spalle.
Posò l'utensile da cucina che aveva usato e si avvicinò a me.
Lo guardai stancamente, incapace di capire se le sue azioni fossero minacciose. Fece un sorriso rassicurante e mi sollevò delicatamente il mento con un dito per guardare il taglio.
"Ho provato a curarti... con la magia, intendo, ma per qualche motivo non ha funzionato." Allontanò la mano dal mio viso e mi guardò con gli occhi pieni di curiosità.
Io, incapace di incontrare il suo sguardo, fissai un punto lontano sul tavolo e mi limitai ad alzare le spalle.
"Perché non potevo curarti?" Mi chiese mentre passava delicatamente un dito lungo il lato del mio viso.
"Non so." Mormorai e inclinai la testa per evitare il tocco della sua mano.
Sembrava semplicemente pensieroso mentre mi lanciava un'ultima lunga occhiata, poi si voltava e tornava a cucinare.


Sono entrato nella stanza in cui Raizo mi aveva originariamente ospitato verso l'una e un quarto del mattino, dopo aver mangiato un buon pasto in cui Raizo si è limitato a guardarmi per tutto il tempo.
Sbadigliando e incapace di tenere gli occhi aperti crollai sul letto guardando il soffitto. Il mondo sembrava girare e mi sono addormentato...

Ero in un vicolo rannicchiato sotto una coperta di giornale. Adesso ero più grande, avevo circa sei o sette anni.
I miei vestiti erano logori e sporchi, i capelli sparsi qua e là.
Un ragazzo, il ragazzo che mi ha salvato quando sono morti i miei genitori, Saxon mi si è avvicinato, ha tirato via il giornale e mi ha afferrato per il braccio facendomi alzare in piedi.
"Andiamo, è ora." disse Saxon con un ringhio.
Ho iniziato a piangere, le lacrime scorrevano attraverso la terra sul mio viso e lasciavano piccole tracce. "Perché fratello? Perché!" Ho pianto lottando per allontanarmi da lui.
"Te l'ho detto che non sono tuo fratello!" Ringhiò buttandomi fuori dal vicolo solo per farmi raccogliere da un uomo anziano con la pelle scura, uno schiavista.
L'uomo più anziano mi ha gettato sul retro di un carro costruito come una gabbia con altri bambini di tutte le età mentre un altro uomo ha consegnato a Saxon un sacchetto di monete.
Ho scosso le sbarre piangendo istericamente. "Perché?! Cosa ho fatto di sbagliato! Per favore! Perché?!"
Saxon alzò lo sguardo dalle monete. Proprio verso di me e la tristezza gli attraversò il viso. "Mi dispiace..." disse e poi il mondo si oscurò e un freddo pungente mi circondò.


Mi sono svegliato di soprassalto sdraiato sulla schiena guardando il soffitto, senza coperte a coprirmi.
Sassone... Il nome mi riecheggiava in mente. Mi ha salvato solo per vendermi come schiavo quando diventavo troppo difficile da nutrire. Ora ovviamente ho capito. I tempi erano stati disperati. Doveva farlo, altrimenti saremmo morti entrambi.
I miei pensieri furono interrotti da un forte ululato proveniente dall'esterno della finestra.
Ho guardato oltre, una debole luce inondava le tende e mi sono reso conto che avevo molto freddo.
Ho alzato i piedi dal letto e sono andato alla finestra aprendo le tende per vedere un'orrenda tempesta di neve che infuriava fuori e il mio cuore è sprofondato.
Non potevo assolutamente andarmene ed entrare in quello.
Eppure... una parte di me era contenta che fosse così. E non ero sicuro del perché.

Percorrevo i corridoi tremando mentre il vento ululava fuori.
Mi sentivo solo e avevo freddo.
Mentre i miei piedi nudi percorrevano il corridoio cominciai a preoccuparmi.
E se Raizo se ne fosse andato?
Le mie preoccupazioni furono presto messe a tacere quando mi imbattei in una porta da cui usciva luce.
Sospirai di sollievo e misi la mano sulla porta, esitando prima di aprirla.
Quando la porta fu aperta mi sentii come se l'estate mi avesse improvvisamente travolto.
Adesso mi trovavo in uno stabilimento balneare meravigliosamente illuminato e piacevolmente caldo.
Un paio di monaci vagavano spostando asciugamani e cose del genere.
Mi sono avvicinato a uno chiudendo cautamente la porta dietro di me.
"Ummmm, scusa, hai visto Raizo?"
Il monaco annuì e indicò una specie di stallo su cui era tirata una tenda.
"Grazie." dissi educatamente e mi avvicinai.
Non ero sicuro del motivo per cui lo stavo cercando, davvero. Immagino che semplicemente non volessi restare solo.
Presi fiato, scostando la tenda ed entrando.
"Rai...oh." Ho iniziato a pronunciare il suo nome poi mi sono fermato mentre osservavo lo spettacolo davanti a me.
C'era una vasca idromassaggio dal design elegante incassata nel pavimento e Raizo stava lì accanto con solo un asciugamano intorno alla vita.
"Mi dispiace molto, non intendevo irrompere in questo modo, farò solo uh..." Avevo girato rapidamente la testa verso il muro, con la faccia arrossata e diventando rossa.
Raizo fu colto leggermente alla sprovvista ma ridacchiò. "Va tutto bene, Gemelli." E detto questo si voltò verso la vasca e lasciò cadere l'asciugamano mentre vi entrava. "Sentiti libero di unirti a me se vuoi."
Fissavo il soffitto cercando intensamente le parole. "No, voglio dire... non voglio disturbare..."
Mi interruppe alzando la mano. "Non mi stai disturbando, mi farebbe piacere avere compagnia. A patto che non ti senti a disagio."
Lo guardai per un secondo. La sua schiena era rivolta verso di me ed era completamente immerso nell'acqua, a parte il petto e il resto della parte superiore del corpo.
"Non sono a disagio." dissi incerto, con la faccia rossa come una barbabietola. Fortunatamente non poteva vederlo.
"Bene, allora per favore, assolutamente." Disse indicando l'acqua.
Borbottando tra me e me mi sono tolta la maglietta e i jeans lasciandomi in reggiseno e biancheria intima poi con cautela mi sono avvicinata al bordo della vasca.
Ha girato la testa per guardarmi. Potevo vedere che mi stava osservando nel modo in cui un predatore potrebbe osservare la sua preda.
Ho cercato di non guardarlo e mi sono tuffato in acqua immergendomi per nascondere il mio corpo.
Quando ho rialzato la testa in superficie non mi stava più guardando ma aveva gli occhi chiusi e la testa inclinata all'indietro godendosi l'acqua.
Rimasi dov'ero e lo guardai a lungo finché non mi resi conto che lo stavo fissando ancora una volta, così distolsi lo sguardo nuotando verso il bordo della vasca idromassaggio dove c'era un sedile incorporato.
Restammo a lungo seduti in silenzio prima che parlasse.
"Perché sei così stanco di me?" Chiese piano e riaprì gli occhi per guardarmi.
"Non devi aver paura, non ti farò del male, lo sai."
Lo guardai incontrando il suo sguardo. Quando i nostri occhi si incontrarono sentii qualcosa agitarsi dentro di me. Una strana sensazione di fluttuazione che non avevo mai provato prima. Mi fece arrossire e distolsi lo sguardo imbarazzato e borbottando. "Non ho paura di te Raizo."
"Anche se sono un dio? E un vampiro?"
Esitai, era strano pensare a lui come a qualcuno così potente come ovviamente era. Strano pensare che qualcuno così potente come lui fosse in mia presenza.
"Sai..." dissi alla fine. "Non mi hai mai detto di cosa eri un dio."
Ora toccava a lui esitare, con la fronte aggrottata nei pensieri.
"Beh, vedi, sono il dio dell'amore e del piacere."
Mi guardò per vedere la mia reazione come se fosse incerto.
Onestamente non ero sorpreso dal modo in cui si comportava e parlava.
Se fosse stato il dio di qualcos'altro, sarei rimasto sorpreso.
"Interessante." Ho detto semplicemente.
Inclinò nuovamente la testa distogliendo lo sguardo da me.
"Sei molto diverso...non capisco. Di solito posso..." Si fermò e increspò le labbra.
"Di solito puoi cosa?" chiesi rilassandomi un po'. Adesso sembrava più informale. Adesso che sembrava incerto.
"Di solito è facile... beh sedurre le donne, con l'uso della persuasione magica e ad essere sincero l'ho provato innumerevoli volte su di te ma niente." Disse con un sospiro guardandomi con aria di scusa.
Sono rimasto un po' sorpreso da questa affermazione, ma ho sospirato e sono sprofondato più in profondità nell'acqua, in modo che solo la mia testa spuntasse fuori dall'acqua.
"Sono immune alla magia...qualsiasi forma." dissi con tono triste.
"Sto ascoltando." Disse incrociando le braccia al petto.
Lo guardai e poi alzai le spalle. "Mio...fratello mi ha venduto come schiavo quando avevo cinque anni, dopo la morte dei miei genitori. Sono stato comprato ad un'asta dal maestro del tempio del Clan del Sangue perché poteva percepire la mia abilità...il mio sangue è molto prezioso e ha molte proprietà diverse. Così mi ha tenuto per prosciugarmi... per vendere il mio sangue."
È caduta una lacrima singolare e l'ho asciugata velocemente.
"Mio fratello mi ha salvato ma...è morto nel processo."
Raizo mi guardò con uno sguardo serio ma anche gentile. "Sei al sicuro con me." Egli ha detto. "Se sceglierai di restare."
Annuii lentamente mantenendo lo sguardo sull'acqua.
Lui sorrise e prima che me ne rendessi conto era al mio fianco e mi avvolgeva le braccia intorno alla vita.
Tutto il mio viso è diventato rosso quando mi sono ricordato che lui era completamente nudo e io ero solo in biancheria intima e reggiseno.
"Um...Raizo, cosa stai facendo?"
"Ti conforto." Rispose con una risatina quasi infantile mentre mi avvicinava in modo che il mio corpo fosse premuto contro il suo, con la testa appoggiata sopra la mia.
"Ma Raizo tu sei..."
"Io cosa? Nudo? Non devi essere timido con me Gemelli."
La mia faccia è diventata più rossa a quella dichiarazione, mi sentivo come se potessi bruciare.
"Si ma..."
Raizo mi interruppe staccandosi leggermente e mettendomi un dito sulle labbra dicendo sottovoce: "Shh, senza parole tesoro mio."
Lo guardai sbalordito e sentendomi più piccolo e più imbarazzato di quanto mi fossi mai sentito in vita mia. Quindi mi sono limitato ad annuire.
Poi si avvicinò, prendendomi il viso a coppa e avvicinando le sue labbra alle mie, mi trascinò in un bacio profondo.
Non so quanto è durato il bacio, minuti? Ore? Anni? Sembrava un'eternità.
Un dolce per sempre.
Un per sempre in cui avrei voluto restare, lì con lui.
Ma alla fine il bacio finì e lui lasciò andare il mio viso, allontanandosi da me e facendo scivolare di nuovo le mani intorno alla mia vita.
"Vieni nella mia stanza con me." Mi sussurrò facendo scivolare le mani ancora più in basso per prendermi il sedere.
A questo tremai. Piccoli brividi felici che mi correvano lungo la schiena e si muovevano attraverso di me.
Annuii lentamente sostenendo il suo sguardo lottando contro l'impulso di mordermi il labbro.
Non appena ho annuito mi ha sollevato per il sedere e istintivamente gli ho avvolto le braccia attorno al collo e le gambe attorno alla sua vita.
Potevo sentire la sua crescente erezione premere contro il mio inguine e provocarmi brividi ancora più piacevoli.
Ha emesso un ringhio giocoso e ha iniziato a piantarmi piccoli baci sul collo e sul petto mentre il mondo si confondeva intorno a me e all'improvviso ero con Raizo in una stanza grande e sorprendentemente bella.
"Che cosa?" Mi guardai intorno confuso e Raizo rise.
"Mi spiace, ho dovuto usare il teletrasporto. Non volevo più aspettare." disse Raizo, poi mi leccò il collo a lungo e lentamente fino alle labbra, che poi tracciò con la lingua.
"Oh, capisco." Ridacchiai mentre mi leccava le labbra.
Ha colto l'occasione mentre stavo parlando per infilare delicatamente la sua lingua nella mia bocca baciandomi profondamente.
Lo tenni stretto stringendogli forte la nuca non volendo che finisse.
Sentii le sue labbra curvarsi in un sorriso proprio prima che allontanasse il suo viso dal mio e mi gettasse dolcemente di nuovo sul letto mentre lui stava ai piedi del letto.
Rimasi lì mentre brividi più piacevoli mi attraversavano.
Mi studiò per un po' inclinando la testa poi mi sorrise maliziosamente schioccando le dita.
Quando lo fece, all'improvviso la mia biancheria intima e il mio reggiseno svanirono e all'improvviso ero completamente nudo davanti a lui.
"Oh Dio." - gemette leccandosi le labbra.
Arrossii pesantemente. Essere studiato nel modo in cui lui mi studiava mentre giacevo lì era più che elettrizzante e a questo punto ero molto, molto eccitato.
"Scommetto che non hai mai succhiato il cazzo di un dio prima." Disse con un sorriso timido.
"N-no." Balbettai guardando il suo pene ormai completamente eretto ma cercando di non fissarlo.
"Beh...puoi se vuoi." Disse quasi timidamente, continuando a guardarmi intensamente. Prendendo in considerazione ogni dettaglio.
Annuii e mi misi a sedere, spostandomi verso il bordo del letto di fronte a lui.
Il suo pene era proprio di fronte a me e io, non avendolo mai fatto prima, non ero esattamente sicuro di cosa fare.
Ho guardato in alto, verso di lui e non verso il mio labbro. "Non l'ho mai fatto prima..." dissi preoccupato di come avrebbe potuto rispondere.
"Hmm, va bene, continua a guardarmi dritto negli occhi e mettiti quel cazzo in bocca." Disse guardandomi con una fame disperata negli occhi.
Ho annuito di nuovo e ho fatto come aveva detto, guardandolo tutto il tempo, ho avvolto le mie labbra intorno alla testa e l'ho preso in bocca a poco a poco finché non ne potevo più.
Al primo tocco della mia bocca attorno al suo cazzo, emise un piccolo gemito apparentemente molto divertente per il tocco delle mie labbra.
Non passò molto tempo prima che succhiassi e leccassi su e giù la sua asta come un professionista. Stuzzicarlo e dargli piacere.
"Scommetto che sei così bagnato." Lui gemette afferrandomi la nuca e spingendo una parte del suo cazzo nella mia bocca.
Tutto quello che potevo fare era gemere in risposta, la mia bocca era così piena del suo cazzo.
Lasciò andare la mia testa e io feci scivolare via la mia bocca da lui.
"Mettiti a quattro zampe." Disse quasi esigente ma con una punta di supplica. "Ho bisogno di te adesso."
"Sì Raizo." dissi mordendomi il labbro, girandomi e mettendomi a quattro zampe.
Si è arrampicato sul letto dietro di me e senza preavviso mi ha dato una forte pacca sul sedere facendomi guaire un po' e poi ridacchiare.
"So che lo vuoi." Disse con un ringhio afferrandomi per i fianchi e posizionando il suo cazzo all'ingresso della mia figa bagnata.
Annuii vigorosamente continuando a mordermi il labbro. "Sì, lo voglio così tanto."
"Bene, ecco qua." Mi afferrò i fianchi tirandomi indietro verso di lui e allo stesso tempo si spinse in avanti facendolo sbattere contro di me con forza.
Ho lanciato un piccolo grido mentre la forza mi rompeva l'imene.
"Oh mio Dio, sei stretto." Gemette iniziando a muoversi dentro e fuori lentamente da me.
All'inizio era un po' doloroso, ma diventò sempre meno man mano che entrava e usciva da me con un ritmo costante.
Mi leccò lentamente la schiena iniziando ad aumentare il ritmo.
La mia umidità gocciolava lungo le mie cosce ricoprendo il suo cazzo mentre gemeva.
I miei piccoli pianti e piagnucolii si trasformarono presto in gemiti di piacere mentre mi scopava.
Potevo sentirlo entrare più in profondità dentro di me ad ogni colpo e ha iniziato ad andare più forte. E più difficile. Fino a quando non mi ha picchiato così forte da farmi rimbalzare il seno sotto e gemevo più forte, implorandolo di farmi venire.
Un paio di volte mi ha dato una pacca sul culo mentre mi scopava. Assicurandomi di andare forte e profondo dentro di me.
"Cazzo, sto per venire." Lui gemette e sentii la sua presa stringersi sui miei fianchi.
"Oh Dio, sì Raizo, vienimi dentro." Per metà gemevo e per metà ansimavo.
Si abbassò e mise la mano sul mio clitoride, massaggiandolo forte.
L'azione mi ha mandato oltre il limite, mandandomi dentro una ragazza elettrica. Facendomi piangere mentre un'ondata di immenso piacere mi attraversava facendomi sobbalzare i fianchi e facendomi gocciolare ancora più umidità calda lungo le cosce.
Raizo gemette, il mio orgasmo scatenò il suo e improvvisamente sentii il suo sperma caldo e caldo riempirmi, mescolandosi con il mio.
Rallentò le sue spinte fino a fermarsi. Sparando fino all'ultimo pezzetto di sperma che aveva da offrire nel profondo di me.
"Oh mio Dio, è stato fantastico." Gemetti ora sentendomi pronto a crollare.
Raizo ridacchiò leggermente, uscendo lentamente da me.
"Sei così bagnato." Disse accarezzandomi le cosce con il cazzo ancora eretto. "Sdraiati sulla schiena così posso pulirti."
"Mmm." Gemetti e obbedii con gioia, rotolando sulla schiena e allargando le gambe.
Ha subito messo la testa tra le mie gambe e ha iniziato a leccare e succhiare la sua e io sono venuto nella mia figa.
Ridacchiai, ogni leccata mi trasmetteva ondate di piacere.
Ben presto finì, leccando fino all'ultimo pezzo, e scivolò verso l'alto sdraiandosi sopra di me e accarezzandomi il seno guardandomi con sincerità prima di baciarmi il collo e sussurrarmi all'orecchio: "Mi farai l'onore di diventare la mia regina?"
Un sorriso si insinuò sul mio viso e io sussurrai dolcemente.
"Sì, sarò la tua regina."

Storie simili

Stefano

Ho incontrato Stephanie in un club un paio di anni fa. Stavamo entrambi sbavando per lo stesso ragazzo sexy che sapevamo di non avere davvero alcuna possibilità. Dopo che Mr. Hot Guy se n'è andato abbiamo iniziato a parlare, a spettegolare davvero, della ragazza con cui se n'era andato. Si è piuttosto ubriacata. Non so perché, ma per qualche motivo mi sarei sentito malissimo se l'avessi lasciata al club, avrebbe potuto guidare da sola a casa- l'ultima cosa che volevo era leggere di un guidatore ubriaco che colpisce un albero e uccide lei stessa nell'edizione mattutina del giornale. Invece l'ho fatta...

879 I più visti

Likes 0

...

395 I più visti

Likes 0

L'autista(#4)......Tina e quei pazzi clienti

L'autista…. Tina e quei pazzi clienti Scritto da: PABLO DIABLO Diritto d'autore 2018 CAPITOLO 1 Quando io e Tina lasciammo l'ufficio mano nella mano, sorrisi. Sapevo di essere in una posizione molto più forte prendendomi cura del signor e della signora Jaxson. Erano persone meravigliose. A questo punto, stavo ricapitolando, nella mia testa, cosa mi è successo da quando sono entrato a far parte della Happy, Happee Limo Company: • Ho fatto sesso con Sasha, il mio capo, Tina, la sua assistente, Paula, una collega nella sala telefonica, e Jill, la migliore autista dell'azienda. • Ho ricevuto una mancia di $...

956 I più visti

Likes 0

Venditore ambulante e cameriera del motel.

Sono un venditore ambulante e sono stato in viaggio lontano da mia moglie e tre figli adolescenti per una settimana senza molto successo. L’economia fa sì che molti dei miei clienti facciano marcia indietro negli acquisti su cui normalmente posso contare. Di solito trascorrevo circa una settimana in viaggio e il resto del mese in ufficio a fissare appuntamenti e gestire le vendite. Quel giorno pensavo di aver fatto una vendita di $ 50.000 a un'azienda con cui lavoravo da sei anni. All'ultimo minuto mi hanno detto che non avrebbero effettuato l'ordine. Ero schiacciato e arrabbiato, arrabbiato con l'azienda, arrabbiato con...

732 I più visti

Likes 0

Volare alto_(0)

Gli altoparlanti nella sala partenze gracchiarono seguiti dal consueto “Ping pong” e una voce automatizzata annunciò che il volo per Sydney era ormai in fase di imbarco. “Ci siamo” pensò Rosa. Si chinò, infilò l'iPad nel borsone e chiuse la cerniera. Poi si alzò e si unì alla coda al gate d'imbarco. Si ritrovò in piedi dietro un uomo alto con spalle larghe e fianchi sottili. Non poté fare a meno di abbassare lo sguardo e fu ricompensata dalla vista di pantaloni attillati che incorniciavano le natiche tornite. Lei continuò a guardare mentre la coda avanzava strascicando i piedi e lui...

598 I più visti

Likes 0

La mia fidanzata e la guardia del corpo nera - Parti 04 - 05

Parte 4 Ok, questo aggiornamento è piuttosto lungo e non entrerà in azione fino al prossimo aggiornamento. Venerdì torno al lavoro in studio presto, preparandomi per la sessione e ripercorrendo gli eventi della settimana nella mia testa. Avevo scoperto che la mia fidanzata aveva mandato messaggi alla guardia del corpo nera alta 6'6 pollici che aveva incontrato mentre veniva a trovarmi al lavoro. La mia fidanzata è naturalmente socievole e civettuola, quindi questa non è stata quasi una sorpresa. Ciò che mi preoccupava era che i suoi messaggi venivano sempre cancellati quando controllavo il suo telefono il giorno dopo. La volta...

417 I più visti

Likes 0

3alcune fantasie

Incontriamo un'altra donna in un bar per un paio di drink, indossa un vestitino e si vede che non ha la biancheria intima sotto, io indosso una gonna molto corta, top scollato e calze. Dopo un paio di drink torniamo tutti nella camera d'albergo che abbiamo prenotato, fermandoci lungo la strada per prendere altri drink. Mentre versi da bere io e lei ci sistemiamo di nuovo sul letto e iniziamo a baciarci, prendendoci il nostro tempo perché sappiamo che stai guardando. Comincia a muoversi lungo il mio corpo, iniziando con il baciarmi il collo, le mie mani sulle sue tette, a...

1.4K I più visti

Likes 0

Ragazze di softball parte 2

Il sabato successivo si era svegliato presto per andare al lavoro e aveva una pausa pranzo di 2 ore (aveva beccato la sua cagna sposata di un capo a fare sesso con il box boy), e quando arrivò a casa sua c'erano due macchine il suo vialetto. Erano Laura e Jessi; erano qui per la loro abbronzatura quotidiana, perché si abbronzassero sempre a casa mia non ne sono sicuro, deve essere il facile accesso che le persone hanno alla piscina. Mark rimase a guardare attraverso la finestra della cucina quei due abbronzati, accanto alla sua sexy sorella. No, è sbagliato, si...

1.2K I più visti

Likes 0

Oh papà tutte e tre le parti!

Oh papà, parte 1, La mia lettera a papà A volte il dolore dei miei problemi di salute sconvolge la mia routine; tuttavia, non lascio che regni tutta la mia giornata. Come oggi, mi alzo troppo presto ma solo perché ieri ho fatto un pisolino. Non provo alcun dolore, sono solo arrapato da morire, e me ne sto seduto qui nudo a masturbarmi. Vedi, sono un po' esibizionista e mi piace giocare con me stesso, fantasticando sul mio nuovo amante John. Vorrei che stesse infilando il dito indice in profondità nella mia fica fradicia. Adoro il modo in cui mi fa...

965 I più visti

Likes 0

Un ragazzo e il suo...? 37 Sheeka

Jake stava ancora tenendo Akeesha ciascuno dei suoi Jinn riuniti attorno a entrambi. Nella stanza non si udiva altro che il suono di grandi pianti e singhiozzi. Ci fu un'altra enorme ondata di energia quando apparvero sia Nyrae che Inger. Inger volò verso Akeesha, le lacrime cominciarono a scendere dai suoi occhi. Perché? Perché sta morendo? Se muore, Padron Jake, ti prometto che ti farò soffrire! Inger stava ringhiando a Jake. Morirò presto in un modo o nell'altro Inger. Il legame che ho con i miei Jinn mi ucciderà quando lei morirà. Ho paura che ucciderà anche loro. Vorrei solo che...

651 I più visti

Likes 0

Ricerche popolari

Share
Report

Report this video here.